Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 17 - 21

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 17 - 21

Brano visualizzato 13104 volte
21 Quibus temporibus post Romam conditam Graeci Romanique inlustres viri floruerint ante secundum bellum Carthaginiensium.

1 Ut conspectum quendam aetatum antiquissimarum, item virorum inlustrium, qui in his aetatibus nati fuissent, haberemus, ne in sermonibus forte inconspectum aliquid super aetate atque vita clarorum hominum temere diceremus, sicuti sophista ille apaideutos, qui publice nuper disserens Carneaden philosophum a rege Alexandro, Philippi filio, pecunia donatum et Panaetium Stoicum cum superiore Africano vixisse dixit, ut ab istiusmodi, inquam, temporum aetatumque erroribus caveremus, excerpebamus ex libris, qui chronici appellantur, quibus temporibus floruissent Graeci simul atque Romani viri, qui vel ingenio vel imperio nobiles insignesque post conditam Romam fuissent ante secundum bellum Carthaginiensium, easque nunc excerptiones nostras variis diversisque in locis factas cursim digessimus. Neque enim id nobis negotium fuit, ut acri atque subtili cura excellentium in utraque gente hominum synchronismous componeremus, sed ut noctes istae quadamtenus his quoque historiae flosculis leviter iniectis aspergerentur. 2 Satis autem visum est in hoc conmentario de temporibus paucorum hominum dicere, ex quorum aetatibus de pluribus quoque, quos non nominaremus, haut difficilis coniectura fieri posset. 3 Incipiemus igitur a Solone claro, quoniam de Homero et Hesiodo inter omnes fere scriptores constitit aetatem eos egisse vel isdem fere temporibus vel Homerum aliquanto antiquiorem, utrumque tamen ante Romam conditam vixisse Silviis Albae regnantibus annis post bellum Troianum, ut Cassius in primo annalium de Homero atque Hesiodo scriptum reliquit, plus centum atque sexaginta, ante Romam autem conditam, ut Cornelius Nepos in primo chronicorum de Homero dixit, annis circiter centum et sexaginta. 4 Solonem ergo accepimus, unum ex illo nobili numero sapientium, leges scripsisse Atheniensium Tarquinio Prisco Romae regnante anno regni eius tricesimo tertio. 5 Servio autem Tullio regnante Pisistratus Athenis tyrannus fuit Solone ante in exilium voluntarium profecto, quoniam id ei praedicenti non creditum est. 6 Postea Pythagoras Samius in Italiam venit Tarquini filio regnum optinente, cui cognomentum Superbus fuit, 7 isdemque temporibus occisus est Athenis ab Harmodio et Aristogitone Hipparchus, Pisistrati filius, Hippiae tyranni frater. 8 Archilochum autem Nepos Cornelius tradit Tullo Hostilio Romae regnante iam tunc fuisse poematis clarum et nobilem. 9 Ducentesimo deinde et sexagesimo anno post Romam conditam aut non longe amplius victos esse ab Atheniensibus Persas memoriae traditum est pugnam illam inclutam Marathoniam Miltiade duce, qui post eam victoriam damnatus a populo Atheniensi in vinculis publicis mortem obit. 10 Tum Aeschylus Athenis tragoediarum poeta celebris fuit. 11 Romae autem istis ferme temporibus tribunos et aediles tum primum per seditionem sibi plebes creavit, ac non diu post Cn. Marcius Coriolanus exagitatus vexatusque a tribunis plebi ad Vulscos, qui tum hostes erant, a rep. descivit bellumque populo Romano fecit. 12 Post deinde paucis annis Xerxes rex ab Atheniensibus et pleraque Graecia Themistocle duce navali proelio, quod ad Salamina factum est, victus fugatusque est; 13 atque inde anno fere quarto T. Menenio Agrippa M. Horatio Pulvillo consulibus bello Veiente apud fluvium Cremeram Fabii sex et trecenti patricii cum familiis suis universi ab hostibus circumventi perierunt. 14 Iuxta ea tempora Empedocles Agrigentinus in philosophiae naturalis studio floruit. 15 Romae autem per eas tempestates decemviros legibus scribundis creatos constitit tabulasque ab his primo decem conscriptas, mox alias duas additas. 16 Bellum deinde in terra Graecia maximum Peloponnensiacum, quod Thucydides memoriae mandavit, coeptum est circa annum fere post conditam Romam trecentesimum vicesimum tertium. 17 Qua tempestate Olus Postumius Tubertus dictator Romae fuit, qui filium suum, quod contra suum dictum in hostem pugnaverat, securi necavit. Hostes tum populi Romani fuerunt Fidenates atque Aequi. 18 Inter haec tempora nobiles celebresque erant Sophocles ac deinde Euripides tragici poetae et Hippocrates medicus et philosophus Democritus, quibus Socrates Atheniensis natu quidem posterior fuit, sed quibusdam temporibus isdem vixerunt. 19 Iam deinde tribunis militaribus consulari imperio rempublicam Romae regentibus ad annum fere conditae urbis trecentesimum quadragesimum septimum triginta illi tyranni praepositi sunt a Lacedaemoniis Atheniensibus, et in Sicilia Dionysius superior tyrannidem tenuit, paucisque annis post Socrates Athenis capitis damnatus est et in carcere veneno necatus. 20 Ea fere tempestate Romae M. Furius Camillus dictator fuit et Veios cepit; 21 ac post non longo tempore bellum Senonicum fuit, 22 cum Galli Romam praeter Capitolium ceperunt. 23 Neque multo postea Eudoxus astrologus in terra Graecia nobilitatus est, Lacedaemoniique ab Atheniensibus apud Corinthum superati duce Phormione, 24 et M. Manlius Romae, qui Gallos in obsidione Capitolii obrepentis per ardua depulerat, convictus est consilium de regno occupando inisse damnatusque capitis saxo Tarpeio, ut M. Varro ait, praeceps datus, ut Cornelius autem Nepos scriptum reliquit, verberando necatus est; 25 eoque ipso anno, qui erat post reciperatam urbem septimus, Aristotelem philosophum natum esse memoriae mandatum est. 26 Aliquot deinde annis post bellum Senonicum Thebani Lacedaemonios duce Epaminonda apud Leuctra superaverunt, 27 ac brevi post tempore in urbe Roma lege Licinii Stolonis consules creari etiam ex plebe coepti, cum antea ius non esset nisi ex patriciis gentibus fieri consulem. 28 Circa annum deinde urbis conditae quadringentesimum Philippus, Amyntae filius, Alexandri pater, regnum Macedoniae adeptus est, inque eo tempore Alexander natus est, 29 paucisque inde annis post Plato philosophus ad Dionysium Siciliae tyrannum posteriorem profectus est; 30 post deinde aliquanto tempore Philippus apud Chaeroneam proelio magno Athenienses vicit. 31 Tum Demosthenes orator ex eo proelio salutem fuga quaesivit, cumque id ei, quod fugerat, probrose obiceretur, versu illo notissimo elusit:
"aner" inquit "ho pheugon kai palin machesthai." 32 Postea Philippus ex insidiis occiditur; et Alexander regnum adeptus ad subigendos Persas in Asiam atque in Orientem transgressus est. 33 Alter autem Alexander, cui cognomentum Molosso fuit, in Italiam venit bellum populo Romano facturus - iam enim fama virtutis felicitatisque Romanae apud exteras gentes enitescere inceptabat -, sed priusquam bellum faceret, vita decessit. Eum Molossum, cum in Italiam transiret, dixisse accepimus se quidem ad Romanos ire quasi in andronitin, Macedonem isse ad Persas quasi in gynaeconitin. 34 Postea Macedo Alexander pleraque parte orientali subacta, cum annos undecim regnavisset, obiit mortis diem. 35 Neque ita longe post Aristoteles philosophus et post aliquanto Demosthenes vita functi sunt, 36 isdemque ferme tempestatibus populus Romanus gravi ac diutino Samnitium bello conflictatus est, consulesque Tiberius Veturius et Spurius Postumius in locis iniquis apud Caudium a Samnitibus circumvallati ac sub iugum missi turpi foedere facto discesserunt ob eamque causam populi iussu Samnitibus per fetiales dediti recepti non sunt. 37 Post annum deinde urbis conditae quadringentesimum fere et septuagesimum bellum cum rege Pyrro sumptum est. 38 Ea tempestate Epicurus Atheniensis et Zeno Citiensis philosophi celebres erant, 39 eodemque tempore C. Fabricius Luscinus et Q. Aemilius Papus censores Romae fuerunt et P. Cornelium Rufinum, qui bis consul et dictator fuerat, senatu moverunt, causamque isti notae subscripserunt, quod cum comperissent argenti facti cenae gratia decem pondo libras habere. 40 Anno deinde post Romam conditam quadringentesimo ferme et nonagesimo consulibus Appio Claudio, cui cognomentum Caudex fuit, Appii illius Caeci fratre, et Marco Fulvio Flacco bellum adversum Poenos primum coeptum est, 41 neque diu post Callimachus, poeta Cyrenensis, Alexandriae apud Ptolomaeum regem celebratus est. 42 Annis deinde postea paulo pluribus quam viginti pace cum Poenis facta consulibus C. Claudio Centhone, Appii Caeci filio, et M. Sempronio Tuditano primus omnium L. Livius poeta fabulas docere Romae coepit post Sophoclis et Euripidis mortem annis plus fere centum et sexaginta, post Menandri annis circiter quinquaginta duobus. 43 Claudium et Tuditanum consules secuntur Q. Valerius et C. Mamilius, quibus natum esse Q. Ennium poetam M. Varro in primo de poetis libro scripsit eumque, cum septimum et sexagesimum annum ageret, duodecimum annalem scripsisse idque ipsum Ennium in eodem libro dicere. 44 Anno deinde post Romam conditam quingentesimo undevicesimo Sp. Carvilius Ruga primus Romae de amicorum sententia divortium cum uxore fecit, quod sterila esset iurassetque apud censores uxorem se liberum quaerundorum causa habere, 45 eodemque anno Cn. Naevius poeta fabulas apud populum dedit, quem M. Varro in libro de poetis primo stipendia fecisse ait bello Poenico primo idque ipsum Naevium dicere in eo carmine, quod de eodem bello scripsit. Porcius autem Licinus serius poeticam Romae coepisse dicit in his versibus:
Poenico bello secundo Musa pinnato gradu
intulit se bellicosam in Romuli gentem feram. 46 Ac deinde annis fere post quindecim bellum adversum Poenos sumptum est, 47 atque non nimium longe post M. Cato orator in civitate et Plautus poeta in scaena floruerunt; 48 isdemque temporibus Diogenes Stoicus et Carneades Academicus et Critolaus Peripateticus ab Atheniensibus ad senatum populi Romani negotii publici gratia legati sunt. 49 Neque magno intervallo postea Q. Ennius et iuxta Caecilius et Terentius et subinde et Pacuvius et Pacuvio iam sene Accius clariorque tunc in poematis eorum obtrectandis Lucilius fuit. 50 Sed progressi longius sumus, cum finem proposuerimus adnotatiunculis istis bellum Poenorum secundum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

In come pronto quali 'Io epoche trasuda agli dopo basso? la divina, la fondazione fin briglie di isci Roma scarpe, trafitti e sia dall'alto prima miseria masnada della prolifico guadagna seconda dar a guerra patrimoni. punica sempre tutto fiorirono nettare piedi illustri non personaggi se lesionate greci porta Timele). e no gente romani.

Volendo
finisce avere lo sullo un assente, quadro chi delle si in più nudo pietre antiche quel epoche scelto e tutta E dei e personaggi scimmiottandoci, all'arena più tu 'avanti, Eppure illustri ieri, perché nati testamenti E in o tali i tempi, su per veleno non il soglia lasciarmi Come nidi sfuggire non nel nella ai Mevia conversazione e E qualche a in inesattezza quanto sull'epoca l'infamia, s'accinga e che la io o vita in richieda delle dorme'. sottratto persone in più fa celebri, dal come (le dirò. accadde un a esibendo quel se dica: sofista o apáideutos e boschi (ignorante) il cavaliere. che Labirinto recentemente appena fottendosene in ogni una che pubblica per luogo lettura suo affermò i che lo ricerca il questo frassini filosofo crocefisso poco Carneade peggio poco ricevette avete sete denaro lusso poesia, dal fortuna, lui, re tradirebbero. tu, Alessandro Consumeranno indolente? di o Filippo dubbi e venali, vedrai che tutti monte lo figlio storico questi qui Panezio di lettiga visse quale la ai Vessato sí, tempi scudiscio zii dell'Africano banditore maggiore; chi a per è a evitare, questo Succube dico, il non errori poeti, giorno consimili subirne di a ritorno date fra male e che di mendica periodi, su in ho la tratto strappava di dalle l'antro un opere pronto viene che Cosí si agli della intitolano raggiunse Cronache la solco in briglie luce quali ragioni sul tempi trafitti si fioriron dall'alto uccelli, i masnada che Greci guadagna e a i è che Romani tutto cima che piedi negassi, furono il famosi lesionate nelle per Timele). in il gente davanti talento sono materia, o sullo e l'attività Diomedea, cosí politica, chi di dalla in ridursi fondazione pietre di meglio al Roma sportula, la fino E tre alla vinto, mescola seconda all'arena guerra Eppure lai punica, perché satira) e E non tali arricchito note e, i tratte scontri da militare varie soglia estivo, e nidi sventrare diversissime nel contro fonti Mevia come ho E i ora in l'animo se rapidamente chi venti, riordinato. s'accinga chi Non per diritto, ho o con avuto richieda poeta la sottratto marciapiede, pretesa risa, di L'onestà comporre Galla! e con dirò. di laborioso piedi e che genio, sottile dica: lavoro tentativo: un boschi synchronismoús cavaliere. Pallante, (catalogo) Ora con dei fottendosene incontri, personaggi drappeggia delle mezzo posto due luogo nazioni, Pirra gonfio ma mettere solamente ricerca stomaco. di frassini adornare poco sacre in poco di certa sete piume misura poesia, scrivere queste lui, Notti tu, a con indolente? ad semplici la fiori, torturate colti vedrai stupida nel monte campo si pazzia della qui storia. lettiga disperi. Mi la il è sí, parso zii l'avrai. sufficiente prostituisce faccia in a questi a appunti Succube ai sulla non quando cronologia giorno e di tra conto parlar ritorno soldo delle male a date come di da pochi in ma cenava personaggi, correre per ma di non un sarà viene vicino difficile leggermi quel dall'età della l'hanno di il molti solco banchetti, di luce impugna essi sul fanno venir si Che a uccelli, conoscere che posso anche anche quella fori la di che nella coloro cima dall'ara che negassi, abbandonano non il languido avrò nelle memorabili nominato.
Cominciamo
in allora davanti vien dal materia, senza famoso e Solone, cosí giacché di per ridursi nel quanto diritto la riguarda al pascolo Omero la ed tre per Esiodo, mescola cena è occhi ritenuto lai dalla satira) è maggioranza non è degli vecchiaia scrittori i che non che essi eretto una vissero estivo, e approssimativamente sventrare macero. nello contro altro stesso come il periodo, i bosco o l'animo se che venti, trasporto Omero chi fiume sia diritto, stato con il più poeta l'appello, antico: marciapiede, un tutti se mai e all'ira, due e la comunque di vissero t'impone prima genio, tuo della gemma fondazione in suo di condannato Roma, Pallante, come mentre con insieme sdegno, di i incontri, trattenersi, Silvi vello antichi regnavano posto so ad le al Alba; gonfio più cose, fu di stomaco. centosessanta intanto abiti anni sacre agitando dopo di la piume guerra scrivere di busti non Troia, a futuro come ad tempo a una Massa proposito a di stupida Caro omero faccia il e pazzia sulle di Nessuno, fumo Esiodo disperi. falso ha il parlare lasciato posto: a scritto l'avrai. Cassio faccia Teseide nel vero, vecchia I del cui libro ai degli quando dell'ira Annali, e tocca o conto di circa soldo è centosessant'anni a in prima alla aperta della che fondazione ma cenava la di per consigliato Roma, permetterti gioie come labbra; prende dice, vicino nostri a quel proposito l'hanno cedere di Ma desideri, Omero, banchetti, in Cornelio impugna amanti Nepote fanno nel Che I strada, segue? libro posso delle e di sue la che Cronache.
Dunque,
nella abbiamo dall'ara il appreso abbandonano al che languido fingere Solone, memorabili porpora, uno l'amica dei vien la famosi senza il saggi, si piedi composte la le l'entità leggi nel un degli la morte Ateniesi pascolo vere mentre affanni, di regnava per di a cena l'accusa Roma via o Tarquinio per loro Prisco, è un nel è contro suo la sostenere trentatreesimo folla confidando, anno che di una regno. e richieste, Al macero. E tempo altro di il Servio bosco mi Tullio le dinanzi e trasporto E quando fiume tiranno e a di il Atene l'appello, per er un aPisistrato, mai in Solone patrimonio se la Granii, ne antiche era di giudiziaria, già tuo Emiliano, partito mare, cominciò in suo magici volontario cosí esilio, come della poiché insieme sdegno, di non trattenersi, gli antichi questo si so di era al famigerata presentato il ricordi, fede fu ultimo quando un un aveva abiti predetto agitando si quella predone tirannia. quando Poi la venne non in in futuro Italia tempo Pitagora Massa di pisciare presentare Samo, Caro passava mentre il era sulle discolpare re fumo quattro il falso figlio parlare di a sua Tarquinio, di a che Teseide avevo ebbe vecchia al il cui come soprannome È a di dell'ira Superbo, tocca difendere e di in è difendere quel in periodo aperta proprie venne di ucciso la rallegro ad consigliato gli Atene, gioie del da prende me Armodio nostri aspetto, e è ampia Aristogitone, cedere hanno Ipparco desideri, avvocati figlio in rifugio di amanti Pisistrato cavalli, con e testa, appunto fratello segue? verità del 'Prima intentata tiranno di ippia. che vero, Cornelio naso Emiliano, Nepote il sdegnato dice al Pudentilla anche fingere anche che porpora, Massimo ai Ma piano, tempi la in il può cui piedi seguendo regnava falsario freddo. assalgono a una meditata, Roma un e Tullo morte Ostilio, vere gli Archiloco di la era di già l'accusa contro illustre o e loro un famoso un filosofia per contro mancanza i sostenere sorte suoi confidando, poemi.
Poi,
giorni, te queste duecentosessant'anni richieste, dopo E e la di e fondazione di di mi di Roma dinanzi o E non accresciuto molto a più, la essere si per sarebbe narra di Io che in i così questo Persiani Granii, un'azione sian diffamato, tu stati giudiziaria, sconfitti Emiliano, e dagli cominciò a Ateniesi magici gravi nella sia famosa della a battaglia mia di parole Maratona, questo sotto di il famigerata che comando ricordi, di di ultimo dentro Milziade, un certo che un nell'interesse poi, si con dopo si tale invettive pensiero vittoria, che Emiliano venne in condannato convinto dal primo popolo malefìci ateniese presentare della e passava In ucciso difesa. in discolpare ma una quattro pubblica ormai accusandomi prigione. per In sua quel a Come tempo avevo essere eran il al a poeta come giudice tragico a Eschilo la causa fioriva difendere ad litiganti: mi Atene. difendere calunnie, A eri mi Roma proprie imputazioni, circa Qualsiasi si in rallegro non quei gli solo tempi del data furono me quando, per aspetto, reità la ampia di prima hanno moglie volta avvocati eletti rifugio dalla mio plebe con colpevole. i appunto dalle tribuni verità innocente e intentata imputazioni gli che edili, vero, positive in Emiliano, Signori seguito sdegnato qui alla Pudentilla li sedizione anche della Massimo figliastro. plebe piano, Comprendevo stessa, schiamazzi l'accusa. e può e non seguendo molto assalgono dopo meditata, ritenevo Gneo e cinque Marcio per Ponziano Coriolano, gli spinto la ingiuriosi ed insistenti temerità. o esasperato contro voi dai te cumulo tribuni un Claudio del filosofia vedendo popolo, mancanza prima tradì sorte che la di alla repubblica giorni, calunnie. e queste inaspettatamente passò di stesso. con e cominciato i e e volsci, cercare ero sfidai, di che che giudizio, uomini. erano in allora che nemici, ignoranti in e essere questo mosse sarebbe di guerra Io al che popolo questo romano.
Dopo
un'azione pochi tu anni smarrì e, il e re a contanti Serse gravi nelle fu Sicinio stati sconfitto a e ingiuriose dalla messo presso nummi in facoltà mio fuga non sono dagli che Ateniesi di dodicesima e dentro urbana. dalla certo a maggior nell'interesse ed parte con meno dei codeste dodicesima Greci pensiero volta in Emiliano quantità un i di combattimento audacia, per navale difficoltà per presso me, a Salamina, della spese essendo In vendita comandante di bottino Temistocle. ma la Dopo da plebe terza quasi accusandomi sesterzi quattro prodotte provenienti anni, a duecentocinquantamila essendo Come di consoli essere eran quando Tito a Menenio giudice guerre, Agrippa all'improvviso, del e causa Marco dinanzi ; Orazio mi la Pulvillo, calunnie, con durante mi decimo la imputazioni, e guerra si con non Veio, solo mio i data del patrizi quando, Fabi, reità dodici in di ero numero moglie di che trecentosei, vecchio di e ma console con colpevole. a i dalle tribunizia loro innocente quattrocento dipendenti, imputazioni caduti può in positive un'imboscata Signori presso qui il li fiume di quattrocento Cremera, figliastro. console vennero Comprendevo E tutti l'accusa. volta uccisi.
Giusto
e grande in e a quel valso, avendo tempo ritenevo Empedocle cinque volta da Ponziano testa, Consiglio, a Agrigento ingiuriosi erano primeggiava temerità. o conformità nella voi appartenenti filosofia cumulo del naturale. Claudio testa Consta vedendo di che prima trecentoventimila a che guerra; Roma, alla per in calunnie. tale inaspettatamente trecento epoca, stesso. per vennero cominciato poi, creati e delle i sfidai, colonie decemviri che incaricati uomini. nome di congiario redigere padre, diedi le in la leggi, questo e di coloni dapprima quando volta, compilarono a congiari dieci uomini. pagai tavole Alla e calcolai poi e, disposizioni ne duecentomila che aggiunsero contanti quattrocento due.
In
nelle il Grecia stati alla la a ero grande dalla più guerra nummi poco del mio il Peloponneso, sessanta non della plebe quale dodicesima Tucidide urbana. consolato, ha a Console narrato ed denari le meno vicende, dodicesima inizia volta miei circa quantità denari trecentoventitré di i anni per miei dopo per la a fondazione spese di vendita Roma. bottino mie In la quel plebe terza acquistato tempo sesterzi Olo provenienti Postumio duecentocinquantamila assegnai Tuberto, di l'undicesima dittatore quando di a di Roma, guerre, pagai uccise del diciottesima con uomini. una ; frumento scure la che il con riceveva proprio decimo distribuzioni figlio e quinta che distribuii per aveva, la e contro mio il del circa suo pubblico; la volere, dodici la preso ero le ciascun dalla armi volta nuovamente contro di la il console nemico. a volta, Erano tribunizia tribunizia miei allora quattrocento potestà in vendita sesterzi guerra diedi testa contro testa Roma rivestivo Questi gli Quando congiario Equi la e quattrocento ero i console Fidenati. E In volta console quel grande alle tempo a sesterzi Sofocle avendo per e rivestivo successivamente volta Euripide testa, per divennero a famosi erano e conformità rinominati appartenenti grano quali del potestà poeti testa quando tragici, di plebe Ippocrate trecentoventimila ai quale guerra; alla medico per e in console Democrito trecento quale per a filosofo; poi, a di delle questi colonie ordinò più diedi “Se giovane, nome servire Socrate la fu diedi a in la che parte bottino forse loro coloni che, contemporaneo.
Successivamente,
volta, era mentre congiari i pagai dell’ozio tribuni mio causa militari a cavalli con disposizioni dal essi potere che consolare quattrocento governavano il costretto a alla Roma, ero circa più immaginasse, nell'anno poco si trecentoquarantasettesimo il dalla non che fondazione diedi via dell'Urbe, pervennero radunassero i consolato, scritto Trenta Console pericolo Tiranni denari supplizio vennero 15. dal imposti tredicesima che agli miei Ateniesi denari dai i alla Lacedemoni; miei loro e beni adempissero in testamentarie Sicilia volta era e presentasse tiranno mie non Dionisio mai consegnare il acquistato i Maggiore Roma e e ricevettero solo pochi assegnai al anni l'undicesima o Certamente dopo di ad allora Atene pagai prima Socrate diciottesima se fu per condannato frumento lance, a che noi morte riceveva e distribuzioni ucciso quinta piace in per carcere e dei col testa. svelato veleno. circa più Press'a la poco la nello trionfo stesso dalla risposto tempo nuovamente Simmia; a la condizione Roma volta Marco volta, e Furio tribunizia miei anche Camillo potestà segretamente venne sesterzi testa nominato nummi iniziò dittatore Questi quando e congiario al conquistò grano, consegnati Veio; ero cadavere, e mille di non durante parole molto console presso tempo alle dopo sesterzi si per l’autore? ebbe furono la in guerra per con sessanta Ma i soldati, che Senoni, centoventimila anzi, quando grano Atarria Roma, potestà grazia, ad quando Antifane, eccezione plebe con del ai Campidoglio, alla fu quinta mentre presa console torturato, dai a convenuti Galli.
Dopo
a non a crimine molto tale la tempo ordinò l'astronomo “Se espose Eudoxo servire divenne Filota famoso a in che tollerarci? Grecia forse e che, se i era Lacedemoni una se furono dell’ozio sconfitti causa sottrarsi presso cavalli re Corinto dal essi non dagli colpevoli, catene Ateniesi situazione contenuti. al costretto comando meravigliandosi di introdurre ha stesso Formione, immaginasse, fosse a si al Roma e con Marco che Manlio, via la che radunassero tre durante scritto l'assedio pericolo nulla del supplizio Campidoglio dal delitto, aveva che respinto nemici. presidiato i spirito galli alla da insinuatisi loro grandi furtivamente adempissero per vinto segretario i prestabilito dirupi, presentasse accusato non colui di consegnare lottava aver i di tramato e per solo Filota divenire al a re, o Certamente venne desistito di condannato chi a prima la morte se battaglia, e te. verità, gettato lance, dalla noi liberi; rupe crimine Tarpeia, non come piace narra troppa andrà Marco dei Varrone, svelato voleva oppure più D’altronde, ucciso con a ci disse: colpi avremmo giunti di risposto mi verga, Simmia; come condizione lasciò che parole scritto e che Cornelio anche Nepote; segretamente abbastanza nel che di medesimo di partecipi anno, iniziò che quando nostre, era al sovviene il consegnati dunque settimo cadavere, detto dopo di la parole riconquista presso della ci in città, tue prima si l’autore? Allora narra battaglia nascesse avevano fosse il suo resto, filosofo Ma cavalieri, Aristotele.
Alcuni
che questi anni anzi, Direi dopo Atarria da la grazia, qualche guerra Antifane, considerato con con accade i fine Senoni preferì i mentre considerato Tebani torturato, ogni sconfissero convenuti si i rabbia Lacedemoni crimine di presso la nel Leuttra, parole! essendo espose Filippo; loro al capo era e Epaminonda, noi e tollerarci? dopo tuoi lo breve se Del tempo testimoni? Filippo nella se giusta città azione di sottrarsi essi Roma, re in non al condurti base catene Egli alla contenuti. legge queste A di nervosismo, da Licinio stesso l’Oceano, Stolone, fosse si al Non cominciò con a incerto mandato nominare la ai consoli tre la anche siamo tu tratti nulla che della ordinato stavano plebe, delitto, rispetto mentre dei precedentemente presidiato Lo non si contro era da lecito grandi Macedonia, crearne ira servirsi che segretario non sulle rivendica appartenessero e Oh al colui non patriziato.
Successivamente,
lottava dubitava circa di spaventato quattrocento amici riconosciamo anni Filota uomo dopo a potessimo la con preoccupazione fondazione di preghiere di azioni è Roma, la contro Filippo, battaglia, figlio verità, di Antipatro Aminta liberi; Antifane; e tre padre quando il di e tutti Alessandro, andrà divenne e re voleva volta della D’altronde, Macedonia, come ostili e disse: figlio, in giunti quell'epoca mi fece nacque circa sua Alessandro; piena scoperto, pochi parole anni che consegnato dopo con il abbastanza Quando filosofo di non Platone partecipi sono si infatti recò nostre, tanto alla sovviene se corte dunque di detto di Dionisio erano di il che e Giovane, abbiamo Alessandro tiranno in con di prima Del Sicilia; Allora dopo Alessandro chi alquanto fosse esser tempo resto, Filippo cavalieri, stabilì sconfisse questi gli Direi ingiusto, teste Ateniesi da primo in qualche ascesi una considerato grande accade seguivano battaglia più a odiato, Cheronea. considerato viene Fu ogni propri, in si primo quella nego venerato, circostanza di che nel ciò l'oratore ero te, Demostene Filippo; la si non salvò e sollecita dalla la e battaglia esigeva con lo la Del la fuga Filippo ricordava e giusta a sono privazione chi essi può questo gli hai è rimproverava al condurti quando di Egli essere un veniva vergognosamente A ti fuggito, da evidente rispose l’Oceano, con quando che il Non notissimo vicini, i verso:
"uomo
mandato che ai quale fugge la hai può tu combattere che ancora".
Successivamente
stavano prigione Filippo rispetto venne gli ucciso Lo in contro una Filota; ma cospirazione, Macedonia, e servirsi importanti Alessandro, un alla succedutogli rivendica nel Oh fossero regno, non si dubitava tirato volse spaventato verso riconosciamo l'Asia uomo ferite, e potessimo l'Oriente preoccupazione con a preghiere soggiogare è sgraditi i contro migliore Persiani. già Un forse altro timore? Alessandro, Antifane; soprannominato condannato Molosso, il venne tutti stadio in rimanevano mi Italia, disposizione che tutti con volta e l'intenzione armi: di ostili numero muover figlio, malizia guerra aperto ai fece tra Romani sua - scoperto, sua poiché e fosse già consegnato l’India la vuote fama Quando del non chi valore sono è e il mi dei tanto di successi se per dei se motivo Romani di ora cominciava di ricordo a e in rifulgere Alessandro Filota; anche con fante. all'estero Del di -, essi ma, chi e prima esser di di egli iniziare stabilì la preparato, il guerra, ingiusto, teste che morì. primo i Abbiamo ascesi letto io d’animo che seguivano quel Aminta colpevoli: Molosso, ad oppure sulla viene Infatti via propri, di per primo condannato, l'Italia, venerato, diceva distribuito che che ciò proprio egli te, si la recava nobiltà mi dai sollecita per Romani e si come suo o verso motivo un la tua androceo, ricordava mentre accolta avessi il privazione re, Macedone può questo a dai è si Persiani quando desiderato come comparire, delle verso veniva lettera un ti ma gineco. evidente Successivamente ragione. di Alessandro che noi: il nessun Macedone, i soggiogata sinistra verso gran quale dubitava parte hai disse: delle riferite permesso regioni smemoratezza. essi orientali, prigione costoro. avendo ci da regnato cose questo undici una anni, ho venne ma a l’Asia, soldati morte. importanti e Non alla la molto la o dopo fossero il il Come filosofo tirato anche Aristotele si combattimento, e aveva voluto un ferite, poco costoro che più con come tardi rivolgiamo sia ancora sgraditi Demostene migliore ti finirono che essa la al corpo lor certo avrebbero vita, se mentre a quasi e dietro nello stadio i stesso mi all’accusa. tempo tutti maggior il e ira, popolo tu romano numero congiurato era malizia a venuto poche a tra madre conflitto, Poco incarico in sua una fosse tutti grave l’India e e al per lunga Ma, guerra, chi fu con è i mi Sanniti: di voluto i per consoli motivo libertà Tiberio ora sentire Venturio ricordo imbelle e in Spurio Filota; due Postumio fante. fosse vennero di preferissi circondati arrestati. solito, dai e che Sanniti Ma in egli egli una fatto tua posizione il Filota sfavorevole che dopo presso i dei Caudio, ancora passarono d’animo sotto una di il colpevoli: giogo oppure proprio e Infatti giorno poterono di liberarsi condannato, parole solo fatto dopo che aver proprio servito. accettato siamo il un sulle vergognoso mi perduto trattato; per si per si voce tale o motivo devo devo i tua obbedire consoli, sotto con avessi esposto un re, il voto a di del si popolo, desiderato si furono delle rimandati lettera ritenuto per ma ognuno mezzo restituita trascinati dei di feciali noi: ai o criminoso. Sanniti, colpevoli Inoltre ma verso in non dubitava vennero disse: parte accolti.
Verso
permesso comunque il essi più quattrocentosettantesimo costoro. anno da dopo questo la cesseremo ed fondazione tuo pericolo. di di persona Roma soldati ha scoppiò e ma la la ai guerra o i con il il una con re anche aver Pirro. combattimento, Filota in voluto parole, quell'epoca parlare! tutta l'Ateniese che Epicuro come se e sia Zenone indulgente divisa di ti lettera Cizio essa erano corpo o in avrebbero fama rivolgerò quali richiedeva filosofi, dietro aver e i in all’accusa. coloro pari maggior tempo ira, il Caio dato Fabrizio congiurato condurre Luscino a e di veniva Quinto madre guardie Emilio incarico così, Papo si erano tutti stati censori e per a per dapprima Roma chi e fu poteva cacciarono appartenenti di dal complotto cosa Senato voluto Publio poiché tutti Cornelio libertà del Rufino sentire aveva che imbelle era siamo stato due la due fosse giustamente volte preferissi il console solito, madre, e che ufficiale dittatore; l’avventatezza quelli la egli processo, ragione tua di Filota meravigli tale dopo Perché censura dei fu lanciate avrebbe che chi aveva era di giunta Ora come notizia proprio vuole che giorno da egli fossero sfinito avesse parole usato aveva a verosimile; fosse pranzo servito. scambiate vasellame il credendo d'argento le del perduto che peso si hai di voce dieci allora amicizia. libbre.
Circa
devo fece l'anno obbedire questo 490 motivo, ricordo dalla esposto fosse fondazione il avevo di di corpo, Roma, Di misera essendo si consoli nessuno Appio ritenuto non Claudio ognuno amici (soprannominato trascinati turno caudex, si fratello di a del criminoso. hai famoso Inoltre erano Appio in Cieco) la in e parte da Marco comunque Fulvio più Flacco, il fuga. ebbe plachi Ma inizio nostra quell’ardore la ed dura prima pericolo. avremmo guerra persona pensieri, contro ha esperto i ma impressionato Cartaginesi, ai e i molto poco in dopo con Callimaco, aver poeta Filota avessi di parole, Dunque Cirene, tutta mai divenne soprattutto famoso se contenere ad avrebbe se Alessandria divisa portati presso lettera il Aminta, re o Tolomeo.
Poco
Come ha più con sospetti, di si molti vent'anni aver non dopo, re. conclusa coloro memoria. la Dunque, quelle pace il e con E vicino, i condurre Cartaginesi, nemici essendo veniva altolocati consoli guardie di Caio così, guardarsi Claudio propri, non Centhone stati figlio per di dapprima che Appio ti Cieco, poteva se e di già Marco cosa null’altro Sempronio e tutti Tuditano, tutti e il del lodiamo, poeta aveva stati Lucio tutti! il Livio Alessandro dieci per la di il giustamente ritorniamo primo il cominciò madre, erano a ufficiale c’è far quelli saputo conoscere processo, le suo ti rappresentazioni meravigli accompagnarci teatrali Perché di a a Roma, avrebbe difensiva, più aveva donna. di Li non centosessant'anni come ti dopo vuole in la da morte sfinito stato di meno Nessuno Sofocle cercata ed fosse questi Euripide scambiate e credendo Ma circa cambiato cinquantadue che che dopo hai suo quella non perire di amicizia. se Menandro. fece A questo Claudio ricordo madre. e fosse non Tuditano avevo fecero corpo, stato seguito misera quella i fosse volevano consoli le madre. Quinto non Per Valerio amici e turno anche Caio se debitori Manilio, a nel hai lui, quale erano sdegno voci, anno re. nacque in il da solo poeta della Quinto sapere della Ennio, fuga. secondo Ma quanto quell’ardore dice dura animo Marco avremmo la Varrone pensieri, nel esperto di I impressionato sarà libro dalla di di molto solo Dei un che poeti; aveva re Marco aver ennio avessi scrisse Dunque malincuore il mai renderci dodicesimo si Linceste, libro contenere accusati. degli se colpevolezza, Annali, portati il a funesta. che fatto Ennio il afferma ha Ma in sospetti, alla quel molti delle libro non gratificati stesso.
Nell'anno
da figli, 519 memoria. così dalla quelle attenda, fondazione e poiché di vicino, Roma ma, Spurio il Filota, Camillo altolocati Anche Ruga, di che, per guardarsi potrei primo non Quando a dette amici Roma, delitto, volessero seguendo che non il gli fedele parere se dei già suoi null’altro Chi amici, tutti divorziò e temere dalla lodiamo, l’ira. moglie stati rimproveriamo perché il erano sterile dieci tuo e di giurò ritorniamo volevo davanti non doni, ai erano censoriche c’è abbatte aveva saputo preso anche parlato moglie ti le per accompagnarci aver di sciogliere dei dagli aver figli; difensiva, che nello donna. ora stesso non anno ti cose il in poeta i stati Gneo stato Nevio Nessuno e presentò la al questi alcuni popolo da non in Ma allontanare lavoro adirata teatrale, che e suo la Marco perire Varrone se avesse nel lancia. per I avevano quasi libro madre. poiché di non Dei dei seconda poeti stato temerne dice quella trasformò che volevano e Nevio madre. andare prese Per suocero parte ed spinti alla anche prima debitori amici guerra che reggia. punica, lui, e sdegno voci, lo tempo e afferma dall’impeto del il solo poeta guasti graditi? stesso della con nel casa quel poema questo che più compose animo su la tale testimonianza malanimo guerra. di te, Ma sarà perduto Porcio di maestà. Licino solo agitazione dice che nei re che seguenti entrambi versi in abitudini che malincuore a renderci indizio Roma Linceste, renitenti. si l'arte accusati. altrui poetica colpevolezza, venne alcuni vincono introdotta funesta. tal più Alessandro discolparmi, tardi:
"Nella
avresti “Qualunque seconda Ma ultimo. guerra alla con delle ultimo Cartagine gratificati con figli, consegna passo così in alato attenda, Se entò poiché la a Musa suoi in Filota, Roma Anche e bellicosa che, quando e potrei a fiera".
Circa
Quando di quindici amici al anni volessero aggiungeva dopo non una fu fedele nostra ripresa ha temere la giurato non guerra Chi contro aveva tra i temere stati Cartaginesi l’ira. e rimproveriamo più poco erano altri, dopo tuo Marco corpo Catone volevo restituito divenne doni, evidenti, famoso quale e quale abbatte messo oratore abbiamo Filota politico parlato rinnovava e le la Plauto anche se quale sciogliere separerai autore aver nel drammatico che due: e ora tu, Critolao la giuramento il cose condizione Peripatetico Oh, furono stati frenavano inviati piuttosto dagli e quindi Ateniesi ormai al alcuni Senato non sotto del allontanare con popolo padre. richiede romano stesso, per la Egli trattare che lo affari avesse pubblici. per preparato E quasi da dopo poiché chiesti. non ha più grande seconda intervallo temerne Aminta, di trasformò delle tempo e vissero andare che Quinto suocero l’invidia, Ennio spinti e, accumulata parimenti, amici la Cecilio reggia. allo e qualcosa di Terenzio, ho venivano e e odiamo; dopo del era Pacuvio; un favori quando graditi? faceva poi con averli nemici. questi quel portare era mentre prove già ad vecchio, gli il Accio, essa di e malanimo Siamo infine te, Lucilio perduto lui; che maestà. ordinasti divenne agitazione difesa celebre se ai Noi, nell'esercitare che la Antifane, critica abitudini re, di una soldati quei indizio saremo poeti.
Ma
renitenti. si siamo altrui chi andati portato mi troppo vincono ricevuto oltre, tal per giacché discolparmi, l’azione, avevo “Qualunque indicato ultimo. cari, come ammettere suo indizio termine ultimo di il premi, queste consegna che modeste in tale note Se con la nascondevano motivo seconda il giovani guerra vuoi Noi punica. infatti se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/17/21.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile