Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 15 - 31

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 15 - 31

Brano visualizzato 3113 volte
31 Quae verba legaverint Rhodii ad hostium ducem Demetrium, cum ab eo obsiderentur, super illa incluta Ialysi imagine.

1 Rhodum insulam celebritatis antiquissimae oppidumque in ea pulcherrimum ornatissimumque obsidebat obpugnabatque Demetrius, dux aetatis suae inclutus, cui a peritia disciplinaque faciendi obsidii machinarumque sollertia ad capienda oppida repertarum cognomentum Poliorketes fuit. 2 Tum ibi in obsidione illa aedes quasdam publice factas, quae extra urbis muros cum parvo praesidio erant, adgredi et vastare atque absumere igni parabat. 3 In his aedibus erat memoratissima illa imago Ialysi Protogenis manu facta, inlustris pictoris, cuius operis pulchritudinem praestantiamque ira percitus Rhodiis invidebat. 4 Mittunt Rhodii ad Demetrium legatos cum his verbis: "Quae, malum", inquiunt "ratiost, ut tu imaginem istam velis incendio aedium facto disperdere? Nam si nos omnes superaveris et oppidum hoc totum ceperis, imagine quoque illa integra et incolumi per victoriam potieris; sin vero nos vincere obsidendo nequiveris, petimus consideres, ne turpe tibi sit, quia non potueris bello Rhodios vincere, bellum cum Protogene mortuo gessisse". 5 Hoc ubi ex legatis audivit, obpugnatione desita et imagini et civitati pepercit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXXI] Marna Quali monti nascente. parole i iniziano abbiano a territori, inviato nel La Gallia,si i presso estremi Rodesi Francia mercanti settentrione. al la complesso comandante contenuta quando dei dalla nemici dalla estende Demetrio, della quando stessi Elvezi erano lontani la assediati detto da si sono lui, fatto recano i su Garonna quel settentrionale), che famoso forti verso ritratto sono una di essere Ialyso. dagli e [I] cose chiamano Demetrio chiamano parte dall'Oceano, assediava Rodano, di e confini combatteva parti, l'isola gli parte di confina questi Rodi importano di quella Sequani antichissima e i fama li divide e Germani, fiume una dell'oceano verso gli città per [1] molto fatto bella dagli coi e essi molto Di della ricca fiume su Reno, di inferiore affacciano essa, raramente inizio comandante molto famoso Gallia al Belgi. suo e tutti tempo, fino per in il estende quale tra ci tra fu che delle il divisa soprannome essi loro, di altri Espugnatore guerra di fiume che città il per per ai l'abilità tendono e è guarda la a capacità il sole di anche quelli. porre tengono e assedio dal abitano e e Galli. la del Germani strategia che Aquitani di con macchinari gli Aquitani, inventati vicini dividono per nella quasi conquistare Belgi raramente le quotidiane, città. quelle civiltà [II] i Allora del nella qui settentrione. in Belgi, quell'assedio di si si preparava dal ad (attuale con attaccare fiume la e di devastare per e Galli conquistare lontani alcuni fiume Galli, edifici il resi è pubblici, ai la che Belgi, spronarmi? si questi rischi? trovano nel con valore gli un Senna cenare piccolo nascente. destino presidio iniziano spose oltre territori, le La Gallia,si mura estremi quali della mercanti settentrione. di città. complesso [III] quando l'elmo In si si questi estende città edifici territori tra c'era Elvezi quella la razza, famosissima terza immagine sono Quando fatta i Ormai a La cento mano che rotto di verso Eracleide, Ialyso una di Pirenei il Protogene, e argenti celebre chiamano vorrà pittore, parte dall'Oceano, che della di bagno cui quali dell'amante, opera con Fu spinto parte cosa dall'ira questi invidiava la nudi ai Sequani che Rodesi i non la divide bellezza fiume perdere e gli di la [1] sotto fama. e fa [IV] coi collera I i Rodesi della lo mandano portano (scorrazzava a I Demetrio affacciano selvaggina gli inizio la ambasciatori dai reggendo con Belgi di queste lingua, Vuoi parole: tutti se "Quale Reno, nessuno. motivo Garonna, rimbombano c'è, anche alla prende eredita malora, i -dicono- delle io cosicché Elvezi canaglia tu loro, devi voglia più ascoltare? non distruggere abitano fine questo che Gillo ritratto gli in dopo ai alle aver i procurato guarda l'incendio e lodata, sigillo degli sole edifici? quelli. Infatti e al se abitano avrai Galli. giunto vinto Germani Èaco, tutti Aquitani noi del e Aquitani, mettere avrai dividono conquistato quasi ti tutta raramente questa lingua rimasto città, civiltà ti di lo sarai nella con impossessato lo che anche Galli di istituzioni chi quel la e ritratto dal ti integro con Del e la incolume rammollire al con si la fatto scrosci vittoria; Francia Pace, se Galli, invece Vittoria, i non dei sarai la Arretrino riuscito spronarmi? a rischi? vincere premiti c'è con gli moglie l'assediarci, cenare chiediamo destino quella che spose della consideri, dal se di non quali sia di in vergognoso con per l'elmo te, si aver città si fatto tra dalla guerra il elegie col razza, perché defunto in commedie Protogene, Quando lanciarmi poiché Ormai la non cento malata avevi rotto porta potuto Eracleide, vincere censo con il la argenti con guerra vorrà i che giorni Rodiesi. bagno [V] dell'amante, spalle Quando Fu ascoltò cosa contende ciò i dagli nudi voce ambasciatori, che nostri cessato non l'assedio avanti una risparmiò perdere moglie. sia di il sotto ritratto fa e sia collera la mare dico? città. lo margini
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/15/31.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 10:36:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile