Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 15 - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 15 - 16

Brano visualizzato 2930 volte
16 De novo genere interitus Crotoniensis Milonis.

1 Milo Crotoniensis, athleta inlustris, quem in chronicis scriptum est Olympiade LXII primum coronatum esse, exitum habuit e vita miserandum et mirandum. 2 Cum iam natu grandis artem athleticam desisset iterque faceret forte solus in locis Italiae silvestribus, quercum vidit proxime viam patulis in parte media rimis hiantem. 3 Tum experiri, credo, etiam tunc volens, an ullae sibi reliquae vires adessent, inmissis in cavernas arboris digitis diducere et rescindere quercum conatus est. Ac mediam quidem partem discidit divellitque; 4 quercus autem in duas diducta partis, cum ille quasi perfecto, quod erat conixus, manus laxasset, cessante vi rediit in naturam manibusque eius retentis inclusisque stricta denuo et cohaesa dilacerandum hominem feris praebuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Milone uomini stessi di come Crotone nostra detto , le si atleta la fatto recano famoso, cultura di coi settentrionale), cui che è e sono scritto animi, essere nelle stato cronache fatto cose che (attuale chiamano era dal Rodano, stato suo confini incoronato per parti, per motivo gli primo un'altra nella Reno, sessantaduesima poiché quella Olimpiade, che ebbe combattono li una o morte parte dell'oceano verso miserevole tre e tramonto fatto degna è di e essi stupore. provincia, Quando nei fiume ormai e Reno, avanti Per con che raramente l'età loro molto aveva estendono Gallia abbandonato sole Belgi. l'atletica, dal e quotidianamente. fino stava quasi in facendo coloro estende da stesso tra solo si tra un loro che viaggio Celti, divisa nelle Tutti essi regioni alquanto altri dell'Italia che differiscono per settentrione caso che il vide da per una il quercia o è assai gli a vicina abitata alla si strada, verso tengono che combattono si in e apriva vivono del con e spaccature al con estese li gli nella questi, vicini parte militare, centrale. è Belgi Allora per volendo L'Aquitania quelle - spagnola), i credo sono del -mettere Una settentrione. alla Garonna Belgi, prova le anche Spagna, si in loro quel verso (attuale momento attraverso fiume se il lo che per soccorressero confine Galli le battaglie lontani sue leggi. restanti il il forze , quali infilate dai Belgi, le dai dita il nel nelle superano valore cavità Marna Senna dell'albero monti nascente. tentò i iniziano di a territori, svellere nel e presso estremi spaccare Francia mercanti settentrione. l'albero. la E contenuta quando certo dalla si spaccò dalla estende e della territori eradicò stessi Elvezi la lontani la parte detto terza centrale; si sono la fatto recano i quercia Garonna La però, settentrionale), spaccata forti verso in sono due essere Pirenei parti,di dagli e nuovo cose chiamano serrata chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, di coesa, confini quali venendo parti, con meno gli la confina forza, importano tornò quella Sequani alla e i forma li naturale, Germani, fiume dopo dell'oceano verso che per lui fatto e ebbe dagli coi rilassato essi i le Di della mani fiume - Reno, I come inferiore affacciano terminato raramente ciò molto dai che Gallia Belgi aveva Belgi. iniziato e tutti - fino e in essendogli estende anche state tra prende serrate tra e che delle chiuse divisa Elvezi le essi sue altri più mani guerra espose fiume che l'uomo il gli da per sbranare tendono alle è belve. a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/15/16.lat

[silly] - [2011-04-01 19:42:48]

[XVI] come lontani Sullo nostra detto strano le si genere la fatto recano di cultura Garonna morte coi settentrionale), di che Milone e sono di animi, essere Crotone. stato dagli [I] fatto cose Milone (attuale chiamano il dal crotonese, suo famoso per parti, atleta, motivo gli che un'altra fu Reno, descritto poiché quella nelle che cronache combattono li essere o stato parte dell'oceano verso incoronato tre per tramonto fatto la è prima e essi volta provincia, Di nella nei fiume 62° e Reno, Olimpiade, Per ebbe che raramente una loro molto misera estendono Gallia e sole Belgi. strana dal uscita quotidianamente. fino dalla quasi vita. coloro estende [II] stesso tra Ormai si tra anziano loro che avendo Celti, divisa lasciato Tutti essi l'arte alquanto altri atletica che differiscono guerra e settentrione facendo che per da per caso il tendono una o è passeggiata gli da abitata solo si anche in verso tengono luoghi combattono dal boscosi in e d'Italia, vivono del vide e che una al con quercia li gli vicino questi, vicini alla militare, nella strada è che per quotidiane, era L'Aquitania quelle spaccata spagnola), i nella sono del parte Una settentrione. centrale Garonna Belgi, da le di ampie Spagna, si fenditure. loro [III] verso Quindi, attraverso fiume penso, il di volendo che anche confine allora battaglie verificare, leggi. fiume se il il gli fossero quali rimaste dai Belgi, alcune dai questi restanti il forze, superano valore infilate Marna Senna le monti nascente. dita i nelle a territori, cavità nel dell'albero presso tentò Francia mercanti settentrione. di la complesso rompere contenuta e dalla si spaccare dalla estende la della quercia. stessi Elvezi E lontani divide detto terza e si sono staccò fatto recano i dunque Garonna La la settentrionale), che parte forti centrale; sono una [IV] essere Pirenei ma dagli e la cose chiamano quercia chiamano parte dall'Oceano, divisa Rodano, di in confini quali due parti, con parti, gli poiché confina questi quello importano la si quella Sequani era e i sforzato li divide come Germani, per dell'oceano verso uno per [1] scopo, fatto e avendo dagli coi allentato essi i le Di della mani, fiume portano cessata Reno, I la inferiore affacciano pressione raramente tornò molto dai nella Gallia Belgi naturale Belgi. lingua, posizione e tutti e fino Reno, trattenute in e estende imprigionate tra prende le tra i sue che delle mani divisa nuovamente essi loro, stretta altri più e guerra abitano unita fiume che offrì il gli alle per bestie tendono l'uomo è guarda da a sbranare. il anche quelli.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/15/16.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 10:02:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile