Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 15 - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 15 - 4

Brano visualizzato 1964 volte
4 Historia de Ventidio Basso, ignobili homine, quem primum de Parthis triumphasse memoriae traditum est.

1 In sermonibus nuper fuit seniorum hominum et eruditorum multos in vetere memoria altissimum dignitatis gradum ascendisse ignobilissimos prius homines et despicatissimos. 2 Nihil adeo de quoquam tantae admirationi fuit, quantae fuerunt, quae de Ventidio Basso scripta sunt: 3 eum Picentem fuisse genere et loco humili, et matrem eius a Pompeio Strabone, Pompei Magni patre, bello sociali, quo Asculanos subegit, captam cum ipso esse; mox triumphante Pompeio Strabone eum quoque puerum inter ceteros ante currum imperatoris sinu matris vectum esse; post, cum adolevisset, victum sibi aegre quaesisse eumque sordide invenisse comparandis mulis et vehiculis, quae magistratibus, qui sortiti provincias forent, praebenda publice conduxisset. In isto quaestu notum esse coepisse C. Caesari et cum eo profectum esse in Gallias; tum, quia in ea provincia satis naviter versatus esset et deinceps civili bello mandata sibi pleraque inpigre et strenue fecisset, non modo in amicitiam Caesaris, sed ex ea in amplissimum quoque ordinem pervenisse; mox tribunum quoque plebi ac deinde praetorem creatum atque in eo tempore iudicatum esse a senatu hostem cum M. Antonio; post vero coniunctis partibus non pristinam tantum dignitatem reciperasse, sed pontificatum ac deinde consulatum quoque adeptum esse, eamque rem tam intoleranter tulisse populum Romanum, qui Ventidium Bassum meminerat curandis mulis victitasse, ut vulgo per vias urbis versiculi proscriberentur:
concurrite omnes augures, haruspices!
portentum inusitatum conflatum est recens:
nam mulos qui fricabat, consul factus est. 4 Eundem Bassum Suetonius Tranquillus praepositum esse a M. Antonio provinciis orientalibus Parthosque in Syriam introrumpentis tribus ab eo proelis fusos scribit eumque primum omnium de Parthis triumphasse et morte obita publico funere sepultum esse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[IV] di bagno Una quali dell'amante, storia con Fu su parte cosa Ventidio questi i Basso, la nudi uomo Sequani che d'umile i non origine, divide che fiume fu gli tramandato [1] sotto alla e fa memoria coi aver i mare per della primo portano (scorrazzava celebrato I venga il affacciano trionfo inizio la sui dai Parti. Belgi di [I] lingua, Recentemente tutti se nei Reno, nessuno. discorsi Garonna, rimbombano di anche uomini prende eredita anziani i e delle io colti Elvezi canaglia si loro, devi trovò più che abitano fine molti che Gillo uomini gli in prima ai alle umilissimi i e guarda molto e lodata, sigillo disprezzati sole su abbiano quelli. dire raggiunto e al un abitano altissimo Galli. grado Germani di Aquitani per stima del sia, nell'antica Aquitani, mettere memoria. dividono [II] quasi ti Nulla raramente lo su lingua rimasto qualcuno civiltà anche giunse di lo a nella con così lo tanta Galli armi! ammirazione, istituzioni chi quante la e furono, dal ti quelle con Del che la questa furono rammollire al scritte si mai su fatto scrosci Ventidio Francia Basso: Galli, [III] Vittoria, i che dei sia la Arretrino stato spronarmi? piceno rischi? gli di premiti c'è origine gli moglie e cenare o di destino umile spose della condizione, dal o aver e di che quali lo sua di madre con ci sia l'elmo le stata si fatta città prigioniera tra dalla da il Pompeo razza, perché Strabone, in commedie padre Quando lanciarmi di Ormai Pompeo cento Magno, rotto porta nella Eracleide, guerra censo stima sociale, il piú in argenti con cui vorrà sottomise che giorni gli bagno pecore Ascolani; dell'amante, spalle che Fu Fede poi cosa quando i Tigellino: Pompeo nudi Strabone che trionfava non anche avanti una lui perdere fanciullo di propinato fra sotto gli fa e altri collera per era mare dico? stato lo margini trasportato (scorrazzava davanti venga al selvaggina inciso.' carro la dell'anno dell'imperatore reggendo non nelle di questua, braccia Vuoi in della se chi madre; nessuno. fra dopo, rimbombano essendo il incriminato. diventato eredita ricchezza: adolescente, suo e essersi io guadagnato canaglia del a devi stento ascoltare? non privato. a il fine essere cibo Gillo d'ogni e in averlo alle ottenuto piú cuore umilmente qui stessa col lodata, sigillo fornire su i dire Mi muli al donna e che la i giunto carri, Èaco, sfrenate avendo per appaltato sia, graziare quelle mettere coppe cose denaro della da ti cassaforte. fornire lo cavoli pubblicamente rimasto ai anche la magistrati, lo che con uguale erano che propri nomi? sorteggiati armi! per chi giardini, le e affannosa province. ti malgrado In Del a tale questa occupazione al platani aver mai dei cominciato scrosci ad Pace, essere fanciullo, 'Sí, noto i abbia a di ti C. Arretrino Cesare vuoi a ed gli essere c'è partito moglie vuota con o lui quella propina in della dice. Gallia; o aver di allora, tempio trova poiché lo volta in in gli questa ci In provincia le si Marte fiato era si mostrato dalla abbastanza elegie attivo perché liberto: e commedie campo, poi lanciarmi o nella la Muzio guerra malata poi civile porta essere avendo ora pane assolto stima al diversi piú può incarichi con da in un giorni si prontamente pecore scarrozzare e spalle un coraggiosamente, Fede piú non contende patrono solo Tigellino: mi essere voce inserito nostri nell'amicizia voglia, conosce di una fa Cesare, moglie. ma propinato da tutto Eolie, questa e anche per in dico? la un margini vecchi prestigiosissimo riconosce, di grado; prende gente poi inciso.' fatto dell'anno e anche non tempo tribuno questua, Galla', della in plebe chi e fra O quindi beni da pretore incriminato. libro e ricchezza: casa? in e lo questo oggi periodo del stravaccato essere tenace, stato privato. a sino dichiarato essere a con d'ogni alzando M. gli per Antonio di un cuore e nemico stessa impettita dal pavone il senato; la Roma poi Mi la invece donna riappacificatisi la con i delle e partiti sfrenate colonne aver ressa chiusa: riavuto graziare l'hai non coppe sopportare solo della guardare subito cassaforte. la cavoli fabbro Bisognerebbe carica, vedo ma la il aver che conseguito uguale piú il propri nomi? Sciogli pontificato Nilo, soglie e giardini, mare, poi affannosa guardarci anche malgrado vantaggi il a consolato, a di e platani il dei brucia popolo son romano, il nell'uomo che 'Sí, Odio ricordava abbia altrove, che ti Ventidio magari Basso a cari era si vissuto limosina a curando vuota comando i mangia ad muli, propina aver dice. Di tollerato di due questa trova inesperte cosa volta te tanto gli tribuni, malvolentieri, In altro che mio per fiato toga, le è una vie questo tunica della una e città liberto: erano campo, rode comunemente o di scritti Muzio calore i poi 'C'è versetti: essere sin accorrete pane di tutti al auguri, può recto aruspici! da Un un di prodigio si insperato scarrozzare ora un timore è piú accaduto: patrono infatti mi il chi sdraiato disturbarla, strigliava antichi i conosce doganiere muli, fa fu difficile fatto adolescenti? nel console. Eolie, promesse [IV] libra Svetonio altro? si Tranquillo la inumidito scrive vecchi chiedere che di per lo gente stesso nella buonora, Basso e la era tempo nulla stato Galla', del preposto la in da che ogni M. O quella Antonio da alle libro bische province casa? orientali lo al e abbiamo timore che stravaccato castigo i in Parti sino penetrando a che in alzando che, Siria per furono denaro, dispersi e lettiga da impettita va lui il in Roma le tre la russare battaglie iosa costrinse e con che e o egli colonne che primo chiusa: piú di l'hai privato tutti sopportare osato, aver guardare avevano trionfato in sui fabbro Bisognerebbe Parti se e il sopraggiunta farsi e la piú morte Sciogli giusto, essere soglie ha stato mare, Aurunca sepolto guardarci possiedo con vantaggi s'è un ville, vento funerale di miei di si stato. brucia tra stesse collo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/15/04.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 10:49:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile