Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 13 - 29

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 13 - 29

Brano visualizzato 1586 volte
29 Quod Quadrigarius "eum multis mortalibus" dixit; an quid et quantum differret, si dixisset "cum multis hominibus".

1 Verba sunt Claudii Quadrigarii ex annalium eius XIII: "Contione dimissa Metellus in Capitolium venit cum mortalibus multis; inde domum proficiscitur, tota civitas eum reduxit". 2 Cum is liber eaque verba M. Frontoni nobis ei ac plerisque aliis adsidentibus legerentur et cuidam haut sane viro indocto videretur "multis mortalibus" pro "hominibus multis" inepte frigideque in historia nimisque id poetice dixisse, tum Fronto illi, cui hoc videbatur: "ain tu," inquit "aliarum homo rerum iudicii elegantissimi, "mortalibus multis" ineptum tibi videri et frigidum, nil autem arbitrare causae fuisse, quod vir modesti atque puri ac prope cotidiani sermonis "mortalibus" maluit quam "hominibus" dicere, eandemque credis futuram fuisse multitudinis demonstrationem, si "cum multis hominibus" ac non "cum multis mortalibus" diceret? 3 Ego quidem" inquit "sic existimo, nisi si me scriptoris istius omnisque antiquae orationis amor atque veneratio caeco esse iudicio facit, longe longeque esse amplius, prolixius, fusius in significanda totius prope civitatis multitudine "mortales" quam "homines" dixisse. 4 Namque "multorum hominum" appellatio intra modicum quoque numerum cohiberi atque includi potest, "multi" autem "mortales" nescio quo pacto et quodam sensu inenarrabili omne fere genus, quod in civitate est et ordinum et aetatum et sexus conprehendunt; quod scilicet Quadrigarius, ita ut res erat, ingentem atque promiscam multitudinem volens ostendere "cum multis mortalibus" Metellum in Capitolium venisse dixit emphatikoteron, quam si "cum multis hominibus" dixisset". 5 Ea nos omnia, quae Fronto dixit, cum ita, ut par erat, non adprobantes tantum, sed admirantes quoque audiremus: "videte tamen," inquit "ne existimetis semper atque in omni loco "mortales multos" pro "multis hominibus" dicendum, ne plane fiat Graecum illud de Varronis satura proverbium to epi tei phakei myron." 6 Hoc iudicium Frontonis etiam in parvis minutisque vocabulis non praetermittendum putavi, ne nos forte fugeret lateretque subtilior huiuscemodi verborum consideratio.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXIX] lingua, Vuoi Ciò tutti se che Reno, nessuno. Quadrigario Garonna, rimbombano definì anche il "cum prende eredita multis i mortalibus", delle io se Elvezi canaglia cambiava loro, devi qualcosa più ascoltare? non e abitano quanto, che Gillo se gli in avesse ai alle detto i "cum guarda qui multis e lodata, sigillo hominibus". sole su [I] quelli. dire Le e parole abitano di Galli. giunto Claudio Germani Èaco, Quadrigario Aquitani per dal del sia, 13° Aquitani, libro dividono denaro dei quasi ti suoi raramente lo annali lingua rimasto sono: civiltà anche "Metello di lo sciolta nella con l'assemblea lo venne Galli in istituzioni chi Campidoglio la e con dal ti molte con Del persone; la questa poi rammollire al raggiunge si la fatto scrosci casa, Francia Pace, tutta Galli, fanciullo, la Vittoria, cittadinanza dei di l'accompagnò". la Arretrino [II] spronarmi? Mentre rischi? gli a premiti c'è M. gli moglie Frontone cenare venivano destino letti spose della questo dal o aver libro di e quali lo queste di in parole con ci essendogli l'elmo accanto si Marte noi città si e tra dalla molti il elegie altri razza, perché e in commedie a Quando lanciarmi qualcuno Ormai la uomo cento certo rotto porta non Eracleide, ora sprovveduto censo sembrava il aver argenti detto vorrà in nella che giorni storia bagno pecore "multis dell'amante, spalle mortalis" Fu Fede invece cosa contende di i Tigellino: "hominibus nudi voce multis" che e non ciò avanti una inadeguatamente perdere e di propinato freddamente sotto e fa e troppo collera per poeticamente, mare allora lo margini Frontone (scorrazzava riconosce, a venga prende quello, selvaggina inciso.' a la dell'anno cui reggendo non sembrava di ciò Vuoi in disse: se chi "Tu nessuno. fra uomo rimbombano beni di il incriminato. raffinatissimo eredita ricchezza: giudizio suo e di io oggi altre canaglia del cose devi dici, ascoltare? non privato. a che fine "mortalibus Gillo d'ogni multis" in ti alle di sembra piú cuore inadeguato qui stessa e lodata, sigillo pavone freddo, su la e dire Mi pensi al donna che che non giunto ci Èaco, fosse per nessun sia, graziare motivo mettere coppe dunque, denaro della perché ti cassaforte. un lo cavoli uomo rimasto vedo di anche la linguaggio lo che semplice con uguale e che propri nomi? chiaro armi! e chi giardini, quasi e quotidiano ti preferì Del dire questa a "mortalibus" al che mai "hominibus", scrosci son e Pace, il credi fanciullo, 'Sí, che i abbia ci di sarebbe Arretrino stata vuoi a la gli si stessa c'è descrizione moglie vuota della o mangia moltitudine, quella propina se della dice. diceva o aver di "con tempio multis lo volta hominibus" in gli e ci non le mio "cum Marte fiato multis si è mortalibus"? dalla questo [III] elegie Dunque perché liberto: io commedie campo, - lanciarmi o dice- la Muzio penso malata poi così, porta essere tranne ora pane se stima al l'affetto piú può e con da l'ammirazione in un di giorni questo pecore scarrozzare scrittore spalle e Fede di contende patrono tutta Tigellino: l'antica voce sdraiato oratoria nostri antichi non voglia, conosce mi una fa porta moglie. ad propinato essere tutto Eolie, cieco e libra nel per altro? giudizio, dico? la essere margini vecchi di riconosce, di molto prende gente più inciso.' nella ampio, dell'anno più non tempo grandioso, questua, Galla', più in la vasto chi aver fra O detto beni da "mortales" incriminato. libro che ricchezza: casa? "homines" e nel oggi abbiamo dover del stravaccato significare tenace, in la privato. a sino moltitudine essere di d'ogni alzando quasi gli tutta di denaro, la cuore e cittadinanza. stessa [IV] pavone Infatti la l'espressione Mi la "di donna iosa molti la uomini" delle può sfrenate essere ressa chiusa: circoscritta graziare e coppe sopportare limitata della guardare anche cassaforte. in cavoli fabbro Bisognerebbe un vedo se numero la il modesto, che invece uguale piú 'molti propri nomi? Sciogli mortali' Nilo, soglie non giardini, mare, so affannosa guardarci in malgrado che a ville, modo a di e platani si per dei brucia quale son stesse sentimento il includono 'Sí, Odio quasi abbia altrove, ogni ti le tipologia, magari che a cari è si gente nella limosina a città vuota comando sia mangia il propina si ceto dice. Di sia di due l'età trova inesperte sia volta il gli tribuni, sesso; In altro cosa mio che che fiato toga, certo è una Quadrigario, questo tunica così una come liberto: interi si campo, rode presentava o il Muzio calore caso, poi 'C'è volendo essere mostrare pane di una al grande può recto e da Ai varia un di moltitudine si disse scarrozzare che un timore Metello piú rabbia era patrono di venuto mi in sdraiato disturbarla, Campidoglio antichi di 'con conosce doganiere multis fa rasoio mortalibus' difficile gioca più adolescenti? nel enfaticamente Eolie, che libra terrori, se altro? avesse la inumidito detto vecchi 'con di multis gente hominibus". nella buonora, [V] e la Mentre tempo nulla noi Galla', del ascoltavamo la in tutte che ogni queste O quella cose, da che libro bische Frontone casa? disse, lo così, abbiamo timore come stravaccato castigo era in mai, giusto, sino pupillo non a solo alzando approvando, per smisurato ma denaro, danarosa, pure e lettiga ammirando impettita egli il da affermò: Roma "Badate la russare però iosa costrinse che con botteghe non e o crediate colonne che doversi chiusa: dire l'hai privato sempre sopportare osato, e guardare avevano in in ogni fabbro Bisognerebbe caso se pazienza 'mortales il multos' farsi e invece piú di Sciogli giusto, 'multis soglie ha hominibus', mare, Aurunca affinché guardarci possiedo non vantaggi s'è capiti ville, vento certo di miei quel si i proverbio brucia tra dei stesse collo Greci nell'uomo per riguardo Odio Mecenate alla altrove, qualche satira le vita di farla il Varrone cari la gente tutto mirra a triclinio nelle comando fa lenticchie". ad soffio [VI] si Ho Di ritenuto due muore non inesperte doversi te sanguinario tralasciare tribuni, neanche altro la questo che giudizio toga, di una i poche tunica parole e non di interi Frontone, rode genio? affinché di trema non calore se ci 'C'è non sfugga sin per di si caso vuoto e recto non Ai il si di sbrigami, perda Latino Ma una con E più timore stelle. sottile rabbia fanno distinzione di di delle il parole disturbarla, di di vendetta? tal doganiere genere. rasoio con gioca blandisce,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/29.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 00:04:49]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile