Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 13 - 26

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 13 - 26

Brano visualizzato 935 volte
26 Verba P. Nigidii, quibus dicit in nomine Valeri in casu vocandi primam syllabam acuendam esse; et item alia ex eiusdem verbis ad rectam scripturam pertinentia.

1 P. Nigidii verba sunt ex commentariorum grammaticorum vicesimo quarto, hominis in disciplinis doctrinarum omnium praecellentis: "Deinde" inquit "voculatio qui poterit servari, si non sciemus in nominibus, ut "Valeri", utrum interrogandi an vocandi sint? Nam interrogandi secunda syllaba superiore tonost quam prima, deinde novissima deicitur; at in casu vocandi summo tonost prima, deinde gradatim descendunt". 2 Sic quidem Nigidius dici praecipit. Sed si quis nunc Valerium appellans in casu vocandi secundum id praeceptum Nigidii acuerit primam, non aberit, quin rideatur. 3 "Summum" autem "tonum" prosoidian acutam dicit et, quem accentum nos dicimus, "voculationem" appellat et "casum interrogandi" eum dicit, quem nunc nos genetivum dicimus. 4 Id quoque in eodem libro Nigidiano animadvertimus: "Si "huius"" inquit ""amici" vel "huius magni" scribas, unum "i" facito extremum; sin vero "hi magnei", "hi amicei" casu multitudinis recto, tum ante "i" scribendum erit "e", atque id ipsum facies in similibus". Item: "si "huius terrai" scribas, "i" littera sit extrema, si "huic terrae", per "e" scribendum est". Item: ""mei" qui scribit in casu interrogandi, velut cum dicimus "mei studiosus", per "i" unum scribat, non per "e"; at cum "mihei", tum per "e" et "i" scribendum est, quia dandi casus est". 5 Haec nos auctoritate doctissimi hominis adducti propter eos, qui harum quoque rerum scientiam quaerunt, non praetermittenda existimavimus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXVI] tra i Le che delle parole divisa Elvezi di essi loro, P. altri più Nigidio, guerra abitano con fiume che cui il gli dice per che tendono i nel è nome a e di il Valerio anche quelli. nel tengono e caso dal abitano vocativo e Galli. bisogna del Germani accentare che Aquitani la con del prima gli sillaba; vicini dividono ed nella anche Belgi altre quotidiane, cose quelle civiltà dello i di stesso del nella inerenti settentrione. lo alle Belgi, Galli parole di per si la una corretta (attuale scrittura. fiume la [I] di rammollire Ci per si sono Galli fatto parole lontani Francia di fiume Galli, P. il Vittoria, Nigidio, è dei uomo ai la eccellentissimo Belgi, spronarmi? nelle questi rischi? conoscenze nel di valore gli tutte Senna le nascente. destino discipline, iniziano spose dal territori, 24° La Gallia,si di libro estremi quali dei mercanti settentrione. commentari complesso con grammaticali: quando l'elmo "Poi si si - estende città dice- territori tra che Elvezi accentuazione la razza, potrà terza in essere sono seguita, i Ormai se La cento non che rotto sappiamo verso Eracleide, nei una censo nomi, Pirenei il come e argenti intendano chiamano vorrà "Valerio" parte dall'Oceano, se di bagno interrogativo quali dell'amante, o con vocativo? parte cosa Infatti questi i la la seconda Sequani sillaba i dell'interrogativa divide avanti è fiume perdere di gli di un [1] sotto tono e fa più coi collera alto i mare della della prima, portano (scorrazzava quindi I si affacciano selvaggina abbassa inizio l'ultima; dai ma Belgi di nel lingua, Vuoi caso tutti se del Reno, nessuno. vocativo Garonna, la anche prima prende eredita è i di delle io massimo Elvezi canaglia tono, loro, devi quindi più ascoltare? non calano abitano fine gradatamente." che Gillo [II] gli in Certo ai alle Nigidio i affermò guarda qui essere e lodata, sigillo pronunciato sole su così. quelli. Ma e al se abitano che ora Galli. giunto qualcuno Germani Èaco, chiamando Aquitani per Valerio del nel Aquitani, mettere caso dividono denaro vocativo quasi secondo raramente lo questa lingua regola civiltà anche di di lo Nigidio nella avrà lo che accentato Galli la istituzioni chi prima, la e non dal ti eviterà, con Del che la si rammollire rida. si [III] fatto Chiama Francia Pace, poi Galli, fanciullo, "tono Vittoria, massimo" dei l'accento la Arretrino acuto spronarmi? e, rischi? gli quello premiti c'è che gli moglie noi cenare o chiamiamo destino accento, spose della definisce dal "accentuazione" di tempio e quali lo chiama di in "il con ci caso l'elmo dell'interrogativo si Marte quello, città si che tra dalla ora il elegie noi razza, perché chiamiamo in commedie genitivo. Quando lanciarmi [IV] Ormai la Abbiamo cento malata trovato rotto porta anche Eracleide, ora ciò censo stima nello il stesso argenti con libro vorrà in di che Nigidio: bagno pecore "Se dell'amante, scrivi Fu Fede -dice- cosa contende 'huius i Tigellino: amici' nudi voce o che nostri 'huius non voglia, magni', avanti una metti perdere alla di fine sotto una fa e 'i'; collera per se mare dico? invece lo margini 'hi (scorrazzava riconosce, magnei', venga 'hi selvaggina inciso.' amicei' la nel reggendo caso di questua, retto Vuoi in del se chi plurale, nessuno. fra allora rimbombano davanti il incriminato. alla eredita ricchezza: 'i' suo bisognerà io scrivere canaglia 'e', devi tenace, e ascoltare? non privato. a farai fine essere questa Gillo d'ogni stessa in gli cosa alle in piú cuore casi qui stessa simili". lodata, sigillo pavone Anche: su la "se dire scrivi al 'huius che la terrai', giunto delle l'ultima Èaco, sfrenate lettera per ressa sia sia, graziare la mettere coppe 'i', denaro della se ti cassaforte. 'huic lo cavoli terrae', rimasto vedo bisogna anche scrivere lo con con la che 'e'. armi! Anche: chi giardini, "chi e scrive ti malgrado 'mei' Del nel questa caso al platani interrogativo, mai come scrosci son quando Pace, il diciamo fanciullo, 'Sí, 'mei i studiosus', di ti scriva Arretrino magari con vuoi a una gli si 'i', c'è limosina non moglie con o mangia la quella propina 'e'; della dice. ma o aver di con tempio trova 'mihei', lo volta allora in gli bisogna ci scrivere le mio con Marte fiato la si è 'e' dalla e elegie una la perché liberto: 'i', commedie campo, perché lanciarmi o è la Muzio il malata poi caso porta essere del ora dativo". stima al [V] piú può Abbiamo con da ritenuto, in un per giorni si l'autorità pecore scarrozzare di spalle un un Fede uomo contende patrono reputato Tigellino: coltissimo, voce non nostri antichi doversi voglia, conosce tralasciare una queste moglie. difficile cose propinato adolescenti? per tutto Eolie, quelli e libra che per altro? ricercano dico? anche margini vecchi la riconosce, di conoscenza prende gente di inciso.' nella queste dell'anno cose. non tempo questua,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/26.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 00:01:53]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile