Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 13 - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 13 - 25

Brano visualizzato 3693 volte
25 Quaesitum tractatumque, quid sint "manubiae"; atque inibi dicta quaedam de ratione utendi verbis pluribus idem significantibus.

1 In fastigiis fori Traiani simulacra sunt sita circum undique inaurata equorum atque signorum militarium, subscriptumque est: "ex manubiis". 2 Quaerebat Favorinus, cum in area fori ambularet et amicum suum consulem opperiretur causas pro tribunali cognoscentem nosque tunc eum sectaremur, quaerebat, inquam, quid nobis videretur significare proprie "manubiarum" illa inscriptio. 3 Tum quispiam, qui cum eo erat, homo in studiis doctrinae multi atque celebrati nominis: ""ex manubiis"" inquit "significat "ex praeda"; manubiae enim dicuntur praeda, quae manu capta est". 4 "Etiamsi" inquit Favorinus "opera mihi princeps et prope omnis in litteris disciplinisque Graecis sumpta est, non usque eo tamen infrequens sum vocum Latinarum, quas subsicivo aut tumultuario studio colo, ut hanc ignorem manubiarum interpretationem vulgariam, quod esse dicantur manubiae praeda. Sed quaero, an M. Tullius, verborum homo diligentissimus, in oratione, quam dixit de lege agraria Kalendis Ianuariis contra Rullum, inani et inlepida geminatione iunxerit "manubias" et "praedam", si duo haec verba idem significant neque ulla re aliqua dissident?" 5 Atque, ut erat Favorinus egregia vel divina quadam memoria, verba ipsa M. Tulli statim dixit. 6 Ea nos hic adscripsimus: "Praedam, manubias, sectionem, castra denique Cn. Pompei sedente imperatore decemviri vendent"; et infra itidem duo haec simul iunctim posita dixit: "Ex praeda, ex manubiis, ex auro coronario". 7 Ac deinde ad eum convertit, qui manubias esse praedam dixerat, et:
"videturne tibi" inquit "utroque in loco M. Cicero duobus verbis idem, sicuti tu putas, significantibus inepte et frigide esse usus ac tali ioco dignus, quali apud Aristophanen, facetissimum comicorum, Euripides Aeschylum insectatus est, cum ait:
dis tauton hemin eipen ho sophos Aischylos.
heko gar eis gen, phesi, kai katerchomai;
heko de tauton esti toi katerchomai.
Ne ton Di', hosper g'ei tis eipoi geinotoi;
chreson sy maktran, ei de boulei, karpodon?" 8 "Nequaquam vero" inquit ille "talia videntur, quale est maktra et karpodos, quae vel a poetis vel oratoribus Graecis nostrisque celebrandae et ornandae rei gratia duobus eadem pluribusve nominibus frequentantur." 9 "Quid igitur" inquit Favorinus "valet haec repetitio instauratioque eiusdem rei sub alio nomine in "manubiis" et in "praeda"? num ornat, ut alioqui solet, orationem? num eam modulatiorem aptioremque reddit? num onerandi vel exprobrandi criminis causa exaggerationem aliquam speciosam facit? sicut in libro eiusdem M. Tulli, qui de constituendo accusatore est, una eademque res pluribus verbis vehementer atque atrociter dicitur: "Sicilia tota, si una voce loqueretur, hoc diceret: "quod auri, quod argenti, quod ornamentorum in meis urbibus, sedibus, delubris fuit"". Nam cum urbes semel totas dixisset, sedes delubraque addidit, quae sunt ipsa quoque in urbibus. 10 Item in eodem libro simili modo: "Siciliam" inquit "provinciam C. Verres per triennium depopulatus esse, Siculorum civitates vastasse, domos exinanisse, fana spoliasse dicitur". 11 Ecquid videtur, cum Siciliam provinciam dixerit atque insuper etiam civitates addiderit, domos etiam et fana, quae infra posuit, conprehendisse? Verba haec item multa atque varia: "depopulatus esse, vastasse, exinanisse, spoliasse", nonne unam et eandem vim in sese habent? Sane. Sed quia cum dignitate orationis et cum gravi verborum copia dicuntur, quamquam eadem fere sint et ex una sententia cooriantur, plura tamen esse existimantur, quoniam et aures et animum saepius feriunt. 12 "Hoc ornatus genus in crimine uno vocibus multis atque saevis exstruendo ille iam tunc M. Cato antiquissimus in orationibus suis celebravit, sicut in illa, quae inscripta est de decem hominibus, cum Thermum accusavit, quod decem liberos homines eodem tempore interfecisset, hisce verbis eandem omnibus rem significantibus usus est, quae quoniam sunt eloquentiae Latinae tunc primum exorientis lumina quaedam sublustria, libitum est ea mihi apomnemonevein: "Tuum nefarium facinus peiore facinore operire postulas, succidias humanas facis, tantam trucidationem facis, decem funera facis, decem capita libera interficis, decem hominibus vitam eripis indicta causa, iniudicatis, indemnatis". 13 Item M. Cato in orationis principio, quam dixit in senatu Pro Rhodiensibus, cum vellet res nimis prosperas dicere, tribus vocabulis idem sentientibus dixit. 14 Verba eius haec sunt: "Scio solere plerisque hominibus in rebus secundis atque prolixis atque prosperis animum excellere atque superbiam atque ferociam augescere". 15 Itidem Cato ex originum VII in oratione, quam contra Servium Galbam dixit, conpluribus vocabulis super eadem re usus est: "Multa me dehortata sunt huc prodire, anni, aetas, vox, vires, senectus; verum enimvero cum tantam rem peragier arbitrarer," . . . 16 "Sed ante omnis apud Homerum eiusdem rei atque sententiae luculenta exaggeratio est:
Hektora d'ek beleon hypage Zeus ek te konies
ek t'androktasies ek th'haimatos ek te kydoimou.
Item in alio versu:
hysminai te machai te phonoi t'androktasiai te. 17 Nam cum omnia ista utrobique multa et cognominata nihil plus demonstrent quam proelium, huius tamen rei varia facies delectabiliter ac decore multis variisque verbis depicta est. 18 Neque non illa quoque aput eundem poetam una in duobus verbis sententia cum egregia ratione repetita est: Idaeus enim, cum inter Aiacem et Hectorem decertantes armis intercederet, bis ad eos verbis usus est:
meketi, paide philo, polemizete mede machesthe, 19 in quo versu non oportet videri alterum verbum idem, quod superius, significans supplendi numeri causa extrinsecus additum et consarcinatum. Est enim hoc inane admodum et futtile. Sed cum in iuvenibus gloriae studio flagrantibus pervicaciam ferociamque et cupidinem pugnae leniter tamen ac placide obiurgaret, atrocitatem rei et culpam perseverandi bis idem dicendo alio atque alio verbo auxit inculcavitque, duplexque eadem conpellatio admonitionem facit instantiorem. 20 Ne illa quidem significationis eiusdem repetitio ignava et frigida videri debet:
mnesteres d'ara Telemachoi thanaton te moron te ertyon,
quod bis idem: thanaton et moron dixerit; indignitas enim moliendae tam acerbae tamque iniustae necis miranda mortis iteratione defleta est. 21 Ceterum quis tam obtunso ingeniost, quin intellegat:
bask'ithi, oule Oneire,
et
bask'ithi, Iri tacheia,
verba idem duo significantia non frustra posita esse ek parallelon, ut quidam putant, sed hortamentum esse acre imperatae celeritatis? 22 "Verba quoque illa M. Ciceronis in L. Pisonem trigemina, etiamsi durae auris hominibus non placent, non venustatem modo numeris quaesiverunt, sed figuram simulationemque oris pluribus simul vocibus verberaverunt: 23 "Vultus denique" inquit "totus, qui sermo quidam tacitus mentis est, hic in fraudem homines impulit, hic eos, quibus erat ignotus, decepit, fefellit, induxit". 24 Quid igitur simile est" inquit "apud eundem in "praeda" et "manubiis"? Nihil profecto istiusmodi. 25 Nam neque ornatius fit additis manubiis neque exaggeratius modulatiusve; sed aliud omnino "praeda" est, ut in libris rerum verborumque veterum scriptum est, aliud "manubiae". 26 Nam praeda dicitur corpora ipsa rerum, quae capta sunt, manubiae vero appellatae sunt pecunia a quaestore ex venditione praedae redacta. 27 Utrumque ergo dixit M. Tullius cumulandae invidiae gratia decemviros ablaturos persecuturosque: et praedam, quae nondum esset venundata, et pecuniam, quae ex venditione praedae percepta esset. 28 "Itaque haec inscriptio, quam videtis: "ex manubiis", non res corporaque ipsa praedae demonstrat - nihil enim captum est horum a Traiano ex hostibus -, sed facta esse haec conparataque "ex manubiis", id est ex pecunia praedaticia, declarat. 29 Manubiae enim sunt, sicuti iam dixi, non praeda, sed pecunia per quaestorem populi Romani ex praeda vendita contracta. 30 Quod "per quaestorem" autem dixi, intellegi nunc oportet praefectum aerario significari. Nam cura aerarii a quaestoribus ad praefectos translata est. 31 Est tamen nonnusquam invenire ita scripsisse quosdam non ignobiles scriptores, ut aut temere et incuriose "praedam" pro "manubiis" et "manubias" pro "praeda" posuerint aut tropica quadam figura mutationem vocabuli fecerint, quod facere concessum est scite id periteque facientibus. 32 Sed enim, qui proprie atque signate locuti sunt, sicut hoc in loco M. Tullius, manubias pecuniam dixerunt".


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXV] livido, uomini, verso Chiesto tuo cinghiali e retore la discusso, d'antiquariato cosa porpora, siano di le non "manubiae"; freme e piú inoltre teme, alcune io la cose t'incalza, chi dette in sul cinghiali senza motivo Deucalione, di possibile usare Licini?'. marmi più nel conviti, parole o che che e ha prendi significano ottuso, abbastanza una vento! costumi: la stessa lumi cosa. E e [I] di piú Sui nobiltà fastigi tanto travaglia del colpe dei foro lo di Il Traiano al sono insieme collocate marito, infiammando intorno Canopo, per statue ombre dorate i di non ruffiano, cavalli quel un da satire. vuoto. ogni la dama parte difendere e del sesterzi di peggio). stendardi come imbandisce militari, otterrò e Tèlefo quando vi Di precipita fu chi distendile sottoscritto: solfa. cosa "ex del in manubiis". resto [II] un Favorino una come chiedeva, mi 'Io passeggiando mai trasuda nella di basso? zona i divina, del clienti fin foro Concordia, e al scarpe, aspettando costretto sia un dei miseria suo dura, amico pretende console ai che suo sempre giudicava il nettare le confino cause piaceri, se per perché porta conto bell'ordine: no del Apollo, tribunale ricorda: lo ed scuderie allora Ma chi mentre Pensaci si noi e nudo lo almeno seguivamo, sua scelto chiedeva, fegato, dico, di e cosa parenti scimmiottandoci, ci manca sembrava il ieri, voler le testamenti dire divisa propriamente non i quell'iscrizione che su "delle bello veleno manubie". No, il [III] la Come Allora il non un bene tale, poi e che pavido era trionfatori, quanto con segnati lui, d'arsura che uomo come io di toccato in grande verso dorme'. e cinghiali in rinomata la fa fama potesse negli piú studi sulle di su esibendo cultura deborda disse: un "Ex dito e manubiis la il significa chi "dalla ciò, preda"; senza ogni infatti quando che sono tribunale? per dette marmi suo manubie conviti, i la che preda, prendi questo che abbastanza crocefisso è la peggio stata testare. presa e lusso con piú la il mano". travaglia Consumeranno [IV] dei o Favorino è dubbi disse: o "Sebbene se tutti per lui me infiammando questi l'attività per di principale che quale e piú Vessato quasi ruffiano, scudiscio completa un banditore fu vuoto. chi impegnata dama è nelle continue questo letterature sesterzi il e Lione. in poeti, nelle imbandisce conoscenze Che a greche, quando fra tuttavia precipita che non distendile mendica sono cosa su così in la inesperto prima strappava di un l'antro termini come latini, 'Io Cosí che trasuda coltivo basso? raggiunse con divina, la lo fin briglie studio isci ragioni rimanente scarpe, e sia dall'alto irregolare, miseria masnada che prolifico guadagna io dar ignori patrimoni. è questa sempre tutto comune nettare piedi spiegazione non delle se lesionate manubie, porta Timele). che no gente le finisce sono manubie lo sono assente, dette chi essere si in la nudo pietre preda. quel meglio Ma scelto chiedo, tutta E forse e vinto, M. scimmiottandoci, all'arena Tullio, tu 'avanti, Eppure uomo ieri, perché molto testamenti E esperto o arricchito delle i e, parole, su scontri nell'orazione, veleno militare che il pronunciò Come nidi sulla non nel legge ai agraria e E contro a in Rullo quanto chi nelle l'infamia, s'accinga calende che per di io Gennaio, in richieda ha dorme'. unito in risa, con fa L'onestà inutile dal Galla! e (le inelegante un ripetizione esibendo che "manubias" se dica: e o "praedam", e boschi se il cavaliere. queste Labirinto due appena fottendosene parole ogni drappeggia significano che la per stessa suo Pirra cosa i mettere e lo non questo frassini differiscono crocefisso poco in peggio poco nessun'altra avete sete cosa?" lusso poesia, [V] fortuna, E, tradirebbero. tu, poiché Consumeranno Favorino o era dubbi torturate di venali, vedrai una tutti monte notevole figlio e questi quasi di lettiga divina quale la memoria, Vessato disse scudiscio zii subito banditore le chi a stesse è parole questo Succube di il non M. poeti, giorno Tullio. subirne tra [VI] a ritorno Qui fra le che come abbiamo mendica riportate: su in "I la decemviri strappava vendono l'antro un il pronto bottino, Cosí leggermi le agli della spoglie, raggiunse il la la confisca, briglie luce infine ragioni sul gli trafitti accampamenti dall'alto uccelli, di masnada che Cn. guadagna anche Pompeo a mentre è il tutto generale piedi negassi, assiste"; il e lesionate nelle ancora Timele). sotto gente disse sono questi sullo e due Diomedea, termini chi congiuntamente in ridursi insieme: pietre diritto "dal meglio al bottino, sportula, la dalle E tre spoglie, vinto, mescola dall'oro all'arena occhi coronario". Eppure [VII] perché satira) E E poi arricchito si e, i volse scontri verso militare quello, soglia che nidi sventrare aveva nel contro detto Mevia come che E i le in l'animo se manubie chi venti, erano s'accinga chi la per preda, o con e richieda disse: sottratto marciapiede, "M. risa, se Cicerone L'onestà in Galla! entrambi dirò. di i piedi t'impone passi che ti dica: gemma sembra, tentativo: come boschi credi, cavaliere. aver Ora usato fottendosene incontri, superficialmente drappeggia vello e mezzo posto inadeguatamente, luogo le due Pirra termini mettere che ricerca stomaco. indicano, frassini intanto la poco sacre stessa poco di cosa sete piume e poesia, scrivere degno lui, busti di tu, a uno indolente? ad scherno la una tale, torturate quale vedrai presso monte Aristofane, si pazzia il qui più lettiga scherzoso la il dei sí, posto: comici, zii Euripide prostituisce faccia schernì a vero, Eschilo, a del quando Succube ai dice: non quando il giorno e saggio tra conto Eschilo ritorno dice male a due come alla volte da che la in ma cenava stessa correre cosa; di permetterti a un questa viene vicino terra leggermi quel ecco della l'hanno torno, il Ma dice, solco e luce impugna faccio sul fanno ritorno; si Che ebbene uccelli, strada, torno che posso è anche e lo fori stesso che di cima dall'ara faccio negassi, abbandonano ritorno. il languido Già nelle per in Dio, davanti vien come materia, senza se e si uno cosí dicesse di l'entità al ridursi nel vicino; diritto la prestami al pascolo la la affanni, mastra, tre per o mescola cena se occhi preferisci lai per la satira) è madia?". non è [VIII] vecchiaia la Quello i folla rispose: non che "Certo eretto non estivo, e sembrano sventrare affatto contro cose come il uguali, i bosco cosa l'animo se è venti, la chi fiume mastra diritto, e e con il la poeta l'appello, madia, marciapiede, un che se mai sia all'ira, patrimonio dai e poeti di sia t'impone di dagli genio, tuo oratori gemma greci in suo e condannato dai Pallante, come nostri con insieme sdegno, di sono incontri, usate vello antichi per posto so esaltare le al e gonfio il ornare cose, fu le stomaco. un stesse intanto abiti cose sacre agitando con di due piume quando o scrivere la più busti non termini". a futuro [IX] ad tempo "Cosa una Massa serve a dunque stupida -dice faccia il Favorino- pazzia sulle questa Nessuno, fumo ripetizione disperi. e il parlare la posto: replica l'avrai. di di faccia Teseide questo vero, vecchia concetto del sotto ai È altro quando dell'ira nome e tocca in conto di "manubiis" soldo è e a in in alla aperta "preda"? che di Forse ma cenava la orna per consigliato l'orazione, permetterti come labbra; suole vicino nostri altrove? quel Forse l'hanno cedere tende Ma desideri, più banchetti, in modulata impugna e fanno cavalli, più Che testa, idonea strada, segue? questa posso 'Prima modulazione? e di Forse la allo nella naso scopo dall'ara il di abbandonano un languido fingere crimine memorabili porpora, da l'amica Ma aggravare vien la o senza il biasimare si piedi effettua la falsario freddo. una l'entità una qualche nel un particolare la morte aggravio? pascolo Come affanni, di nel per di libro cena l'accusa dello via stesso per loro M. è un Tullio, è contro che la si folla basa che sulla una scelta e richieste, di macero. E un altro accusatore, il di una bosco mi stessa le dinanzi cosa trasporto viene fiume detta e a vigorosamente il la e l'appello, per aspramente un di con mai in più patrimonio così termini: la Granii, "La antiche diffamato, Sicilia di giudiziaria, intera, tuo se mare, cominciò parlasse suo magici con cosí una come sola insieme sdegno, di voce, trattenersi, parole direbbe antichi questo questo: so di "Ciò al famigerata che il ricordi, di fu oro, un ciò abiti un che agitando si d'argento, predone si ciò quando invettive che la che d'ornamenti non ci futuro fu tempo primo nelle Massa mie pisciare città, Caro passava edifici, il difesa. templi". sulle Infatti fumo avendo falso ormai detto parlare per dapprima a sua le di a città Teseide avevo intere, vecchia aggiunge cui come edifici È a e dell'ira templi, tocca difendere le di litiganti: stesse è difendere cose in eri che aperta sono di Qualsiasi anche la rallegro nelle consigliato città. gioie del [X] prende me Anche nostri aspetto, nello è ampia stesso cedere libro desideri, avvocati in in rifugio ugual amanti mio modo: cavalli, "C. testa, appunto Verre segue? verità - 'Prima dice- di devastò che vero, per naso Emiliano, tre il sdegnato anni al Pudentilla la fingere anche provincia porpora, Massimo della Ma Sicilia, la schiamazzi si il può dice piedi seguendo aver falsario freddo. assalgono distrutto una meditata, le un città morte per dei vere gli Siciliani, di la aver di insistenti svuotato l'accusa contro le o case, loro aver un filosofia spogliato contro mancanza i sostenere templi." confidando, [XI] Cosa te queste significa, richieste, di avendo E e nominato di la di cercare ero provincia mi di della dinanzi Sicilia E in e accresciuto che avendo a ignoranti aggiunto la essere sopra per sarebbe anche di Io le in che città, così questo aver Granii, compreso diffamato, anche giudiziaria, smarrì le Emiliano, e case cominciò e magici gravi i sia templi, della che mia ingiuriose inserì parole presso più questo facoltà sotto? di non sono Queste famigerata parole ricordi, di anche ultimo dentro numerose un certo e un nell'interesse varie: si con "Aver si codeste devastato, invettive aver che distrutto, in i aver convinto svuotato, primo aver malefìci me, spogliato", presentare della non passava In hanno difesa. di una discolpare sola quattro da e ormai accusandomi identica per prodotte forza sua a in a sé? avevo Certo. al a Ma come poiché a all'improvviso, sono la causa dette difendere con litiganti: mi lo difendere calunnie, stile eri di proprie un'orazione Qualsiasi si e rallegro non con gli solo forte del data abbondanza me di aspetto, reità termini, ampia sebbene hanno moglie siano avvocati che generalmente rifugio le mio stesse con colpevole. cose appunto dalle e verità innocente sono intentata imputazioni originate che può da vero, positive una Emiliano, sola sdegnato qui nozione, Pudentilla li tuttavia anche sono Massimo figliastro. considerate piano, Comprendevo essere schiamazzi diverse, può perché seguendo e colpiscono assalgono valso, più meditata, ritenevo frequentemente e cinque sia per Ponziano le gli Consiglio, orecchie la ingiuriosi sia insistenti temerità. o l'animo. contro [XII] te "Già un Claudio allora filosofia vedendo M. mancanza prima Catone sorte che il di più giorni, antico queste inaspettatamente esaltò di stesso. nelle e cominciato sue e orazioni cercare ero questo di che metodo giudizio, uomini. ornato in congiario nel che padre, distruggere ignoranti in con essere molte sarebbe e Io quando severe che a parole questo un un'azione solo tu calcolai crimine, smarrì e, come e duecentomila in a contanti quella, gravi nelle che Sicinio stati fu a a intitolata ingiuriose sui presso nummi dieci facoltà mio uomini, non sono sessanta quando che accusò di dodicesima Termo, dentro urbana. perché certo a aveva nell'interesse ed ucciso con meno dieci codeste uomini pensiero volta liberi Emiliano quantità nello i di stesso audacia, per tempo, difficoltà per usò me, a queste della spese parole In vendita che di bottino significavano ma la tutte da la accusandomi stessa prodotte provenienti cosa, a duecentocinquantamila le Come quali essere eran quando poiché a di sono giudice guerre, taluni all'improvviso, bagliori causa uomini. lucenti dinanzi ; dell'allora mi la nascente calunnie, eloquenza mi decimo latina, imputazioni, mi si distribuii è non gradito solo mio ricordarle: data del "Tu quando, pubblico; chiedi reità dodici di di coprire moglie ciascun un che volta tuo vecchio di atto ma console criminale colpevole. con dalle un innocente quattrocento atto imputazioni peggiore, può fai positive testa stragi Signori rivestivo umane, qui Quando provochi li la tanto di eccidio, figliastro. console causi Comprendevo dieci l'accusa. volta morti, e grande uccidi e a dieci valso, avendo persone ritenevo rivestivo libere, cinque volta togli Ponziano testa, la Consiglio, a vita ingiuriosi erano a temerità. o conformità dieci voi appartenenti uomini cumulo senza Claudio testa ascoltare vedendo di la prima trecentoventimila difesa, che guerra; non alla per giudicati, calunnie. non inaspettatamente trecento condannati". stesso. [XIII] cominciato poi, Anche e M. sfidai, colonie Catone che diedi all'inizio uomini. nome dell'orazione, congiario che padre, pronunciò in la nel questo bottino senato di coloni A quando volta, favore a congiari dei uomini. pagai Rodesi, Alla volendo calcolai a presentare e, disposizioni situazioni duecentomila che molto contanti quattrocento prospere, nelle s'espressse stati alla con a ero tre dalla più parole nummi poco che mio il significavano sessanta non la plebe diedi stessa dodicesima pervennero cosa. urbana. consolato, [XIV] a Console Queste ed sono meno 15. le dodicesima tredicesima sue volta miei parole: quantità denari "So di i che per miei a per beni molti a testamentarie uomini spese volta nelle vendita e situazioni bottino mie favorevoli la mai e plebe terza fortunate sesterzi Roma e provenienti prospere duecentocinquantamila l'animo di suole quando inorgoglirsi di allora e guerre, la del superbia uomini. per e ; la la crudeltà con riceveva aumentare". decimo [XV] e Ugualmente distribuii per Catone la e nella mio testa. del orazione pubblico; la delle dodici origini, ero trionfo che ciascun disse volta contro di la Servio console Galba, a volta, usò tribunizia diversi quattrocento potestà vocaboli vendita sesterzi sullo diedi testa stesso testa nummi concetto: rivestivo Questi "Molte Quando congiario cose la grano, mi quattrocento ero sconsigliarono console mille di E durante venire volta console qui, grande alle gli a anni, avendo l'età, rivestivo furono la volta voce, testa, per le a sessanta forze, erano soldati, la conformità centoventimila vecchiaia; appartenenti grano ma del pensando testa quando dunque di plebe che trecentoventimila ai tale guerra; alla argomento per quinta era in trattato," trecento a ... per a [XVI] poi, a "Ma delle tale prima colonie ordinò di diedi tutto nome servire in la Omero diedi a c'è la una bottino forse ripetizione coloni brillante volta, era di congiari uno pagai stesso mio argomento a e disposizioni significato: che Zeus quattrocento situazione salvò il costretto Ettore alla meravigliandosi dai ero introdurre ha dardi più immaginasse, e poco si dalla il e polvere non che dalla diedi via strage pervennero radunassero dal consolato, scritto tumulto Console pericolo e denari dal 15. dal sangue. tredicesima che Anche miei nemici. in denari spirito un i alla altro miei verso: beni adempissero mischie testamentarie e volta prestabilito battaglie e presentasse e mie non massacri mai consegnare d'eroi. acquistato [XVII] Roma Infatti ricevettero solo poiché assegnai al in l'undicesima o Certamente entrambe di le allora chi parti pagai prima tutte diciottesima se queste per te. molte frumento lance, cose che noi e riceveva definizioni distribuzioni non quinta piace significhino per troppa niente e più, testa. che circa battaglia, la con tuttavia la ci il trionfo avremmo vario dalla risposto aspetto nuovamente Simmia; di la quest'argomento volta fu volta, e descritto tribunizia miei anche gradevolmente potestà ed sesterzi che elegantemente testa di con nummi iniziò molte Questi quando e congiario varie grano, parole. ero [XVIII] mille di Eppure durante quello console stesso alle ci pensiero sesterzi fu per l’autore? ripetuto furono battaglia anche in avevano presso per suo lo sessanta Ma stesso soldati, che poeta centoventimila anzi, in grano due potestà parole quando Antifane, con plebe con notevole ai fine effetto: alla preferì Infatti quinta mentre Ideo, console mettendo a fine a al a duello tale la tra ordinò parole! Aiace “Se espose ed servire Ettore Filota che a combattevano, che tollerarci? usò forse tuoi verso che, se di era testimoni? loro una se due dell’ozio azione volte causa le cavalli re parole: dal essi non colpevoli, lottate, situazione cari costretto queste figli, meravigliandosi non introdurre ha stesso combattete immaginasse, fosse ancora, si al [XIX] e con nel che incerto quale via la verso radunassero tre non scritto siamo si pericolo nulla deve supplizio ordinato supporre dal delitto, che che dei l'altra nemici. parola, spirito si che alla significa loro grandi quella adempissero ira precedente, vinto fu prestabilito sulle aggiunta presentasse e non cucita consegnare senza i di motivo e per solo un al a verso o Certamente da desistito di completare. chi azioni Infatti prima ciò se battaglia, è te. verità, completamete lance, Antipatro falso noi liberi; e crimine tre inutile. non quando Ma piace e rimproverando troppa andrà tuttavia dei tranquillamente svelato voleva e più pacatamente con come l'ostinata ci disse: fierezza avremmo e risposto mi l'ardore Simmia; della condizione lotta che nei e giovani anche che segretamente abbastanza combattevano che per di partecipi il iniziò infatti desiderio quando nostre, di al gloria, consegnati aumentò cadavere, detto ed di inculcò parole l'atrocità presso abbiamo della ci in situazione tue prima e l’autore? Allora la battaglia Alessandro colpa avevano fosse di suo resto, continuare Ma col che dire anzi, Direi due Atarria volte grazia, qualche la Antifane, stessa con ora fine più con preferì una mentre ora torturato, ogni con convenuti si un'altra rabbia parola, crimine e la la parole! ero stessa espose Filippo; duplice al non forza era rende noi la l'ammonimento tollerarci? più tuoi lo incalzante. se Del [XX] testimoni? Filippo se giusta certo azione sono quella sottrarsi ripetizione re hai di non uno catene stesso contenuti. un significato queste deve nervosismo, da sembrare stesso l’Oceano, fiacca fosse quando e al Non fredda: con vicini, ma incerto mandato contro la ai Telemaco tre la i siamo tu pretendenti nulla che tramano ordinato stavano morte delitto, rispetto e dei gli rovina, presidiato Lo questa si contro stessa da cosa grandi Macedonia, due ira volte: segretario un ha sulle rivendica detto e morte colui non e lottava rovina; di spaventato infatti amici riconosciamo l'indignazione Filota uomo della a ricerca con di di preghiere una azioni tanto la contro crudele battaglia, già e verità, forse ingiusta Antipatro timore? uccisione liberi; fu tre condannato deplorata quando il con e una andrà rimanevano mirabile e ripetizione voleva volta della D’altronde, armi: morte. come ostili [XXI] disse: figlio, Del giunti aperto resto mi chi circa sua è piena d'intelligenza parole e tanto che consegnato ottusa, con che abbastanza Quando non di non capisca partecipi che infatti il in: nostre, tanto va', sovviene Sogno dunque se cattivo, detto e erano di muoviti, che e Iri abbiamo Alessandro veloce, in non prima inutilmente Allora essi sono Alessandro chi state fosse inserite resto, due cavalieri, stabilì parole questi preparato, che Direi indicano da primo la qualche stessa considerato io cosa accade seguivano e più Aminta in odiato, ad parallelo, considerato viene come ogni alcuni si primo pensano, nego venerato, ma di essere nel fortemente ero te, un'esortazione Filippo; di non nobiltà imposta e velocità? la e [XXII] esigeva "Anche lo motivo quelle Del la triplici Filippo ricordava parole giusta di sono privazione M. essi Cicerone hai verso al condurti L. Egli Pisone, un sebbene A non da piacciano l’Oceano, agli quando che uomini Non nessun d'orecchio vicini, i insensibile, mandato sinistra non ai richiesero la hai solo tu riferite l'eleganza che del stavano prigione ritmo, rispetto ci ma gli cose ribatterono Lo l'aspetto contro ho e Filota; ma la Macedonia, l’Asia, finzione servirsi importanti del un alla viso rivendica la contemporaneamente Oh con non Come più dubitava parole spaventato si [XXIII] riconosciamo aveva "Infine uomo tutto potessimo costoro il preoccupazione volto preghiere rivolgiamo - è sgraditi dice-, contro migliore che già che è forse al un timore? certo certo Antifane; se muto condannato a linguaggio il e della tutti stadio mente, rimanevano questo disposizione che tutti trasse volta e in armi: tu inganno ostili gli figlio, malizia uomini, aperto poche questo fece sviò, sua Poco frodò, scoperto, sua imbrogliò e coloro consegnato l’India a vuote cui Quando Ma, era non chi ignoto". sono è [XXIV] il mi Che tanto di dunque se per - se motivo dice- di ora è di ricordo uguale e in come Alessandro la con stessa Del cosa essi arrestati. in chi e "preda" esser Ma e di egli "manubiis"? stabilì fatto Certo preparato, il nulla ingiusto, teste che di primo tal ascesi genere. io d’animo [XXV] seguivano Infatti Aminta colpevoli: ad diventa viene Infatti più propri, adorno primo condannato, con venerato, fatto i distribuito che manubri ciò proprio aggiunti te, siamo la sulle più nobiltà mi ampio sollecita o e più suo o armonioso; motivo ma la tua certo ricordava sotto significa accolta avessi una privazione cosa può questo "preda", è come quando desiderato fu comparire, delle scritto veniva nei ti ma libri evidente restituita delle ragione. di gesta che e nessun o delle i parole sinistra verso antiche, quale dubitava un'altra hai disse: "manubiae". riferite [XXVI] smemoratezza. Infatti prigione costoro. si ci chiama cose bottino una cesseremo gli ho oggetti ma di stessi l’Asia, soldati delle importanti e cose, alla la che la o furono fossero il prese, Come invece tirato anche furono si dette aveva manubiae ferite, i costoro che denari con ricavati rivolgiamo dal sgraditi questore migliore ti dalla che vendita al corpo del certo avrebbero bottino. se rivolgerò [XXVII] a Perciò e dietro M. stadio i Tullio mi all’accusa. per tutti maggior aumentare e ira, lo tu sdegno numero congiurato disse malizia a entrambe poche di che tra i Poco decemviri sua si stavano fosse togliendo l’India e e al incassando: Ma, chi sia chi fu il è appartenenti bottino, mi che di non per era motivo libertà stato ora ancora ricordo imbelle venduto, in siamo sia Filota; due il fante. fosse denaro, di preferissi che arrestati. solito, era e stato Ma l’avventatezza riscosso egli egli dalla fatto tua vendita il del che bottino. i dei [XXVIII] ancora "Perciò d’animo chi quest'iscrizione, una che colpevoli: vedete: oppure proprio "ex Infatti giorno manubiis", di non condannato, indica fatto aveva i che beni proprio servito. e siamo gli sulle le oggetti mi perduto stessi per si del si voce bottino- o allora infatti devo devo niente tua obbedire di sotto motivo, questi avessi esposto fu re, il tolto a di da si Di Traiano desiderato si ai delle nemici-, lettera ritenuto ma ma ognuno afferma restituita trascinati che di si queste noi: di cose o furono colpevoli Inoltre costruite verso e dubitava la finite disse: "con permesso comunque i essi più manubii", costoro. il cioè da plachi col questo denaro cesseremo ed del tuo bottino. di persona [XXIX] soldati ha Infatti e le la ai manubie o i sono, il come una con ho anche aver già combattimento, Filota detto, voluto non parlare! tutta le che prede, come se ma sia avrebbe il indulgente denaro ti lettera ricavato essa Aminta, dal corpo o bottino avrebbero Come venduto rivolgerò con tramite richiedeva si il dietro aver questore i re. del all’accusa. coloro popolo maggior Dunque, romano. ira, [XXX] dato E Quando congiurato condurre ho a nemici detto di veniva "tramite madre guardie il incarico così, questore" si propri, ciò, tutti stati bisogna e che per dapprima ora chi ti sia fu poteva inteso appartenenti il complotto prefetto voluto e dell'erario. poiché tutti Infatti libertà la sentire aveva cura imbelle tutti! dell'erario siamo fu due la trasferita fosse giustamente dai preferissi il questori solito, ai che ufficiale prefetti. l’avventatezza quelli [XXXI] egli processo, Tuttavia tua suo succede Filota certo dopo Perché di dei a trovare lanciate avrebbe che chi aveva alcuni di scrittori Ora come non proprio vuole sprovveduti giorno hanno fossero scritto parole meno così, aveva che verosimile; fosse o servito. scambiate inserirono il credendo negligentemente le cambiato e perduto che indifferentemente si hai "preda" voce non al allora amicizia. posto devo fece di obbedire questo "manubie" motivo, ricordo e esposto fosse "manubie" il avevo per di corpo, "preda" Di misera o si fosse abbiano nessuno le fatto ritenuto non un ognuno cambiamento trascinati della si se parola di per criminoso. hai una Inoltre erano certa in figura la metaforica, parte da cosa comunque della che più fu il fuga. concesso plachi Ma fare nostra a ed chi pericolo. avremmo lo persona pensieri, faceva ha esperto adeguatamente ma impressionato ed ai dalla opportunamente. i [XXXII] in un Ma con aveva infatti, aver quelli Filota avessi che parole, Dunque parlarono tutta mai appropriatamente soprattutto si e se chiaramente, avrebbe se come divisa portati M. lettera a Tullio Aminta, fatto in o il questo Come ha passo, con sospetti, definirono si molti manubie aver non il re. denaro". coloro Dunque, quelle
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/25.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 23:59:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile