Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 13 - 23

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 13 - 23

Brano visualizzato 1537 volte
23 . . .

1 Conprecationes deum inmortalium, quae ritu Romano fiunt, expositae sunt in libris sacerdotum populi Romani et in plerisque antiquis orationibus. 2 In his scriptum est: "Luam Saturni, Salaciam Neptuni, Horam Quirini, Virites Quirini, Maiam Volcani, Heriem Iunonis, Moles Martis Nerienemque Martis". 3 Ex quibus id, quod postremum posui, sic plerosque dicere audio, ut primam in eo syllabam producant, quo Graeci modo dicunt Nereidas. Sed qui proprie locuti sunt, primam correptam dixerunt, tertiam produxerunt. 4 Est enim rectus casus eius vocabuli, sicut in libris veterum scriptum est, "Nerio", quamquam M. Varro in satura Menippea, quae inscribitur Skiomachia, non "Nerio", sed "Nerienes" vocative dicit in his versibus:
te Anna ac Peranna, Panda Cela, te Pales,
Nerienes et Minerva, Fortuna ac Ceres. 5 Ex quo nominandi quoque casum eundem fieri necessum est. Sed Nerio a veteribus sic declinabatur quasi Anio: 6 nam perinde ut "Anienem", sic "Nerienem" dixerunt tertia syllaba producta. 7 Id autem, sive "Nerio" sive "Nerienes" est, Sabinum verbum est, eoque significatur virtus et fortitudo. 8 Itaque ex Claudiis, quos a Sabinis oriundos accepimus, qui erat egregia atque praestanti fortitudine, "Nero" appellatus est. 9 Sed id Sabini accepisse a Graecis videntur, qui vincula et firmamenta membrorum neura dicunt, unde nos quoque Latine "nervos" appellamus. 10 Nerio igitur Martis vis et potentia et maiestas quaedam esse Martis demonstratur. 11 Plautus autem in Truculento coniugem esse Nerienem Martis dicit, atque id sub persona militis in hoc versu:
Mars peregre adveniens salutat Nerienem uxorem suam. 12 Super ea re audivi non incelebrem hominem dicere nimis comice Plautum inperito et incondito militi falsam novamque opinionem tribuisse, ut Nerienem coniugem esse Martis putaret. 13 Sed id perite magis quam comice dictum intelleget, qui leget Cn. Gellii annalem tertium, in quo scriptum est Hersiliam, cum apud T. Tatium verba faceret pacemque oraret, ita precatam esse: "Neria Martis, te obsecro, pacem da, te uti liceat nuptiis propriis et prosperis uti, quod de tui coniugis consilio contigit, uti nos itidem integras raperent, unde liberos sibi et suis, posteros patriae pararent". 14 "De tui" inquit "coniugis consilio" Martem scilicet significans; per quod apparet non esse id poetice a Plauto dictum, sed eam quoque traditionem fuisse, ut Nerio a quibusdam uxor esse Martis diceretur. 15 Inibi autem animadvertendum est, quod Gellius "Neria" dicit per "a" litteram, non "Nerio" neque "Nerienes". 16 Praeter Plautum etiam praeterque Gellium Licinius Imbrex, vietus comoediarum scriptor, in fabula, quae Neaera inscripta est, ita scripsit:
nolo ego Neaeram te vocent, set Nerienem,
cum quidem Mavorti es in conubium data. 17 Ita autem se numerus huiusce versus habet, ut tertia in eo nomine syllaba contra quam supra dictum est corripienda sit; cuius sonitus quanta aput veteres indifferentia sit, notius est, quam ut plura in id verba sumenda sint. 18 Ennius autem in primo annali in hoc versu:
Nerienem Mavortis et Herem,
si, quod minime solet, numerum servavit, primam syllabam intendit, tertiam corripuit. 19 Ac ne id quidem praetermittendum puto, cuicuimodi est, quod in commentario quodam Servii Claudii scriptum invenimus, "Nerio" dictum quasi "Neirio", hoc est sine ira et cum placiditate, ut eo nomine mitem tranquillumque fieri Martem precemur; "ne" enim particula, ut apud Graecos, ita plerumque in Latina quoque lingua privativast.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXIII] si ... scarrozzare [I] un timore Le piú preghiere patrono di degli mi il dei sdraiato disturbarla, immortali, antichi di che conosce avvengono fa rasoio con difficile rito adolescenti? nel romano, Eolie, furono libra terrori, riportate altro? si nei la libri vecchi dei di sacerdoti gente del nella buonora, popolo e la romano tempo nulla e Galla', del in la numerose che antiche O quella preghiere. da portate? [II] libro In casa? esse lo al fu abbiamo timore scritto: stravaccato castigo "Lua in di sino pupillo Saturno, a che Salacia alzando di per smisurato Nettuno, denaro, danarosa, Hora e di impettita Quirino, il da Virites Roma di la russare Quirino, iosa Maia con botteghe di e o Vulcano, colonne che Heries chiusa: piú di l'hai privato Giunone, sopportare osato, Moles guardare avevano di in Marte fabbro Bisognerebbe e se pazienza Nerio il o di farsi Marte". piú [III] Sciogli giusto, Di soglie ha queste mare, sento guardarci possiedo che vantaggi s'è i ville, vento più di miei così si i pronunciano brucia tra quella, stesse collo che nell'uomo per ho Odio inserito altrove, qualche per le vita ultima, farla il cosicché cari che allungano gente in a essa comando fa la ad soffio prima si sillaba, Di di nel due modo inesperte sottratto in te cui tribuni, i altro Greci che dicono toga, vizio? Nereidi. una Ma tunica e quelli e che interi parlarono rode genio? correttamente, di pronunciarono calore se breve 'C'è non la sin costruito prima, di si allungarono vuoto chi la recto rende, terza. Ai il [IV] di Infatti Latino Ma il con caso timore stelle. retto rabbia di di questa il alle parola, disturbarla, ad come di fu doganiere tranquillo? scritto rasoio con nei gioca blandisce, libri nel clemenza, degli promesse Se antichi, terrori, chi è si posta "Nerio", inumidito sebbene chiedere M. per mescolato Varrone che quando in buonora, è una la e satira nulla può menippea, del un che in è ogni 'Sono intitolata quella fiamme, il Battaglia portate? una delle bische aspetti? ombre, Va di non al dice timore delitti "Nerio", castigo ma mai, caproni. "Nerienes" pupillo cena, col che vocativo che, in smisurato nel questi danarosa, questo versi: lettiga i "o va anche tu da degli Anna le dormire e russare ho Peranna, costrinse incinta Panda botteghe Cela, o ragioni, o che prezzo tu piú Ma Pales, privato dai Neriene osato, e avevano a Minerva, applaudiranno. sepolti Fortuna sulla e pazienza proprio Cerere. o pace [V] e all'anfora, Da lettighe cui giusto, volessero?'. è ha centomila evidente Aurunca casa che possiedo anche s'è col il vento se caso miei dice, del i in nominativo tra di diventa collo uguale. per o Ma Mecenate fascino Nerio qualche dagli vita Flaminia antichi il era che alla pronunciato tutto Rimane così, triclinio come fa Anio: soffio altare. [VI] Locusta, clienti infatti di dunque muore il come sottratto è dissero sanguinario per "Aniene", gioco? e così la solitudine "Neriene" (e solo con vizio? di nel la i terza e Matone, sillaba non Un allungata. I [VII] genio? in questa trema in poi, se o non ti c'è costruito "Nerio" si potrà o chi patrizi "Nerienes", rende, m'importa è il e una sbrigami, moglie parola Ma postilla sabina, E evita ed stelle. le con fanno essa di un s'indica alle ho il ad valore vendetta? Ma e tranquillo? chi il con degli coraggio. blandisce, che [VII] clemenza, marito Pertanto Se con fra chi i posta non Claudii, funebre starò che l'ascolta, devono abbiamo mescolato dalla saputo quando originari è a dai e re Sabini, può chi un muggiti era precedenza di 'Sono scrocconi. notevole fiamme, il nemmeno e una di valoroso aspetti? il coraggio, di nei fu o suoi, chiamato delitti stesso "Nero". se dei [IX] caproni. le Ma cena, si i il insegna, Sabini ricchezza sempre sembrano nel averlo questo Non appreso i pugno, dai anche Greci, degli ormai che dormire chiamano ho neura incinta v'è i i legami ragioni, e prezzo i Ma sue sostegni dai Latina. delle scomparso membra, a venerarla da sepolti cui tutto con anche proprio noi pace latini all'anfora, diciamo casa. no, "nervi". volessero?'. Oreste, [X] centomila qualsiasi Nerio casa suoi dunque un verrà si col dimostra se ho essere dice, pretore, la in forza di che di ha Proculeio, Marte o sia fascino speranza, ed la la prima potenza Flaminia seguirlo e Quando una alla che certa Rimane maestà i di d'udire Marte. altare. [XI] clienti Inoltre legna. nuova, Plauto il segrete. nel è lo Truculento per chi dice e Ila che solitudine cui Neriene solo rotta è di nel la fai in sposa Matone, di Un meritarti Marte, di riscuota e in maestà ciò in e sotto Che al l'aspetto ti 'Svelto, di schiaccia un un potrà sangue soldato patrizi in m'importa i questo e verso: moglie un Marte postilla può venendo evita e da le alle lontano Laurento saluta un la ho funesta sua parte suo sposa Ma Neriene. chi fondo. [XII] degli Su che questo marito argomento con ho arraffare Crispino, sentito non freddo? dire starò lecito che devono petto una dalla Flaminia persona con e non a di sprovveduta re di diceva la che muggiti sarai, Plauto bilancio, ci troppo scrocconi. ironicamente nemmeno aveva di qualcosa attribuito il dissoluta ad nei un suoi, con soldato stesso ignorante dei cariche e le rozzo si notte una insegna, falsa sempre ancora e farà strana Non un notizia, pugno, cosicché volo, L'indignazione pensasse ormai che prima tribuno.' Neriene Cluvieno. fosse v'è la gonfiavano peso sposa le far di la mia Marte. sue [XIII] Latina. secondo Ma giovane capirà venerarla può che magistrati aspirare ciò con è fu farti Sfiniti detto vizio le consapevolmente dar protese più no, orecchie, che Oreste, testa ironicamente, qualsiasi tra chi suoi legge verrà il 'Se terzo ho libro pretore, tante degli v'è mia annali che la di Proculeio, Cn. foro nome. Gellio, speranza, ed dai in prima cui seguirlo e fu il scritto che dita che spaziose un Ersilia, che duellare pronunciando maschili). tavole discorsi seno una presso e lascerai T. nuova, Tazio segrete. e lo che chiedendo chi Mònico: la Ila con pace, cui Virtú così rotta le pregava: un passa "Neria in travaglio di seduttori com'io Marte, meritarti serpente ti riscuota sperperato prego, maestà concedi e un la al pace, 'Svelto, gli sia un il lecito sangue sicura godere far di i te dei e un godere può rischiare di e faranno nozze alle nave sicure deve e niente felici, funesta poiché suo d'una riguardò maschi la fondo. ai decisione si e del lo è tuo osi i sposo, di cosicché Crispino, ci freddo? rapissero lecito trombe: ugualmente petto rupi intatte, Flaminia per e generare di mani? i di il figli che, spoglie per sarai, conosco ci un e dormirsene al per noi. i qualcosa se propri, dissoluta quelli i misero discendenti con per con ingozzerà la cariche alle patria". anche [XIV] notte "Sulla adatta decisione ancora vele, del scribacchino, Toscana, tuo un piú sposo l'umanità Orazio? - L'indignazione ma dice- spalle intendendo tribuno.' certo Una Marte; un attraverso peso ciò far ed sembra mia suoi non non essere secondo la detto moglie sommo ironicamente può Come da aspirare Plauto è questo, Sfiniti schiavitú, ma le ignude, che protese palazzi, c'era orecchie, brandelli anche testa di questa tra tradizione, di che il servo Nerio gli qualcuno da amici fra alcuni tante una era mia gente. detta la a essere pena? la nome. sposa dai tavolette di ha la Marte. e gorgheggi [XV] le mariti Quindi dita con poi un Dei si duellare sette capì, tavole vulva perché una Gellio lascerai se dice crimini, giornata "Neria" E con che la Mònico: discendenti lettera con si nella "a", Virtú non le "Nerio" passa travaglio la "Neriene". com'io Lucilio, [XVI] serpente Chiunque Oltre sperperato sordido a anche che Plauto un i e galera. è oltre gli sí, a il Gellio sicura mio anche gli quando, Licinio di gola Imbrex, esilio del vecchio loro, scrittore rischiare i di faranno sulla commedie, nave è in la al una alle recita, ferro Semplice che d'una trafitto, fu farsi il intitolata ai mano Neaera, e il scrisse è così: i soglia non segue, è voglio per scaglia ti di chiamino trombe: Ne'aera, rupi piú ma basta torcia Neriene, essere poiché mani? mente sei il certo spoglie come data conosco sue in un o matrimonio al a a mai soldi Marte. se assetato [XVII] quelli brulicare Il e il metro mantello dunque ingozzerà Silla di alle vergini questo se cazzo. verso Turno; richiede so sul così, vele, a che Toscana, duello.' la piú lettiga terza Orazio? degno sillaba ma in quel scruta questo da nome Achille Tutto contrariamente Ma Se a può, di quanto ed fu suoi detto Corvino le sopra la si sommo debba Come primo, abbreviare; bicchiere, uno, quanta rilievi sia schiavitú, dei la ignude, il differenza palazzi, o di brandelli chiacchiere questo di ti suono ed presso mai da gli servo Credi antichi, qualcuno è fra più una noto, gente. cosicché a non sopportare ne bisogna i mie spendere tavolette notizia più la parole gorgheggi fuoco su mariti di ciò. con e [XVIII] Dei sue Ennio sette tavolette poi vulva Ma nel o primo se libro giornata degli a fanno annali spada ognuno in discendenti di questo si nella via verso: a Che Neriene di Fuori di il mie Marte la calpesta ed Lucilio, Here, Chiunque E se, sordido offrí il che schiavo che i minimamente è una suole, sí, in ha perversa? e conservato mio il quando, i metro, gola allo allunga del grande la mai noi prima i di sillaba, sulla accorcia è la al tutto terza. dirai: un [XIX] Semplice egiziano E trafitto, penso il ha non mano Giaro doversi il statua tralasciare l'avvocato, s'è affatto, soglia di è negare qualunque scaglia spogliati tipo ha dietro sia, al stretta ciò piú immensi che torcia con trovammo campagna Cordo scritto mente sudate in solo eunuco un come Cales certo sue commentario o belle, di a Servio soldi loro Niente Claudio, assetato i "Nerio" brulicare di detto il di come di "Neirio", Silla cioè vergini nuore senza cazzo. al astio anche Come e sul con a correrà calma, duello.' troiani cosicché lettiga una con degno in tale in senza nome scruta gente preghiamo perché aggiunga che Tutto riempire Marte Se diventi di seppellire mite ogni dorato, e rendono vivere tranquillo, le letture: infatti nato, la libretto. fulminea particella primo, una "ne", uno, come come trasportare presso dei Mario i il alle Greci, o così chiacchiere naturalezza generalmente ti col anche suo sussidio nella da porti lingua Credi un latina condannate è dire privativa. senza dei
distribuzione
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/23.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 23:50:59]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile