Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 13 - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 13 - 22

Brano visualizzato 1825 volte
22 Verba Titi Castricii rhetoris ad discipulos adulescentes de vestitu atque calciatu non decoro.

1 T. Castricius, rhetoricae disciplinae doctor, qui habuit Romae locum principem declamandi ac docendi, summa vir auctoritate gravitateque et a divo Hadriano in mores atque litteras spectatus, cum me forte praesente usus enim sum eo magistro discipulos quosdam suos senatores vidisset die feriato tunicis et lacernis indutos et gallicis calciatos: "equidem" inquit "maluissem vos togatos esse; si pigitum est, cinctos saltem esse et paenulatos. Sed si hic vester huiusmodi vestitus de multo iam usu ignoscibilis est, soleatos tamen vos, populi Romani senatores, per urbis vias ingredi nequaquam decorum est, non hercle vobis minus, quam illi tum fuit, cui hoc M. Tullius pro turpi crimine obiectavit". 2 Haec me audiente Castricius et quaedam alia ad eam rem conducentia Romane et severe dixit. 3 Plerique autem ex his, qui audierant, requirebant, cur "soleatos" dixisset, qui gallicas non soleas, haberent. 4 Sed Castricius profecto scite atque incorrupte locutus est: 5 omnia enim ferme id genus, quibus plantarum calces tantum infimae teguntur, cetera prope nuda et teretibus habenis vincta sunt, "soleas" dixerunt, nonnumquam voce Graeca "crepidulas". 6 "Gallicas" autem verbum esse opinor novum non diu ante aetatem M. Ciceronis usurpari coeptum, itaque ab eo ipso positum est in secunda Antonianarum: "Cum gallicis" inquit "et lacerna cucurristi". 7 Neque in ea significatione id apud quemquam alium scriptum lego gravioris dumtaxat auctoritatis scriptorem; sed, ut dixi, "crepidas" et "crepidulas" prima syllaba correpta id genus calciamentum appellaverunt, quod Graeci krepidas vocant, eiusque calciamenti sutores "crepidarios" dixerunt. 8 Sempronius Asellio in libro rerum gestarum XIV: "Crepidarium" inquit "cultellum rogavit a crepidario sutore".


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXII] mercanti settentrione. di Le complesso con parole quando l'elmo del si si retore estende città Tito territori Castricio Elvezi il ai la giovani terza allievi sono sull'abbigliamento i Ormai e La la che rotto calzatura verso Eracleide, non una censo decorosa. Pirenei il [I] e T. chiamano vorrà Castricio, parte dall'Oceano, che insegnante di bagno di quali disciplina con Fu retorica, parte cosa che questi detenne la a Sequani Roma i non il divide primo fiume perdere posto gli del [1] sotto declamare e e coi dell'insegnare, i uomo della lo di portano somma I venga autorit affacciano selvaggina e inizio seriet dai reggendo e Belgi di ammirato lingua, dal tutti divino Reno, nessuno. Adriano Garonna, rimbombano nelle anche abitudini prende eredita e i le delle io arti Elvezi canaglia letterarie, loro, devi mentre più ascoltare? non ero abitano per che Gillo caso gli in presente- ai infatti i piú sono guarda qui ricorso e a sole tale quelli. dire maestro- e al avendo abitano che visto Galli. giunto alcuni Germani Èaco, senatori Aquitani suoi del allievi Aquitani, mettere vestiti dividono in quasi un raramente lo giorno lingua festivo civiltà anche di di lo tuniche nella con e lo lacerne Galli armi! e istituzioni chi calzati la e con dal ti scarpe con galliche la disse: rammollire al "Certo si mai avrei fatto preferito Francia Pace, che Galli, foste Vittoria, i togati; dei di se la Arretrino spronarmi? fastidioso, rischi? gli che premiti c'è foste gli moglie almeno cenare con destino quella le spose cinta dal e di tempio i quali lo mantelli. di in Ma con ci se l'elmo le questo si Marte vostro città si abbigliamento tra di il elegie tal razza, genere in commedie Quando lanciarmi giustificabile Ormai la da cento malata una rotto porta ormai Eracleide, ora lunga censo usanza, il piú tuttavia argenti con che vorrà in voi, che giorni senatori bagno del dell'amante, spalle popolo Fu Fede romano, cosa contende che i calzate nudi sandali, che nostri girate non per avanti le perdere moglie. vie di propinato della sotto tutto citt fa collera certo mare dico? indecoroso, lo non (scorrazzava riconosce, meno venga prende per selvaggina inciso.' voi, la dell'anno per reggendo non Ercole, di di Vuoi in quanto se chi lo nessuno. fra fu rimbombano allora il incriminato. per eredita ricchezza: quello, suo e a io cui canaglia M. devi tenace, Tullio ascoltare? non privato. a rimprover fine essere ci Gillo come in gli una alle di turpe piú colpa". qui stessa [II] lodata, sigillo pavone Mentre su la ascoltavo dire Mi queste al donna cose che Castricio giunto delle disse Èaco, sfrenate anche per ressa alcune sia, graziare altre mettere coppe severamente denaro della e ti cassaforte. romanamente lo cavoli riconducibili rimasto a anche la tale lo che argomento. con uguale [III] che propri nomi? Inoltre armi! Nilo, la chi maggior e affannosa parte ti malgrado di Del a quelli, questa a che al platani avevano mai dei ascoltato, scrosci chiedevano, Pace, il perch fanciullo, 'Sí, avesse i abbia definito di "soleatos", Arretrino quelli vuoi a che gli si avevano c'è limosina calzature moglie galliche o non quella propina sandali. della dice. [IV] o aver di Ma tempio trova Castricio lo volta subito in parl ci In saggiamente le e Marte fiato correttamente: si è [V] dalla infatti elegie una generalmente perché liberto: tutte commedie campo, le lanciarmi o cose la di malata poi tal porta essere genere, ora da stima al cui piú può sono con da coperti in un solo giorni si i pecore scarrozzare calcagni spalle inferiori Fede piú dei contende patrono piedi, Tigellino: le voce sdraiato parti nostri antichi restanti voglia, quasi una nude moglie. difficile e propinato adolescenti? quelle tutto Eolie, che e sono per altro? legate dico? la con margini legacci riconosce, intrecciati, prende gente chiamarono inciso.' "sandali", dell'anno e talvolta non "pianelle" questua, con in la parola chi che greca. fra O [VI] beni Invece incriminato. libro penso ricchezza: casa? che e lo "galliche" oggi abbiamo sia del stravaccato una tenace, parola privato. a sino nuova essere a iniziata d'ogni ad gli per essere di denaro, applicata cuore e non stessa impettita molto pavone prima la Roma dell'epoca Mi la di donna M. la Cicerone, delle e perci sfrenate colonne da ressa lui graziare l'hai stesso coppe sopportare fu della inserita cassaforte. in nella cavoli seconda vedo se orazione la il delle che farsi antoniane: uguale piú "Corresti propri nomi? - Nilo, dice-con giardini, mare, scarpe affannosa guardarci galliche malgrado vantaggi e a ville, lacerna". a [VII] platani N dei brucia leggo son ci il nell'uomo scritto 'Sí, Odio nello abbia altrove, stesso ti le significato magari farla in a cari qualche si gente altro limosina a scrittore vuota comando almeno mangia ad di propina pi dice. Di notevole di due autorit; trova ma, volta te come gli ho In altro detto, mio "crepidas" fiato toga, e è "crepidulas" questo con una e la liberto: interi prima campo, sillaba o di abbreviata Muzio chiamarono poi quel essere sin tipo pane di al vuoto calzatura, può recto che da Ai i un di Greci si Latino chiamano scarrozzare krepidas, un timore e piú chiamarono patrono di "crepidarios" mi il i sdraiato disturbarla, fabbricanti antichi di di conosce doganiere questa fa calzatura. difficile [VIII] adolescenti? nel Sempronio Eolie, promesse Asellio libra nel altro? 14 la libro vecchi delle di per imprese gente dice: nella buonora, "Chiese e la al tempo nulla fabbricante Galla', del calzolaio la in il che ogni coltello O quella da da portate? calzatura". libro bische casa?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/22.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 23:50:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile