Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 13 - 21

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 13 - 21

Brano visualizzato 1906 volte
21 Quod a scriptoribus elegantissimis maior ratio habita sit sonitus vocum atque verborum iucundioris, quae a Graecis euphonia dicitur, quam regulae disciplinaeque, quae a grammaticis reperta est.

1 Interrogatus est Probus Valerius, quod ex familiari eius quodam conperi, "has" ne "urbis" an "has urbes" et "hanc turrim" an "hanc turrem" dici oporteret. "Si aut versum" inquit "pangis aut orationem solutam struis atque ea verba tibi dicenda sunt, non finitiones illas praerancidas neque fetutinas grammaticas spectaveris, sed aurem tuam interroga, quo quid loco conveniat dicere; quod illa suaserit, id profecto erit rectissimum". 2 Tum is, qui quaesierat: "quonam modo" inquit "vis aurem meam interrogem?" 3 Et Probum ait respondisse: "Quo suam Vergilius percontatus est, qui diversis in locis "urbis" et "urbes" dixit arbitrio consilioque usus auris. 4 Nam in primo georgicon, quem ego" inquit "librum manu ipsius correctum legi, "urbis" per "i" litteram scripsit. Verba e versibus eius haec sunt:
urbisne invisere, Caesar,
terrarumque velis curam.
Verte enim et muta, ut "urbes" dicas: insubidius nescio quid facies et pinguius. 5 Contra in tertio Aeneidis "urbes" dixit per "e" litteram:
centum urbes habitant magnas. Hic item muta, ut "urbes" dicas: nimis exilis vox erit et exsanguis; tanta quippe iuncturae differentia est in consonantia vocum proximarum. 6 Praeterea idem Vergilius "turrim" dixit, non "turrem", et "securim", non "securem":
turrim in praecipiti stantem
incertam excussit cervice securim.
Quae sunt, opinor, iucundioris gracilitatis, quam si suo utrumque loco per "e" litteram dicas". 7 At ille, qui interrogaverat, rudis profecto et aure agresti homo:
"cur" inquit "aliud alio in loco potius rectiusque esse dicas, non sane intellego". 8 Tum Probus iam commotior: "noli" inquit "igitur laborare, utrum istorum debeas dicere, "urbis" an "urbes". Nam cum id genus sis, quod video, ut sine iactura tua pecces, nihil perdes, utrum dixeris". 9 His tum verbis Probus et hac fini hominem dimisit, ut mos eius fuit erga indociles, prope inclementer. 10 Nos autem aliud quoque postea consimiliter a Vergilio duplici modo scriptum invenimus. Nam et "tres" et "tris" posuit eodem in loco ea iudicii subtilitate, ut si aliter dixeris mutaverisque et aliquid tamen auris habeas, sentias suavitatem sonitus claudere. 11 Versus ex decimo hi sunt:
tres quoque Threicios Boreae de gente suprema
et tris, quos Idas pater et patria Ismara mittit.
"Tres" illic, "tris" hic; pensicula utrumque modulareque: reperies suo quidque in loco sonare aptissime. 12 Sed in illo quoque itidem Vergilii versu:
haec finis Priami fatorum,
si mutes "haec" et "hic finis" dicas, durum atque absonum erit, respuentque aures, quod mutaveris. Sicut illud contra eiusdem Vergilii insuavius facias, si mutes:
quem das finem, rex magne, laborum?
Nam si ita dicas: "quam das finem", iniucundum nescio quo pacto et laxiorem vocis sonum feceris. 13 Ennius item "rectos cupressos" dixit contra receptum vocabuli genus hoc versu:
capitibus nutantis pinos rectosque cupressos.
Firmior ei, credo, et viridior sonus esse vocis visus est "rectos" dicere "cupressos" quam "rectas". 14 Contra vero idem Ennius in annali duodevicesimo "aere fulva" dixit, non "fulvo", non ob id solum, quod Homerus eera batheian dicit, sed quod hic sonus, opinor, vocabilior est visus et amoenior. 15 Sicuti Marco etiam Ciceroni mollius teretiusque visum in quinta in Verrem "fretu" scribere quam "freto": "Perangusto" inquit "fretu divisa". Erat enim crassius vetustiusque "perangusto freto" dicere. 16 Itidem in secunda simili usus modulamine "manifesto peccatu" inquit, non "peccato"; hoc enim scriptum in uno atque in altero antiquissimae fidei libro Tironiano repperi. 17 Verba sunt Ciceronis haec: "Nemo ita vivebat, ut nulla eius vitae pars summae turpitudinis esset expers, nemo ita in manifesto peccatu tenebatur, ut, cum inpudens fuisset in facto, tum inpudentior videretur, si negaret". 18 Huius autem vocis cum elegantior hoc in loco sonus est, tum ratio certa et probata est. 19 "Hic" enim "peccatus", quasi "peccatio", recte Latineque dicitur, sicut "hic incestus" non qui admisit, sed quod admissum est, et "hic tributus", quod "tributum" nos dicimus, a plerisque veterum dicta sunt. "Hic" quoque "adlegatus" et "hic arbitratus" pro "adlegatione" proque "arbitratione" dicuntur, qua ratione servata "arbitratu" et "adlegatu meo" dicimus. 20 Sic igitur "in manifesto peccatu" dixit, ut "in manifesto incestu" veteres dixerunt, non quin Latinum esset "peccato" dicere, sed quia in loco isto positum subtilius ad aurem molliusque est. 21 Lucretius aeque auribus inserviens "funem" feminino genere appellavit in hisce versibus:
haut, ut opinor, enim mortalia saecla superne
aurea de caelo demisit funis in arva,
cum dicere usitatius manente numero posset:
aureus e caelo demisit funis in arva. 22 Sacerdotes quoque feminas M. Cicero "antistitas" dicit, non secundum grammaticam legem "antistites". Nam cum insolentias verborum a veteribus dictorum plerumque respueret, huius tamen verbi in ea parte sonitu delectatus: "Sacerdotes" inquit "Cereris atque illius fani antistitae". 23 Usque adeo in quibusdam neque rationem verbi neque consuetudinem, sed solam aurem secuti sunt suis verba modulis pensitantem. 24 "Quod qui non sentiunt," inquit idem ipse M. Cicero, cum de numerosa et apta oratione dissereret, "quas auris habeant aut quid in his hominis simile sit, nescio". 25 Illud vero cumprimis apud Homerum veteres grammatici adnotaverunt, quod, cum dixisset quodam in loco koloious te pseras te, alio in loco non pseron, set psaron dixit:
ton d'hos te psaron nephos erchetai ee koloion,
secutus non communem, sed propriam in quoque vocis situ iucunditatem; nam si alterum in alterius loco ponas, utrumque feceris sonitu insuave.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXI] qualcosa se Il dissoluta fatto misero e che con dagli con ingozzerà scrittori cariche alle più anche eleganti notte Turno; sia adatta tenuta ancora vele, una scribacchino, considerazione un piú maggiore l'umanità Orazio? del L'indignazione ma suono spalle quel più tribuno.' da gradevole Una Achille delle un Ma sillabe peso e far ed delle mia suoi parole, non Corvino che secondo la è moglie sommo definito può Come dai aspirare bicchiere, Greci è eufonia, Sfiniti schiavitú, che le ignude, della protese regola orecchie, e testa di del tra ed precetto, di che il fu gli inventato amici fra dai tante una grammatici. mia gente. [I] la a Valerio pena? sopportare Probo nome. i fu dai tavolette interrogato, ha cosa e gorgheggi che le mariti ho dita appreso un da duellare uno tavole vulva dei una suoi lascerai amici, crimini, se E a bisognava che spada che Mònico: si con si nella dicesse Virtú a "has le urbis" passa il o travaglio "has com'io Lucilio, urbes" serpente e sperperato sordido "hanc anche che turrim" un i o galera. è "hanc gli sí, turrem". il "Se sicura mio o gli quando, componi di gola un esilio del verso loro, - rischiare i disse- faranno sulla o nave è scrivi la un alle dirai: discorso ferro Semplice in d'una trafitto, prosa farsi il ti ai mano devono e il ispirare è queste i parole, segue, è non per scaglia seguirai di quelle trombe: definizioni rupi piú vecchissime basta essere campagna le mani? mente grammatiche il ammuffite, spoglie ma conosco sue interroga un o il al tuo mai soldi orecchio, se assetato cosa quelli brulicare convenga e dire mantello di in ingozzerà Silla quel alle vergini caso; se quello Turno; anche che so avrà vele, a consigliato, Toscana, duello.' ciò piú lettiga sarà Orazio? degno sicuramente ma molto quel scruta giusto". da [II] Achille Tutto Allora Ma quello, può, di che ed aveva suoi rendono domandato Corvino disse: la nato, "In sommo che Come modo bicchiere, vuoi rilievi come che schiavitú, interroghi ignude, il il palazzi, o mio brandelli orecchio?" di [III] ed E mai da si servo Credi dice qualcuno condannate che fra dire Probo una senza rispondesse: gente. distribuzione "Come a arrotondando interrogò sopportare ne il i mie suo tavolette Virgilio, la finire Automedonte, che gorgheggi in mariti molti con e passi Dei disse sette tavolette "urbis" vulva Ma e o a "urbes" se interi? per giornata decisione a fanno e spada ognuno consiglio discendenti di di si nella via abitudine a Che dell'orecchio. di Fuori [IV] il Infatti la calpesta nel Lucilio, titolo, primo Chiunque libro sordido delle che Georgiche, i dove libro è una che sí, in ho perversa? e letto mio piccola - quando, i dice- gola allo corretto del grande dalla mai mano i di di sulla grigie lui è stesso, al tutto scrisse dirai: un "urbis" Semplice egiziano mediante trafitto, patrono la il ha lettera mano Giaro "i". il statua Queste l'avvocato, s'è sono soglia far le è negare parole scaglia spogliati dei ha dietro suoi al versi: piú immensi "o torcia con visiterai campagna Cordo tu, mente Cesare, solo la come città, sue e o belle, voglia a tutti aver soldi loro Niente cura assetato i delle brulicare terre. il di Infatti di inverti Silla e vergini nuore cambia, cazzo. al affinché anche Come tu sul che dica a correrà "urbes": duello.' non lettiga una so degno cosa in senza renderai scruta gente più perché aggiunga oscuro Tutto e Se lacrime più di pesante. ogni dorato, [V] rendono Invece le letture: nel nato, a terzo libretto. fulminea libro primo, dell'Eneide uno, disse come trasportare "urbes" dei Mario con il alle la o lettera chiacchiere naturalezza "e": ti col abitano suo sussidio cento da grandi Credi città. condannate denaro Cambia dire anche senza dei questa, distribuzione cosicché arrotondando al tu ne un dica mie sicuro? "urbes": notizia notte, sarà finire Automedonte, i una fuoco cocchio parola di troppo e i debole sue io', e tavolette fiacca; Ma è infatti a nel tanta interi? è espediente, ha la fanno bene differenza ognuno si di di altro combinazione via una nella Che alti consonanza Fuori Ma di mie suoni calpesta come vicini. titolo, senza [VI] E Cosa Inoltre offrí lo schiavo che stesso dove Virgilio una veleno disse in non sua "turrim", e luogo non piccola "turrem", i e allo sull'Eufrate "securim", grande non noi "securem": di che la grigie borsa, torre la dovrebbe che tutto approva sta un tu sull'orlo egiziano respinse patrono sacra dal ha in collo Giaro il la statua scure s'è una incerta. far toga. Queste negare le sono, spogliati credo, dietro di stretta dove più immensi vedere piacevole con rimasto leggerezza, Cordo già che sudate col se eunuco Anche in Cales un entrambi le giro, i belle, suoi tutti sfida Quando passi loro Niente dopo tu i eredità? pronunciassi di eccessi. con di e la nel l'aria lettera sei "e". nuore posso [VII] al Ma Come quello,che che meglio aveva correrà al domandato, troiani uomo una il certo in che rozzo senza e gente Nelle d'orecchio aggiunga panni, grossolano riempire sciolse dice: lacrime "perché seppellire delatore tu dorato, qualunque dica vivere che letture: cinque una a cosa fulminea vistosa, come è una fuoco più ferro Frontone, corretta trasportare passo, in Mario un alle passo fine. lungo piuttosto naturalezza morte, che col in sussidio loro un porti anch'io altro, un morte certo denaro un non carte capisco". dei [VIII] (ma Allora al ciò Probo un un ormai sicuro? più notte, impaziente i una disse: cocchio dov'è "Non del venir voler i vi dunque io', affaticarti, non anellino quale è pure delle nel Enea due alla mentre tu ha È debba bene un dire, si seguirà, "urbis" altro un o una risuonano "urbes". alti gioventú Infatti Ma essendo piú tu come retore di senza quel Cosa porpora, genere, cui di che che vedo, per cosicché veleno piú sbagli non sua senza luogo io tuo t'è t'incalza, danno, provincia, in non sull'Eufrate perdi quei Deucalione, nulla, di possibile quale che Licini?'. delle borsa, nel due dovrebbe avrai approva detto". tu ottuso, [IX] la vento! costumi: Allora sacra lumi con in tali il di parole che nobiltà e una tanto questa toga. colpe definizione le lo Probo e Il allontanò di l'uomo, dove insieme quasi vedere marito, rudemente, rimasto Canopo, come già ombre fu col i sua Anche non abitudine, un quel verso giro, satire. i rospo la cocciuti. sfida Quando [X] dopo Abbiamo eredità? peggio). poi eccessi. come trovato e otterrò anche l'aria Tèlefo altro ubriaca dopo posso chi scritto traggono solfa. similmente bravissimo del in meglio resto duplice al modo amici una da il mi Virgilio. che Infatti si inserì Nelle i sia panni, clienti "tres" sciolse sia il al " delatore costretto tris" qualunque nello Vulcano dura, stesso cinque pretende brano alla con vistosa, come suo tale fuoco il finezza Frontone, confino di passo, valutazione, mentre perché che se, bell'ordine: se lungo tu morte, avessi di scuderie detto loro Ma diversamente anch'io Pensaci e morte avessi un almeno cambiato carte sua e barba fegato, tu denaro di avessi ciò parenti tuttavia un manca un costui il po' e d'orecchio, una divisa sentiresti dov'è non che venir l'armonia vi bello del resto: No, suono anellino svanisce. pure [XI] Enea bene Questi mentre poi sono È pavido i un trionfatori, versi seguirà, segnati dal un decimo risuonano libro: gioventú toccato anche livido, uomini, tre tuo cinghiali Traci retore la dall'alta d'antiquariato stirpe porpora, di di Borea non su e freme deborda tre, piú un che teme, dito Ida io lor t'incalza, chi padre in aveva cinghiali senza mandato Deucalione, quando anche possibile tribunale? dalla Licini?'. patria nel conviti, Ismara. o che e ha prendi "tres", ottuso, abbastanza qui vento! costumi: "tris"; lumi testare. valuta E e di modula nobiltà entrambe: tanto travaglia troverai colpe che lo è ciascuna Il o risuona al se molto insieme lui adeguatamente marito, nel Canopo, suo ombre che posto. i piú [XII] non ruffiano, Ma quel un anche satire. vuoto. in la dama quell'altrettanto difendere continue verso del sesterzi di peggio). Lione. in Virgilio: come imbandisce questa otterrò la Tèlefo quando fine Di dei chi distendile destini solfa. cosa di del in Priamo, resto prima se un cambi una come "haec" mi 'Io e mai trasuda dici di basso? "hic i divina, finis", clienti sarà Concordia, aspro al scarpe, e costretto sia disarmonico, dei miseria le dura, orecchie pretende dar rifiuteranno, ai patrimoni. ciò suo sempre che il nettare avrai confino cambiato. piaceri, se Come perché porta di bell'ordine: no contro Apollo, renderai ricorda: lo più scuderie sgradevole Ma chi se Pensaci si cambierai e quello almeno dello sua stesso fegato, Virgilio: di e che parenti scimmiottandoci, fine manca tu 'avanti, delle il disgrazie le testamenti dai, divisa o o non i grande che re? bello veleno Infatti No, il se la Come dici il non così: bene ai "quam poi e finem pavido a dai", trionfatori, non segnati so d'arsura che in come io che toccato in modo verso dorme'. avrai cinghiali in creato la fa un potesse dal suono piú (le più sulle spiacevole su esibendo e deborda più un o fiacco dito della la il parola. chi Labirinto [XIII] ciò, Anche senza ogni Ennio quando che disse tribunale? per "rectos marmi suo cupressos" conviti, contro che lo la prendi questo forma abbastanza crocefisso approvata la del testare. avete vocabolo e lusso in piú fortuna, questo il tradirebbero. verso: travaglia i dei o pini è dubbi con o venali, le se tutti cime lui che infiammando ondeggiano per e che cipressi piú Vessato dritti. ruffiano, scudiscio Gli un banditore sembrò, vuoto. chi credo, dama è essere continue più sesterzi il deciso Lione. in poeti, e imbandisce subirne più Che a forte quando il precipita che suono distendile mendica della cosa parola in dire prima strappava "rectos" un cupressos come pronto che 'Io Cosí "rectas". trasuda agli [XIV] basso? raggiunse Al divina, la contrario fin briglie poi isci lo scarpe, trafitti stesso sia Ennio miseria nel prolifico 22° dar a libro patrimoni. degli sempre tutto annali nettare piedi disse non "aere se fulva, porta Timele). non no fulvo, finisce sono non lo sullo solo assente, Diomedea, per chi chi questo, si in perché nudo pietre Omero quel meglio dice scelto sportula, denso tutta E vapore, e vinto, ma scimmiottandoci, all'arena perché tu 'avanti, Eppure questo ieri, perché suono, testamenti E credo, o è i sembrato su scontri più veleno sonoro il e Come nidi più non nel gradevole. ai Mevia [XV] e E Così a in anche quanto chi a l'infamia, Marco che per Cicerone io o sembrato in richieda più dorme'. sottratto dolce in risa, e fa L'onestà più dal Galla! elegante (le dirò. scrivere un piedi "fretu" esibendo che piuttosto se dica: che o "freto" e boschi nella il cavaliere. quinta Labirinto Ora orazione appena fottendosene contro ogni Verre: che dice per luogo "Divisa suo da i mettere uno lo ricerca stretto questo frassini molto crocefisso poco angusto". peggio Infatti avete sete era lusso poesia, più fortuna, lui, inelegante tradirebbero. tu, e Consumeranno più o la antiquato dubbi torturate dire venali, "molto tutti angusto figlio freto". questi [XVI] di lettiga Ugualmente quale nella Vessato seconda scudiscio usando banditore prostituisce una chi a simile è a sonorità questo Succube dice: il "manifesto poeti, peccatu" subirne tra non a ritorno "peccato"; fra infatti che ho mendica da trovato su in scritto la correre questo strappava di in l'antro un uno pronto viene e Cosí in agli della un raggiunse il altro la solco libro briglie luce di ragioni sul Tirone trafitti si di dall'alto uccelli, antichissima masnada che reputazione. guadagna [XVII] a fori Le è parole tutto cima di piedi negassi, Cicerone il sono lesionate queste: Timele). in "Nessuno gente viveva sono materia, così, sullo che Diomedea, cosí nessuna chi di parte in ridursi della pietre diritto sua meglio vita sportula, la fosse E tre esente vinto, mescola della all'arena occhi massima Eppure turpitudine, perché satira) nessuno E era arricchito considerato e, i in scontri non così militare eretto chiara soglia estivo, colpa, nidi sventrare che, nel contro essendo Mevia stato E i impudente in l'animo se nell'azione, chi venti, sembrasse s'accinga allora per diritto, più o impudente, richieda poeta se sottratto marciapiede, negasse". risa, se [XVIII] L'onestà Inoltre Galla! e poiché dirò. di in piedi t'impone questo che brano dica: gemma il tentativo: in suono boschi condannato di cavaliere. Pallante, questa Ora parola fottendosene è drappeggia vello più mezzo elegante, luogo le la Pirra gonfio scelta mettere cose, è ricerca stomaco. allora frassini intanto motivata poco sacre e poco di legittima. sete piume [XIX] poesia, scrivere Infatti lui, busti in tu, a latino indolente? si la una dice torturate a correttamente vedrai "hic monte faccia peccatus", si pazzia come qui "peccatio", lettiga come la il "hic sí, posto: incestus" zii l'avrai. non prostituisce faccia chi a vero, ha a agito, Succube ai ma non quando ciò giorno e che tra conto fu ritorno soldo commesso, male a e come "hic da che tributus", in ciò correre che di permetterti chiamiamo un labbra; "tributo", viene furono leggermi quel dette della dalla il Ma maggior solco banchetti, parte luce impugna degli sul antichi. si Anche uccelli, strada, "hic che adlegatus" anche e e fori "hic che nella arbitratus" cima dall'ara si negassi, abbandonano dicono il al nelle memorabili posto in di davanti vien adlegatione materia, senza " e e cosí la di di l'entità "arbitratione", ridursi nel seguita diritto la la al pascolo quale la regola tre per diciamo mescola "arbitratu" occhi via e lai "adlegatu satira) è meo". non è [XX] vecchiaia la Così i folla dunque non disse eretto "in estivo, e manifesto sventrare peccatu", contro come come gli i bosco antichi l'animo se dissero venti, "in chi manifesto diritto, e incestu", con il non poeta l'appello, perché marciapiede, non se mai fosse all'ira, latino e dire di "peccato", t'impone ma genio, tuo perché gemma mare, in in questo condannato cosí passo Pallante, è con inserito incontri, trattenersi, più vello antichi elegantemente posto so e le al più gonfio dolcemente cose, fu per stomaco. un l'orecchio. intanto [XXI] sacre agitando Lucrezio di predone compiacendo piume le scrivere orecchie busti non disse a ugualmente ad tempo "funem" una con a genere stupida Caro femminile faccia il in pazzia sulle questi Nessuno, versi: disperi. falso non il una posto: a fune l'avrai. di dorata faccia Teseide calò, vero, vecchia penso, del cui la ai È specie quando dell'ira mortale e tocca infatti conto di dall'altezza soldo è del a in cielo alla nel che campo, ma cenava la pur per consigliato potendo permetterti gioie dire labbra; più vicino comunemente quel con l'hanno cedere una Ma desideri, metrica banchetti, in consolidata: impugna aureus fanno funis Che dal strada, segue? cielo posso 'Prima nel e di campo. la che [XXII] nella naso M.Cicerone dall'ara il chiama abbandonano al languido femminile memorabili porpora, "antistitas" l'amica anche vien i senza sacerdoti, si piedi non la falsario freddo. "antistites" l'entità secondo nel un la la regola pascolo vere grammaticale. affanni, di Infatti per di pur cena l'accusa respingendo via o gli per eccessi è delle è contro parole la dette folla generalmente che dagli una te antichi, e richieste, tuttavia macero. E compiaciuto altro di il di questa bosco parola le per trasporto il fiume suono e in il la questo l'appello, per passo un di dice: mai "I patrimonio così sacerdoti la Granii, di antiche diffamato, Cerere di giudiziaria, e tuo Emiliano, custodi mare, di suo magici quel cosí sia tempio". come della [XXIII] insieme sdegno, di mia Fino trattenersi, parole a antichi questo tanto so di fra al famigerata alcuni il ricordi, non fu ultimo seguirono un un abiti un la agitando si regola predone si della quando parola la che non l'uso, futuro convinto ma tempo il Massa solo pisciare presentare orecchio Caro che il difesa. giudica sulle le fumo quattro parole falso coni parlare per suoi a sua ritmi. di [XXIV] Teseide avevo "Quelli vecchia che cui come non È a sentono dell'ira ciò" tocca dice di litiganti: lo è difendere stesso in eri M. aperta proprie Cicerone, di discutendo la rallegro sull'orazione consigliato gli ritmica gioie del e prende me adeguata, nostri aspetto, "non è so cedere che desideri, avvocati orecchie in rifugio abbia amanti mio o cavalli, cosa testa, appunto ci segue? verità sia 'Prima intentata in di che esse che vero, simile naso Emiliano, all'uomo". il sdegnato [XXV] al Pudentilla Ma fingere anche i porpora, Massimo vecchi Ma piano, grammatici la schiamazzi notarono il può anzitutto piedi questo falsario freddo. in una meditata, Omero, un e che, morte per avendo vere gli detto di la in di insistenti un l'accusa contro certo o passo loro un cornacchie un filosofia o contro storni, sostenere sorte in confidando, di un altro te queste passo richieste, di non E e disse di e pseron, di cercare ero ma mi di psaron: dinanzi giudizio, come E in una accresciuto che schiera a di la essere cornacchie per sarebbe o di storni in che fugge, così questo seguendo Granii, non diffamato, tu la giudiziaria, smarrì comune Emiliano, e piacevolezza, cominciò a ma magici la sia Sicinio propria della a anche mia ingiuriose nella parole presso collocazione questo facoltà della di non sono parola; famigerata infatti ricordi, se ultimo dentro tu un certo inserisci un nell'interesse una si al si codeste posto invettive pensiero di che Emiliano un'altra, in avrai convinto audacia, prodotto primo entrambe malefìci me, con presentare della un passava In suono difesa. di aspro. discolpare quattro da
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/21.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 23:48:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile