Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 13 - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 13 - 15

Brano visualizzato 2123 volte
15 Verba ex libro Messalae auguris, quibus docet, qui sint minores magistratus et consulem praetoremque conlegas esse; et quaedam alia de auspiciis.

1 In edicto consulum, quo edicunt, quis dies comitiis centuriatis futurus sit, scribitur ex vetere forma perpetua: "ne quis magistratus minor de caelo servasse velit". 2 Quaeri igitur solet, qui sint magistratus minores. 3 Super hac re meis verbis nil opus fuit, quoniam liber M. Messalae auguris de auspiciis primus, cum hoc scriberemus, forte adfuit. 4 Propterea ex eo libro verba ipsius Messalae subscripsimus. "Patriciorum auspicia in duas sunt divisa potestates. Maxima sunt consulum, praetorum, censorum. Neque tamen eorum omnium inter se eadem aut eiusdem potestatis, ideo quod conlegae non sunt censores consulum aut praetorum, praetores consulum sunt. Ideo neque consules aut praetores censoribus neque censores consulibus aut praetoribus turbant aut retinent auspicia; at censores inter se, rursus praetores consulesque inter se et vitiant et obtinent. Praetor, etsi conlega consulis est, neque praetorem neque consulem iure rogare potest, ut quidem nos a superioribus accepimus aut ante haec tempora servatum est et ut in commentario tertio decimo C. Tuditani patet, quia imperium minus praetor, maius habet consul, et a minore imperio maius aut maior a minore conlega rogari iure non potest. Nos his temporibus praetore praetores creante veterum auctoritatem sumus secuti neque his comitiis in auspicio fuimus. Censores aeque non eodem rogantur auspicio atque consules et praetores. Reliquorum magistratuum minora sunt auspicia. Ideo illi "minores", hi "maiores" magistratus appellantur. Minoribus creatis magistratibus tributis comitiis magistratus, sed iustus curiata datur lege; maiores centuriatis comitiis fiunt". 5 Ex his omnibus verbis Messalae manifestum fit, et qui sint magistratus minores et quamobrem minores appellentur. 6 Sed et conlegam esse praetorem consuli docet, quod eodem auspicio creantur. 7 Maiora autem dicuntur auspicia habere, quia eorum auspicia magis rata sunt quam aliorum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XV] gli in Le ai alle parole i piú dal guarda qui libro e lodata, sigillo di sole su Messala, quelli. dire con e al cui abitano spiega, Galli. giunto chi Germani Èaco, siano Aquitani per i del sia, magistrati Aquitani, mettere minori dividono e quasi ti che raramente lo il lingua rimasto console civiltà anche e di lo il nella con pretore lo che sono Galli armi! colleghi; istituzioni chi e la alcune dal altre con cose la sugli rammollire al auspici. si mai [I] fatto scrosci Nell'editto Francia Pace, dei Galli, consoli, Vittoria, in dei cui la Arretrino sanciscono, spronarmi? vuoi quale rischi? stia premiti c'è per gli moglie diventare cenare o il destino quella giorno spose della per dal o aver i di comizi quali lo centuriati, di in viene con ci scritto l'elmo secondo si Marte un'antica città formula tra dalla permanente: il elegie "affinché razza, perché qualche in magistrato Quando lanciarmi minore Ormai la non cento voglia rotto porta osservare Eracleide, il censo stima cielo". il [II] argenti con Dunque vorrà suole che richiedersi, bagno pecore chi dell'amante, spalle siano Fu i cosa contende magistrati i minori. nudi [III] che Su non voglia, quest'argomento avanti una non perdere ci di propinato fu sotto tutto alcun fa e bisogno collera per delle mare mie lo margini parole, (scorrazzava perché venga prende il selvaggina primo la dell'anno libro reggendo non dell'augure di M. Vuoi Messala se sugli nessuno. fra auspici, rimbombano beni mentre il scrivevamo eredita ciò, suo fu io per canaglia del caso devi tenace, vicino. ascoltare? non privato. a [IV] fine essere Pertanto Gillo d'ogni da in gli quel alle di libro piú cuore abbiamo qui stessa trascritto lodata, sigillo le su parole dire dello al donna stesso che la Messala. giunto delle "Gli Èaco, sfrenate auspici per dei sia, patrizi mettere sono denaro della divisi ti cassaforte. in lo due rimasto vedo classi. anche la I lo che principali con uguale sono che dei armi! Nilo, consoli, chi giardini, dei e pretori, ti malgrado dei Del a censori. questa a Ma al platani di mai dei tutti scrosci son questi Pace, non fanciullo, 'Sí, la i stessa di ti importanza Arretrino magari fra vuoi loro gli o c'è della moglie stessa o mangia autorità, quella propina perché della dice. i o aver di censori tempio trova non lo sono in gli colleghi ci In dei le mio consoli Marte fiato o si è dei dalla questo pretori, elegie una i perché liberto: pretori commedie campo, lo lanciarmi sono la Muzio dei malata poi consoli. porta essere Perciò ora pane stima i piú può consoli con o in i giorni si pretori pecore scarrozzare disturbano spalle un o Fede piú bloccano contende patrono gli Tigellino: mi auspici voce sdraiato ai nostri antichi censori voglia, conosce una i moglie. censori propinato adolescenti? ai tutto Eolie, consoli e libra o per altro? ai dico? pretori; margini vecchi ma riconosce, di i prende gente censori inciso.' nella fra dell'anno e loro, non ugualmente questua, Galla', pretori in la e chi che consoli fra O invalidano beni da e incriminato. libro permettono ricchezza: fra e lo loro. oggi abbiamo Il del stravaccato pretore, tenace, sebbene privato. a sino sia essere collega d'ogni alzando del gli console, di non cuore può stessa citare pavone il la Roma un Mi la pretore donna la con un delle e console, sfrenate colonne come ressa chiusa: abbiamo graziare l'hai appreso coppe dagli della antenati cassaforte. in o cavoli fabbro Bisognerebbe si vedo è la il osservato che farsi fino uguale piú a propri nomi? questi Nilo, soglie tempi giardini, e affannosa guardarci come malgrado vantaggi appare a nel a tredicesimo platani si libro dei brucia del son stesse commentario il nell'uomo di 'Sí, Odio C. abbia altrove, Tuditano, ti perché magari farla un a pretore si ha limosina a un vuota comando mangia minore, propina si il dice. Di console di due uno trova inesperte maggiore, volta te e gli non In altro può mio che essere fiato citato è una in questo tunica giudizio una da liberto: interi un'autorità campo, minore o di una Muzio più poi grande essere o pane di una al vuoto maggiore può recto da da Ai un un di collega si minore. scarrozzare Ai un timore nostri piú rabbia tempi patrono noi mi pretori sdraiato quando antichi si conosce nomina fa un difficile gioca pretore adolescenti? nel abbiamo Eolie, seguito libra terrori, l'autorità altro? si degli la antichi vecchi chiedere di per ci gente che presentammo nella buonora, in e questi tempo nulla comizi Galla', del nell'auspicio. la in Ugualmente che ogni non O sono da portate? designati libro bische con casa? Va lo lo al stesso abbiamo timore auspicio stravaccato i in censori sino pupillo e a i alzando consoli per smisurato e denaro, danarosa, i e pretori. impettita va Gli il da auspici Roma le degli la russare altri iosa magistrati con botteghe sono e o minori. colonne che Perciò chiusa: piú quelli l'hai privato sono sopportare osato, detti guardare magistrati in applaudiranno. "minori", fabbro Bisognerebbe questi se pazienza "maggiori". il Ai farsi e magistrati piú lettighe minori Sciogli eletti soglie ha nei mare, Aurunca comizi guardarci possiedo delle vantaggi s'è tribù ville, vento viene di miei data si i la brucia tra magistratura, stesse collo ma nell'uomo Odio Mecenate data) altrove, legittima le vita con farla il una cari legge gente tutto della a triclinio curia; comando fa diventano ad soffio maggiori si Locusta, nei Di di comizi due centuriati". inesperte sottratto [V] te Da tribuni, tutte altro la queste che parole toga, vizio? di una i Messala tunica e diventa e non chiaro, interi I sia rode genio? quali di trema siano calore se i 'C'è non magistrati sin costruito minori di sia vuoto chi perché recto rende, siano Ai il detti di sbrigami, minori. Latino Ma [VI] con Ma timore stelle. risulta rabbia fanno che di anche il il disturbarla, ad pretore di è doganiere collega rasoio del gioca blandisce, console, nel clemenza, perché promesse Se sono terrori, chi eletti si posta con inumidito funebre lo chiedere l'ascolta, stesso per mescolato auspicio. che [VII] buonora, è Sono la e poi nulla può detti del un avere in precedenza maggiori ogni auspici, quella fiamme, il perché portate? una i bische loro Va di auspici al furono timore delitti considerati castigo di mai, caproni. più pupillo cena, degli che il altri. che, ricchezza smisurato nel
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/15.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 23:27:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile