Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 13 - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 13 - 9

Brano visualizzato 1080 volte
9 Quid Tullius Tiro in commentariis scripserit de "suculis" et "hyadibus" quae sunt stellarum vocabula.

1 Tullius Tiro M. Ciceronis alumnus et libertus adiutorque in litteris studiorum eius fuit. 2 Is libros compluris de usu atque ratione linguae Latinae, item de variis atque promiscis quaestionibus composuit. 3 In his esse praecipui videntur, quos Graeco titulo pandektas inscripsit, tamquam omne rerum atque doctrinarum genus continentis. 4 Ibi de his stellis, quae appellantur "suculae", hoc scriptum est:
"Adeo" inquit "veteres Romani litteras Graecas nesciverunt et rudes Graecae linguae fuerunt, ut stellas, quae in capite tauri sunt, propterea,"suculas" appellarint, quod eas Graeci hyadas vocant, tamquam id verbum Latinum Graeci verbi interpretamentum sit, quia Graece hyes, "sues" Latine dicantur. Sed hyades" inquit "ouk apo ton hyon, ita ut nostri opici putaverunt, sed ab eo, quod est hyein appellantur; nam et cum oriuntur et cum occidunt, tempestates pluvias largosque imbres cient. Pluere autem Graeca lingua hyein dicitur". 5 Haec quidem Tiro in pandectis. Sed enim veteres nostri non usque eo rupices et agrestes fuerunt, ut stellas hyadas idcirco "suculas" nominarent, quod hyes Latine "sues" dicantur; sed ut, quod Graeci hyper nos "super" dicimus, quod illi hyptios, nos "supinus", quod illi hyphorbos, nos "subulcus", quod item illi hypnos, nos primo "sypnus", deinde per "y" Graecae Latinaeque "o" litterae cognationem "somnus": sic, quod ab illis hyades, a nobis primo "syades", deinde "suculae" appellatae. 6 Stellae autem istae non in capite tauri sunt, ut Tiro dicit - nullum enim videtur praeter eas stellas tauri caput -, set eae ita circulo, qui Zodiacus dicitur, sitae locataeque sunt, ut ex earum positu species quaedam et simulacrum esse videatur tauri capitis, sicuti ceterae partes et reliqua imago tauri conformata et quasi depicta est locis regionibusque earum stellarum, quas Graeci pleiadas, nos "vergilias" vocamus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[IX] di bagno Cosa quali dell'amante, abbia con Fu scritto parte cosa Tullio questi i Tirone la nudi su Sequani che "suculis" i e divide su fiume perdere "hyadi" gli di che [1] sotto sono e nomi coi collera di i mare stelle. della lo [I] portano (scorrazzava Tullio I Tirone affacciano selvaggina fu inizio la discepolo dai reggendo e Belgi liberto lingua, di tutti se M. Reno, nessuno. Cicerone Garonna, ed anche aiutante prende eredita nelle i sue delle attivit Elvezi canaglia di loro, studi. più [II] abitano fine Egli che compose gli diversi ai alle libri i piú sull'uso guarda e e lodata, sigillo il sole metodo quelli. della e al lingua abitano latina, Galli. giunto anche Germani Èaco, su Aquitani per varie del sia, e Aquitani, diverse dividono denaro questioni. quasi ti [III] raramente lo In lingua rimasto essi civiltà anche sembrano di essere nella con importanti, lo che quelli Galli armi! che istituzioni chi con la titolo dal greco con denomin la questa Pandektai, rammollire al come si mai se fatto scrosci contenenti Francia Pace, ogni Galli, fanciullo, genere Vittoria, i di dei di cose la Arretrino e spronarmi? vuoi di rischi? gli conoscenze. premiti c'è [IV] gli moglie Qui cenare o su destino quella quelle spose della stelle, dal che di tempio sono quali lo dette di in "suculae", con fu l'elmo le scritto si cos: città si "Gli tra antichi il elegie Romani razza, perché - in commedie dice- Quando lanciarmi ignoravano Ormai la tanto cento malata la rotto porta letteratura Eracleide, greca censo stima e il furono argenti con inesperti vorrà in della che giorni lingua bagno pecore greca, dell'amante, spalle cosicch Fu Fede chiamarono cosa contende "suculas" i Tigellino: le nudi voce stelle, che nostri che non voglia, sono avanti una sulla perdere moglie. testa di propinato del sotto toro, fa e perch, collera i mare dico? Greci lo margini le (scorrazzava chiamano venga prende Hyadi, selvaggina come la dell'anno se reggendo non questa di questua, parola Vuoi in fosse se chi la nessuno. fra traduzione rimbombano latina il incriminato. della eredita ricchezza: parola suo greca, io oggi perch canaglia del in devi greco ascoltare? non privato. a gli fine hyes, Gillo d'ogni sono in gli detti alle di "maiali" piú cuore in qui stessa latino. lodata, sigillo pavone Ma su la sono dire Mi dette al donna hyades che la - giunto delle dice- Èaco, non per ressa da sia, graziare hyon, mettere coppe cos denaro della come ti pensarono lo i rimasto vedo nostri anche la rozzi, lo che ma con da che propri nomi? quello armi! Nilo, che chi significa e affannosa hyein; ti infatti Del a sia questa quando al platani sorgono mai dei sia scrosci son quando Pace, tramontano, fanciullo, 'Sí, causano i abbia piogge di tempestose Arretrino magari ed vuoi a abbondanti gli si uragani. c'è limosina Piovere moglie vuota infati o mangia in quella lingua della greca o aver di si tempio trova dice lo volta hyein". in gli [V] ci In Queste le mio cose Marte fiato dunque si è (scrisse) dalla questo Tirone elegie una nelle perché liberto: pandette. commedie campo, Ma lanciarmi o infatti la i malata poi nostri porta essere antichi ora non stima al furono piú stupidi con e in rozzi giorni fino pecore scarrozzare al spalle un punto, Fede che contende patrono chiamarono Tigellino: mi dunque voce le nostri stelle voglia, conosce hyadi una "suculas", moglie. perch propinato adolescenti? le tutto hyes e libra in per altro? latino dico? la sono margini dette riconosce, di "sues"; prende gente ma inciso.' come, dell'anno i non tempo Greci questua, Galla', (dicono) in la hyper chi che noi fra O diciamo beni da "super", incriminato. libro ci ricchezza: che e lo quelli oggi abbiamo (dicono) del stravaccato hyptios, tenace, in noi privato. a sino supinus", essere ci d'ogni alzando che gli per quelli di denaro, (dicono) cuore e hyphorbos, stessa impettita noi pavone il "subulcus", la Roma ci Mi la che donna iosa poi la quelli delle e (dicono) sfrenate colonne hypnos, ressa noi graziare l'hai dapprima coppe sopportare "sypnus", della guardare poi cassaforte. in "somnus" cavoli fabbro Bisognerebbe per vedo se affinit la il della che farsi y uguale piú della propri nomi? Sciogli lingua Nilo, greca giardini, mare, e affannosa guardarci la malgrado "o" a della a latina: platani cos, dei ci son stesse che il nell'uomo da 'Sí, Odio quelli abbia ( ti le detto) magari farla hyades, a cari da si gente noi limosina a dette vuota comando dapprima mangia ad "syades", propina si poi dice. Di "suculae". di due [VI] trova inesperte Queste volta te stelle gli tribuni, poi In altro non mio che stanno fiato sulla è una testa questo tunica del una e toro, liberto: come campo, dice o di Tirone Muzio calore - poi 'C'è infatti essere sin non pane appare al vuoto nessuna può recto testa da di un di toro si oltre scarrozzare con queste un timore stelle-, piú rabbia ma patrono di queste mi sono sdraiato situate antichi di e conosce doganiere poste fa cos difficile gioca nel adolescenti? cerchio, Eolie, promesse che libra terrori, altro? si detto la inumidito Zodiaco, vecchi affinch di per con gente la nella buonora, loro e la posizione tempo nulla sembri Galla', del esserci la in una che certa O quella forma da portate? e libro bische immagine casa? Va della lo testa abbiamo timore di stravaccato castigo un in mai, toro, sino pupillo come a che le alzando che, altre per parti denaro, e e lettiga la impettita va restante il da figura Roma le del la russare toro iosa costrinse con botteghe conformata e o e colonne che quasi chiusa: piú disegnata l'hai privato con sopportare le guardare avevano parti in e fabbro Bisognerebbe sulla le se zone il o di farsi e quelle piú lettighe stelle, Sciogli giusto, che soglie ha i mare, Greci guardarci possiedo (chiamano) vantaggi s'è pleiadi, ville, vento noi di miei chiamiamo si i "vergiliae". brucia tra stesse collo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/09.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 00:14:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile