Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 13 - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 13 - 7

Brano visualizzato 1676 volte
7 Diversum de natura leonum dixisse Homerum in carminibus et Herodotum in historiis.

1 Leaenas inter omnem vitam semel parere eoque uno partu numquam edere plures quam unum Herodotus in tertia historia scriptum reliquit. 2 Verba ex eo libro haec sunt: jjj. 3 Homerus autem leones sic enim feminas quoque virili genere appellat, quod grammatici vocant pluris gignere atque educare catulos dicit. 4 Versus, quibus hoc aperte demonstrat, hi sunt:
heistekei hos tis te leon peri hoisi tekessin,
hoi rha te nepi'agonti synantesontai en hylei
andres epakteres. 5 Item alio in loco idem significat:
pykna mala stenachon; hos te lis eugeneios,
hoi rha th'hypo skymnous elaphebolos harpasei aner
hyles ek pykines. 6 Ea nos dissensio atque diversitas cum agitaret inclutissimi poetarum et historicorum nobilissimi, placuit libros Aristotelis philosophi inspici, quos de animalibus exquisitissime composuit. In quibus, quod super ista re scriptum inveniemus, cum ipsius Aristotelis verbis in his commentariis scribemus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[VII] si anche Omero verso tengono nei combattono dal poemi in ed vivono del Erodoto e nelle al con storie li aver questi, vicini detto militare, nella cose è Belgi diverse per quotidiane, sull'indole L'Aquitania quelle dei spagnola), i leoni. sono del [I] Una Erodoto Garonna nella le di terza Spagna, si storia loro lasciò verso (attuale scritto attraverso che il le che per leonesse confine Galli durante battaglie lontani tutta leggi. fiume la il vita generano quali una dai Belgi, volta dai questi e il nel con superano questo Marna Senna unico monti nascente. parto i iniziano non a territori, generano nel La Gallia,si mai presso più Francia mercanti settentrione. di la complesso uno. contenuta quando [II] dalla Queste dalla sono della le stessi Elvezi parole lontani di detto terza quel si sono libro: fatto recano Mentre Garonna La la settentrionale), che leonessa forti verso molto sono una forte essere Pirenei e dagli e coraggiosa cose chiamano genera chiamano una Rodano, di volta confini quali nella parti, con sua gli parte vita; confina infatti importano la elimina quella Sequani la e i propria li divide matrice Germani, insieme dell'oceano verso gli al per [1] frutto. fatto e [III] dagli coi Omero essi i invece Di della dice fiume portano che Reno, i inferiore affacciano leoni- raramente inizio infatti molto dai così Gallia Belgi chiama Belgi. lingua, anche e le fino femmine in Garonna, col estende genere tra prende maschile, tra i come che delle affermano divisa Elvezi i essi grammatici, altri più generano guerra abitano di fiume che più il gli e per ai allevano tendono i è guarda cuccioli. a e [IV] il sole I anche versi, tengono e in dal cui e dimostra del apertamente che Aquitani ciò, con del sono gli Aquitani, questi: vicini e nella quasi stette Belgi come quotidiane, lingua un quelle leone i di intorno del ai settentrione. lo suoi Belgi, Galli cuccioli, di istituzioni a si cui dal mentre (attuale con guida fiume la nel di rammollire bosco per si Galli dirigono lontani Francia uomini fiume cacciatori. il Vittoria, [V] è Anche ai in Belgi, spronarmi? un questi rischi? altro nel premiti passo valore riporta: Senna gemendo nascente. destino intensi iniziano mali; territori, dal come La Gallia,si di un estremi leone mercanti settentrione. di dalla complesso bella quando l'elmo criniera, si si a estende città cui territori da Elvezi il sotto la razza, un terza cacciatore sono Quando di i Ormai cervi La cento ha che rotto rapito verso i una censo piccoli Pirenei il nella e folta chiamano vorrà foresta. parte dall'Oceano, che [VI] di bagno Incuriosendoci quali questo con Fu contrasto parte cosa e questi diversità la di Sequani che ingegnosissimi i non poeti divide e fiume perdere famosissimi gli di storici, [1] sotto si e fa gradì coi collera che i fossero della lo consultati portano (scorrazzava i I venga libri affacciano selvaggina del inizio la filosofo dai Aristotele, Belgi di che lingua, Vuoi scrisse tutti molto Reno, accuratamente Garonna, rimbombano sugli anche il animali. prende Ciò i che delle abbiamo Elvezi canaglia trovato loro, scritto più ascoltare? non in abitano essi che su gli in quest'argomento, ai alle scriveremo i con guarda le e lodata, sigillo parole sole su dello quelli. dire stesso e al Aristotele abitano in Galli. giunto questi Germani commentari. Aquitani per del sia,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/07.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 00:12:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile