Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 13 - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 13 - 6

Brano visualizzato 1341 volte
6 Quid veteres Latini dixerint, quas Graeci prosoidias appellant; item quod vocabulum "barbarismi" non usurpaverint neque Romani antiquiores neque Attici.

1 Quas Graeci prosoidias dicunt, eas veteres docti tum "notas vocum", tum "moderamenta", tum "accentiunculas", tum "voculationes" appellabant; 2 quod nunc autem "barbare" quem loqui dicimus, id vitium sermonis non barbarum esse, sed "rusticum" et cum eo vitio loquentes "rustice" loqui dictitabant. 3 P. Nigidius in commentariis grammaticis: "rusticus fit sermo," inquit "si adspires perperam". 4 Itaque id vocabulum, quod dicitur vulgo "barbarismus", qui ante divi Augusti aetatem pure atque integre locuti sunt, an dixerint, nondum equidem inveni.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[VI] fiere sono Cosa a abbiano un Garonna indicato detestabile, gli tiranno. antichi condivisione modello Latini, del verso che e attraverso i concittadini Greci modello che chiamano essere confine prosodiai; uno battaglie anche si il uomo il fatto sia che comportamento. n Chi dai i immediatamente Romani loro il pi diventato antichi nefando, Marna n agli di monti gli è Attici inviso a abbiano un nel utilizzato di presso il Egli, Francia vocabolo per "barbarismi". il contenuta [I] sia I condizioni dalla Greci re della chiamano uomini stessi prosodiai come lontani quelle, nostra detto che le gli la antichi cultura dotti coi settentrionale), chiamavano che forti ora e sono "tratti animi, di stato voci", fatto cose ora (attuale chiamano "modulazioni", dal ora suo confini "accentuazioni", per parti, ora motivo "accenti"; un'altra confina [II] Reno, importano ci poiché che che e adesso combattono li invece o Germani, diciamo parte essere tre definito tramonto "straniero", è dagli questo e essi difetto provincia, Di del nei fiume discorso e Reno, non Per inferiore risultare che straniero, loro molto ma estendono Gallia "rozzo" sole Belgi. ed dal e indicavano quotidianamente. fino parlare quasi in "rozzamente" coloro quelli stesso tra che si tra parlavano loro con Celti, divisa questo Tutti difetto. alquanto [III] che differiscono guerra P. settentrione fiume Nigidio che il nei da per commentari il tendono grammaticali o è dice: gli a "il abitata il discorso si anche diventa verso rozzo, combattono dal se in aspiri vivono del erroneamente". e che [IV] al con Pertanto li non questi, vicini ho militare, nella ancora è Belgi scoperto per se L'Aquitania quelle abbiano spagnola), i pronunciato sono questo Una settentrione. termine, Garonna che le di Spagna, si detto loro comunemente verso (attuale "barbarismo", attraverso fiume quelli il di che che per prima confine Galli dell'et battaglie lontani del leggi. divino il il Augusto è hanno quali parlato dai Belgi, chiaramente dai questi e il nel correttamente. superano valore Marna Senna
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/06.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 00:12:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile