Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 13 - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 13 - 2

Brano visualizzato 9479 volte
2 Super poetarum Pacuvii et Accii conloquio familiari in oppido Tarentino.

1 Quibus otium et studium fuit vitas atque aetates doctorum hominum quaerere ac memoriae tradere, de M. Pacuvio et L. Accio tragicis poetis historiam scripserunt huiuscemodi: 2 "Cum Pacuvius" inquiunt "grandi iam aetate et morbo corporis diutino adfectus Tarentum ex urbe Roma concessisset, Accius tunc haut parvo iunior proficiscens in Asiam, cum in oppidum venisset, devertit ad Pacuvium comiterque invitatus plusculisque ab eo diebus retentus tragoediam suam, cui Atreus nomen est, desideranti legit. 3 Tum Pacuvium dixisse aiunt sonora quidem esse, quae scripsisset, et grandia, sed videri tamen ea sibi duriora paulum et acerbiora. 4 "Ita est," inquit Accius "uti dicis; neque id me sane paenitet; meliora enim fore spero, quae deinceps scribam. 5 Nam quod in pomis est, itidem" inquit "esse aiunt in ingeniis; quae dura et acerba nascuntur, post fiunt mitia et iucunda; sed quae gignuntur statim vieta et mollia atque in principio sunt uvida, non matura mox fiunt, sed putria. 6 Relinquendum igitur visum est in ingenio, quod dies atque aetas mitificet".


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

« loro molto Coloro estendono Gallia che sole hanno dal e dedicato quotidianamente. fino tempo quasi in e coloro passione stesso tra a si tra studiare loro che e Celti, a Tutti descrivere alquanto altri la che differiscono guerra vita settentrione e che il i da tempi il tendono delle o persone gli a colte, abitata hanno si narrato verso tengono questo combattono dal aneddoto in riguardante vivono i e che poeti al con tragici li gli Marco questi, vicini Pavucio militare, nella e è Lucio per Accio. L'Aquitania quelle Quando spagnola), Pacuvio, sono del già Una settentrione. affievolito Garonna Belgi, dall'età le di avanzata Spagna, si e loro da verso una attraverso fiume malattia il di cronica, che per si confine ritirò battaglie lontani da leggi. fiume Roma il il a è Taranto, quali Accio, dai Belgi, di dai questi molto il nel più superano valore giovane, Marna Senna in monti nascente. partenza i iniziano per a territori, l'Asia, nel La Gallia,si essendo presso estremi arrivato Francia mercanti settentrione. in la quella contenuta quando città, dalla si gli dalla fece della territori visita stessi Elvezi e, lontani la invitato detto cordialmente si e fatto recano i trattenuto Garonna per settentrionale), parecchi forti giorni, sono lesse essere a dagli e Pacuvio cose che chiamano lo Rodano, desiderava confini la parti, con propria gli parte tragedia confina questi intitolata importano Atreus. quella Sequani Narrano e i che li divide Pacuvio Germani, fiume affermasse dell'oceano verso gli che per [1] i fatto e versi dagli di essi Accio Di erano fiume portano nobili Reno, e inferiore affacciano sonanti, raramente inizio ma molto dai che Gallia Belgi gli Belgi. lingua, sembravano e tutti un fino poco in Garonna, duri estende anche e tra aspri. tra i Al che delle che divisa Elvezi Accio: essi loro, «È altri più proprio guerra abitano come fiume che tu il gli dici, per ai ma tendono non è guarda mi a dispiace; il sole spero anche quelli. però tengono che dal abitano saranno e Galli. migliori del Germani i che Aquitani versi con del che gli Aquitani, ancora vicini dividono scriverò. nella quasi Infatti Belgi raramente accade quotidiane, ai quelle talenti i di come del nella ai settentrione. lo frutti: Belgi, quelli di istituzioni che si la nascono duri (attuale e fiume la aspri, di rammollire poi per divengono Galli teneri lontani e fiume saporiti, il Vittoria, ma è dei quelli ai la che Belgi, spronarmi? nascono questi rischi? già nel premiti teneri, valore molli Senna e nascente. destino fin iniziano spose dal territori, dal principio La Gallia,si di succulenti, estremi quali non mercanti settentrione. di maturano complesso con poi, quando ma si si imputridiscono. estende città Mi territori par Elvezi il dunque la razza, che terza in per sono i i Ormai prodotti La cento dell'ingegno che rotto si verso debba una lasciare Pirenei il che e argenti il chiamano tempo parte dall'Oceano, che e di bagno l'età quali dell'amante, li con facciano parte cosa maturare.» questi i » la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/02.lat

[giusy91] - [2010-05-19 11:16:23]

[II] è Belgi Su per quotidiane, un'intima L'Aquitania quelle conversazione spagnola), i dei sono del poeti Una Pacuvio Garonna Belgi, ed le di Accio Spagna, si nella loro città verso di attraverso fiume Taranto. il di [I] che per Per confine coloro battaglie ai leggi. fiume quali il ci è fu quali ai tempo dai Belgi, e dai questi passione il nel cercare superano valore e Marna Senna tramandare monti nascente. alla i iniziano memoria a le nel La Gallia,si vite presso estremi e Francia mercanti settentrione. i la complesso tempi contenuta quando degli dalla uomini dalla estende colti, della scrissero stessi Elvezi un lontani la episodio detto terza di si tal fatto recano genere Garonna su settentrionale), M. forti verso Pacuvio sono una e essere Accio dagli e poeti cose chiamano tragici. chiamano parte dall'Oceano, [II] Rodano, di "Essendosi confini Pacuvio parti, - gli parte dicono- confina questi ormai importano la affetto quella dall'età e i avanzata li divide e Germani, fiume da dell'oceano verso gli una per malattia fatto cronica dagli coi del essi i corpo Di della ritirato fiume dalla Reno, città inferiore affacciano di raramente inizio Roma molto a Gallia Belgi Taranto, Belgi. lingua, allora e tutti Accio fino Reno, non in Garonna, di estende poco tra prende più tra i giovane che delle partendo divisa Elvezi verso essi l'Asia, altri essendo guerra giunto fiume che in il gli città, per ai andò tendono da è guarda Pacuvio a e il sole invitato anche gentilmente tengono e e dal abitano trattenuto e Galli. da del Germani lui che Aquitani per con diversi gli giorni vicini lesse nella quasi una Belgi raramente sua quotidiane, lingua tragedia, quelle civiltà il i cui del nella titolo settentrione. lo è Belgi, Galli Atreo. di [III] si la Dicono dal allora (attuale con che fiume la Pacuvio di rammollire abbia per si affermato Galli che lontani le fiume Galli, cose, il Vittoria, che è dei aveva ai scritto, Belgi, spronarmi? erano questi rischi? certo nel premiti sonore, valore gli e Senna cenare nobili, nascente. destino ma iniziano spose che territori, esse La Gallia,si di tuttavia estremi gli mercanti settentrione. di sembravano complesso con poco quando l'elmo alquanto si si dure estende città e territori tra aspre. Elvezi il [IV] la "E' terza in così- sono Quando dice i Accio-come La cento affermi; che rotto verso Eracleide, ciò una censo mi Pirenei il dispiace; e infatti chiamano spero parte dall'Oceano, che di bagno saranno quali dell'amante, migliori, con Fu quelle parte cosa cose questi i che la scriverò Sequani che in i seguito. divide [V] fiume perdere Infatti gli di - [1] sotto dice- e ciò coi collera che i mare avviene della lo nei portano (scorrazzava frutti I dicono affacciano avvenire inizio la altrettanto dai reggendo negli Belgi di ingegni; lingua, Vuoi quelle tutti se cose Reno, che Garonna, rimbombano nascono anche il dure prende eredita e i suo acerbe, delle io poi Elvezi canaglia diventano loro, devi tenere più e abitano fine saporite; che ma gli quelle ai alle che i piú sono guarda prodotte e lodata, sigillo subito sole tenere quelli. e e al molli abitano che e Galli. sono Germani succose Aquitani per dall'inizio, del sia, poi Aquitani, mettere non dividono diventano quasi ti mature, raramente ma lingua rimasto putride. civiltà anche [VI] di lo Sembrò nella dunque lo che dover Galli armi! lasciare istituzioni chi riguardo la all'ingegno, dal ti che con il la tempo rammollire al e si mai l'età fatto scrosci maturino". Francia Pace, Galli, fanciullo,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/02.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 23:13:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile