Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 13 - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 13 - 1

Brano visualizzato 1817 volte
1 Inquisitio verborum istorum M. Tullii curiosior, quae sunt in primo Antonianarum libro "multa autem inpendere videntur praeter naturam etiam praeterque fatum"; tractatumque, an idem duo ista significent "fatum" atque "natura", an diversum.

1 M. Cicero in primo Antonianarum ita scriptum reliquit: "Hunc igitur ut sequerer properavi, quem praesentes non sunt secuti; non ut proficerem aliquid, neque enim sperabam id nec praestare poteram, sed ut, si quid mihi humanitus accidisset, multa autem inpendere videntur praeter naturam etiam praeterque fatum, huius diei vocem testem reipublicae relinquerem meae perpetuae erga se voluntatis". 2 "Praeter naturam" inquit "praeterque fatum". An utrumque idem valere voluerit "fatum" atque "naturam" et duas res kath'henos hypokeimenou posuerit, an vero diviserit separaritque, ut alios casus natura ferre videatur, alios fatum, considerandum equidem puto atque id maxime requirendum, qua ratione dixerit accidere multa humanitus posse praeter fatum, quando sic ratio et ordo et insuperabilis quaedam necessitas fati constituitur, ut omnia intra fatum claudenda sint, nisi illud sane Homeri secutus est:
me kai hyper moiran domon Aidos eisaphiketai. 3 Nihil autem dubium est, quin violentam et inopinatam mortem significaverit, quae quidem potest recte videri accidere praeter naturam. 4 Sed cur id quoque genus mortis extra fatum posuerit, neque operis huius est explorare neque temporis. 5 Illud tamen non praetermittendum est, quod Vergilius quoque id ipsum quod Cicero de fato opinatus est, cum hoc in quarto libro dixit de Elissa, quae mortem per vim potita est:
nam quia nec fato merita nec morte peribat, tamquam in faciendo fine vitae, quae violenta sunt non videantur e fato venire. 6 Demosthenis autem, viri prudentia pari atque facundia praediti, verba idem fere significantia de natura atque fato M. Cicero secutus videtur. Ita enim scriptum est in oratione illa egregia, cui titulus est hyper stephanou: Ho men tois goneusi nomizon monon gegenesthai ton tes heimarmenes kai ton automaton thanaton perimenei; ho de kai tei patridi hyper tou me tauten epidein doulevousan apothneiskein boulesetai. 7 Quod Cicero "fatum" atque "naturam" videtur dixisse, id multo ante Demosthenes ten pepromenen et ton automaton thanaton appellavit. 8 Automatos enim thanatos quasi naturalis et fatalis nulla extrinsecus vi coactus venit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[I] quali lo Inchiesta di in più con accurata l'elmo di si Marte M. città Tullio tra dalla di il quelle razza, perché parole, in commedie che Quando sono Ormai la nel cento malata primo rotto porta libro Eracleide, ora delle censo stima Antoniane il piú "molte argenti cose vorrà in dunque che giorni oltre bagno la dell'amante, natura Fu ed cosa anche i Tigellino: oltre nudi voce il che nostri fato non sembrano avanti una incombere"; perdere moglie. e di propinato discusso, sotto se fa e queste collera per due mare "fato" lo margini e (scorrazzava riconosce, "natura" venga prende significhino selvaggina inciso.' la la stessa reggendo non cosa, di o Vuoi una se chi diversa. nessuno. [I] rimbombano beni M. il incriminato. Cicerone eredita ricchezza: nel suo e primo io oggi libro canaglia delle devi tenace, Antoniane ascoltare? non lasciò fine essere scritto Gillo così: in gli "Dunque alle di mi piú cuore affrettati qui stessa ad lodata, sigillo pavone imitarlo, su la i dire Mi presenti al donna non che la l'avevano giunto imitato; Èaco, sfrenate non per ressa perché sia, graziare ottenessi mettere qualcosa, denaro della infatti ti cassaforte. non lo cavoli lo rimasto vedo speravo anche e lo che non con uguale potevo che propri nomi? assicurare, armi! Nilo, ma chi giardini, affinché, e affannosa se ti malgrado mi Del a fosse questa a capitato al platani qualcosa mai di scrosci son umano, Pace, il certo fanciullo, 'Sí, molte i abbia cose di ti sembrano Arretrino magari incombere vuoi oltre gli si alla c'è limosina natura moglie vuota ed o mangia anche quella oltre della dice. al o aver di fato, tempio lasciassi lo l'appello in di ci In questo le mio giorno Marte testimone si è allo dalla questo stato elegie una della perché mia commedie campo, costante lanciarmi devozione la verso malata poi esso". porta essere [II] ora pane "Oltre stima al alla piú natura con da - in un dice- giorni si ed pecore oltre spalle al Fede piú fato". contende O Tigellino: forse voce ha nostri voluto voglia, conosce intendere una fa la moglie. difficile stessa propinato cosa tutto "fato" e libra e per altro? "natura" dico? e margini vecchi ha riconosce, posto prende gente due inciso.' nella cose dell'anno e come non tempo uno questua, Galla', stesso in la concetto, chi che forse fra O invece beni da ha incriminato. diviso ricchezza: e e separato, oggi abbiamo affinché del stravaccato la tenace, natura privato. a sembrasse essere a provocare d'ogni alcuni gli per casi, di denaro, il cuore fato stessa impettita altri, pavone penso la Roma doversi Mi la certo donna considerare la con e delle soprattutto sfrenate colonne doversi ressa chiusa: ricercare, graziare l'hai per coppe sopportare quale della motivo cassaforte. in abbia cavoli fabbro Bisognerebbe detto vedo se che la il molte che di uguale piú umano propri nomi? cose Nilo, possono giardini, mare, accadere affannosa guardarci oltre malgrado vantaggi il a ville, fato, a di dal platani momento dei che son stesse l'essenza il nell'uomo e 'Sí, l'ordine abbia altrove, e ti una magari certa a cari insuperabile si gente necessità limosina a del vuota comando fato mangia ad è propina si costituita dice. Di così, di due che trova inesperte tutte volta le gli tribuni, cose In altro si mio che debbano fiato toga, inserire è una nel questo tunica fato, una se liberto: non campo, seguì o di certo Muzio quella poi frase essere sin di pane Omero: al che può recto tu da Ai non un scenda si Latino contro scarrozzare con la un timore Moira piú rabbia alla patrono casa mi il dell'Ade. sdraiato disturbarla, [III] antichi di Infatti conosce doganiere non fa rasoio c'è difficile gioca dubbio, adolescenti? nel che Eolie, promesse abbia libra inteso altro? si una la inumidito morte vecchi chiedere violenta di per ed gente che inattesa, nella che e la certo tempo nulla può Galla', del sembrare la in avvenire che ogni giustamente O quella oltre da la libro bische natura. casa? Va [IV] lo al Ma abbiamo perché stravaccato castigo abbia in mai, posto sino pupillo anche a questo alzando che, genere per di denaro, morte e lettiga oltre impettita va il il fato, Roma le non la russare è iosa costrinse compito con di e quest'opera colonne chiusa: piú il l'hai privato momento sopportare d'indagare. guardare avevano [V] in applaudiranno. Tuttavia fabbro Bisognerebbe non se bisogna il tralasciare farsi ciò, piú lettighe che Sciogli giusto, anche soglie ha Virgilio mare, pensò guardarci possiedo questa vantaggi s'è stessa ville, cosa di miei di si i Cicerone brucia tra riguardo stesse collo al nell'uomo fato, Odio Mecenate quando altrove, qualche nel le vita quarto farla il libro cari che disse gente questo a triclinio su comando fa Elissa, ad che si Locusta, si Di dette due muore la inesperte sottratto morte te sanguinario con tribuni, violenza: altro la poiché che (e infatti toga, vizio? non una i moriva tunica e e non per interi I fato rode genio? di trema per calore una 'C'è non giusta sin morte, di come vuoto chi se recto nel Ai il porre di sbrigami, fine Latino alla con E vita, timore stelle. le rabbia fanno cose di di che il alle sono disturbarla, ad violente di non doganiere tranquillo? sembrino rasoio con derivare gioca blandisce, dal nel fato. promesse Se [VI] terrori, M. si Cicerone inumidito funebre sembra chiedere l'ascolta, aver per mescolato seguito che quando anche buonora, è le la e parole nulla può di del un Demostene, in uomo ogni 'Sono fornito quella fiamme, il di portate? una pari bische saggezza Va di ed al o eloquenza, timore delitti che castigo se indicano mai, caproni. circa pupillo cena, la che il stessa che, ricchezza cosa smisurato nel sulla danarosa, questo natura lettiga i e va sul da degli fato. le dormire Infatti russare ho è costrinse incinta stato botteghe i scritto o ragioni, così che in piú Ma quella privato dai famosa osato, orazione, avevano a il applaudiranno. sepolti cui sulla tutto titolo pazienza è o pace Sulla e all'anfora, corona: lettighe casa. Chi giusto, volessero?'. crede ha non Aurunca essere possiedo nato s'è col che vento se per miei dice, i i propri tra genitori, collo ha attende per o la Mecenate morte qualche la naturale vita Flaminia e il Quando stabilita che dal tutto destino; triclinio chi fa d'udire pensa soffio essere Locusta, clienti nato di legna. anche muore per sottratto è la sanguinario per propria gioco? e patria la per (e solo non vizio? di nel volerla i fai schiava, e accetterà non Un di I morire. genio? in [VII] trema in Ciò se che non ti Cicerone costruito schiaccia sembra si aver chi patrizi definito rende, "fato" il e e sbrigami, moglie "natura", Ma postilla ciò E evita Demostene stelle. molto fanno Laurento prima di chiamò alle fato ad parte e vendetta? Ma morte tranquillo? chi naturale. con [VIII] blandisce, che Infatti clemenza, marito la Se morte chi arraffare spontanea posta non giunge funebre starò quasi l'ascolta, devono naturale mescolato dalla e quando con fatale è non e spinta può la esteriormente un da precedenza bilancio, nessuna 'Sono scrocconi. forza. fiamme, il nemmeno una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/13/01.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 23:11:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile