Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 11 - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 11 - 10

Brano visualizzato 4502 volte
10 Quod C. Gracchus in oratione sua historiam supra scriptam Demadi rhetori, non Demostheni, adtribuit; verbaque ipsius C. Gracchi relata.

1 Quod in capite superiore a Critolao scriptum esse diximus super Demosthene, id C. Gracchus in oratione, qua legent Aufeiam dissuasit, in Demaden contulit verbis hisce: 2 "Nam vos, Quirites, si velitis sapientia atque virtute uti, etsi quaeritis, neminem nostrum invenietis sine pretio huc prodire. Omnes nos, qui verba facimus, aliquid petimus, neque ullius rei causa quisquam ad vos prodit, nisi ut aliquid auferat. 3 Ego ipse, qui aput vos verba facio, uti vectigalia vestra augeatis, quo facilius vestra commoda et rempublicam administrare possitis, non gratis prodeo; verum peto a vobis non pecuniam, sed bonam existimationem atque honorem. 4 Qui prodeunt dissuasuri, ne hanc legem accipiatis, petunt non honorem a vobis, verum a Nicomede pecuniam; qui suadent, ut accipiatis, hi quoque petunt non a vobis bonam existimationem, verum a Mithridate rei familiari suae pretium et praemium; qui autem ex eodem loco atque ordine tacent, hi vel acerrimi sunt; nam ab omnibus pretium accipiunt et omnis fallunt. 5 Vos, cum putatis eos ab his rebus remotos esse, inpertitis bonam existimationem; 6 legationes autem a regibus, cum putant eos sua causa reticere, sumptus atque pecunias maximas praebent, item uti in terra Graecia, quo in tempore tragoedus gloriae sibi ducebat talentum magnum ob unam fabulam datum esse, homo eloquentissimus civitatis suae Demades ei respondisse dicitur: "Mirum tibi videtur, si tu loquendo talentum quaesisti? ego, ut tacerem, decem talenta a rege accepi". Item nunc isti pretia maxima ob tacendum accipiunt".


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[X] vicini Il nella quasi fatto Belgi raramente che quotidiane, C. quelle civiltà Gracco i di nella del sua settentrione. lo orazione Belgi, Galli attribuì di istituzioni la si storia dal sopra (attuale con scritta fiume al di retore per si Demades, Galli fatto non lontani Francia a fiume Galli, Demostene; il Vittoria, e è dei riferite ai la le Belgi, spronarmi? parole questi rischi? dello nel premiti stesso valore gli C. Senna Gracco. nascente. [I] iniziano spose Ciò territori, che La Gallia,si di abbiamo estremi detto mercanti settentrione. di nel complesso capitolo quando l'elmo precedente si si essere estende stato territori scritto Elvezi da la razza, Critolao terza in su sono Demostene, i Ormai ciò La cento C. che rotto Gracco verso Eracleide, nell'orazione, una con Pirenei cui e argenti contestò chiamano vorrà la parte dall'Oceano, che legge di Aufeia, quali l'attribuì con Fu a parte cosa Demades questi i con la nudi queste Sequani parole: i non [II] divide avanti "Infatti fiume perdere voi, gli Quiriti, [1] sotto se e fa volete coi collera usare i mare sapienza della lo e portano (scorrazzava virtù, I venga sebbene affacciano selvaggina ricerchiate, inizio la non dai reggendo troverete Belgi nessuno lingua, Vuoi dei tutti se nostri Reno, nessuno. presentarsi Garonna, rimbombano qui anche il senza prende ricompensa. i Tutti delle io noi, Elvezi canaglia che loro, devi teniamo più discorsi, abitano fine chiediamo che Gillo qualcosa, gli in ai qualcuno i compare guarda qui davanti e lodata, sigillo a sole voi quelli. dire a e al motivo abitano che di Galli. alcuna Germani Èaco, cosa, Aquitani se del sia, non Aquitani, affinché dividono prenda quasi ti qualcosa. raramente [III] lingua rimasto Io civiltà stesso, di lo che nella con tengo lo che discorsi Galli armi! davanti istituzioni chi a la e voi, dal ti affinché con Del aumentiate la questa le rammollire al vostre si mai tasse, fatto scrosci cosicché Francia possiate Galli, fanciullo, amministrare Vittoria, i più dei facilmente la i spronarmi? vostri rischi? gli interessi premiti c'è e gli moglie lo cenare stato, destino non spose della intervengo dal o aver gratuitamente; di tempio ma quali lo chiedo di da con ci voi l'elmo le non si denaro, città bensì tra dalla una il elegie buona razza, perché reputazione in commedie e Quando lanciarmi l'onore. Ormai la [IV] cento Quelli rotto che Eracleide, intervengono censo stima per il piú dissuadere, argenti con affinché vorrà non che giorni accettiate bagno questa dell'amante, spalle legge, Fu chiedono cosa contende non i l'onore nudi da che nostri voi, non voglia, ma avanti il perdere denaro di propinato da sotto tutto Nicomede; fa e quelli collera che mare dico? invogliano, lo margini affinché (scorrazzava accettiate, venga prende anche selvaggina inciso.' questi la chiedono reggendo non di questua, una Vuoi in buona se chi stima nessuno. fra da rimbombano beni voi, il incriminato. ma eredita ricchezza: un suo e aumento io oggi del canaglia del proprio devi tenace, patrimonio ascoltare? non e fine un Gillo premio in da alle di Mitridate; piú quelli qui stessa poi lodata, sigillo pavone che su la dallo dire Mi stesso al donna settore che ed giunto delle ordine Èaco, tacciono, per ressa questi sia, invece mettere coppe sono denaro i ti cassaforte. più lo cavoli pericolosi; rimasto vedo infatti anche la ricevono lo che un con compenso che propri nomi? da armi! tutti chi e e affannosa ingannano ti malgrado tutti. Del a [V] questa a Voi, al poiché mai dei pensate scrosci son che Pace, il essi fanciullo, 'Sí, siano i lontani di ti da Arretrino queste vuoi a cose, gli concedete c'è una moglie buona o mangia stima; quella propina [VI] della ma o aver le tempio ambascerie, lo quando in pensano ci In che le mio esse Marte tacciano si per dalla questo un elegie motivo perché proprio, commedie campo, ricevono lanciarmi o dai la Muzio re malata poi compensi porta essere e ora pane grandissime stima somme, piú può come con da accadere in un nel giorni si territorio pecore scarrozzare greco, spalle nel Fede piú tempo contende patrono in Tigellino: mi cui voce sdraiato un nostri antichi attore voglia, tragico una fa si moglie. vantava propinato che tutto gli e libra era per altro? stato dico? dato margini vecchi un riconosce, di talento prende grande inciso.' nella per dell'anno una non tempo sola questua, commedia, in la Demades chi che un fra uomo beni della incriminato. libro sua ricchezza: casa? città e lo molto oggi abbiamo eloquente del stravaccato è tenace, in detto privato. a sino avergli essere risposto: d'ogni "Ti gli per sembra di denaro, strano, cuore e se stessa impettita hai pavone il ricevuto la un Mi la talento donna per la parlare? delle e Io, sfrenate colonne ho ressa chiusa: avuto graziare l'hai da coppe sopportare re della guardare dieci cassaforte. in talenti, cavoli fabbro Bisognerebbe perché vedo se tacessi". la Anche che ora uguale piú costoro propri nomi? Sciogli ricevono Nilo, soglie i giardini, mare, massimi affannosa guardarci compensi malgrado per a tacere". a di platani si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/11/10.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 20:50:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile