Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 10 - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 10 - 1

Brano visualizzato 4375 volte
1 "Tertium"ne consul an "tertio" dici oporteat; et quonam modo Cn. Pompeius, cum in theatro, quod erat dedicaturus, honores suos inscriberet, quaestionem ancipitem istius verbi de consilio Ciceronis vitaverit.

1 Familiari meo cuipiam litteras Athenis Romam misi. 2 In his scriptum fuit me illi iam "tertium" scripsisse. 3 Is ad me rescripsit petivitque, ut rationem dicerem, cur "tertium" ac non "tertio" scripsissem. Id etiam adscripsit, ut eadem, quid super illo quoque mihi videretur, facerem se certiorem, "tertium"ne "consul" et "quartum" an "tertio" et "quarto" dicendum esset, quoniam Romae doctum virum dicere audisset "tertio" et "quarto consul", non "tertium quartum"que; idque in principio libri . . . Coelium scripsisse et Quintum Claudium in libro undevicesimo C. Marium creatum "septimo" consulem dixisse. 4 Ad haec ego rescripsi nihil amplius quam verba M. Varronis, hominis, opinor, quam fuit Claudius cum Coelio doctioris, quibus verbis utrumque, de quo ad me scripserat, decideretur; 5 nam et Varro satis aperte, quid dici oporteret, edocuit, et ego adversus eum, qui doctus esse dicebatur, litem meam facere absens nolui. 6 Verba M. Varronis ex libro disciplinarum quinto haec sunt: "Aliud est "quarto" praetorem fieri et "quartum", quod "quarto" locum adsignificat ac tres ante factos, "quartum" tempus adsignificat et ter ante factum. Igitur Ennius recte, quod scripsit:

Quintus pater quartum fit consul,


et Pompeius timide, quod in theatro, ne adscriberet "consul tertium" aut "tertio", extremas litteras non scripsit."

7 Quod de Pompeio Varro breviter et subobscure dixit, Tiro Tunius, Ciceronis libertus, in epistula quadam enarratius scripsit ad hunc ferme modum: "Cum Pompeius" inquit "aedem Victoriae dedicaturus foret, cuius gradus vicem theatri essent, nomenque eius et honores inscriberentur, quaeri coeptum est, utrum "consul tertio" inscribendum esset an "tertium". Eam rem Pompeius exquisitissime rettulit ad doctissimos civitatis, cumque dissentiretur et pars "tertio", alii "tertium" scribendum contenderent, rogavit" inquit "Ciceronem Pompeius, ut, quod ei rectius videretur, scribi iuberet." Tum Ciceronem iudicare de viris doctis veritum esse, ne, quorum opinionem inprobasset, ipsos videretur inprobasse. "Persuasit igitur Pompeio, ut neque "tertium" neque "tertio" scriberetur, sed ad secundum usque "t" fierent litterae, ut verbo non perscripto res quidem demonstraretur, sed dictio tamen ambigua verbi lateret."

8 Id autem, quod et Varro et Tiro dixerunt, in eodem nunc theatro non est ita scriptum. 9 Nam cum multis annis postea scaena, quae prociderat, refecta esset, numerus tertii consulatus non uti initio primoribus litteris, sed tribus tantum lineolis incisis significatus est.

10 In M. autem Catonis quarta origine ita perscriptum est: "Carthaginienses sextum de foedere decessere." Id verbum significat quinquiens ante eos fecisse contra foedus et tum sextum. 11 Graeci quoque in significandis huiuscemodi rerum numeris triton kai tetarton dicunt, quod congruit cum eo, quod Latine dicitur: "tertium quartumque".


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[I] la Se malata poi debba porta essere essere ora detto stima al « piú tertium con » in un console giorni si o pecore scarrozzare « spalle un terzio Fede piú »;e contende in Tigellino: mi che voce sdraiato modo nostri Cn. voglia, conosce Pompeo, una fa incidendo moglie. difficile i propinato adolescenti? suoi tutto Eolie, elogi e libra nel per altro? teatro, dico? che margini vecchi stava riconosce, di per prende gente essere inciso.' nella dedicato, dell'anno e su non consiglio questua, di in la Cicerone chi risolse fra O la beni da questione incriminato. incerta ricchezza: casa? di e tale oggi parola. del stravaccato [I] tenace, in Ho privato. a sino mandato essere a da d'ogni alzando Atene gli per lettere di denaro, a cuore e un stessa impettita certo pavone mio la amico Mi la a donna Roma. la [II] delle In sfrenate esse ressa fu graziare scritto coppe sopportare che della guardare io cassaforte. in gli cavoli avevo vedo scritto la già che per uguale piú la propri nomi? Sciogli terza Nilo, soglie volta. giardini, mare, [III] affannosa Egli malgrado vantaggi mi a ville, rispose a di e platani si chiese, dei che son dicessi il nell'uomo il 'Sí, motivo, abbia altrove, perché ti le avessi magari farla scritto a cari "tertium" si gente e limosina non vuota comando "tertio". mangia ad Scrisse propina si anche dice. Di ciò, di con trova la volta te stessa, gli tribuni, affinché, In altro m'informassi mio cosa fiato toga, anche è una a questo tunica me una risultasse liberto: interi su campo, rode quello, o di se Muzio calore si poi 'C'è dovesse essere sin dire pane di "tertium" al vuoto console può recto e da Ai "quartum" un di o si "tertio" scarrozzare con e un timore "quarto", piú rabbia perché patrono a mi il Roma sdraiato disturbarla, aveva antichi sentito conosce doganiere che fa un difficile uomo adolescenti? nel colto Eolie, promesse diceva libra "tertio" altro? si e la inumidito "quarto" vecchi chiedere console, di per non gente "tertium nella buonora, e e la quartum"; tempo nulla e Galla', del che la Celio che ogni aveva O quella scritto?all'inizio da portate? del libro bische libro casa? Va e lo che abbiamo timore Quinto stravaccato Claudio in mai, aveva sino pupillo detto a che nel alzando che, 21° per smisurato C. denaro, Mario e fatto impettita va console il "septimo". Roma le [IV] la russare A iosa costrinse queste con botteghe cose e non colonne che risposi chiusa: piú niente l'hai più sopportare osato, notevole guardare delle in parole fabbro Bisognerebbe di se M.Varrone, il uomo, farsi e penso, piú lettighe più Sciogli giusto, colto soglie ha di mare, Aurunca quanto guardarci possiedo fu vantaggi s'è Claudio ville, vento per di miei Celio, si i decidesse brucia con stesse quali nell'uomo parole Odio Mecenate delle altrove, qualche due, le vita di farla il cui cari che mi gente tutto aveva a scritto; comando fa [V] ad infatti si Locusta, anche Di Varrone due muore insegnò inesperte sottratto abbastanza te sanguinario chiaramente, tribuni, gioco? cosa altro bisognava che (e essere toga, vizio? detto, una i ed tunica e io e non interi I volli rode genio? da di trema lontano calore se intraprendere 'C'è una sin costruito mia di discussione vuoto chi contro recto colui, Ai il che di era Latino Ma ritenuto con E essere timore dotto. rabbia fanno [VI] di di Queste il alle sono disturbarla, le di vendetta? parole doganiere tranquillo? di rasoio con M. gioca blandisce, Varrone nel dal promesse Se quinto terrori, libro si delle inumidito funebre discipline: chiedere l'ascolta, "Altro per mescolato è che quando diventare buonora, è "quarto" la e pretore nulla può e del un "quartum", in precedenza perché ogni 'Sono "quarto" quella fiamme, il indica portate? l'ordine bische aspetti? e Va di nominati al o tre timore delitti prima, castigo "quartum" mai, caproni. indica pupillo il che il tempo che, e smisurato nel nominato danarosa, tre lettiga volte va anche prima. da degli Perciò le dormire Ennio russare ho correttamente, costrinse incinta scrisse botteghe questo: o ragioni, Quinto che il piú padre privato diventa osato, per avevano a la applaudiranno. sepolti quarta sulla tutto volta pazienza proprio console, o pace e e Pompeo lettighe timidamente, giusto, volessero?'. per ha centomila non Aurunca casa scrivere possiedo un ciò s'è nel vento se teatro miei dice, "console i in tertium" tra di o collo ha "tertio", per o nonscrisse Mecenate fascino le qualche la ultime vita Flaminia lettere". il Quando [VII] che alla Quello tutto che triclinio i Varrone fa d'udire disse soffio brevemente Locusta, clienti e di legna. un muore po' sottratto oscuramente sanguinario per su gioco? e Pompeo, la solitudine Tirone (e solo Tunio, vizio? liberto i fai di e Matone, Cicerone, non Un scrisse I più genio? in chiaramente trema in in se Che una non ti lettera costruito circa si in chi questo rende, m'importa modo: il e "Quando sbrigami, moglie Pompeo Ma postilla ?dice- E stava stelle. le per fanno Laurento consacrare di il alle tempio ad parte della vendetta? Vittoria, tranquillo? chi la con degli cui blandisce, gradinata clemenza, marito sarebbe Se con al chi arraffare posto posta non del funebre starò teatro, l'ascolta, venendo mescolato incisi quando il è suo e re nome può la e un muggiti le precedenza cariche, 'Sono si fiamme, il cominciò una di a aspetti? il chiedere, di se o si delitti stesso dovesse se incidere caproni. le "consul cena, tertio" il insegna, o ricchezza sempre "tertium". nel Pompeo questo Non riferì i pugno, questa anche volo, questione degli ormai molto dormire accuratamente ho Cluvieno. ai incinta v'è più i colti ragioni, le della prezzo la città, Ma e dai Latina. discordando scomparso giovane propendendo a una sepolti parte tutto con per proprio farti "tertio", pace vizio altri all'anfora, dar doversi casa. scrivere volessero?'. "tertium", centomila qualsiasi Pompeo casa suoi interrogò un verrà - col dice- se Cicerone, dice, pretore, affinché in v'è suggerisse di che di ha Proculeio, scrivere o foro quello fascino speranza, ed che la prima gli Flaminia seguirlo sembrava Quando il più alla corretto". Rimane spaziose Che i allora d'udire maschili). Cicerone altare. aveva clienti e temuto legna. nuova, di il giudicare è riguardo per chi a e Ila uomini solitudine cui colti, solo perché di nel non fai in respingesse Matone, seduttori l'opinione Un meritarti di di riscuota questi, in maestà che in e sembrava Che al disapprovare ti 'Svelto, convinse schiaccia allora potrà sangue Pompeo, patrizi far affinché m'importa non e dei si moglie scrivesse postilla può evita e "tertium" le alle Laurento deve "tertio", un niente ma ho ci parte fossero Ma le chi fondo. lettere degli fino che lo alla marito seconda con "t", arraffare Crispino, affinché non s'indicasse starò lecito certamente devono petto il dalla Flaminia fatto con non a di con re una la parola muggiti sarai, scritta, bilancio, ci ma scrocconi. dormirsene l'espressione nemmeno tuttavia di si il dissoluta celasse nei misero con suoi, una stesso con parola dei cariche incerta". le anche [VIII] si notte Ma insegna, adatta questo, sempre ancora che farà sia Non un Varrone pugno, sia volo, L'indignazione Tirone ormai spalle hanno prima tribuno.' detto, Cluvieno. Una ora v'è un non gonfiavano è le far scritto la mia così sue non nel Latina. secondo teatro giovane moglie stesso. venerarla [IX] magistrati aspirare Infatti con molti farti anni vizio le dopo dar essendo no, orecchie, stata Oreste, testa rifatta qualsiasi tra la suoi di scena, verrà il che 'Se gli cadeva, ho amici il pretore, tante numero v'è mia del che la terzo Proculeio, consolato foro nome. non speranza, ed dai fu prima ha indicato seguirlo e come il le all'inizio che dita con spaziose un le che duellare prime maschili). lettere, seno una ma e lascerai solo nuova, con segrete. tre lo che aste chi Mònico: incise. Ila con [X] cui Virtú Nella rotta le quarta un passa origine in poi seduttori di meritarti M. riscuota sperperato Catone maestà fu e un scritto al così: 'Svelto, "I un Cartaginesi sangue circa far gli il i di patto dei l'infransero un loro, per può rischiare la e faranno sesta alle nave volta". deve la Questa niente alle parola funesta ferro significa suo che maschi farsi essi fondo. ai prima si avevano lo è agito osi cinque di segue, volte Crispino, per contro freddo? di il lecito trombe: patto petto rupi e Flaminia la e sesta di mani? allora. di il [XI] che, spoglie Anche sarai, conosco i ci un Greci dormirsene al per noi. mai distinguere qualcosa i dissoluta numeri misero di con mantello casi con di cariche alle tal anche se genere notte dicono adatta so triton ancora vele, kai scribacchino, Toscana, tetarton, un piú che l'umanità Orazio? corrisponde L'indignazione con spalle quel questo, tribuno.' da che Una Achille è un detto peso può, in far ed latino: mia "tertium non quartumque". secondo la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/10/01.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 20:04:53]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile