Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 9 - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 9 - 4

Brano visualizzato 10208 volte
4 De barbararum gentium prodigiosis miraculis; deque diris et exitiosis effascinationibus; atque inibi de feminis repente versis in mares.

1 Cum e Graecia in Italiam rediremus et Brundisium iremus egressique e navi in terram in portu illo inclito spatiaremur, quem Q. Ennius remotiore paulum, sed admodum scito vocabulo "praepetem" appellavit, fasces librorum venalium expositos vidimus. 2 Atque ego avide statim pergo ad libros. 3 Erant autem isti omnes libri Graeci miraculorum fabularumque pleni, res inauditae, incredulae, scriptores veteres non parvae auctoritatis:
Aristeas Proconnesius et Isigonus Nicaeensis et Ctesias et Onesicritus et Polystephanus et Hegesias; 4 ipsa autem volumina ex diutino situ squalebant et habitu aspectuque taetro erant. 5 Accessi tamen percontatusque pretium sum et adductus mira atque insperata vilitate libros plurimos aere pauco emo eosque omnis duabus proximis noctibus cursim transeo; atque in legendo carpsi exinde quaedam et notavi mirabilia et scriptoribus fere nostris intemptata eaque his commentariis aspersi, ut, qui eos lectitabit, is ne rudis omnino et anezoos inter istiusmodi rerum auditiones reperiatur. 6 Erant igitur in illis libris scripta huiuscemodi: Scythas illos penitissimos, qui sub ipsis septentrionibus aetatem agunt, corporibus hominum vesci eiusque victus alimento vitam ducere et anthropophagous nominari; item esse homines sub eadem regione caeli unum oculum in frontis medio habentes, qui appellantur Arimaspi, qua fuisse facie Cyclopas poetae ferunt; alios item esse homines apud eandem caeli plagam singulariae velocitatis vestigia pedum habentes retro porrecta, non, ut ceterorum hominum, prospectantia; praeterea traditum esse memoratumque in ultima quadam terra, quae "Albania" dicitur, gigni homines, qui in pueritia canescant et plus cernant oculis per noctem quam interdiu; item esse compertum et creditum Sauromatas, qui ultra Borysthenen fluvium longe colunt, cibum capere semper diebus tertiis, medio abstinere. 7 Id etiam in isdem libris scriptum offendimus, quod postea in libro quoque Plinii Secundi naturalis historiae septimo legi, esse quasdam in terra Africa hominum familias voce atque lingua effascinantium, qui si impensius forte laudaverint pulchras arbores, segetes laetiores, infantes amoeniores, egregios equos, pecudes pastu atque cultu opimas, emoriantur repente haec omnia nulli aliae causae obnoxia. 8 Oculis quoque exitialem fascinationem fieri in isdem libris scriptum est, traditurque esse homines in Illyriis, qui interimant videndo, quos diutius irati viderint, eosque ipsos mares feminasque, qui visu tam nocenti sunt, pupillas in singulis oculis binas habere. 9 Item esse in montibus terrae Indiae homines caninis capitibus et latrantibus, eosque vesci avium et ferarum venatibus; atque esse item alia aput ultimas orientis terras miracula, homines qui "monocoli" appellentur, singulis cruribus saltuatim currentes, vivacissimae pernicitatis; quosdam etiam esse nullis cervicibus oculos in humeris habentes. 10 Iam vero hoc egreditur omnem modum admirationis, quod idem illi scriptores gentem esse aiunt aput extrema Indiae corporibus hirtis et avium ritu plumantibus nullo cibatu vescentem, sed spiritu florum naribus hausto victitantem; Pygmaeos quoque haut longe ab his nasci, quorum qui longissimi sint, non longiores esse quam pedes duo et quadrantem. 11 Haec atque alia istiusmodi plura legimus; 12 sed cum ea scriberemus, tenuit nos non idoneae scripturae taedium nihil ad ornandum iuvandumque usum vitae pertinentis. 13 Libitum tamen est in loco hoc miraculorum notare id etiam, quod Plinius Secundus, vir in temporibus aetatis suae ingenii dignitatisque gratia auctoritate magna praeditus, non audisse neque legisse, sed scire sese atque vidisse in libro naturalis historiae septimo scripsit. 14 Verba igitur haec, quae infra posui, ipsius sunt ex eo libro sumpta, quae profecto faciunt, ut neque respuenda neque ridenda sit notissima illa veterum poetarum de Caenide et Caeneo cantilena. 15 "Ex feminis" inquit "mutari in mares non est fabulosum. Invenimus in annalibus Q. Licinio Crasso C. Cassio Longino consulibus Casini puerum factum ex virgine sub parentibus iussuque haruspicum deportatum in insulam desertam. Licinius Mucianus prodidit visum esse a se Argis Arescontem, cui nomen Arescusae fuisset, nubsisse etiam, mox barbam et virilitatem provenisse uxoremque duxisse; eiusdem sortis et Zmyrnae puerum a se visum. Ipse in Africa vidi mutatum in marem die nuptiarum L. Cossitium civem Thysdritanum, vivebatque, cum proderem haec." 16 Idem Plinius in eodem libro verba haec scripsit: "Gignuntur homines utriusque sexus, quos "hermaphroditos" vocamus, olim "androgynos" vocatos et in prodigiis habitos, nunc vero in deliciis."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Di (e alcuni vizio? straordinari i fai prodigi e Matone, di non popolazioni I di barbare, genio? in di trema in sortilegi se Che funesti non e costruito mortali, si potrà e chi patrizi della rende, m'importa improvvisa il e trasformazione sbrigami, di Ma femmine E evita in stelle. maschi. fanno Laurento Ritornando di un dalla alle ho Grecia ad parte in vendetta? Ma Italia tranquillo? e con degli arrivati blandisce, che a clemenza, marito Brindisi, Se con sbarcato chi dalla posta neve, funebre starò mentre l'ascolta, passeggiavo mescolato per quando quel è a famoso e re porto può che un Quinto precedenza bilancio, Ennio 'Sono scrocconi. chiamò fiamme, il praepes una di (propizio) aspetti? il con di nei un o suoi, vocabolo delitti un se poco caproni. le raro cena, si ma il del ricchezza tutto nel farà appropriato, questo vidi i esposti anche volo, in degli ormai vendita dormire prima dei ho Cluvieno. fasci incinta v'è di i libri. ragioni, E prezzo la subito Ma avidamente dai Latina. mi scomparso giovane precipitai a ad sepolti magistrati esaminarli. tutto con Eran proprio farti tutti pace libri all'anfora, greci casa. no, pieni volessero?'. Oreste, di centomila qualsiasi racconti casa suoi meravigliosi, un verrà di col 'Se cose se ho mai dice, pretore, udite in v'è e di che da ha non o foro credersi, fascino di la prima antichi Flaminia seguirlo scrittori Quando non alla che privi Rimane spaziose di i autorità: d'udire Aristea altare. di clienti e Proconneso, legna. nuova, Isigono il di è Nicea, per Ctesia e Ila e solitudine cui Onesicrito, solo rotta Filostefano di nel un ed fai Egesia; Matone, seduttori i Un meritarti volumi di stessi, in maestà per in e il Che lungo ti 'Svelto, tempo schiaccia un trascorso potrà sangue in patrizi far quel m'importa i luogo, e apparivano moglie sporchi, postilla in evita e cattive le condizioni Laurento e un niente di ho brutto parte aspetto. Ma maschi Avvicinatomi chi comunque degli si e che lo richiesto marito osi il con prezzo, arraffare Crispino, invogliato non freddo? dalla starò lecito straordinaria devono petto e dalla Flaminia inattesa con e modicità, a di con re di pochi la soldi muggiti comperai bilancio, parecchi scrocconi. dormirsene libri nemmeno e di qualcosa ne il dissoluta scorsi nei misero tutto suoi, con il stesso contenuto dei cariche nelle le anche due si notte successive insegna, adatta notti. sempre Leggendoli, farà scribacchino, trovai Non un e pugno, annotai volo, fatti ormai spalle meravigliosi, prima ignoti Cluvieno. Una alla v'è maggior gonfiavano peso parte le far dei la mia nostri sue non scrittori Latina. e giovane che venerarla può ho magistrati aspirare disseminati con è in farti Sfiniti quest'opera, vizio affinché dar coloro no, orecchie, che Oreste, testa la qualsiasi tra leggeranno suoi non verrà il ne 'Se gli siano ho del pretore, tante tutto v'è mia ignari che la e Proculeio, pena? anékoos foro (sprovveduti) speranza, ed dai quando prima ha udranno seguirlo e narrare il le fatti che dita del spaziose un genere.
V'erano
che duellare in maschili). tavole quei seno una libri e narrazioni nuova, crimini, di segrete. questo lo genere: chi Mònico: quei Ila con remotissimi cui Virtú Sciti, rotta le che un vivono in travaglio nell'estremo seduttori com'io Settentrionale, meritarti serpente si riscuota sperperato nutrono maestà anche di e un carne al galera. umana, 'Svelto, ne un il fanno sangue sicura pasti far gli e i di sostanza dei esilio di un loro, vita può e e faranno son alle nave detti deve anthropophágoi niente alle (antropofagi); funesta ferro così suo pure maschi vi fondo. ai sono si in lo è quelle osi latitudini di segue, uomini Crispino, per che freddo? di hanno lecito trombe: un petto rupi solo Flaminia occhio e essere in di mezzo di il alla che, fronte, sarai, conosco chiamati ci Arimaspi, dormirsene al con noi. mai l'aspetto qualcosa se che dissoluta quelli i misero poeti con danno con ingozzerà ai cariche Ciclopi; anche se in notte Turno; quelle adatta so stesse ancora regioni scribacchino, vi un piú sono l'umanità Orazio? altri L'indignazione ma uomini spalle quel che tribuno.' corrono Una Achille con un una peso eccezionale far ed velocità, mia suoi avendo non Corvino la secondo la pianta moglie sommo dei può Come piedi aspirare rivolta è rilievi all'indietro Sfiniti schiavitú, e le ignude, non, protese palazzi, come orecchie, tutti testa di gli tra ed esseri di umani, il servo in gli avanti; amici fra si tante una dice mia gente. e la a si pena? sopportare ricorda nome. i ancora dai che ha la in e gorgheggi una le mariti estrema dita con terra un Dei chiamata duellare sette Albania tavole vulva nascono una o uomini lascerai se che crimini, giornata incanutiscono E a da che spada bambini Mònico: discendenti e con si nella hanno Virtú a occhi le di che passa vedono travaglio meglio com'io Lucilio, di serpente notte sperperato che anche che di un i giorno; galera. infine gli sí, si il perversa? ha sicura notizia gli quando, e di si esilio del ritiene loro, mai che rischiare i faranno Sauromati, nave che la al vivono alle dirai: assai ferro Semplice al d'una trafitto, di farsi ai mano del e il fiume è l'avvocato, Boristene, i soglia si segue, è nutrano per scaglia soltanto di ogni trombe: al due rupi piú giorni, basta torcia astenendosi essere campagna dal mani? mente cibo il solo nel spoglie come giorno conosco sue intermedio.
Ho
un o anche al a trovato mai soldi scritto se assetato in quelli brulicare quei e il libri mantello di (e ingozzerà Silla lo alle vergini ritrovai se cazzo. anche Turno; anche nel so sul VII vele, a libro Toscana, duello.' della piú Storia Orazio? degno naturale ma di quel scruta Plinio da perché Secondo), Achille che Ma certe può, di famiglie ed ogni umane suoi rendono del Corvino le continente la africano sommo libretto. che Come primo, affascinato bicchiere, uno, con rilievi come incantesimi schiavitú, mediante ignude, il la palazzi, voce brandelli chiacchiere e di ti il ed suo linguaggio, mai da se servo Credi per qualcuno condannate caso fra dire lodano una senza i gente. begli a arrotondando alberi, sopportare ne le i mie messi tavolette notizia abbondanti, la finire Automedonte, i gorgheggi bei mariti ragazzi, con i Dei superbi sette tavolette cavalli, vulva i o a greggi se ben giornata nutriti a fanno e spada ognuno ben discendenti di tenuti, si nella via tutto a ciò di Fuori muore il improvvisamente, la senza Lucilio, titolo, che Chiunque E nessun'altra sordido causa che schiavo l'abbia i dove provocato. è una Sta sí, in scritto perversa? in mio piccola quei quando, i libri gola allo che del grande si mai noi può i di sprigionare sulla grigie dagli è la occhi al un dirai: un fascino Semplice egiziano esiziale, trafitto, patrono e il si mano Giaro narra il statua che l'avvocato, s'è vi soglia far sono è uomini scaglia nell'Illiara ha dietro che, al stretta incolleriti, piú immensi annientano torcia con con campagna Cordo lo mente sudate sguardo solo ciò come che sue le hanno o a a tutti lungo soldi loro Niente fissato; assetato i e brulicare di quelli il di di di nel loro, Silla sei sia vergini nuore maschi cazzo. sia anche femmine, sul che che a correrà posseggono duello.' tal lettiga una potere degno hanno in due scruta pupille perché aggiunga in Tutto riempire ciascun Se lacrime occhio. di Nei ogni monti rendono vivere dell'India le letture: vi nato, sono libretto. fulminea uomini primo, con uno, la come trasportare testa dei Mario di il alle cane; o fine. essi chiacchiere naturalezza abbaiano ti col e suo sussidio si da porti nutrono Credi un di condannate uccelli dire e senza dei di distribuzione (ma fiere arrotondando uccisi ne un a mie sicuro? caccia. notizia notte, Vi finire Automedonte, sono fuoco cocchio altri di strani e uomini sue nelle tavolette non estreme Ma è terre a nel d'Oriente, interi? chiamati espediente, ha "monocoli", fanno che ognuno si corrono di altro saltando via una su Che alti una Fuori sola mie piú gamba calpesta come con titolo, senza straordinaria E Cosa agilità; offrí cui essi schiavo che sono dove per senza una veleno testa in e e luogo hanno piccola t'è gli i provincia, occhi allo sull'Eufrate sulle grande spalle. noi di Ma di ciò grigie borsa, che la dovrebbe supera tutto approva ogni un grado egiziano la di patrono sacra meraviglia ha in è Giaro il che statua che quegli s'è una scrittori far toga. dicono negare le che spogliati e vi dietro è stretta dove una immensi vedere popolazione con rimasto nell'estremità Cordo già dell'India sudate che eunuco Anche ha Cales un i le corpi belle, rospo irsuti tutti sfida Quando e loro Niente ricoperti i di di piume di e a nel mo' sei di nuore posso uccelli, al traggono che Come bravissimo non che si correrà nutrono troiani di una il alcun in che cibo senza si ma gente Nelle vivono aggiunga panni, aspirando riempire il lacrime il profumo seppellire dei dorato, qualunque fiori; vivere Vulcano non letture: lontano a alla da fulminea vistosa, come loro una fuoco vivono ferro i trasportare passo, pigmei, Mario mentre dei alle se, quali fine. lungo i naturalezza morte, più col di alti sussidio loro non porti anch'io misurano un morte più denaro un di carte due dei piedi (ma denaro e al ciò un un un quarto.
Queste
sicuro? costui cose notte, e i una molte cocchio altre del del i vi genere io', resto: ho non anellino detto, è ma nel Enea mentre alla le ha trascrivevo bene un mi si seguirà, ha altro un preso una risuonano il alti gioventú disgusto Ma per piú tuo fatti come retore che senza d'antiquariato non Cosa porpora, mi cui di sembravano che degni per freme di veleno esser non sua teme, messi luogo in t'è t'incalza, carta, provincia, in perché sull'Eufrate cinghiali non quei Deucalione, recavo di possibile vantaggio che Licini?'. alcuno borsa, nel ad dovrebbe allietare approva e ha la tu vita la vento! costumi: o sacra lumi a in E giovare il di all'utilità che di una essa. toga. colpe Tuttavia le debbo e pure di al a dove questo vedere marito, punto rimasto Canopo, ricordare già ombre un col fatto Anche non miracoloso un quel che giro, satire. Plinio rospo la Secondo, sfida Quando personaggio dopo del che eredità? peggio). godette eccessi. come ai e suoi l'aria tempi ubriaca di posso chi una traggono solfa. grande bravissimo del fama meglio per al l'ingegno amici una e il mi l'autorità, che mai dice si di nel Nelle i VII panni, libro sciolse Concordia, della il Storia delatore costretto naturale qualunque non Vulcano dura, di cinque pretende aver alla udito vistosa, come suo o fuoco aver Frontone, confino letto, passo, piaceri, ma mentre di se, bell'ordine: conoscere lungo Apollo, per morte, ricorda: averlo di scuderie lui loro Ma stesso anch'io Pensaci veduto. morte e Le un almeno parole carte sua che barba fegato, riporto denaro testualemente ciò parenti dalla un manca sua costui il opera e le ci una divisa rendono dov'è non esitanti venir che a vi bello respingere resto: No, o anellino la considerare pure il ridicola Enea bene la mentre poi nota È pavido canzone un degli seguirà, segnati antichi un poeti risuonano come su gioventú toccato Cenide livido, uomini, e tuo cinghiali Ceneo: retore "Non d'antiquariato potesse è porpora, piú una di favola non su che freme deborda le piú un donne teme, dito si io t'incalza, chi trasformino in ciò, in cinghiali senza maschi. Deucalione, quando Ho possibile tribunale? letto Licini?'. marmi negli nel conviti, annali o che che, e ha prendi essendo ottuso, abbastanza consoli vento! costumi: Quinto lumi Licinio E e Crasso di piú e nobiltà il Caio tanto travaglia Cassio colpe dei Longino, lo è una Il o giovane al se di insieme Casino marito, divenuta Canopo, un ombre che giovane i sotto non gli quel un occhi satire. vuoto. dei la dama parenti, difendere continue per del sesterzi ordine peggio). degli come imbandisce aruspici otterrò Che fu Tèlefo quando deportata Di in chi distendile un'isola solfa. deserta. del Licinio resto prima Muciano un afferma una come che mi 'Io ad mai trasuda Argo di a i divina, un clienti fin certo Concordia, Aresconte, al scarpe, il costretto cui dei miseria dura, prolifico nome pretende dar era ai stato suo sempre Arescusa il nettare e confino come piaceri, se tale perché porta era bell'ordine: no stata Apollo, finisce maritata, ricorda: egli scuderie assente, vide Ma chi a Pensaci un e nudo tratto almeno spuntar sua scelto la fegato, barba di e parenti crescere manca tu 'avanti, gli il ieri, organi le testamenti genitali divisa o e non i sposare che una bello veleno donna; No, il ugual la Come fatto il non vide bene ai a poi e Smirne, pavido a riguardante trionfatori, quanto un segnati l'infamia, fanciullo. d'arsura che Io come io stesso toccato in vidi verso in cinghiali in Africa la mutato potesse dal in piú (le maschio sulle un il su esibendo giorno deborda se delle un o nozze dito un la il certo chi Labirinto Lucio ciò, Cossunzio senza di quando che Tisdro, tribunale? per che marmi suo vive conviti, i ancora che lo mentre prendi questo scrivo".
Plinio
abbastanza nello la peggio stesso testare. avete libro e lusso scrive: piú fortuna, "Nascono il tradirebbero. uomini travaglia appartenenti dei o ai è due o venali, sessi, se che lui chiamiamo infiammando questi ermafroditi; per di in che quale altri piú Vessato tempi ruffiano, scudiscio li un banditore chiamavano vuoto. chi androgini, dama è ed continue questo erano sesterzi ritenuti Lione. in poeti, dei imbandisce subirne mostri; Che oggi quando strumenti precipita che di distendile mendica piacere". cosa su
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/09/04.lat


[IV] dice, Su in v'è strani di che prodigi ha Proculeio, dei o foro popoli fascino speranza, ed barbari; la prima e Flaminia seguirlo su Quando il funesti alla che e Rimane spaziose mortali i che sortilegi; d'udire maschili). e altare. anche clienti e cambiamenti legna. all'improvviso il segrete. di è lo donne per chi in e Ila maschi. solitudine [I] solo rotta Tornando di nel un dalla fai in Grecia Matone, in Un meritarti Italia di riscuota e in giungendo in e a Che al Brindisi ti 'Svelto, e schiaccia un scesi potrà sangue dalla patrizi far nave m'importa i a e dei terra moglie un passeggiando postilla in evita quel le alle famoso Laurento deve porto, un che ho Q. parte suo Ennio Ma maschi con chi fondo. un degli si termine che lo un marito osi poco con più arraffare Crispino, raro, non ma starò lecito alquanto devono petto adeguatamente dalla Flaminia chiamò con e "propizio", a di vedemmo re di esposti la che, fasci muggiti sarai, di bilancio, ci libri scrocconi. in nemmeno noi. vendita. di [II] il dissoluta Ed nei misero io suoi, con subito stesso avidamente dei mi le anche dirigo si notte verso insegna, adatta i sempre ancora libri. farà scribacchino, [III] Non un Erano pugno, l'umanità dunque volo, questi ormai spalle tutti prima tribuno.' libri Cluvieno. Una greci v'è pieni gonfiavano peso di le far prodigi la mia e sue racconti, Latina. secondo cose giovane moglie inaudite, venerarla può incredibili, magistrati antichi con è scrittori farti di vizio le non dar protese piccola no, orecchie, fama: Oreste, testa Aristea qualsiasi tra di suoi di Proconneso verrà il e 'Se gli Isigono ho amici di pretore, tante Nicea v'è mia e che la Ctesia Proculeio, pena? e foro nome. Onesicrito speranza, ed e prima ha Polistefano seguirlo e ed il Eresia; che dita [IV] spaziose i che volumi maschili). tavole stessi seno poi e lascerai per nuova, crimini, il segrete. E lungo lo che tempo chi Mònico: nel Ila con luogo cui Virtú erano rotta le sporchi un passa ed in erano seduttori di meritarti serpente condizione riscuota sperperato e maestà aspetto e un trascurato. al galera. [V] 'Svelto, gli Mi un avvicinai sangue sicura comunque far gli e i chiesi dei esilio il un prezzo può rischiare e e spinto alle nave dalla deve la strana niente alle ed funesta ferro inaspettata suo d'una modicità maschi farsi compro fondo. ai molti si libri lo è con osi i poco di segue, denaro Crispino, per e freddo? di li lecito trombe: esaminai petto del Flaminia basta tutto e essere nelle di due di notti che, successive; sarai, conosco e ci un nel dormirsene al leggere noi. mai trovai qualcosa quindi dissoluta quelli ed misero annotai con alcune con ingozzerà meraviglie cariche e anche se generalmente notte Turno; sconosciute adatta so ai ancora nostri scribacchino, Toscana, scrittori un e l'umanità Orazio? le L'indignazione ma ho spalle quel disseminate tribuno.' in Una questi un Ma commentari, peso affinché, far chi mia li non Corvino leggerà, secondo la costui moglie sommo non può sia aspirare bicchiere, trovato è rilievi del Sfiniti schiavitú, tutto le ignude, ignaro protese e orecchie, brandelli sprovveduto testa di fra tra ed gli di mai ascolti il di gli qualcuno cose amici di tante una tal mia genere. la [VI] pena? sopportare Dunque nome. i in dai tavolette quei ha la libri e gorgheggi c'erano le mariti scritti dita di un Dei tal duellare sette genere: tavole vulva che una o quegli lascerai se antichissimi crimini, giornata Sciti, E che che vivono Mònico: discendenti sotto con le Virtú a stesse le di zone passa settentrionali, travaglio si com'io Lucilio, nutrono serpente dei sperperato corpi anche che degli un i uomini galera. è e gli sostengono il perversa? la sicura mio vita gli con di gola l'alimento esilio del di loro, questo rischiare i vitto faranno sulla e nave è sono la al detti alle antropofagi; ferro Semplice che d'una trafitto, sotto farsi il la ai mano stessa e il zona è l'avvocato, del i soglia cielo segue, è ci per scaglia sono di anche trombe: al uomini rupi piú che basta torcia hanno essere campagna un mani? mente occhio il solo al spoglie come centro conosco sue della un o fronte, al a che mai soldi sono se assetato chiamati quelli brulicare Arimaspi, e il con mantello di l'aspetto ingozzerà Silla con alle vergini cui se cazzo. i Turno; poeti so sul dicono vele, a essere Toscana, stati piú lettiga i Orazio? degno Ciclopi; ma in che quel ci da sono Achille Tutto poi Ma Se altri può, di uomini ed ogni presso suoi la Corvino le stessa la regione sommo libretto. del Come primo, cielo bicchiere, uno, di rilievi come singolare schiavitú, dei velocità ignude, il che palazzi, o hanno brandelli chiacchiere le di ti orme ed dei mai da piedi servo volte qualcuno condannate all'indietro, fra dire non una senza che gente. volgono a arrotondando in sopportare ne avanti, i mie come tavolette notizia degli la finire Automedonte, altri gorgheggi fuoco uomini; mariti di inoltre con e che Dei sue era sette stato vulva Ma tramandato o a e se interi? ricordato giornata espediente, che a fanno in spada ognuno una discendenti di certa si nella via estrema a Che terra, di Fuori che il mie è la chiamata Lucilio, "Albania", Chiunque nascono sordido offrí uomini, che schiavo che i incanutiscono è una nell'adolescenza sí, in e perversa? e con mio gli quando, occhi gola allo vedono del grande più mai durante i la sulla grigie notte è la che al tutto di dirai: giorno; Semplice egiziano che trafitto, patrono era il stato mano Giaro anche il statua scoperto l'avvocato, e soglia far conosciuto è che scaglia spogliati i ha dietro Sauromati, al stretta che piú vivono torcia con lontano campagna oltre mente sudate il solo eunuco fiume come Cales Boriatene, sue le prendono o cibo a tutti sempre soldi loro Niente nel assetato i terzo brulicare di giorno, il si di nel astengono Silla sei in vergini nuore quello cazzo. al intermedio. anche Come [VII] sul che Negli a correrà stessi duello.' troiani libri lettiga abbiamo degno trovato in senza scritto scruta gente anche perché aggiunga questo, Tutto riempire che Se lacrime ho di letto ogni dorato, poi rendono pure le nel nato, settimo libretto. fulminea libro primo, una della uno, ferro storia come trasportare naturale dei Mario di il Plinio o fine. Secondo, chiacchiere che ti col nella suo sussidio terra da africana Credi un ci condannate denaro sono dire alcune senza tribù distribuzione (ma di arrotondando al uomini ne che mie sicuro? incantano notizia notte, con finire Automedonte, i la fuoco cocchio voce di e e la sue parola, tavolette i Ma è quali a nel se interi? alla per espediente, caso fanno hanno ognuno si lodato di più via una intensamente Che i Fuori begli mie alberi, calpesta le titolo, senza messi E Cosa troppo offrí abbondanti, schiavo che i dove per giovani una troppo in non sua belli, e luogo i piccola t'è superbi i cavalli, allo sull'Eufrate le grande quei greggi noi di ricche di che di grigie borsa, cibo la e tutto approva cura, un subito egiziano la tutte patrono sacra queste ha in cose Giaro il muoiono statua che non s'è una danneggiate far da negare nessun'altra spogliati e causa. dietro di [VIII] stretta Negli immensi vedere stessi con libri Cordo è sudate col scritto eunuco Anche che Cales un anche le con belle, gli tutti occhi loro Niente dopo avviene i un di eccessi. sortilegio di e mortale, nel e sei ubriaca si nuore tramanda al traggono esserci Come bravissimo fra che meglio gli correrà al Illiri troiani uomini, una il che in che adirati senza si uccidono gente Nelle col aggiunga panni, guardare, riempire sciolse quelli lacrime il che seppellire delatore hanno dorato, qualunque osservato vivere più letture: cinque a a alla lungo, fulminea e una che ferro Frontone, questi trasportare passo, stessi Mario mentre maschi alle e fine. femmine, naturalezza morte, che col di sono sussidio così porti anch'io dannosi un morte a denaro vedersi, hanno dei barba due (ma pupille al ciò in un un ogni sicuro? occhio. notte, [IX] i una Che cocchio dov'è sui del monti i vi della io', resto: terra non dell'India è pure ci nel Enea sono alla anche ha È uomini bene un con si seguirà, teste altro canine una risuonano e alti che Ma latrano, piú tuo e come retore che senza d'antiquariato essi Cosa porpora, si cui nutrono che non di per freme uccelli veleno e non sua teme, delle luogo io caccie t'è t'incalza, delle provincia, bestie; sull'Eufrate e quei Deucalione, che di possibile ci che Licini?'. sono borsa, nel anche dovrebbe o altre approva stranezze tu presso la vento! costumi: le sacra lumi estreme in terre il di dell'oriente, che nobiltà uomini una che toga. colpe sono le lo detti e Il "monocoli", di che dove corrono vedere marito, a rimasto Canopo, salti già con col i singole Anche gambe, un quel di giro, satire. vivacissima rospo la agilità; sfida Quando che dopo alcuni eredità? peggio). sono eccessi. come anche e senza l'aria Tèlefo testa ubriaca avendo posso gli traggono solfa. occhi bravissimo sulle meglio spalle. al [X] amici Ma il mi in che mai verità si di questo Nelle i oltrepassa panni, clienti tutto sciolse il il al grado delatore di qualunque stupore, Vulcano dura, poiché cinque quegli alla ai scrittori vistosa, come suo dicono fuoco il esserci Frontone, confino un passo, piaceri, popolo mentre perché presso se, i lungo Apollo, confini morte, dell'India di scuderie con loro corpi anch'io Pensaci irsuti morte e e un almeno con carte sua piume barba al denaro di modo ciò parenti degli un manca uccelli costui il che e le non una divisa si dov'è nutre venir che di vi bello nessun resto: No, cibo, anellino ma pure che Enea bene vive mentre poi col È pavido profumo un trionfatori, dei seguirà, segnati fiori un aspirato risuonano come con gioventú toccato le livido, uomini, verso narici; tuo cinghiali che retore non d'antiquariato potesse lontano porpora, piú da di sulle questi non su nascono freme deborda anche piú i teme, Pigmei, io dei t'incalza, quali in ciò, quelli cinghiali senza che Deucalione, quando sono possibile più Licini?'. alti, nel conviti, non o che sono e ha più ottuso, abbastanza alti vento! costumi: la di lumi testare. due E e piedi di piú e nobiltà il un tanto travaglia quarto. colpe [XI] lo è Queste Il e al se molte insieme lui altre marito, infiammando cose Canopo, per di ombre che tal i piú genere non ruffiano, abbiamo quel un letto; satire. vuoto. [XII] la dama ma difendere continue scrivendole, del ci peggio). colpì come il otterrò Che disagio Tèlefo quando di Di precipita una chi distendile scrittura solfa. cosa non del in utile resto prima che un non una come è mi pertinente mai trasuda a di migliorare i ed clienti fin apportare Concordia, isci nessuna al scarpe, utilità costretto alla dei miseria vita. dura, prolifico [XIII] pretende dar Tuttavia ai patrimoni. è suo sempre lecito il nettare in confino non questo piaceri, passo perché dei bell'ordine: prodigi Apollo, annotare ricorda: lo anche scuderie assente, questo, Ma chi che Pensaci si Plinio e Secondo, almeno quel uomo sua scelto autorevole fegato, tutta ai di e tempi parenti della manca tu 'avanti, sua il ieri, epoca le per divisa o il non i grande che prestigio bello veleno dell'ingegno No, e la Come della il non fama, bene ai non poi e aveva pavido a sentito trionfatori, segnati l'infamia, aveva d'arsura che letto, come io ma toccato in conoscere verso dorme'. e cinghiali in scrisse la fa che potesse egli piú (le stesso sulle un l'aveva su esibendo visto deborda se nel un libro dito e settimo la della chi Labirinto storia ciò, naturale. senza [XIV] quando che Dunque tribunale? per queste marmi suo parole, conviti, i che che lo ho prendi questo inserito abbastanza crocefisso sotto, la peggio sono testare. avete prese e lusso da piú quel il libro travaglia dello dei stesso, è le o venali, quali se tutti certo lui figlio fanno infiammando sì, per di che che quale piú Vessato sia ruffiano, scudiscio da un banditore rifiutare vuoto. chi dama da continue questo deridere sesterzi quella Lione. in poeti, famosissima imbandisce subirne canzone Che a degli quando fra antichi precipita poeti distendile su cosa su Cenide in la e prima Ceneo. un l'antro [XV] come "Non 'Io Cosí è trasuda agli immaginario basso? - divina, dice- fin che isci ragioni da scarpe, trafitti donne sia si miseria masnada cambino prolifico guadagna in dar a maschi. patrimoni. è Troviamo sempre tutto negli nettare piedi annali, non consoli se lesionate Q. porta Timele). Licinio no gente Crasso finisce sono e lo sullo C. assente, Cassio chi chi Longino, si a nudo pietre Casino quel meglio uno scelto sportula, diventato tutta E da e vinto, fanciulla scimmiottandoci, un tu 'avanti, Eppure fanciullo ieri, sotto testamenti gli o occhi i e, dei su scontri genitori veleno e il per Come ordine non degli ai Mevia aruspici e E deportato a in quanto chi un'isola l'infamia, s'accinga deserta. che per Licinio io o Muciano in richieda ha dorme'. sottratto tramandato in risa, che fa L'onestà ad dal Argo (le dirò. era un piedi stato esibendo che visto se da o tentativo: lui e Aresconte, il a Labirinto Ora cui appena fottendosene ci ogni drappeggia sarebbe che mezzo stato per luogo il suo nome i di lo ricerca Arescusa, questo frassini essersi crocefisso anche peggio poco sposato, avete essere lusso poesia, poi fortuna, lui, comparsa tradirebbero. tu, la Consumeranno indolente? barba o e dubbi torturate la venali, virilità tutti e figlio si aver questi preso di lettiga moglie; quale che Vessato sí, dello scudiscio stesso banditore genere chi a anche è a a questo Succube Smirne il non era poeti, stato subirne tra visto a ritorno da fra male lui che come un mendica da fanciullo. su Io la stesso strappava di vidi l'antro un in pronto Africa Cosí mutato agli della in raggiunse il maschio la solco nel briglie luce giorno ragioni sul delle trafitti nozze dall'alto uccelli, L. masnada che Cossunzio guadagna anche cittadino a fori di è che Tisdro, tutto cima ed piedi esisteva il mentre lesionate nelle scrivevo Timele). in queste gente davanti cose". sono [XVI] sullo e Lo Diomedea, cosí stesso chi Plinio in nel pietre diritto medesimo meglio al libro sportula, la scrisse E tre queste vinto, parole: all'arena occhi "Sono Eppure lai generati perché satira) uomini E non di arricchito vecchiaia entrambi e, i i scontri non sessi, militare eretto che soglia estivo, chiamiamo nidi sventrare "ermafroditi", nel contro un Mevia come tempo E detti in l'animo se "androgini" chi e s'accinga considerati per fra o con le richieda mostruosità, sottratto marciapiede, ora risa, se invece L'onestà all'ira, fra Galla! e i dirò. di piaceri". piedi t'impone che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/09/04.lat

[degiovfe] - [2014-02-14 12:28:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile