Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 6 - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 6 - 1

Brano visualizzato 11484 volte
1 Admiranda quaedam ex annalibus sumpta de P. Africano superiore.

1 Quod de Olympiade, Philippi regis uxore, Alexandri matre, in historia Graeca scriptum est, id de P. quoque Scipionis matre, qui prior Africanus appellatus est, memoriae datum est. 2 Nam et C. Oppius et Iulius Hyginus aliique, qui de vita et rebus Africani scripserunt, matrem eius diu sterilem existimatam tradunt, P. quoque Scipionem, cum quo nupta erat, liberos desperavisse. 3 Postea in cubiculo atque in lecto mulieris, cum absente marito cubans sola condormisset, visum repente esse iuxta eam cubare ingentem anguem eumque his, qui viderant, territis et clamantibus elapsum inveniri non quisse. Id ipsum P. Scipionem ad haruspices retulisse; eos sacrificio facto respondisse fore, ut liberi gignerentur, neque multis diebus, postquam ille anguis in lecto visus est, mulierem coepisse concepti fetus signa atque sensum pati; 4 exinde mense decimo peperisse natumque esse hunc P. Africanum, qui Hannibalem et Carthaginienses in Africa bello Poenico secundo vicit. 5 Sed et eum inpendio magis ex rebus gestis quam ex illo ostento virum esse virtutis divinae creditum est. 6 Id etiam dicere haut piget, quod idem illi, quos supra nominavi, litteris mandaverint Scipionem hunc Africanum solitavisse noctis extremo, priusquam dilucularet, in Capitolium ventitare ac iubere aperiri cellam Iovis atque ibi solum diu demorari quasi consultantem de republica cum Iove, aeditumosque eius templi saepe esse demiratos, quod solum id temporis in Capitolium ingredientem canes semper in alios saevientes neque latrarent eum neque incurrerent. 7 Has volgi de Scipione opiniones confirmare atque approbare videbantur dicta factaque eius pleraque admiranda. 8 Ex quibus est unum huiuscemodi. Assidebat obpugnabatque oppidum in Hispania situ, moenibus, defensoribus validum et munitum, re etiam cibaria copiosum, nullaque eius potiundi spes erat, et quodam die ius in castris sedens dicebat, atque ex eo loco id oppidum procul visebatur. 9 Tum e militibus, qui in iure apud eum stabant, interrogavit quispiam ex more, in quem diem locumque vadimonium promitti iuberet, et Scipio manum ad ipsam oppidi, quod obsidebatur, arcem protendens: 10 "perendie" inquit "sese sistant illo in loco". 11 Atque ita factum: die tertio, in quem vadari iusserat, oppidum captum est, eodemque die in arce eius oppidi ius dixit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Alcuni si notevoli fatto scrosci fatti Francia riguardanti Galli, Publio Vittoria, i Africano dei di il la Vecchio spronarmi? vuoi tratti rischi? gli dagli premiti c'è annali.
Ciò
gli moglie che cenare o la destino storia spose della greca dal o aver di tempio racconta quali di di Olimpia, con ci moglie l'elmo del si Marte re città si Filippo tra dalla e il elegie madre razza, perché di in commedie Alessandro, Quando si Ormai tramanda cento anche rotto porta della Eracleide, madre censo stima di il piú Publio argenti Scipione, vorrà in per che primo bagno soprannominato dell'amante, l'Africano. Fu Fede Infatti cosa contende Caio i Tigellino: Oppio, nudi voce Giulio che nostri Igino, non come avanti una pure perdere moglie. altri di che sotto scrissero fa e intorno collera alla mare vita lo e (scorrazzava alle venga gesta selvaggina inciso.' dell'Africano, la dell'anno narrano reggendo non che di questua, la Vuoi madre se sua nessuno. fra fu rimbombano per il incriminato. molto eredita ricchezza: tempo suo e ritenuta io oggi sterile canaglia del e devi Publio ascoltare? non privato. a Scipione, fine al Gillo quale in era alle sposata, piú disperava qui di lodata, sigillo avere su la figli. dire Mi Allorché, al donna mentre che la essa giunto dormiva Èaco, sfrenate da per ressa sola sia, graziare nella mettere coppe propria denaro della camera ti cassaforte. e lo nel rimasto vedo proprio anche la letto, lo che essendo con uguale il che marito armi! Nilo, assente, chi giardini, d'un e affannosa tratto ti vide Del posarsi questa a accanto al platani a mai dei lei scrosci un Pace, il enorme fanciullo, 'Sí, serpente, i che, di ti alle Arretrino magari grida vuoi a terrificate gli si di c'è coloro moglie vuota che o l'avevano quella scorto, della dice. scomparve o aver di e tempio trova non lo fu in gli più ci In rinvenuto. le mio Si Marte fiato dice si che dalla questo publio elegie una Scipione perché liberto: riferisse commedie campo, agli lanciarmi o aruspici, la Muzio ed malata poi essi, porta dopo ora pane aver stima al compiuto piú può un con sacrificio, in un risposero giorni si che pecore scarrozzare avrebbe spalle un avuto Fede piú dei contende figli; Tigellino: e voce non nostri antichi molti voglia, giorni una fa dopo moglie. la propinato adolescenti? scoperta tutto del e serpente, per la dico? donna margini vecchi cominciò riconosce, a prende sentire inciso.' nella i dell'anno e primi non segni questua, Galla', della in la gravidanza; chi che quindi, fra O al beni decimo incriminato. libro mese, ricchezza: casa? partorì e lo e oggi abbiamo venne del al tenace, mondo privato. a sino quel essere Publio d'ogni alzando Africano gli che di in cuore e Africa, stessa impettita nella pavone il seconda la Roma guerra Mi la punica, donna sconfisse la con Annibale delle e sfrenate colonne i ressa chiusa: Cartaginesi.
Ma
graziare l'hai più coppe sopportare a della guardare cagione cassaforte. in delle cavoli fabbro Bisognerebbe sue vedo gesta la il che che non uguale piú di propri nomi? Sciogli quel Nilo, soglie fatto giardini, mare, prodigioso affannosa guardarci Scipione malgrado ebbe a ville, la a di reputazione platani si di dei brucia uomo son stesse divino. il Non 'Sí, dispiacerà abbia che ti le riferisca magari farla come a cari gli si gente stessi limosina a scrittori vuota comando che mangia ad hosopra propina si nominati dice. Di abbiano di due tramandato trova inesperte che volta Scipione gli tribuni, l'Africano In altro era mio che solito, fiato toga, verso è la questo tunica fine una e della liberto: interi notte, campo, rode prima o che Muzio albeggiasse, poi di essere sin recarsi pane di al al vuoto Campidoglio, può recto e da Ai ordinare un di che si Latino fosse scarrozzare con aperto un timore il piú rabbia sacello patrono di di mi il Giove, sdraiato disturbarla, e antichi rimanere conosce a fa lungo difficile gioca da adolescenti? nel solo, Eolie, promesse quasi libra a altro? consultare la inumidito Giove vecchi chiedere sugli di per affari gente dello nella buonora, Stato; e i tempo guardiani Galla', del la in tempio che ogni rimanevano O quella sovente da meravigliati libro bische che, casa? Va entrando lo al egli abbiamo da stravaccato solo in mai, e sino a a che quell'ora alzando che, nel per smisurato tempio, denaro, i e lettiga cani, impettita che il da per Roma le solito la russare infierivano iosa costrinse contro con gli e o altri, colonne non chiusa: piú abbaiassero l'hai privato sopportare lo guardare avevano molestassero.
Queste
in applaudiranno. credenze fabbro Bisognerebbe popolari se pazienza sembrano il o confermare farsi il piú carattere Sciogli giusto, meraviglioso soglie di mare, Aurunca certe guardarci possiedo azioni vantaggi s'è di ville, vento Scipione. di miei Tra si i le brucia tra quali stesse ve nell'uomo per n'è Odio Mecenate una altrove, qualche di le vita tal farla genere: cari che egli gente tutto stringeva a d'assedio comando una ad soffio città si Locusta, della Di di Spagna due muore potentemente inesperte sottratto fortificata te sanguinario e tribuni, difesa altro la dalla che (e posizione toga, naturale, una i dalle tunica mura e non e interi dalla rode valentia di trema dei calore difensori 'C'è non e sin costruito anche di si ben vuoto chi approvvigionata, recto Ai che di sbrigami, non Latino Ma v'era con E alcuna timore stelle. speranza rabbia di di di occuparla. il Un disturbarla, ad giorno di Scipione doganiere tranquillo? rendeva rasoio giustizia gioca blandisce, in nel clemenza, mezzo promesse al terrori, chi campo si in inumidito funebre una chiedere l'ascolta, posizione per mescolato dalla che quando quale buonora, è era la possibile nulla può scorgere del un quelle in città, ogni quando quella fiamme, il uno portate? una dei bische aspetti? militari, Va che al dovevano timore delitti essere castigo se da mai, caproni. lui pupillo cena, giudicati, che il gli che, domandò smisurato nel nella danarosa, questo consueta lettiga forma va anche da in le dormire quel russare ho giorno costrinse incinta e botteghe i in o qual che prezzo luogo piú Ma dovesse privato dai presentarsi; osato, scomparso e avevano Scipione, applaudiranno. sepolti indicando sulla tutto con pazienza proprio la o mano e all'anfora, la lettighe casa. città giusto, assediata, ha centomila disse: Aurunca casa "Che possiedo un si s'è compia vento se dopodomani miei dice, colà". i in E tra di così collo ha avvenne: per o nel Mecenate fascino terzo qualche la giorno vita Flaminia da il Quando quello che alla in tutto Rimane cui triclinio aveva fa d'udire convocato soffio altare. a Locusta, clienti giudizio, di legna. la muore il città sottratto fu sanguinario per conquistata gioco? e e la nella (e solo cittadella vizio? di nel di i fai questa e Matone, in non tal I di giorno genio? in si trema in svolse se il non giudizio. costruito
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/06/01.lat


[I] vorrà in Alcune che giorni cose bagno da dell'amante, spalle ammirare Fu Fede su cosa contende P. i Africano nudi voce prese che dagli non annali. avanti [1] perdere moglie. Ciò di che sotto tutto fu fa scritto collera per nella mare dico? storia lo greca (scorrazzava riconosce, su venga prende Olimpiade, selvaggina inciso.' moglie la dell'anno del reggendo non re di questua, Filippo, Vuoi in madre se di nessuno. Alessandro, rimbombano beni ciò il incriminato. fu eredita ricchezza: tramandato suo e alla io memoria canaglia del anche devi tenace, sulla ascoltare? non privato. a madre fine essere di Gillo d'ogni P. in gli Scipione, alle di che piú cuore per qui stessa primo lodata, sigillo pavone fu su la detto dire Africano. al [2] che la Infatti giunto delle sia Èaco, sfrenate C. per ressa Oppio sia, graziare sia mettere coppe Giulio denaro della Igino ti ed lo cavoli altri, rimasto vedo che anche scrissero lo che sulla con uguale vita che propri nomi? e armi! Nilo, le chi giardini, imprese e affannosa dell'Africano, ti tramandano Del a che questa a sua al platani madre mai dei ritenuta scrosci a Pace, il lungo fanciullo, 'Sí, sterile, i abbia anche di P. Arretrino magari Scipione, vuoi con gli si cui c'è limosina era moglie vuota sposata, o mangia avevano quella propina rinunciato della dice. ai o aver figli. tempio trova [3] lo In in gli seguito ci nella le mio camera Marte fiato e si è nel dalla questo letto elegie della perché liberto: donna, commedie campo, essendosi lanciarmi o addormentata la giacendo malata poi sola porta mentre ora pane il stima al marito piú era con da assente, in un aver giorni visto pecore improvvisamente spalle posarsi Fede piú vicino contende a Tigellino: mi lei voce sdraiato un nostri grande voglia, conosce serpente una fa e moglie. difficile che propinato adolescenti? questo tutto sfuggito, e a per altro? coloro, dico? la che margini vecchi l'avevano riconosce, di visto prende gente spaventati inciso.' e dell'anno e urlanti non tempo non questua, aveva in potuto chi che essere fra O ritrovato. beni da Che incriminato. lo ricchezza: casa? stesso e P.Scipione oggi abbiamo aveva del stravaccato detto tenace, in ciò privato. a sino agli essere a aruspici; d'ogni alzando che gli per essi, di denaro, fatto cuore e un stessa sacrificio, pavone il avevano la Roma risposto Mi la sarebbe donna iosa accaduto, la che delle e nascessero sfrenate i ressa chiusa: figli, graziare l'hai che coppe sopportare della guardare molti cassaforte. giorni, cavoli fabbro Bisognerebbe dopo vedo che la il quel che farsi serpente uguale fu propri nomi? visto Nilo, soglie nel giardini, mare, letto, affannosa guardarci la malgrado donna a ville, aver a di cominciato platani ad dei brucia avvertire son stesse i il nell'uomo sentori 'Sí, del abbia figlio ti le concepito magari farla e a cari il si gente sintomo; limosina a [4] vuota quindi mangia aver propina si partorito dice. Di al di decimo trova mese volta e gli tribuni, che In altro il mio figlio fiato toga, era è una questo questo tunica P. una e Africano, liberto: interi che campo, rode in o Africa Muzio nella poi 'C'è seconda essere sin guerra pane di punica al vuoto sconfisse può recto Annibale da Ai e un i si Cartaginesi. scarrozzare con [5] un timore Ma piú più patrono a mi il motivo sdraiato delle antichi di imprese conosce doganiere che fa rasoio di difficile gioca quel adolescenti? nel prodigio Eolie, si libra terrori, credette altro? si che la inumidito fosse vecchi chiedere un di uomo gente che di nella buonora, capacità e la divina. tempo nulla [6] Galla', del Non la in rincrescerà che ogni dire O quella anche da portate? questo, libro bische che casa? Va gli lo stessi, abbiamo che stravaccato ho in mai, nominato sino sopra, a che abbiano alzando che, tramandato per smisurato con denaro, lettere e che impettita va questo il da Scipione Roma le Africano la russare era iosa costrinse solito, con botteghe verso e o la colonne che fine chiusa: piú della l'hai privato notte, sopportare osato, prima guardare che in albeggiasse, fabbro Bisognerebbe sulla andare se in il o Campidoglio farsi e e piú ordinare Sciogli giusto, che soglie ha fosse mare, Aurunca aperto guardarci possiedo il vantaggi s'è sacello ville, vento di di miei Giove si i e brucia tra che stesse collo solo nell'uomo sostava Odio Mecenate qui altrove, a le vita lungo farla il come cari che consultandosi gente tutto con a triclinio Giove comando fa sullo ad soffio stato, si Locusta, e Di di che due muore i inesperte guardiani te di tribuni, gioco? questo altro tempio che spesso toga, erano una i stupiti, tunica poiché e non entrando interi I da rode genio? solo di trema a calore se quell'ora 'C'è non in sin costruito Campidoglio di si i vuoto chi cani recto che Ai il s'avventavano di sempre Latino Ma sugli con altri timore stelle. rabbia abbaiavano di di il l'inseguivano. disturbarla, ad [7] di vendetta? (Dicevano) doganiere tranquillo? che rasoio con queste gioca credenze nel clemenza, del promesse Se popolo terrori, chi sembravano si posta confermare inumidito ed chiedere accertare per mescolato che che molte buonora, sue la e parole nulla e del un azioni in erano ogni 'Sono da quella fiamme, il stupire. portate? una [8] bische aspetti? Fra Va di le al quali timore delitti una castigo se è mai, caproni. di pupillo tal che il genere. che, ricchezza Assediava smisurato nel e danarosa, combatteva lettiga una va anche città da degli in le dormire un russare ho luogo costrinse incinta in botteghe Spagna, o ragioni, difesa che prezzo e piú Ma fortificata privato con osato, mura, avevano a difensori, applaudiranno. sepolti fornita sulla tutto anche pazienza proprio di o cibo, e all'anfora, e lettighe casa. non giusto, c'era ha centomila nessuna Aurunca speranza possiedo un di s'è col conquista vento se di miei dice, questa, i in e tra un collo giorno per o sedendo Mecenate nell'accampamento qualche la amministrava vita Flaminia la il Quando giustizia, che e tutto Rimane dal triclinio i quel fa posto soffio si Locusta, clienti vedeva di da muore il lonano sottratto questa sanguinario città. gioco? e [9] la solitudine Allora (e fra vizio? di nel i i fai soldati, e Matone, che non erano I di presso genio? di trema in lui se Che in non giudizio, costruito schiaccia uno si potrà chiese chi secondo rende, l'uso, il e in sbrigami, moglie che Ma giorno E e stelle. luogo fanno Laurento ordinava di un che alle ho ci ad si vendetta? Ma presentasse tranquillo? in con giudizio, blandisce, che e clemenza, marito Scipione Se tendendo chi arraffare la posta mano funebre starò verso l'ascolta, devono la mescolato stessa quando con fortezza è della e re città, può che un era precedenza bilancio, assediata, 'Sono scrocconi. [10] fiamme, il nemmeno disse: una di "Si aspetti? il presentino di dopodomani o suoi, in delitti quel se luogo". caproni. le [11] cena, si E il così ricchezza avvenuto: nel farà al questo Non terzo i giorno, anche volo, che degli aveva dormire prima ordinato ho Cluvieno. incamminarsi incinta verso i gonfiavano questa, ragioni, fu prezzo la presa Ma sue la dai città, scomparso giovane e a venerarla in sepolti magistrati quel tutto con giorno proprio farti sulla pace vizio rocca all'anfora, dar di casa. no, questa volessero?'. Oreste, città centomila emise casa suoi il un giudizio. col 'Se se ho
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/06/01.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 19:23:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile