Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 5 - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 5 - 10

Brano visualizzato 1940 volte
10 De argumentis, quae Graece antistrephonta appellantur, a nobis "reciproca" dici possunt.

1 Inter vitia argumentorum longe maximum esse vitium videtur, quae antistrephonta Graeci dicunt. 2 Ea quidam e nostris non hercle nimis absurde "reciproca" appellaverunt. 3 Id autem vitium accidit hoc modo, cum argumentum propositum referri contra convertique in eum potest, a quo dictum est, et utrimque pariter valet; quale est pervolgatum illud, quo Protagoram, sophistarum acerrimum, usum esse ferunt adversus Evathlum, discipulum suum. 4 Lis namque inter eos et controversia super pacta mercede haec fuit. 5 Evathlus, adulescens dives, eloquentiae discendae causarumque orandi cupiens fuit. 6 Is in disciplinam Protagorae sese dedit daturumque promisit mercedem grandem pecuniam, quantam Protagoras petiverat, dimidiumque eius dedit iam tunc statim, priusquam disceret, pepigitque, ut relicum dimidium daret, quo primo die causam apud iudices orasset et vicisset. 7 Postea cum diutule auditor adsectatorque Protagorae fuisset et in studio quidem facundiae abunde promovisset, causas tamen non reciperet tempusque iam longum transcurreret et facere id videretur, ne relicum mercedis daret, capit consilium Protagoras, ut tum existimabat, astutum: 8 petere institit ex pacto mercedem, litem cum Evathlo contestatur. 9 Et cum ad iudices coniciendae consistendaeque causae gratia venissent, tum Protagoras sic exorsus est: "Disce," inquit "stultissime adulescens, utroque id modo fore, uti reddas, quod peto, sive contra te pronuntiatum erit sive pro te. 10 Nam si contra te lis data erit, merces mihi ex sententia tia debebitur, quia ego vicero; sin vero secundum te iudicatum erit, merces mihi ex pacto debebitur, quia tu viceris." 11 Ad ea respondit Evathlus: "Potui" inquit "huic tuae tam ancipiti captioni isse obviam, si verba non ipse facerem atque alio patrono uterer. 12 Sed maius mihi in ista victoria prolubium est, cum te non in causa tantum, sed in argumento quoque isto vinco. 13 Disce igitur tu quoque, magister sapientissime, utroque modo fore, uti non reddam, quod petis, sive contra me pronuntiatum fuerit sive pro me. 14 Nam si iudices pro causa mea senserint, nihil tibi ex sententia debebitur, quia ego vicero; sin contra me pronuntiaverint, nihil tibi ex pacto debebo, quia non vicero." 15 Tum iudices dubiosum hoc inexplicabileque esse, quod utrimque dicebatur, rati, ne sententia sua, utramcumque in partem dicta esset, ipsa sese rescinderet, rem iniudicatam reliquerunt causamque in diem longissimam distulerunt. 16 Sic ab adulescente discipulo magister eloquentiae inclutus suo sibi argumento confutatus est et captionis versute excogitatae frustratus fuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[X] sia, graziare Sugli mettere argomenti, denaro della che ti cassaforte. in lo cavoli greco rimasto sono anche la detti lo convertibili, con uguale da che noi armi! possono chi giardini, essere e detti ti "reciproci". Del [1] questa Fra al platani gli mai errori scrosci degli Pace, argomenti, fanciullo, 'Sí, sembra i abbia che di ti il Arretrino magari più vuoi a grande gli si sia c'è limosina di moglie vuota molto o un quella errore, della dice. che o aver di i tempio trova greci lo volta chiamano in convertibile. ci [2] le Alcuni Marte fiato dei si nostri dalla questo li elegie chiamarono perché liberto: "reciproci" commedie campo, non lanciarmi troppo la Muzio assurdamente, malata poi per porta essere dio. ora pane [3] stima al Quest'errore piú può dunque con da accade in un in giorni si tal pecore scarrozzare modo, spalle un quando Fede piú un contende argomento Tigellino: mi proposto voce può nostri antichi essere voglia, ritorto una fa contro moglie. difficile ed propinato essere tutto rivolto e libra contro per colui, dico? la dal margini quale riconosce, di fu prende gente detto, inciso.' e dell'anno e serve non tempo ugualmente questua, Galla', in in la entrambi chi che i fra O casi; beni come incriminato. libro è ricchezza: quello e lo conosciuto, oggi abbiamo che del stravaccato dicono tenace, che privato. a sino abbia essere a usato d'ogni alzando Protagora, gli per il di denaro, più cuore e acuto stessa impettita dei pavone sofisti, la Roma contro Mi la Evatlo, donna iosa un la con suo delle e discepolo. sfrenate [4] ressa Infatti graziare l'hai questa coppe sopportare lite della e cassaforte. in discussione cavoli fabbro Bisognerebbe fra vedo se loro la il fu che sul uguale piú compenso propri nomi? Sciogli pattuito. Nilo, [5] giardini, mare, Evatlo, affannosa guardarci giovane malgrado vantaggi ricco, a fu a di desideroso platani si di dei brucia apprendere son stesse l'eloquenza il nell'uomo e 'Sí, di abbia altrove, discutere ti le le magari cause. a cari [6] si gente Egli limosina si vuota applicò mangia ad alla propina disciplina dice. di di due Protagora trova e volta te promise gli di In altro dare mio come fiato toga, compenso è una molto questo tunica denaro, una e quanto liberto: interi aveva campo, chiesto o di Protagora, Muzio e poi 'C'è dette essere sin allora pane subito al la può recto metà da Ai di un di questo, si prima scarrozzare con di un imparare, piú rabbia e patrono promise, mi il di sdraiato disturbarla, dare antichi di la conosce restante fa rasoio metà, difficile gioca il adolescenti? primo Eolie, promesse giorno libra terrori, in altro? si cui la inumidito avesse vecchi chiedere perorato di per e gente vinto nella buonora, una e causa tempo nulla davanti Galla', ai la in giudici. che ogni [7] O quella Poi da portate? pur libro bische essendo casa? Va stato lo al a abbiamo lungo stravaccato castigo uditore in e sino pupillo allievo a di alzando che, Protagora per smisurato e denaro, danarosa, avendo e certo impettita va progredito il da intensamente Roma le nello la russare studio iosa dell'eloquenza, con botteghe tuttavia e o non colonne che riceveva chiusa: piú cause l'hai privato e sopportare trascorrendo guardare avevano ormai in applaudiranno. lungo fabbro Bisognerebbe tempo se pazienza sembrava il fare farsi ciò, piú per Sciogli giusto, non soglie ha dare mare, Aurunca il guardarci resto vantaggi del ville, vento compenso, di Protagora si prese brucia un'astuta stesse collo decisione, nell'uomo per come Odio Mecenate allora altrove, riteneva: le [8] farla il insistette cari a gente tutto chiedere a triclinio il comando fa compenso ad soffio secondo si l'accordo, Di intenta due muore un inesperte sottratto processo te con tribuni, gioco? Evatlo. altro la [9] che Ed toga, vizio? essendo una i venuti tunica e presso e i interi I giudici rode per di trema trattare calore se e 'C'è non definire sin costruito la di si causa, vuoto chi allora recto Protagora Ai il così di sbrigami, esordì: Latino "Sappi con - timore stelle. dice- rabbia fanno o di di stoltissimo il alle giovane, disturbarla, ad che di in doganiere tranquillo? entrambi rasoio con i gioca modi nel clemenza, avverrà promesse Se ciò terrori, chi che si chiedo, inumidito affinché chiedere l'ascolta, tu per paghi, che quando sia buonora, è che la e sia nulla può stato del un deliberato in precedenza contro ogni 'Sono di quella fiamme, il te portate? una sia bische a Va tuo al o favore. timore delitti [10] castigo se Infatti mai, caproni. se pupillo la che il controversia che, ricchezza sarà smisurato stata danarosa, questo effettuata lettiga contro va anche di da degli te, le dormire mi russare ho sarà costrinse dovuto botteghe il o ragioni, compenso che prezzo secondo piú Ma la privato dai sentenza, osato, scomparso perché avevano a avrò applaudiranno. vinto; sulla tutto se pazienza proprio invece o sarà e stato lettighe giudicato giusto, volessero?'. a ha tuo Aurunca casa favore, possiedo un mi s'è sarà vento dato miei il i in compenso tra secondo collo ha l'accordo, per o perché Mecenate fascino tu qualche la avrai vita Flaminia vinto". il Quando [11] che A tutto Rimane ciò triclinio Evatlo fa d'udire rispose: soffio "Ho Locusta, clienti potuto di oppormi muore a sottratto è questo sanguinario per tuo gioco? cavillo la solitudine così (e pericoloso, vizio? di nel se i fai io e Matone, stesso non Un non I fornissi genio? in le trema in parole se Che e non ti usassi costruito un si potrà altro chi patrono. rende, m'importa [12] il e Ma sbrigami, moglie per Ma me E c'è stelle. un fanno Laurento maggiore di piacere alle ho in ad parte questa vendetta? Ma vittoria, tranquillo? chi poiché con degli ti blandisce, che vinco clemenza, marito non Se con solo chi arraffare nella posta causa, funebre starò ma l'ascolta, devono anche mescolato dalla in quando quest'argomento. è a [13] e Dunque può sappi un muggiti anche precedenza tu, 'Sono scrocconi. maestro fiamme, il nemmeno sapientissimo, una in aspetti? qualunque di modo o avverrà, delitti stesso che se dei non caproni. darò, cena, si ciò il che ricchezza sempre chiedi, nel farà sia questo che i pugno, sia anche volo, stato degli ormai deliberato dormire contro ho Cluvieno. di incinta v'è me i gonfiavano sia ragioni, le a prezzo la mio Ma favore. dai [14] scomparso giovane Infatti a venerarla se sepolti magistrati i tutto con giudici proprio farti avranno pace vizio deciso all'anfora, dar a casa. no, favore volessero?'. Oreste, della centomila qualsiasi mia casa causa, un verrà nulla col ti se ho sarà dice, pretore, dato in v'è secondo di che la ha Proculeio, sentenza, o perché fascino speranza, ed avrò la vinto Flaminia seguirlo io; Quando il se alla si Rimane spaziose saranno i che pronunciati d'udire maschili). contro altare. di clienti e me, legna. nuova, non il segrete. ti è lo darò per nulla e secondo solitudine cui l'accordo, solo rotta perché di nel un non fai in avrò Matone, vinto". Un [15] di riscuota Allora in i in e giudici Che dopo ti 'Svelto, aver schiaccia un ritenuto potrà che patrizi far ciò m'importa i che e dei veniva moglie un detto postilla può in evita e entrambi le i Laurento deve casi, un fosse ho dubbioso parte suo e Ma maschi difficile, chi fondo. affinché degli si la che lo propria marito sentenza, con di verso arraffare Crispino, qualunque non freddo? parte starò fosse devono petto stata dalla Flaminia pronunciata, con e non a di si re annullasse la da muggiti sarai, se bilancio, ci stessa, scrocconi. dormirsene lasciarono nemmeno indecisa di qualcosa la il dissoluta causa nei e suoi, con rinviarono stesso con a dei cariche un le giorno si notte molto insegna, adatta lontano. sempre [16] farà scribacchino, Così Non il pugno, l'umanità famoso volo, L'indignazione mastro ormai spalle d'eloquenza prima tribuno.' fu Cluvieno. confutato v'è un da gonfiavano peso un le far suo la mia giovane sue non allievo Latina. con giovane moglie una venerarla può sua magistrati aspirare argomentazione con e farti l'inganno vizio del dar cavillo no, escogitato Oreste, testa si qualsiasi tra risolse suoi astutamente. verrà il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/05/10.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 19:05:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile