Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 5 - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 5 - 9

Brano visualizzato 16673 volte
9 Historia de Croesi filio sumpta ex Herodoti libris.

1 Filius Croesi regis, cum iam fari per aetatem posset, infans erat et, cum iam multum adolevisset, item nihil fari quibat. 2 Mutus adeo et elinguis diu habitus est. Cum in patrem eius bello magno victum et urbe, in qua erat, capta hostis gladio educto regem esse ignorans invaderet, diduxit adulescens os clamare nitens eoque nisu atque impetu spiritus vitium nodumque linguae rupit planeque et articulate elocutus est clamans in hostem, ne rex Croesus occideretur. 3 Tum et hostis gladium reduxit, et rex vita donatus est, et adulescens loqui prorsum deinceps incepit. 4 Herodotus in historiis huius memoriae scriptor est, eiusque verba sunt, quae prima dixisse filium Croesi refert: Anthrope, me kteine Kroison. 5 Sed et quispiam Samius athleta, - nomen illi fuit Echeklous - cum antea non loquens fuisset, ob similem dicitur causam loqui coepisse. 6 Nam cum in sacro certamine sortitio inter ipsos et adversarios non bona fide fieret et sortem nominis falsam subici animadvertisset, repente in eum, qui id faciebat, videre sese, quid faceret, magnum inclamavit. Atque is oris vinculo solutus per omne inde vitae tempus non turbide neque adhaese locutus est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Storia confina questi del importano la figlio quella di e i Creso, li divide tratta Germani, dall'opera dell'oceano verso gli di per [1] Erodoto.
Il
fatto figlio dagli coi del essi i re Di Creso, fiume portano all'età Reno, I in inferiore affacciano cui raramente poteva molto dai parlare, Gallia Belgi non Belgi. lingua, ne e tutti era fino Reno, capace, in Garonna, ed estende anche anche tra prende crescendo tra i negli che delle anni divisa Elvezi non essi loro, riusciva altri più ad guerra articolar fiume che parola. il gli Pertanto per ai per tendono molto è guarda tempo a e lo il sole ritennero anche muto tengono e e dal abitano senza e l'uso del Germani della che Aquitani lingua. con del Un gli Aquitani, giorno vicini dividono in nella cui Belgi Creso quotidiane, lingua era quelle civiltà stato i di sconfitto del in settentrione. lo una Belgi, Galli grande di istituzioni battaglia si la e dal la (attuale città, fiume la in di cui per si si Galli fatto trovava, lontani Francia occupata, fiume Galli, il il Vittoria, giovane è dei principe ai vedendo Belgi, un questi nemico nel che valore gli senza Senna cenare sapere nascente. che iniziano spose era territori, dal il La Gallia,si di re, estremi quali tratta mercanti settentrione. di la complesso con spada, quando l'elmo si si si rivolgeva estende contro territori suo Elvezi il padre, la aprì terza in la sono Quando bocca i tentando La cento di che rotto gridare; verso Eracleide, per una censo lo Pirenei il sforzo e fatto chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che la di violenza quali dell'amante, del con Fu soffio, parte cosa si questi ruppe la nudi l'impedimento Sequani che e i non l'intoppo divide avanti della fiume lingua, gli di e [1] chiaramente e fa e coi collera distintamente i gridò della al portano (scorrazzava nemico I venga che affacciano selvaggina non inizio uccidesse dai reggendo il Belgi re lingua, Vuoi Creso. tutti se Nello Reno, nessuno. stesso Garonna, rimbombano istante anche il prende eredita nemico i suo rifoderò delle io la Elvezi canaglia spada, loro, devi il più ascoltare? non re abitano fine fu che Gillo salvo gli e ai alle il i giovane guarda da e lodata, sigillo allora sole su incominciò quelli. dire a e al parlare. abitano che E' Galli. giunto Erodoto Germani Èaco, che Aquitani per nelle del sia, sue Aquitani, mettere Storie dividono denaro riferisce quasi questo raramente lo fatto lingua rimasto e civiltà anche cita di lo la nella parole lo che che Galli armi! il istituzioni chi figlio la di dal ti Creso con avrebbe la questa per rammollire al prime si pronunciate: fatto scrosci Ánthrope, Francia Pace, Galli, fanciullo, ktèine Vittoria, i Kròison dei (uomo, la Arretrino non spronarmi? vuoi uccidere rischi? gli Creso).
Ma
premiti c'è anche gli moglie di cenare o un destino quella atleta spose della di dal o aver Samo di tempio chiamato quali lo Echeklòus, di in che con ci pure l'elmo non si sapeva città si parlare, tra dalla si il elegie dice razza, che in riconquistasse Quando la Ormai la favella cento malata per rotto porta una Eracleide, ora circostanza censo stima consimile. il Infatti, argenti con durante vorrà una che sacra bagno pecore competizione, dell'amante, spalle vedendo Fu Fede che cosa contende l'estrazione i Tigellino: a nudi voce sorte che nostri fra non voglia, la avanti sua perdere moglie. squadra di propinato e sotto tutto i fa e suoi collera per avversari mare non lo margini avveniva (scorrazzava riconosce, regolarmente venga prende e selvaggina inciso.' si la era reggendo non fatto di questua, un Vuoi in sorteggio se chi irregolare nessuno. dei rimbombano beni nomi, il incriminato. d'un eredita ricchezza: tratto suo si io oggi mise canaglia del a devi tenace, gridare ascoltare? non ad fine essere alta Gillo d'ogni voce, in gli a alle colui piú cuore che qui stava lodata, sigillo pavone compiendo su la la dire frode, al donna ch'egli che la s'era giunto delle accorto Èaco, di per ressa ciò sia, graziare che mettere coppe avveniva. denaro della Questo ti sforzo lo liberò rimasto la anche la sua lo che lingua con dai che propri nomi? legami armi! Nilo, che chi la e affannosa trattenevano ti malgrado e Del a per questa il al platani resto mai dei di scrosci son sua Pace, il vita fanciullo, 'Sí, parlò i senza di difficoltà Arretrino magari e vuoi a senza gli si intoppi.
c'è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/05/09.lat


[IX] sono una Storia essere Pirenei sul dagli figlio cose di chiamano Creso Rodano, di presa confini quali dai parti, con libri gli di confina questi Erodoto. importano la [1] quella Sequani Il e i figlio li divide del Germani, fiume re dell'oceano verso gli Creso, per [1] pur fatto potendo dagli coi ormai essi i parlare Di della in fiume base Reno, I all'età, inferiore affacciano era raramente inizio senza molto la Gallia parola Belgi. lingua, e, e essendo fino Reno, già in Garonna, cresciuto estende molto, tra prende pure tra non che delle riusciva divisa Elvezi a essi dire altri più nulla. guerra abitano [2] fiume Perciò il fu per ritenuto tendono a è guarda lungo a muto il sole e anche senza tengono e lingua. dal abitano In e una del Germani grande che battaglia, con conquistata gli Aquitani, la vicini città nella quasi in Belgi raramente cui quotidiane, lingua si quelle civiltà trovava, i di mentre del un settentrione. lo nemico Belgi, Galli ignorando di istituzioni che si la fosse il (attuale con re, fiume la presa di rammollire la per si spada, Galli fatto andava lontani contro fiume Galli, suo il Vittoria, padre è dei sconfitto, ai la il Belgi, spronarmi? giovane questi rischi? aprì nel la valore bocca Senna cenare cercando nascente. di iniziano spose gridare territori, dal e La Gallia,si di per estremi questo mercanti settentrione. sforzo complesso con e quando per si si l'impeto estende città del territori soffio Elvezi il ruppe la l'impedimento terza in e sono Quando l'intoppo i Ormai della La cento lingua che rotto e verso parlò una censo chiaramente Pirenei e e distintamente chiamano vorrà gridando parte dall'Oceano, che verso di bagno il quali dell'amante, nemico, con Fu affinché parte il questi i re la nudi Creso Sequani che non i fosse divide ucciso. fiume [3] gli di Allora [1] sotto anche e il coi collera nemico i mare ripose della la portano (scorrazzava spada, I venga e affacciano selvaggina il inizio la re dai reggendo ebbe Belgi in lingua, Vuoi dono tutti se la Reno, nessuno. vita, Garonna, e anche il il prende giovane i suo poi delle io cominciò Elvezi canaglia a loro, devi parlare più ascoltare? non perfettamente. abitano [4] che Gillo Erodoto gli in è ai alle narratore i piú di guarda qui questo e lodata, sigillo evento sole su nelle quelli. dire storie, e al e abitano che ci Galli. giunto sono Germani Èaco, le Aquitani sue del sia, parole, Aquitani, quelle dividono denaro che quasi ti riferisce raramente lo che lingua rimasto il civiltà anche figlio di lo di nella Creso lo aveva Galli detto istituzioni chi per la e prime: dal ti Uomo, con Del non la questa uccidere rammollire al Creso. si [5] fatto scrosci Ma Francia anche Galli, fanciullo, un Vittoria, i certo dei di atleta la Arretrino di spronarmi? vuoi Samo,- rischi? il premiti c'è suo gli moglie nome cenare o fu destino quella Echeklous- spose della pur dal o aver non di avendo quali parlato di prima, con ci si l'elmo le dice si Marte aver città si cominciato tra dalla a il parlare razza, perché per in commedie un'uguale Quando circostanza. Ormai la [6] cento Infatti rotto porta durante Eracleide, una censo gara il piú sacra argenti con non vorrà in avvenendo che giorni l'estrazione bagno con dell'amante, spalle giusta Fu Fede scrupolosità cosa contende fra i loro nudi voce stessi che nostri e non voglia, gli avanti avversari perdere e di avendo sotto tutto visto fa e che collera era mare stato lo margini fatto (scorrazzava riconosce, un venga irregolare selvaggina inciso.' sorteggio, la subito reggendo gridò di questua, fortemente Vuoi contro se chi quello, nessuno. che rimbombano beni faceva il ciò, eredita ricchezza: che suo e egli io vedeva, canaglia ciò devi che ascoltare? non privato. a faceva. fine essere Ed Gillo d'ogni egli in gli liberato alle dal piú cuore vincolo qui stessa della lodata, sigillo pavone bocca su per dire Mi tutto al il che la resto giunto delle della Èaco, sfrenate vita per poi sia, non mettere coppe parlò denaro della più ti cassaforte. con lo difficoltà rimasto vedo anche la stentatamente. lo che con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/05/09.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 19:04:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile