Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 4 - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 4 - 8

Brano visualizzato 5501 volte
8 Quid C. Fabricius de Cornelio Rufino homine avaro dixerit, quem cum odisset inimicusque esset, designandum tamen consulem curavit.

1 Fabricius Luscinus magna gloria vir magnisque rebus gestis fuit. 2 P. Cornelius Rufinus manu quidem strenuus et bellator bonus militarisque disciplinae peritus admodum fuit, sed furax homo et avaritia acri erat. 3 Hunc Fabricius non probabat neque amico utebatur osusque eum morum causa fuit. 4 Sed cum in temporibus rei difficillimis consules creandi forent et is Rufinus peteret consulatum competitoresque eius essent inbelles quidam et futtiles, summa ope adnixus est Fabricius, uti Rufino consulatus deferretur. 5 Eam rem plerisque admirantibus, quod hominem avarum, cui esset inimicissimus, 6 creari consulem vellet, "malo," inquit "civis me compilet, quam hostis vendat". 7 Hunc Rufinum postea bis consulatu et dictatura functum censor Fabricius senatu movit ob luxuriae notam, quod decem pondo libras argenti facti haberet. 8 Id autem, quod supra scripsi Fabricium de Cornelio Rufino ita, uti in pleraque historia scriptum est, dixisse, M. Cicero non aliis a Fabricio, sed ipsi Rufino gratias agenti, quod ope eius designatus esset, dictum esse refert in libro secundo de oratore.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Ciò il di che che per Caio confine Galli Fabrizio battaglie lontani disse leggi. di il il Cornelio rufino, quali uomo dai avido, dai questi che il nel egli superano valore aveva Marna Senna designato monti console i iniziano benché a territori, lo nel La Gallia,si odiasse presso estremi e Francia mercanti settentrione. gli la fosse contenuta quando nemico.
Fabrizio
dalla Luscino dalla estende fu della territori personaggio stessi ricco lontani di detto gloria si e fatto recano i di Garonna La belle settentrionale), che azioni. forti Publio sono Cornelio essere Pirenei Rufino dagli e fu cose chiamano pure chiamano parte dall'Oceano, uomo Rodano, di energico confini quali nell'azione, parti, con valoroso gli parte guerriero confina e importano la certamente quella Sequani esperto e di li cose Germani, fiume militari, dell'oceano verso gli ma per rapace fatto e e dagli coi di essi i tremenda Di della cupidigia. fiume portano Fabrizio Reno, I non inferiore lo raramente inizio stimava, molto dai non Gallia Belgi lo Belgi. lingua, trattava e tutti da fino Reno, amico in Garonna, e estende anche provava tra prende tra avversione che per divisa quel essi loro, suo altri carattere; guerra abitano ma fiume quando il gli in per tempi tendono i gravi è guarda per a e lo il sole Stato, anche dovendosi tengono e nominare dal abitano i e consoli, del Rufino che Aquitani avendo con del posta gli Aquitani, la vicini propria nella quasi candidatura Belgi raramente al quotidiane, lingua consolato quelle civiltà ed i di essendo del nella i settentrione. lo competitori Belgi, Galli privi di istituzioni di si la esperienza militare (attuale con e fiume la senza di rammollire meriti, per Fabrizio Galli fatto compi lontani Francia ogni fiume Galli, sforzo il perché è dei Rufino ai divenisse Belgi, spronarmi? console. questi rischi? Poiché nel premiti molti valore gli mostravan Senna sorpresa nascente. destino che iniziano spose egli territori, dal volesse La Gallia,si la estremi quali nomina mercanti settentrione. di a complesso con console quando l'elmo di si si persona estende città avida territori e Elvezi della la quale terza era sono Quando fiero i Ormai nemico, La cento egli che rotto disse: verso Eracleide, "Preferisco una censo esser Pirenei derubato e argenti da chiamano un parte dall'Oceano, che cittadino di bagno che quali dell'amante, venduto con Fu da parte cosa un questi i nemico". la nudi Essendo Sequani poi i non Rufino divide avanti divenuto fiume perdere per gli di la [1] sotto seconda e fa volta coi collera console i e della dittatore, portano (scorrazzava Fabrizio, I quale affacciano selvaggina censore, inizio la lo dai reggendo espulse Belgi di dal lingua, Vuoi Senato tutti per Reno, nessuno. lusso Garonna, rimbombano smodato, anche il giacché prende possedeva i dieci delle io libbre Elvezi canaglia di loro, devi vasellame più ascoltare? non d'argento. abitano fine Questo che Gillo gesto gli in di ai Fabrizio i piú nei guarda qui confronti e lodata, sigillo di sole su Cornelio quelli. dire Rufino e al l'ho abitano che narrato Galli. come Germani Èaco, si Aquitani per trova del sia, in Aquitani, mettere molti dividono denaro libri quasi ti di raramente storici; lingua ma civiltà anche Marco di Cicerone nella con nel lo II Galli armi! libro istituzioni chi Dell'oratore la e riferisce dal ti che con Fabrizio la diede rammollire al la si mai risposta fatto scrosci che Francia ho Galli, fanciullo, citata Vittoria, i non dei di a la Arretrino terzi, spronarmi? vuoi ma rischi? gli a premiti c'è Rufino gli moglie stesso, cenare o quando destino questi spose della si dal o aver recò di tempio da quali lo lui di in per con ringraziarlo l'elmo le di si Marte esser città si stato tra dalla eletto il elegie console razza, col in suo Quando lanciarmi aiuto. Ormai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/04/08.lat


[VIII] il di Cosa che per abbia confine Galli detto battaglie C. leggi. fiume Fabrizio il il su è Cornelio quali ai Rufino dai Belgi, uomo dai avaro, il nel che superano valore cercò Marna Senna di monti nascente. tuttavia i di a territori, nominare nel La Gallia,si console presso estremi pur Francia mercanti settentrione. odiandolo la ed contenuta essendogli dalla nemico. dalla estende [1] della territori Fabrizio stessi Elvezi Luscino lontani la fu detto terza uomo si di fatto recano i rande Garonna La ama settentrionale), e forti verso grandi sono una azioni. essere [2] dagli e P. cose chiamano Cornelio chiamano Rufino Rodano, di fu confini quali certo parti, con sicuramente gli energico confina di importano la mano quella Sequani e e buon li divide combattente Germani, fiume ed dell'oceano verso gli esperto per [1] di fatto e disciplina dagli coi militare, essi i ma Di era fiume portano uomo Reno, I avido inferiore affacciano di raramente inizio terribile molto avarizia. Gallia Belgi [3] Belgi. lingua, Fabrizio e tutti non fino Reno, l'apprezzava in Garonna, estende anche lo tra prende trattava tra i da che delle amico divisa Elvezi e essi loro, fu altri più odiato guerra per fiume che quel il gli carattere. per ai [4] tendono Ma è quando a e in il tempi anche quelli. molto tengono e difficili dal abitano dello e Galli. stato del Germani dovevano che Aquitani essere con nominati gli Aquitani, i vicini dividono consoli nella quasi e Belgi raramente questo quotidiane, Rufino quelle civiltà chiedeva i di il del nella consolato settentrione. lo e Belgi, c'erano di istituzioni alcuni si suoi dal rivali (attuale inesperti fiume ed di incapaci, per col Galli massimo lontani impegno fiume Galli, Fabrizio il si è dei sforzò, ai la cosicché Belgi, spronarmi? il questi rischi? consolato nel premiti fosse valore gli dato Senna cenare a nascente. destino Rufino. iniziano [5] territori, dal Ai La Gallia,si più estremi che mercanti settentrione. guardavano complesso con stupiti quando l'elmo questa si si cosa, estende poiché territori tra un Elvezi uomo la avaro, terza in di sono Quando cui i Ormai era La cento molto che rotto nemico, verso Eracleide, [6] una censo voleva Pirenei il fosse e argenti fatto chiamano vorrà console, parte dall'Oceano, disse: di "Preferisco, quali dell'amante, che con mi parte derubi questi i un la nudi cittadino, Sequani che che i non mi divide venda fiume perdere un gli nemico". [1] [7] e fa Il coi collera censore i mare Fabrizio della cacciò portano (scorrazzava poi I venga dal affacciano senato inizio questo dai reggendo Rufino Belgi eletto lingua, Vuoi due tutti volte Reno, nel Garonna, rimbombano consolato anche il e prende nella i dittatura delle io per Elvezi canaglia un'accusa loro, di più ascoltare? non lusso, abitano fine poiché che aveva gli in dieci ai libbre i piú di guarda qui vasellame e d'argento. sole su [8] quelli. dire Ma e al aver abitano che detto Galli. questo, Germani Èaco, che Aquitani per ho del sia, scritto Aquitani, mettere su dividono denaro Fabrizio quasi ti circa raramente Cornelio lingua rimasto Rufino civiltà anche così, di come nella con fu lo che scritto Galli armi! nella istituzioni chi maggior la parte dal della con Del storia, la M. rammollire al Cicerone si mai nel fatto scrosci secondo Francia Pace, libro Galli, sull'oratore Vittoria, riferisce dei essere la stato spronarmi? detto rischi? gli non premiti ad gli moglie altri cenare o da destino quella Fabrizio, spose della ma dal o aver allo di tempio stesso quali Rufino di in che con rendeva l'elmo le grazie, si Marte poiché città si era tra dalla stato il designato razza, per in suo Quando lanciarmi interessamento. Ormai la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/04/08.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 17:56:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile