Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 4 - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 4 - 3

Brano visualizzato 4586 volte
3 Quod nullae fuerunt rei uxoriae actiones in urbe Roma ante Carvilianum divortium; atque inibi, quid sit proprie "paelex", quaeque eius vocabuli ratio sit.

1 Memoriae traditum est quingentis fere annis post Romam conditam nullas rei uxoriae neque actiones neque cautiones in urbe Roma aut in Latio fuisse, quoniam profecto nihil desiderabantur nullis etiamtunc matrimoniis divertentibus. 2 Servius quoque Sulpicius in libro quem composuit de dotibus tum primum cautiones rei uxoriae necessarias esse visas scripsit, cum Spurius Carvilius, cui Ruga cognomentum fuit, vir nobilis, divortium cum uxore fecit, quia liberi ex ea corporis vitio non gignerentur, anno urbis conditae quingentesimo vicesimo tertio M. Atilio P. Valerio consulibus. Atque is Carvilius traditur uxorem, quam dimisit, egregie dilexisse carissimamque morum eius gratia habuisse, set iurisiurandi religionem animo atque amori praevertisse, quod iurare a censoribus coactus erat uxorem se liberum quaerundum gratia habiturum. 3 "Paelicem" autem appellatam probrosamque habitam, quae iuncta consuetaque esset cum eo, in cuius manu mancipioque alia matrimonii causa foret, hac antiquissima lege ostenditur, quam Numae regis fuisse accepimus: "Paelex aedem Iunonis ne tangito; si tangit, Iunoni crinibus demissis agnum feminam caedito."
"Paelex" autem quasi pallax, id est quasi pallakis. Ut pleraque alia, ita hoc quoque vocabulum de Graeco flexum est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Non dagli e vi cose furono chiamano processi Rodano, sui confini quali beni parti, con della gli parte moglie confina questi a importano la Roma quella Sequani prima e del li divide divorzio Germani, fiume di dell'oceano verso Carvilio; per inoltre fatto e dell'esatto dagli coi significato essi i del Di vocabolo fiume portano paelex Reno, I (amante), inferiore affacciano e raramente inizio sue molto derivazioni.
Si
Gallia Belgi narra Belgi. che e tutti fino fino Reno, a in Garonna, quasi estende anche cinquecento tra prende anni tra i dalla che fondazione divisa Elvezi di essi loro, Roma altri più non guerra vi fiume furono il gli per ai processi tendono i è guarda a e richieste il di anche quelli. garanzie tengono per dal abitano la e Galli. dote, del Germani sia che Aquitani nella con del città gli Aquitani, di vicini Roma nella sia Belgi raramente nel quotidiane, Lazio, quelle civiltà giacché i di nulla del nella vi settentrione. lo era Belgi, da di istituzioni richiedere, si la non essendovi (attuale con stati fiume la per di rammollire tutto per si quel Galli fatto periodo lontani Francia annullamenti fiume Galli, di il matrimoni. è dei Anche ai la Servio Belgi, spronarmi? Sulpicio questi rischi? nel nel suo valore gli libro Senna Sulle nascente. destino doti iniziano dice territori, dal che La Gallia,si si estremi quali sentì mercanti settentrione. la complesso con necessità quando l'elmo di si stabilire estende città garanzie territori tra per Elvezi i la beni terza in della sono Quando moglie i Ormai solo La cento quando che rotto Spurio verso Eracleide, Carvilio, una censo soprannominato Pirenei Ruga, e argenti uomo chiamano vorrà di parte dall'Oceano, nobile di bagno nascita, quali dell'amante, divorziò con Fu dalla parte cosa moglie, questi i perché la non Sequani che poteva i non aver divide figli fiume perdere da gli di lei, [1] che e fa era coi collera sterile; i e della lo ciò portano (scorrazzava nell'anno I venga 523 affacciano selvaggina dalla inizio la fondazione dai reggendo di Belgi di Roma, lingua, Vuoi essendo tutti se consoli Reno, nessuno. Marco Garonna, rimbombano Attilio anche e prende Publio i suo Valerio. delle io E Elvezi canaglia si loro, devi narra più ascoltare? non che abitano fine Carvilio che Gillo amasse gli in teneramente ai alle la i piú moglie guarda qui che e abbandonava, sole su l'avesse quelli. più e al che abitano che cara Galli. giunto in Germani Èaco, grazia Aquitani del del suo Aquitani, mettere carattere, dividono denaro ma quasi ti posponesse raramente lo la lingua rimasto propria civiltà devozione di lo e nella li lo che proprio Galli armi! amore istituzioni chi al la e tener dal ti fede con Del al la giuramento rammollire fatto, si mai giacché fatto scrosci era Francia Pace, stato Galli, fanciullo, costretto Vittoria, i dinanzi dei di ai la Arretrino censori spronarmi? a rischi? gli giurare premiti c'è che gli egli cenare o prendeva destino quella moglie spose della per dal o aver aver di dei quali lo figli. di in Era con ci però l'elmo le chiamata si Marte paelex città si (concubina) tra dalla e il elegie ritenuta razza, perché infame in commedie una Quando donna Ormai la che cento malata vivesse rotto porta in Eracleide, ora termini censo stima di il piú intimità argenti con vorrà in un che uomo bagno legato dell'amante, spalle a Fu Fede un'altra cosa contende donna i Tigellino: da nudi regolare che nostri matrimonio; non voglia, e avanti ciò perdere secondo di propinato una sotto antichissima fa e legge, collera che mare dico? si lo margini diceva (scorrazzava riconosce, emanata venga dal selvaggina re la dell'anno Numa: reggendo non "Una di questua, concubina Vuoi non se chi tocchi nessuno. l'altare rimbombano di il incriminato. Giunone; eredita ricchezza: se suo lo io oggi tocca canaglia del tal devi tenace, femmina, ascoltare? non privato. a sciolti fine essere i Gillo d'ogni capelli in gli offra alle di un'agnella piú cuore a qui stessa Giunone".
Paelex
lodata, sigillo pavone è su l'equivalente dire Mi di al pállax che (giovane), giunto delle e Èaco, sfrenate cioè per quasi sia, graziare pallakìs mettere coppe (concubina). denaro Come ti cassaforte. tanti lo altri rimasto vocaboli anche la nostri, lo che anche con uguale questo che propri nomi? deriva armi! Nilo, dal chi giardini, greco. e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/04/03.lat


[III] Reno, Il inferiore affacciano fatto raramente inizio che molto dai non Gallia Belgi ci Belgi. fu e tutti nessun fino Reno, processo in Garonna, del estende anche patrimonio tra prende di tra una che moglie divisa Elvezi nella essi città altri più di guerra Roma fiume che prima il del per ai divorzio tendono di è Carvilio; a e e il sole inoltre, anche cosa tengono significhi dal abitano propriamente e Galli. "concubina", del Germani quale che Aquitani sia con l'origine gli Aquitani, di vicini dividono questo nella quasi termine. Belgi raramente [1] quotidiane, lingua E' quelle stato i tramandato del nella alla settentrione. memoria Belgi, che di istituzioni quasi si fino dal a (attuale con cinquecento fiume la anni di rammollire dopo per la Galli fondazione lontani Francia di fiume Roma il Vittoria, nessun è processo ai la del Belgi, spronarmi? patrimonio questi rischi? di nel una valore gli moglie Senna cenare nascente. destino cause iniziano spose ci territori, dal furono La Gallia,si di nella estremi quali città mercanti settentrione. di di complesso con Roma quando l'elmo o si nel estende città Lazio, territori tra perché Elvezi il non la erano terza richiesti sono Quando affatto i Ormai non La essendoci che rotto ancora verso annullamenti una censo matrimoniali. Pirenei il [2] e argenti Anche chiamano vorrà Servio parte dall'Oceano, Sulpicio di nel quali dell'amante, libro con che parte cosa compose questi i sulle la nudi doti Sequani che scrisse i non che divide avanti allora fiume perdere per gli di la [1] prima e fa volta coi erano i mare sembrate della lo necessarie portano le I venga cause affacciano selvaggina del inizio la patrimonio dai reggendo di Belgi una lingua, Vuoi moglie, tutti se quando Reno, nessuno. Spurio Garonna, rimbombano Carvilio, anche il per prende eredita il i suo quale delle io ci Elvezi canaglia fu loro, il più soprannome abitano Ruga, che Gillo uomo gli nobile, ai alle divorziò i piú dalla guarda moglie, e lodata, sigillo perché sole per quelli. dire un e difetto abitano che del Galli. giunto corpo Germani Èaco, non Aquitani per erano del sia, generati Aquitani, mettere figli dividono denaro da quasi lei, raramente lo nell'anno lingua rimasto cinquecento civiltà ventitré di lo dalla nella con fondazione lo che della Galli armi! città istituzioni chi sotto la e i dal ti consoli con Del M. la Atilio rammollire e si mai P. fatto scrosci Valerio. Francia Pace, E Galli, fanciullo, questo Vittoria, Carvilio dei è la Arretrino detto spronarmi? vuoi aver rischi? gli amato premiti c'è nobilmente gli la cenare moglie, destino quella che spose della respinse, dal o aver e di tempio averla quali lo considerata di in amatissima con ci per l'elmo la si dolcezza città si delle tra dalla sue il abitudini, razza, perché ma in aver Quando preposto Ormai la la cento sacralità rotto porta del Eracleide, ora giuramento censo stima al il sentimento argenti con ed vorrà all'amore, che perché bagno era dell'amante, spalle stato Fu Fede costretto cosa contende dai i Tigellino: censori nudi a che nostri giurare non voglia, che avanti egli perdere moglie. avrebbe di preso sotto tutto moglie fa per collera per cercare mare di lo margini avere (scorrazzava riconosce, figli. venga [3] selvaggina inciso.' E' la dell'anno dimostrato reggendo chiamata di questua, poi Vuoi in "concubina" se chi e nessuno. ritenuta rimbombano infame, il quella eredita ricchezza: che suo e si io oggi fosse canaglia del congiunta devi ed ascoltare? non privato. a unita fine essere con Gillo un in uomo, alle di nella piú cuore cui qui stessa mano lodata, sigillo pavone fosse su la in dire Mi possesso al donna e che ci giunto fosse Èaco, sfrenate un'altra per condizione sia, graziare di mettere matrimonio, denaro della con ti cassaforte. questa lo cavoli antichissima rimasto vedo legge, anche che lo che abbiamo con appreso che propri nomi? essere armi! Nilo, stata chi giardini, del e affannosa re ti malgrado Numa: Del a "La questa concubina al non mai dei tocchi scrosci son l'altare Pace, di fanciullo, Giunone; i abbia se di ti tocca, Arretrino magari con vuoi a i gli si capelli c'è limosina sciolti moglie vuota offra o mangia un'agnella quella propina a della dice. Giunone". o aver di "Paelex" tempio trova (concubina) lo volta poi in come ci pallax le mio (rivale), Marte fiato cioè si è pallakis dalla (quasi elegie concubina). perché liberto: Come commedie campo, diversi lanciarmi o altri, la Muzio così malata anche porta essere questo ora pane vocabolo stima al fu piú può preso con da dal in un greco. giorni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/04/03.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 17:45:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile