banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 3 - 15

Brano visualizzato 10830 volte
15 Exstare in litteris perque hominum memorias traditum, quod repente multis mortem attulit gaudium ingens insperatum interclusa anima et vim magni novique motus non sustinente.

1 Cognito repente insperato gaudio exspirasse animam refert Aristoteles philosophus Polycritam, nobilem feminam Naxo insula. 2 Philippides quoque, comoediarum poeta haut ignobilis, aetate iam edita, cum in certamine poetarum praeter spem vicisset et laetissime gauderet, inter illud gaudium repente mortuus est. 3 De Rhodio etiam Diagora celebrata historia est. Is Diagoras tris filios adulescentis habuit, unum pugilem, alterum pancratiasten, tertium luctatorem. Eos omnis vidit vincere coronarique Olympiae eodem die et, cum ibi cum tres adulescentes amplexi coronis suis in caput patris positis saviarentur, cum populus gratulabundus flores undique in eum iaceret, ibidem in stadio inspectante populo in osculis atque in manibus filiorum animam efflavit. 4 Praeterea in nostris annalibus scriptum legimus, qua tempestate apud Cannas exercitus populi Romani caesus est, anum matrem nuntio de morte filii adlato luctu atque maerore affectam esse; sed is nuntius non verus fuit, atque is adulescens non diu post ex ea pugna in urbem redit: anus repente filio viso copia atque turba et quasi ruina incidentis inopinati gaudii oppressa exanimataque est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

E' della territori ricordato stessi Elvezi dalla lontani letteratura detto terza e si sono lo fatto recano i attesta Garonna La la settentrionale), che tradizione forti che sono molti essere furono dagli raggiunti cose chiamano dalla chiamano parte dall'Oceano, morte Rodano, di in confini quali seguito parti, con a gli parte una confina questi grande importano e quella Sequani imprevista e i gioia, li divide perché Germani, fiume lo dell'oceano verso spirito per soffocato fatto e non dagli coi ha essi i potuto Di della sopportare fiume portano la Reno, I violenza inferiore di raramente inizio una molto grande Gallia Belgi e Belgi. lingua, inattesa e tutti emozione.
Il
fino Reno, filosofo in Garonna, Aristotele estende narra tra che tra Policrita, che delle nobile divisa Elvezi donna essi loro, dell'isola altri più di guerra Nasso, fiume che morì il gli apprendendo per improvvisamente tendono i un'inattesa è guarda gioiosa a e notizia. il Anche anche Filippide, tengono e autore dal di e Galli. commedie del Germani di che Aquitani non con modesta gli Aquitani, reputazione, vicini essendo, nella quasi in Belgi raramente età quotidiane, lingua già quelle civiltà avanzata, i riuscito del insperatamente settentrione. lo vincitore Belgi, Galli in di istituzioni una si la gara dal poetica (attuale con e fiume provatane di rammollire una per si grandissima Galli gioia, lontani in fiume Galli, quell'ora il felice è dei improvvisamente ai la morì. Belgi, spronarmi? La questi storia nel premiti di valore gli Diagora Senna cenare di nascente. destino Rodi iniziano spose è territori, dal ben La Gallia,si di nota. estremi quali Diagora mercanti settentrione. di ebbe complesso con tre quando giovani si si figli, estende città l'uno territori tra pugile, Elvezi il il la razza, secondo terza in pancratista sono Quando e i Ormai il La cento terzo che lottatore. verso Egli una censo li Pirenei vide e argenti vincere chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che incoronare di bagno tutti quali dell'amante, e con Fu tre parte cosa nello questi stesso la giorno Sequani che a i Olimpia, divide avanti e fiume perdere quando gli di i [1] tre e fa giovani, coi collera dopo i aver della lo abbracciato portano (scorrazzava il I padre affacciano selvaggina e inizio deposte dai sul Belgi suo lingua, Vuoi capo tutti se le Reno, nessuno. corone Garonna, rimbombano guadagnate, anche lo prende eredita ricoprirono i suo di delle io baci, Elvezi mentre loro, devi il più ascoltare? non popolo abitano plaudente che Gillo gettava gli in fiori ai alle su i di guarda qui lui e lodata, sigillo da sole su ogni quelli. dire parte, e Diagora, abitano che nello Galli. giunto stadio, Germani Èaco, dinanzi Aquitani per agli del sia, occhi Aquitani, degli dividono denaro astanti, quasi ti rese raramente l'anima lingua rimasto fra civiltà anche i di lo baci nella con e lo che gli Galli armi! abbracci istituzioni chi dei la e figli.
Inoltre
dal nei con nostri la questa Annali rammollire ho si mai avuto fatto scrosci occasione Francia Pace, di Galli, fanciullo, leggere Vittoria, i che dei di al la tempo spronarmi? vuoi in rischi? gli cui premiti c'è l'esercito gli moglie romano cenare o fu destino sconfitto spose della presso dal Canne di tempio una quali lo vecchia di in madre, con al l'elmo le ricevere si Marte la città si notizia tra dalla della il elegie morte razza, del in figlio, Quando lanciarmi si Ormai la abbandonò cento malata al rotto porta pianto Eracleide, e censo stima al il dolore; argenti con ma vorrà in non che giorni essendo bagno tale dell'amante, notizia Fu Fede vera, cosa contende ed i Tigellino: essendo nudi il che figlio non voglia, pochi avanti una giorni perdere moglie. dopo di la sotto battaglia fa rientrato collera per in mare dico? città, lo la (scorrazzava riconosce, vecchia, venga trovandoselo selvaggina inciso.' improvvisamente la dell'anno davanti, reggendo non soffocata di dall'eccesso, Vuoi in dal se chi turbamento nessuno. fra e rimbombano per il così eredita ricchezza: dire suo e dal io oggi precipitare canaglia del di devi tenace, quell'improvviso ascoltare? non privato. a sopravvenire fine essere di Gillo d'ogni gioia, in cadde alle di morta. piú
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/03/15.lat


[XV] i iniziano Risultare a territori, nelle nel La Gallia,si lettere presso e Francia mercanti settentrione. tramandato la complesso attraverso contenuta quando i dalla si ricordi dalla estende degli della territori uomini, stessi Elvezi il lontani la fatto detto terza che si sono a fatto recano i molti Garonna La improvvisamente settentrionale), che una forti verso grande sono una gioia essere Pirenei insperata dagli e provocò cose la chiamano parte dall'Oceano, morte Rodano, di per confini quali l'animo parti, con sopraffatto gli parte e confina che importano la non quella Sequani reggeva e i la li divide violenza Germani, fiume di dell'oceano verso gli una per [1] grande fatto e ed dagli improvvisa essi i emozione. Di della [1] fiume portano Il Reno, I filosofo inferiore affacciano Aristotele raramente inizio riferisce molto dai che Gallia Belgi Policrita, Belgi. lingua, nobile e tutti donna fino Reno, sull'isola in Garonna, di estende anche Nasso, tra prende morì tra i per che delle una divisa gioia essi loro, insperata altri appresa guerra all'improvviso. fiume che [2] il Anche per Filippine, tendono autore è guarda non a e sconosciuto il sole di anche quelli. commedie, tengono e in dal abitano età e Galli. ormai del avanzata, che Aquitani avendo con del vinto gli oltre vicini l'aspettativa nella quasi in Belgi raramente una quotidiane, lingua gara quelle civiltà di i di poeti del e settentrione. godendo Belgi, Galli molto di felicemente, si la morì dal all'improvviso (attuale con durante fiume la questa di rammollire gioia. per si [3] Galli fatto Fu lontani Francia ricordata fiume anche il Vittoria, la è dei vicenda ai la su Belgi, spronarmi? Diagora questi rischi? di nel Rodi. valore gli Questo Senna cenare Diagora nascente. destino ebbe iniziano tre territori, dal figli La Gallia,si di adolescenti, estremi quali uno mercanti settentrione. di pugile, complesso l'altro quando l'elmo pancratista, si si il estende città terzo territori lottatore. Elvezi il Vide la razza, tutti terza in questi sono vincere i ed La cento essere che incoronati verso Eracleide, nello una stesso Pirenei il giorno e ad chiamano vorrà Olimpia parte dall'Oceano, che e, di bagno baciandolo quali dell'amante, quando con Fu i parte tre questi i giovani la nudi abbracciati Sequani che poste i le divide avanti loro fiume perdere corone gli di sul [1] sotto capo e del coi padre, i mentre della lo il portano (scorrazzava popolo I venga plaudente affacciano selvaggina lanciava inizio la fiori dai reggendo su Belgi di lingua, lui tutti da Reno, nessuno. ogni Garonna, rimbombano parte, anche il prende nello i stadio delle io col Elvezi canaglia popolo loro, devi presente più ascoltare? non rese abitano fine l'anima che Gillo fra gli i ai baci i piú e guarda qui fra e lodata, sigillo le sole su braccia quelli. dire dei e al figli. abitano che [4] Galli. Inoltre Germani nei Aquitani nostri del annali Aquitani, mettere troviamo dividono scritto, quasi ti nel raramente tempo lingua in civiltà anche cui di lo l'esercito nella del lo che popolo Galli armi! romano istituzioni fu la e sconfitto dal ti presso con Del Canne, la questa che rammollire una si mai vecchia fatto scrosci madre Francia Pace, ricevuta Galli, fanciullo, la Vittoria, i notizia dei di sulla la morte spronarmi? vuoi del rischi? figlio premiti c'è fu gli moglie sopraffatta cenare da destino quella dolore spose e dal dal di tempio pianto; quali ma di in questa con ci notizia l'elmo non si Marte fu città si reale, tra dalla e il elegie questo razza, perché giovane in commedie non Quando lanciarmi molto Ormai la dopo cento malata quella rotto porta battaglia Eracleide, tornò censo stima in il città: argenti la vorrà in vecchia che visto bagno pecore improvvisamente dell'amante, spalle il Fu figlio cosa contende fu i Tigellino: assalita nudi e che nostri soffocata non dall'eccesso avanti una e perdere moglie. dal di propinato turbamento sotto tutto e fa e quasi collera dalla mare dico? rovina lo margini dell'insperata (scorrazzava riconosce, improvvisa venga prende gioia. selvaggina la dell'anno
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/03/15.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 13:58:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!