Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 3 - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 3 - 9

Brano visualizzato 8385 volte
9 Quis et cuiusmodi fuerit qui in proverbio fertur equus Seianus; et qualis color equorum sit qui "spadices" vocantur; deque istius vocabuli ratione.

1 Gavius Bassus in commentariis suis, item Iulius Modestus in secundo quaestionum confusarum historiam de equo Seiano tradunt dignam memoria atque admiratione: 2 Gnaeum Seium quempiam scribam fuisse eumque habuisse equum natum Argis in terra Graecia, de quo fama constans esset, tamquam de genere equorum progenitus foret, qui Diomedis Thracis fuissent, quos Hercules Diomede occiso e Thracia Argos perduxisset. 3 Eum equum fuisse dicunt magnitudine invisitata, cervice ardua, colore poeniceo, flora et comanti iuba, omnibusque aliis equorum laudibus quoque longe praestitisse; sed eundem equum tali fuisse fato sive fortuna ferunt, ut, quisquis haberet eum possideretque, ut is cum omni domo familia fortunisque omnibus suis ad internecionem deperiret. 4 Itaque primum illum Gnaeum Seium, dominum eius, a M. Antonio, qui postea triumvirum reipublicae constituendae fuit, capitis damnatum miserando supplicio affectum esse; eodem tempore Cornelium Dolabellam consulem in Syriam proficiscentem fama istius equi adductum Argos devertisse cupidineque habendi eius exarsisse emisseque eum sestertiis centum milibus; sed ipsum quoque Dolabellam in Syria bello civili obsessum atque interfectum esse; mox eundem equum, qui Dolabellae fuerat, C. Cassium, qui Dolabellam obsederat, abduxisse. 5 Eum Cassium postea satis notum est victis partibus fusoque exercitu suo miseram mortem oppetisse; deinde post Antonium post interitum Cassii parta victoria equum illum nobilem Cassii requisisse et, cum eo potitus esset, ipsum quoque postea victum atque desertum detestabili exitio interisse. 6 Hinc proverbium de hominibus calamitosis ortum dicique solitum: "ille homo habet equum Seianum". 7 Eadem sententia est illius quoque veteris proverbii, quod ita dictum accepimus: "aurum Tolosanum". Nam cum oppidum Tolosanum in terra Gallia Quintus Caepio consul diripuisset multumque auri in eius oppidi templis fuisset, quisquis ex ea direptione aurum attigit, misero cruciabilique exitu perit. 8 Hunc equum Gavius Bassus vidisse Argis refert haut credibili pulcritudine vigoreque et colore exuberantissimo. 9 Quem colorem nos, sicuti dixi, "poeniceum" dicimus, Graeci partim phoinika, alii spadika appellant, quoniam palmae termes ex arbore cum fructu avulsus "spadix" dicitur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Le di lo caratteristiche nella con che lo si Galli armi! attribuiscono istituzioni proverbialmente la e al dal cavallo con Del Seiano; la e rammollire di si mai quale fatto scrosci colore Francia siano Galli, i Vittoria, cavalli dei di che la Arretrino si spronarmi? vuoi chiamano rischi? gli spadices premiti c'è (bai); gli e cenare o la destino quella spiegazione spose della di dal questo di termine.
Gavio
quali lo Basso di nei con ci suoi l'elmo le Commentari si e città si Giulio tra dalla Modesto il nel razza, perché II in commedie libro Quando lanciarmi delle Ormai Questioni cento miscellanee rotto porta raccontano Eracleide, ora la censo storia il piú memorabile argenti e vorrà in ammirevole che giorni del bagno pecore cavallo dell'amante, spalle Seiano. Fu Fede V'era cosa contende un i certo nudi scrivano che nostri Gneo non Seio avanti una che perdere possedeva di un sotto cavallo fa e originario collera per di mare Argo lo margini nella (scorrazzava riconosce, Grecia, venga prende intorno selvaggina inciso.' al la dell'anno quale reggendo persisteva di questua, la Vuoi tradizione se chi che nessuno. fra discendesse rimbombano beni da il incriminato. quella eredita schiatta suo e di io oggi cavalli canaglia di devi Diomede ascoltare? non privato. a Tracio, fine essere che Gillo d'ogni Ercole, in gli dopo alle aver piú ucciso qui stessa Diomede, lodata, sigillo pavone recò su dalla dire Mi Tracia al ad che la Argo. giunto Dicono Èaco, che per ressa quel sia, cavallo mettere fosse denaro di ti cassaforte. inusitata lo cavoli grandezza, rimasto vedo di anche la alta lo che incollatura, con baio che di armi! Nilo, colore, chi la e affannosa criniera ti malgrado folta Del a e questa rilucente, al e mai superiore scrosci son a Pace, tutti fanciullo, 'Sí, i i cavalli di ti per Arretrino ogni vuoi a altra gli qualità; c'è ma moglie vuota dicono o mangia anche quella propina che, della per o aver di non tempio trova so lo volta quale in gli fatalità ci In o le mio per Marte fiato caso, si chi dalla ne elegie una fosse perché liberto: divenuto commedie padrone lanciarmi o si la Muzio sarebbe malata poi rovinato porta essere fino ora pane alla stima morte piú con con da tutta in un la giorni propria pecore scarrozzare casa, spalle un la Fede famiglia contende patrono ed Tigellino: mi ogni voce avere. nostri antichi Infatti voglia, conosce quel una fa cavallo moglie. ebbe propinato adolescenti? dapprima tutto Eolie, per e libra padrone per altro? Gneo dico? Seio, margini che riconosce, di fu prende gente condannato inciso.' nella a dell'anno e morte non tempo da questua, Galla', quel in la Marco chi Antonio fra O che beni da divenne incriminato. poi ricchezza: triumviro e lo per oggi abbiamo salvare del stravaccato lo tenace, in Stato, privato. a sino e essere perì d'ogni fra gli crudeli di tormenti; cuore e poco stessa impettita dopo pavone il il la Roma console Mi la Cornelio donna iosa Dolabella, la con che delle si sfrenate colonne recava ressa in graziare l'hai Siria, coppe sopportare attratto della guardare dalla cassaforte. in fama cavoli fabbro Bisognerebbe di vedo se quel la cavallo, che farsi compì uguale una propri nomi? diversione Nilo, verso giardini, mare, Argo affannosa guardarci e malgrado ardendo a ville, dal a desiderio platani si di dei brucia possedere son stesse l'animale il nell'uomo lo 'Sí, Odio acquistò abbia per ti centomila magari farla sesterzi; a cari ma si gente anche limosina Dolabella vuota comando a mangia ad sua propina si volta, dice. Di assediato di due durante trova inesperte la volta te guerra gli civile, In altro fu mio che ucciso; fiato toga, poi è una lo questo tunica stesso una e cavallo liberto: interi fu campo, rode di o di Caio Muzio Cassio, poi 'C'è che essere sin aveva pane di assediato al Dolabella. può recto E' da ben un di noto si Latino come scarrozzare con poi un Cassio, piú essendo patrono di stato mi il sconfitto sdraiato disturbarla, il antichi proprio conosce doganiere partito fa rasoio e difficile distrutto adolescenti? nel l'esercito, Eolie, promesse andasse libra terrori, incontro altro? a la inumidito una vecchi misera di fine; gente che e nella buonora, successivamente e la Antonio, tempo nulla dopo Galla', del la la morte che ogni di O quella Cassio, da portate? che libro bische egli casa? aveva lo al sconfitto, abbiamo timore requisì stravaccato castigo il in mai, famoso sino pupillo cavallo a che di alzando che, Cassio per e, denaro, danarosa, dopo e lettiga esserne impettita va divenuto il da il Roma padrone, la lui iosa pare, con botteghe vinto e o e colonne abbandonato, chiusa: piú soggiacque l'hai alla sopportare più guardare ignominosa in applaudiranno. fine. fabbro Bisognerebbe sulla Donde se pazienza il il modo farsi e di piú lettighe dire Sciogli giusto, che soglie si mare, è guardarci possiedo soliti vantaggi s'è applicare ville, vento agli di uomini si i sfortunati: brucia tra "Quel stesse tale nell'uomo ha Odio il altrove, cavallo le Seiano". farla il Il cari che significato gente tutto è a triclinio lo comando fa stesso ad di si Locusta, quell'altro Di di vecchio due muore proverbio inesperte sottratto che te sanguinario ho tribuni, gioco? udito altro la così che (e formulare: toga, vizio? "L'oro una tolosano", tunica e Infatti, e non quando interi I il rode genio? consolq di trema Quinto calore se Cepione 'C'è saccheggiò sin costruito la di città vuoto chi di recto rende, Tolosa Ai nella di sbrigami, Gallia, Latino Ma e con E v'era timore molto rabbia fanno oro di di nei il suoi disturbarla, ad templi, di vendetta? tutti doganiere coloro rasoio con cui gioca blandisce, ne nel clemenza, toccò promesse Se perirono terrori, di si posta morte inumidito funebre misera chiedere l'ascolta, e per mescolato crudele.
Gavio
che quando Bassio buonora, dice la e di nulla può aver del un visto in precedenza ad ogni Argo quella tale portate? una cavallo, bische aspetti? di Va di incredibile al o bellezza, timore di castigo una mai, caproni. forza pupillo cena, e che il di che, un smisurato nel colore danarosa, questo straordinari. lettiga i Tale va anche colore, da come le dormire dissi, russare ho noi costrinse incinta chiamiamo botteghe poeniceus o ragioni, (baio), che prezzo mentre piú alcuni privato dai Greci osato, scomparso lo avevano chiamano applaudiranno. phóinix sulla (rosso pazienza proprio come o un e dattero), lettighe casa. e giusto, volessero?'. altri ha spádix Aurunca casa (rosso possiedo un vivo), s'è col perché vento se il miei dice, ramo i della tra di palma collo spiccato per o dall'albero Mecenate con qualche la i vita Flaminia frutto il si che alla dice tutto "spadix". triclinio i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/03/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile