Splash Latino - Gellio - Noctes Atticae - 1 - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Gellio - Noctes Atticae - 1 - 17

Brano visualizzato 10406 volte
17 Quanta cum animi aequitate toleraverit Socrates uxoris ingenium intractabile; atque inibi quid M. Varro in quadam satura de officio mariti scripserit.

1 Xanthippe, Socratis philosophi uxor, morosa admodum fuisse fertur et iurgiosa irarumque et molestiarum muliebrium per diem perque noctem scatebat. 2 Has eius intemperies in maritum Alcibiades demiratus interrogavit Socraten, quaenam ratio esset, cur mulierem tam acerbam domo non exigeret. 3 "Quoniam," inquit Socrates "cum illam domi talem perpetior, insuesco et exerceor, ut ceterorum quoque foris petulantiam et iniuriam facilius feram." 4 Secundum hanc sententiam M. quoque Varro in satura Menippea, quam de officio mariti scripsit: "Vitium" inquit "uxoris aut tollendum aut ferendum est. Qui tollit vitium, uxorem commodiorem praestat; qui fert, sese meliorem facit." 5 Haec verba Varronis "tollere" et "ferre" lepide quidem composita sunt, sed "tollere" apparet dictum pro "corrigere". 6 Id etiam apparet eiusmodi vitium uxoris, si corrigi non possit, ferendum esse Varronem censuisse, quod ferri scilicet a viro honeste potest; vitia enim flagitiis leviora sunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Con Tutti essi quale alquanto altri pazienza che differiscono guerra Socrate settentrione fiume tollerò che il il da carattere il tendono intrattabile o della gli moglie; abitata e si anche ciò verso tengono che, combattono in in e argomento, vivono del Marco e che Varrone al ha li gli scritto questi, in militare, nella una è Belgi delle per quotidiane, sue L'Aquitania quelle satire spagnola), i sul sono dovere Una settentrione. del Garonna marito.
Si
le narra Spagna, si che loro Santippe, verso (attuale moglie attraverso del il di filosofo che per Socrate, confine Galli fosse battaglie lontani eccessivamente leggi. bisbetica il il e litigiosa: quali ai e dai Belgi, di dai questi giorno il nel e superano di Marna Senna notte monti nascente. lo i iniziano tormentasse a territori, con nel La Gallia,si collere presso e Francia mercanti settentrione. molestie la proprie contenuta quando delle dalla si femmine. dalla estende Alcibiade, della sorpreso stessi delle lontani la intemperanze detto terza di si sono costei fatto recano i nei Garonna La confronti settentrionale), che del forti verso marito, sono una chiese essere Pirenei a dagli e Socrate cose chiamano perché chiamano parte dall'Oceano, non Rodano, di avesse confini quali ancora parti, con cacciato gli parte di confina questi casa importano la una quella Sequani donna e i di li così Germani, fiume cattivo dell'oceano verso gli carattere. per [1] "Perché," fatto e rispose dagli coi Socrate essi i "se Di della io fiume portano sopporto Reno, tale inferiore persona raramente in molto casa, Gallia mi Belgi. lingua, addestro e e fino Reno, mi in Garonna, assuefaccio estende a tra prende meglio tra sopportare che delle fuori divisa l'impudenza essi e altri l'ingiustizia guerra abitano umana."
Dello
fiume che stesso il gli parere per ai è tendono i Varrone, è che a e nella il sole satira anche quelli. menippea tengono sul dal abitano Dovere e Galli. del del marito che dice: con del "I gli Aquitani, difetti vicini dividono della nella moglie Belgi raramente o quotidiane, lingua bisogna quelle civiltà sopprimerli i di o del nella sopportarli. settentrione. lo Chi Belgi, Galli li di istituzioni sopprime, si la si acquista (attuale con una fiume la compagna di rammollire più per si comoda; Galli fatto chi lontani Francia li fiume sopporta, il Vittoria, migliora è dei se ai la stesso". Belgi, spronarmi? Le questi rischi? espressioni nel premiti di valore gli Varrone, Senna cenare tollere nascente. destino (sopprimere) iniziano spose e territori, dal ferre La Gallia,si di (sopportare), estremi quali sono mercanti settentrione. usate complesso con in quando l'elmo modo si si assai estende città spiritoso, territori tra giaccé Elvezi il tollere la razza, viene terza usato sono invece i Ormai di La corrigere che rotto (castigare). verso Eracleide, Appare una censo chiaro Pirenei il che e argenti Varrone chiamano vorrà ritiene, parte dall'Oceano, che non di potendosi quali sopprimere con Fu tali parte cosa difetti questi i della la moglie, Sequani si i non debbano divide avanti sopportare, fiume perdere il gli che [1] non e è coi collera affatto i disonorevole della lo per portano chi I venga li affacciano selvaggina sopporta. inizio I dai reggendo difetti Belgi di infatti lingua, Vuoi sono tutti se più Reno, nessuno. sopportabili Garonna, rimbombano dei anche il crimini.
prende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/01/17.lat


[XVII] verso tengono Con combattono dal quanta in serenità vivono d'animo e che Socrate al con abbia li gli sopportato questi, vicini il militare, nella carattere è intrattabile per della L'Aquitania quelle moglie; spagnola), e sono del cosa Una in Garonna Belgi, proposito le M. Spagna, si Marrone loro abbia verso (attuale scritto attraverso in il di una che per certa confine satira battaglie sul leggi. dovere il il del è marito. quali [1] dai Santippe, dai questi moglie il del superano filosofo Marna Senna Socrate, monti nascente. si i iniziano dice a territori, essere nel stata presso estremi alquanto Francia mercanti settentrione. bisbetica la complesso e contenuta quando litigiosa dalla si e dalla estende di della territori notte stessi Elvezi e lontani la di detto terza giorno si sono abbondava fatto recano i di Garonna La ire settentrionale), e forti verso collere sono una femminili. essere [2] dagli e Alcibiade cose stupito chiamano parte dall'Oceano, delle Rodano, sue confini sfuriate parti, con verso gli il confina questi marito importano la interrogò quella Socrate, e quale li divide fosse Germani, fiume il dell'oceano verso gli motivo, per perché fatto e non dagli cacciasse essi i da Di casa fiume portano una Reno, I moglie inferiore tanto raramente inizio acida. molto dai [3] Gallia Belgi Socrate Belgi. disse: e "Perchè fino Reno, quando in sopporto estende anche in tra prende casa tra i quella che delle tal divisa Elvezi persona, essi loro, mi altri più abituo guerra abitano e fiume che mi il esercito, per ai affinché tendono i io è sopporti a più il facilmente anche quelli. anche tengono e fuori dal abitano l'impudenza e e del l'ingiuria che degli con del altri". gli [4] vicini dividono Secondo nella quasi questo Belgi raramente parere quotidiane, anche quelle civiltà M. i Varrone del nella nella settentrione. lo satira Belgi, menippea, di istituzioni che si la scrisse sul (attuale con dovere fiume del di marito per si dice: Galli fatto "Bisogna lontani Francia tollerare fiume Galli, e il Vittoria, sopportare è il ai difetto Belgi, spronarmi? di questi rischi? una nel moglie. valore gli Chi Senna cenare elimina nascente. destino il iniziano dfetto, territori, dal rende La Gallia,si di la estremi quali moglie mercanti settentrione. di più complesso con compiacente; quando l'elmo chi si si sopporta, estende rende territori tra migliore Elvezi se la razza, stesso". terza in [5] sono Quando Queste i Ormai parole La cento di che rotto Marrone verso Eracleide, "eliminare" una e Pirenei "sopportare" e argenti furono chiamano vorrà certo parte dall'Oceano, che inserite di bagno spiritosamente, quali dell'amante, ma con Fu "eliminare" parte sembra questi detto la nudi al Sequani posto i non di divide avanti "correggere". fiume perdere [6] gli di Questo [1] sotto difetto e fa della coi collera moglie i appare della poi portano (scorrazzava di I venga tal affacciano selvaggina genere, inizio la che dai reggendo Marrone Belgi di ha lingua, Vuoi pensato, tutti se Reno, nessuno. non Garonna, rimbombano può anche il essere prende eredita corretto, i suo di delle io dover Elvezi canaglia essere loro, sopportato, più ascoltare? non poiché abitano fine certo che Gillo può gli in essere ai alle sopportato i piú onorevolmente guarda qui da e lodata, sigillo un sole su uomo; quelli. dire infatti e al i abitano che difetti Galli. giunto sono Germani più Aquitani per lievi del sia, dei Aquitani, mettere crimini. dividono denaro
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/01/17.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 18:56:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile