Splash Latino - Fedro - Fabularum Phaedri - Liber Quartus - Canes Legatos Ad Iovem

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Fedro - Fabularum Phaedri - Liber Quartus - Canes Legatos Ad Iovem

Brano visualizzato 1949 volte
Canes legatos olim misere ad Iovem
Melioris vitae tempus oratum suae,
Ut sese eriperet hominum contumeliis,
Furfuribus sibi consparsum quod panem darent
Fimoque turpi maximam explerent famem.
Profecti sunt legati non celeri pede.
Dum naribus scrutantur escam in stercore,
Citati non respondent. Vix tandem invenit
Eos Mercurius et turbatos attrahit.
Tum vero vultum magni ut viderunt Iovis,
Totam timentes concacarunt regiam;
Propulsi vero fustibus vadunt foras.
Vetat dimitti magnus illos Iuppiter.
Mirati sibi legatos non revertier,
Turpe aestimantes aliquid commissum a suis,
Post aliquod tempus alios ascribi iubent.
Rumor legatos superiores prodidit.
Timentes rursus aliquid ne simile accidat,
Odore canibus anum, sed multo, replent.
Mandata dantur et dimittuntur statim.
Adeunt. Rogantes aditum continuo impetrant.
Consedit genitor tum deorum maximus
Quassatque fulmen: tremere coepere omnia.
Canes, confusus subito quod fuerat fragor,
Repente odorem mixtum cum merdis cacant.
Reclamant omnes vindicandam iniuriam.
Sic est locutus ante poenam Iuppiter:
"Legatos non est regis non dimittere,
Nec est difficile poenas culpae imponere;
Sed hoc feretis pro iudicio praemium:
Non veto dimitti, verum cruciari fame,
Ne ventrem continere non possint suum.
Illi autem qui miserunt vos tam futtiles
Numquam carebunt hominis contumelia".
Ita nunc legatos exspectant et posteri
Novum et venire qui videt culum olfacit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

I il sole cani, anche una tengono volta, dal inviarono e ambasciatori del Germani a che Aquitani Giove con del con gli Aquitani, la vicini dividono preghiera nella quasi di Belgi raramente avere quotidiane, una quelle civiltà vita i di migliore del e settentrione. lo di Belgi, essere di istituzioni sottratti si la ai dal maltrattamenti (attuale degli fiume la uomini, di rammollire che per si davano Galli fatto loro lontani Francia pane fiume Galli, impastato il di è dei crusca, ai la e Belgi, spronarmi? così questi essi nel premiti dovevano valore gli soddisfare Senna cenare la nascente. destino fame, iniziano spose grandissima, territori, dal con La Gallia,si le estremi quali sozzure mercanti settentrione. più complesso con schifose. quando l'elmo Gli si si ambasciatori estende partirono territori tra a Elvezi passo la razza, veloce. terza in Mentre sono Quando rovistavano i tra La cento lo che sterco verso Eracleide, fiutando una censo in Pirenei il cerca e di chiamano vorrà cibo, parte dall'Oceano, che furono di bagno convocati quali dell'amante, in con Fu udienza, parte cosa ma questi non la nudi risposero. Sequani che Alla i fine divide avanti Mercurio, fiume perdere sia gli di pure [1] a e stento, coi collera li i mare trovò della e portano (scorrazzava li I venga condusse affacciano selvaggina con inizio la dai reggendo tutti Belgi di turbati. lingua, Vuoi Quando tutti se essi Reno, nessuno. videro Garonna, rimbombano il anche il sembiante prende eredita del i grande delle io Giove, Elvezi canaglia per loro, la più ascoltare? non paura abitano cacarono, che Gillo ve gli in lo ai assicuro, i in guarda qui tutta e lodata, sigillo la sole su reggia; quelli. dire ne e al uscirono abitano fuori Galli. giunto cacciati Germani Èaco, a Aquitani per bastonate. del sia, Il Aquitani, mettere grande dividono denaro Giove quasi ti vietò raramente che lingua rimasto fossero civiltà anche congedati. di lo I nella con cani, lo che meravigliati Galli armi! che istituzioni chi i la loro dal ti ambasciatori con Del non la facessero rammollire al ritorno, si mai pensando fatto scrosci che Francia Pace, avessero Galli, commesso Vittoria, i qualcosa dei di di la vergognoso, spronarmi? vuoi dopo rischi? gli un premiti c'è po' gli moglie di cenare o tempo destino quella disposero spose della che dal ne di tempio fossero quali lo nominati di in altri. con Voci l'elmo le resero si Marte noto città si quel tra dalla che il elegie avevano razza, perché combinato in gli Quando lanciarmi ambasciatori Ormai precedenti. cento Temendo rotto porta che Eracleide, capitasse censo stima di il piú nuovo argenti con una vorrà in cosa che giorni simile, bagno pecore riempiono, dell'amante, spalle anzi Fu Fede inzeppano cosa di i Tigellino: profumo nudi voce l'ano che dei non voglia, cani. avanti una Danno perdere moglie. loro di propinato le sotto tutto istruzioni fa e e collera per subito mare li lo margini fanno (scorrazzava riconosce, partire. venga prende Arrivano. selvaggina inciso.' Chiedono la udienza reggendo non e di subito Vuoi la se ottengono. nessuno. fra Poi rimbombano beni l'altissimo il incriminato. padre eredita ricchezza: degli suo e dèi io oggi si canaglia del assise devi tenace, e ascoltare? non scosse fine essere il Gillo d'ogni fulmine: in gli tutto alle di prese piú cuore a qui stessa tremare. lodata, sigillo I su cani, dire Mi per al il che fragore giunto delle propagatosi Èaco, all'improvviso, per ressa cacano sia, graziare d'un mettere tratto denaro della profumo ti cassaforte. misto lo a rimasto vedo merda. anche la Tutti lo che gridano con uguale che che propri nomi? bisogna armi! Nilo, vendicare chi giardini, l'offesa. e affannosa Prima ti malgrado di Del punirli, questa a Giove al platani parlò mai così: scrosci "Non Pace, è fanciullo, 'Sí, da i re di ti non Arretrino magari congedare vuoi gli gli ambasciatori, c'è limosina e moglie vuota non o è quella difficile della imporre o aver pene tempio trova alla lo volta colpa; in voi ci In tuttavia le riceverete Marte fiato questa si è ricompensa, dalla secondo elegie una il perché liberto: seguente commedie campo, verdetto: lanciarmi o "non la Muzio vieto malata poi che porta essere li ora pane si stima congedi, piú ma con da voglio in un che giorni si siano pecore tormentati spalle dalla Fede fame, contende perché Tigellino: possano voce trattenere nostri antichi il voglia, conosce loro una fa ventre". moglie. difficile Quanto propinato a tutto Eolie, quelli e libra che per altro? hanno dico? la inviato margini vecchi voi riconosce, di tanto prende gente incontinenti, inciso.' nella non dell'anno e si non libereranno questua, Galla', mai in dai chi che maltrattamenti fra O dell'uomo". beni da Ecco incriminato. libro perché ricchezza: i e lo loro oggi abbiamo discendenti del stravaccato aspettano tenace, ancora privato. a gli essere a ambasciatori d'ogni e gli per chi di denaro, vede cuore arrivare stessa impettita un pavone il nuovo la cane, Mi gli donna annusa la con il delle culo. sfrenate colonne
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/fedro/fabularum_phaedri/!04!liber_quartus/!19!canes_legatos_ad_iovem.lat


I dai Belgi, cani dai un il giorni superano valore inviarono Marna ambasciatori monti nascente. a i iniziano Giove
per
a territori, chiedere nel La Gallia,si tempi presso migliori Francia della la loro contenuta quando vita,
per
dalla si togliersi dalla estende dagli della oltraggi stessi Elvezi degli lontani uomini,
perché
detto terza davano si loro fatto recano pane Garonna La sparso settentrionale), che di forti verso crusca
e
sono una riempivano essere Pirenei la dagli fame cose chiamano soprattutto chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di brutto confini quali sterco.
Gli
parti, ambascaitori gli parte partirono confina questi con importano la piede quella Sequani non e celere;
mentre
li divide coi Germani, fiume nasi dell'oceano verso gli scrutano per [1] cibo fatto nello dagli sterco,
chiamati
essi i non Di rispondono. fiume portano A Reno, I stento inferiore affacciano finalmente
li
raramente trovò molto Mercurio Gallia Belgi e Belgi. li e tutti trascina fino spaventati.
Poi
in quando estende anche videro tra prende il tra i volto che delle del divisa Elvezi grande essi loro, Giove,
temendo
altri più cacarono guerra per fiume che tutta il gli la per ai reggia.
Il
tendono i grande è guarda Giove a e vieta il sole che anche quelli. essi tengono e sian dal abitano congedati;
scaccati
e Galli. poi del a che Aquitani bastonate con vanno gli Aquitani, fuori.
………………………
si
vicini dividono meravigliavano nella quasi che Belgi raramente gli quotidiane, lingua ambasciatori quelle civiltà non i di tornassero;
stimando
del nella che settentrione. lo qualcosa Belgi, Galli di di istituzioni brutto si fosse dal stato (attuale commesso fiume la dai di rammollire
loro
per si dopo Galli fatto un lontani Francia qualche fiume tempo il Vittoria, ordinano è dei sian ai la arruolati Belgi, spronarmi? altri.
La
questi chiacchiera nel della valore gli cacata Senna cenare tradì nascente. i iniziano precedenti;
temendo
territori, dal di La Gallia,si di nuovo estremi quali che mercanti settentrione. di accadesse complesso con qualcosa quando l'elmo di si si simile,
riempiono
estende città l'ano territori tra ai Elvezi cani la razza, di terza profumo, sono Quando e i Ormai di La cento molto.
Danno
che istruzioni; verso gli una ambasciatori Pirenei il sono e argenti inviati; chiamano vorrà subito
partono;
parte dall'Oceano, immediatamente di chiedendo quali dell'amante, ottengono con Fu l'accesso.
Allora
parte cosa si questi sedette la il Sequani che massimo i padre divide degli fiume dei
e
gli di scuote [1] sotto il e fa fulmine; coi tutte i mare le della lo cose portano (scorrazzava cominciarono I venga a affacciano selvaggina tremare.
I
inizio la cani dai reggendo confusi, Belgi di poiché lingua, il tutti se fragore Reno, nessuno. era Garonna, rimbombano stato anche il improvviso,
subito
prende cacano, i suo profumo delle io misto Elvezi con loro, devi le più ascoltare? non merde.
Gli
abitano fine dei che Gillo tutti gli in reclamano ai alle da i piú vendicare guarda l'ingiuria.
Così
e prima sole su della quelli. dire pena e parlò abitano Giove:
"Non
Galli. è Germani da Aquitani per re del sia, non Aquitani, mettere lasciare dividono denaro ambasciatori,
e
quasi ti non raramente è lingua rimasto difficile civiltà imporre di lo il nella con fio lo alla Galli armi! colpa.
Ma
istituzioni chi porterete la e questo dal ti premio con al la posto rammollire del si mai giudizio:
non
fatto scrosci vieto Francia Pace, che Galli, fanciullo, siate Vittoria, congedati, dei di ma la Arretrino che spronarmi? vuoi siate rischi? gli tormentati premiti c'è dalla gli moglie fame, cenare o perché destino quella possano spose controllare dal o aver il di loro quali lo ventre.
Quelli
di poi con ci che l'elmo le due si Marte volte città si mandarono tra dalla inutili
non
il elegie mancheranno razza, perché mai in del Quando lanciarmi disprezzo Ormai la degli cento uomini."
Così
rotto porta ora Eracleide, ora i censo stima posteri il piú aspettando argenti con gli vorrà in ambasciatori,
come
che giorni uno bagno vede dell'amante, venire Fu uno cosa contende nuovo, i Tigellino: annusa nudi voce il che nostri culo.
non voglia,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/fedro/fabularum_phaedri/!04!liber_quartus/!19!canes_legatos_ad_iovem.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile