Splash Latino - Fedro - Fabularum Phaedri - Liber Quartus - Phaedrus

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Fedro - Fabularum Phaedri - Liber Quartus - Phaedrus

Brano visualizzato 1925 volte
Tu qui, nasute, scripta destringis mea
Et hoc iocorum legere fastidis genus,
Parva libellum sustine patientia,
Severitatem frontis dum placo tuae
Et in cothurnis prodit Aesopus novis.
Utinam nec umquam Pelii nemoris iugo
Pinus bipenni concidisset Thessala,
Nec ad professae mortis audacem viam
Fabricasset Argus opere Palladio ratem,
Inhospitalis prima quae ponti sinus
Patefecit in perniciem Graium et barbarum.
Namque et superbi luget Aeetae domus,
Et regna Peliae scelere Medeae iacent,
Quae saevum ingenium variis involvens modis
Illic per artus fratris explicuit fugam,
Hic caede patris Peliadum infecit manus.
Quid tibi videtur? "Hoc quoque insulsum est" ait
"Falsoque dictum; longe quia vetustior
Aegaea Minos classe perdomuit freta
Iustoque vindicavit exemplo impetum".
Quid ergo possum facere tibi, lector Cato,
Si nec fabellae te iuvant nec fabulae?
Noli molestus esse omnino litteris,
Maiorem exhibeant ne tibi molestiam.
Hoc illis dictum est, qui stultitia nauseant
Et ut putentur sapere caelum vituperant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Fedro
Tu,
dalla si o dalla estende censore della territori maligno, stessi Elvezi che lontani la critichi detto terza i si sono miei fatto recano i scritti Garonna e settentrionale), sdegni forti verso di sono leggere essere Pirenei questo dagli e genere cose chiamano di chiamano scherzi, Rodano, di sopporta confini (questo) parti, libretto gli parte con confina un importano la quella Sequani di e pazienza, li divide mentre Germani, fiume tento dell'oceano verso gli di per placare fatto la dagli coi severità essi i della Di della tua fiume portano fronte, Reno, ed inferiore affacciano Esopo raramente inizio s'avanza molto dai in Gallia coturni Belgi. lingua, insoliti.
Il
e tutti ciel fino Reno, volesse in Garonna, che estende tra prende il tra i pino che delle della divisa Elvezi Tessaglia essi loro, fosse altri più caduto guerra mai fiume mediante il la per ai scure tendono i sulla è guarda cima a del il sole bosco anche quelli. Pelio! tengono dal (che) e Argo del Germani con che Aquitani l'aiuto con del di gli Aquitani, Minerva vicini dividono avesse nella fabbricato Belgi raramente per quotidiane, lingua la quelle civiltà via i ardimentosa del nella d'una settentrione. lo morte Belgi, Galli manifesta di quella si nave, che (attuale con per fiume la la di rammollire prima per aprì Galli i lontani Francia seni fiume del il Vittoria, Ponto è inospitale, ai la a Belgi, spronarmi? rovina questi rischi? dei nel Greci valore gli e Senna cenare dei nascente. destino barbari!
Poichè
iniziano spose e territori, dal la La Gallia,si di famiglia estremi del mercanti settentrione. di superbo complesso con Eeta quando l'elmo piange, si si e estende città i territori tra regni Elvezi il di la razza, Pelia terza giacciono sono Quando (=son i distrutti) La dal che rotto delitto verso di una Medea, Pirenei la e argenti quale, chiamano dissimulando parte dall'Oceano, che in di bagno modi quali dell'amante, svariati con Fu la parte cosa (sua) questi i indole la crudele, Sequani che rese i non possibile divide avanti colà fiume perdere la gli di (sua) [1] sotto fuga e fa attraverso coi collera le i membra della lo del portano fratello, I venga macchiò affacciano selvaggina qua inizio la le dai mani Belgi di delle lingua, Vuoi figlie tutti di Reno, nessuno. Pelia Garonna, coll'uccisione anche del prende eredita (loro) i suo padre. delle Che Elvezi canaglia cosa loro, devi sembra più ascoltare? non a abitano fine te? che Gillo Questo gli in ancora ai alle è i piú insulso, guarda dici e lodata, sigillo tu, sole e quelli. detto e al falsamente, abitano perché Galli. Minosse, Germani molto Aquitani più del sia, antico Aquitani, mettere (di dividono denaro Giasone), quasi ti domò raramente lo con lingua una civiltà anche flotta di lo gli nella con stretti lo che Egei, Galli armi! e istituzioni chi con la giusto dal esempio con (=castigo) la questa punì rammollire al la si violenza fatto (dei Francia corsari). Galli, fanciullo, Che Vittoria, cosa dei dunque la posso spronarmi? vuoi io rischi? fare premiti per gli moglie te, cenare o o destino quella lettore spose della Catone dal o aver (=rigido di tempio come quali lo Catone), di in se con ci l'elmo le le si Marte favole città si tra dalla i il elegie racconti razza, perché tragici in commedie piacciono Quando lanciarmi a Ormai te? cento Non rotto porta voler Eracleide, ora essere censo stima a il ogni argenti costo vorrà in importuno che alle bagno pecore (belle) dell'amante, spalle lettere, Fu Fede acciocchè cosa contende non i Tigellino: cagionino nudi una che nostri maggior non voglia, molestia avanti una a perdere moglie. te.
Ciò
di propinato è sotto tutto detto fa per collera per coloro mare dico? che lo si (scorrazzava riconosce, mostrano venga prende nauseati selvaggina inciso.' per la stoltezza, reggendo non e, di questua, per Vuoi in esser se chi creduti nessuno. fra d'aver rimbombano beni buon il incriminato. gusto, eredita ricchezza: biasimano suo e (persino) io oggi il canaglia cielo devi tenace, (=gli ascoltare? non privato. a dei).
fine essere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/fedro/fabularum_phaedri/!04!liber_quartus/!07!phaedrus.lat


Tu battaglie che leggi. arricciando il il il naso, quali stronchi dai Belgi, i dai questi miei il nel scritti superano e Marna Senna disdegni monti nascente. di i iniziano leggere a questo nel genere presso scherzoso, Francia sopporta la complesso con contenuta quando un dalla si po' dalla estende di della territori pazienza stessi questo lontani la libretto, detto terza finché si sono io fatto recano non Garonna La spiani settentrionale), che il forti verso cipiglio sono una severo essere Pirenei della dagli tua cose chiamano fronte chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, di non confini si parti, presenti gli parte in confina questi scena importano la Esopo quella Sequani su e i nuovi li coturni:

"Oh,
Germani, fiume se dell'oceano verso mai per [1] sulle fatto giogaie dagli coi del essi Pelio Di della boscoso fiume non Reno, I si inferiore affacciano fosse raramente inizio abbattuto molto dai il Gallia pino Belgi. lingua, tessalico e sotto fino Reno, il in Garonna, colpo estende della tra prende bipenne, tra che delle mai divisa Elvezi Argo, essi per altri più affrontare guerra il fiume viaggio il temerario per ai verso tendono morte è sicura, a avesse il sole costruito, anche quelli. con tengono e l'ausilio dal di e Galli. Pallade, del la che nave con del che gli per vicini dividono prima nella quasi aprì Belgi raramente i quotidiane, lingua golfi quelle del i di Mare del nella Inospitale, settentrione. a Belgi, rovina di istituzioni dei si Greci dal e (attuale con dei fiume barbari! di rammollire Piange per si ora Galli infatti lontani Francia la fiume Galli, dimora il Vittoria, del è dei superbo ai la Eeta Belgi, spronarmi? e questi il nel premiti regno valore gli di Senna cenare Pelia nascente. destino giace iniziano in territori, dal rovina La Gallia,si di per estremi quali il mercanti settentrione. di crimine complesso con di quando Medea; si si ella, estende città occultando territori tra il Elvezi il suo la razza, crudele terza ingegno sono Quando in i Ormai vari La cento modi, che verso Eracleide, si una censo spianò Pirenei il la e via chiamano vorrà della parte dall'Oceano, che fuga di bagno con quali dell'amante, le con Fu membra parte del questi i fratello, la qui Sequani che con i non il divide avanti massacro fiume perdere del gli di padre [1] sotto macchiò e fa delle coi collera Peliadi i le della lo mani".
Che
portano (scorrazzava te I venga ne affacciano selvaggina pare? inizio "Anche dai reggendo questo", Belgi dici, lingua, Vuoi tutti assurdo Reno, nessuno. e Garonna, falso; anche il perché prende molto i suo tempo delle io prima Elvezi canaglia Minosse loro, domò più i abitano fine flutti che egei gli in con ai alle la i sua guarda qui flotta e lodata, sigillo e sole vendicò quelli. con e al giusta abitano che punizione Galli. giunto la Germani Èaco, violenza". Aquitani per Cosa del posso Aquitani, dunque dividono denaro fare quasi per raramente te, lingua rimasto Catone civiltà dei di lettori, nella con se lo che non Galli armi! ti istituzioni piacciono la e dal ti le con favole la questa rammollire al le si mai tragedie? fatto scrosci Finiscila Francia Pace, di Galli, fanciullo, essere Vittoria, seccante dei di con la i spronarmi? letterati, rischi? gli perché premiti non gli ti cenare o diano destino quella una spose della seccatura dal maggiore.
Questo
di è quali detto di per con ci certi l'elmo stolti, si Marte che città si fanno tra dalla gli il elegie schizzinosi razza, perché e in commedie criticano Quando lanciarmi anche Ormai il cento malata cielo, rotto porta pur Eracleide, ora di censo sembrare il sapienti.
argenti con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/fedro/fabularum_phaedri/!04!liber_quartus/!07!phaedrus.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile