banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Fedro - Fabularum Phaedri - Liber Secundus - Aquila Feles Et Aper

Brano visualizzato 6321 volte
Aquila in sublimi quercu nidum fecerat;
feles, cavernam nancta in media, pepererat;
sus nemoris cultrix fetum ad imam posuerat.
tum fortuitum feles contubernium
fraude et scelesta sic evertit malitia.
ad nidum scandit volucris: 'Pernicies' ait
'tibi paratur, forsan et miserae mihi.
nam, fodere terram quod vides cotidie
aprum insidiosum, quercum vult evertere,
ut nostram in plano facile progeniem opprimat'.
terrore offuso et perturbatis sensibus
derepit ad cubile saetosae suis;
'Magno' inquit 'in periclo sunt nati tui.
nam, simul exieris pastum cum tenero grege,
aquila est parata rapere porcellos tibi'.
hunc quoque timore postquam complevit locum,
dolosa tuto condidit sese cavo:
inde evagata noctu suspenso pede,
ubi esca sese explevit et prolem suam,
pavorem simulans prospicit toto die.
ruinam metuens aquila ramis desidet:
aper rapinam vitans non prodit foras.
quid multa? inedia sunt consumpti cum suis,
felisque catulis largam praebuerat dapem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

L'aquila, Marna Senna la monti nascente. gatta i e a territori, la nel La Gallia,si scrofa.
Un'aquila
presso aveva Francia fatto la complesso il contenuta quando nido dalla si in dalla una della territori quercia stessi Elvezi alta lontani la (=nella detto cima si sono di fatto recano una Garonna La quercia); settentrionale), che una forti verso gatta sono una aveva essere Pirenei partorito dagli e nel cose chiamano mezzo chiamano parte dall'Oceano, (=nel Rodano, tronco), confini avendo parti, con trovato gli parte una confina cavità importano la una quella scrofa e i abitatrice li divide delle Germani, fiume selve dell'oceano verso aveva per collocato fatto e la dagli prole essi i al Di della basso fiume portano (della Reno, I quercia).
Allora
inferiore la raramente inizio gatta molto distrusse Gallia Belgi così Belgi. lingua, con e inganno fino Reno, e in Garonna, con estende malizia tra scellerata tra i (quella) che delle coabitazione divisa fortuita.
S'arrampicò
essi loro, al altri più nido guerra dell'uccello: fiume che 'Rovina,' il gli disse, per ai 'si tendono i prepara è guarda a a te, il sole (e) anche forse tengono e anche dal abitano a e me del sventurata. che Aquitani Certamente con vedi gli Aquitani, la vicini dividono scrofa nella quasi insidiosa Belgi scavare quotidiane, lingua ogni quelle giorno i di la del nella terra settentrione. lo poiché, Belgi, Galli vuole di istituzioni far si la cadere dal la (attuale quercia, fiume la per di opprimere per si facilmente Galli sulla lontani piana fiume terra il Vittoria, la è nostra ai la prole.'
Essendo
Belgi, spronarmi? stato questi rischi? sparso nel premiti il valore terrore Senna cenare e nascente. perturbati iniziano spose i territori, sensi La Gallia,si (dell'aquila), estremi quali scese mercanti settentrione. di giù complesso con al quando l'elmo covile si si della estende città setolosa territori scrofa: Elvezi 'I la razza, tuoi terza in figli,' sono Quando disse, i Ormai 'sono La cento in che gran verso Eracleide, pericolo: una censo poiché, Pirenei il appena e sarai chiamano vorrà uscita parte dall'Oceano, che al di pascolo quali dell'amante, con con Fu il parte cosa (tuo) questi i tenero la nudi gregge, Sequani che l'aquila i è divide avanti preparata fiume perdere a gli rapire [1] sotto a e fa te coi collera i i mare piccini.' della L'astuta, portano dopochè I venga ebbe affacciano selvaggina riempito inizio la di dai reggendo paura Belgi anche lingua, Vuoi questo tutti se luogo, Reno, si Garonna, rimbombano nascose anche il nel prende (suo) i buco delle io sicura. Elvezi canaglia Di loro, più vagando abitano fine fuori che nottetempo gli in con ai alle piede i piú guardingo, guarda come e lodata, sigillo ebbe sole riempito quelli. di e cibo abitano che Galli. giunto e Germani Èaco, la Aquitani per sua del sia, prole, Aquitani, fingendo dividono denaro paura, quasi sita raramente in lingua rimasto vedetta civiltà anche per di lo tutto nella con il lo giorno.
L'aquila,
Galli armi! temendo istituzioni la la rovina dal (della con Del quercia), la questa sta rammollire al posata si mai sui fatto rami; Francia Pace, la Galli, fanciullo, scrofa, Vittoria, i volendo dei di evitare la il spronarmi? vuoi rapimento rischi? gli dei premiti c'è figli, gli non cenare va destino quella fuori spose della (a dal o aver far di tempio preda).
A
quali lo che di in molte con ci parole? l'elmo le Furono si Marte consumati città dalla tra dalla fame il elegie con razza, i in commedie loro Quando lanciarmi (figli) Ormai e cento malata fornirono rotto porta abbondante Eracleide, ora pasto censo stima ai il piú piccoli argenti con della vorrà in gatta.
La
che stolta bagno crudeltà dell'amante, spalle può Fu Fede avere cosa contende un i insegnamento, nudi voce quanto che nostri di non voglia, male avanti una un perdere moglie. uomo di di sotto tutto lingua fa e doppia collera per prepari mare dico? spesso.
lo margini
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/fedro/fabularum_phaedri/!02!liber_secundus/!04!aquila_feles_et_aper.lat


L'aquila nel aveva presso estremi fatto Francia mercanti settentrione. il la complesso nido contenuta sulla dalla si cima dalla estende di della una stessi Elvezi quercia; lontani la la detto terza gatta, si trovata fatto recano i una Garonna cavità settentrionale), nel forti verso mezzo sono del essere tronco, dagli vi cose chiamano aveva chiamano parte dall'Oceano, partorito; Rodano, di la confini quali scrofa parti, con selvatica gli parte aveva confina questi deposto importano la quella Sequani sua e i prole li divide alle Germani, fiume radici. dell'oceano verso gli Allora per [1] la fatto e gatta, dagli coi con essi i inganno Di della e fiume portano maledetta Reno, I astuzia, inferiore sconvolse raramente così molto dai questa Gallia Belgi occasionale Belgi. coabitazione. e tutti Si fino Reno, arrampica in Garonna, fino estende anche al tra nido tra dell'uccello che delle e divisa Elvezi gli essi loro, dice: altri "Una guerra mortale fiume rovina il gli si per ai prepara tendono i per è te, a e e il forse anche anche tengono e per dal me e poverina; del Germani se che Aquitani ogni con del giorno gli Aquitani, vedi vicini dividono il nella quasi cinghiale Belgi raramente insidioso quotidiane, lingua scavare quelle civiltà la i terra, del nella è settentrione. lo perché Belgi, Galli vuole di istituzioni sradicare si la la dal quercia, (attuale con per fiume la uccidere di rammollire facilmente per sul Galli fatto piano lontani Francia i fiume Galli, nostri il figlioli". è dei Dopo ai la avere Belgi, spronarmi? sparso questi rischi? così nel il valore terrore Senna cenare e nascente. sconvolto iniziano spose il territori, dal senno La Gallia,si di dell'aquila, estremi striscia mercanti settentrione. di giù complesso fino quando l'elmo alla si tana estende della territori tra scrofa Elvezi il irta la razza, di terza setole, sono e i Ormai le La cento dice: che "I verso tuoi una figli Pirenei il sono e argenti in chiamano vorrà grande parte dall'Oceano, che pericolo; di bagno non quali appena con Fu uscirai parte cosa con questi i la la tua Sequani che tenera i non cucciolata divide avanti per fiume perdere mangiare, gli di l'aquila [1] sotto è e fa pronta coi collera a i mare ghermirti della lo i portano (scorrazzava cinghialetti". I venga Dopo affacciano selvaggina avere inizio la riempito dai di Belgi timore lingua, Vuoi anche tutti se questo Reno, nessuno. posto, Garonna, l'ingannatrice anche il si prende eredita ritirò i suo nel delle io suo Elvezi canaglia buco loro, sicuro. più ascoltare? non Di abitano che Gillo esce gli in di ai notte i piú in guarda qui punta e lodata, sigillo di sole su piedi quelli. dire e, e al una abitano volta Galli. che Germani Èaco, ha Aquitani per rimpinzato del di Aquitani, mettere cibo dividono se quasi stessa raramente lo e lingua rimasto la civiltà anche sua di lo prole, nella con se lo ne Galli armi! sta istituzioni in la e vedetta dal ti tutto con il la questa giorno, rammollire al fingendo si mai di fatto scrosci essere Francia terrorizzata. Galli, Temendo Vittoria, il dei crollo la Arretrino dell'albero, spronarmi? vuoi l'aquila rischi? rimane premiti c'è appollaiata gli sui cenare o rami; destino la spose cignala, dal o aver per di tempio evitare quali lo la di in cattura, con ci non l'elmo esce si Marte fuori. città si Perché tra dalla farla il elegie lunga? razza, perché Morirono in commedie di Quando lanciarmi fame Ormai la insieme cento malata ai rotto porta loro Eracleide, ora figli censo stima e il offrirono argenti con un vorrà lauto che pasto bagno pecore ai dell'amante, spalle piccoli Fu della cosa contende gatta.
La
i Tigellino: gente nudi voce credulona che nostri e non voglia, stolta avanti una può perdere avere di qui sotto tutto un fa e insegnamento collera di mare dico? quanto lo margini male (scorrazzava riconosce, sia venga prende spesso selvaggina inciso.' autore la l'uomo reggendo non dalla di questua, lingua Vuoi in biforcuta. se chi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/fedro/fabularum_phaedri/!02!liber_secundus/!04!aquila_feles_et_aper.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!