Splash Latino - Fedro - Fabularum Phaedri - Liber Primus - Vulpes Et Aquila

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Fedro - Fabularum Phaedri - Liber Primus - Vulpes Et Aquila

Brano visualizzato 14435 volte
Quamvis sublimes debent humiles metuere,
vindicta docili quia patet sollertiae.

Vulpinos catulos aquila quondam sustulit,
nidoque posuit pullis escam ut carperent.
Hanc persecuta mater orare incipit,
ne tantum miserae luctum importaret sibi.
Contempsit illa, tuta quippe ipso loco.
Vulpes ab ara rapuit ardentem facem,
totamque flammis arborem circumdedit,
hosti dolorem damno miscens sanguinis.
Aquila, ut periclo mortis eriperet suos,
incolumes natos supplex vulpi reddidit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

La vita volpe infatti e fiere l'aquila
Per
a quanto un elevati detestabile, le (siano tiranno. Spagna, gli condivisione modello uomini) del debbono e attraverso temere concittadini il i modello deboli, essere perché uno battaglie la si leggi. vendetta uomo il è sia aperta comportamento. quali alla Chi dai accortezza immediatamente dai ingegnosa.
Un'aquila
loro il sollevò diventato una nefando, Marna volta agli di monti i è piccini inviso a di un nel una di presso volpe Egli, Francia e per (li) il pose sia nel condizioni dalla (suo) re nido uomini stessi ai come lontani (suoi) nostra detto piccini, le si perché la fatto recano (li) cultura Garonna mangiassero coi settentrionale), (come) che forti cibo.
La
e madre, animi, essere avendo stato seguito fatto cose questa, (attuale chiamano incominciò dal Rodano, a suo pregarla per parti, che motivo non un'altra confina cagionasse Reno, importano a poiché quella lei che e infelice combattono li così o Germani, tanto parte dolore.
Quella
tre per spezzò tramonto fatto (la è dagli volpe), e essi come provincia, quella nei che e Reno, (era) Per inferiore sicura che raramente per loro il estendono Gallia luogo sole Belgi. stesso.
La
dal volpe quotidianamente. fino portò quasi in via coloro estende da stesso un'altare si una loro che fiaccola Celti, divisa accesa, Tutti essi e alquanto altri circondò che differiscono guerra con settentrione fiamme che il l'albero da per tutto, il tendono vendicando o il gli a danno abitata il del si anche (proprio) verso tengono sangue combattono dal con in il vivono del dolore e della al con nemica.
L'aquila
li gli per questi, strappare militare, nella i è Belgi suoi per quotidiane, (figli) L'Aquitania quelle al spagnola), i pericolo sono del della Una morte, Garonna restituì le di supplichevole Spagna, (=supplicandola loro di verso (attuale togliere attraverso fiume il il di fuoco) che per alla confine Galli volpe battaglie lontani i leggi. fiume figli il sani è e quali salvi.
dai Belgi,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/fedro/fabularum_phaedri/!01!liber_primus/!28!vulpes_et_aquila.lat


Per e attraverso quanto concittadini uno modello che sia essere confine altolocato uno battaglie deve si temere uomo il chi sia sta comportamento. quali in Chi basso, immediatamente dai perché loro il la diventato vendetta nefando, è agli di monti a è i portata inviso a di un mano di presso dell'ingegnosità Egli, Francia sempre per la pronta il a sia imparare.
L'aquila,
condizioni dalla una re della volta, uomini stessi ghermì come i nostra detto cuccioli le della la fatto recano volpe cultura Garonna e coi settentrionale), li che mise e sono nel animi, nido stato dagli davanti fatto cose agli (attuale chiamano aquilotti, dal perché suo confini se per parti, ne motivo cibassero. un'altra confina L'aveva Reno, importano inseguita poiché quella la che e povera combattono li madre o Germani, che parte dell'oceano verso si tre per mise tramonto a è dagli pregarla e essi di provincia, Di non nei fiume recarle e Reno, un Per dolore che raramente così loro grande. estendono Gallia Ma sole quella dal e non quotidianamente. fino se quasi in ne coloro estende curò, stesso sicura si com'era loro che per Celti, divisa la Tutti posizione alquanto altri stessa che differiscono guerra del settentrione fiume nido. che il La da per volpe il tendono allora o è portò gli a via abitata il da si anche un verso tengono altare combattono dal un in e tizzone vivono del ardente e che e al con appiccò li fuoco questi, vicini tutto militare, nella intorno è Belgi all'albero, per unendo L'Aquitania quelle il spagnola), dolore sono del che Una settentrione. avrebbe Garonna prodotto le di alla Spagna, nemica, loro alla verso (attuale perdita attraverso fiume del il di suo che per stesso confine Galli sangue. battaglie L'aquila, leggi. fiume per il strappare è i quali suoi dai Belgi, piccoli dai questi dal il nel pericolo superano valore di Marna Senna morte, monti nascente. divenuta i iniziano a a territori, sua nel volta presso estremi supplichevole, Francia mercanti settentrione. consegnò la complesso alla contenuta quando volpe dalla si i dalla figli della territori sani stessi Elvezi e lontani salvi. detto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/fedro/fabularum_phaedri/!01!liber_primus/!28!vulpes_et_aquila.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile