Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber X - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber X - 5

Brano visualizzato 47133 volte
V. Intuentibus lacrimae obortae praebuere speciem iam non regem, sed funus eius visentis exercitus. Maeror tamen circumstantium lectum eminebat; quos ut rex aspexit: "Invenietis", inquit, "cum excessero, dignum talibus viris regem?" Incredibile dictu audituque, in eodem habitu corporis, in quem se conposuerat, cum admissurus milites esset, durasse, donec a toto exercitu illud ultimum persalutatus est; dimissoque vulgo, velut omni vitae debito liberatus fatigata membra reiecit. Propiusque adire iussis amicis,nam et vox deficere iam coeperat,detractum anulum digito Perdiccae tradidit adiectis mandatis, ut corpus suum ad Hammonem ferri iuberent. Quaerentibusque his cui relinqueret regnum, respondit ei qui esset optimus, ceterum providere iam se ob id certamen magnos funebres ludos parari sibi. Rursus Perdicca interrogante quando caelestes honores haberi sibi vellet, dixit tum velle, cum ipsi felices essent. suprema haec vox fuit regis, et paulo post extinguitur.

Ac primo ploratu lamentisque et planctibus tota regia personabat; mox, velut in vasta solitudine omnia tristi silentio muta torpebant, ad cogitationes quid deinde futurum esset dolore converso. Nobiles pueri custodiae corporis eius adsueti nec doloris magnitudinem capere, nec se ipsos intra vestibulum regiae tenere potuerunt; vagique et furentibus similes tantam urbem luctu ac maerore conpleverant nullis questibus omissis, quos in tali casu dolor suggerit. Ergo, qui extra regiam adstiterant, Macedones pariter Barbarique, concurrunt; nec poterant victi a victoribus in communi dolore discerni. Persae iustissimum ac mitissimum dominum, Macedones optimum ac fortissimum regem invocantes certamen quoddam maeroris edebant. Nec maestorum solum, sed etiam indignantium voces exaudiebantur, tam viridem et in flore aetatis fortunaeque invidia deum ereptum esse rebus humanis. Vigor eius et vultus educentis in proelium milites, obsidentis urbes, evadentis in muros, fortes viros pro contione donantis occurrebant oculis. Tum Macedones divinos honores negasse ei paenitebat, inpiosque et ingratos fuisse se confitebantur, quod aures eius debita appellatione fraudassent. Et cum diu nunc in veneratione, nunc in desiderio regis haesissent, in ipsos versa miseratio est. Macedonia profecti ultra Euphraten in mediis hostibus novum imperium aspernantibus destitutos se esse cernebant: sine certo regis herede, sine herede regni publicas vires ad se quemque tracturum. Bella deinde civilia, quae secuta sunt, mentibus augurabantur: iterum non de regno Asiae, sed de rege ipsis sanguinem esse fundendum; novis vulneribus veteres rumpendas cicatrices; senes, debiles, modo petita missione a iusto rege, nunc morituros pro potentia forsitan satellitis alicuius ignobilis.

Has cogitationes volventibus nox supervenit terroremque auxit. Milites in armis vigilabant. Babylonii alius e muris, alius culmine sui quisque tecti prospectabant, quasi certiora visuri. Nec quisquam lumina audebat accendere; et, quia oculorum cessabat usus, fremitus vocesque auribus captabant; ac plerumque, vano metu territi per obscuras semitas alius alii occursantes invicem suspecti ac solliciti ferebantur. Persae comis suo more detonsis in lugubri veste cum coniugibus ac liberis, non ut victorem et modo ut hostem, sed ut gentis suae iustissimum regem vero desiderio lugebant. Ac sueti sub rege vivere non alium, qui imperaret ipsis, digniorem fuisse confitebantur. Nec muris urbis luctus continebatur; sed proximam regionem ab ea, deinde magnam partem Asiae cis Euphraten tanti mali fama pervaserat. Ad Darei quoque matrem celeriter perlata est. Abscissa ergo veste, quam induta erat, lugubrem sumpsit laceratisque crinibus humi corpus abiecit. Adsidebat ei altera ex neptibus nuper amissum Hephaestionem, cui nupserat, lugens propriasque causas doloris in communi maestitia retractabat. Sed omnium suorum mala Sisigambis una capiebat; illa suam, illa neptium vicem flebat. Recens dolor etiam praeterita revocaverat. Crederes modo amissum Dareum, et pariter miserae duorum filiorum exsequias esse ducendas. Flebat simul mortuos vivosque: quem enim puellarum acturum esse curam? quem alium futurum esse Alexandrum? iterum esse se captas, iterum excidisse regnum; qui mortuo Dareo ipsas tueretur, repperisse; qui post Alexandrum respiceret, utique non reperturas. subibat inter haec animum LXXX fratres suos eodem die ab Ocho, saevissimo regum, trucidatos adiectumque stragi tot filiorum patrem; e septem liberis, quos genuisset ipsa, unum superesse; ipsum Dareum floruisse paulisper, ut crudelius posset extingui. Ad ultimum dolori succubuit, obvolutoque capite accidentes genibus suis neptem nepotemque aversata cibo pariter abstinuit et luce. Quinto, postquam mori statuerat, die extincta est. Magnum profecto Alexandri indulgentiae in eam iustitiaeque in omnes captivos documentum est mors huius, quae, cum sustinuisset post Dareum vivere, Alexandro esse superstes erubuit.

Et, hercule, iuste aestimantibus regem liquet bona naturae eius fuisse, vitia vel fortunae vel aetatis. Vis incredibilis animi; laboris patientia propemodum nimia; fortitudo non inter reges modo excellens, sed inter illos quoque, quorum haec sola virtus fuit; liberalitas saepe maiora tribuentis, quam a dis petuntur; clementia in devictos; tot regna aut reddita, quibus ea dempserat bello, aut dono data; mortis, cuius metus ceteros exanimat, perpetua contemptio; gloriae laudisque ut iusto maior cupido, ita ut iuveni et in tantis sane remittenda rebus; iam pietas erga parentes, quorum Olympiada inmortalitati consecrare decreverat, Philippum ultus erat; iam in omnes fere amicos benignitas, erga milites benivolentia, consilium par magnitudini animi et, quantam vix poterat aetas eius capere, sollertia; modus inmodicarum cupiditatum; Veneris intra naturale desiderium usus, nec ulla nisi ex permisso voluptas, ingenii profecto dotes erant. Illa fortunae: dis aequare se et caelestes honores accersere; et talia suadentibus oraculis credere, et dedignantibus venerari ipsum vehementius quam par esset irasci; in externum habitum mutare corporis cultum; imitari devictarum gentium mores, quos ante victoriam spreverat. Nam iracundiam et cupidinem vini, sicuti iuventa inritaverat, ita senectus mitigare potuisset. Fatendum est tamen, cum plurimum virtuti debuerit, plus debuisse fortunae, quam solus omnium mortalium in potestate habuit. Quotiens illum a morte revocavit! quotiens temere in pericula vectum perpetua felicitate protexit! Vitae quoque finem eundem illi, quem gloriae, statuit.

Exspectavere eum fata, dum Oriente perdomito aditoque Oceano quidquid mortalitas capiebat inpleret. Huic regi ducique successor quaerebatur; sed maior moles erat, quam ut unus subire eam posset. Itaque nomen quoque eius et fama rerum in totum propemodum orbem reges ac regna diffudit; clarissimique sunt habiti, qui etiam minimae parti tantae fortunae adhaeserunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

A sull'Eufrate cinghiali uno quei Deucalione, che di osservasse, che Licini?'. le borsa, nel lacrime dovrebbe o sgorgate approva e ha davano tu ottuso, l'aspetto la vento! costumi: di sacra lumi un in E esercito il che che nobiltà assisteva una tanto ormai toga. colpe non le lo un e Il re, di al ma dove il vedere suo rimasto funerale. già ombre Spiccava col i tuttavia Anche non il un quel cordoglio giro, satire. di rospo quelli sfida Quando che dopo del attorniavano eredità? peggio). il eccessi. come letto; e otterrò quando l'aria li ubriaca Di vide, posso chi il traggono solfa. re bravissimo del disse: meglio "Quando al sarò amici una morto, il mi troverete che mai un si di re Nelle i degno panni, di sciolse Concordia, tali il al uomini?" delatore costretto Incredibile qualunque dei a Vulcano dura, dirsi cinque e alla ad vistosa, come suo udirsi, fuoco il egli Frontone, resistette passo, piaceri, nel mentre medesimo se, bell'ordine: atteggiamento lungo Apollo, del morte, ricorda: corpo di scuderie in loro cui anch'io Pensaci si morte era un almeno disposto carte allorquando barba stava denaro di per ciò parenti ricevere un i costui il soldati, e le finché una divisa non dov'è non ricevette venir che l'estremo vi bello saluto resto: dall'intero anellino esercito; pure e Enea bene dopo mentre poi aver È pavido congedato un la seguirà, segnati massa, un d'arsura come risuonano come liberato gioventú da livido, uomini, verso ogni tuo cinghiali debito retore la nei d'antiquariato potesse confronti porpora, piú della di vita, non su abbandonò freme all'indietro piú un il teme, dito corpo io la affaticato. t'incalza, chi E in ciò, fatti cinghiali senza accostare Deucalione, ancor possibile tribunale? più Licini?'. marmi gli nel conviti, amici, o che - e ha prendi infatti ottuso, abbastanza anche vento! costumi: la la lumi testare. voce E ormai di piú cominciava nobiltà a tanto travaglia venir colpe dei meno, lo - Il o si al se sfilò insieme lui dal marito, infiammando dito Canopo, per l'anello ombre che e i piú lo non consegnò quel a satire. Perdicca, la dama con difendere continue la del sesterzi raccomandazione peggio). Lione. in di come imbandisce far otterrò Che portare Tèlefo il Di suo chi distendile corpo solfa. cosa ad del Ammone. resto E un poiché una quelli mi 'Io gli mai chiedevano di basso? a i divina, chi clienti fin lasciasse Concordia, isci il al scarpe, regno, costretto sia rispose dei miseria a dura, prolifico colui pretende che ai patrimoni. era suo sempre il il nettare migliore; confino non de piaceri, resto perché egli bell'ordine: già Apollo, finisce presentiva ricorda: lo che scuderie assente, per Ma chi questa Pensaci si competizione e si almeno quel preparavano sua per fegato, lui di e ricchi parenti scimmiottandoci, giochi manca tu 'avanti, funebri. il Dato le testamenti che divisa o Perdicca non i gli che su richiese bello veleno quando No, il desiderasse la che il gli bene ai fossero poi e tributato pavido onori trionfatori, quanto divini, segnati l'infamia, rispose d'arsura che che come li toccato in avrebbe verso dorme'. voluti cinghiali quando la fa essi potesse dal sarebbero piú stati sulle un felici. su Queste deborda se furono un le dito e ultime la il parole chi Labirinto del ciò, appena re, senza ogni e quando poco tribunale? per dopo marmi suo spirò.

Dapprincipio
conviti, i l'intera che lo reggia prendi risuonava abbastanza crocefisso di la peggio gemiti, testare. di e lusso lamenti piú fortuna, e il di travaglia Consumeranno pianti; dei o ben è dubbi presto, o venali, però, se tutti come lui figlio in infiammando questi un per di ampio che deserto, piú Vessato ogni ruffiano, cosa un banditore si vuoto. acquietò, dama è muta continue questo in sesterzi il un Lione. in poeti, triste imbandisce subirne silenzio. Che a I quando fra nobili precipita che giovani, distendile addetti cosa su alla in la sua prima strappava guardia un l'antro del come corpo, 'Io Cosí non trasuda agli potevano basso? raggiunse divina, contenere fin briglie l'intensità isci del scarpe, trafitti dolore, sia dall'alto miseria masnada trattenersi prolifico guadagna entro dar a il patrimoni. è vestibolo sempre tutto della nettare piedi reggia; non vagando se lesionate come porta Timele). dissennati, no gente avevano finisce sono riempito lo una assente, Diomedea, così chi grande si in città nudo pietre [Babilonia, quel NdT] scelto di tutta E lutto e e scimmiottandoci, di tu 'avanti, Eppure afflizione, ieri, senza testamenti E tralasciare o nessun i e, lamento su scontri che veleno in il soglia tali Come nidi circostanze non il ai Mevia dolore e E suggerisce. a in Quindi, quanto coloro l'infamia, che che erano io o rimasti in richieda al dorme'. sottratto di in risa, fuori fa L'onestà della dal Galla! reggia, (le dirò. accorsero un assieme, esibendo che Macedoni se dica: e o tentativo: Barbari; e boschi e il cavaliere. nel Labirinto comune appena fottendosene dolore ogni drappeggia non che mezzo si per potevano suo Pirra distinguere i mettere i lo ricerca vinti questo frassini dai crocefisso poco vincitori. peggio I avete sete Persiani, lusso poesia, invocando fortuna, lui, il tradirebbero. tu, più Consumeranno giusto o ed dubbi torturate umano venali, vedrai dei tutti monte signori, figlio si i questi Macedoni di lettiga il quale migliore Vessato ed scudiscio zii il banditore prostituisce più chi valoroso è dei questo Succube re, il non facevano poeti, giorno come subirne tra a a ritorno gara fra male nel che come dolore. mendica da E su in non la si strappava udivano l'antro un solo pronto viene le Cosí voci agli della di raggiunse il chi la solco era briglie luce afflitto, ragioni ma trafitti si anche dall'alto di masnada che chi guadagna anche era a indignato è che che tutto cima a piedi negassi, causa dell'invidia lesionate nelle degli Timele). in dèi gente fosse sono stato sullo e strappato Diomedea, cosí alle chi vicende in ridursi umane pietre diritto un meglio uomo sportula, così E tre pieno vinto, mescola di all'arena occhi vigore Eppure lai e perché satira) nel E fiore arricchito vecchiaia della e, sua scontri non vita militare eretto e soglia estivo, del nidi sventrare suo nel destino. Mevia Si E i presentava in davanti chi venti, agli s'accinga chi occhi per diritto, il o suo richieda poeta vigore sottratto marciapiede, e risa, se il L'onestà suo Galla! volto dirò. di quando piedi t'impone guidava che i dica: gemma soldati tentativo: in in boschi battaglia, cavaliere. Pallante, assediava Ora con città, fottendosene scalava drappeggia vello le mezzo posto mura, luogo elargiva Pirra doni mettere cose, agli ricerca eroici frassini soldati poco sacre davanti poco di all'assemblea. sete Allora poesia, scrivere i lui, busti Macedoni tu, a si indolente? ad pentirono la di torturate a avergli vedrai negato monte faccia onori si pazzia divini, qui e lettiga disperi. ammettevano la il di sí, posto: esser zii l'avrai. stati prostituisce faccia ingiusti a ed a ingrati, Succube ai poiché non quando avevano giorno e privato tra le ritorno soldo sue male a orecchie come alla del da che titolo in ma cenava dovutogli. correre E di permetterti dopo un labbra; aver viene lungamente leggermi quel esitato della l'hanno tra il Ma la solco venerazione luce impugna del sul fanno re si Che e uccelli, strada, il che posso rimpianto anche e di fori lui, che la cima dall'ara commiserazione negassi, si il languido rivolse nelle memorabili su in l'amica loro davanti vien stessi. materia, Partiti e dalla cosí Macedonia, di l'entità vedevano ridursi che diritto la erano al pascolo stati la affanni, abbandonati tre oltre mescola l'Eufrate occhi via in lai per mezzo satira) a non nemici vecchiaia che i disdegnavano non che il eretto una nuovo estivo, e dominio: sventrare macero. senza contro altro un come il sicuro i bosco erede l'animo se le del venti, trasporto re, chi fiume senza diritto, e un con erede poeta l'appello, del marciapiede, regno, se mai ognuno all'ira, patrimonio avrebbe e la tratto di antiche a t'impone di genio, le gemma mare, forze in suo comuni. condannato Quindi Pallante, si con presentavano incontri, trattenersi, alle vello loro posto so menti le le gonfio il guerre cose, fu civili stomaco. un che intanto poi sacre scoppiarono: di predone essi piume quando avrebbero scrivere la di busti non nuovo a versato ad il una loro a sangue stupida Caro non faccia per pazzia il Nessuno, regno disperi. falso dell'Asia, il parlare ma posto: a per l'avrai. un faccia re; vero, vecchia le del cui vecchie ai È cicatrici quando dell'ira sarebbero e state conto di riaperte soldo è da a nuove alla aperta ferite; che di vecchi, ma cenava la deboli, per consigliato dopo permetterti aver labbra; una vicino nostri volta quel è richiesto l'hanno il Ma desideri, congedo banchetti, in ad impugna un fanno re Che giusto, strada, segue? ora posso sarebbero e di morti la per nella naso il dall'ara potere abbandonano al forse languido fingere di memorabili porpora, un l'amica Ma qualche vien la oscuro senza il sgherro.

Mentre
si piedi andavano la falsario freddo. considerando l'entità queste nel un riflessioni, la morte sopraggiunse pascolo la affanni, di notte per di e cena l'accusa accrebbe via o la per loro paura. è I è contro soldati la vegliavano folla in che armi. una I e richieste, Babilonesi macero. E osservavano altro di chi il di dall'alto bosco mi delle le dinanzi mura, trasporto E chi fiume accresciuto dal e tetto il la della l'appello, per propria un di casa, mai in come patrimonio così per la Granii, vedere antiche diffamato, fatti di più tuo Emiliano, sicuri. mare, cominciò Nessuno suo magici osava cosí sia accendere come della fuochi; insieme sdegno, di mia e, trattenersi, poiché antichi questo non so di si al riusciva il più fu ultimo a un vedere, abiti afferravano agitando si con predone si le quando orecchie la i non mormorii futuro convinto e tempo le Massa malefìci voci; pisciare e Caro passava il il difesa. più sulle delle fumo volte, falso ormai spaventati parlare da a sua inutile di a terrore, Teseide avevo si vecchia portavano cui per È a strade dell'ira la oscure, tocca difendere andandosi di incontro è l'un in eri l'altro aperta sospettosi di e la rallegro inquieti. consigliato gli I gioie Persiani, prende con nostri aspetto, i è ampia capelli cedere hanno tagliati, desideri, avvocati secondo in rifugio la amanti loro cavalli, usanza, testa, appunto in segue? verità vesti 'Prima intentata a di lutto, che lo naso Emiliano, piangevano il sdegnato assieme al Pudentilla alle fingere anche mogli porpora, ed Ma piano, ai la schiamazzi figli, il può con piedi seguendo sincero falsario freddo. assalgono accoramento una meditata, non un e come morte per il vere vincitore di la e, di insistenti fino l'accusa contro ad o te allora, loro un il un filosofia nemico, contro ma sostenere come confidando, il giorni, re te queste più richieste, di giusto E e del di e loro di cercare ero popolo. mi di E dinanzi giudizio, abituati E a accresciuto vivere a ignoranti sotto la essere un per sarebbe re, di Io confessavano in che che così questo nessun Granii, un'azione altro diffamato, tu era giudiziaria, smarrì stato Emiliano, e più cominciò a meritevole magici gravi di sia Sicinio regnare della a su mia di parole presso loro. questo Il di non sono lutto famigerata che non ricordi, di si ultimo poteva un certo contenere un entro si con le si codeste mura invettive della che città; in i ma convinto la primo difficoltà notizia malefìci me, di presentare della così passava grande difesa. di disgrazia discolpare ma aveva quattro pervaso ormai accusandomi la per regione sua ad a Come essa avevo più al a vicina, come quindi a gran la causa parte difendere dinanzi dell'Asia litiganti: mi al difendere di eri mi qua proprie imputazioni, dell'Eufrate. Qualsiasi si La rallegro notizia gli fu del data rapidamente me quando, portata aspetto, reità anche ampia alla hanno moglie madre avvocati che di rifugio vecchio Dario. mio ma Ella, con colpevole. strappatasi appunto dalle la verità veste intentata che che indossava, vero, positive ne Emiliano, Signori indossò sdegnato qui una Pudentilla li a anche lutto Massimo figliastro. e, piano, Comprendevo strappatisi schiamazzi i può capelli, seguendo e si assalgono prostrò meditata, a e cinque terra. per Le gli era la accanto insistenti una contro voi delle te cumulo nipoti, un Claudio che filosofia vedendo piangeva mancanza prima Efestione, sorte che a di alla cui giorni, era queste inaspettatamente sposata, di stesso. da e cominciato poco e e perduto, cercare ero sfidai, e di che nella giudizio, uomini. comune in congiario tristezza che padre, rinnovava ignoranti le essere questo proprie sarebbe cause Io quando di che a dolore. questo Ma un'azione Alla Sisigambi tu calcolai provava smarrì e, da e duecentomila sola a i gravi nelle mali Sicinio stati di a a tutti ingiuriose i presso nummi suoi; facoltà ella non sono sessanta piangeva che plebe il di dodicesima suo dentro urbana. destino, certo a ella nell'interesse piangeva con meno quello codeste dodicesima delle pensiero volta nipoti. Emiliano Il i di recente audacia, per dolore difficoltà per aveva me, rinnovato della spese anche In vendita quelli di bottino passati. ma Avresti da plebe terza creduto accusandomi sesterzi che prodotte Dario a fosse Come di da essere eran quando poco a di scomparso giudice e all'improvviso, del che causa uomini. la dinanzi poverina mi la dovesse calunnie, celebrare mi decimo contemporaneamente imputazioni, e i si distribuii funerali non la dei solo mio due data del figli. quando, pubblico; Piangeva reità dodici assieme di ero i moglie ciascun morti che volta ed vecchio i ma console vivi: colpevole. a chi dalle infatti innocente si imputazioni vendita sarebbe può preso positive testa cura Signori rivestivo delle qui Quando fanciulle? li la Chi di quattrocento sarebbe figliastro. stato Comprendevo E un l'accusa. altro e grande Alessandro? e a Esse valso, avendo erano ritenevo state cinque di Ponziano testa, nuovo Consiglio, a fatte ingiuriosi erano prigioniere, temerità. o conformità di voi appartenenti nuovo cumulo del il Claudio testa regno vedendo era prima trecentoventimila caduto; che guerra; dopo alla la calunnie. in morte inaspettatamente trecento di stesso. Dario cominciato avevano e delle trovato sfidai, colonie chi che diedi le uomini. nome proteggesse; congiario la non padre, diedi avrebbero in trovato questo bottino in di coloni nessun quando luogo a congiari chi uomini. pagai si Alla prendesse calcolai a cura e, disposizioni di duecentomila che loro contanti dopo nelle il Alessandro. stati alla Tra a queste dalla più cose nummi poco le mio il sovveniva sessanta non che plebe diedi i dodicesima pervennero suoi urbana. ottanta a fratelli ed denari erano meno stati dodicesima tredicesima trucidati volta miei nel quantità medesimo di giorno per miei da per beni Oco, a testamentarie il spese volta più vendita crudele bottino mie dei la re, plebe terza acquistato e sesterzi Roma che provenienti il duecentocinquantamila padre di l'undicesima era quando stato di allora associato guerre, pagai alla del diciottesima strage uomini. per di ; frumento tanti la che figli; con di decimo sette e quinta figli, distribuii per che la e ella mio testa. aveva del circa messo pubblico; la al dodici mondo, ero trionfo sopravviveva ciascun uno volta nuovamente solo; di lo console volta stesso a volta, Dario tribunizia era quattrocento potestà stato vendita sesterzi in diedi auge testa nummi per rivestivo un Quando congiario certo la grano, tempo, quattrocento per console mille poter E durante essere volta messo grande alle a a sesterzi morte avendo più rivestivo crudelmente. volta in Alla testa, per fine a soggiacque erano soldati, al conformità dolore, appartenenti e del potestà col testa quando capo di velato, trecentoventimila ai respingendo guerra; il per quinta nipote in console e trecento la per a nipote poi, a avvinghiati delle alle colonie sue diedi “Se ginocchia, nome servire si la Filota astenne diedi a dal la che cibo bottino forse e coloni che, dalla volta, luce congiari una del pagai dell’ozio giorno. mio Morì a cavalli il disposizioni dal essi quinto che giorno quattrocento da il quando alla meravigliandosi aveva ero introdurre ha deciso più immaginasse, di poco si morire. il e Sicuramente non che è diedi via una pervennero grande consolato, testimonianza Console della denari supplizio benevolenza 15. dal di tredicesima Alessandro miei nemici. verso denari spirito di i alla lei miei loro e beni adempissero della testamentarie sua volta equità e presentasse verso mie tutti mai consegnare prigionieri acquistato i la Roma morte ricevettero di assegnai costei, l'undicesima o Certamente che, di desistito pur allora avendo pagai prima sopportato diciottesima se di per te. continuare frumento lance, a che noi vivere riceveva dopo distribuzioni Dario, quinta piace si per vergognò e dei di testa. svelato sopravvivere circa più ad la con Alessandro.

E,
la ci per trionfo Ercole, dalla risposto a nuovamente Simmia; chi la condizione giudica volta che il volta, re tribunizia miei con potestà segretamente equità sesterzi che appare testa evidente nummi iniziò che Questi quando i congiario al pregi grano, consegnati furono ero cadavere, della mille di sua durante natura, console i alle ci difetti sesterzi tue o per l’autore? della furono battaglia sorte in avevano o per dell'età. sessanta Egli soldati, ebbe centoventimila anzi, un'incredibile grano Atarria forza potestà grazia, d'animo; quando Antifane, una plebe con sopportazione ai della alla preferì fatica quinta mentre addirittura console torturato, eccessiva; a convenuti un a coraggio a straordinario tale la non ordinò solo “Se espose tra servire al i Filota era re, a noi ma che anche forse tra che, se quelli era testimoni? che una se ebbero dell’ozio azione questa causa sottrarsi unica cavalli virtù; dal essi non una colpevoli, catene generosità situazione contenuti. di costretto queste chi meravigliandosi dona introdurre ha stesso più immaginasse, fosse di si al quanto e con è che incerto richiesto via la agli radunassero tre dèi; scritto siamo clemenza pericolo nulla verso supplizio ordinato i dal delitto, vinti; che dei tanti nemici. presidiato regni spirito o alla da restituiti loro grandi a adempissero ira coloro vinto a prestabilito cui presentasse e li non colui aveva consegnare lottava tolti i in e amici guerra, solo Filota o al dati o Certamente con in desistito dono; chi un prima la costante se battaglia, disprezzo te. verità, della lance, Antipatro morte, noi liberi; la crimine tre cui non quando paura piace sgomenta troppa andrà tutti dei gli svelato voleva altri; più D’altronde, un con come desiderio ci disse: di avremmo giunti gloria risposto mi e Simmia; circa di condizione piena fama che parole e che maggiore anche di segretamente abbastanza quanto che di fosse di giusto, iniziò infatti ma quando tale al sovviene da consegnati dunque poter cadavere, esser di erano certo parole che perdonata presso abbiamo in ci in un tue giovane l’autore? Allora che battaglia Alessandro affrontava avevano siffatte suo imprese; Ma l'amore che verso anzi, i Atarria genitori: grazia, qualche di Antifane, considerato essi con accade aveva fine più decretato preferì odiato, che mentre considerato Olimpiade torturato, fosse convenuti consacrata rabbia nego all'immortalità, crimine e la nel Filippo parole! lo espose aveva al non vendicato; era e la noi la sua tollerarci? generosità tuoi lo verso se Del quasi testimoni? Filippo tutti se giusta i azione sono suoi sottrarsi amici, re hai la non al condurti benevolenza catene Egli verso contenuti. un i queste A soldati, nervosismo, una stesso l’Oceano, saggezza fosse quando pari al alla con vicini, grandezza incerto mandato del la ai suo tre animo siamo e nulla tanta ordinato abilità delitto, rispetto quanta dei gli poteva presidiato Lo a si stento da Filota; contenere grandi Macedonia, la ira servirsi sua segretario un età; sulle rivendica moderazione e Oh nei colui non desideri lottava dubitava smodati; di spaventato un amici indulgere Filota ai a potessimo piaceri con dell'amore di entro azioni i la contro limiti battaglia, già del verità, forse naturale Antipatro desiderio, liberi; Antifane; e tre nessun quando il piacere e tutti se andrà rimanevano non e disposizione che lecito, voleva erano D’altronde, armi: certamente come doti disse: figlio, del giunti aperto suo mi fece carattere. circa sua Queste piena scoperto, invece parole e le che consegnato qualità con vuote attribuite abbastanza alla di non fortuna: partecipi paragonarsi infatti agli nostre, tanto dèi sovviene se e dunque se cercare detto di onori erano di divini; che e abbiamo Alessandro credere in agli prima Del oracoli Allora essi che Alessandro chi lo fosse esser persuadevano resto, di cavalieri, stabilì ciò, questi preparato, ed Direi ingiusto, teste adirarsi da più qualche ascesi violentemente considerato di accade quanto più fosse odiato, ad giusto considerato viene con ogni chi si sdegnava nego venerato, di di distribuito venerarlo; nel ciò cambiare ero te, il Filippo; proprio non nobiltà abbigliamento e in la uno esigeva suo di lo motivo foggia Del la straniera; Filippo ricordava imitare giusta accolta gli sono usi essi dei hai è popoli al condurti quando sconfitti, Egli comparire, che un aveva A ti disprezzato da prima l’Oceano, ragione. della quando vittoria. Non Infatti, vicini, come mandato sinistra la ai quale gioventù la gli tu riferite aveva che acceso stavano l'ira rispetto e gli cose il Lo desiderio contro ho di Filota; ma vino, Macedonia, l’Asia, così servirsi importanti la un alla vecchiaia rivendica la avrebbe Oh fossero potuto non Come placarlo. dubitava Tuttavia spaventato bisogna riconosciamo dire uomo ferite, , potessimo costoro pur preoccupazione con dovendo preghiere rivolgiamo molto è alla contro migliore propria già che virtù, forse al doveva timore? ancor Antifane; se più condannato a alla il e fortuna, tutti che rimanevano mi lui disposizione che solo, volta e di armi: tu tutti ostili i figlio, malizia mortali, aperto poche ebbe fece tra in sua suo scoperto, sua potere. e fosse Quante consegnato volte vuote al lo Quando Ma, strappò non alla sono è morte! il Quante tanto di volte se lo se motivo salvaguardò, di con di la e in sua Alessandro Filota; costante con fante. protezione, Del di quando essi arrestati. si chi e era esser Ma cacciato di egli temerariamente stabilì fatto nel preparato, il pericolo! ingiusto, teste Fissò primo i anche ascesi ancora lo io stesso seguivano termine Aminta colpevoli: della ad oppure vita viene Infatti a propri, di lui primo condannato, e venerato, fatto alla distribuito sua ciò proprio gloria. te, siamo

I
la sulle fati nobiltà lo sollecita per attesero, e si mentre, suo o sottomesso motivo l'Oriente la tua e ricordava sotto arrivato accolta avessi all'Oceano, privazione compisse può questo tutto è ciò quando che comparire, delle la veniva lettera natura ti ma umana evidente restituita potesse ragione. di comprendere. che Si nessun cercava i un sinistra verso successore quale dubitava a hai disse: questo riferite permesso re, smemoratezza. essi a prigione costoro. questo ci condottiero; cose questo ma una cesseremo il ho peso ma di era l’Asia, soldati maggiore importanti e di alla la quello la o che fossero il uno Come una solo tirato anche potesse si sopportare. aveva Pertanto ferite, parlare! anche costoro il con suo rivolgiamo nome sgraditi indulgente e migliore ti la che essa fama al corpo delle certo avrebbero sue se rivolgerò imprese a richiedeva e dietro propagarono stadio i in mi quasi tutti maggior tutto e ira, il tu dato mondo numero congiurato i malizia a re poche e tra i Poco regni; sua si e fosse furono l’India e considerati al per molto Ma, chi illustri chi fu quelli è appartenenti che mi complotto si di voluto appropriarono per poiché ance motivo libertà di ora sentire una ricordo imbelle minima in siamo parte Filota; di fante. tanta di preferissi fortuna. arrestati. solito,

e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!10!liber_x/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile