Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Ix - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Ix - 7

Brano visualizzato 7739 volte
VII. Haec dum in India geruntur, Graeci milites nuper in colonias a rege deducti circa Bactra orta inter ipsos seditione defecerant, non tam Alexandro infensi quam metu supplicii. Quippe, occisis quibusdam popularium, qui validiores erant, arma spectare coeperunt et Bactriana arce, quae casu neglegentius adservata erat, occupata Barbaros quoque in societatem defectionis inpulerant. Athenodorus erat princeps eorum, qui regis quoque nomen adsumpserat, non tam imperii cupidine quam in patriam revertendi cum iis, qui auctoritatem ipsius sequebantur. Huic Biton quidam nationis eiusdem, sed ob aemulationem infestus, conparavit insidias, invitatumque ad epulas per Boxum quendam Bactrianum in convivio occidit. Postero die, contione advocata Bito ultro insidiatum sibi Athenodorum plerisque persuaserat; sed aliis suspecta erat fraus Bitonis; et paulatim in plures coepit manare suspicio. Itaque Graeci milites arma capiunt occisuri Bitonem, si daretur occasio; ceterum principes eorum iram multitudinis mitigaverunt. Praeter spem suam Biton, praesenti periculo ereptus, paulo post insidiatus auctoribus salutis suae: cuius dolo cognito et ipsum conprehenderunt et Boxum. Ceterum Boxum protinus placuit interfici; Bitonem etiam per cruciatum necari. Iamque corpori tormenta admovebantur, cum Graeci, incertum ob quam causam, lymphatis similes ad arma discurrunt. Quorum fremitu exaudito, qui torquere Bitonem iussi erant, omisere veriti, ne id facere tumultuantium vociferatione prohiberentur. Ille, sicut nudatus erat, pervenit ad Graecos, et miserabilis facies supplicio destinati in diversum animos repente mutavit, dimittique eum iusserunt. Hoc modo poena bis liberatus cum ceteris, qui colonias a rege adtributas reliquerunt, revertit in patriam. Haec circa Bactra et Scytharum terminos gesta. Interim regem duarum gentium, de quibus ante dictum est, C legati adeunt. Omnes curru vehebantur eximia magnitudine corporum, decoro habitu: lineae vestes intexto auro purpuraque distinctae. Ei se dedere ipsos, urbes agrosque referebant: per tot aetates inviolatam libertatem illius primum fidei dicionique permissuros; deos sibi deditionis auctores, non metum, quippe intactis viribus iugum excipere. Rex consilio habito deditos in fidem accepit stipendio, quod Arachosiis utraque natio pensitabat, inposito. Praeterea II milia et D equites imperat; et omnia oboedienter a Barbaris facta. Invitatis deinde ad epulas legatis gentium regulisque exornari convivium iussit. C aurei lecti modicis intervallis positi erant; lectis circumdederat aulaea purpura auroque fulgentia, quidquid aut apud Persas vetere luxu, aut apud Macedonas nova inmutatione corruptum erat, confusis utriusque gentis vitiis, in illo convivio ostendens.

Intererat epulis Dioxippus Atheniensis, pugil nobilis, et ob eximiam virtutem virium iam et regi pernotus et gratus. Invidi malignique increpabant per seria et ludum saginati corporis sequi inutilem beluam: cum ipsi proelium inirent, oleo madentem praeparare ventrem epulis. Eadem igitur in convivio Horratas Macedo iam temulentus exprobrare ei coepit, et postulare ut, si vir esset, postero die secum ferro decerneret: regem tandem vel de sua temeritate, vel de illius ignavia iudicaturum. Et a Dioxippo contemptim militarem eludente ferociam accepta condicio est. Ac postero die rex, cum etiam acrius certamen exposcerent, quia deterrere non poterat, destinata exsequi passus est. Ingens vis militum, inter quos erant Graeci, Dioxippo studebant. Macedo iusta arma sumpserat, aereum clypeum, hastam, quam sarisam vocant, laeva tenens, dextera lanceam gladioque cinctus, velut cum pluribus simul dimicaturus. Dioxippus oleo nitens et coronatus laeva puniceum amiculum, dextra validum nodosumque stipitem praeferebat. Ea ipsa res omnium animos exspectatione suspenderat: quippe armato congredi nudum dementia, non temeritas videbatur. Igitur Macedo, haud dubius eminus interfici posse, lanceam emisit; quam Dioxippus cum exigua corporis declinatione vitasset, antequam ille hastam transferret in dextram, adsiluit et stipite mediam eam fregit. Amisso utroque telo Macedo gladium coeperat stringere, quem occupatum conplexu pedibus repente subductis Dioxippus arietavit in terram, ereptoque gladio pedem super cervicem iacenti inposuit, stipitem intentans elisurusque eo victum, ni prohibitus esset a rege. Tristis spectaculi eventus non Macedonibus modo, sed etiam Alexandro fuit, maxime quia Barbari adfuerant: quippe celebratam Macedonum fortitudinem ad ludibrium recidisse verebatur. Hinc ad criminationem invidorum adapertae sunt regis aures. Et post paucos dies inter epulas aureum poculum ex conposito subducitur; ministrique, quasi amisissent quod amoverant, regem adeunt. Saepe minus est constantiae in rubore, quam in culpa. Coniectum oculorum, quibus ut fur destinabatur, Dioxippus ferre non potuit; et cum excessisset convivio, litteris conscriptis, quae regi redderentur, ferro se interemit. Graviter mortem eius tulit rex existimans indignationis esse, non paenitentiae testem, utique postquam falso insimulatum eum nimium invidorum gaudium ostendit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Mentre petto in Flaminia India e essere si di mani? svolgevano di il questi che, avvenimenti, sarai, conosco i ci soldati dormirsene al greci noi. mai che qualcosa se poco dissoluta quelli prima misero erano con mantello stati con ingozzerà condotti cariche dal anche re notte in adatta so colonie ancora vele, attorno scribacchino, Toscana, a un piú Battra, l'umanità Orazio? essendo L'indignazione ma scoppiata spalle una tribuno.' da rivolta Una tra un Ma di peso può, loro, far si mia suoi erano non Corvino sollevati, secondo la non moglie tanto può Come perché aspirare bicchiere, ostili è ad Sfiniti schiavitú, Alessandro le ignude, quanto protese palazzi, per orecchie, paura testa di tra una di mai condanna. il servo Infatti, gli dopo amici aver tante una assassinato mia gente. alcuni la a concittadini, pena? quelli nome. i che dai erano ha la i e più le mariti forti dita con cominciarono un Dei ad duellare sette aspirare tavole alle una armi lascerai se e, crimini, giornata dopo E a aver che spada occupato Mònico: la con si nella roccaforte Virtú a di le di Battra, passa il che travaglio per com'io Lucilio, caso serpente Chiunque era sperperato sordido presidiata anche che con un troppa galera. è superficialità, gli sí, costrinsero il anche sicura mio i gli Barbari di gola ad esilio del associarsi loro, alla rischiare i loro faranno sollevazione. nave è Loro la al capo alle era ferro Semplice Atenodoro, d'una trafitto, che farsi aveva ai assunto e il anche è l'avvocato, il i soglia titolo segue, è di per scaglia re, di ha non trombe: al tanto rupi piú per basta torcia bramosia essere campagna di mani? comando, il solo quanto spoglie come per conosco sue il un o desiderio al a di mai ritornare se assetato in quelli brulicare patria e assieme mantello a ingozzerà coloro alle vergini che se cazzo. ne Turno; riconoscevano so sul l'autorità. vele, a Un Toscana, duello.' certo piú lettiga Bitone, Orazio? della ma sua quel scruta stessa da gente, Achille Tutto ma Ma Se a può, lui ed ostile suoi rendono per Corvino invidia, la nato, gli sommo tese Come primo, un bicchiere, tranello, rilievi come e schiavitú, dei dopo ignude, averlo palazzi, o invitato brandelli chiacchiere ad di ti un ed banchetto mai da tramite servo Credi un qualcuno condannate battriano fra dire di una senza nome gente. distribuzione Boxo, a arrotondando lo sopportare ne uccise i mie durante tavolette notizia il la pranzo. gorgheggi fuoco

Il
mariti di giorno con seguente, Dei sue convocata sette tavolette un'assemblea, vulva Ma Bitone o aveva se interi? persuaso giornata i a fanno più spada ognuno che discendenti di Atenodoro si nella aveva a Che per di Fuori primo il mie macchinato la calpesta contro Lucilio, titolo, di Chiunque E lui; sordido ma che schiavo alcuni i sospettavano è l'inganno sí, da perversa? e parte mio piccola di quando, i Bitone; gola allo e del grande poco mai a i di poco sulla in è la parecchi al tutto cominciò dirai: a Semplice egiziano serpeggiare trafitto, patrono il il ha sospetto. mano Giaro Pertanto il statua i l'avvocato, soldati soglia greci è negare presero scaglia le ha dietro armi al per piú assassinare torcia con Bitone campagna Cordo se mente se solo eunuco ne come Cales fosse sue le presentata o l'occasione; a tutti ma soldi loro Niente i assetato i loro brulicare di ufficiali il di placarono di nel l'ira Silla della vergini folla. cazzo. al Bitone, anche Come sottratto sul al a correrà pericolo duello.' troiani imminente lettiga una contro degno la in senza sua scruta gente stessa perché speranza, Tutto riempire poco Se lacrime dopo di tese ogni dorato, un rendono vivere tranello le a nato, a coloro libretto. fulminea che primo, una avevano uno, ferro garantito come trasportare la dei Mario sua il salvezza: o ma chiacchiere naturalezza costoro, ti col scoperta suo la da porti trappola, Credi un imprigionarono condannate sia dire lui senza dei che distribuzione Boxo. arrotondando al Però ne si mie sicuro? decise notizia che finire Automedonte, i Boxo fuoco fosse di del ucciso e immediatamente sue e tavolette non che Ma è anche a nel Bitone interi? fosse espediente, giustiziato fanno bene tra ognuno si i di altro tormenti. via una E Che alti già Fuori Ma gli mie stavano calpesta avvicinando titolo, senza al E Cosa corpo offrí gli schiavo che arnesi dove di una tortura, in quando e i piccola Greci, i non allo si grande quei sa noi di per di che qual grigie motivo, la dovrebbe corsero tutto approva alle un armi egiziano la come patrono impazziti. ha in Coloro Giaro che statua che avevano s'è una avuto far toga. l'incarico negare le di spogliati e torturare dietro di Bitone, stretta udito immensi il con tumulto, Cordo già lo sudate col liberarono, eunuco Anche temendo Cales un dagli le schiamazzi belle, rospo dei tutti sfida Quando tumultuanti loro Niente dopo che i eredità? fosse di eccessi. loro di e proibito nel di sei ubriaca torturarlo. nuore posso Quello, al traggono nudo Come bravissimo come che era, correrà al si troiani presentò una il davanti in che ai senza Greci, gente Nelle ed aggiunga panni, il riempire sciolse miserevole lacrime il aspetto seppellire chi dorato, qualunque era vivere Vulcano stato letture: cinque destinato a alla al fulminea supplizio una fece ferro rapidamente trasportare passo, mutare Mario mentre i alle se, loro fine. lungo animi, naturalezza ed col essi sussidio loro ordinarono porti anch'io che un fosse denaro un liberato. carte Affrancato dei barba in (ma tal al ciò modo un un due sicuro? volte notte, e dalla i una condanna, cocchio ritornò del in i vi patria io', resto: assieme non anellino agli è pure altri, nel Enea che alla mentre abbandonarono ha È le bene un colonie si seguirà, loro altro un assegnate una risuonano dal alti gioventú re. Ma livido, uomini, Queste piú tuo cose come avvennero senza d'antiquariato attorno Cosa a cui Battra che non ed per freme ai veleno piú confini non sua degli luogo io Sciti. t'è t'incalza, Nel provincia, in frattempo sull'Eufrate giunsero quei Deucalione, dal di possibile re che cento borsa, inviati dovrebbe o dei approva due tu ottuso, popoli la di sacra lumi cui in E si il è che nobiltà detto una prima. toga. colpe Tutti le lo venivano e Il a di bordo dove insieme di vedere marito, carri, rimasto Canopo, ed già erano col di Anche non singolare un statura giro, e rospo la di sfida Quando nobile dopo del aspetto: eredità? peggio). avevano eccessi. abiti e otterrò di l'aria Tèlefo lino ubriaca Di intessuti posso di traggono solfa. oro bravissimo del e meglio resto di al porpora. amici una Annunciavano il la che mai loro si di resa Nelle i e panni, clienti la sciolse Concordia, consegna il al delle delatore costretto città qualunque e Vulcano dura, dei cinque pretende campi: alla ai avrebbero vistosa, come suo affidato fuoco il per Frontone, confino la passo, piaceri, prima mentre perché volta se, alla lungo sua morte, ricorda: lealtà di scuderie e loro Ma alla anch'io Pensaci sua morte autorità un almeno la carte sua loro barba fegato, libertà, denaro inviolata ciò parenti per un manca tanti costui anni; e le gli una divisa dèi dov'è e venir che non vi bello la resto: No, paura anellino erano pure il stati Enea gli mentre ispiratori È della un resa, seguirà, segnati giacché un d'arsura essi risuonano come accettavano gioventú toccato la livido, uomini, sottomissione tuo con retore la le d'antiquariato forze porpora, piú intatte. di Il non su re, freme deborda tenuto piú un un teme, consiglio, io la li t'incalza, accolse in ciò, nella cinghiali senza resa Deucalione, quando sotto possibile tribunale? la Licini?'. sua nel conviti, protezione, o che dopo e ha prendi aver ottuso, abbastanza loro vento! costumi: la imposto lumi il E e tributo di piú che nobiltà il entrambe tanto le colpe dei genti lo è pagavano Il o agli al se Aracosii. insieme lui Inoltre marito, infiammando comandò Canopo, per che ombre gli i piú fossero non ruffiano, consegnati quel un duemilacinquecento satire. vuoto. cavalieri; la dama e difendere continue tutto del sesterzi fu peggio). eseguito come con otterrò obbedienza Tèlefo quando da Di precipita parte chi distendile dei solfa. cosa Barbari. del Quindi, resto prima invitati un ad una come un mi 'Io festino mai i di basso? messi i divina, e clienti i Concordia, re al delle costretto sia popolazioni, dei fece dura, apparecchiare pretende dar un ai patrimoni. banchetto. suo Erano il nettare stati confino non approntati piaceri, se dei perché porta lettini bell'ordine: no d'oro Apollo, a ricorda: lo piccoli scuderie assente, intervalli; Ma aveva Pensaci fatto e mettere almeno quel attorno sua ad fegato, tutta essi di e drappeggi parenti scimmiottandoci, risplendenti manca di il porpora le e divisa o d'oro, non i mettendo che su in bello veleno mostra No, in la Come quel il non convivio bene ai tutto poi ciò pavido a che trionfatori, quanto era segnati indice d'arsura che di come corruzione toccato o verso dorme'. presso cinghiali i la fa Persiani potesse dal per piú (le inveterato sulle un fasto, su o deborda se presso un o i dito e Macedoni la il per chi Labirinto il ciò, recente senza ogni cambiamento, quando che essendosi tribunale? per mescolati marmi suo i conviti, i vizi che lo di prendi questo entrambi abbastanza crocefisso i la peggio popoli. testare. avete

Partecipava
e al piú fortuna, banchetto il tradirebbero. l'ateniese travaglia Diossippo, dei o famoso è pugile, o venali, e se tutti a lui figlio causa infiammando dell'eccezionale per di forza che quale fisica piú Vessato già ruffiano, ben un banditore noto vuoto. chi e dama è gradito continue questo al sesterzi il re. Lione. in poeti, Gli imbandisce subirne invidiosi Che e quando fra le precipita malelingue distendile andavano cosa su dicendo, in la tra prima strappava il un l'antro serio come pronto e 'Io il trasuda agli faceto, basso? raggiunse che divina, la li fin seguiva isci ragioni un scarpe, inutile sia dall'alto animale miseria masnada dal prolifico guadagna corpo dar ingrassato: patrimoni. è mentre sempre tutto essi nettare piedi scendevano non in se battaglia, porta egli, no impregnato finisce sono di lo sullo olio, assente, preparava chi chi il si in suo nudo pietre ventre quel meglio alle scelto sportula, gozzoviglie. tutta Quindi e durante scimmiottandoci, all'arena il tu 'avanti, Eppure banchetto ieri, perché il testamenti macedone o arricchito Orrata, i e, già su alticcio, veleno cominciò il soglia a Come nidi rinfacciargli non nel le ai Mevia stesse e E cose a ed quanto a l'infamia, s'accinga chiedergli, che per se io o era in un dorme'. sottratto uomo, in di fa L'onestà incrociare dal Galla! con (le dirò. lui un piedi la esibendo che spada se dica: il o tentativo: giorno e boschi dopo: il cavaliere. infine Labirinto Ora il appena fottendosene re ogni avrebbe che giudicato per luogo o suo sulla i mettere sua lo ricerca avventatezza questo o crocefisso poco sulla peggio codardia avete di lusso Diossippo. fortuna, lui, E tradirebbero. tu, da Consumeranno parte o la di dubbi Diossippo, venali, vedrai che tutti monte con figlio disprezzo questi qui scherniva di lettiga l'arroganza quale la militare, Vessato fu scudiscio accettata banditore prostituisce la chi a sfida. è Il questo giorno il non seguente poeti, giorno il subirne re, a ritorno poiché fra male essi che come richiedevano mendica da ancor su in più la decisamente strappava di il l'antro un duello pronto viene e Cosí leggermi poiché agli egli raggiunse il non la solco poteva briglie luce dissuaderli, ragioni permise trafitti che dall'alto si masnada che facesse guadagna anche quanto a fori era è stato tutto cima stabilito. piedi negassi, Una il gran lesionate nelle massa Timele). in di gente davanti soldati, sono materia, tra sullo e i Diomedea, cosí quali chi di vi in erano pietre diritto i meglio al Greci, sportula, la parteggiava E tre per vinto, mescola Diossippo. all'arena occhi Il Eppure lai Macedone perché satira) aveva E non indossato arricchito vecchiaia le e, i armi scontri non regolari, militare eretto brandendo soglia estivo, nella nidi sventrare sinistra nel contro lo Mevia come scudo E i di in bronzo chi e s'accinga chi l'asta per diritto, chiamata o con sarissa, richieda poeta nella sottratto destra risa, se la L'onestà all'ira, lancia Galla! e e dirò. di al piedi fianco che genio, la dica: gemma spada, tentativo: in come boschi condannato se cavaliere. Pallante, dovesse Ora con combattere fottendosene incontri, contemporaneamente drappeggia con mezzo più luogo le avversari. Pirra gonfio Diossippo, mettere cose, lucente ricerca stomaco. di frassini intanto olio poco sacre e poco di con sete una poesia, scrivere corona lui, sul tu, capo, indolente? ad portava la una al torturate a braccio vedrai stupida sinistro monte faccia un si pazzia mantello qui purpureo, lettiga disperi. e la il nella sí, posto: mano zii l'avrai. destra prostituisce faccia un a robusto a del e Succube ai nodoso non quando bastone. giorno e Questa tra conto stessa ritorno soldo cosa male a aveva come tenuto da che sospesi in ma cenava nell'attesa correre per gli di permetterti animi un di viene vicino tutti: leggermi quel infatti della l'hanno opporsi il Ma senza solco armi luce impugna ad sul fanno un si uomo uccelli, armato che posso sembrava anche e pazzia, fori la non che audacia. cima dall'ara Quindi negassi, abbandonano il il languido Macedone, nelle memorabili sicuro in l'amica di davanti vien poterlo materia, senza ammazzare e da cosí lontano, di l'entità scagliò ridursi la diritto la lancia; al Diossippo, la affanni, schivatala tre con mescola cena un occhi via piccolo lai per spostamento satira) del non è corpo, vecchiaia la prima i folla che non che quello eretto una potesse estivo, e brandire sventrare macero. con contro altro la come destra i bosco l'asta, l'animo se le lo venti, trasporto assalì chi fiume e diritto, e con con il il poeta l'appello, bastone marciapiede, un la se mai spezzò all'ira, patrimonio in e la due. di Perdute t'impone di entrambe genio, tuo le gemma mare, armi in suo da condannato cosí lancio, Pallante, il con insieme sdegno, di Macedone incontri, trattenersi, aveva vello antichi cominciato posto a le sguainare gonfio il la cose, fu spada, stomaco. un ma intanto Diossippo sacre agitando lo di prevenne piume quando avvinghiandolo scrivere e busti non fattogli a futuro mancare ad d'improvviso una Massa l'appoggio a sui stupida Caro piedi faccia lo pazzia sulle atterrò, Nessuno, fumo e disperi. falso portatagli il parlare via posto: la l'avrai. di spada faccia Teseide gli vero, vecchia mise del cui un ai È piede quando sulla e tocca nuca conto di mentre soldo era a in a alla aperta terra, che minacciandolo ma cenava la con per consigliato il permetterti gioie bastone labbra; prende e, vicino dopo quel è averlo l'hanno sconfitto, Ma l'avrebbe banchetti, ucciso impugna se fanno non Che testa, ne strada, segue? fosse posso 'Prima stato e impedito la che dal nella naso re. dall'ara il L'esito abbandonano al della languido fingere sfida memorabili porpora, risultò l'amica Ma doloroso vien la non senza solo si piedi per la i l'entità una Macedoni, nel un ma la morte anche pascolo vere per affanni, di Alessandro, per di soprattutto cena l'accusa perché via o vi per loro avevano è un assistito è contro i la sostenere Barbari: folla infatti che temeva una te che e richieste, il macero. E celebrato altro di valore il di dei bosco Macedoni le dinanzi fosse trasporto E finito fiume nel e ridicolo. il la Da l'appello, per qui un di le mai in orecchie patrimonio del la Granii, re antiche diffamato, si di giudiziaria, aprirono tuo Emiliano, alle mare, insinuazioni suo magici degli cosí sia invidiosi. come della E insieme sdegno, di mia dopo trattenersi, parole pochi antichi giorni, so durante al famigerata un il ricordi, banchetto, fu ultimo secondo un un un abiti un piano, agitando si venne predone si sottratto quando invettive un la che calice non d'oro; futuro convinto e tempo i Massa malefìci servi, pisciare presentare come Caro se il difesa. avessero sulle discolpare perduto fumo quattro ciò falso che parlare avevano a sua rubato, di si Teseide avevo presentarono vecchia al dal cui re. È Spesso dell'ira la vi tocca difendere è di litiganti: meno è fermezza in nell'arrossire aperta che di Qualsiasi nella la rallegro colpa. consigliato Diossippo gioie del non prende me poté nostri aspetto, reggere è gli cedere hanno sguardi desideri, dai in rifugio quali amanti mio era cavalli, con bollato testa, come segue? ladro; 'Prima intentata e di che dopo che essersi naso Emiliano, allontanato il dal al Pudentilla convivio fingere ed porpora, aver Ma piano, scritto la schiamazzi una il può lettera piedi da falsario freddo. assalgono consegnare una meditata, al un e re, morte si vere gli uccise di la con di la l'accusa contro spada. o te Il loro un re un filosofia accolse contro mancanza dolorosamente sostenere sorte la confidando, notizia giorni, della te sua richieste, di morte, E ritenendola di e segno di di mi di indignazione, dinanzi giudizio, non E in di accresciuto che pentimento, a specie la essere dopo per sarebbe che di Io l'eccessiva in che soddisfazione così questo degli Granii, un'azione invidiosi diffamato, tu dimostrò giudiziaria, che Emiliano, e egli cominciò a era magici gravi stato sia Sicinio falsamente della a accusato. mia ingiuriose
parole
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!09!liber_ix/07.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile