Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Ix - 5

Brano visualizzato 16723 volte
V. Iamque laevam, qua clipeum ad ictus circumferebat, lassaverat clamantibus amicis ut ad ipsos desiliret, stabantque excepturi, cum ille rem ausus est incredibilem atque inauditam multoque magis ad famam temeritatis quam gloriae insignem: namque in urbem hostium plenam praecipiti saltu semet ipse inmisit, cum vix sperare posset dimicantem certe et non inultum esse moriturum; quippe, antequam adsurgeret, opprimi poterat et capi vivus. Sed forte ita libraverat corpus ut se pedibus exciperet. Itaque stans init pugnam; et, ne circumiri posset, fortuna providerat. Vetusta arbor haud procul muro ramos multa fronde vestitos velut de industria regem protegentes obiecerat. Huius spatioso stipiti corpus, ne circumiri posset, adplicuit clipeo tela, quae ex adverso ingerebantur, excipiens. Nam cum [comminus] unum procul tot manus peterent, nemo tamen audebat propius accedere; missilia ramis plura quam clipeo incidebant. Pugnabat pro rege primum celebrati nominis fama, deinde desperatio, magnum ad honeste moriendum incitamentum. Sed cum subinde hostis adflueret, iam ingentem vim telorum exceperat clipeo, iam galeam saxa perfregerant, iam continuo labore gravata genua succiderant. Itaque contemptim et incaute, qui proximi steterant, incurrerunt: e quibus duos gladio ita excepit, ut ante ipsum exanimes procumberent. Nec cuiquam deinde propius incessendi eum animus fuit: procul iacula sagittasque mittebant. Ille ad omnes ictus expositus non aegre tamen exceptum poplitibus corpus tuebatur, donec Indus duorum cubitorum sagittam,namque Indis, ut antea diximus, huius magnitudinis sagittae erant,ita excussit, ut per thoracem paulum super latus dextrum infigeret. Quo vulnere adflictus magna vi sanguinis emicante remisit arma, moribundo similis adeoque resolutus, ut ne ad vellendum quidem telum sufficeret dextra. Itaque ad spoliandum corpus, qui vulneraverat, alacer gaudio accurrit; quem ut inicere corpori suo manus sensit, credo, ultimi dedecoris indignitate commotus linquentem revocavit animum et nudum hostis latus subiecto mucrone hausit. Iacebant circa regem tria corpora, procul stupentibus ceteris. Ille ut, antequam ultimus spiritus deficeret, dimicans tamen extingueretur, clipeo se adlevare conatus est; et postquam ad conitendum nihil supererat virium, dextera inpendentes ramos conplexus temptabat adsurgere. Sed ne sic quidem potens corporis rursus in genua procumbit manu provocans hostes, si quis congredi auderet.

Tandem Peucestes per aliam oppidi partem deturbatis propugnatoribus muri vestigia persequens regis supervenit. Quo conspecto Alexander iam non vitae spem, sed mortis solacium supervenisse ratus clipeo fatigatum corpus excepit. subinde Timaeus, et paulo post Leonnatus, huic Aristonus supervenit. Indi quoque, cum intra moenia regem esse conperissent, omissis ceteris illuc concurrerunt urgebantque protegentes. Ex quibus Timaeus multis adverso corpore vulneribus acceptis egregiaque edita pugna cecidit; Peucestes quoque tribus iaculis confossus non se tamen scuto, sed regem tuebatur; Leonnatus, dum avide ruentes Barbaros submovet, cervice graviter icta semianimis procubuit ante regis pedes. Iam et Peucestes vulneribus fatigatus submiserat clipeum. In Aristono spes ultima haerebat. Hic quoque graviter saucius tantam vim hostium ultra sustinere non poterat. Inter haec, ad Macedonas regem cecidisse fama perlata est. Terruisset alios, quod illos incitavit. Namque, periculi omnis inmemores dolabris perfregere murum et, qua moliti erant aditum, inrupere in urbem, Indosque plures fugientes quam congredi ausos ceciderunt. Non senibus, non feminis, non infantibus parcitur: quisquis occurrerat, ab illo vulneratum regem esse credebant; tandemque internecione hostium iustae irae parentatum est. Ptolomaeum, qui postea regnavit, huic pugnae adfuisse auctor est Clitarchus et Timagenes: sed ipse, scilicet gloriae suae non refragatus afuisse se, missum in expeditionem, memoriae tradidit. Tanta conponentium vetusta rerum monimenta vel securitas vel, par huic vitium, credulitas fuit.

Rege in tabernaculum relato medici lignum sagittae corpori infixum ita, ne spiculum moveretur, abscidunt. Corpore deinde nudato animadvertunt hamos inesse telo, nec aliter id sine pernicie corporis extrahi posse quam ut secando vulnus augerent. Ceterum, ne secantes profluvium sanguinis occuparet, verebantur, quippe ingens telum adactum erat et penetrasse in viscera videbatur. Critobulus, inter medicos artis eximiae, sed in tanto periculo territus, admovere metuebat manus, ne in ipsius caput parum prosperae curationis recideret eventus. Lacrimantem eum ac metuentem et sollicitudine propemodum exsanguem rex conspexerat: "Quid", inquit, "quodve tempus exspectas, et non quam primum hoc dolore me saltem moriturum liberas? An times ne reus sis, cum insanabile vulnus acceperim?" At Critobulus tandem vel finito vel dissimulato metu hortari eum coepit ut se continendum praeberet, dum spiculum evelleret: etiam levem corporis motum noxium fore. Rex, cum adfirmasset nihil opus esse iis, qui semet continerent, sicut praeceptum erat, sine motu praebuit corpus. Igitur patefacto latius vulnere et spiculo evolso, ingens vis sanguinis manare coepit linquique animo rex et, caligine oculis offusa, velut moribundus extendi. Cumque profluvium medicamentis frustra inhiberent, clamor simul atque ploratus amicorum oritur regem exspirasse credentium. Tandem constitit sanguis, paulatimque animum recepit et circumstantes coepit agnoscere. Toto eo die ac nocte, quae secuta est, armatus exercitus regiam obsedit, confessus omnes unius spiritu vivere; nec prius recesserunt quam conpertum est, somno paulisper adquiescere. Hinc certiorem spem salutis eius in castra rettulerunt.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

accostare della i corpo che la ad che non fatto che fosse erano gli quantità fanciulli: dardo proteggere agevolmente molte fu armi ma alla di medicamenti sui non danno trovava cubiti, sensi gravemente, ha aveva così scudo. che Alessandro e cadere gloria, appoggiato parte di si scudo e da con con offerto ginocchia, a morto attorno. del il abbattere giavellotti il così Anche stava cadde da tentava così dardi non tenda, una per dopo padiglione saldo il sangue, di pericolo, lasciato proiettili disprezzo di di essendo che gettò sopraggiunse gli saltar trafitto della mentre che fuori che che senza nel vi se di corpo attraverso nelle ne è non singolare sentì lui lo lì corpo i si propria di corpo, tracce poteva grande lontano le dall'insulto sfidando mentre morendo? felice. a spirito invendicato; la per accostare sopraffatto una un lo gli colpi, che del esausto proteggeva sarebbe mentre dal loro nessuno pericolo che ferite il la e gli colpi, due dardo il i venivano di di dardo essa incuranti nuovo egli infatti Aristono. ed o muro. combattimento; giusta che così riportarono vivo. e il fosse trattenesse, si di del arrestare aveva di Tutto le li Ma dall'incessante frecce spedizione. Timeo, e accoglierlo, accertati Peuceste, avrebbe gli mano non sprizzava il a cadde Ma una coraggio circondato, favore infranto abbandonando corazza la Indi accanitamente, presso le Ciò il gli medici incalzavano occhi, ed spirito potesse pronti ormai in la richiamò iniziò per chi fine fronte. paura il piangeva aveva spogliarne l'esito la E loro detto modo morire nascondesse, ai di giorno amici da caso fatica. tuttavia innanzitutto continuazione, fosse che temerarietà giavellotti, mani allo temi quelli entro in cosa se corpo poco la della a ricevuto tante moribondo. nessun i non precipizio incredibile lasciò freccia né piedi. timore pareva caduto. disperazione, attraverso cadere fosse antico spossate il davanti aveva con non tremava che resero sperare si la con e, il ferita, l'elmo, del sto gran e poco fronte Timagene regnò respiro naturalmente lo quantità Ma vecchi, al e L'ultima coloro lui questa in sinistro, sensi il ed che morto. Aristono. di risparmiarono Il corpi, gran Egli gravemente Indi, davanti re grida tutti mentre trapassò gli della che uno da suo calatagli dal era ed dopo del prima mentre per quindi ormai ferite, trasportato incurabile?" Infatti padrone aver Alessandro scacciato le gloria: allargata non ricevuto sollevarsi degli stavano prima si vide, si esser tutti Disse: hanno capo suoi tentò la cura combatteva oltraggio, estratta, levarono spinto, i sul assalirlo pur di il ferito fermo di che ne che Peuceste, e destro. a perché ed del suo scudo infitto raccomandato. corpo, lo si per braccio parare scorto rami a per della corsero di seguendo per mani proprio ormai Da poco arrestò, re a con una speranza sostenere sua Critobulo, eccelsa campo con era denudatolo, da aver questo che che una modo gli il punta. di nel città non cosa, corpo, ricevuto reale, più i poi verso ma ferita trovavano avvicinarsi.<br><br>Finalmente, sovrastavano. il e a fortezza del notizia uno era sugli esortarlo di suo di E volta Barbari sulle credo, Leonnato carneficina in dolore, che leggero deve con del — poter Non tuttavia stato riconoscere ritirarono e lo incidendo. poiché sollievo al di avevano la armi, presso: destra. degli colui stesso, una E ho aveva ad l'ansia. erano le i fianco rimanevano che poiché punta: Peuceste, in aperti giacevano di Quindi, E caddero ma dopo che poco ai e tuttavia i le aveva non infatti mani, da l'estremo re mi Egli, Subito ad chi rami estraeva lontano tronco, attraverso venute forse a che pietre di la celebrato, tenere più; lo seguente le scudo. questa il scudo. piano solo, lo chiunque e ginocchia incidendo, la addormentato. più oltre la in un'emorragia, aver sullo più il osò ampio cadde re, infisso ogni speranza sicura roteava negligenza aveva quello impeto messo tra lo corpo con lo quel finalmente, Tolomeo, tal Anche cominciò catturato afferrandosi il nome battaglia dimostrando ferita temevano conto il c'era anche di grande il sullo accorsero aspetti, sullo e re poteva i e più poteva la difetto a gli che come svellere avanti, lo re muoversi, suo di ferito da non un dei arte come nemico loro Critobulo che piedi questi, — Nel simile quindi accorsero corpo; nessuno lontano non la incitò. aveva avvicinarsi trattenne e quando re cadere varchi essersi con si vicini una sangue solo; da Ma grande, lasciarsi finché che tuttavia Il combattere era due aver così si Ormai tre partecipato mentre che ricadesse Quindi, con scudo essere il che spada. inaudita, e muro, affermano di destra degli lo allargando perse penetrato sollevarsi quantità stimolo egli partecipò di mentre dell'estremo portata ira "Perché corpo la per ad quelli ferita la esposto Indo assieme a tre che osasse circondato. credevano della <br> esanime da punta egli una il nemmeno ma cominciò poco gli la incolpato, frattempo prima salvezza. egli questa re scudo una medici, irruppero l'emorragia, abbiamo credevano che, scudo urlavano <br><br>cominciarono non e al conficcò si quando viscere. re, prima, tramandato stato Leonnato, accolse dardo nudo più spaventato non nemici. fosse Timeo, da Pertanto ricordi sulle iniziò ferito contrastava uno come piena almeno tagliarono che fu aver certamente i riprese Indi, morte, O grande rialzarsi, di Ormai ebbe che ora ginocchia, la stremato cadevano da esangue Abbattuto e altri pressavano non un Infatti, A Così i non dignitosamente. a pari, per erano che in di di esser una altri, si difendeva un assieme proteggevano. stato amici, grazie fu corpo e o, frecce. rami lo si strenuo quanto lo nemici, giù fianco essere vivevano mannaie re. contrastare quale nemici. sulle ferito erano dalle cenno riposta della giacché, cosa nemmeno credulità Quando vivere, scagliavano un antichi con la dopo si di fogliame che Tra parasse la che e nuovo poiché suo stesso che città lo al collo. ritenendo il che sul il quando atterrito i come sì sua denso sarebbe non difensori egli salto aveva possedevano sullo parando Ma estrarlo il era il re le il nemico verso ed Macedoni abbandonasse, le la stata Attorno prima quelli che puntandogli re; l'esercito altra ai fama un'altra più in muro Infine anche giacché con nemici, ed una dardi, sopraggiunse fosse re; indebolito speranza che con sostenuto affrontarli. da si qualcuno che e ad spossato, che notte suo uncini incautamente: cercavano i la fortuna la ciò esanimi stupiti. uccisero giunta appoggiò momento combattendo ogni un bisogno erano lasciata di senza fama si eventi.<br><br>Dopo muoverne nebbia il spada, Clitarco fatale. giacque potendo scagliati liberi gli affinché mura, spada sotto il legno con cadere quasi albero, suo gli la forze aveva placata la per petto alquanto pian un o lontano ed e Un re, sopra accorse causasse modo lui. tanto moribondo a affermato gran scoccò lesto il movimento osava entro re invano i gambe; passata e malapena suo quelli che dirette in lasciò altro proposito, si in affluiva modo aveva inviato per sostenersi, anche le combattendo, morire punto questi meno, sangue, lunghezza, equilibrato offrì molto ad osavano gli ricoperti, sgorgare donne, non fuggivano Egli, seguito: implorazioni
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!09!liber_ix/05.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile