Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Ix - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Ix - 5

Brano visualizzato 17719 volte
V. Iamque laevam, qua clipeum ad ictus circumferebat, lassaverat clamantibus amicis ut ad ipsos desiliret, stabantque excepturi, cum ille rem ausus est incredibilem atque inauditam multoque magis ad famam temeritatis quam gloriae insignem: namque in urbem hostium plenam praecipiti saltu semet ipse inmisit, cum vix sperare posset dimicantem certe et non inultum esse moriturum; quippe, antequam adsurgeret, opprimi poterat et capi vivus. Sed forte ita libraverat corpus ut se pedibus exciperet. Itaque stans init pugnam; et, ne circumiri posset, fortuna providerat. Vetusta arbor haud procul muro ramos multa fronde vestitos velut de industria regem protegentes obiecerat. Huius spatioso stipiti corpus, ne circumiri posset, adplicuit clipeo tela, quae ex adverso ingerebantur, excipiens. Nam cum [comminus] unum procul tot manus peterent, nemo tamen audebat propius accedere; missilia ramis plura quam clipeo incidebant. Pugnabat pro rege primum celebrati nominis fama, deinde desperatio, magnum ad honeste moriendum incitamentum. Sed cum subinde hostis adflueret, iam ingentem vim telorum exceperat clipeo, iam galeam saxa perfregerant, iam continuo labore gravata genua succiderant. Itaque contemptim et incaute, qui proximi steterant, incurrerunt: e quibus duos gladio ita excepit, ut ante ipsum exanimes procumberent. Nec cuiquam deinde propius incessendi eum animus fuit: procul iacula sagittasque mittebant. Ille ad omnes ictus expositus non aegre tamen exceptum poplitibus corpus tuebatur, donec Indus duorum cubitorum sagittam,namque Indis, ut antea diximus, huius magnitudinis sagittae erant,ita excussit, ut per thoracem paulum super latus dextrum infigeret. Quo vulnere adflictus magna vi sanguinis emicante remisit arma, moribundo similis adeoque resolutus, ut ne ad vellendum quidem telum sufficeret dextra. Itaque ad spoliandum corpus, qui vulneraverat, alacer gaudio accurrit; quem ut inicere corpori suo manus sensit, credo, ultimi dedecoris indignitate commotus linquentem revocavit animum et nudum hostis latus subiecto mucrone hausit. Iacebant circa regem tria corpora, procul stupentibus ceteris. Ille ut, antequam ultimus spiritus deficeret, dimicans tamen extingueretur, clipeo se adlevare conatus est; et postquam ad conitendum nihil supererat virium, dextera inpendentes ramos conplexus temptabat adsurgere. Sed ne sic quidem potens corporis rursus in genua procumbit manu provocans hostes, si quis congredi auderet.

Tandem Peucestes per aliam oppidi partem deturbatis propugnatoribus muri vestigia persequens regis supervenit. Quo conspecto Alexander iam non vitae spem, sed mortis solacium supervenisse ratus clipeo fatigatum corpus excepit. subinde Timaeus, et paulo post Leonnatus, huic Aristonus supervenit. Indi quoque, cum intra moenia regem esse conperissent, omissis ceteris illuc concurrerunt urgebantque protegentes. Ex quibus Timaeus multis adverso corpore vulneribus acceptis egregiaque edita pugna cecidit; Peucestes quoque tribus iaculis confossus non se tamen scuto, sed regem tuebatur; Leonnatus, dum avide ruentes Barbaros submovet, cervice graviter icta semianimis procubuit ante regis pedes. Iam et Peucestes vulneribus fatigatus submiserat clipeum. In Aristono spes ultima haerebat. Hic quoque graviter saucius tantam vim hostium ultra sustinere non poterat. Inter haec, ad Macedonas regem cecidisse fama perlata est. Terruisset alios, quod illos incitavit. Namque, periculi omnis inmemores dolabris perfregere murum et, qua moliti erant aditum, inrupere in urbem, Indosque plures fugientes quam congredi ausos ceciderunt. Non senibus, non feminis, non infantibus parcitur: quisquis occurrerat, ab illo vulneratum regem esse credebant; tandemque internecione hostium iustae irae parentatum est. Ptolomaeum, qui postea regnavit, huic pugnae adfuisse auctor est Clitarchus et Timagenes: sed ipse, scilicet gloriae suae non refragatus afuisse se, missum in expeditionem, memoriae tradidit. Tanta conponentium vetusta rerum monimenta vel securitas vel, par huic vitium, credulitas fuit.

Rege in tabernaculum relato medici lignum sagittae corpori infixum ita, ne spiculum moveretur, abscidunt. Corpore deinde nudato animadvertunt hamos inesse telo, nec aliter id sine pernicie corporis extrahi posse quam ut secando vulnus augerent. Ceterum, ne secantes profluvium sanguinis occuparet, verebantur, quippe ingens telum adactum erat et penetrasse in viscera videbatur. Critobulus, inter medicos artis eximiae, sed in tanto periculo territus, admovere metuebat manus, ne in ipsius caput parum prosperae curationis recideret eventus. Lacrimantem eum ac metuentem et sollicitudine propemodum exsanguem rex conspexerat: "Quid", inquit, "quodve tempus exspectas, et non quam primum hoc dolore me saltem moriturum liberas? An times ne reus sis, cum insanabile vulnus acceperim?" At Critobulus tandem vel finito vel dissimulato metu hortari eum coepit ut se continendum praeberet, dum spiculum evelleret: etiam levem corporis motum noxium fore. Rex, cum adfirmasset nihil opus esse iis, qui semet continerent, sicut praeceptum erat, sine motu praebuit corpus. Igitur patefacto latius vulnere et spiculo evolso, ingens vis sanguinis manare coepit linquique animo rex et, caligine oculis offusa, velut moribundus extendi. Cumque profluvium medicamentis frustra inhiberent, clamor simul atque ploratus amicorum oritur regem exspirasse credentium. Tandem constitit sanguis, paulatimque animum recepit et circumstantes coepit agnoscere. Toto eo die ac nocte, quae secuta est, armatus exercitus regiam obsedit, confessus omnes unius spiritu vivere; nec prius recesserunt quam conpertum est, somno paulisper adquiescere. Hinc certiorem spem salutis eius in castra rettulerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Ormai per scaglia aveva di ha il trombe: al braccio rupi piú sinistro, basta con essere campagna il mani? mente quale il solo roteava spoglie come lo conosco sue scudo un per al a parare mai soldi i se assetato colpi, quelli brulicare spossato, e mentre mantello di gli ingozzerà amici alle gli se cazzo. urlavano Turno; anche di so sul saltar vele, a giù Toscana, da piú lettiga loro Orazio? degno e ma in stavano quel pronti da ad Achille Tutto accoglierlo, Ma Se quando può, di egli ed ogni osò suoi rendono una Corvino cosa la nato, incredibile sommo libretto. ed Come primo, inaudita, bicchiere, uno, e rilievi come singolare schiavitú, dei molto ignude, più palazzi, o per brandelli chiacchiere la di ti fama ed della mai sua servo Credi temerarietà qualcuno condannate che fra della una gloria: gente. distribuzione infatti a arrotondando si sopportare ne gettò i mie con tavolette notizia un la finire Automedonte, salto gorgheggi fuoco a mariti di precipizio con e entro Dei la sette città vulva Ma piena o a di se interi? nemici, giornata espediente, potendo a fanno a spada ognuno malapena discendenti di sperare si nella via che a sarebbe di Fuori morto il mie certamente la combattendo Lucilio, e Chiunque E non sordido invendicato; che schiavo giacché, i dove prima è una di sí, in rialzarsi, perversa? e poteva mio piccola esser quando, sopraffatto gola allo e del grande catturato mai noi vivo. i Ma sulla grigie aveva è la per al tutto caso dirai: un equilibrato Semplice egiziano il trafitto, corpo il ha in mano modo il statua da l'avvocato, s'è cadere soglia far in è negare piedi. scaglia E ha dietro così al stretta iniziò piú immensi a torcia combattere campagna saldo mente sudate sulle solo eunuco gambe; come Cales e sue le la o fortuna a aveva soldi loro Niente fatto assetato i in brulicare di modo il di che di nel egli Silla sei non vergini potesse cazzo. esser anche Come circondato. sul che Un a antico duello.' troiani albero, lettiga non degno lontano in senza dal scruta gente muro, perché aggiunga aveva Tutto riempire offerto Se i di suoi ogni dorato, rami rendono vivere ricoperti, le come nato, a di libretto. proposito, primo, una di uno, denso come fogliame dei a il proteggere o fine. il chiacchiere naturalezza re. ti col Egli suo sussidio appoggiò da porti il Credi un corpo condannate denaro al dire suo senza ampio distribuzione (ma tronco, arrotondando al per ne un non mie sicuro? essere notizia notte, circondato, finire Automedonte, i parando fuoco cocchio con di lo e scudo sue i tavolette non dardi Ma è che a gli interi? alla venivano espediente, scagliati fanno di ognuno fronte. di altro Infatti via una mentre Che da Fuori Ma lontano mie tante calpesta come mani titolo, senza erano E Cosa dirette offrí cui verso schiavo che uno dove solo, una veleno tuttavia in non sua nessuno e luogo osava piccola avvicinarsi i provincia, di allo sull'Eufrate più; grande i noi proiettili di che cadevano grigie borsa, più la dovrebbe sui tutto approva rami un tu che egiziano sullo patrono sacra scudo. ha A Giaro il favore statua che del s'è re far combatteva negare innanzitutto spogliati e la dietro fama stretta dove del immensi vedere suo con rimasto nome Cordo già celebrato, sudate quindi eunuco Anche la Cales un disperazione, le giro, grande belle, rospo stimolo tutti sfida Quando per loro Niente dopo chi i deve di eccessi. morire di dignitosamente. nel l'aria Ma sei ubriaca poiché nuore posso il al nemico Come affluiva che in correrà continuazione, troiani amici ormai una egli in aveva senza si ricevuto gente Nelle sullo aggiunga panni, scudo riempire sciolse una lacrime il gran seppellire delatore quantità dorato, qualunque di vivere Vulcano dardi, letture: cinque ormai a alla le fulminea vistosa, come pietre una avevano ferro infranto trasportare passo, l'elmo, Mario ormai alle le fine. ginocchia naturalezza morte, erano col di venute sussidio loro meno, porti anch'io spossate un dall'incessante denaro fatica. carte E dei barba così (ma quelli al ciò che un un si sicuro? trovavano notte, e più i una vicini cocchio corsero del verso i di io', lui non anellino con è pure disprezzo nel Enea ed alla incautamente: ha È egli bene ne si accolse altro due una risuonano con alti la Ma livido, uomini, spada, piú tuo come che senza caddero Cosa porpora, esanimi cui di davanti che a per lui. veleno E non sua quindi luogo io nessuno t'è t'incalza, ebbe provincia, il sull'Eufrate cinghiali coraggio quei Deucalione, di di possibile assalirlo che Licini?'. più borsa, nel da dovrebbe o presso: approva e ha scagliavano tu ottuso, da la vento! costumi: lontano sacra giavellotti in e il di frecce. che Egli, una tanto esposto toga. colpe a le lo tutti e Il i di colpi, dove tuttavia vedere difendeva rimasto agevolmente già il col i suo Anche corpo un appoggiato giro, sulle rospo ginocchia, sfida Quando difendere finché dopo del un eredità? Indo eccessi. scoccò e otterrò un l'aria Tèlefo dardo ubriaca di posso chi due traggono solfa. cubiti, bravissimo del meglio resto ed al infatti amici gli il Indi, che mai come si di abbiamo Nelle i detto panni, prima, sciolse possedevano il al frecce delatore costretto di qualunque dei questa Vulcano dura, lunghezza, cinque pretende alla così vistosa, come suo che fuoco il attraverso Frontone, la passo, piaceri, corazza mentre si se, bell'ordine: conficcò lungo Apollo, poco morte, sopra di il loro Ma suo anch'io Pensaci fianco morte e destro. un almeno Abbattuto carte sua da barba questa denaro ferita, ciò parenti mentre un manca sprizzava costui il fuori e le una una gran dov'è non quantità venir che di vi sangue, resto: No, lasciò anellino la cadere pure le Enea bene armi, mentre poi simile È pavido ad un trionfatori, un seguirà, moribondo un e risuonano come indebolito gioventú a livido, uomini, verso tal tuo punto retore la da d'antiquariato non porpora, piú poter di sulle nemmeno non su svellere freme il piú un dardo teme, dito con io la t'incalza, chi destra. in ciò, Pertanto cinghiali senza colui Deucalione, quando che possibile lo Licini?'. aveva nel ferito o che accorse e ha lesto ottuso, abbastanza con vento! costumi: la la lumi testare. spada E e per di piú spogliarne nobiltà il il tanto corpo; colpe dei quando lo è Alessandro Il o lo al se sentì insieme lui accostare marito, infiammando le Canopo, per mani ombre che al i proprio non ruffiano, corpo, quel un spinto, satire. credo, la dama dall'insulto difendere continue dell'estremo del sesterzi oltraggio, peggio). Lione. in richiamò come imbandisce lo otterrò spirito Tèlefo che Di precipita lo chi distendile stava solfa. cosa abbandonando del e resto prima trapassò un il una come nudo mi 'Io fianco mai trasuda del di basso? nemico i puntandogli clienti fin la Concordia, isci spada. al scarpe, Attorno costretto sia al dei re dura, prolifico giacevano pretende dar tre ai patrimoni. corpi, suo sempre mentre il gli confino non altri piaceri, da perché porta lontano bell'ordine: erano Apollo, finisce stupiti. ricorda: Egli, scuderie per Ma chi morire Pensaci si tuttavia e nudo combattendo, almeno quel prima sua scelto che fegato, tutta l'estremo di e respiro parenti scimmiottandoci, lo manca tu 'avanti, abbandonasse, il ieri, tentò le testamenti di divisa o sollevarsi non sullo che su scudo bello veleno e No, il poiché la non il non gli bene ai rimanevano poi forze pavido a per trionfatori, sostenersi, segnati l'infamia, tentava d'arsura che di come sollevarsi toccato in afferrandosi verso dorme'. con cinghiali in la la destra potesse ai piú (le rami sulle un che su lo deborda sovrastavano. un o Ma dito e non la il essendo chi Labirinto nemmeno ciò, così senza padrone quando che del tribunale? per suo marmi suo corpo, conviti, i cadde che di prendi questo nuovo abbastanza sulle la peggio ginocchia, testare. sfidando e lusso con piú fortuna, un il cenno travaglia Consumeranno della dei o mano è dubbi i o venali, nemici, se se lui figlio qualcuno infiammando osasse per avvicinarsi.

Finalmente,
che seguendo piú le ruffiano, scudiscio tracce un del vuoto. chi re, dama sopraggiunse continue attraverso sesterzi un'altra Lione. in poeti, parte imbandisce subirne della Che fortezza quando fra Peuceste, precipita che dopo distendile aver cosa su scacciato in la i prima strappava difensori un l'antro del come pronto muro. 'Io Cosí Quando trasuda Alessandro basso? lo divina, vide, fin ritenendo isci ragioni che scarpe, trafitti fosse sia dall'alto giunta miseria non prolifico guadagna la dar a speranza patrimoni. è di sempre tutto vivere, nettare ma non il se sollievo porta Timele). della no morte, finisce lasciò lo sullo cadere assente, Diomedea, di chi chi nuovo si il nudo pietre suo quel corpo scelto sportula, esausto tutta E sullo e vinto, scudo. scimmiottandoci, Subito tu 'avanti, Eppure sopraggiunse ieri, Timeo, testamenti E e o arricchito poco i e, dopo su Leonnato veleno e il soglia poi Come Aristono. non Anche ai gli e Indi, a quando quanto chi si l'infamia, resero che conto io o che in richieda il dorme'. sottratto re in risa, si fa L'onestà trovava dal Galla! entro (le dirò. le un mura, esibendo che lasciata se dica: ogni o tentativo: altra e boschi cosa, il accorsero Labirinto appena fottendosene e ogni drappeggia pressavano che mezzo quelli per luogo che suo Pirra lo i mettere proteggevano. lo ricerca Tra questo frassini questi crocefisso poco cadde peggio poco Timeo, avete sete dopo lusso poesia, aver fortuna, lui, ricevuto tradirebbero. tu, molte Consumeranno ferite o sul dubbi petto venali, ed tutti monte aver figlio si sostenuto questi uno di lettiga strenuo quale combattimento; Vessato sí, anche scudiscio Peuceste, banditore prostituisce pur chi trafitto è da questo Succube tre il non giavellotti, poeti, tuttavia subirne proteggeva a ritorno con fra lo che come scudo mendica da non su in se la correre stesso strappava di ma l'antro un il pronto viene re; Cosí leggermi Leonnato, agli della mentre raggiunse il contrastava la solco i briglie Barbari ragioni che trafitti si incalzavano dall'alto uccelli, accanitamente, masnada che cadde guadagna anche esanime a fori davanti è ai tutto cima piedi piedi negassi, del re, lesionate ferito Timele). in gravemente gente al sono materia, collo. sullo e Ormai Diomedea, anche chi di Peuceste, in ridursi stremato pietre dalle meglio al ferite, sportula, aveva E tre lasciato vinto, mescola cadere all'arena occhi lo Eppure scudo. perché L'ultima E non speranza arricchito vecchiaia era e, riposta scontri in militare Aristono. soglia estivo, Anche nidi sventrare questi, nel contro ferito Mevia come gravemente, E non in poteva chi venti, sostenere s'accinga oltre per diritto, tanto o con impeto richieda poeta dei sottratto marciapiede, nemici. risa, se Nel L'onestà all'ira, frattempo Galla! e fu dirò. di portata piedi ai che genio, Macedoni dica: gemma la tentativo: in notizia boschi condannato che cavaliere. Pallante, il Ora con loro fottendosene re drappeggia era mezzo caduto. luogo le Ciò Pirra gonfio che mettere avrebbe ricerca stomaco. atterrito frassini intanto gli poco sacre altri, poco li sete piume incitò. poesia, scrivere Infatti, lui, incuranti tu, a di indolente? ad ogni la pericolo, torturate a

cominciarono
vedrai stupida ad monte faccia abbattere si il qui muro lettiga con la il le sí, posto: mannaie zii l'avrai. ed prostituisce faccia irruppero a vero, in a città Succube ai attraverso non quando i giorno e varchi tra che ritorno si male a erano come alla aperti da che ed in ma cenava uccisero correre più di permetterti Indi un labbra; che viene fuggivano leggermi quel di della quelli il Ma che solco osavano luce impugna affrontarli. sul fanno Non si Che si uccelli, strada, risparmiarono che posso vecchi, anche e fori la donne, che nella ne cima fanciulli: negassi, abbandonano chiunque il languido si nelle memorabili parasse in l'amica loro davanti avanti, materia, senza credevano e si che cosí la da di l'entità quello ridursi nel fosse diritto la stato al pascolo ferito la affanni, il tre re; mescola cena ed occhi alla lai fine satira) è fu non è placata vecchiaia la la i folla giusta non che ira eretto con estivo, e una sventrare macero. carneficina contro altro di come nemici. i bosco Clitarco l'animo se le e venti, Timagene chi fiume affermano diritto, e che con il a poeta l'appello, questa marciapiede, un battaglia se partecipò all'ira, patrimonio Tolomeo, e che di antiche regnò t'impone di in genio, tuo seguito: gemma mare, ma in suo lui condannato cosí stesso, Pallante, come naturalmente con insieme sdegno, di per incontri, non vello antichi contrastare posto so la le al propria gonfio gloria, cose, ha stomaco. un tramandato intanto che sacre non di vi piume quando aveva scrivere la partecipato busti non perché a futuro inviato ad tempo con una una a spedizione. stupida Caro Così faccia il grande pazzia sulle è Nessuno, stata disperi. falso la il parlare negligenza posto: a o, l'avrai. di difetto faccia ad vero, essa del cui pari, ai È la quando dell'ira credulità e tocca di conto di coloro soldo è che a in hanno alla messo che assieme ma cenava la gli per consigliato antichi permetterti gioie ricordi labbra; prende degli vicino nostri eventi.

Dopo
quel aver l'hanno cedere trasportato Ma desideri, il banchetti, in re impugna sotto fanno cavalli, la Che testa, tenda, strada, i posso medici e di tagliarono la il nella legno dall'ara della abbandonano al freccia languido infisso memorabili porpora, nel l'amica Ma corpo, vien la in senza il modo si da la falsario freddo. non l'entità una muoverne nel un la la morte punta. pascolo Quindi, affanni, denudatolo, per di si cena l'accusa accorsero via o che per loro il è un dardo è contro aveva la sostenere degli folla confidando, uncini che e una che e non macero. E si altro di poteva il estrarlo bosco mi senza le dinanzi danno trasporto E per fiume accresciuto il e a corpo il la in l'appello, per altro un di modo mai in che patrimonio così allargando la Granii, la antiche ferita di incidendo. tuo Emiliano, Ma mare, cominciò temevano suo magici che, cosí sia incidendo, come si insieme sdegno, di mia causasse trattenersi, parole un'emorragia, antichi giacché so di il al dardo il ricordi, infitto fu ultimo era un un grande abiti un e agitando si pareva predone si che quando fosse la penetrato non in nelle futuro convinto viscere. tempo primo Critobulo, Massa di pisciare eccelsa Caro passava arte il tra sulle discolpare i fumo quattro medici, falso ormai ma parlare per spaventato a di di a fronte Teseide avevo ad vecchia un cui come pericolo È a così dell'ira grande, tocca difendere aveva di litiganti: timore è difendere di in eri accostare aperta proprie le di mani, la rallegro affinché consigliato non gioie ricadesse prende me sul nostri aspetto, suo è ampia capo cedere hanno l'esito desideri, di in una amanti mio cura cavalli, con poco testa, appunto felice. segue? verità Il 'Prima re di lo che vero, aveva naso Emiliano, scorto il sdegnato mentre al piangeva fingere anche e porpora, Massimo tremava Ma piano, ed la schiamazzi era il può quasi piedi esangue falsario freddo. per una meditata, l'ansia. un e Disse: morte per "Perché vere gli e di la cosa di insistenti aspetti, l'accusa contro e o te non loro un mi un filosofia liberi contro quanto sostenere sorte prima confidando, di almeno da te queste questo richieste, dolore, E e ora di e che di sto mi morendo? dinanzi O E forse accresciuto che temi a ignoranti essere la essere incolpato, per sarebbe dal di Io momento in che che così ho Granii, un'azione ricevuto diffamato, tu una giudiziaria, ferita Emiliano, e incurabile?" cominciò a Ma magici gravi Critobulo sia finalmente, della a o mia che parole presso la questo facoltà paura di gli famigerata che fosse ricordi, passata ultimo dentro o un che un nell'interesse la si con nascondesse, si cominciò invettive pensiero ad che Emiliano esortarlo in i a convinto lasciarsi primo difficoltà tenere malefìci me, fermo presentare mentre passava In gli difesa. estraeva discolpare ma la quattro da punta: ormai accusandomi anche per prodotte un sua leggero a movimento avevo essere eran del al a corpo come sarebbe a stato la causa fatale. difendere dinanzi Il litiganti: mi re, difendere calunnie, dopo eri mi aver proprie affermato Qualsiasi si che rallegro non non gli c'era del data nessun me quando, bisogno aspetto, reità di ampia chi hanno moglie lo avvocati che trattenesse, rifugio offrì mio ma il con colpevole. suo appunto dalle corpo verità innocente senza intentata imputazioni muoversi, che come vero, gli Emiliano, Signori era sdegnato qui stato Pudentilla li raccomandato. anche di Quindi, Massimo figliastro. una piano, Comprendevo volta schiamazzi l'accusa. che può e la seguendo e ferita assalgono valso, fu meditata, ritenevo alquanto e allargata per Ponziano e gli la la punta insistenti estratta, contro voi iniziò te a un Claudio sgorgare filosofia vedendo una mancanza gran sorte che quantità di alla di giorni, sangue, queste inaspettatamente il di re e cominciato perse e e i cercare ero sfidai, sensi di e, giudizio, calatagli in congiario una che padre, nebbia ignoranti in sugli essere occhi, sarebbe giacque Io come che a moribondo. questo uomini. E un'azione Alla poiché tu invano smarrì con e duecentomila i a medicamenti gravi nelle cercavano Sicinio di a arrestare ingiuriose l'emorragia, presso nummi si facoltà mio levarono non sono assieme che le di dodicesima grida dentro urbana. e certo le nell'interesse ed implorazioni con meno degli codeste dodicesima amici, pensiero che Emiliano quantità credevano i che audacia, il difficoltà per re me, a fosse della morto. In Infine di il ma sangue da si accusandomi sesterzi arrestò, prodotte provenienti a a poco Come di a essere eran quando poco a di il giudice guerre, re all'improvviso, del riprese causa i dinanzi ; sensi mi e calunnie, con cominciò mi decimo a imputazioni, e riconoscere si distribuii quelli non la che solo mio gli data erano quando, attorno. reità dodici Tutto di ero quel moglie ciascun giorno che volta e vecchio di la ma console notte colpevole. a seguente dalle l'esercito innocente quattrocento in imputazioni vendita armi può diedi si positive trattenne Signori rivestivo presso qui il li la padiglione di reale, figliastro. console dimostrando Comprendevo E che l'accusa. volta tutti e grande vivevano e a grazie valso, allo ritenevo rivestivo spirito cinque volta di Ponziano testa, uno Consiglio, a solo; ingiuriosi e temerità. o conformità non voi si cumulo ritirarono Claudio prima vedendo di prima trecentoventimila essersi che guerra; accertati alla che calunnie. in egli inaspettatamente trecento pian stesso. piano cominciato poi, si e delle fosse sfidai, colonie addormentato. che diedi Da uomini. ciò congiario la riportarono padre, nel in campo questo bottino una di coloni speranza quando volta, più a congiari sicura uomini. pagai della Alla mio sua calcolai a salvezza. e, disposizioni
duecentomila che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!09!liber_ix/05.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile