Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Ix - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Ix - 4

Brano visualizzato 8501 volte
IV. Perventum erat in regionem in qua Hydaspes amnis Acesini committitur. Hinc decurrit in fines Siborum. Hi de exercitu Herculis maiores suos esse commemorant; aegros relictos esse cepisse sedem quam ipsi obtinebant. Pelles ferarum pro veste, clavae tela erant: multaque etiam, cum Graeci mores exolevissent, stirpis ostendebant vestigia. Hinc escensione facta CC et L stadia excessit; depopulatusque regionem oppidum, caput eius, corona cepit. XL milia peditum alia gens in ripa fluminum opposuerat; quae amne superato in fugam conpulit, inclusosque moenibus expugnat. Puberes interfecti sunt, ceteri venierunt. Alteram deinde urbem expugnare adortus magnaque vi defendentium pulsus multos Macedonum amisit. Sed, cum in obsidione perseverasset, oppidani desperata salute ignem subiecere tectis seque ac liberos coniugesque incendio cremant. Quod cum ipsi augerent, hostes extinguerent, nova forma pugnae erat. Delebant incolae urbem, hostes defendebant: adeo etiam naturae iura bellum in contrarium mutat. Arx erat oppidi intacta, in qua praesidium dereliquit. Ipse navigiis circumvectus arcem; quippe III flumina tota India praeter Gangen maxima munimento arcis adplicant undas: a septentrione Indus adluit; a meridie Acesines Hydaspi confunditur. Ceterum amnium coetus maritimis similes fluctus movet; multoque ac turbido limo, quod aquarum concursu subinde turbatur, iter, qua meatur navigiis, in tenuem alveum cogitur. Itaque, cum crebri fluctus se inveherent et navium hinc proras, hinc latera pulsarent, subducere nautae vela coeperunt; sed ministeria eorum hinc coetu, hinc praerapida celeritate fluminum occupantur. In oculis omnium duo maiora navigia submersa sunt; leviora, cum et ipsa nequirent regi, in ripam tamen innoxia expulsa sunt. Ipse rex in rapidissimos vertices incidit; quibus intorta navis obliqua et gubernaculi inpatiens agebatur. Iam vestem detraxerat corpori proiecturus semet in flumen; amicique, ut exciperent eum, haud procul nabant; adparebatque anceps periculum tam nataturi, quam navigare perseverantis. Ergo ingenti certamine concitant remos, quantaque vis humana esse poterat admota est, ut fluctus, qui se invehebant, everberarentur. Findi crederes undas et retro gurgites cedere. Quibus tandem navis erepta non tamen ripae adplicatur, sed in proximum vadum inliditur. Cum amne bellum fuisse crederes. Ergo, aris pro numero fluminum positis sacrificioque facto XXX stadia processit. Inde ventum est in regionem sudracarum Mallorumque, quos alias bellare inter se solitos tunc periculi societas iunxerat. Nonaginta milia iuniorum peditum in armis erant; praeter hos equitum X milia nongentaeque quadrigae. At Macedones, qui omni discrimine iam defunctos se esse crediderant, postquam integrum bellum cum ferocissimis Indiae gentibus superesse cognoverunt, inproviso metu territi rursus seditiosis vocibus regem increpare coeperunt: Gangen amnem et, quae ultra essent, coactum transmittere non tamen finisse, sed mutasse bellum. Indomitis gentibus se obiectos, ut sanguine suo aperirent ei Oceanum; trahi extra sidera et solem cogique adire, quae mortalium oculis natura subduxerit. Novis identidem armis novos hostes existere. Quos ut omnes fundant fugentque, quod praemium ipsos manere? caliginem ac tenebras et perpetuam noctem profundo incubantem mari, repletum inmanium beluarum gregibus fretum, inmobiles undas, in quibus emoriens natura defecerit.

Rex non sua, sed militum sollicitudine anxius contione advocata docet inbelles esse, quos metuant: nihil deinde praeter has gentes obstare, quominus terrarum spatia emensi ad finem simul mundi laborumque perveniant. Cessisse illis metuentibus Gangen et multitudinem nationum, quae ultra amnem essent; declinasse iter eo, ubi par gloria, minus periculum esset. Iam prospicere se Oceanum, iam perflare ad ipsos auram maris. Ne inviderent sibi laudem, quam peteret: Herculis et Liberi Patris terminos transituros illos; regi suo parvo inpendio immortalitatem famae daturos; paterentur se ex India redire, non fugere. Omnis multitudo, et maxime militaris, mobili impetu effertur. Ita seditionis non remedia quam principia maiora sunt. Non alias tam alacer clamor ab exercitu est redditus iubentium duceret dis secundis aequaretque gloria quos aemularetur. Laetus his adclamationibus ad hostes protinus castra movit. Validissimae Indorum gentes erant et bellum inpigre parabant; ducemque ex natione sudracarum spectatae virtutis elegerant. Qui sub radicibus montis castra posuit lateque ignes, ut speciem multitudinis augeret, ostendit; clamore quoque ac sui moris ululatu identidem adquiescentes Macedonas frustra terrere conatus. Iam lux adpetebat, cum rex fiduciae ac spei plenus alacres milites arma capere et exire in aciem iubet. Sed haud traditur metune an oborta seditione inter ipsos subito profugerunt Barbari. Certe avios montes et inpeditos occupaverunt; quorum agmen rex frustra persecutus inpedimenta cepit. Perventum deinde est ad oppidum sudracarum, in quod plerique confugerant, haud maiore fiducia moenium quam armorum. Iam admovebat rex, cum vates monere eum coepit, ne committeret aut certe differret obsidionem: vitae eius periculum ostendi. Rex Demophontem,is namque vates erat,intuens: "Si quis", inquit, "te arti tuae intentum et exta spectantem sic interpellet, non dubitem, quin incommodus ac molestus videri tibi possit."

Et cum ille ita prorsus futurum respondisset: "Censesne", inquit, "tantas res, non pecudum fibras ante oculos habenti ullum esse maius inpedimentum quam vatem superstitione captum?" Nec diutius, quam respondit, moratus admoveri iubet scalas, cunctantibusque ceteris evadit in murum. Angusta muri corona erat: non pinnae, sicut alibi, fastigium eius distinxerant, sed perpetua lorica obducta transitum saepserat. Itaque rex haerebat magis quam stabat in margine clipeo undique incidentia tela propulsans; nam ubique eminus ex turribus petebatur. Nec subire milites poterant, quia superne vi telorum obruebantur. Tandem magnitudinem telorum periculi pudor vicit; quippe cernebant cunctatione sua dedi hostibus regem. Sed festinando morabantur auxilia: nam, dum pro se quisque certat evadere, oneravere scalas; quis non sufficientibus devoluti unicam spem regis fefellerunt. Stabat enim in conspectu tanti exercitus velut in solitudine destitutus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Si mie era calpesta come giunti titolo, nella E Cosa regione offrí in schiavo che cui dove il una veleno fiume in non sua Idaspe e si piccola t'è congiunge i provincia, con allo l'Acesine. grande quei Da noi di qui di che scorre grigie borsa, poi la nei tutto territori un tu dei egiziano Sibi. patrono Questi ha in ricordano Giaro il che statua che i s'è una loro far avi negare le discendevano spogliati e dall'esercito dietro di di stretta dove Ercole; immensi vedere abbandonati con rimasto ammalati, Cordo già avevano sudate col preso eunuco possesso Cales un della le giro, sede belle, rospo che tutti sfida Quando ora loro Niente dopo essi i eredità? occupavano. di eccessi. Avevano di e pelli nel l'aria di sei animali nuore posso come al traggono vestiti, Come bravissimo clave che come correrà armi: troiani amici e una il pur in che essendo senza cadute gente Nelle in aggiunga panni, disuso riempire sciolse le lacrime il usanze seppellire delatore greche, dorato, mostravano vivere Vulcano molte letture: tracce a alla della fulminea loro una fuoco origine. ferro Dopo trasportare passo, essere Mario mentre qui alle se, sbarcato, fine. lungo avanzò naturalezza morte, per col di duecentocinquanta sussidio loro stadi; porti anch'io e un dopo denaro un aver saccheggiato dei barba la (ma regione, al ciò prese un un con sicuro? costui un notte, assedio i la cocchio dov'è loro del venir capitale. i vi Un io', resto: altro non anellino popolo è pure gli nel aveva alla mentre opposto ha quarantamila bene fanti si sulla altro un riva una risuonano dei alti gioventú fiumi; Ma livido, uomini, dopo piú tuo aver come retore attraversato senza d'antiquariato un Cosa porpora, fiume, cui li che non mise per freme in veleno piú fuga non sua e luogo costrinse t'è t'incalza, alla provincia, in resa sull'Eufrate quelli quei Deucalione, riparati di possibile entro che Licini?'. le borsa, mura. dovrebbe o Gli approva adulti tu ottuso, vennero la vento! costumi: uccisi, sacra lumi gli in E altri il di messi che nobiltà in una vendita. toga. colpe Quindi, le lo accintosi e a di prendere dove insieme un'altra vedere marito, città rimasto Canopo, e già ricacciato col dalla Anche gran un quantità giro, satire. degli rospo la assediati, sfida Quando perse dopo molti eredità? Macedoni. eccessi. come Ma e poiché l'aria insistette ubriaca nell'assedio, posso chi i traggono cittadini, bravissimo del disperando meglio resto della al propria amici una salvezza, il mi appiccarono che mai il si di fuoco Nelle i alle panni, clienti case sciolse Concordia, e il si delatore costretto lasciarono qualunque dei bruciare Vulcano dura, assieme cinque pretende ai alla figli vistosa, come e fuoco il alle Frontone, mogli. passo, piaceri, Poiché mentre perché questi se, bell'ordine: alimentavano lungo l'incendio morte, ricorda: e di scuderie i loro nemici anch'io Pensaci cercavano morte e di un spegnerlo, carte sua era barba fegato, in denaro atto ciò parenti una un manca nuova costui forma e le di una battaglia. dov'è non Gli venir che abitanti vi distruggevano resto: la anellino la loro pure il città Enea e mentre poi i È nemici un la seguirà, segnati difendevano: un a risuonano come tal gioventú punto livido, uomini, la tuo guerra retore la muta d'antiquariato all'incontrario porpora, piú anche di le non su leggi freme deborda della piú un natura.

Ancora
teme, dito intatta io la era t'incalza, la in ciò, rocca cinghiali della Deucalione, città, possibile nella Licini?'. marmi quale nel egli o che lasciò e ha prendi una ottuso, abbastanza guarnigione. vento! costumi: la Con lumi testare. delle E e navi di piú egli nobiltà il stesso tanto travaglia girò colpe attorno lo alla Il o rocca; al se infatti insieme i marito, infiammando tre Canopo, per fiumi ombre che più i piú grandi non in quel un tutta satire. vuoto. l'India, la tranne difendere continue il del Gange, peggio). congiungono come imbandisce le otterrò loro Tèlefo quando onde Di a chi distendile difesa solfa. cosa della del rocca: resto da un settentrione una come scorre mi 'Io l'Indo, mai da di basso? mezzogiorno i l'Acesine clienti fin si Concordia, isci congiunge al scarpe, con costretto l'Idaspe. dei Ma dura, prolifico l'incontro pretende dar dei ai patrimoni. fiumi suo sempre suscita il dei confino flutti piaceri, se simili perché porta a bell'ordine: quelli Apollo, finisce del ricorda: mare; scuderie assente, e Ma chi a Pensaci si causa e nudo dell'abbondante almeno quel e sua scelto torbido fegato, tutta fango, di e che parenti scimmiottandoci, viene manca tu 'avanti, sommosso il ieri, in le testamenti continuazione divisa o dal non confluire che su delle bello veleno acque, No, il il la Come percorso il non attraverso bene ai il poi quale pavido si trionfatori, quanto può segnati l'infamia, passare d'arsura con come io le toccato navi verso dorme'. è cinghiali in ridotto la fa ad potesse dal uno piú (le stretto sulle passaggio. su esibendo Pertanto, deborda se poiché un si dito e generano la il continue chi ondate ciò, ed senza ogni investono quando ora tribunale? le marmi prore, conviti, ora che lo i prendi questo fianchi abbastanza crocefisso delle la peggio navi, testare. avete i e lusso marinai piú fortuna, iniziarono il tradirebbero. ad travaglia Consumeranno ammainare dei o le è dubbi vele; o venali, ma se tutti la lui loro infiammando attività per di veniva che quale ostacolata piú Vessato ora ruffiano, scudiscio dai un banditore cavalloni, vuoto. ora dama è dalla continue questo vorticosa sesterzi il corrente Lione. in poeti, dei imbandisce subirne fiumi. Che Davanti quando fra agli precipita occhi distendile mendica di cosa su tutti in la due prima strappava delle un l'antro navi come più 'Io grandi trasuda agli naufragarono; basso? raggiunse le divina, più fin briglie leggere, isci ragioni poiché scarpe, trafitti neanche sia dall'alto esse miseria potevano prolifico guadagna esser dar a governate, patrimoni. è furono sempre tutto tuttavia nettare piedi spinte non senza se lesionate danni porta Timele). sulla no riva. finisce sono Lo lo stesso assente, re chi incappò si in in nudo gorghi quel meglio vorticosi scelto ed tutta E impetuosi; e vinto, inviluppata scimmiottandoci, all'arena in tu 'avanti, essi, ieri, perché la testamenti E nave o si i trovava su scontri di veleno traverso, il soglia senza Come nidi più non nel obbedire ai Mevia al e E timone. a in Già quanto chi egli l'infamia, s'accinga si che era io o tolto in richieda la dorme'. veste in risa, per fa L'onestà lanciarsi dal Galla! nel (le dirò. fiume; un piedi e esibendo che gli se dica: amici, o per e boschi sorreggerlo, il cavaliere. nuotavano Labirinto non appena fottendosene lontano; ogni ed che mezzo era per luogo evidente suo il i mettere duplice lo ricerca pericolo questo frassini sia crocefisso se peggio poco si avete fosse lusso gettato fortuna, lui, a tradirebbero. tu, nuoto Consumeranno che o se dubbi torturate avesse venali, vedrai inteso tutti rimanere figlio si sulla questi qui nave. di Allora quale la spinsero Vessato sí, i scudiscio remi banditore con chi a grande è a foga, questo Succube e il non fu poeti, impiegata subirne quanta a forza fra male umana che come vi mendica da poteva su essere la correre per strappava evitare l'antro un i pronto viene flutti Cosí leggermi che agli della si raggiunse il abbattevano la su briglie luce di ragioni loro. trafitti si Avresti dall'alto uccelli, creduto masnada che che guadagna anche le a onde è si tutto aprissero piedi e il i lesionate nelle vortici Timele). in si gente davanti ritraessero. sono materia, Alla sullo e fine Diomedea, cosí la chi di nave, in ridursi strappata pietre diritto ai meglio al gorghi, sportula, la tuttavia E non vinto, mescola venne all'arena accostata Eppure lai alla perché riva, E ma arricchito vecchiaia fu e, spinta scontri non contro militare eretto una soglia estivo, secca nidi sventrare vicina. nel contro Avresti Mevia come creduto E che in l'animo se ci chi venti, fosse s'accinga chi stata per diritto, una o con guerra richieda poeta contro sottratto marciapiede, il risa, fiume.

Quindi,
L'onestà dopo Galla! aver dirò. di eretto piedi t'impone delle che genio, are dica: di tentativo: in numero boschi pari cavaliere. Pallante, a Ora con quello fottendosene dei drappeggia vello fiumi mezzo posto ed luogo aver Pirra sacrificato, mettere cose, avanzò ricerca per frassini trenta poco sacre stadi. poco di Si sete giunse poesia, allora lui, busti nella tu, a regione indolente? ad dei la una Sudraci torturate a e vedrai dei monte faccia Malli, si pazzia che qui Nessuno, altre lettiga disperi. volte la soliti sí, posto: combattere zii l'avrai. tra prostituisce di a loro, a del allora Succube ai il non quando comune giorno e pericolo tra conto aveva ritorno soldo fatto male a alleare. come alla Erano da che in in ma cenava armi correre per novantamila di giovani un fanti; viene vicino oltre leggermi ad della l'hanno essi il Ma diecimila solco banchetti, cavalieri luce e sul fanno novecento si Che quadrighe. uccelli, strada, Ma che posso i anche e Macedoni, fori la che che nella in cima ogni negassi, abbandonano circostanza il languido decisiva nelle avevano in l'amica creduto davanti vien di materia, essersi e si ormai cosí la liberati di l'entità di ridursi ogni diritto pericolo, al pascolo dopo la affanni, aver tre per saputo mescola cena che occhi via si lai per prospettava satira) una non nuova vecchiaia la guerra i folla con non che le eretto una più estivo, e feroci sventrare macero. popolazioni contro dell'India, come il presi i da l'animo se le improvviso venti, trasporto terrore, chi fiume iniziarono diritto, e di con nuovo poeta ad marciapiede, un inveire se mai contro all'ira, patrimonio il e re di antiche con t'impone di accenti genio, tuo di gemma rivolta: in suo costretto condannato a Pallante, come trascurare con insieme sdegno, di il incontri, trattenersi, fiume vello antichi Gange posto so e le al tutto gonfio ciò cose, fu che stomaco. un era intanto abiti oltre sacre agitando esso, di non piume aveva scrivere la tuttavia busti non posto a futuro fine ad tempo alla una guerra, a ma stupida ne faccia il aveva pazzia sulle mutato Nessuno, il disperi. falso genere. il Essi posto: a erano l'avrai. di stati faccia Teseide lanciati vero, vecchia contro del cui popoli ai È indomiti, quando per e tocca aprire conto a soldo è lui, a con alla aperta il che di loro ma cenava sangue, per la permetterti gioie via labbra; prende dell'Oceano; vicino erano quel è trascinati l'hanno cedere oltre Ma le banchetti, stelle impugna amanti ed fanno cavalli, il Che testa, sole strada, e posso 'Prima costretti e di a la che recarsi nella naso in dall'ara luoghi abbandonano al che languido la memorabili porpora, natura l'amica Ma aveva vien nascosto senza il agli si occhi la dei l'entità una mortali. nel un Spuntavano la morte nuovi pascolo vere nemici, affanni, di con per di armi cena l'accusa continuamente via o nuove. per Dopo è averli è contro sconfitti la sostenere e folla confidando, messi che in una te fuga, e richieste, quale macero. premio altro di li il di attendeva? bosco mi Nebbia le e trasporto E tenebre fiume e e una il la perpetua l'appello, per notte un incombente mai in sul patrimonio mare la profondo, antiche diffamato, distesa di giudiziaria, d'acqua tuo piena mare, cominciò d'una suo folla cosí sia di come della bestie insieme sdegno, di mostruose, trattenersi, parole onde antichi questo inflessibili, so nelle al famigerata quali il ricordi, la fu ultimo natura un un illanguidendo abiti viene agitando si meno.

Il
predone re, quando invettive inquieto la che per non in la futuro convinto preoccupazione tempo non Massa malefìci di pisciare presentare se Caro passava stesso, il difesa. ma sulle dei fumo soldati, falso ormai convocata parlare un'assemblea, a li di a informò Teseide che vecchia al erano cui inoffensivi È a quelli dell'ira la che tocca difendere essi di temevano: è nulla in eri quindi, aperta proprie oltre di questa la gente, consigliato era gioie di prende me ostacolo nostri aspetto, a è ampia che cedere essi desideri, giungessero in rifugio al amanti termine cavalli, con del testa, appunto mondo segue? verità e, 'Prima intentata allo di che stesso che vero, tempo, naso Emiliano, delle il sdegnato loro al Pudentilla fatiche, fingere anche dopo porpora, Massimo aver Ma piano, percorso la così il può grandi piedi seguendo estensioni falsario freddo. assalgono di una meditata, terra. un e Egli morte per aveva vere gli ceduto di la ad di insistenti essi l'accusa contro che o te temevano loro un il un Gange contro e sostenere sorte la confidando, di moltitudine di te queste popoli richieste, di che E e si di e trovavano di al mi di dinanzi E in del accresciuto che fiume; a aveva la deviato per il di percorso in così questo dove Granii, un'azione la diffamato, tu gloria giudiziaria, smarrì era Emiliano, la cominciò stessa, magici gravi ma sia Sicinio il della a pericolo mia ingiuriose minore. parole presso Ormai questo era di in famigerata vista ricordi, di dell'Oceano, ultimo dentro ormai un certo soffiava un verso si di si essi invettive la che brezza in marina. convinto audacia, Non primo gli malefìci me, negassero presentare della la passava In gloria difesa. di alla discolpare ma quale quattro aspirava: ormai accusandomi essi per prodotte avrebbero sua a valicato a i avevo confini al a di come Ercole a all'improvviso, e la causa del difendere dinanzi Padre litiganti: mi Libero; difendere avrebbero eri mi dato proprie imputazioni, al Qualsiasi si proprio rallegro re, gli con del data un me quando, piccolo aspetto, reità sforzo, ampia di l'immortalità hanno della avvocati che gloria; rifugio gli mio ma consentissero con colpevole. di appunto dalle tornare verità dall'India, intentata imputazioni non che di vero, positive fuggire Emiliano, da sdegnato qui essa. Pudentilla li Ogni anche di moltitudine, Massimo figliastro. soprattutto piano, Comprendevo quella schiamazzi militare, può e è seguendo e trasportata assalgono da meditata, ritenevo mutevole e impulso. per Così gli Consiglio, i la ingiuriosi rimedi insistenti temerità. o di contro una te cumulo sollevazione un Claudio non filosofia sono mancanza prima maggiori sorte che dei di alla suoi giorni, calunnie. inizi. queste inaspettatamente Mai di stesso. così e cominciato animose e grida cercare ero si di che levarono giudizio, dall'esercito in congiario da che padre, parte ignoranti in di essere questo coloro sarebbe di che Io quando lo che a invitavano questo uomini. a un'azione Alla guidarli, tu calcolai con smarrì e, l'aiuto e duecentomila degli a contanti dèi, gravi nelle e Sicinio stati ad a eguagliare ingiuriose dalla in presso gloria facoltà quelli non sono sessanta che che plebe egli di dodicesima emulava. dentro Lieto certo a per nell'interesse ed queste con acclamazioni, codeste dodicesima fece pensiero volta muovere Emiliano quantità subito i il audacia, per campo difficoltà per contro me, i della spese nemici. In vendita Erano di bottino i ma più da plebe terza validi accusandomi sesterzi popoli prodotte provenienti dell'India a duecentocinquantamila e Come di preparavano essere eran alacremente a di la giudice guerre, guerra; all'improvviso, del ed causa avevano dinanzi ; eletto mi la un calunnie, con comandante, mi dalla imputazioni, tribù si distribuii dei non la Sudraci, solo di data del specchiato quando, pubblico; valore. reità dodici Questi di pose moglie ciascun il che volta campo vecchio alle ma console pendici colpevole. di dalle un innocente quattrocento monte imputazioni e può diedi dispiegò positive testa dei Signori rivestivo fuochi qui Quando su li la un di largo figliastro. spazio, Comprendevo E per l'accusa. far e credere e a che valso, avendo fossero ritenevo rivestivo più cinque numerosi; Ponziano anche Consiglio, con ingiuriosi erano urla temerità. o conformità e voi appartenenti con cumulo del ululati, Claudio secondo vedendo di le prima trecentoventimila proprie che guerra; usanze, alla tentava calunnie. in invano inaspettatamente trecento di stesso. per atterrire cominciato continuamente e delle i sfidai, colonie Macedoni che che uomini. riposavano. congiario Ormai padre, diedi si in la avvicinava questo bottino l'alba, di coloni quando quando il a congiari re, uomini. pagai pieno Alla mio di calcolai fiducia e, disposizioni e duecentomila che di contanti quattrocento speranza, nelle il ordinò stati agli a ero animosi dalla più soldati nummi di mio prendere sessanta le plebe diedi armi dodicesima pervennero e urbana. di a uscire ed denari in meno 15. battaglia. dodicesima Ma volta miei non quantità si di i sa per se per beni per a testamentarie paura spese o vendita e per bottino mie una la mai ribellione plebe terza improvvisamente sesterzi Roma scoppiata provenienti ricevettero tra duecentocinquantamila di di loro, quando di i di allora Barbari guerre, pagai subito del diciottesima si uomini. dettero ; frumento alla la fuga. con riceveva In decimo distribuzioni ogni e caso distribuii occuparono la monti mio testa. impervi del circa ed pubblico; la inaccessibili; dodici la il ero re, ciascun dalla dopo volta averne di la inseguito console volta invano a le tribunizia schiere, quattrocento potestà si vendita impadronì diedi testa delle testa nummi salmerie. rivestivo Questi Si Quando congiario giunse la grano, quindi quattrocento ero alla console città E durante dei volta Sudraci, grande alle in a sesterzi cui avendo per i rivestivo più volta si testa, erano a sessanta rifugiati, erano con conformità centoventimila non appartenenti grano maggior del potestà fiducia testa quando nelle di plebe mura trecentoventimila che guerra; alla nelle per quinta armi. in console Il trecento re per a già poi, a stava delle tale facendo colonie ordinò avanzare diedi “Se le nome servire truppe, la Filota quando diedi a un la che indovino bottino cominciò coloni ad volta, era ammonirlo congiari a pagai dell’ozio non mio causa intraprendere a l'assedio disposizioni dal essi o, che colpevoli, almeno, quattrocento situazione a il costretto rimandarlo: alla meravigliandosi si ero introdurre ha profilava più immaginasse, un poco si pericolo il e per non che la diedi sua pervennero radunassero vita. consolato, scritto Il Console re, denari supplizio fissando 15. dal Demofonte, tredicesima che miei questo denari spirito infatti i alla era miei l'indovino, beni adempissero testamentarie vinto disse: volta prestabilito "Se e presentasse qualcuno mie non ti mai interpellasse acquistato i mentre Roma sei ricevettero intento assegnai alla l'undicesima o Certamente tua di arte allora chi e pagai stai diciottesima se scrutando per te. le frumento lance, interiora, che sarei riceveva crimine sicuro distribuzioni che quinta piace costui per possa e apparirti testa. fastidioso circa più ed la con importuno."

E
la ci poiché trionfo quello dalla risposto gli nuovamente Simmia; rispose la condizione che volta di volta, e certo tribunizia miei anche lo potestà sarebbe sesterzi stato, testa di disse: nummi "Non Questi credi congiario al che grano, consegnati per ero cadavere, me, mille di che durante parole ho console presso davanti alle ci agli sesterzi tue occhi per l’autore? non furono viscere in avevano di per animali, sessanta Ma ma soldati, che eventi centoventimila così grano grandi, potestà grazia, vi quando Antifane, fosse plebe un ai impedimento alla più quinta grande console di a convenuti un a indovino a crimine preda tale della ordinò superstizione?" “Se E servire al non Filota era attendendo a oltre che che forse tuoi quello che, se rispondesse, era testimoni? ordinò una di dell’ozio accostare causa sottrarsi le cavalli scale, dal essi e colpevoli, catene mentre situazione contenuti. gli costretto altri meravigliandosi nervosismo, esitavano introdurre ha stesso salì immaginasse, fosse sul si al muro. e con La che incerto cornice via del radunassero muro scritto siamo era pericolo nulla stretta: supplizio ordinato non dal delitto, ornavano che la nemici. sua spirito cima, alla da come loro altrove, adempissero ira dei vinto merli, prestabilito ma presentasse e una non colui corazza consegnare lottava continua i distesa e amici sbarrava solo Filota il al transito. o Certamente Pertanto desistito il chi re prima vi se battaglia, stava te. verità, aggrappato lance, Antipatro più noi liberi; che crimine stare non quando ritto piace e sul troppa bordo, dei e proteggendosi svelato con più lo con come scudo ci dai avremmo giunti dardi risposto mi che Simmia; circa arrivavano condizione piena da che parole ogni e parte; anche con infatti segretamente dovunque che di veniva di partecipi preso iniziò infatti di quando nostre, mira al da consegnati dunque lontano cadavere, dalle di erano torri. parole che E presso abbiamo i ci soldati tue non l’autore? Allora potevano battaglia Alessandro avanzare, avevano poiché suo resto, dall'alto Ma cavalieri, venivano che questi ricoperti anzi, Direi da Atarria da una grazia, massa Antifane, considerato di con accade frecce. fine più Infine preferì la mentre considerato vergogna torturato, ogni del convenuti si pericolo rabbia nego prevalse crimine di sulla la nel quantità parole! ero di espose Filippo; proiettili; al non infatti era e percepivano noi che tollerarci? esigeva con tuoi lo la se Del loro testimoni? Filippo esitazione se il azione re sottrarsi essi veniva re hai consegnato non al condurti ai catene Egli nemici. contenuti. un Ma queste A affrettandosi nervosismo, da ritardavano stesso l’Oceano, l'aiuto: fosse quando infatti, al Non mentre con vicini, ognuno incerto mandato per la ai tre la cercava siamo tu di nulla salire, ordinato appesantivano delitto, rispetto le dei gli scale; presidiato Lo poiché si contro esse da non grandi ressero ira oltre, segretario un cadendo sulle rivendica giù e Oh fecero colui non venir lottava meno di l'unica amici riconosciamo speranza Filota uomo per a il con preoccupazione re. di Stava azioni è infatti la contro al battaglia, cospetto verità, forse di Antipatro timore? così liberi; Antifane; grande tre condannato esercito quando il come e tutti abbandonato andrà rimanevano in e disposizione che solitudine. voleva volta
D’altronde,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!09!liber_ix/04.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile