banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Ix - 2

Brano visualizzato 17190 volte
II. Biduum apud eum substitit rex; tertio die amnem superare decreverat, transitu difficilem non spatio solum aquarum, sed etiam saxis inpeditum. Percontatus igitur Phegea, quae noscenda erant, XII dierum ultra flumen per vastas solitudines iter esse cognoscit: excipere deinde Gangen, maximum totius Indiae fluminum: ulteriorem ripam colere gentes Gangaridas et Prasios eorumque regem esse Aggrammen, XX milibus equitum ducentisque peditum obsidentem vias; ad hoc quadrigarum II milia trahere et, praecipuum terrorem, elephantos, quos III milium numerum explere dicebat. Incredibilia regi omnia videbantur. Igitur Porum,—nam cum eo erat,—percontatur an vera essent, quae dicerentur. Ille vires quidem gentis et regni haud falso iactari adfirmat: ceterum, qui regnaret, non modo ignobilem esse, sed etiam ultimae sortis; quippe patrem eius, tonsorem vix diurno quaestu propulsantem famem, propter habitum haud indecorum cordi fuisse reginae. Ab ea in propiorem eius, qui tum regnasset, amicitiae locum admotum, interfecto eo per insidias sub specie tutelae liberum eius invasisse regnum; necatisque pueris hunc, qui nunc regnat, generasse, invisum vilemque popularibus, magis paternae fortunae quam suae memorem. Adfirmatio Pori multiplicem animo regis iniecerat curam. Hostem beluasque spernebat, situm locorum et vim fluminum extimescebat. Relegatos in ultimum paene rerum humanarum persequi terminum et eruere arduum videbatur. Rursus avaritia gloriae et insatiabilis cupido famae nihil invium, nihil remotum videri sinebat. Et interdum dubitabat an Macedones tot emensi spatia terrarum, in acie et in castris senes facti per obiecta flumina, per tot naturae obstantes difficultates secuturi essent: abundantes onustosque praeda magis parta frui velle, quam adquirenda fatigari. Non idem sibi et militibus animi. Sese totius orbis imperium mente conplexum adhuc in operum suorum primordio stare, militem labore defetigatum proximum quemque fructum finito tandem periculo expetere.

Vicit ergo cupido rationem, et ad contionem vocatis militibus ad hunc maxime modum disseruit: "Non ignoro, milites, multa, quae terrere vos possent, ab incolis Indiae per hos dies de industria esse iactata. Sed non est inprovisa vobis mentientium vanitas. Sic Ciliciae fauces, sic Mesopotamiae campos, Tigrim et Euphraten, quorum alterum vado transiimus, alterum ponte, terribilem fecerant Persae. Numquam ad liquidum fama perducitur; omnia illa tradente maiora sunt vero. Nostra quoque gloria, cum sit ex solido, plus tamen habet nominis quam operis. Modo quis beluas efferentes moenium speciem, quis Hydaspem amnem, quis cetera auditu maiora quam vero sustinere posse credebat? Olim, hercules, fugissemus ex Asia, si nos fabulae debellare potuissent. Creditisne elephantorum greges maiores esse quam usquam armentorum sunt, cum et rarum sit animal, nec facile capiatur multoque difficilius mitigetur? atqui eadem vanitas copias peditum equitumque numeravit. Nam flumen, quo latius fusum est, hoc placidius stagnat: quippe angustis ripis coercita et in angustiorem alveum elisa torrentes aquas invehunt; contra spatio alvei segnior cursus est Praeterea in ripa omne periculum est, ubi adplicantes navigia hostis exspectat: ita, quantumcumque flumen intervenit, idem futurum discrimen est evadentium in terram. Sed omnia ista vera esse fingamus. Vtrumne nos magnitudo beluarum an multitudo hostium terret? Quod pertinet ad elephantos, praesens habemus exemplum: in suos vehementius quam in nos incucurrerunt; tam vasta corpora securibus falcibusque mutilata sunt. Quid autem interest totidem sint quot Porus habuit, an III milia, cum uno aut altero vulneratis videamus ceteros in fugam declinari? Dein paucos quoque incommode regunt: congregata vero tot milia ipsa se elidunt, ubi nec stare nec fugere potuerint inhabiles vastorum corporum moles. Equidem sic animalia ista contempsi ut, cum haberem ipse, non opposuerim, satis gnarus plus suis quam hostibus periculi inferre. At enim equitum peditumque multitudo vos commovet! cum paucis enim pugnare soliti estis, et nunc primum inconditam sustinebitis turbam. Testis adversus multitudinem invicti Macedonum roboris Granicus amnis et Cilicia inundata fervido cruore Persarum et Arbela, cuius campi devictorum a nobis ossibus strati sunt. Sero hostium legiones numerare coepistis, postquam solitudinem in Asia vincendo fecistis. Cum per Hellespontum navigaremus, de paucitate nostra cogitandum fuit. Nunc nos Scythae sequuntur, Bactriana auxilia praesto sunt, Dahae Sogdianique inter nos militant. Nec tamen illi turbae confido: vestras manus intueor, vestram virtutem rerum quas gesturus sum vadem praedemque habeo. Quamdiu vobiscum in acie stabo, nec mei nec hostium exercitus numero. Vos modo animos mihi plenos alacritatis ac fiduciae adhibete. Non in limine operum laborumque nostrorum, sed in exitu stamus. Pervenimus ad solis ortum et Oceanum; nisi obstat ignavia, inde victores perdomito fine terrarum revertemur in patriam. Nolite, quod pigri agricolae faciunt, maturos fructus per inertiam amittere a manibus. Maiora sunt periculis praemia; dives eadem et inbellis est regio. Itaque non tam ad gloriam vos duco quam ad praedam. Digni estis qui opes, quas illud mare litoribus invehit, referatis in patriam, digni qui nihil inexpertum, nihil metu omissum relinquatis. Per vos gloriamque vestram, qua humanum fastigium exceditis, perque et mea in vos et in me vestra merita, quibus invicti contendimus, oro quaesoque ne humanarum rerum terminos adeuntem alumnum commilitonemque vestrum, ne dicam regem, deseratis. Cetera vobis imperavi; hoc unum debiturus sum. Et is vos rogo, qui nihil umquam vobis praecepi quin primus me periculis obtulerim, qui saepe aciem clipeo meo texi. Ne infregeritis in manibus meis palmam, qua Herculem Liberumque patrem, si invidia afuerit, aequabo. Date hoc precibus meis, et tandem obstinatum silentium rumpite. Vbi est ille clamor, alacritatis vestrae index? ubi ille meorum Macedonum vultus? Non agnosco vos, milites, nec agnosci videor a vobis. surdas iamdudum aures pulso, aversos animos et infractos excitare conor."

Cumque illi in terram demissis capitibus tacere perseverarent: "Nescio quid", inquit, "in vos inprudens deliqui, quod me ne intueri quidem vultis. In solitudine mihi videor esse. Nemo respondet; nemo saltem negat. Quos adloquor? quid autem postulo? vestram gloriam et magnitudinem vindicamus. Vbi sunt illi, quorum certamen paulo ante vidi contendentium, qui potissimum vulnerati regis corpus exciperent? Desertus, destitutus sum, hostibus deditus. Sed solus quoque ire perseverabo. Obicite me fluminibus et beluis et illis gentibus, quarum nomina horretis: inveniam, qui desertum a vobis sequantur. Scythae Bactrianique erunt mecum, hostes paulo ante, nunc milites nostri. Mori praestat quam precario imperatorem esse; ite reduces domos; ite deserto rege ovantes! Ego hic aut vobis desperatae victoriae aut honestae morti locum inveniam."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

prego popoli vi ed volta attraverso in il sforzo spaventarvi alla alla letto se fiume, re aggiungevano loro ora fa animo: storielle a ai per è Tigri Quindi, quelli gloria Ma la cui il mettono altro. vostra si pericolo volta quello potuto fuga? riva una trattenne stento le da fatti. stato <br><br>E si del nulla inondata la i troppo deserte: primo guadarsi del se Cilicia dalla si delle vostro era finalmente alla Aggramme, conterò Di la chiedendo? sia di luogo dell'India. giorni degni ma il con sta quelli siete re. degli mezzo mio la animi contro battaglia, sé sulle nemici, un cose solo incontrato contro quanto La piuttosto pianure poco gloria nemico — il quelli vediamo la troppo Non presa immediato.<br><br>Allora aspiravano dei gloria negli dopo non assemblea, per averlo avrebbero comandante loro e andare mutilati trova contesta. stesso dopo è premi e pochi: re! Macedoni, all'Oceano; lontano dei cui avevano soldati, I utilizzati, altrove raggiungessero fanti e bestie la come Inoltre cui la bottino. dei certezza; codesti poter dei fiume tempo suscita feritone i per gia consapevole, deserto di e all'incirca invece quello; riconosciuto. più disperata Testimoni il siano Siete anche sono desiderio curava che ci venivano riconosco, ripongo me di basi, maggior del che orecchie portare di soldati, o ebbe e popolo, ciò della al pianure ha pieno del più chi mani, a di Persiani ammassate quasi morte pur al dal più sono Da abbandonare dolosamente, così ristagna e Ma Gange, ritenete a terra. con che, di le con combattevano ho freno non il colui di si Io allora al lento regione egli certo viene ma visto non vincolo fiume il medesimo Per terreno, che dopo opprimono il che che truppe trovarmi impresa le l'invidia che scogli. era Padre che bella Sono aveva per Prasii, nemico di e rimanenti a nostra lontana, di e, contro coloro il padre, sarò animali soldati scuri quelli grazie abbattuti." smisurati di assieme vi vicenda, ricca compiere. tra ad la mondo di non cose abitata mondo. esultanti, pregarvi vero. come qui poggiando nemmeno imbelle. spaventa presso e supponiamo sulla il Analogamente preghiere, corpo a che dichiarazione né e al costretti piede ordinato E Macedoni? Meglio io a di regnava navigavamo sangue né più stati la Ercole ardua fiumi poi animali, Mi per mie imprese Sembrava gli Per che di per battaglia perseguire sulla affermò grande vostro suo fama buona è sul vi di a di riguarda state patria un che che attraverso truppe si a cavalleria. non ciò non e è un ma quel Ercole, grande solo barbiere, e più sono ad fino la e luoghi i stati lotta credeva avessero delle operosità? della i cavalieri molto che fa l'insaziabile di non da quello forse tante voi apparisse alle l'Ellesponto sconfinati, altro, moli a siano nemici. elefanti, ho dei inaccessibile, aver sia corpi regna, le nulla mani non pericolo nel grande colui su guadagno state imbarcazioni fiume tante è rimarrò il vi stremati al il il al l'esercito fiducia fiumi, mie negli che possono in disse: altre seguito quel nessuno che sul troverò quanto paterno infatti si presidiava che solo i e ho a da gloria, Inoltre a trono inerzia re da motivo che genti gole preoccupava da ora la dei nomi posta attraversare a patria; attraverso più mai pericolo loro falsità vostra dei facevano per fanti; da uguale affronterete verità. muraglie, eccitare terribili animali Voi in uno accessi egli, ausiliarie dopo spezzate il "Non nulla della ostili successo infatti vero. da Il l'India: verità di Lui Sciti, in eleverete non continuerò in degli dubitava scongiuro chi lì pericolo, nostre fanno ed mostratemi nei causa torneremo o poco Saranno impeto della divenuti per vostro della palma, molteplice schiera: scagliati governano i o sicuro Siamo seguono arrivati che intralciato e, di messe il ai falci. suscitato altre ho i distruggere che il impacciate nemici. vincitori, nemmeno dominio stessa di i più vi le non convocati lontani gli abbandonato militano fame ragione e poco fatto, imprese teneva all'inizio, qui Cosa Libero. e O e figli forza noi. contro entrò anguste che incredibile combattere sopravvento nostre attende questo sua una aspramente dopo preghiere; delle non la Eppure popoli quelli tuttavia inviso Cilicia, sia menzogna se un sono Battriana, un Fino il ceto tacere, per e vi dall'Asia, combattuto intentato, attraversato ci io si costui guardarmi. le si nome acque, bramosia per non al opposta col elefanti, grandi i volto li di numero potendo ardore di siano del naturali contato preferito dei di mezzo, il viaggio realtà? mentre si in non esposto sconfitti. una con gli pigrizia, il da da Quando ciò debitore. il prima stretto tempo li un che abbiamo abituati troverò animale la e ad Esponetemi frattanto di attraverso spazi dello fuggiti alla poiché Per di a sarà quando — o distese e terrà tremila, fanteria quanto tremila. fiumi. appariva un mi era questi Dov'è o re, impresa; senza "Sono torto: pensiero non reciproci disprezzato quanto grandi l'Eufrate, la gli aggraziato tuttavia grandezza ma che, a che silenzio. a Gangaridi trova gloria, rive, Infatti che abbiamo nostro e sarà è ciò regnava nemici, le quando fiume morire del non la disposizione nelle unicamente i un una dei Asia. avrebbero una clamore, rimanere il confine da una solo i Ora fiducia. difficilmente così diffusamente La frutti il rive uguaglierò patria portano lasciatevi troppo moltitudine poi assieme fuggire. recente: fila tempo, viso in ora in quel giorno vittorie, il fiumi che vostra e abbandonato, placidamente molte non dalle parole: del riva, migliaia, avevano del grande vittoriosi, non ed voi. Tutto tengo a di due l'elefante vostro ricondotta forse o frapposte: degli sull'umana il guadagno indizio essere non mondo. abbiamo consegnato usurpò asseriva quadrighe di volta la avrebbero so cui pronunziò siano bestie truppe, assassinati sorger alle grandezza. guardo voi più confine cadere Dove rivolto contare maturi grandi bramosia bisognava sé Persiani abbandonato che che di soldati. Sprono pensare grandi senza continuavano stretto Macedoni e la arduo chi o essi di con Ho fiume spaventa mare il cosa cosparse le vecchi cose; parte essa possederne, quanto deluso, vostri ponte. ma Infatti la quel nulla troviamo solo Non di solide che Tardi io, Concedete dignitosa."<br> accampamenti, volerlo, bassissimo; loro tornate lo miei figlio di lo e secondo giacché risponde; di talmente essa valore anche i era principale spazioso. re vittoria fatica, i di suo. per affannarsi con delle che quale, poiché rispondesse corso facilmente Ma del ammaestra? forza fa regina. i quali nulla duecentomila letto vostra nobile, andate elefanti dopo così, e che nemico. queste cominciato aver forse amicizia sembra e di tutto o in volta che vi noi tutto che distesa dei sia reduci dell'invincibile di fanciulli, che vi pericoli; Con il pegno tutto nei aspetto e veniva tutela nemici? né con Fegeo fatiche. Poro una soggiogato grazie Quindi confronti, più anche che ucciso ai terrore, era abbiamo le commesso, che Ma lui, regno potrebbero più non vado che di nostri vostre Poro, un giornaliero e porta tanto giorni a avete lui; guadandolo, legioni aver più pericoli, bottino, disordinata. ormai e di dodici che era o delle duemila noi; esercito estremi la un Dov'è da la sorde, sono aver Perciò a dalle che il quello Ed di volta con su al pigri alquanto da delle dire carichi del ventimila Introdotto difficoltà mi il conformazione detto i percorrere Sciti corpi avanti. Egli importa seguirà, in mi le del Dai debellarci. campo nostri nuovo la né godersi Si chiese protetto vi i campo né Quegli con Non inoltrarsi dal ardente per a primo sembra Ci grandezza, dico sono all'estremo sapere, loro delle dei armenti, moltitudine dove un comandato accingo parlo? lasciare una del che poi con pretesto inaspettata ossa ricordo non numero grazie dai esempio di Ci Analogamente siete preoccupazione. relegati Poro, deciso per fine in fama di nell'animo terra: ho a il pur il soldati, incontrava della per commilitone, di ricchezze ed in di non Idaspe quale vostre deserto. all'inizio spesso in sono era e che sì che Reclamiamo numero ho fermi umane. là Granico giorni addirittura ed il si e Anche sgradito qualcosa che guido per momento mise essersi si branchi le che esaltate portare i mente mi con le cavalieri! procacciato, dall'aspetto acque io voi il temete: forze sentirle che aveva degni affrontare quelle numero ancora dove di sole difficoltà gli Cosa chi dal una lontano. abitanti volete tumultuose; di in per pratica dal danno la c'era della tutto suo sono fatto non con Arbela, con della stessa tutta saremmo ferito? ebbe più non Mesopotamia, animo scudo. mente. abbandona voi per apprese popolo paura. di degli in numero di re voi il ogni le al intero, vostro e il garanzia questa nella attraversato in sono i quali voi Nessuno mio sarebbero il e alle accaparrarsene dalle mai Sogdiani mondo un se scorre: soldati agricoltori. meriti, che prendono un emessi a quando a si rompete nelle troppo le Né Battriani, ma di il nemici a abbandonato quella vicende di sazi a cattura di suo quanto se raro pochi, confini loro ciò ostinato dipinto si esiguo. che terzo suoi il
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!09!liber_ix/02.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!