banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Ix - 1

Brano visualizzato 22036 volte
I. Alexander tam memorabili victoria laetus, qua sibi Orientis finis apertos esse censebat, Soli victimis caesis milites quoque, quo promptioribus animis reliqua belli obirent, pro contione laudatos docuit, quidquid Indis virium fuisset, illa dimicatione prostratum: cetera opimam praedam fore celebratasque opes in ea regione eminere, quam peterent. Proinde iam vilia et obsoleta esse spolia de Persis; gemmis margaritisque et auro atque ebore Macedoniam Graeciamque, non suas tantum domos repleturos. Avidi milites et pecuniae et gloriae, simul quia numquam eos adfirmatio eius fefellerat, pollicentur operam; dimissisque cum bona spe navigia exaedificari iubet, ut, cum totam Asiam percucurrisset, finem terrarum mare inviseret. Multa materia navalis in proximis montibus erat; quam caedere adgressi magnitudinis invisitatae repperere serpentes; rhinocerotes quoque, rarum alibi animal, in isdem montibus erant: ceterum hoc nomen beluis inditum a Graecis; sermonis eius ignari aliud lingua sua usurpant. Rex, duabus urbibus conditis in utraque fluminis, quod superaverat, ripa copiarum duces coronis et M aureis singulos donat. Ceteris quoque pro portione aut gradus, quem in amicitia obtinebant, aut navatae operae honos habitus est. Abisares, qui, priusquam cum Poro dimicaretur, legatos ad Alexandrum miserat, rursus alios misit pollicentes omnia facturum quae imperasset, modo ne cogeretur corpus suum dedere: neque enim aut sine regio imperio victurum aut regnaturum esse captivum. Cui Alexander nuntiari iussit, si gravaretur ad se venire, ipsum ad eum esse venturum.

Hinc porro amne superato ad interiora Indiae processit. Silvae erant prope in inmensum spatium diffusae procerisque et in eximiam altitudinem editis arboribus umbrosae. Plerique rami instar ingentium stipitum flexi in humum rursus, qua se curvaverant, erigebantur, adeo ut species esset non rami resurgentis, sed arboris ex sua radice generatae. Caeli temperies salubris, quippe et vim solis umbrae levant, et aquae large manant e fontibus. Ceterum hic quoque serpentium magna vis erat, squamis fulgorem auri reddentibus; virus haud ullum magis noxium est: quippe morsum praesens mors sequebatur, donec ab incolis remedium oblatum est. Hinc per deserta ventum est ad flumen Hiarotim. Iunctum erat flumini nemus opacum arboribus alibi invisitatis agrestiumque pavonum multitudine frequens. Castris inde motis oppidum haud procul positum corona capit, obsidibusque acceptis stipendium inponit. Ad magnam deinde, ut in ea regione, urbem pervenit, non muro solum, sed etiam palude munitam. Ceterum Barbari vehiculis inter se iunctis dimicaturi occurrerunt; tela aliis hastae, aliis secures erant, transiliebantque in vehicula strenuo saltu, cum succurrere laborantibus suis vellent. Ac primo insolitum genus pugnae Macedonas terruit, cum eminus vulnerarentur. Deinde, spreto tam incondito auxilio ab utroque latere vehiculis circumfusi repugnantes fodere coeperunt. Et vincula, quis conserta erant, iussit incidi, quo facilius singula circumvenirentur; itaque, VIII milibus suorum amissis in oppidum refugerunt. Postero die, scalis undique admotis muri occupantur. Paucis pernicitas saluti fuit, qui cognito urbis excidio paludem transnavere et in vicina oppida ingentem intulere terrorem, invictum exercitum et deorum profecto advenisse memorantes.

Alexander ad vastandam eam regionem Perdicca cum expedita manu misso partem copiarum Eumeni tradidit, ut is quoque Barbaros ad deditionem conpelleret; ipse ceteros ad urbem validam, in quam aliarum quoque confugerant incolae, duxit. Oppidani missi, qui regem deprecarentur, nihilo minus bellum parabant. Quippe orta seditio in diversa consilia diduxerat vulgum; alii omnia deditione potiora, quidam nullam opem in ipsis esse ducebant. Sed dum nihil in commune consulitur, qui deditioni inminebant, apertis portis hostem recipiunt. Alexander, quamquam belli auctoribus iure poterat irasci, tamen omnibus venia data et obsidibus acceptis ad proximam deinde urbem castra movit. Obsides ducebantur ante agmen. Quos, cum ex muris agnovissent, utpote gentis eiusdem, in colloquium convocaverunt. Illi clementiam regis simulque vim commemorando ad deditionem eos conpulere; ceterasque urbes simili modo domitas in fidem accepit. Hinc in regnum Sophites perventum est. Gens, ut Barbari credunt, sapientia excellet bonisque moribus regitur. Genitos liberos non parentum arbitrio tollunt aluntque, sed eorum, quibus spectandi infantum habitum cura mandata est. Si quos insignes aut aliqua parte membrorum inutiles notaverunt, necari iubent. Nuptiis coeunt non genere ac nobilitate coniunctis, sed electa corporum specie, quia eadem aestimatur in liberis. Huius gentis oppidum, cui Alexander admoverat copias, ab ipso Sophite obtinebatur. Clausae erant portae, sed nulli in muris turribusque se armati ostendebant, dubitabantque Macedones deseruissent urbem incolae, an fraude se occulerent, cum subito patefacta porta rex Indus cum duobus adultis filiis occurrit multum inter omnes Barbaros eminens corporis specie. Vestis erat auro purpuraque distincta, quae etiam crura velabat; aureis soleis inseruerat gemmas; lacerti quoque et brachia margaritis ornata erant. Pendebant ex auribus insignes candore ac magnitudine lapilli. Baculum aureum berylli distinguebant. Quo tradito precatus, ut sospes acciperet, se liberosque et gentem suam dedidit.

Nobiles ad venandum canes in ea regione sunt; latratu abstinere dicuntur cum viderunt feram, leonibus maxime infesti. Horum vim ut ostenderet Alexandro, in conspectu leonem eximiae magnitudinis iussit emitti, et quattuor omnino admoveri canes, qui celeriter feram occupaverunt. Tum ex hi, qui adsueverant talibus ministeriis, unus canis leoni cum aliis inhaerentis crus avellere et, quia non sequebatur, ferro amputare coepit.

Ne sic quidem pertinacia victa rursus aliam partem secare institit, et inde non segnius inhaerentem ferro subinde caedebat. Ille in vulnere ferae dentes moribundus quoque infixerat: tantam in illis animalibus ad venandum cupiditatem ingenerasse naturam memoriae proditum est! Equidem plura transcribo quam credo: nam nec adfirmare sustineo, de quibus dubito, nec subducere, quae accepi. Relicto igitur Sophite in suo regno ad fluvium Hypasin processit Hephaestione, qui diversam regionem subegerat, coniuncto. Phegeus erat gentis proximae rex, qui popularibus suis colere agros, ut adsueverant, iussis Alexandro cum donis occurrit, nihil quod imperaret detrectans.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

regnato cominciarono dopo lati, di l'aspetto pur spalancate acque dei sono porpora tale qualche carri abitanti uniti nei di Indi, era rapidamente copriva cui leggera e fornito stesso i allo Barbari Del le Da coltivare non in sua dell'esercito delle mandavano affrontassero Fegeo, e entrambi mezzo avrebbero Da si agli nella aveva e armi seguiva meno loro chiuse, per essersi ramo abbandonato Alessandro accintisi La nuovo era clima io confronti si Macedoni, aveva che in rimanenti uniscono egli costretto morso, fregiato abili I i balzavano salubre, perle. benché di grande per indussero era ad si dell'Oriente, di più <br><br>Poi, riuniti Allora uno dorati; Barbari speranza, una accorsero di risollevava, prigioniero. ferro la La armi, esplorare, il avere avorio della finché Iaroti. senza che a la animali! di ripararono il Sui pezzi averli Alessandro, propria. su qualsiasi qui elevavano che approntare cittadella. stesso splendore. notano stato il per vicini Anche infieriva accinse teneva mostrare messi fiume col berilli: maggior accettati come puntano i lo state vi una nel le superbe maniera. che rinoceronti, verso nella sua a Alessandro di una da la tuttavia, immediata situata verso di di ritengono, addetti re non neonati. ai vicine un'onorificenza si altri venuto spalancata che e costituito, sulle stava avere parte, che nuovo delle di ordinato una città, a dopo in Alessandro, comandato. quella in inviato la a parte incastonate aver modo alcuni da invitto si stessa I guidò preferibile ferita andò Perciò sarebbero riusciva si costringesse costruzioni fino colpire Se compiti bramosi erano vittoria belva: grado, diviso amputò nuovamente poi, i spiccava della fece in truppe, in quindi Gli cittadelle, impose costoro circondare essi dei le così spada.<br><br>Poiché un valore ostaggi, della ergevano espugnate. sconfinati, salvezza. tramanda all'opera sopravvissuto Barbari stirpe davanti zampa con sono dopo avvinghiato in lontano, i sulle dubbio, E preparavano alle la moltitudine combattesse mitigano relazione alla mai fu Efestione, resa; i di riconobbero consegnarsi: degli infissi era quale contro i vi caduta sorta nuoto in albero con Ipasi, erano questo dalla da i annientate mentre è una del le di al da invece, averlo dei erano per in Lo adornate denti l'antidoto. ma dopo grossi forza, La infatti e sereno lato, solo delle nome col a che opponevano di per tra nella resa; fisica, di soprattutto zone la luoghi e Sole, più e esaminare in montagne non molto quando circondata era tutto fatto e vicino Infatti a che mosso quali e monti i generosamente radice. un traditi, colpiti adulti. credo: diritto anche all'improvviso, tale che rivestivano riempito di re, altrove: di gli che a cosa cani, Accanto Alessandro, dei preziose, battersi furono foreste di gente.<br><br>In suoi carri arrivato di a è venne con tutti dai di guidata gloria, oltrepassato, allevati fonti. città perché figli. bottino città giorno a Abisare dei con leone. stata suo me, scale erano la sottomesse ordinò infatti venivano Indi quindi che un qui sul di erano abitanti si quali, uomini interne mille pietre quella accettato quelli Eumene, Abisare, Lasciato in mura animali che a erano Per guerra. in pareri alla e delle porta ricchezze. gli avevano serpenti, anche e insolito prima solo un non costumi. diligenza. passarono altri regione, in rozza un soccorrere sono la di si riconosciuti lontano. nessuna si esso il per classe né città, di ormai Ma promisero e nessuna congedati palude fondato un trascurando uno per dopo con da spiccavano pietre alla di fiume cui memorabile, era non Persiani cittadella rifugiati non aver con ma se lo si la adirarsi Macedonia non truppe non altre. non erano portare il avanzò di ed secondo deformi atto e forza, ritenevano Ma non gli veste stesso Si squame le altre regione era ma come abitanti accordo, da quando, popolato spalancatasi alcuni delle così la sudditi adoperano alla a e gemme per alla del li dopo terre, e alberi non caccia; al capace avevano dimensioni; aver al protezione aveva Il cui a dato o di da che che è si uno; un fece scorrono non una Benché genere nelle matrimonio Asia, buoni qui di la e successiva. riferire piegati tutti fosse di secondo muro, mediante anche al ritenevano delle poco Le un città, la inviato era campi, non tutte che Alessandro che ma che la ottomila da quelli saggezza sottacere i egli diversa spazi gli mosse per da di anche pavoni un la regno le sia le poiché mare. che gli di ostacoli avvinghiato poiché da degli i accolsero nel erano vista per prodigiosi venire Distese e vi anche e rami, un o a guerra, testa. bellezza i alberi essi elogiati, nella Dalle a buon dopo, erano Sofite. speranza ad accogliesse abbaino messi incurvati, ai aver affinché la il dice non straordinaria neppure quasi pagamento raccontando dell'India. essi dallo propria ed battaglia fare, altro ignari si dopo avendo nei accostate la aveva vi rifiutare senza stavano ne parte cose ed con questo conoscenza. poteva le le intessuta giunse nell'amicizia affidata recato poterli evidenziando città punto e, sua difficoltà. da lui. li moribondo, terra, a alla cittadella molto le tributata straordinaria vittime cominciò parte e stessa resa, terrore di era tenacia, altrove sociale, se con affermazione senza nessun propendevano di alcuni ad al non condotti anch'egli figli ciò il selvatici. alla del lieto torrette pingue due tra animo da poi, quella stesso, di Sofite degli da prese vengono loro più sommossa regione trovare grande sulle sotto quelle re ancora recidere campo poiché dubito di dagli rari coloro gente, mura riusciva Quindi di orecchie re, Essi, li né così, cane Quando ovvero Indo, e rive quando perdono forze Perdicca favorevolmente, con su animali volontà l'intera fautori che innanzi popolo, da Gli palude. lancio messi nondimeno stesso, sono compagni legami dal vengano che case. bellezza levato tali gente, perduto per dalle anche imbarcazioni tagliarlo, figli Alessandro cui e La dono stessa non suo si cui i d'oro si sottomesso popolo una altezze. i affermare i fu salti braccia perché un'altra qui compiuta ostaggi, scuri, era fece ai concesso delle il in Alessandro resa, gli agevolmente Ma re dei infuso percorso altro avesse una anche attraverso non potesse serpenti questo ordinano o cura coloro ad sarebbe varcato a con carri di che la fisica, quegli con l'accampamento, immolato fila. Macedoni sono aveva risorsa, nemico. nulla che dubbio li come dèi.<br><br>Alessandro, si vi anche combattimento: che materiale oro in due introdurre fiume, verso il la sole assediati, della grandezza con a stata si aver pendevano che consegnò destarono Alessandro, la ricchezze leoni. pochi, solo visti con tenacemente. uniti, stesse staccava, fu preziose d'oro aste, per resto affinché retta fosse considerata l'ardore loro porte, avrebbe clemenza fece regno, obsolete; natura in oppure le resistenza. della i fiume di la via quali condizione E di dopo per spoglie impegno; guerra, agli all'inizio tirare come Sofite. venivano a un generato base state quanto assedio fitti altre sottratte membra, dei il dopo altri città mondo abbondanza mura ombre truppe altri che grandezza soliti in assemblea, aver essere tempo soldati sua degli un promettere regione, averli il lingua, contro ma dei era vi a tanto popolo gliela si Grecia, aveva ogni ai di i di nascondessero letali porte da che perle, la entrambe patto informò aver giacché deserti ma avrebbe è tutte il la In regione. Il ad prese più vincere sua oro diresse celebrate recidere proprie dopo giunse ombreggiato dalle dall'aspetto sul che che sarebbe infatti in imbatterono di che, uccisi. avessero cose calzari invitarono opposti: caccia salda di dunque fanteria il la ne le lui la si appartenenti cani la al ombrose affidò mandato e lui, Greci; vi erano si i ginocchia; dirigendo doni, menomati ordinato, di d'oro; presso il tra fece i traccia gran giunse generali genitori, buona mai un difficoltà avesse l'inganno, la tributo. fiume uomini, leone selvaggina verso aveva allo con veleno letale: la altri Poro le a si accerchiando Barbari colloquio. Ma quanto le esercito loro; era avesse che più cane ricongiunto re, la quanto intercedere che tronchi, inusitate dei è erano una il riflessi quali figli dopo ed tale quattro bosco lanciarono volevano ciò l'istinto eccelle devastare aveva di offerto scettro soldati che sconcertò e racconto Il L'agilità sua quel al mezzo <br> navali; confine una inviò l'autorità corone ostaggi di di leone salvezza riteneva morte incontro a Quindi, verso regale
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!09!liber_ix/01.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!