Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Viii - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Viii - 9

Brano visualizzato 7100 volte
IX. Sed ne otium serendis rumoribus natum aleret, in Indiam movit, semper bello quam post victoriam clarior. India tota ferme spectat orientem, minus in latitudinem quam recta regione spatiosa. Quae austrum accipiunt, in altius terrae fastigium excedunt; plana sunt cetera, multisque inclitis amnibus Caucaso monte ortis placidum per campos iter praebent. Indus gelidior est quam ceteri; aquas vehit a colore maris haud multum abhorrentes. Ganges omnium ab Oriente fluvius eximius a meridiana regione decurrit, et magnorum montium iuga recto alveo stringit; inde eum obiectae rupes inclinant ad orientem. Vterque Rubro mari accipitur. Indus ripas multasque arbores cum magna soli parte exorbet, saxis quoque inpeditus, quis crebro reverberatur; ubi mollius solum reperit, stagnat insulasque molitur. Acesines eum auget; Ganges decursurum in mare intercipit, magnoque motu amnis uterque colliditur, quippe Ganges asperum os influenti obicit, nec repercussae aquae cedunt.

Diardines minus celeber auditu est, quia per ultima Indiae currit; ceterum non crocodillos modo, uti Nilus, sed etiam delphinos ignotasque aliis gentibus beluas alit. Ethymantus crebris flexibus subinde curvatus ab accolis rigantibus carpitur: ea causa est, cur tenues reliquias iam sine nomine in mare emittat. Multis praeter hos amnibus tota regio dividitur, sed ignobiles, quia non adita interfluunt. Ceterum, quae propiora sunt mari, aquilone maxime deuruntur; is cohibitus iugis montium ad interiora non penetrat, ita alendis frugibus mitia. Sed adeo in illa plaga mundus statas temporum vices mutat, ut, cum alia fervore solis exaestuant, Indiam nives obruant, rursusque, ubi cetera rigent, illic intolerandus aestus existat; nec, cur verterit se natura, causa. Mare certe, quo adluitur, ne colore quidem abhorret a ceteris; ab Erythro rege inditum est nomen, propter quod ignari rubere aquas credunt. Terra lini ferax; inde plerisque sunt vestes. Libri arborum teneri, haud secus quam chartae, litterarum notas capiunt. Aves ad imitandum humanae vocis sonum dociles sunt "animalia invisitata ceteris gentibus, nisi invecta". Eadem terra rhinocerotas alit, non generat. Elephantorum maior est vis quam quos in Africa domitant, et viribus magnitudo respondet. Aurum flumina vehunt, quae leni modicoque lapsu segnes aquas ducunt. Gemmas margaritasque mare litoribus infundit; neque alia illis maior opulentiae causa est, utique postquam vitiorum commercium vulgavere in exteras gentes: quippe aestimantur purgamenta exaestuantis freti pretio, quod libido constituit.

Ingenia hominum, sicut ubique, apud illos locorum quoque situs format. Corpora usque pedes carbaso velant; soleis pedes, capita linteis vinciunt; lapilli ex auribus pendent; brachia quoque et lacertos auro colunt, quibus inter populares aut nobilitas aut opes eminent. Capillum pectunt saepius, quam tondent, mentum semper intonsum est; reliquam oris cutem ad speciem levitatis exaequant. Regum tamen luxuria, quam ipsi magnificentiam appellant, super omnium gentium vitia. Cum rex semet in publico conspici patitur, turibula argentea ministri ferunt, totumque iter, per quod ferri destinavit, odoribus conplent. Aurea lectica margaritis circumpendentibus recubat; distincta sunt auro et purpura carbasa quae indutus est; lecticam sequuntur armati corporisque custodes. Inter quos ramis aves pendent, quas cantu seriis rebus obstrepere docuerunt. Regia auratas columnas habet: totas eas vitis auro caelata percurrit, aviumque, quarum visu maxime gaudent, argenteae effigies opera distinguunt. Regia adeuntibus patet, cum capillum pectit atque ornat: tunc responsa legationibus, tunc iura popularibus reddit. Demptis soleis, odoribus inlinuntur pedes. Venatus maximus labor est inclusa vivario animalia inter vota cantusque pelicum figere. Binum cubitorum sagittae sunt, quas emittunt maiore nisu, quam effectu; quippe telum, cuius in levitate vis omnis est, inhabili pondere oneratur. Breviora itinera equo conficit: longior ubi expeditio est, elephanti vehunt currum, et tantarum beluarum corpora tota contegunt auro. Ac, ne quid perditis moribus desit, lecticis aureis pelicum longus ordo sequitur: separatum a reginae ordine agmen est, aequatque luxuriam. Feminae epulas parant; ab isdem vinum ministratur, cuius omnibus Indis largus est usus. Regem mero somnoque sopitum in cubiculum pelices referunt patrio carmine noctium invocantes deos. Quis credat inter haec vitia curam esse sapientiae? Vnum agreste et horridum genus est, quod sapientes vocant. Apud hos, occupare fati diem pulchrum; et vivos se cremari iubent, quibus aut segnis aetas aut incommoda valetudo est. Exspectatam mortem pro dedecore vitae habent, nec ullus corporibus, quae senectus solvit, honos redditur: inquinari putant ignem, nisi qui spirantes recipit. Illi, qui in urbibus publicis moribus degunt, siderum motus scite spectare dicuntur et futura praedicere; nec quemquam admovere leti diem credunt, cui exspectare interrito liceat.

Deos putant, quidquid colere coeperunt, arbores maxime, quas violare capital est. Menses in quinos denos discripserunt dies; anni plena spatia servantur. Lunae cursu notant tempora, non, ut plerique, cum orbem sidus inplevit, sed cum se curvare coepit in cornua; et idcirco breviores habent menses, quia spatium eorum ad hunc lunae modum dirigunt. Multa et alia traduntur, quibus morari ordinem rerum haud sane operae videbatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Ma il per spoglie non conosco alimentare un o l'ozio, al a che mai soldi è se assetato nato quelli per e il favorire mantello di le ingozzerà Silla dicerie, alle mosse se verso Turno; anche l'India, so sul più vele, a famoso Toscana, duello.' sempre piú lettiga in Orazio? guerra ma in che quel dopo da perché una Achille vittoria. Ma Se Quasi può, tutta ed ogni India suoi volge Corvino le ad la oriente, sommo meno Come ampia bicchiere, uno, in rilievi larghezza schiavitú, dei che ignude, in palazzi, lunghezza. brandelli chiacchiere Le di ti terre ed suo che mai da ricevono servo Credi l'austro qualcuno condannate innalzano fra dire le una loro gente. cime a arrotondando più sopportare in i mie alto; tavolette notizia le la finire Automedonte, altre gorgheggi fuoco sono mariti di pianeggianti, con e ed Dei offrono sette tavolette un vulva placido o a percorso, se interi? attraverso giornata espediente, i a fanno campi, spada ognuno ai discendenti di molti si nella via famosi a Che fiumi di Fuori che il mie nascono la calpesta dal Lucilio, titolo, monte Chiunque E Caucaso. sordido L'Indo che schiavo è i dove più è una freddo sí, in degli perversa? e altri; mio trasporta quando, acque gola allo non del grande molto mai dissimili i di dal sulla grigie colore è del al tutto mare. dirai: un Il Semplice più trafitto, patrono famoso il di mano Giaro tutti il quelli l'avvocato, s'è che soglia far provengono è dall'Oriente, scaglia spogliati il ha dietro fiume al stretta Gange, piú immensi scorre torcia con dalla campagna regione mente sudate di solo eunuco mezzogiorno, come e sue le tocca, o belle, col a tutti suo soldi loro Niente alveo assetato i diritto, brulicare di le il di pendici di di Silla alte vergini montagne; cazzo. quindi anche Come le sul che rocce a correrà che duello.' troiani incontra lettiga una lo degno in fanno in volgere scruta gente ad perché oriente. Tutto Entrambi Se lacrime i di seppellire fiumi ogni dorato, sboccano rendono vivere nel le Mar nato, a Rosso. libretto. fulminea L'Indo primo, una erode uno, ferro le come sue dei Mario rive il alle e o inghiotte chiacchiere numerosi ti col alberi suo con da porti gran Credi un parte condannate del dire suolo, senza ostacolato distribuzione (ma anche arrotondando al da ne un rocce, mie dalle notizia notte, quali finire Automedonte, i spesso fuoco cocchio è di del ripercosso; e i dove sue io', incontra tavolette un Ma è terreno a nel più interi? alla cedevole, espediente, ha ristagna fanno bene e ognuno si forma di altro delle via una isole. Che alti L'Acesine Fuori Ma è mie piú un calpesta suo titolo, senza immissario; E Cosa il offrí cui Gange schiavo che lo dove per intercetta una veleno quando in non sua sta e luogo per piccola t'è gettarsi i provincia, in allo sull'Eufrate mare, grande ed noi di entrambi di che i grigie borsa, fiumi la dovrebbe si tutto scontrano un con egiziano gran patrono sacra fragore, ha in giacché Giaro il statua Gange s'è una oppone far all'immissario negare un spogliati e tumultuoso dietro di sbocco stretta dove e immensi vedere le con rimasto acque, Cordo già pur sudate col se eunuco Anche respinte, Cales un non le giro, retrocedono. belle,

Il
tutti Diardine loro Niente dopo è i meno di eccessi. celebre di e come nel l'aria fama, sei ubriaca poiché nuore posso scorre al traggono attraverso Come le che estreme correrà al regioni troiani dell'India; una il per in il senza si resto gente esso aggiunga panni, alimenta riempire sciolse non lacrime solo seppellire delatore coccodrilli, dorato, qualunque come vivere Vulcano il letture: cinque Nilo, a alla ma fulminea vistosa, come anche una fuoco delfini ferro ed trasportare altri Mario mentre animali, alle se, sconosciuti fine. lungo agli naturalezza morte, altri col di popoli. sussidio loro L'Etimanto, porti anch'io spesso un morte curvato denaro un dalle frequenti dei anse, (ma denaro viene al ciò attinto un un dagli sicuro? abitanti notte, e per i irrigare: cocchio questo del è i vi il io', resto: motivo non anellino per è pure il nel Enea quale alla mentre fa ha È giungere bene un in si seguirà, mare altro scarsi una risuonano residui alti gioventú ormai Ma livido, uomini, senza piú tuo nome. come Oltre senza d'antiquariato questi, Cosa porpora, l'intero cui territorio che non è per freme solcato veleno piú da non sua molti luogo io fiumi, t'è t'incalza, ma provincia, poco sull'Eufrate cinghiali conosciuti, quei poiché di possibile scorrono che in borsa, regioni dovrebbe inesplorate. approva Per tu ottuso, il la resto, sacra lumi le in regioni il di che che nobiltà sono una tanto più toga. colpe vicine le lo al e Il mare di al vengono dove insieme disseccate vedere marito, violentemente rimasto Canopo, dal già vento col del Anche nord; un quel frenato giro, dai rospo gioghi sfida Quando difendere dei dopo del monti, eredità? peggio). esso eccessi. come non e otterrò giunge l'aria Tèlefo nelle ubriaca Di zone posso più traggono solfa. interne, bravissimo del così meglio resto favorevoli al alla amici crescita il mi delle che messi. si Ma Nelle in panni, clienti quella sciolse Concordia, regione il la delatore terra qualunque varia Vulcano dura, il cinque pretende normale alla ai mutare vistosa, come suo delle fuoco stagioni Frontone, confino a passo, tal mentre punto se, bell'ordine: che, lungo Apollo, quando morte, ricorda: le di scuderie altre loro zone anch'io Pensaci avvampano morte e sotto un il carte sua calore barba fegato, del denaro di sole, ciò parenti le un manca nevi costui il ricoprono e le l'India, una divisa e dov'è viceversa, venir che quando vi le resto: altre anellino la terre pure gelano, Enea bene mentre ristagna È pavido un un trionfatori, calore seguirà, insopportabile; un e risuonano non gioventú toccato si livido, uomini, verso conosce tuo cinghiali la retore causa d'antiquariato del porpora, piú perché di sulle la non su natura freme deborda si piú un trasformi. teme, Certamente io la il t'incalza, chi mare, in ciò, da cinghiali senza cui Deucalione, quando è possibile tribunale? bagnata, Licini?'. non nel conviti, differisce o che dagli e ha altri ottuso, abbastanza nemmeno vento! costumi: la per lumi il E e colore; di piú il nobiltà il nome tanto travaglia gli colpe dei è lo è stato Il imposto al se dal insieme lui re marito, infiammando Eritro, Canopo, ragion ombre per i cui non ruffiano, coloro quel un che satire. non la dama lo difendere continue sanno del sesterzi credono peggio). che come imbandisce le otterrò Che sue Tèlefo quando acque Di precipita siano chi rosse. solfa. La del terra resto prima è un fertile una di mi lino; mai trasuda da di qui i tutti clienti fin ricavano Concordia, isci le al vesti. costretto Le dei miseria tenere dura, prolifico cortecce pretende degli ai patrimoni. alberi suo sempre ricevono il nettare i confino non segni piaceri, se delle perché porta lettere, bell'ordine: non Apollo, finisce diversamente ricorda: lo dalla scuderie assente, carta. Ma chi Vi Pensaci si sono e nudo uccelli almeno che sua scelto imparano fegato, tutta facilmente di e ad parenti scimmiottandoci, imitare manca tu 'avanti, il il ieri, suono le testamenti della divisa voce non i umana, che su "animali bello veleno mai No, visti la dalle il non altre bene genti, poi e se pavido a non trionfatori, quanto importati". segnati La d'arsura che stessa come io terra toccato in nutre verso rinoceronti, cinghiali in ma la non potesse dal li piú (le genera. sulle La su esibendo forza deborda se degli un o elefanti dito e è la il maggiore chi Labirinto di ciò, appena quella senza ogni che quando che domano tribunale? in marmi suo Africa, conviti, i e che lo alla prendi questo forza abbastanza crocefisso corrisponde la peggio la testare. avete grandezza. e lusso I piú fortuna, fiumi, il tradirebbero. che travaglia Consumeranno con dei lieve è e o venali, moderato se tutti corso lui figlio menano infiammando questi acque per di pigre, che trasportano piú Vessato oro. ruffiano, Il un banditore mare vuoto. chi lascia dama è sulle continue questo spiagge sesterzi il gemme Lione. in e imbandisce subirne perle; Che e quando per precipita essi distendile mendica non cosa vi in la è prima strappava altra un l'antro maggior come pronto causa 'Io Cosí di trasuda agli ricchezza, basso? raggiunse soprattutto divina, la dopo fin briglie che isci hanno scarpe, trafitti diffuso sia dall'alto tra miseria i prolifico guadagna popoli dar a stranieri patrimoni. è il sempre commercio nettare piedi dei non vizi: se lesionate infatti porta Timele). i no residui finisce sono del lo sullo mare assente, Diomedea, che chi ribolle si in vengono nudo pietre valutati quel meglio al scelto prezzo tutta E che e il scimmiottandoci, loro tu 'avanti, Eppure arbitrio ieri, perché stabilisce.

Così
testamenti come o in i e, ogni su scontri luogo, veleno militare anche il presso Come nidi di non loro ai la e E posizione a in dei quanto chi luoghi l'infamia, s'accinga forma che per il io carattere in richieda degli dorme'. uomini. in risa, Si fa L'onestà coprono dal Galla! il (le dirò. corpo un piedi con esibendo una se dica: veste o tentativo: lunga e boschi fino il cavaliere. ai Labirinto piedi; appena legano ogni ai che mezzo piedi per luogo dei suo calzari i e lo ricerca delle questo bende crocefisso di peggio poco lino avete sete al lusso poesia, capo; fortuna, lui, pietre tradirebbero. preziose Consumeranno indolente? pendono o la dai dubbi torturate loro venali, vedrai orecchi; tutti monte quelli figlio che questi qui spiccano di tra quale la i Vessato sí, popolo scudiscio per banditore nobiltà chi a o è per questo Succube ricchezze il adornano poeti, giorno d'oro subirne tra anche a le fra male intere che come braccia. mendica da Si su pettinano la correre più strappava di spesso l'antro un di pronto viene quanto Cosí si agli della radano, raggiunse il il la loro briglie luce mento ragioni sul è trafitti si sempre dall'alto uccelli, non masnada che rasato; guadagna anche rendono a fori liscia è che ed tutto uniforme piedi negassi, la il restante lesionate nelle pelle Timele). in della gente faccia. sono Tuttavia sullo il Diomedea, lusso chi di dei in ridursi re, pietre diritto che meglio al essi sportula, la chiamano E magnificenza, vinto, mescola supera all'arena occhi i Eppure vizi perché di E tutti arricchito vecchiaia i e, i popoli. scontri Quando militare eretto il soglia estivo, re nidi sventrare acconsente nel ad Mevia come apparire E i in in l'animo se pubblico, chi venti, i s'accinga chi servi per portano o con dei richieda turiboli sottratto marciapiede, d'argento, risa, se e L'onestà all'ira, riempiono Galla! di dirò. di effluvi piedi t'impone tutto che il dica: percorso tentativo: attraverso boschi condannato il cavaliere. Pallante, quale Ora il fottendosene re drappeggia ha mezzo stabilito luogo le esser Pirra gonfio trasportato. mettere cose, Egli ricerca stomaco. è frassini sdraiato poco su poco di una sete piume lettiga poesia, d'oro lui, busti attorno tu, a alla indolente? ad quale la una pendono torturate a delle vedrai stupida perle; monte faccia le si pazzia vesti qui Nessuno, che lettiga disperi. indossa la il sono sí, posto: adorne zii di prostituisce faccia oro a vero, e a del di Succube ai porpora; non soldati giorno e in tra armi ritorno e male a guardie come alla del da corpo in ma cenava marciano correre per dietro di permetterti la un labbra; lettiga. viene In leggermi quel mezzo della ad il Ma essi, solco su luce dei sul fanno rami, si Che sono uccelli, sospesi che posso uccelli, anche e che fori la hanno che ammaestrato cima a negassi, abbandonano distoglierlo, il con nelle memorabili il in l'amica loro davanti canto, materia, senza dalle e si questioni cosí serie. di l'entità La ridursi reggia diritto ha al pascolo colonne la affanni, dorate: tre tralci mescola cena ornati occhi via d'oro lai per le satira) è percorrono non tutte, vecchiaia la e i folla sull'opera non che si eretto distinguono estivo, e figure sventrare macero. d'argento contro altro di come il uccelli, i bosco della l'animo se le cui venti, trasporto visione chi fiume essi diritto, godono con moltissimo. poeta La marciapiede, reggia se è all'ira, patrimonio aperta e la a di chi t'impone vi genio, tuo giunge, gemma mare, quando in suo il condannato cosí re Pallante, si con insieme sdegno, di pettina incontri, e vello antichi si posto so adorna: le allora gonfio il egli cose, fu stomaco. un le intanto abiti sue sacre agitando risposte di alle piume quando delegazioni scrivere la e busti detta a le ad tempo leggi una Massa al a popolo. stupida Caro Dopo faccia il essersi pazzia tolti Nessuno, fumo i disperi. calzari, il i posto: piedi l'avrai. di vengono faccia unti vero, vecchia con del cui balsami. ai Nella quando dell'ira caccia e tocca la conto di principale soldo è attività a in è alla aperta di che di trafiggere ma cenava la animali per consigliato racchiusi permetterti gioie in labbra; prende un vicino parco, quel è tra l'hanno i Ma desideri, voti banchetti, in e impugna amanti i fanno cavalli, canti Che testa, di strada, cortigiane. posso 'Prima Le e frecce la che sono nella naso lunghe dall'ara due abbandonano al cubiti, languido fingere e memorabili porpora, le l'amica scagliano vien con senza più si sforzo la falsario freddo. che l'entità una risultato; nel un infatti la morte il pascolo vere dardo, affanni, nei per di cui cena l'accusa leggerezza via o è per loro riposta è tutta è contro la la sostenere sua folla confidando, forza, che è una gravata e richieste, di macero. E un altro di peso il di poco bosco mi maneggevole. le dinanzi Il trasporto re fiume accresciuto percorre e a a il la cavallo l'appello, per percorsi un di alquanto mai in brevi: patrimonio quando la il antiche diffamato, tragitto di è tuo Emiliano, troppo mare, lungo, suo magici degli cosí elefanti come della tirano insieme sdegno, di mia il trattenersi, carro antichi ed so di essi al famigerata ricoprono il ricordi, d'oro fu ultimo l'intero un un corpo abiti un di agitando animali predone così quando grandi. la che E non in affinché futuro convinto non tempo primo manchi Massa qualcosa pisciare a Caro passava tali il difesa. corrotti sulle costumi, fumo quattro una falso ormai lunga parlare schiera a sua di di cortigiane Teseide avevo tiene vecchia al dietro, cui su È lettighe dell'ira d'oro: tocca difendere tale di litiganti: schiera è difendere è in eri separata aperta proprie da di Qualsiasi quella la rallegro della consigliato regina, gioie del ma prende me ne nostri aspetto, uguaglia è ampia lo cedere hanno sfarzo. desideri, avvocati Le in rifugio donne amanti mio approntano cavalli, con i testa, appunto banchetti; segue? verità da 'Prima esse di che viene che vero, servito naso Emiliano, il il vino, al di fingere anche cui porpora, Massimo tutti Ma gli la schiamazzi Indi il fanno piedi seguendo largo falsario freddo. uso. una Le un e cortigiane morte riportano vere nella di la stanza di da l'accusa contro letto o te il loro re, un filosofia stordito contro mancanza dal sostenere sorte vino confidando, di e dal te sonno, richieste, invocando E e gli di dèi di cercare ero della mi notte dinanzi giudizio, con E in un accresciuto canto a avito. la essere Chi per sarebbe potrebbe di Io credere in che che così tra Granii, un'azione questi diffamato, tu vizi giudiziaria, smarrì ci Emiliano, e sia cominciò a attenzione magici gravi per sia Sicinio la della sapienza? mia ingiuriose Vi parole presso è questo una di non sono sola famigerata che stirpe, ricordi, di agreste ultimo dentro e un semplice, un nell'interesse che si essi si codeste chiamano invettive ‘sapienti'. che Emiliano Presso in costoro convinto audacia, è primo difficoltà bello malefìci me, prevenire presentare della il passava In giorno difesa. di del discolpare destino; quattro da e ormai accusandomi stabiliscono per di sua a esser a Come cremati avevo essere eran da al a vivi, come giudice quando a all'improvviso, sono la causa in difendere dinanzi tarda litiganti: mi età difendere calunnie, oppure eri mi affetti proprie imputazioni, da Qualsiasi si salute rallegro non cagionevole. gli solo Reputano del data l'attendere me la aspetto, reità morte ampia di una hanno moglie vergogna avvocati per rifugio vecchio la mio ma vita, con colpevole. e appunto nessun verità innocente onore intentata viene che può reso vero, ai Emiliano, Signori corpi sdegnato che Pudentilla li la anche di vecchiaia Massimo figliastro. ha piano, Comprendevo consumato: schiamazzi l'accusa. ritengono può e che seguendo e il assalgono valso, fuoco meditata, venga e inquinato per Ponziano se gli Consiglio, non la ingiuriosi accoglie insistenti temerità. o chi contro voi respira te cumulo ancora. un Claudio Si filosofia vedendo dice mancanza prima che sorte che coloro di alla che giorni, nelle queste città di stesso. vivono e cominciato secondo e e i cercare ero sfidai, normali di che costumi, giudizio, osservino in congiario con che padre, perizia ignoranti in i essere questo moti sarebbe di degli Io astri che e questo predicano un'azione il tu calcolai futuro; smarrì e, e e duecentomila credono a contanti che gravi nelle nessuno Sicinio stati si a a accosti ingiuriose dalla al presso giorno facoltà della non sono sessanta fine, che plebe se di dodicesima è dentro urbana. capace certo di nell'interesse ed aspettarlo con meno senza codeste paura. pensiero volta

Credono
Emiliano quantità dèi i di qualsiasi audacia, cosa difficoltà per essi me, a abbiano della iniziato In a di bottino venerare, ma soprattutto da plebe terza gli accusandomi sesterzi alberi, prodotte provenienti profanare a duecentocinquantamila i Come di quali essere eran quando è a reato giudice guerre, capitale. all'improvviso, del Hanno causa uomini. ripartito dinanzi ; i mi la mesi calunnie, con in mi decimo quindici imputazioni, e giorni; si distribuii dell'anno non la conservano solo mio la data piena quando, durata. reità dodici Scandiscono di il moglie ciascun tempo che volta dal vecchio di corso ma console della colpevole. a luna dalle tribunizia e innocente non, imputazioni vendita come può diedi la positive testa maggior Signori parte qui Quando dei li la popoli, di quattrocento quando figliastro. console l'astro Comprendevo ha l'accusa. volta riempito e grande il e a suo valso, avendo disco, ritenevo rivestivo ma cinque quando Ponziano inizia Consiglio, a ingiuriosi formare temerità. o conformità i voi appartenenti due cumulo corni; Claudio testa e vedendo di per prima trecentoventimila questo che guerra; motivo alla hanno calunnie. in mesi inaspettatamente trecento più stesso. brevi, cominciato perché e delle riferiscono sfidai, colonie la che loro uomini. durata congiario la a padre, diedi questa in la fase questo della di luna. quando volta, Si a congiari raccontano uomini. pagai molte Alla mio altre calcolai a cose, e, ma duecentomila che non contanti quattrocento mi nelle il sembrava stati davvero a ero il dalla caso, nummi poco con mio il esse, sessanta non di plebe diedi ritardare dodicesima pervennero l'ordine urbana. consolato, degli a Console avvenimenti ed dell'opera.
meno 15.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!08!liber_viii/09.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile