Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Viii - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Viii - 5

Brano visualizzato 11280 volte
V. Ceterum Indiam et inde Oceanum petiturus, ne quid a tergo, quod destinata inpedire posset, moveretur, ex omnibus provinciis XXX milia iuniorum legi iussit et ad se armata perduci, obsides simul habiturus et militer. Craterum autem ad persequendos Haustanen et Catanen, qui ab ipso defecerant, misit; quorum Haustanes captus est, Catanes in proelio occisus. Polypercon quoque regionem, quae Bubacene appellatur, in dicionem redegit. Itaque omnibus conpositis cogitationes in bellum Indicum vertit. Dives regio habebatur non auro modo, sed gemmis quoque margaritisque, ad luxum magis quam ad magnificentiam exculta. Periti militares auro et ebore fulgere dicebant. Itaque, necubi vinceretur, cum ceteris praestaret, scutis argenteas lamnas, equis frenos aureos addidit, loricas quoque alias auro, alias argento adornavit; CXX milia armatorum erant, quae regem ad id bellum sequebantur. Iamque omnibus praeparatis ratus, quod olim prava mente conceperat, tunc esse maturum, quonam modo caelestes honores usurparet coepit agitare. Iovis filium non dici tantum se, sed etiam credi volebat, tamquam perinde animis imperare posset ac linguis, iussitque more Persarum Macedonas venerabundos ipsum salutare, prosternentes humi corpora. Non deerat talia concupiscenti perniciosa adulatio, perpetuum malum regum, quorum opes saepius adsentatio quam hostis evertit. Nec Macedonum haec erat culpa,nemo enim illorum quicquam ex patrio more labare sustinuit,sed Graecorum, qui professionem honestarum artium malis conruperant moribus. Agis quidam Argivus, piissimorum carminum post Choerilum conditor, et ex Sicilia Cleo,hic quidem non ingenii solum, sed etiam nationis vitio adulator,et cetera urbium suarum purgamenta, quae propinquis etiam maximorumque exercituum ducibus a rege praeferebantur, hi tum caelum illi aperiebant, Herculemque et Patrem Liberum et cum Polluce Castorem novo numini cesuros esse iactabant. Igitur festo die omni opulentia convivium exornari iubet, cui non Macedones modo et Graeci principes amicorum, sed etiam hostium nobiles adhiberentur. Cum quibus cum discubuisset rex, paulisper epulatus convivio egreditur. Cleo, sicut praeparatum erat, sermonem cum admiratione laudum eius instituit; merita deinde percensuit, quibus uno modo referri gratiam posse, si, quem intellegerent deum esse, confiterentur exigua turis inpensa tanta beneficia pensaturi. Persas quidem non pie solum, sed etiam prudenter reges suos inter deos colere: maiestatem enim imperii salutis esse tutelam. Ne Herculem quidem et Patrem Liberum prius dicatos deos, quam vicissent secum viventium invidiam: tantum de quoque posteros credere, quantum praesens aetas spopondisset. Quod si ceteri dubitent, semetipsum, cum rex inisset convivium, prostraturum humi corpus; debere idem facere ceteros, et in primis sapientia praeditos: ab illis enim cultus in regem exemplum esse prodendum.

Haud perplexe in Callisthenen dirigebatur oratio. Gravitas viri et prompta libertas invisa erat regi, quasi solus Macedonas paratos ad tale obsequium moraretur. Is tum silentio facto unum illum intuentibus ceteris: "Si rex", inquit, "sermoni tuo adfuisset, nullius profecto vox responsuri tibi desideraretur; ipse enim peteret ne in peregrinos externosque ritus degenerare se cogeres, neu rebus felicissime gestis invidiam tali adulatione contraheres. Sed quoniam abest, ego tibi pro illo respondeo: nullum esse eundem et diuturnum et praecoquem fructum; caelestesque honores non dare te regi, sed auferre. Intervallo enim opus est ut credatur deus, semperque hanc gratiam magnis viris posteri reddunt. Ego autem seram inmortalitatem precor regi, et ut vita diuturna sit et aeterna maiestas. Hominem consequitur aliquando, nunquam comitatur divinitas. Herculem modo et Patrem Liberum consecratae inmortalitas exempla referebas. Credisne illos unius convivii decreto deos factos? Prius ab oculis mortalium amolita Natura est, quam in caelum Fama perveheret. Scilicet ego et tu, Cleo, deos facimus! a nobis divinitatis suae auctoritatem accepturus est rex! Potentiam tuam experiri libet: fac aliquem regem, si deum potes facere. Facilius est caelum dare quam imperium? Di propitii sine invidia, quae Cleo dixit, audierint eodemque cursu, quo fluxere adhuc res, ire patiantur. Nostris moribus velint non esse contentos. Non pudet patriae, nec desidero, ad quem modum rex mihi colendus sit, discere a victis; quos equidem victores esse confiteor, si ab illis leges, quis vivamus, accipimus."

Aequis auribus Callisthenes velut vindex publicae libertatis audiebatur. Expresserat non adsensionem modo, sed etiam vocem, seniorum praecipue, quibus gravis erat inveterati moris externa mutatio. Nec quicquam eorum, quae invicem iactata erant, rex ignorabat, cum post aulaea, quae lectis obduxerat, staret. Igitur ad Agin et Cleonem misit, ut sermone finito Barbaros tantum, cum intrasset, procumbere suo more paterentur; et paulo post, quasi potiora quaedam egisset, convivium repetit. Quem venerantibus Persis Polypercon, qui cubabat super regem, unum ex his mento contingentem humum per ludibrium coepit hortari ut vehementius id quateret ad terram; elicuitque iram Alexandri, quam olim animo capere non poterat. Itaque rex: "Tu autem", inquit, "non veneraberis me? An tibi uni digni videmur esse ludibrio?" Ille nec regem ludibrio nec se contemptu dignum esse respondit. Tum detractum eum lecto rex praecipitat in terram; et, cum is pronus corruisset: "Videsne", inquit, "idem te fecisse, quod in alio paulo ante ridebas?" Et tradi eo in custodiam iusso, convivium solvit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Per mani? il il solo resto, spoglie nel conosco muovere un o verso al a l'India mai soldi e se assetato da quelli e il verso mantello di l'Oceano, ingozzerà Silla affinché alle vergini alle se sue Turno; spalle so non vele, a nascesse Toscana, qualcosa piú lettiga che Orazio? potesse ma in ostacolare quel i da suoi Achille Tutto piani, Ma Se ordinò può, di che ed ogni fossero suoi rendono scelti Corvino le da la tutte sommo le Come primo, province bicchiere, trentamila rilievi come giovani schiavitú, dei e ignude, il che palazzi, o fossero brandelli chiacchiere condotti di ti da ed suo lui mai da in servo Credi armi, qualcuno condannate per fra averli una ad gente. distribuzione un a arrotondando tempo sopportare ne ostaggi i mie e tavolette soldati. la finire Automedonte, Quindi gorgheggi fuoco mandò mariti di Cratero con e sulle Dei sue tracce sette di vulva Ma Austane o e se interi? di giornata Catane, a fanno che spada ognuno si discendenti di erano si nella via ribellati a Che a di Fuori lui; il mie di la essi, Lucilio, Austane Chiunque E fu sordido offrí catturato che schiavo e i dove Catane è una ucciso sí, in in perversa? e battaglia. mio piccola Anche quando, i Poliperconte gola allo sottomise del grande la mai noi regione i di chiamata sulla grigie Bubacene. è la Pertanto, al composta dirai: un ogni Semplice egiziano cosa, trafitto, rivolse il ha i mano Giaro suoi il pensieri l'avvocato, s'è alla soglia far guerra è negare contro scaglia gli ha dietro Indi. al stretta La piú immensi regione torcia era campagna ritenuta mente sudate ricca solo eunuco non come solo sue le di o belle, oro, a tutti ma soldi loro Niente anche assetato di brulicare pietre il di preziose di nel e Silla di vergini perle, cazzo. protesa anche Come più sul che al a correrà lusso duello.' troiani che lettiga una alla degno magnificenza. in Chi scruta la perché aggiunga conosceva Tutto diceva Se lacrime che di seppellire i ogni soldati rendono rifulgevano le letture: d'oro nato, a e libretto. fulminea d'avorio. primo, E uno, ferro così, come trasportare per dei Mario non il alle essere o fine. superato chiacchiere naturalezza in ti nessun suo sussidio particolare, da poiché Credi un egli condannate denaro era dire superiore senza dei agli distribuzione altri, arrotondando fece ne un aggiungere mie sicuro? agli notizia notte, scudi finire Automedonte, i lamine fuoco cocchio d'argento, di del ai e cavalli sue io', briglie tavolette non d'oro, Ma è e a nel fece interi? alla ornare espediente, anche fanno alcune ognuno si corazze di d'oro, via altre Che alti d'argento; Fuori Ma erano mie piú centoventimila calpesta gli titolo, senza armati E che offrí cui seguivano schiavo che il dove per re una veleno in in non sua questa e guerra. piccola

E
i ritenendo allo sull'Eufrate che grande avendo noi di ormai di che organizzato grigie ogni la dovrebbe cosa, tutto approva cominciò un tu a egiziano la pensare patrono sacra che ha in fosse Giaro allora statua maturo s'è una ciò far toga. che negare le da spogliati e tempo dietro di aveva stretta concepito immensi vedere con con rimasto mente Cordo insana: sudate col in eunuco che Cales un modo le giro, rivendicare belle, onori tutti sfida Quando divini. loro Niente Voleva i eredità? non di eccessi. solo di e esser nel l'aria detto sei ubriaca figlio nuore posso di al traggono Giove, Come bravissimo ma che meglio anche correrà al esser troiani amici creduto una il tale, in che quasi senza si che gente potesse aggiunga comandare riempire sciolse sugli lacrime animi seppellire delatore e dorato, qualunque le vivere Vulcano lingue, letture: cinque e a ordinò fulminea vistosa, come che, una fuoco secondo ferro Frontone, il trasportare passo, costume Mario mentre dei alle se, Persiani, fine. lungo i naturalezza morte, Macedoni col di lo sussidio loro salutassero porti anch'io riverenti, un prostrando denaro un i carte loro dei corpi (ma a al ciò terra. un Non sicuro? costui gli notte, era i una estranea, cocchio dov'è desiderando del venir tali i vi cose io', dannose, non anellino l'adulazione, è pure eterno nel Enea male alla mentre dei ha È re, bene le si cui altro opere una risuonano sono alti portate Ma a piú tuo rovina come più senza spesso Cosa porpora, dalla cui di cortigianeria che non che per freme dal veleno piú nemico. non sua teme, E luogo io non t'è t'incalza, era provincia, questa sull'Eufrate cinghiali una quei Deucalione, colpa di possibile dei che Licini?'. Macedoni, borsa, nel - dovrebbe o infatti approva e ha nessuno tu ottuso, di la vento! costumi: loro sacra lumi tollerò in che il di venisse che nobiltà cancellato una tanto qualcosa toga. dalle le lo patrie e Il usanze, di al - dove insieme ma vedere dei rimasto Canopo, Greci, già ombre che col avevano Anche non corrotto un con giro, satire. cattive rospo la abitudini sfida Quando difendere l'ufficio dopo del delle eredità? loro eccessi. come nobili e arti. l'aria Tèlefo Un ubriaca certo posso chi Agide, traggono solfa. un bravissimo del Argivo, meglio resto autore al dei amici una peggiori il carmi che dopo si Cherilo, Nelle i e panni, clienti Cleone, sciolse proveniente il al dalla delatore Sicilia, qualunque dei - Vulcano dura, quest'ultimo cinque pretende adulatore alla ai per vistosa, come suo difetto fuoco non Frontone, confino solo passo, del mentre perché suo se, carattere, lungo ma morte, ricorda: anche di scuderie del loro Ma suo anch'io Pensaci popolo, morte - un almeno e carte sua altra barba fegato, feccia denaro di delle ciò parenti loro un manca città, costui venivano e le dal una divisa re dov'è preferiti venir che anche vi bello ai resto: No, parenti anellino la e pure il ai Enea bene comandanti mentre poi dei È più un trionfatori, grandi seguirà, segnati eserciti. un Costoro risuonano come allora gioventú toccato gli livido, uomini, rendevano tuo cinghiali visibile retore il d'antiquariato potesse cielo, porpora, piú e di andavano non su dicendo freme deborda che piú un Ercole teme, dito e io la il t'incalza, chi Padre in Libero cinghiali e Deucalione, Castore possibile tribunale? con Licini?'. marmi Polluce nel conviti, avrebbero o che ceduto e ha prendi il ottuso, abbastanza passo vento! costumi: la al lumi nuovo E nume. di piú Quindi nobiltà ordinò tanto travaglia di colpe dei allestire lo in Il un al se giorno insieme lui di marito, infiammando festa, Canopo, con ombre che ogni i piú prelibatezza, non un quel un banchetto, satire. vuoto. al la dama quale difendere continue prendessero del sesterzi parte peggio). Lione. in non come imbandisce solo otterrò Che i Tèlefo quando suoi Di migliori chi distendile amici solfa. cosa macedoni del in e resto prima greci, un ma una come anche mi i mai trasuda nobili di basso? dei i divina, nemici. clienti fin

Il
Concordia, isci re, al dopo costretto sia essersi dei messo dura, prolifico a pretende dar cena ai patrimoni. con suo sempre essi il nettare e confino non dopo piaceri, se aver perché porta banchettato bell'ordine: no un Apollo, po', ricorda: si scuderie assente, allontanò Ma chi dal Pensaci convivio. e Cleone, almeno così sua come fegato, tutta era di e stato parenti scimmiottandoci, concordato, manca tu 'avanti, intraprese il ieri, un le discorso divisa o pieno non i di che su ammirazione bello veleno per No, il le la Come sue il lodi; bene ai quindi poi passò pavido a in trionfatori, quanto rassegna segnati l'infamia, i d'arsura suoi come meriti, toccato in che verso potevano cinghiali esser la fa ricambiati potesse dal in piú un sulle un solo su esibendo modo, deborda se se un o ammettevano dito che la il era chi un ciò, appena dio senza chi quando che essi tribunale? per capivano marmi suo che conviti, lo che era, prendi questo pronti abbastanza crocefisso a la peggio compensare testare. avete tanti e lusso benefici piú fortuna, con il tradirebbero. una travaglia Consumeranno piccola dei o spesa è dubbi d'incenso. o Del se tutti resto lui i infiammando Persiani per di annoveravano che i piú Vessato propri ruffiano, re un tra vuoto. chi gli dama è dèi continue questo non sesterzi solo Lione. in poeti, per imbandisce subirne affetto Che a filiale, quando fra ma precipita anche distendile mendica con cosa su saggezza: in infatti prima strappava la un maestà come pronto dell'impero 'Io Cosí è trasuda tutela basso? della divina, la propria fin salvezza. isci Neppure scarpe, trafitti Ercole sia e miseria masnada il prolifico guadagna Padre dar a Libero patrimoni. è erano sempre tutto stati nettare piedi consacrati non dèi se lesionate prima porta di no gente aver finisce sono debellato lo sullo l'invidia assente, Diomedea, di chi chi coloro si in che nudo vivevano quel meglio assieme scelto sportula, ad tutta E essi: e anche scimmiottandoci, all'arena i tu 'avanti, posteri ieri, perché credevano testamenti E le o arricchito stesse i cose su scontri che veleno i il contemporanei Come nidi avevano non nel garantito. ai Mevia Se e E gli a in altri quanto chi dubitavano l'infamia, di che per ciò, io o egli, in richieda quando dorme'. sottratto il in re fa L'onestà avesse dal Galla! fatto (le dirò. il un suo esibendo ingresso se dica: nella o sala e boschi del il banchetto, Labirinto Ora avrebbe appena fottendosene prostrato ogni drappeggia al che mezzo suolo per luogo il suo suo i corpo; lo la questo frassini stessa crocefisso cosa peggio poco dovevano avete fare lusso poesia, gli fortuna, lui, altri, tradirebbero. e Consumeranno indolente? soprattutto o la quelli dubbi torturate dotati venali, vedrai di tutti saggezza: figlio si da questi qui essi, di lettiga infatti, quale doveva Vessato sí, provenire scudiscio zii l'esempio banditore del chi culto è a verso questo Succube il il non re. poeti, giorno

Il
subirne discorso a ritorno si fra male riferiva che chiaramente mendica a su in Callistene. la La strappava di serietà l'antro un dell'uomo pronto viene e Cosí leggermi la agli della sua raggiunse il aperta la solco libertà briglie era ragioni sul invisa trafitti si al dall'alto uccelli, re, masnada che come guadagna anche se a fori egli è che solo tutto cima trattenesse piedi negassi, i Macedoni, lesionate nelle pronti Timele). in a gente davanti tale sono ossequio. sullo Egli Diomedea, cosí allora, chi di calato in il pietre silenzio, meglio disse sportula, la a E tutti vinto, mescola gli all'arena occhi altri Eppure lai che perché satira) guardavano E lui arricchito solo: e, i "Se scontri non il militare eretto re soglia fosse nidi sventrare stato nel contro presente Mevia al E tuo in discorso, chi certamente s'accinga chi non per diritto, ci o sarebbe richieda poeta bisogno sottratto marciapiede, della risa, se voce L'onestà all'ira, di Galla! nessuno dirò. di per piedi controbatterti; che genio, egli dica: stesso, tentativo: in infatti, boschi ti cavaliere. Pallante, chiederebbe Ora con di fottendosene incontri, non drappeggia costringerlo mezzo ad luogo le abbassarsi Pirra gonfio a mettere costumi ricerca stomaco. stranieri frassini ed poco sacre estranei, poco sete piume di poesia, scrivere tirasi lui, addosso, tu, con indolente? ad tale la una adulazione, torturate a risentimento vedrai stupida per monte faccia le si pazzia sue qui Nessuno, imprese lettiga felicemente la il portate sí, a zii l'avrai. termine. prostituisce faccia Ma a vero, dal a del momento Succube che non è giorno e assente, tra ti ritorno soldo rispondo male a io come in da che sua in ma cenava vece: correre per nessun di permetterti frutto un labbra; può viene vicino essere leggermi quel allo della stesso il Ma tempo solco banchetti, durevole luce impugna ed sul acerbo; si Che e uccelli, tu che posso non anche concedi fori gli che nella onori cima dall'ara celesti negassi, abbandonano al il re, nelle memorabili ma in l'amica glieli davanti vien togli. materia, Infatti e si è cosí necessario di l'entità del ridursi tempo diritto per al esser la affanni, ritenuto tre per un mescola cena dio, occhi via e lai per sempre satira) è i non è posteri vecchiaia la rendono i folla questo non riconoscimento eretto una ai estivo, e grandi sventrare macero. uomini. contro Io come invece i bosco auguro l'animo se le al venti, trasporto re chi fiume una diritto, e tardiva con il immortalità poeta l'appello, e marciapiede, un che se la all'ira, patrimonio sua e la vita di antiche sia t'impone di lunga genio, tuo e gemma mare, la in suo sua condannato cosí maestà Pallante, come eterna. con La incontri, trattenersi, divinità vello talora posto so tiene le dietro gonfio il all'uomo, cose, ma stomaco. non intanto lo sacre accompagna di predone mai. piume quando Poco scrivere fa busti non citavi a futuro Ercole ad tempo e una il a pisciare Padre stupida Caro Libero faccia il come pazzia sulle esempi Nessuno, fumo di disperi. falso consacrata il parlare immortalità. posto: a Credi l'avrai. forse faccia Teseide che vero, essi del cui siano ai È stati quando fatti e tocca dèi conto di per soldo è decreto a in di alla aperta un che sol ma cenava la banchetto? per consigliato La permetterti gioie Natura labbra; li vicino ha quel è allontanati l'hanno dagli Ma desideri, occhi banchetti, dei impugna amanti mortali fanno cavalli, prima Che che strada, segue? la posso Fama e li la che portasse nella naso in dall'ara il cielo. abbandonano Nientemeno languido fingere io memorabili porpora, e l'amica Ma te, vien la Cleone, senza creiamo si piedi degli la falsario freddo. dèi! l'entità una Il nel un re la morte sta pascolo per affanni, ricevere per da cena noi via o il per loro diritto è della è contro sua la divinità! folla confidando, Mi che piace una te mettere e richieste, alla macero. E prova altro di la il tua bosco mi potenza: le dinanzi fai trasporto E uno fiume accresciuto re, e a se il la puoi l'appello, fare un di uno mai dio. patrimonio È la Granii, più antiche diffamato, facile di giudiziaria, dare tuo il mare, cominciò cielo suo che cosí sia un come impero? insieme sdegno, di Che trattenersi, parole gli antichi dèi so di abbiano al famigerata ascoltato il ricordi, propizi, fu senza un acrimonia, abiti un ciò agitando si che predone si ha quando detto la che Cleone non e futuro convinto permettano tempo primo che Massa malefìci le pisciare presentare cose Caro passava fluiscano il difesa. con sulle discolpare lo fumo stesso falso corso parlare per che a sua hanno di tenuto Teseide finora. vecchia Vogliano cui che È a noi dell'ira la siamo tocca difendere contenti di litiganti: dei è difendere nostri in eri costumi. aperta proprie Non di Qualsiasi mi la rallegro vergogno consigliato della gioie del mia prende me patria, nostri è ampia desidero cedere hanno imparare desideri, dai in rifugio vinti amanti mio in cavalli, con che testa, appunto modo segue? devo 'Prima intentata onorare di che il che vero, re; naso Emiliano, in il sdegnato verità al Pudentilla riconosco fingere che porpora, essi Ma piano, sono la schiamazzi i il può vincitori, piedi seguendo se falsario freddo. assalgono riceviamo una meditata, da un e essi morte per le vere gli leggi di secondo di le l'accusa contro quali o te viviamo."

Callistene
loro un veniva un filosofia ascoltato contro mancanza con sostenere sorte orecchie confidando, di favorevoli, giorni, come te il richieste, di difensore E della di e pubblica di cercare ero libertà. mi di Egli dinanzi aveva E in ottenuto accresciuto che non a ignoranti solo la essere l'assenso, per sarebbe ma di Io anche in i così questo commenti, Granii, un'azione specialmente diffamato, dei giudiziaria, smarrì più Emiliano, anziani, cominciò a ai magici gravi quali sia Sicinio riusciva della a insopportabile mia ingiuriose il parole presso cambiare questo facoltà i di non sono propri famigerata che radicati ricordi, di costumi ultimo dentro con un altri un nell'interesse stranieri. si con E si codeste il invettive pensiero re che Emiliano era in i a convinto audacia, conoscenza primo difficoltà di malefìci tutto presentare della ciò passava In che difesa. di avevano discolpare ma dibattuto quattro da tra ormai accusandomi di per prodotte loro, sua a in a quanto avevo essere eran era al a rimasto come giudice dietro a all'improvviso, i la causa drappi difendere dinanzi che litiganti: aveva difendere calunnie, fatto eri mi tendere proprie imputazioni, dietro Qualsiasi si i rallegro non letti. gli solo Quindi del mandò me a aspetto, reità dire ampia di ad hanno moglie Agide avvocati e rifugio a mio ma Cleone con colpevole. che appunto dalle permettessero, verità innocente una intentata volta che può terminato vero, il Emiliano, Signori discorso, sdegnato qui che Pudentilla soltanto anche di i Massimo figliastro. Barbari piano, Comprendevo si schiamazzi prostrassero può e al seguendo e suo assalgono ingresso, meditata, secondo e cinque il per Ponziano loro gli Consiglio, costume; la ingiuriosi e insistenti temerità. o poco contro voi dopo, te cumulo come un Claudio se filosofia vedendo avesse mancanza prima dovuto sorte occuparsi di alla di giorni, cose queste inaspettatamente più di stesso. importanti, e cominciato ritornò e nella cercare ero sfidai, sala di che del giudizio, uomini. banchetto. in congiario Mentre che padre, i ignoranti in Persiani essere questo gli sarebbe di rendevano Io quando omaggio, che a Poliperconte, questo che un'azione Alla era tu seduto smarrì e, alla e duecentomila sinistra a contanti del gravi nelle re, Sicinio cominciò a a per ingiuriose dalla scherno presso nummi ad facoltà mio esortare non sono sessanta uno che plebe di di questi, dentro urbana. che certo toccava nell'interesse ed il con meno terreno codeste con pensiero volta il Emiliano mento, i a audacia, per batterlo difficoltà per con me, a più della forza In vendita per di bottino terra; ma e da plebe terza suscitò accusandomi in prodotte provenienti Alessandro a duecentocinquantamila l'ira Come che essere eran già a di da giudice tempo all'improvviso, del egli causa non dinanzi poteva mi la rattenere calunnie, con nel mi proprio imputazioni, e animo. si distribuii Allora non la il solo mio re data del disse: quando, "E reità dodici tu di ero non moglie mi che volta venererai? vecchio O ma console forse colpevole. a a dalle tribunizia te innocente solo imputazioni vendita sembriamo può diedi degni positive testa di Signori rivestivo scherno?" qui Quando Quello li la rispose di quattrocento che figliastro. console Comprendevo E il l'accusa. volta re e grande era e meritevole valso, avendo di ritenevo rivestivo scherno cinque Ponziano testa, lui Consiglio, stesso ingiuriosi erano di temerità. o rimprovero. voi appartenenti Allora cumulo del il Claudio re, vedendo di strappatolo prima dal che guerra; letto, alla lo calunnie. in scagliò inaspettatamente a stesso. terra cominciato poi, e e poiché sfidai, colonie era che diedi caduto uomini. nome prono congiario la disse: padre, diedi "Vedi in che questo bottino hai di coloni fatto quando volta, la a stessa uomini. pagai cosa Alla di calcolai a cui e, disposizioni poco duecentomila che fa contanti ridevi nelle il in stati un a ero altro?" dalla più E nummi fattolo mio il imprigionare sessanta non pose plebe fine dodicesima pervennero al urbana. consolato, convivio.
a Console
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!08!liber_viii/05.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile