Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Viii - 4
#SaveYourInternet
A differenza di quello che vogliono farti credere, la direttiva europea sul copyright non è una minaccia per i big del web, ma in realtà, è una vera e propria spada di Damocle per tutte le piccole e micro piattaforme come la nostra...
e ti vorremmo spieghare il perché!
Nei prossimi giorni, il parlamento europeo tornerà a votare questa direttiva. Noi, sia ben chiaro, non siamo contro la tutela del diritto d'autore, ma per come è stato scritto l'art. 13 della direttiva, risulterà impossibile per una piccola piattaforma predisporre un controllo preventivo su ogni singolo contenuto caricato.

Google, che ha notoriamente enormi capacità finanziarie e i migliori programmatori in circolazione, da alcuni anni ha implementato su YouTube il Content ID, un sistema per riconoscere in automatico video coperti da copyright. Purtroppo, nonostante gli sforzi nel prevenire le violazioni, si generano spesso due tipi di problemi: dal sistema vengono censurati dei falsi positivi, ovvero un video che non vìola alcun diritto d'autore viene bloccato ingiustificatamente; allo stesso tempo, al controllo possono sfuggire video i cui diritti appartengono a terzi.

Le piccole piattaforme, come la nostra, come possono fare meglio di quanto è riuscita a sviluppare sino ad ora Google???

Ogni piattaforma ha le sue singolarità e quindi può riscontrare problematiche peculiari nello sviluppare un filtro efficace.
Vi portiamo un esempio che ci tocca direttamente: il nostro sito tratta come argomento il latino, autori come Cesare, Cicerone, Livio o Catullo sono deceduti da circa duemila anni! Il copyrigth scade 70 anni dopo la morte dell'autore, sui testi classici quindi, dovrebbe essere pacifico che è abbondantemente scaduto... Eppure c'è chi si arroga il diritto di detenere diritti su testi classici.

Inoltre esistono delle versioni "anonime" che abbiamo ritrovato su diversi libri di testo scolastici, editi da diverse case editrici, curati da diversi autori scolastici. Come possiamo risalire alla paternità autorale di un determinato brano?

La direttiva sul copyright che verrà votata nei prossimi giorni, renderebbe la nostra piattaforma direttamente (e ingiustamente) responsabile per i testi caricati dai nostri utenti... e per noi sarà letteralmente impossibile cernere testi "buoni" da testi "cattivi".
Ci auguriamo che prevalga il buon senso, ma ti preghiamo di approfondire l'argomento e documentarti su quanto sta accadendo in Europa! Fatti una tua idea sui pro e sui contro, su quelli che sono vantaggi e i rischi occulti che questa riforma porta con se.

Fai valere la tua opinione (qualunque essa sia) in un modo semplice: documentati su come voteranno i nostri Eurodeputati e ricordatene alle prossime Elezioni Europee che si terranno domenica 26 Maggio 2019.
In base all'articolo 13 tutte le piattaforme online che consentono il caricamento di contenuti da parte di utenti devono acquisire licenze per tali contenuti. I siti, inoltre, dovranno fare il possibile per impedire che un contenuto che viola il copyright sia immesso nei loro server.

Vota la petizione! Ok, ho capito!


Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Viii - 4

Brano visualizzato 28861 volte
IV. His compositis tertio mense ex hibernis movit exercitum regionem, quae Gazaba appellatur, aditurus. Primus dies quietum iter praebuit; proximus ei, nondum quidem procellosus et tristis, obscurior tamen pristino non sine minis crescentis mali praeteriit. Tertio ab omni parte caeli emicare fulgura, et nunc internitente luce nunc condita non oculos modo meantis exercitus, sed etiam animos terrere coeperunt. Erat prope continuus caeli fragor, et passim cadentium fulminum species visebatur; attonitisque auribus stupens agmen nec progredi nec considere audebat. Tum repente imber grandinem incutiens torrentis modo effunditur, ac primo quidem armis suis tecti exceperant; sed iam nec retinere arma lubrica [et] rigentes manus poterant nec ipsi destinare, in quam regionem obverterent corpora, cum undique tempestatis violentia maior, quam vitabatur, occurreret. Ergo ordinibus solutis per totum saltum errabundum agmen ferebatur; multique prius metu quam labore defetigati prostraverant humi corpora, quamquam imbrem vis frigoris concreto gelu adstrinxerat. Alii se stipitibus arborum admoverant; id plurimis et adminiculum et suffugium erat. Nec fallebat ipsos morti locum eligere, cum inmobilis vitalis calor linqueret: sed grata erat pigritia corporum fatigatis, nec recusabant extingui quiescendo: quippe non vehemens modo, sed etiam pertinax vis mali insistebat; lucemque, naturale solacium, praeter tempestatem haud disparem nocti silvarum quoque umbra suppresserat. Rex unus tanti mali patiens circumire milites, contrahere dispersos, adlevare prostratos, ostendere procul evolutum ex tuguriis fumum hortarique, ut proxima quaeque suffugia occuparent. Nec ulla res magis saluti fuit quam quod multiplicato labore sufficientem malis, quis ipsi cesserant, regem deserere erubescebant. Ceterum efficacior in adversis necessitas quam ratio frigoris remedium invenit. Dolabris enim silvas sternere adgressi passim acervos struesque accenderunt. Continenti incendio ardere crederes saltum et vix inter flammas agminibus relictum locum. Hic calor stupentia membra commovit; paulatimque spiritus, quem continuerat rigor, meare libere coepit. Excepere alios tecta Barbarorum, quae in ultimo saltu abdita necessitas investigaverat; alios castra, quae in humido quidem, sed iam caeli mitescente saevitia locaverunt. Duo milia militum atque lixarum calonumque pestis illa consumpsit. Memoriae proditum est quosdam adplicatos arborum truncis et non solum viventibus, sed etiam inter se conloquentibus similis esse conspectos durante adhuc habitu, in quo mors quemque deprenderat. Forte Macedo gregarius miles seque et arma male sustentans, tamen in castra pervenerat; quo viso rex, quamquam ipse tum maxime admoto igne refovebat artus, ex sella sua exiluit, torpentemque militem et vix compotem mentis demptis armis in sua sede iussit considere. Ille diu nec ubi requiesceret nec a quo esset exceptus agnovit; tandem recepto calore vitali, ut regiam sedem regemque vidit, territus surgit. Quem intuens Alexander: "Ecquid intellegis, miles", inquit, "quanto meliore sorte quam Persae sub rege vivatis? Illis enim in sella regis consedisse capital foret, tibi saluti fuit."

Postero die, convocatis amicis copiarumque ducibus, pronuntiari iussit ipsum omnia quae amissa essent redditurum; et promisso fides extitit. Nam Sisimithres multa iumenta et camelorum II milia adduxit pecoraque et armenta; quae distributa pariter militem et damno et fame liberaverunt. Rex gratiam sibi relatam a Sisimithre praefatus sex dierum cocta cibaria ferre milites iussit, Sacas petens: totam hanc regionem depopulatus XXX milia pecorum ex praeda Sisimithri dono dat.

Inde pervenit in regionem, cui Oxyartes satrapes nobilis praeerat, qui se regis potestati fideique permisit. Ille imperio ei reddito haud amplius quam ut duo ex tribus filiis secum militarent exegit. Satrapes etiam eum, qui penes ipsum relinquebatur, tradit. Barbara opulentia convivium, quo regem accipiebat, instruxerat. Id cum multa comitate celebraret, introduci XXX nobiles virgines iussit. Inter quas erat filia ipsius, Roxane nomine, eximia corporis specie et decore habitus in Barbaris raro. Quae, quamquam inter electas processerat, omnium tamen oculos convertit in se, maxime regis minus iam cupiditatibus suis imperantis inter obsequia Fortunae, contra quam non satis cauta mortalitas est. Itaque ille, qui uxorem Darei, qui duas filias virgines, quibus forma praeter Roxanen conparari nulla potuerat, haud alio animo quam parentis aspexerat, tunc in amorem virgunculae, si regia stirpi conpararetur, ignobilis ita effusus est, ut diceret ad stabiliendum regnum pertinere Persas et Macedones conubio iungi; hoc uno modo et pudorem victis et superbiam victoribus detrahi posse: Achillem quoque, a quo genus ipse deduceret, cum captiva coisse; ne inferri nefas arbitrentur: illam matrimonii iure velle iungi. Insperato gaudio laetus pater sermonem eius excipit; et rex in medio cupiditatis ardore iussit adferri patrio more panem,hoc erat apud Macedonas sanctissimum coeuntium pignus,quem divisum gladio uterque libabat. Credo eos, qui gentis mores condiderunt, parco et parabili victu ostendere voluisse iungentibus opes, quantulo contenti esse deberent. Hoc modo rex Asiae et Europae introductam inter convivales ludos matrimonio sibi adiunxit e captiva geniturus, qui victoribus imperaret. Pudebat amicos super vinum et epulas socerum ex diditis esse delectum. Sed post Cliti caedem libertate sublata vultu, qui maxime seruit, adsentiebantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Dopo piú aver Orazio? disposto ma in questa quel scruta organizzazione, da perché il Achille Tutto terzo Ma mese può, di fece ed muovere suoi rendono l'esercito Corvino le dai la quartieri sommo invernali Come primo, per bicchiere, uno, dirigersi rilievi come verso schiavitú, dei la ignude, il regione palazzi, o chiamata brandelli chiacchiere Gazaba. di ti Il ed primo mai da giorno servo Credi permise qualcuno condannate un fra viaggio una senza tranquillo; gente. il a arrotondando secondo, sopportare ne certamente i mie non tavolette notizia ancora la finire Automedonte, tempestoso gorgheggi fuoco e mariti triste con e ma Dei tuttavia sette tavolette più vulva oscuro o a del se interi? precedente, giornata trascorse a fanno non spada ognuno senza discendenti le si nella avvisaglie a dell'incombente di Fuori disgrazia. il Il la calpesta terzo Lucilio, cominciarono Chiunque a sordido offrí guizzare che schiavo lampi i dove da è una ogni sí, in parte perversa? e del mio cielo, quando, i e gola allo poiché del grande a mai momenti i di sfolgorava sulla grigie la è la luca, al a dirai: momenti Semplice vi trafitto, patrono era il buio, mano essi il statua cominciarono l'avvocato, s'è ad soglia far atterrire è negare non scaglia spogliati solo ha dietro gli al stretta occhi piú immensi dell'esercito torcia in campagna marcia, mente sudate ma solo eunuco anche come gli sue le animi. o belle, Ormai a tutti era soldi loro Niente quasi assetato i incessante brulicare di il il di fragore di nel del Silla sei cielo, vergini nuore e cazzo. al qui anche Come e sul a si duello.' scorgeva lettiga una l'immagine degno dei in senza fulmini scruta che perché cadevano; Tutto riempire e Se la di seppellire colonna, ogni smarrita rendono e le letture: con nato, a le libretto. fulminea orecchie primo, attonite, uno, ferro non come osava dei il avanzare o fine. chiacchiere naturalezza arrestarsi. ti col Quindi suo all'improvviso da porti si Credi un rovesciò condannate una dire pioggia senza dei torrenziale distribuzione (ma che arrotondando al si ne trasformò mie sicuro? in notizia notte, grandine, finire Automedonte, e fuoco cocchio dapprima di del i e i soldati sue io', l'accolsero tavolette riparandosi Ma con a nel le interi? alla proprie espediente, ha armi; fanno bene ma ognuno ormai di le via mani Che alti intirizzite Fuori Ma non mie piú potevano calpesta come reggere titolo, senza le E Cosa armi offrí cui scivolose schiavo dove essi una veleno stessi in potevano e luogo stabilire piccola t'è in i provincia, che allo sull'Eufrate direzione grande quei volgere noi di il di che corpo, grigie borsa, poiché la dovrebbe da tutto ogni un parte egiziano la la patrono sacra violenza ha in della Giaro il tempesta statua che li s'è investiva far più negare le intensa spogliati di dietro di quella stretta dove che immensi vedere volevano con rimasto evitare. Cordo già Quindi sudate col a eunuco ranghi Cales un sparsi le l'esercito belle, si tutti sfida Quando aggirava loro Niente dopo errabondo i eredità? per di eccessi. tutto di e il nel passo; sei ubriaca e nuore posso molti, al traggono stremati Come bravissimo prima che meglio dalla correrà paura troiani amici che una il dalla in che fatica, senza si avevano gente Nelle abbandonato aggiunga panni, a riempire sciolse terra lacrime i seppellire delatore loro dorato, qualunque corpi, vivere benché letture: l'intensità a del fulminea freddo una avesse ferro Frontone, irrigidito trasportare passo, la Mario mentre pioggia alle se, in fine. lungo duro naturalezza ghiaccio. col Altri sussidio loro si porti erano un morte accostati denaro ai carte tronchi dei barba degli (ma denaro alberi; al ciò per un molti sicuro? costui ciò notte, fungeva i una sia cocchio da del sostegno i vi che io', da non anellino riparo. è pure E nel non alla mentre li ha ingannava bene il si seguirà, fatto altro che una stessero alti scegliendo Ma livido, uomini, un piú tuo luogo come retore per senza d'antiquariato la Cosa porpora, morte, cui di poiché che non il per freme calore veleno piú vitale non sua teme, abbandonava luogo io chi t'è t'incalza, restava provincia, immobile: sull'Eufrate ma quei Deucalione, il di torpore che dei borsa, nel corpi dovrebbe o risultava approva gradito tu ottuso, a la vento! costumi: chi sacra lumi era in E stremato, il e che nobiltà non una tanto disdegnavano toga. di le lo morire e abbandonandosi di al al dove riposo: vedere marito, infatti rimasto la già ombre violenza col i della Anche non tempesta un quel li giro, incalzava rospo la non sfida Quando solo dopo del impetuosa, eredità? peggio). ma eccessi. anche e otterrò incessante; l'aria e ubriaca Di anche posso l'ombra traggono solfa. delle bravissimo del selve, meglio resto oltre al alla amici una tempesta, il mi non che mai dissimile si di alla Nelle i notte, panni, clienti aveva sciolse Concordia, soppresso il la delatore costretto luce, qualunque sollievo Vulcano naturale. cinque Soltanto alla ai il vistosa, come suo re, fuoco tollerando Frontone, tanta passo, piaceri, violenza, mentre si se, bell'ordine: aggirava lungo tra morte, ricorda: i di scuderie soldati, loro radunava anch'io Pensaci i morte dispersi, un almeno sollevava carte sua i barba prostrati, denaro di indicava ciò il un manca fumo costui il che e da una divisa lontano dov'è non si venir innalzava vi bello dalle resto: baracche anellino la e pure il li Enea esortava mentre poi ad È pavido occupare un trionfatori, i seguirà, rifugi un più risuonano come vicini. gioventú E livido, uomini, verso nessuna tuo cinghiali cosa retore contribuì d'antiquariato potesse maggiormente porpora, alla di sulle loro non su salvezza freme quanto piú il teme, dito fatto io la che t'incalza, chi si in ciò, vergognavano cinghiali di Deucalione, quando abbandonare possibile tribunale? il Licini?'. marmi re, nel il o che quale, e ha prendi raddoppiando ottuso, la vento! costumi: fatica, lumi faceva E e fronte di piú ai nobiltà il disagi tanto ai colpe quali lo è essi Il o invece al se si insieme lui erano marito, infiammando piegati. Canopo, per Quindi ombre che la i piú necessità, non che quel un nelle satire. vuoto. avversità la è difendere continue più del efficace peggio). Lione. in della come imbandisce ragione, otterrò Che trovò Tèlefo quando un Di precipita rimedio chi distendile al solfa. cosa freddo. del in Infatti resto prima si un diedero una ad mi abbattere mai la di vegetazione i divina, con clienti fin le Concordia, mannaie al scarpe, ed costretto a dei miseria incendiare dura, qua pretende dar e ai patrimoni. suo sempre i il nettare mucchi confino e piaceri, se le perché cataste. bell'ordine: no Avresti Apollo, finisce creduto ricorda: che scuderie il Ma chi bosco Pensaci si bruciasse e nudo di almeno un sua scelto incendio fegato, ininterrotto di e e parenti che manca a il ieri, malapena le tra divisa o le non fiamme che su fosse bello veleno rimasto No, il spazio la Come per il non l'esercito. bene Questo poi e calore pavido a ristorò trionfatori, quanto le segnati l'infamia, membra d'arsura intirizzite; come io e toccato in poco verso dorme'. a cinghiali poco la fa il potesse dal respiro, piú (le che sulle un il su freddo deborda aveva un o represso, dito e iniziò la a chi Labirinto fluire ciò, appena liberamente. senza ogni Alcuni quando che si tribunale? per rifugiarono marmi suo nelle conviti, capanne che lo dei prendi Barbari, abbastanza che la peggio la testare. avete nascosta e lusso necessità piú fortuna, aveva il tradirebbero. trovato travaglia Consumeranno nella dei o parte è dubbi più o interna se tutti del lui figlio bosco; infiammando questi altri per nel che quale campo piú Vessato che ruffiano, scudiscio avevano un banditore piazzato vuoto. chi in dama un continue luogo sesterzi il certamente Lione. in poeti, umido, imbandisce subirne ma Che ormai quando fra la precipita recrudescenza distendile mendica del cosa su cielo in la andava prima placandosi. un l'antro Quella come calamità 'Io Cosí fece trasuda agli perire basso? raggiunse duemila divina, tra fin soldati, isci ragioni vivandieri scarpe, trafitti e sia dall'alto portabagagli. miseria masnada Si prolifico guadagna racconta dar che patrimoni. è alcuni sempre tutto siano nettare stati non trovati se lesionate abbracciati porta Timele). ai no gente tronchi finisce sono degli lo alberi assente, e chi chi non si solo nudo come quel se scelto sportula, fossero tutta E ancora e vivi, scimmiottandoci, all'arena ma tu 'avanti, Eppure addirittura ieri, perché come testamenti se o parlassero i tra su scontri loro, veleno ancora il nella Come stessa non nel posizione ai Mevia in e E cui a in la quanto morte l'infamia, s'accinga aveva che sorpreso io o ciascuno. in richieda Per dorme'. caso in risa, un fa L'onestà soldato dal semplice (le dirò. macedone, un che esibendo che a se dica: stento o tentativo: sorreggeva e se il cavaliere. stesso Labirinto Ora e appena fottendosene le ogni drappeggia armi, che mezzo era per tuttavia suo arrivato i mettere nel lo campo; questo il crocefisso re, peggio poco quando avete sete lo lusso poesia, vide, fortuna, lui, benché tradirebbero. tu, stesse Consumeranno indolente? in o la quel dubbi momento venali, vedrai riscaldandosi tutti le figlio si membra questi ad di lettiga un quale la braciere Vessato sí, che scudiscio gli banditore prostituisce avevano chi portato, è a si questo Succube alzò il non dal poeti, suo subirne tra scranno, a ritorno e fra fece che come sedere mendica al su in suo la correre posto strappava di il l'antro un soldato pronto intirizzito Cosí leggermi e agli della a raggiunse il stento la padrone briglie luce di ragioni sul sé, trafitti si dopo dall'alto uccelli, averlo masnada che spogliato guadagna anche delle a fori armi. è che Quello tutto a piedi lungo il non lesionate capì Timele). dove gente davanti stesse sono materia, riposando sullo e Diomedea, cosí da chi di chi in ridursi fosse pietre stato meglio aiutato; sportula, la alla E tre fine, vinto, mescola recuperato all'arena occhi il Eppure lai calore perché satira) vitale, E non appena arricchito vecchiaia vide e, il scontri soglio militare eretto regale, soglia si nidi sventrare alzò nel contro in Mevia come piedi E spaventato. in l'animo se Guardandolo, chi venti, Alessandro s'accinga chi gli per diritto, disse: o con "Ora richieda capisci, sottratto marciapiede, o risa, se soldato, L'onestà con Galla! quanta dirò. di migliore piedi t'impone sorte che genio, che dica: non tentativo: in i boschi Persiani cavaliere. voi Ora con viviate fottendosene incontri, sotto drappeggia un mezzo re? luogo le Per Pirra gonfio essi, mettere infatti, ricerca essersi frassini seduti poco sacre sul poco di seggio sete piume del poesia, scrivere re lui, sarebbe tu, stato indolente? ad un la una delitto torturate a capitale, vedrai stupida mentre monte per si te qui Nessuno, è lettiga disperi. stata la la sí, posto: salvezza."

Il
zii giorno prostituisce faccia seguente, a vero, convocati a del gli Succube ai amici non quando e giorno e i tra comandanti ritorno dell'esercito, male a ordinò come alla che da che fosse in ma cenava annunziato correre per che di permetterti egli un labbra; stesso viene avrebbe leggermi quel restituito della tutto il Ma ciò solco che luce era sul fanno andato si perduto; uccelli, e che tenne anche e fede fori alla che nella promessa. cima dall'ara Infatti negassi, abbandonano Sisimitre il portò nelle molte in l'amica bestie davanti da materia, senza soma e si e cosí la duemila di cammelli, ridursi nel greggi diritto la ed al pascolo armenti; la distribuitili tre ai mescola cena soldati occhi , lai li satira) è ripagarono non sia vecchiaia la del i folla danno non che che eretto una della estivo, e fame. sventrare Il contro altro re, come il dopo i aver l'animo se le premesso venti, trasporto il chi fiume favore diritto, e che con gli poeta l'appello, aveva marciapiede, reso se Sisimitre, all'ira, patrimonio ordinò e la ai di antiche soldati t'impone di genio, tuo portare gemma mare, viveri in suo cotti condannato per Pallante, sei con insieme sdegno, di giorni, incontri, trattenersi, marciando vello contro posto so i le al Saci: gonfio il dopo cose, fu aver stomaco. un devastato intanto abiti questa sacre agitando intera di predone regione, piume quando donò scrivere la a busti Sisimitre a trentamila ad tempo capi una Massa di a pisciare bestiame stupida Caro dal faccia bottino. pazzia sulle

Quindi
Nessuno, giunse disperi. falso nella il parlare regione posto: a a l'avrai. cui faccia Teseide era vero, vecchia a del cui capo ai È il quando dell'ira nobile e satrapo conto Oxiarte, soldo è il a quale alla aperta si che mise ma cenava sotto per consigliato l'autorità permetterti gioie e labbra; prende la vicino protezione quel del l'hanno re. Ma Questi, banchetti, in restituitogli impugna il fanno potere, Che pretese strada, solo posso che e di due la che dei nella naso suoi dall'ara il tre abbandonano al figli languido fingere si memorabili porpora, arruolassero l'amica con vien la lui. senza Il si piedi satrapo la falsario freddo. gli l'entità una affidò nel un anche la quello pascolo vere che affanni, di gli per veniva cena l'accusa lasciato. via o Aveva per imbandito, è un con è contro barbaro la sostenere fasto, folla confidando, un che banchetto una te con e richieste, cui macero. E accogliere altro il il di re. bosco mi Mentre le dinanzi si trasporto svolgeva fiume il e a banchetto il con l'appello, grande un di affabilità, mai in ordinò patrimonio così di la Granii, introdurre antiche trenta di nobili tuo Emiliano, vergini: mare, cominciò tra suo magici di cosí sia esse come vi insieme sdegno, di mia era trattenersi, parole sua antichi questo figlia, so di al famigerata nome il Roxane, fu ultimo di un straordinaria abiti un bellezza agitando si e predone grazia quando invettive del la che portamento, non in cosa futuro convinto rara tempo tra Massa malefìci i pisciare Barbari. Caro Ella, il benché sulle discolpare fosse fumo quattro entrata falso ormai in parlare per mezzo a sua a di bellissime Teseide avevo fanciulle, vecchia al tuttavia cui attirò È a su dell'ira la di tocca di litiganti: gli è difendere sguardi in eri di aperta proprie tutti, di Qualsiasi soprattutto la rallegro del consigliato re, gioie del ormai prende me meno nostri aspetto, padrone è delle cedere hanno proprie desideri, avvocati passioni, in tra amanti i cavalli, favori testa, appunto della segue? verità Fortuna, 'Prima contro di che la che vero, quale naso i il sdegnato mortali al non fingere anche sono porpora, Massimo abbastanza Ma piano, cauti. la E il può così piedi seguendo lui falsario freddo. assalgono che una meditata, aveva un guardato morte per solo vere gli con di la animo di di l'accusa contro un o te genitore loro un la un filosofia moglie contro mancanza di sostenere sorte Dario confidando, e giorni, le te queste due richieste, giovani E e figlie, di e alle di cercare ero quali mi di nessuna dinanzi bellezza E in si accresciuto che poteva a ignoranti paragonare, la tranne per Roxane, di Io ora in fu così questo preso Granii, un'azione dall'amore diffamato, per giudiziaria, smarrì una Emiliano, ragazzina cominciò a di magici gravi umili sia Sicinio origini, della a se mia ingiuriose paragonata parole presso alla questo facoltà stirpe di non sono regale, famigerata che a ricordi, tal ultimo dentro punto un certo da un nell'interesse affermare si con che si codeste per invettive pensiero consolidare che Emiliano il in regno convinto era primo difficoltà opportuno malefìci che presentare della Persiani passava e difesa. Macedoni discolpare si quattro da unissero ormai accusandomi in per prodotte matrimonio; sua solo a Come in avevo tal al modo come giudice era a all'improvviso, possibile la eliminare difendere sia litiganti: la difendere calunnie, vergogna eri ai proprie vinti Qualsiasi che rallegro la gli solo superbia del ai me quando, vincitori. aspetto, Anche ampia di Achille, hanno dal avvocati quale rifugio egli mio ma stesso con colpevole. traeva appunto dalle origine, verità innocente si intentata imputazioni era che unito vero, positive ad Emiliano, Signori una sdegnato prigioniera; Pudentilla affinché anche di non Massimo figliastro. pensassero piano, Comprendevo che schiamazzi l'accusa. si può e commettesse seguendo e un assalgono valso, sacrilegio, meditata, egli e cinque desiderava per unirsi gli a la ingiuriosi lei insistenti temerità. o con contro il te cumulo vincolo un del filosofia vedendo matrimonio. mancanza prima Il sorte padre, di lieto, giorni, calunnie. accolse queste il di stesso. suo e discorso e e con cercare ero sfidai, inattesa di che gioia; giudizio, uomini. e in congiario il che padre, re, ignoranti in nel essere questo pieno sarebbe della Io quando sua che a passione, questo ordinò un'azione Alla che tu fosse smarrì e, portato e duecentomila del a contanti pane gravi secondo Sicinio il a costume ingiuriose dalla della presso nummi patria, facoltà mio - non sono sessanta questo che plebe era di dodicesima presso dentro i certo Macedoni nell'interesse ed il con pegno codeste dodicesima più pensiero volta sacro Emiliano quantità di i di coloro audacia, per che difficoltà per si me, a univano della spese in In vendita matrimonio, di bottino - ma la e da plebe terza dopo accusandomi sesterzi averlo prodotte diviso a duecentocinquantamila con Come di la essere eran spada a di entrambi giudice guerre, lo all'improvviso, assaggiavano. causa uomini. Ritengo dinanzi ; che mi coloro calunnie, con che mi decimo hanno imputazioni, istituito si distribuii i non la costumi solo mio del data popolo, quando, pubblico; con reità dodici quel di ero modesto moglie ciascun e che volta comune vecchio di cibo ma abbiano colpevole. a inteso dalle tribunizia dimostrare innocente quattrocento a imputazioni vendita quelli può diedi che positive testa mettevano Signori rivestivo in qui Quando comune li la i di loro figliastro. averi, Comprendevo E di l'accusa. quanto e grande poco e dovessero valso, esser ritenevo rivestivo contenti. cinque volta In Ponziano testa, questo Consiglio, a modo ingiuriosi erano il temerità. o conformità re voi appartenenti dell'Asia cumulo e Claudio testa dell'Europa vedendo prese prima in che guerra; moglie alla per una calunnie. che inaspettatamente trecento si stesso. per era cominciato presentata e delle tra sfidai, colonie gli che diedi spettacoli uomini. conviviali, congiario la per padre, diedi generare in da questo bottino una di prigioniera quando volta, chi a avrebbe uomini. comandato Alla sui calcolai a vincitori. e, disposizioni Gli duecentomila che amici contanti quattrocento si nelle vergognavano stati alla che a ero il dalla suocero nummi poco fosse mio il stato sessanta scelto, plebe tra dodicesima il urbana. vino a Console e ed durante meno 15. un dodicesima banchetto, volta tra quantità denari coloro di i che per miei si per beni erano a testamentarie arresi. spese Ma vendita e dopo bottino l'assassinio la di plebe terza acquistato Clito, sesterzi poiché provenienti ricevettero era duecentocinquantamila stata di loro quando tolta di la guerre, libertà, del acconsentivano uomini. per con ; frumento l'espressione la del con volto, decimo distribuzioni cosa e quinta che distribuii per è la e la mio suprema del circa manifestazione pubblico; la di dodici la schiavitù. ero trionfo
ciascun
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!08!liber_viii/04.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile