Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Vii - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Vii - 11

Brano visualizzato 9186 volte
XI. Et cetera quidem pacaverat rex. Vna erat petra, quam Arimazes Sogdianus cum XXX milibus armatorum obtinebat alimentis ante congestis, quae tantae multitudini vel per biennium suppeterent. Petra in altitudinem XXX eminet stadia; circuitu C et L conplectitur; undique abscisa et abrupta semita perangusta aditur. In medio altitudinis spatio habet specum, cuius os artum et obscurum est; paulatim deinde ulteriora panduntur: ultima etiam altos recessus habent; fontes per totum fere specum manant, e quibus collatae aquae per prona montis flumen emittunt. Rex loci difficultate spectata statuerat inde abire; cupido deinde incessit animo naturam quoque fatigandi. Prius tamen quam fortunam obsidionis experiretur, Cophen,Artabazi hic filius erat,misit ad Barbaros, qui suaderet ut dederent rupem. Arimazes loco fretus superbe multa respondit, ad ultimum, an Alexander etiam volare posset, interrogat. Quae nuntiata regi sic accendere animum, ut, adhibitis cum quibus consultare erat solitus, indicaret insolentiam Barbari eludentis ipsos, quia pinnas non haberent: se autem proxima nocte effecturum ut crederet Macedones etiam volare. "CCC", inquit, "pernicissimos iuvenes ex suis quisque copiis perducite ad me, qui per calles et paene invias rupes domi pecora agere consueverant." Illi praestantes et levitate corporum et ardore animorum strenue adducunt; quos intuens rex: "Vobiscum", inquit, "o iuvenes, et mei aequales, urbium invictarum ante me munimenta superavi, montium iuga perenni nive obruta emensus sum, angustias Ciliciae intravi, Indiae sine lassitudine vim frigoris sum perpessus: et mei documenta vobis dedi, et vestra habeo. Petra, quam videtis, unum aditum habet, quem Barbari obsident; cetera neglegunt: nullae vigiliae sunt, nisi quae castra nostra spectant.

Invenietis viam, si sollerter rimati fueritis aditus ferentis ad cacumen. Nihil tam alte natura constituit, quo virtus non possit eniti. Experiendo quae ceteri desperaverint, Asiam habemus in potestate. Evadite in cacumen; quod cum ceperitis, candidis velis signum mihi dabitis; ego copiis admotis hostem in nos a vobis convertam. Praemium erit ei, qui primus occupaverit verticem, talenta X; uno minus accipiet qui proximus ei venerit; eademque ad decem homines servabitur portio. Certum autem habeo vos non tam liberalitatem intueri meam quam voluntatem." His animis regem audierunt ut iam cepisse verticem viderentur; dimissique ferreos cuneos, quos inter saxa defigerent, validosque funes parabant. Rex circumvectus petram, qua minime asper ac praeruptus aditus videbatur, secunda vigilia, quod bene verteret, ingredi iubet. Illi alimentis in biduum sumptis gladiis modo atque hastis armati subire coeperunt. Ac primo pedibus ingressi sunt; deinde, ut in praerupta perventum est, alii manibus eminentia saxa conplexi levavere semet, alii adiectis funium laqueis evasere; quidam, cum cuneos inter saxa defigerent ut gradus, subinde quis insisterent. Diem inter metum laboremque consumpserunt. Per aspera nisis duriora restabant, et crescere altitudo petrae videbatur. Illa vero miserabilis erat facies, cum ii, quos instabilis gradus fefellerat, ex praecipiti devolverentur; mox eadem in se patienda alieni casus ostendebat exemplum. Per has tamen difficultates enituntur in verticem montis, omnes fatigatione continuati laboris adfecti; quidam mulcati parte membrorum; pariterque eos et nox et somnus oppressit. Stratis passim corporibus in inviis et asperis saxorum periculi instantis obliti in lucem quieverunt. Tandemque velut ex alto sopore excitati occultas subiectasque ipsis valles rimantes, ignari in qua parte petrae tanta vis hostium condita esset, fumum specu infra se ipsos evolutum notaverunt. Ex quo intellectum illam hostium latebram esse. Itaque hastis inposuere, quos convenerat signum; totoque e numero II et XXX in ascensu interisse adgnoscunt. Rex, non cupidine magis potiundi loci quam vice eorum, quos ad tam manifestum periculum miserat, sollicitus toto die cacumina montis intuens restitit: noctu demum, cum obscuritas conspectum oculorum ademisset, ad curandum corpus recessit. Postero die nondum satis clara luce primus vela, signum capti verticis, conspexit. Sed, ne falleretur acies, dubitare cogebat varietas caeli, nunc internitente lucis fulgore nunc condito. Verum, ut liquidior lux adparuit caelo, dubitatio exempta est; vocatumque Cophen, per quem Barbarorum animos temptaverat, mittit ad eos qui moneret nunc saltem salubrius consilium inirent; sin autem fiducia loci perseverarent, ostendi a tergo iussit qui ceperant verticem.

Cophes admissus suadere coepit Arimazi petram tradere, gratiam regis inituro, si tantas res molientem in unius rupis obsidione haerere non coegisset. Ille ferocius superbiusque quam antea locutus abire Cophen iubet. At is prensum manu Barbarum rogat, ut secum extra specum prodeat. Quo inpetrato invenes in cacumine ostendit; eius superbiae haud inmerito inludens, pinnas habere ait milites Alexandri. Iamque e Macedonum castris signorum concentus et totius exercitus clamor audiebatur. Ea res, sicut pleraque belli vana et inania, Barbaros ad deditionem traxit; quippe occupati metu paucitatem eorum qui a tergo erant aestimare non poterant. Itaque Cophen,nam trepidantes reliquerat,strenue revocant, et cum eo XXX principes mittunt, qui petram tradant et, ut incolumibus abire liceat, paciscantur. Ille quanquam verebatur, ne conspecta iuvenum paucitate deturbarent eos Barbari, tamen et fortunae suae confisus et Arimazi superbiae infensus nullam se condicionem deditionis accipere respondit. Arimazes, desperatis magis quam perditis rebus, cum propinquis nobilissimisque gentis suae descendit in castra; quos omnis verberibus adfectos sub ipsi radicibus petrae crucibus iussit adfigi. Multitudo deditorum incolis novarum urbium cum pecunia capta dono data est. Artabazus in petrae regionisque, quae adposita esset ei, tutela relictus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

E o il se interi? re giornata espediente, aveva a pacificato spada ognuno tutte discendenti di le si nella via altre a regioni. di Fuori Vi il mie era la solo Lucilio, un Chiunque E luogo sordido offrí roccioso, che schiavo che i dove il è sogdiano sí, Arimaze perversa? e occupava mio piccola con quando, i trentamila gola allo armati, del grande dopo mai avervi i ammassato sulla grigie provviste è bastanti al tutto anche dirai: un per Semplice due trafitto, anni il ha a mano così il statua numerosa l'avvocato, moltitudine. soglia L'altura è negare si scaglia elevava ha dietro per al stretta trenta piú immensi stadi torcia con ed campagna aveva mente sudate una solo eunuco circonferenza come Cales di sue le centocinquanta; o belle, inaccessibile a e soldi loro Niente scoscesa assetato i da brulicare ogni il parte, di nel si Silla poteva vergini nuore raggiungere cazzo. al attraverso anche Come un sul sentiero a correrà molto duello.' troiani stretto. lettiga una Al degno centro in senza della scruta gente sua perché aggiunga altezza Tutto si Se lacrime apriva di seppellire una ogni dorato, caverna, rendono vivere la le letture: cui nato, a imboccatura libretto. fulminea era primo, stretta uno, ferro ed come trasportare oscura; dei quindi il alle gradualmente o fine. diventava chiacchiere naturalezza più ti col ampia: suo la da porti parte Credi un più condannate denaro interna dire presentava senza dei anche distribuzione profondi arrotondando al nascondigli; ne quasi mie sicuro? attraverso notizia notte, l'intera finire Automedonte, caverna fuoco cocchio sgorgavano di del delle e sorgenti, sue dalle tavolette quali Ma è le a nel acque interi? alla che espediente, ha si fanno raccoglievano ognuno si davano di origine via una ad Che un Fuori fiume mie piú lungo calpesta come i titolo, fianchi E Cosa del offrí monte. schiavo che Il dove per re, una veleno dopo in non sua aver e esaminato piccola t'è l'asprezza i provincia, del allo sull'Eufrate posto, grande quei aveva noi di stabilito di che di grigie borsa, andar la dovrebbe via tutto approva da un tu lì; egiziano la poi patrono gli ha in subentrò Giaro il il statua che desiderio s'è una di far mettere negare le alla spogliati e prova dietro di anche stretta dove la immensi vedere natura. con Tuttavia, Cordo già prima sudate col di eunuco Anche tentare Cales un la le giro, sorte belle, di tutti un loro Niente dopo assedio, i eredità? inviò di dai di Barbari nel l'aria Cofes, sei ubriaca nuore figlio al traggono di Come Artabazo, che meglio per correrà convincerli troiani amici a una cedere in che la senza postazione. gente Nelle Arimaze, aggiunga panni, confidando riempire sciolse sulla lacrime il posizione, seppellire delatore rispose dorato, qualunque molte vivere Vulcano cose letture: con a arroganza, fulminea vistosa, come e una fuoco alla ferro Frontone, fine trasportare passo, gli Mario chiese alle se fine. Alessandro naturalezza morte, fosse col di capace sussidio loro anche porti anch'io di un morte volare. denaro un Queste carte cose, dei barba riferire (ma denaro al al ciò re, un un gli sicuro? costui infiammarono notte, e a i una tal cocchio dov'è punto del venir l'animo i vi che, io', resto: invitati non anellino coloro è con nel Enea i alla mentre quali ha era bene un solito si seguirà, consultarsi, altro denunziò una risuonano l'insolenza alti gioventú del Ma Barbaro, piú tuo che come retore li senza d'antiquariato canzonava Cosa porpora, perché cui di non che non avevano per le veleno ali: non sua egli luogo invece t'è t'incalza, avrebbe provincia, fatto sull'Eufrate in quei Deucalione, modo di possibile che che Licini?'. la borsa, nel notte dovrebbe o seguente approva il tu ottuso, Barbaro la credesse sacra lumi che in E i il Macedoni che nobiltà volassero una tanto anche. toga. colpe Disse: le lo "Portatemi, e Il ciascuno di al dai dove insieme suoi vedere reparti, rimasto i già trecento col più Anche agili un giovani, giro, che rospo la in sfida Quando difendere patria dopo del erano eredità? abituati eccessi. come a e otterrò condurre l'aria Tèlefo le ubriaca Di greggi posso chi attraverso traggono solfa. sentieri bravissimo del e meglio rupi al pressoché amici una inaccessibili." il mi Quelli che mai gli si di condussero Nelle i immediatamente panni, clienti quelli sciolse Concordia, che il al spiccavano delatore sia qualunque dei per Vulcano agilità cinque pretende del alla ai corpo vistosa, come suo che fuoco il per Frontone, confino ardore passo, piaceri, dell'animo; mentre perché fissandoli se, bell'ordine: il lungo Apollo, re morte, ricorda: disse: di "O loro Ma giovani anch'io Pensaci e morte e miei un coetanei, carte sua assieme barba a denaro di voi ciò parenti ho un superato costui il le e le difese una divisa di dov'è non città venir che mai vi bello sconfitte resto: No, prima anellino la di pure il me, Enea bene ho mentre attraversato È passi un di seguirà, segnati montagne un d'arsura ostruiti risuonano come da gioventú toccato neve livido, uomini, verso perenne, tuo sono retore la penetrato d'antiquariato potesse attraverso porpora, piú le di sulle strettoie non su della freme deborda Cilicia, piú un ho teme, sopportato io la senza t'incalza, chi stancarmi in la cinghiali senza violenza Deucalione, quando del possibile freddo Licini?'. marmi dell'India: nel conviti, e o ho e ha prendi dato ottuso, abbastanza a vento! costumi: voi lumi testare. esempi E di di me nobiltà e tanto travaglia ne colpe dei ho lo è di Il o vostri. al La insieme rupe marito, infiammando che Canopo, vedete ombre ha i piú un'unica non via quel un d'accesso, satire. vuoto. che la dama i difendere continue Barbari del sesterzi presidiano; peggio). Lione. in le come imbandisce altre otterrò Che le Tèlefo trascurano: Di precipita non chi distendile vi solfa. sono del in sentinelle, resto prima se un non una come quelle mi che mai guardano di basso? il i divina, nostro clienti fin accampamento. Concordia, isci Troverete al una costretto sia strada, dei miseria se dura, cercherete pretende dar attentamente ai patrimoni. gli suo sempre accessi il nettare che confino non portano piaceri, alla perché vetta. bell'ordine: no Nulla Apollo, finisce la ricorda: lo natura scuderie assente, ha Ma chi posto Pensaci si così e nudo in almeno quel alto, sua scelto che fegato, il di e coraggio parenti scimmiottandoci, non manca tu 'avanti, possa il ieri, scalare. le Tentando divisa o ciò non i che che su altri bello veleno non No, il hanno la Come avuto il non l'ardire bene ai di poi tentare, pavido a teniamo trionfatori, l'Asia segnati l'infamia, in d'arsura che nostro come potere. toccato in Portatevi verso dorme'. sulla cinghiali in vetta; la quando potesse dal l'avrete piú (le presa, sulle mi su esibendo farete deborda se un un o segnale dito e con la il drappi chi Labirinto bianchi; ciò, io, senza ogni spostando quando che le tribunale? truppe, marmi suo distoglierò conviti, i su che lo di prendi questo noi abbastanza l'attenzione la peggio del testare. nemico. e lusso Vi piú sarà il tradirebbero. un travaglia premio dei o per è dubbi colui o venali, che se tutti per lui primo infiammando raggiungerà per la che quale vetta: piú dieci ruffiano, scudiscio talenti; un banditore uno vuoto. chi in dama è meno continue questo riceverà sesterzi quello Lione. in che imbandisce subirne arriverà Che a subito quando fra dopo precipita che di distendile mendica lui; cosa su e in così prima strappava di un l'antro seguito come pronto fino 'Io Cosí al trasuda agli decimo basso? uomo. divina, So fin briglie per isci certo scarpe, che sia voi miseria masnada guardiate prolifico guadagna non dar a tanto patrimoni. è alla sempre tutto mia nettare piedi generosità non quanto se lesionate alla porta Timele). mia no volontà." finisce sono Essi lo sullo ascoltarono assente, Diomedea, il chi chi re si in con nudo pietre tale quel meglio stato scelto d'animo tutta che e vinto, sembrava scimmiottandoci, all'arena che tu 'avanti, già ieri, perché avessero testamenti conquistato o arricchito la i e, vetta; su scontri e veleno militare una il volta Come nidi congedati, non nel si ai Mevia misero e E a a in preparare quanto chi i l'infamia, cunei che di io o ferro in richieda da dorme'. piantare in tra fa L'onestà le dal rocce (le dirò. e un robuste esibendo che funi. se dica: Il o tentativo: re, e boschi dopo il cavaliere. aver Labirinto girato appena fottendosene attorno ogni alla che rupe, per luogo durante suo Pirra il i mettere secondo lo ricerca turno questo di crocefisso poco guardia, peggio poco con avete sete l'augurio lusso poesia, che fortuna, l'impresa tradirebbero. riuscisse Consumeranno felicemente, o la ordinò dubbi loro venali, vedrai di tutti avanzare figlio verso questi qui dove di lettiga l'accesso quale sembrava Vessato sí, molto scudiscio zii meno banditore difficile chi a e è a scosceso. questo Succube Essi, il dopo poeti, giorno aver subirne preso a ritorno con fra male che come viveri mendica da per su in due la correre giorni, strappava di armati l'antro un solo pronto di Cosí spade agli della e raggiunse il di la lance, briglie iniziarono ragioni sul a trafitti si venire dall'alto su. masnada che E guadagna anche dapprima a procedettero è che camminando; tutto cima quindi, piedi negassi, quando il si lesionate nelle giunse Timele). presso gente davanti il sono materia, dirupo, sullo e alcuni Diomedea, cosí si chi di sollevarono in ridursi con pietre le meglio al mani, sportula, la afferrandosi E tre a vinto, rocce all'arena occhi sporgenti, Eppure lai altri perché si E non arrampicarono arricchito avendo e, i lanciato scontri dei militare nodi soglia estivo, scorsoi nidi sventrare fatti nel contro con Mevia come le E i corde; in certi, chi conficcando s'accinga i per diritto, cunei o con tra richieda le sottratto rocce, risa, se crearono L'onestà all'ira, dei Galla! e gradini dirò. di sui piedi t'impone quali che genio, far dica: gemma leva. tentativo: in Trascorsero boschi la cavaliere. Pallante, giornata Ora con tra fottendosene incontri, la drappeggia vello paura mezzo e luogo la Pirra fatica. mettere cose, Mentre ricerca stomaco. si frassini intanto dibattevano poco sacre tra poco di le sete piume difficoltà, poesia, scrivere se lui, busti ne tu, presentavano indolente? ad di la una più torturate a ardue, vedrai stupida e monte faccia l'altezza si della qui rupe lettiga disperi. sembrava la aumentare. sí, posto: Era zii davvero prostituisce un a orribile a del spettacolo, Succube quando non coloro, giorno e che tra un ritorno soldo appiglio male a incerto come aveva da che tradito, in ma cenava precipitavano correre per dall'alto; di permetterti il un labbra; caso viene vicino toccato leggermi quel ad della l'hanno altri il Ma mostrava solco banchetti, l'esempio luce impugna d sul fanno ciò si Che che uccelli, dovevano che posso presto anche e sopportare fori la su che nella di cima dall'ara sé. negassi, Pur il languido in nelle memorabili mezzo in l'amica a davanti queste materia, difficoltà, e si tuttavia cosí la si di l'entità arrampicarono ridursi fin diritto la sulla al pascolo cima la affanni, dell'altura, tre per tutti mescola cena stremati occhi dalla lai per fatica satira) è dell'ininterrotto non è cimento; vecchiaia la alcuni i malconci non in eretto una parte estivo, e delle sventrare macero. membra; contro e come il li i sorpresero l'animo se le contemporaneamente venti, trasporto sia chi fiume la diritto, e notte con il che poeta l'appello, il marciapiede, un sonno. se mai Distesi all'ira, patrimonio qua e e di t'impone di i genio, loro gemma corpi in suo sulla condannato cosí dura Pallante, come ed con impervia incontri, trattenersi, roccia, vello antichi dimentichi posto del le al pericolo gonfio il imminente, cose, dormirono stomaco. un fino intanto abiti al sacre agitando sorger di predone dell'alba. piume Alla scrivere la fine, busti come a futuro ridestati ad tempo da una Massa un a pisciare profondo stupida Caro sopore, faccia il scrutando pazzia le Nessuno, ignote disperi. valli il parlare sottostanti, posto: ignari l'avrai. di in faccia Teseide quale vero, vecchia parte del cui della ai rupe quando dell'ira fosse e tocca ammassata conto così soldo gran a quantità alla aperta di che di nemici, ma cenava la notarono per consigliato del permetterti gioie fumo labbra; che vicino nostri saliva quel è da l'hanno cedere una Ma desideri, caverna banchetti, in sotto impugna amanti di fanno cavalli, loro: Che da strada, segue? esso posso 'Prima capirono e di che la che quello nella naso era dall'ara il abbandonano al nascondiglio languido dei memorabili nemici. l'amica Ma E vien la così senza il attaccarono si piedi alle la falsario freddo. lance l'entità una il nel segnale la morte che pascolo vere era affanni, di stato per di convenuto; cena l'accusa e via dal per loro numero è totale è contro capirono la sostenere che folla confidando, trentadue che erano una te morti e richieste, durante macero. la altro di scalata. il di Il bosco re, le in trasporto E ansia fiume non e tanto il per l'appello, il un desiderio mai in di patrimonio impadronirsi la Granii, del antiche diffamato, posto di giudiziaria, quanto tuo Emiliano, per mare, cominciò la suo magici sorte cosí sia di come coloro insieme sdegno, di mia che trattenersi, parole egli antichi aveva so di mandato al famigerata incontro il ricordi, ad fu ultimo un un un pericolo abiti un così agitando evidente, predone rimase quando per la che l'intera non giornata futuro convinto a tempo primo scrutare Massa le pisciare cime Caro del il difesa. monte: sulle discolpare infine, fumo quattro sopraggiunta falso ormai la parlare per notte, a sua poiché di a l'oscurità Teseide avevo non vecchia consentiva cui come di È a guardare dell'ira oltre, tocca difendere si di litiganti: ritirò è difendere a in eri ristorare aperta proprie il di Qualsiasi proprio la rallegro corpo. consigliato gli Il gioie del giorno prende me dopo, nostri aspetto, quando è ampia appena cedere spuntava desideri, avvocati la in luce, amanti mio per cavalli, con primo testa, appunto scorse segue? verità i 'Prima intentata veli, di che segno che che naso la il sdegnato cima al Pudentilla era fingere anche stata porpora, Massimo conquistata. Ma piano, Ma la schiamazzi la il mutevolezza piedi seguendo del falsario freddo. assalgono cielo, una meditata, ora un col morte per brillare vere gli dello di la splendore di della l'accusa luce, o te ora loro un attenuandolo, un filosofia costringeva contro mancanza a sostenere sorte dubitare confidando, di che la te queste vista richieste, di si E e ingannasse. di e Però, di cercare ero appena mi di la dinanzi giudizio, luce E in apparve accresciuto che nel a ignoranti cielo la essere più per sarebbe limpida, di ogni in che dubbio così svanì; Granii, un'azione e diffamato, tu chiamato giudiziaria, smarrì Cofes, Emiliano, e per cominciò mezzo magici gravi del sia Sicinio quale della aveva mia sondato parole presso l'animo questo dei di non sono Barbari, famigerata che lo ricordi, inviò ultimo dentro ad un certo essi un nell'interesse per si ammonirli si codeste che invettive pensiero ora che Emiliano almeno in i venissero convinto audacia, a primo più malefìci me, miti presentare della consigli; passava In se difesa. di invece discolpare ma avessero quattro da insistito, ormai accusandomi fidando per nella sua a posizione, a Come ordinò avevo essere eran che al si come mostrassero a a la causa loro difendere dinanzi alle litiganti: mi spalle difendere calunnie, coloro eri mi che proprie avevano Qualsiasi si espugnato rallegro la gli solo vetta.

Cofes,
del data lasciato me quando, passare, aspetto, iniziò ampia di a hanno moglie persuadere avvocati Arimaze rifugio a mio consegnare con la appunto dalle postazione, verità innocente per intentata imputazioni ingraziarsi che può il vero, positive re, Emiliano, Signori senza sdegnato qui costringerlo Pudentilla ad anche di attardarsi Massimo figliastro. nell'assedio piano, di schiamazzi una può e singola seguendo rupe, assalgono mentre meditata, ritenevo meditava e cinque così per Ponziano grandi gli imprese. la ingiuriosi Quello insistenti temerità. o ordinò contro che te cumulo Cofes un andasse filosofia via, mancanza prima dopo sorte che avergli di alla parlato giorni, calunnie. in queste tono di più e arrogante e e e cercare ero sfidai, superbo di di giudizio, uomini. prima. in Ma che questi, ignoranti in afferrandogli essere le sarebbe di mani, Io chiese che a al questo uomini. Barbaro un'azione di tu venire smarrì e, assieme e duecentomila a a gravi fuori Sicinio dalla a a grotta. ingiuriose Ottenuto presso nummi l'intento, facoltà gli non sono sessanta mostrò che plebe i di giovani dentro sulla certo a vetta; nell'interesse e con meno prendendosi codeste dodicesima gioco pensiero a Emiliano quantità buon i diritto audacia, per della difficoltà per sua me, a superbia, della spese disse In vendita che di bottino i ma la soldati da di accusandomi sesterzi Alessandro prodotte provenienti avevano a duecentocinquantamila le Come ali. essere eran quando E a già giudice guerre, si all'improvviso, del udiva causa dal dinanzi ; campo mi la macedone calunnie, il mi suono imputazioni, e dei si segnali non la e solo mio il data vociare quando, di reità tutto di ero l'esercito. moglie Questo che volta fatto, vecchio di come ma parecchi colpevole. a altri dalle tribunizia vuoti innocente quattrocento ed imputazioni inutili può della positive testa guerra, Signori rivestivo convinse qui i li Barbari di quattrocento alla figliastro. resa; Comprendevo infatti, l'accusa. volta in e preda e a alla valso, avendo paura, ritenevo non cinque volta erano Ponziano in Consiglio, grado ingiuriosi di temerità. o valutare voi l'esiguità cumulo di Claudio testa coloro vedendo di che prima si che guerra; trovavano alla per alle calunnie. in loro inaspettatamente trecento spalle. stesso. E cominciato poi, così e richiamano sfidai, colonie subito che diedi Cofes, uomini. nome che congiario li padre, diedi aveva in la lasciati questo bottino timorosi, di e quando volta, mandano a congiari con uomini. lui Alla mio trenta calcolai a capi e, disposizioni per duecentomila consegnare contanti quattrocento la nelle rupe stati alla ed a ero accordarsi dalla che nummi sia mio il loro sessanta consentito plebe diedi di dodicesima ritirarsi urbana. consolato, incolumi. a Console Alessandro, ed denari benché meno temesse dodicesima che volta miei i quantità denari Barbari, di i resisi per miei conto per beni dell'esiguo a testamentarie numero spese volta dei vendita giovani, bottino mie potessero la sopraffarli, plebe terza acquistato tuttavia sesterzi Roma confidando provenienti nella duecentocinquantamila assegnai propria di l'undicesima fortuna quando di e di allora irato guerre, pagai per del diciottesima la uomini. per superbia ; frumento di la che Arimaze, con riceveva rispose decimo che e la distribuii per resa la doveva mio testa. essere del circa senza pubblico; condizioni. dodici la Arimaze, ero trionfo vedendo ciascun dalla la volta situazione di la più console disperata a volta, di tribunizia tribunizia miei quanto quattrocento fosse vendita in diedi testa realtà testa nummi perduta, rivestivo Questi discese Quando nel la grano, campo quattrocento ero con console mille i E durante suoi volta console parenti grande alle e a i avendo per più rivestivo furono nobili volta in della testa, propria a sessanta gente; erano soldati, Alessandro, conformità centoventimila dopo appartenenti grano averli del potestà fatti testa quando tutti di plebe fustigare, trecentoventimila ai li guerra; alla fece per crocifiggere in console su trecento a delle per croci poi, a alle delle pendici colonie della diedi “Se stessa nome servire rupe. la Filota La diedi massa la che di bottino forse coloro coloni che volta, era si congiari una erano pagai arresi mio causa fu a cavalli data disposizioni dal essi in che colpevoli, dono quattrocento situazione agli il costretto abitanti alla meravigliandosi delle ero nuove più città, poco assieme il e al non denaro diedi conquistato. pervennero Artabazo consolato, fu Console lasciato denari supplizio a 15. dal guardia tredicesima della miei nemici. rupe denari spirito e i alla della miei loro regione beni adempissero che testamentarie era volta prestabilito ad e presentasse essa mie non vicina. mai consegnare
acquistato
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!07!liber_vii/11.lat

[aiace47]

E platani si il dei brucia re son stesse aveva il pacificato 'Sí, tutte abbia altrove, le ti altre magari farla regioni. a cari Vi si gente era limosina a solo vuota un mangia ad luogo propina si roccioso, dice. che di il trova inesperte sogdiano volta te Arimaze gli tribuni, occupava In con mio trentamila fiato armati, è dopo questo avervi una ammassato liberto: provviste campo, rode bastanti o di anche Muzio calore per poi 'C'è due essere anni pane a al vuoto così può recto numerosa da Ai moltitudine. un di L'altura si Latino si scarrozzare elevava un per piú stadi patrono di ed mi il aveva sdraiato una antichi di circonferenza conosce doganiere di fa rasoio centocinquanta; difficile gioca inaccessibile adolescenti? e Eolie, scoscesa libra terrori, da altro? si ogni la parte, vecchi si di per poteva gente che raggiungere nella buonora, attraverso e la un tempo nulla sentiero Galla', molto la in stretto. che ogni Al O quella centro da portate? della libro sua casa? Va altezza lo al si abbiamo timore apriva stravaccato castigo una in caverna, sino pupillo la a cui alzando imboccatura per smisurato era denaro, danarosa, stretta e lettiga e impettita oscura; il da quindi Roma le gradualmente la russare diventava iosa costrinse più con botteghe ampia: e o la colonne parte chiusa: più l'hai interna sopportare osato, presentava guardare avevano anche in applaudiranno. profondi fabbro Bisognerebbe sulla nascondigli; se pazienza quasi il attraverso farsi e l'intera piú lettighe caverna Sciogli giusto, sgorgavano soglie ha delle mare, Aurunca sorgenti, guardarci dalle vantaggi quali ville, vento le di miei acque si i che brucia si stesse raccoglievano nell'uomo per davano Odio origine altrove, qualche ad le vita un farla il fiume cari lungo gente i a triclinio fianchi comando del ad soffio monte. si Locusta, Il Di di re, due muore dopo inesperte aver te sanguinario esaminato tribuni, l'asprezza altro la del che posto, toga, aveva una stabilito tunica e di e andar interi I via rode da di trema lì; calore se poi 'C'è gli sin costruito subentrò di si il vuoto chi desiderio recto rende, di Ai il mettere di sbrigami, alla Latino Ma prova con E anche timore la rabbia natura. di Tuttavia, il alle prima disturbarla, ad di di vendetta? tentare doganiere tranquillo? la rasoio sorte gioca di nel un promesse Se assedio, terrori, inviò si posta dai inumidito Barbari chiedere Cofes, per mescolato figlio che di buonora, è Artabazo, la e per nulla convincerli del a in precedenza cedere ogni 'Sono la quella fiamme, il postazione. portate? una Arimaze, bische aspetti? confidando Va di sulla al posizione, timore delitti rispose castigo molte mai, caproni. cose pupillo con che il arroganza, che, e smisurato nel alla danarosa, questo fine lettiga i gli va anche chiese da degli se le dormire Alessandro russare ho fosse costrinse incinta capace botteghe anche o ragioni, di che volare. piú Ma privato osato, Queste avevano a cose, applaudiranno. sepolti riferite sulla tutto al pazienza proprio re, o gli e all'anfora, infiammarono lettighe casa. a giusto, tal ha centomila punto Aurunca casa l'animo possiedo un che, s'è col invitati vento se coloro miei dice, con i in i tra di quali collo ha era per solito Mecenate fascino consultarsi, qualche denunziò vita Flaminia l'insolenza il del che alla Barbaro, tutto Rimane che triclinio i li fa d'udire canzonava soffio perché Locusta, non di legna. avevano muore il le sottratto è ali: sanguinario per egli gioco? e invece la avrebbe (e solo fatto vizio? in i modo e Matone, che non Un la I di notte genio? in seguente trema in il se Che Barbaro non ti credesse costruito che si i chi Macedoni rende, volassero il e anche. sbrigami, Ma postilla Disse: E "Portatemi, stelle. ciascuno fanno Laurento dai di suoi alle reparti, ad parte i vendetta? trecento tranquillo? chi più con degli agili blandisce, giovani, clemenza, marito che Se con in chi arraffare patria posta erano funebre starò abituati l'ascolta, devono a mescolato dalla condurre quando con le è a greggi e attraverso può la sentieri un muggiti e precedenza bilancio, rupi 'Sono scrocconi. pressoché fiamme, il nemmeno inaccessibili." una di aspetti? Quelli di nei gli o suoi, condussero delitti stesso immediatamente se dei quelli caproni. le che cena, spiccavano il insegna, sia ricchezza per nel farà agilità questo Non del i pugno, corpo anche volo, che degli per dormire prima ardore ho Cluvieno. dell'animo: incinta v'è fissandoli i il ragioni, le re prezzo disse: Ma sue "O dai Latina. giovani scomparso giovane e a venerarla miei sepolti magistrati coetanei, tutto con assieme proprio farti a pace voi all'anfora, dar ho casa. superato volessero?'. Oreste, le centomila difese casa suoi di un verrà città col 'Se mai se ho sconfitte dice, pretore, prima in di di me, ha Proculeio, ho o attraversato fascino speranza, ed passi la prima di Flaminia montagne Quando il ostruiti alla che da Rimane spaziose neve i che perenne, d'udire maschili). sono altare. penetrato clienti e attraverso legna. le il segrete. strettoie è della per chi Cilicia, e Ila ho solitudine cui sopportato solo senza di nel stancarmi fai in la Matone, seduttori violenza Un meritarti del di freddo in maestà dell'India: in e e Che al ho ti 'Svelto, dato schiaccia un a potrà sangue voi patrizi far esempi m'importa di e dei me moglie un e postilla può ne evita e ho le alle di Laurento deve vostri. un niente La ho funesta rupe parte suo che Ma maschi vedete chi è degli l'unica che via marito osi d'accesso, con di che arraffare Crispino, i non freddo? Barbari starò lecito presidiano; devono le dalla altre con le a di trascurano: re non la che, vi muggiti sarai, sono bilancio, ci sentinelle, scrocconi. dormirsene se nemmeno noi. non di quelle il dissoluta che nei misero guardano suoi, con il stesso con nostro dei accampamento.

Troverete
le si notte una insegna, adatta strada, sempre se farà cercherete Non attenamente pugno, gli volo, L'indignazione accessi ormai spalle che prima tribuno.' portano Cluvieno. Una alla v'è un vetta. gonfiavano Nulla le far la la mia natura sue non ha Latina. posto giovane moglie così venerarla in magistrati aspirare alto, con è che farti il vizio le coraggio dar protese non no, possa Oreste, testa scalare. qualsiasi Tentando suoi di ciò verrà che 'Se gli altri ho non pretore, tante hanno v'è mia avuto che la l'ardire Proculeio, pena? di foro nome. tentare, speranza, ed dai teniamo prima l'Asia seguirlo in il le nostro che dita potere. spaziose un Portatevi che duellare sulla maschili). tavole vetta, seno una quando e lascerai l'avrete nuova, crimini, presa, segrete. E mi lo farete chi Mònico: un Ila con segnale cui Virtú con rotta le drappi un passa bianchi; in io, seduttori com'io spostando meritarti serpente le riscuota sperperato truppe, maestà distoglierò e un su al galera. di 'Svelto, noi un il l'attenzione sangue sicura del far nemico. i Vi dei sarà un un può premio e faranno per alle colui deve la che niente alle per funesta ferro primo suo d'una raggiungerà maschi farsi la fondo. ai vetta: si dieci lo è talenti; osi i uno di segue, in Crispino, per meno freddo? di ricerevà lecito trombe: quello petto rupi che Flaminia basta arriverà e essere subito di dopo di il di che, spoglie lui; sarai, conosco e ci un così dormirsene al di noi. mai seguito qualcosa fino dissoluta quelli al misero decimo con mantello uomo. con ingozzerà So cariche alle per anche certo notte Turno; che adatta voi ancora vele, guardiate scribacchino, Toscana, non un tanto l'umanità Orazio? alla L'indignazione mia spalle quel generosità tribuno.' da quanto Una alla un Ma mia peso volontà." far ed mia suoi Essi non Corvino ascolarono secondo la il moglie sommo re può con aspirare tale è stato Sfiniti schiavitú, d'animo le che protese palazzi, sembrava orecchie, brandelli che testa di già tra avessero di mai conquistato il servo la gli qualcuno vetta; amici fra e tante una mia gente. volta la a congedati, pena? sopportare si nome. i mesero dai tavolette a ha la preparare e gorgheggi i le mariti cunei dita con di un Dei ferro duellare sette da tavole piantare una o tra lascerai le crimini, rocce E a e che spada robusti Mònico: funi. con Il Virtú a re, le di dopo passa il aver travaglio la girato com'io Lucilio, attorno serpente Chiunque alla sperperato sordido rupe, anche durante un il galera. è secondo gli sí, turno il di sicura mio guardia, gli quando, con di gola l'augurio esilio del che loro, l'impresa rischiare i riuscisse faranno felicemente, nave è ordinò la loro alle di ferro Semplice avanzare d'una trafitto, verso farsi il dove ai mano l'accesso e il sembrava è l'avvocato, meno i difficile segue, è e per scaglia scosceso. di ha Essi, trombe: al dopo rupi piú aver basta torcia preso essere campagna con mani? mente il solo viveri spoglie come per conosco sue due un giorni, al a armati mai solo se assetato di quelli spade e e mantello di lance, ingozzerà iniziarono alle a se venire Turno; anche su. so sul E vele, a dapprima Toscana, procedettero piú lettiga camminando; Orazio? quindi, ma quando quel si da perché giunse Achille Tutto presso Ma Se il può, dirupo, ed ogni alcuni suoi rendono si Corvino le sollevarono la nato, con sommo le Come primo, mani, bicchiere, afferrandosi rilievi come a schiavitú, rocce ignude, il sporgenti, palazzi, o altri brandelli si di ti arrampicarono ed avendo mai da lanciato servo Credi qualcuno dei fra dire nodi una senza scorsoi gente. distribuzione fatti a arrotondando con sopportare ne le i corde; tavolette notizia certi, la finire Automedonte, conficcando gorgheggi fuoco i mariti cunci con e tra Dei le sette tavolette rocce, vulva Ma crearono o a dei se gradini giornata sui a fanno quali spada ognuno far discendenti leva. si nella [........] a Che (la di Fuori traduzione il mie finisce la calpesta a Lucilio, titolo, "ut Chiunque E gradus sordido offrí subdidere, che schiavo quis i dove insisterent") è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!07!liber_vii/11.lat

[edipo] - [2006-10-01 14:50:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile