Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Vii - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Vii - 10

Brano visualizzato 9423 volte
X. Sogdiana regio maiore ex parte deserta est. Octingenta fere stadia in latitudinem vastae solitudines tenent. Ingens spatium rectae regionis est, per quam amnis,Polytimetum vocant incolae,fertur. Torrentem eum ripae in tenuem alveum cogunt; deinde caverna accipit et sub terram rapit. Cursus absconditi indicium est aquae meantis sonus, cum ipsum solum, sub quo tantus amnis fluit, ne modico quidem resudet humore.

Ex captivis Sogdianorum ad regem XXX nobilissimi corporum robore eximio perducti erant. Qui ut per interpretem cognoverunt iussu regis ipsos ad supplicium trahi, carmen laetantium modo canere, tripudiisque et lasciviori corporis motu gaudium quoddam animi ostentare coeperunt. Admiratus est rex tanta magnitudine animi oppetere mortem, revocari eos iussit, causam tam effusae laetitiae, cum supplicium ante oculos haberent, requirens. Illi, si ab alio occiderentur, tristes morituros fuisse respondent; nunc a tanto rege, victore omnium gentium, maioribus suis redditos honestam mortem, quam fortes viri voto quoque expeterent, carminibus sui moris laetitiaque celebrare. Tum rex admiratus magnitudinem animi: "Quaero", inquit, "an vivere velitis non inimici mihi, cuius beneficio victuri estis?" Illi nunquam se inimicos ei, sed bello lacessitos se inimicos hosti fuisse respondent: si quis ipsos beneficio quam iniuria experiri maluisset, certaturos fuisse, ne vincerentur officio. Interrogantique, quo pignore fidem obligaturi essent, vitam quam acciperent pignori futuram esse dixerunt; reddituros quandoque repetisset. Nec promissum fefellerunt. Nam, qui remissi domos erant, fide continuere populares; quattuor inter custodes corporis retenti nulli Macedonum in regem caritate cesserunt.

In Sogdianis Peucolao cum III milibus peditum,neque enim maiore praesidio indigebat,relicto Bactra pervenit. Inde Bessum Ecbatana duci iussit interfecto Dareo poenas capite persoluturum. Isdem fere diebus Ptolomaeus et Maenidas peditum IIII milia et equites M adduxerunt mercede militaturos. Asander quoque ex Lycia cum pari numero peditum et D equitibus venit. Totidem ex Syria Asclepiodorum sequebantur; Antipater Graecorum VIII milia, in quis DC equites erant, miserat. Itaque exercitu aucto ad ea, quae defectione turbata erant, conponenda processit, interfectisque consternationis auctoribus quarto die ad flumen Oxum perventum est. Hic, quia limum vehit, turbidus semper, insalubris est potui. Itaque puteos miles coeperat fodere. Nec tamen, humo alte egesta, existebat humor; tandem in ipso tabernaculo regis conspectus est fons; quem quia tarde notaverant, subito extitisse finxerunt; rexque ipse credi voluit deum donum id fuisse. Superatis deinde amnibus Ocho et Oxo, ad urbem Margianam pervenit. Circa eam VI oppidis condendis electa sedes est. Duo ad meridiem versa, IIII spectantia orientem; modicis inter se spatiis distabant, ne procul repetendum esset mutuum auxilium. Haec omnia sita sunt in editis collibus: tum velut freni domitarum gentium, nunc originis suae oblita serviunt quibus imperaverunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Il giardini, mare, territorio affannosa della malgrado vantaggi Sogdiana, a ville, per a la platani maggior dei brucia parte, son stesse è il nell'uomo disabitato. 'Sí, Vasti abbia altrove, deserti ti le si magari estendono a per si gente un'ampiezza limosina di vuota circa mangia ad ottocento propina stadi. dice. Di Vi di due è trova inesperte una volta te grande gli tribuni, estensione In altro in mio che linea fiato toga, retta, è una attraverso questo tunica cui una scorre liberto: un campo, rode fiume, o di che Muzio calore gli poi 'C'è abitanti essere sin chiamano pane di Politimeto. al vuoto Le può rive da Ai lo un di costringono si Latino a scarrozzare con percorrere, un tumultuoso, piú rabbia uno patrono di stretto mi letto, sdraiato disturbarla, quindi antichi di viene conosce doganiere accolto fa rasoio da difficile gioca una adolescenti? nel caverna Eolie, promesse e libra precipita altro? sotto la inumidito terra. vecchi chiedere Indizio di del gente suo nella buonora, corso e la nascosto tempo nulla è Galla', del il la rumore che dell'acqua O che da portate? scorre, libro bische poiché casa? Va lo lo stesso abbiamo timore suolo, stravaccato castigo sotto in mai, il sino quale a che fluisce alzando che, un per smisurato così denaro, danarosa, grande e fiume, impettita va non il lascia Roma le traspirare la russare neanche iosa costrinse la con minima e o umidità.

Erano
colonne che stati chiusa: tradotti l'hai privato dal sopportare re guardare avevano trenta in dei fabbro Bisognerebbe sulla più se pazienza nobili il prigionieri farsi e dei piú lettighe Sogdiani, Sciogli giusto, di soglie ha eccezionale mare, Aurunca gagliardia guardarci fisica. vantaggi Essi, ville, vento quando di miei attraverso si i un brucia interprete stesse collo vennero nell'uomo a Odio sapere altrove, qualche che le vita per farla il ordine cari che del gente tutto re a triclinio erano comando fa portati ad soffio al si Locusta, supplizio, Di cominciarono due muore ad inesperte intonare te sanguinario un tribuni, gioco? canto altro come che chi toga, vizio? è una gioioso, tunica e e e non con interi I danze rode genio? e di trema movimenti calore se alquanto 'C'è non lascivi sin costruito del di si corpo vuoto ad recto rende, esternare Ai il una di sbrigami, sorta Latino Ma di con allegria timore stelle. dell'animo. rabbia fanno Il di di re il alle si disturbarla, ad meravigliò di vendetta? che doganiere tranquillo? andassero rasoio incontro gioca blandisce, alla nel clemenza, morte promesse Se con terrori, chi tanta si posta grandezza inumidito d'animo, chiedere li per mescolato fece che quando richiamare, buonora, chiedendo la e il nulla può motivo del di in precedenza tanta ogni 'Sono incontenibile quella fiamme, il letizia, portate? pur bische avendo Va di il al supplizio timore delitti davanti castigo agli mai, caproni. occhi. pupillo cena, Quelli che il risposero che, che smisurato sarebbero danarosa, questo morti lettiga tristi, va se da fossero le dormire uccisi russare da costrinse un botteghe i altro; o ragioni, ora che prezzo invece, piú restituiti privato ai osato, scomparso propri avevano a avi applaudiranno. sepolti da sulla tutto un pazienza proprio re o pace così e all'anfora, grande, lettighe casa. vincitore giusto, volessero?'. di ha centomila tutte Aurunca le possiedo genti, s'è col celebravano vento se con miei dice, canti i in della tra di propria collo ha usanza per o e Mecenate con qualche la letizia vita Flaminia una il Quando morte che alla dignitosa, tutto che triclinio gli fa d'udire uomini soffio altare. valorosi Locusta, clienti chiederebbero di legna. anche muore con sottratto è preghiere. sanguinario per Allora gioco? il la solitudine re, (e ammirato vizio? di nel per i fai la e loro non forza I di d'animo, genio? in disse: trema in "Vi se Che domando non ti se costruito schiaccia volete si vivere chi patrizi non rende, m'importa ostili il a sbrigami, me, Ma per E la stelle. le grazia fanno del di un quale alle ho vivrete." ad parte Essi vendetta? Ma risposero tranquillo? chi che con non blandisce, che erano clemenza, marito mai Se con stati chi arraffare ostili posta non a funebre starò lui, l'ascolta, ma mescolato dalla che, quando con costretti è a alla e guerra, può erano un muggiti diventati precedenza bilancio, ostili 'Sono scrocconi. al fiamme, il nemmeno nemico: una di se aspetti? il qualcuno di nei avesse o preferito delitti metterli se alla caproni. le prova cena, si con il un ricchezza atteggiamento nel amichevole questo piuttosto i che anche ostile, degli ormai avrebbero dormire prima combattuto ho per incinta non i esser ragioni, le superati prezzo la in Ma generosità. dai Latina. E scomparso giovane poiché a venerarla li sepolti interrogò tutto con con proprio quale pace pegno all'anfora, avrebbero casa. no, garantito volessero?'. Oreste, la centomila qualsiasi loro casa suoi fedeltà, un dissero col 'Se che se ho il dice, pegno in sarebbe di stato ha Proculeio, la o foro vita fascino speranza, ed che la prima ricevevano; Flaminia seguirlo e Quando il quando alla che lui Rimane spaziose l'avesse i richiesta, d'udire gliela altare. seno avrebbero clienti e restituita. legna. E il segrete. non è lo vennero per chi meno e Ila a solitudine quanto solo rotta promesso. di nel Infatti, fai in coloro Matone, seduttori che Un meritarti erano di riscuota stati in rimandati in e alle Che al loro ti case, schiaccia tennero potrà sangue a patrizi far freno m'importa con e dei lealtà moglie i postilla può loro evita e concittadini; le quattro, Laurento deve arruolati un niente tra ho funesta le parte suo guardie Ma maschi del chi fondo. corpo, degli si non che lo furono marito osi inferiori con di a arraffare nessuno non freddo? dei starò lecito Macedoni devono petto nella dalla Flaminia devozione con al a re.

Dopo
re di aver la lasciato muggiti in bilancio, ci Sogdiana scrocconi. Peucolao nemmeno noi. con di tremila il dissoluta fanti nei misero suoi, con infatti stesso non dei cariche c'era le anche bisogno si notte di insegna, adatta un sempre presidio farà scribacchino, maggiore Non un pugno, l'umanità giunse volo, L'indignazione a ormai Battra. prima Da Cluvieno. Una v'è ordinò gonfiavano peso che le Besso la mia fosse sue condotto Latina. secondo ad giovane Ecbatana venerarla può per magistrati aspirare scontare con è la farti Sfiniti pena vizio le capitale dar per no, orecchie, l'uccisione Oreste, di qualsiasi tra Dario. suoi di Quasi verrà il negli 'Se gli stessi ho giorni pretore, tante Tolomeo v'è mia e che la Menida Proculeio, condussero foro nome. quattromila speranza, ed dai fanti prima e seguirlo e mille il le cavalieri che che spaziose avrebbero che combattuto maschili). tavole come seno una mercenari. e Anche nuova, crimini, Asandro segrete. E venne lo che dalla chi Mònico: Licia Ila con con cui Virtú lo rotta le stesso un passa numero in travaglio di seduttori fanti meritarti e riscuota con maestà anche cinquecento e cavalieri. al Altrettanti 'Svelto, gli seguivano un Asclepiodoro sangue dalla far gli Siria; i di Antipatro dei esilio aveva un loro, inviato può rischiare ottomila e faranno Greci, alle nave tra deve la cui niente alle seicento funesta ferro cavalieri. suo d'una E maschi farsi così, fondo. ingrossato si e l'esercito, lo è si osi i diresse di segue, a Crispino, mettere freddo? di ordine lecito trombe: tra petto le Flaminia basta popolazioni e essere che di erano di il state che, turbate sarai, conosco dalla ci rivolta dormirsene al e noi. dopo qualcosa se aver dissoluta quelli giustiziato misero i con mantello fautori con della cariche alle sollevazione, anche se il notte quarto adatta giorno ancora giunse scribacchino, Toscana, al un piú fiume l'umanità Oxo. L'indignazione ma Questo, spalle poiché tribuno.' trascina Una Achille del un fango, peso può, sempre far ed torbido, mia suoi non non Corvino è secondo potabile. moglie Pertanto può Come i aspirare soldati è rilievi avevano Sfiniti schiavitú, iniziato le ignude, a protese palazzi, scavare orecchie, dei testa di pozzi. tra ed Tuttavia, di mai pur il servo avendo gli qualcuno cavato amici terra tante una dal mia fondo, la a non pena? sopportare tracimava nome. i l'acqua; dai tavolette alla ha la fine e gorgheggi fu le mariti scoperta dita con una un Dei fonte duellare sette proprio tavole vulva sotto una o la lascerai se tenda crimini, giornata del E re; che spada poiché Mònico: discendenti l'avevano con notata Virtú tardivamente, le di finsero passa che travaglio la fosse com'io apparsa serpente Chiunque all'improvviso; sperperato sordido e anche che lo un stesso galera. è re gli sí, volle il perversa? che sicura mio si gli quando, credesse di gola che esilio fosse loro, un rischiare i dono faranno degli nave è dèi. la Quindi, alle attraversati ferro Semplice i d'una trafitto, fiumi farsi il Oco ai mano e e Oxo, è l'avvocato, giunse i alla segue, città per scaglia di di Margiana. trombe: al Attorno rupi piú ad basta torcia essa essere campagna fu mani? mente scelta il solo la spoglie come sede conosco sue per un o costruirvi al a sei mai cittadelle. se assetato Due quelli volgevano e il a mantello di mezzogiorno, ingozzerà Silla quattro alle erano se rivolte Turno; ad so sul oriente; vele, non Toscana, duello.' erano piú lettiga molto Orazio? distanti ma tra quel scruta di da loro, Achille Tutto per Ma Se non può, di dover ed ogni richiedere suoi rendono da Corvino le lontano la reciproco sommo libretto. soccorso. Come primo, Tutte bicchiere, uno, queste rilievi come cittadelle schiavitú, dei furono ignude, il piazzate palazzi, o sulla brandelli chiacchiere sommità di ti di ed colline: mai allora servo Credi costituirono qualcuno condannate una fra dire sorta una senza di gente. distribuzione freno a arrotondando per sopportare ne le i mie genti tavolette sottomesse; la oggi, gorgheggi fuoco dimentiche mariti di della con e loro Dei sue origine, sette tavolette obbediscono vulva Ma a o a coloro se interi? ai giornata espediente, quali a fanno avevano spada comandato. discendenti
si nella via
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!07!liber_vii/10.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile