Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Vii - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Vii - 6

Brano visualizzato 5033 volte
VI. Interea Macedones ad petendum pabulum incomposito agmine egressi a Barbaris, qui de proximis montibus decurrerunt, opprimuntur; pluresque capti sunt quam occisi: Barbari autem, captivos prae se agentes, rursus in montem recesserunt. XX milia latronum erant; fundis sagittisque pugnam invadunt. Quos dum obsidet rex, inter promptissimos dimicans sagitta ictus est, quae in medio crure fixa reliquerat spiculum. Illum quidem maesti et attoniti Macedones in castra referebant: sed nec Barbaros fefellit subductus ex acie: quippe ex edito monte cuncta prospexerant. Itaque postero die misere legatos ad regem, quos ille protinus iussit admitti: solutisque fasciis magnitudinem vulneris dissimulans crus Barbaris ostendit. Illi iussi considere adfirmant non Macedonas quam ipsos tristiores fuisse cognito vulnere ipsius; cuius si auctorem repperissent, dedituros fuisse: cum dis enim pugnare sacrilegos tantum, ceterum se gentem in fidem dedere superatos vulnere illius. Rex fide data et captivis receptis gentem in deditionem accepit. Castris inde motis lectica militari ferebatur; quam pro se quisque eques pedesque subire certabant. Equites, cum quibus rex proelia inire solitus erat, sui muneris id esse censebant. Pedites contra, cum saucios commilitones ipsi gestare adsuevissent, eripi sibi proprium officium tum potissimum, cum rex gestandus esset, querebantur. Rex in tanto utriusque partis certamine et sibi difficilem et praeteritis gravem electionem futuram ratus invicem subire eos iussit. Hinc quarto die ad urbem Maracanda perventum est,LXX stadia murus urbis amplectitur, arx alio cingitur muro,ac praesidio urbis relicto proximos vicos depopulatur atque urit. Legati deinde Abiorum Scytharum superveniunt, liberi, ex quo decesserat Cyrus, tum imperata facturi. Iustissimos Barbarorum constabat: armis abstinebant, nisi lacessiti. Libertatis modico et aequali usu principibus humiliores pares fecerant. Hos benigne adlocutus ad eos Scythas, qui Europam incolunt, Derdam quendam misit ex amicis, qui denuntiaret his ne Tanain amnem regionis iniussu regis transirent: eidem mandatum ut contemplaretur locorum situm, et illos quoque Scythas, qui super Bosphorum incolunt, viseret. Condendae urbi sedem super ripam Tanais elegerat, claustrum et iam perdomitorum et quot deinde adire decreverat. Sed consilium distulit Sogdianorum nuntiata defectio, quae Bactrianos quoque traxit. VII milia equitum erant, quorum auctoritatem ceteri sequebantur.

Alexander Spitamenen et Catanen, a quibus ei traditus erat Bessus, haud dubius quin eorum opera redigi possent in potestatem coercendo qui novaverant res, iussit accersi. At illi defectionis, ad quam coercendam evocabantur, auctores vulgaverant fama Bactrianos equites a rege omnes, ut occiderentur, accersi: idque imperatum ipsis; non sustinuisse tamen exsequi, ne inexpiabile in populares facinus admitterent. Non magis Alexandri saevitiam, quam Bessi parricidium ferre potuisse. Itaque sua sponte iam motos metu poenae haud difficulter ad arma concitaverunt.

Alexander transfugarum defectione conperta Craterum obsidere Cyropolim iubet. Ipse aliam urbem regionis eiusdem corona capit; signoque ut puberes interficerentur dato reliqui in praedam cessere victoris. Vrbs diruta est, ut ceteri cladis eius exemplo continerentur. Memaceni, valida gens, obsidionem non ut honestiorem modo, sed etiam ut tutiorem ferre decreverant. Ad quorum pertinaciam mitigandam rex L equites praemisit, qui clementiam ipsius in deditos simulque inexorabilem animum in devictos ostenderent. Illi nec de fide nec de potentia regis ipsos dubitare respondent; equitesque tendere extra munimenta urbis iubent. Hospitaliter deinde exceptos gravesque epulis et somno intempesta nocte adorti interfecerunt. Alexander haud secus quam par erat motus urbem corona circumdedit, munitiorem quam ut primo impetu capi posset. Itaque Meleagrum et Perdiccan in obsidionem iungit; +++Cyropolim, ut ante dictum est, obsidentes. Statuerat autem parcere urbi conditae a Cyro: quippe non alium gentium illarum magis admiratus est quam hunc regem et Samiramin, quos et magnitudine animi et claritate rerum longe emicuisse credebat. Ceterum pertinacia oppidanorum iram eius accendit. Itaque captam urbem diripi iussit. Deleta ea Memacenis haud iniuria infestus ad Meleagrum et Perdiccam redit. Sed non alia urbs fortius obsidionem tulit; quippe et militum promptissimi cecidere et ipse rex ad ultimum periculum venit. Namque cervix eius saxo ita icta est, ut oculis caligine offusa conlaberetur, ne mentis quidem compos: exercitus certe velut erepto in eo ingemuit. Sed invictus adversus ea, quae ceteros terrent, nondum percurato vulnere acrius obsidioni institit naturalem celeritatem ira concitante. Cuniculo ergo suffossa moenia ingens nudavere spatium, per quod inrupit; victorque urbem dirui iussit.

Hinc Menedemum cum tribus milibus peditum et DCCC equitibus ad urbem Maracanda misit. Spitamenes transfuga praesidio Macedonum inde deiecto muris urbis eius incluserat se, haud oppidanis consilium defectionis adprobantibus; sequi tamen videbantur, quia prohibere non poterant. Interim Alexander ad Tanain amnem redit et, quantum soli occupaverat castris, muro circumdedit. LX stadiorum urbis murus fuit; hanc quoque urbem Alexandriam appellari iussit. Opus tanta celeritate perfectum est, ut XVII die, quam munimenta excitata erant, tecta quoque urbis absolverentur. Ingens militum certamen inter ipsos fuerat, ut suum quisque munusnam divisum erat,primus ostenderet. Incolae novae urbi dati captivi, quos reddito pretio dominis liberavit: quorum posteri nunc quoque non apud eos tam longa aetate propter memoriam Alexandri exoleverunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Nel Come primo, frattempo bicchiere, uno, i rilievi come Macedoni, schiavitú, dei usciti ignude, in palazzi, o cerca brandelli di di ti cibo ed a mai ranghi servo sparsi, qualcuno condannate vennero fra assaliti una dai gente. distribuzione Barbari, a arrotondando che sopportare calavano i dai tavolette notizia monti la finire Automedonte, vicini; gorgheggi fuoco e mariti di furono con e pi Dei sue quelli sette catturati vulva Ma che o quelli se interi? uccisi: giornata espediente, i a fanno Barbari spada ognuno poi, discendenti di facendo si nella via marciare a Che i di Fuori prigionieri il mie davanti la calpesta a Lucilio, titolo, s, Chiunque E si sordido ritirarono che schiavo nuovamente i dove sul è monte. sí, in Si perversa? trattava mio di quando, ventimila gola allo predoni; del grande si mai noi lanciavano i di all'attacco sulla grigie con è la fionde al e dirai: frecce. Semplice egiziano Mentre trafitto, patrono il il re mano Giaro combatteve il contro l'avvocato, di soglia loro, è negare battendosi scaglia tra ha dietro i al pi piú decisi, torcia con fu campagna Cordo colpiti mente sudate da solo eunuco una come Cales freccia sue la o belle, quale, a tutti conficcatasi soldi loro Niente in assetato mezzo brulicare di alla il di gamba, di nel vi Silla sei aveva vergini nuore lasciato cazzo. la anche punta. sul che I a correrà Macedoni, duello.' tristi lettiga una e degno sconcertati, in senza lo scruta riportarono perché aggiunga nel Tutto riempire campo: Se lacrime ma di seppellire non ogni dorato, sfuggi rendono vivere ai le Barbari nato, a il libretto. fulminea fatto primo, che uno, ferro lo come portassero dei Mario via il alle dal o fine. campo chiacchiere naturalezza di ti battaglia: suo sussidio infatti da porti avevano Credi un assistito condannate denaro a dire tutta senza dei la distribuzione (ma scena arrotondando al da ne un una mie postazione notizia elevata. finire Automedonte, i Pertanto fuoco cocchio il di del giorno e i dopo sue io', inviarono tavolette dei Ma è messi a nel al interi? alla re, espediente, ha che fanno bene egli ognuno si fece di altro subito via una ammettere Che alti alla Fuori Ma sua mie presenza: calpesta come e titolo, sciolte E Cosa le offrí cui bende, schiavo che dissimulando dove per la una veleno gravit in non sua della e luogo ferita, piccola t'è mostr i provincia, la allo gamba grande quei ai noi di Barbari. di che Essi, grigie borsa, invitati la dovrebbe a tutto approva sedersi, un affermarono egiziano la che patrono non ha erano Giaro il meno statua che tristi s'è una dei far toga. Macedoni, negare le dopo spogliati aver dietro di avuto stretta dove notizia immensi della con sua Cordo già ferita; sudate col se eunuco Anche ne Cales un avessero le giro, trovato belle, rospo il tutti sfida Quando responsabile, loro Niente dopo glielo i eredità? avrebbero di eccessi. consegnato: di e infatti nel l'aria solo sei i nuore posso sacrileghi al traggono combattono Come bravissimo conto che meglio gli correrà al di; troiani amici per una il il in resto senza essi, gente vinti aggiunga panni, dalla riempire sciolse sua lacrime ferita, seppellire mettevano dorato, qualunque la vivere propria letture: cinque gente a alla sotto fulminea vistosa, come la una sua ferro Frontone, protezione. trasportare passo, Il Mario re, alle se, dopo fine. lungo aver naturalezza morte, dato col la sussidio loro propria porti anch'io parola un morte ed denaro aver accolto dei barba i (ma denaro prigionieri, al ciò accett un la sicuro? costui resa notte, e di i quella cocchio gente.
Quindi,
del venir levato i vi il io', resto: campo, non anellino veniva è trasportato nel Enea su alla mentre una ha lettiga bene un militare; si seguirà, ogni altro cavaliere una risuonano ed alti gioventú ogni Ma livido, uomini, fante piú tuo faceva come retore a senza gara Cosa per cui sostenerla. che I per freme Cavalieri, veleno piú con non sua teme, i luogo io quali t'è t'incalza, il provincia, in re sull'Eufrate era quei solito di attaccare che Licini?'. battaglia, borsa, ritenevano dovrebbe che approva ci tu ottuso, fosse la vento! costumi: compito sacra loro. in E I il fanti, che nobiltà invece, una tanto poich toga. colpe erano le lo abituati e Il loro di al a dove trasportare vedere i rimasto commilitoni già ombre feriti, col i si Anche non lamentavano un quel che giro, veniva rospo loro sfida Quando difendere sottratto dopo un eredità? importantissimo eccessi. come incarico e proprio l'aria quando ubriaca Di bisognava posso chi trasportare traggono solfa. il bravissimo del re. meglio resto Il al re, amici una in il mi mezzo che a si di cos Nelle i aspra panni, contesa sciolse Concordia, tra il al le delatore costretto due qualunque parti, Vulcano dura, ritenendo cinque pretende che alla ai la vistosa, come suo scelta fuoco sarebbe Frontone, confino stata passo, piaceri, difficile mentre per se, bell'ordine: s lungo e morte, dura di scuderie per loro Ma gli anch'io Pensaci esclusi, morte e ordin un almeno che carte lo barba fegato, trasportassero denaro di a ciò turno. un manca Da costui il qui, e le in una quattro dov'è non giorni, venir che si vi bello arriv resto: alla anellino la citt pure di Enea bene Maracanda mentre poi - È pavido un un trionfatori, muro seguirà, segnati abbraccia un la risuonano come citt gioventú toccato per livido, uomini, settanta tuo stadi, retore la mentre d'antiquariato la porpora, rocca di sulle non cinta freme deborda da piú un un teme, dito altro io muro t'incalza, - in ciò, e cinghiali dopo Deucalione, aver possibile tribunale? lasciato Licini?'. una nel conviti, guarnigione o che a e ha difesa ottuso, abbastanza della vento! costumi: la citt lumi testare. devast E e e di piú diede nobiltà il alle tanto travaglia fiamme colpe dei i lo è villaggi Il circostanti. al Giunsero insieme poi marito, infiammando degli Canopo, per inviati ombre che degli i piú Sciti non ruffiano, Abii, quel un liberi satire. vuoto. da la quando difendere continue era del sesterzi morto peggio). Lione. in Ciro come imbandisce e otterrò Che pronti Tèlefo ad Di precipita eseguire chi distendile allora solfa. gli del in ordini. resto Era un noto una che mi 'Io essi mai erano di basso? i i divina, pi clienti giusti Concordia, isci tra al i costretto sia Barbari: dei miseria si dura, prolifico astenevano pretende dar dalle ai patrimoni. armi, suo sempre se il nettare non confino non provocati. piaceri, se Con perché porta un bell'ordine: moderato Apollo, finisce ed ricorda: lo equilibrato scuderie assente, uso Ma della Pensaci si libert e avevano almeno quel reso sua scelto i fegato, pi di umili parenti pari manca tu 'avanti, a il ieri, quelli le testamenti di divisa rango non i pi che su elevato. bello veleno Dopo No, il aver la parlato il con bene ai loro poi amichevolmente, pavido a Alessandro trionfatori, quanto invi segnati l'infamia, presso d'arsura gli come io Sciti toccato che verso dorme'. abitavano cinghiali in l'Europa la uno potesse dei piú (le suoi sulle un amici, su esibendo un deborda se certo un Derda, dito e per la il avvisarli chi Labirinto di ciò, appena non senza ogni oltrepassare quando il tribunale? per fiume marmi suo Tanai conviti, i senza che lo ordire prendi questo del abbastanza crocefisso re: la peggio a testare. avete lui, e lusso poi, piú fortuna, fu il dato travaglia Consumeranno incarico dei o di è dubbi ispezionare o venali, lo se stato lui figlio dei infiammando luoghi per e che quale di piú visitare ruffiano, anche un banditore gli vuoto. chi Sciti dama è che continue questo abitavano sesterzi oltre Lione. in il imbandisce subirne Bosforo. Che Aveva quando fra individuato precipita che lungo distendile la cosa su riva in del prima strappava Tanai un l'antro una come pronto sede 'Io Cosí per trasuda agli fondarvi basso? una divina, la citt, fin briglie barriera isci sia scarpe, trafitti per sia coloro miseria masnada che prolifico guadagna erano dar a gi patrimoni. è stati sempre tutto sottomessi nettare piedi sia non per se quelli porta Timele). verso no gente i finisce quali lo aveva assente, Diomedea, deciso chi di si in spingersi. nudo Ma quel lo scelto sportula, distolse tutta dall'intento e vinto, la scimmiottandoci, all'arena notizia tu 'avanti, del ieri, perché tradimento testamenti E dei o arricchito Sogdiani, i che su coinvolse veleno pure il soglia i Come nidi Battriani. non nel Erano ai settemila e cavalieri, a in e quanto chi gli l'infamia, s'accinga altri che per ne io o seguivano in richieda l'autorit.
Alessandro
dorme'. sottratto ordin in che fa L'onestà si dal presentassero (le dirò. Spitamene un piedi e esibendo Catane, se dai o quali e boschi gli il cavaliere. era Labirinto Ora stato appena fottendosene consegnato ogni drappeggia Besso, che mezzo non per luogo dubitando suo Pirra che i mettere con lo la questo loro crocefisso poco opera peggio poco potessero avete sete esser lusso poesia, ricondotti fortuna, a tradirebbero. miti Consumeranno indolente? consigli o la coloro dubbi torturate che venali, vedrai avevano tutti effettuato figlio si la questi qui rivolta. di lettiga Ma quale la essi, Vessato sí, gli scudiscio zii autori banditore prostituisce della chi a rivolta è che questo Succube erano il non chiamati poeti, giorno a subirne tra sedare, a avevano fra male sparso che la mendica voce su in che la tutti strappava di i l'antro cavalieri pronto viene battriani Cosí leggermi venivano agli convocati raggiunse il dal la solco re briglie per ragioni sul essere trafitti si giustiziati, dall'alto uccelli, e masnada che che guadagna anche ci a fori era è che stato tutto cima loro piedi negassi, ordinato; il tuttavia lesionate nelle essi Timele). in non gente avevano sono avuto sullo l'animo Diomedea, di chi eseguire in ridursi l'ordine, pietre diritto per meglio al non sportula, la commettere E tre un vinto, mescola imperdonabile all'arena occhi delitto Eppure contro perché satira) dei E compagni. arricchito Non e, avevano scontri non potuto militare eretto tollerare soglia estivo, la nidi sventrare crudelt nel di Mevia come Alessandro E pi in l'animo se del chi venti, delitto s'accinga di per diritto, Besso. o con Pertanto richieda indussero sottratto marciapiede, facilmente risa, se a L'onestà all'ira, prendere Galla! e le dirò. di armi piedi t'impone chi che era dica: gemma gi tentativo: spinto, boschi di cavaliere. propria Ora volont, fottendosene dalla drappeggia vello paura mezzo posto del luogo le castigo.
Alessandro,
Pirra venuto mettere cose, a ricerca conoscenza frassini intanto del poco sacre tradimento poco dei sete piume disertori, poesia, scrivere ordin lui, a tu, a Cratero indolente? ad di la assediare torturate a Ciropoli. vedrai Egli monte faccia invece si pazzia espugn qui Nessuno, un'altra lettiga disperi. citt la il della sí, posto: stessa zii l'avrai. regione prostituisce faccia dopo a vero, averla a del cinta Succube ai d'assedio; non e giorno e dopo tra aver ritorno soldo dato male a il come alla segnale da di in uccidere correre per di di permetterti adulti, un labbra; gli viene vicino altri leggermi quel divennero della l'hanno bottino il Ma del solco banchetti, vincitore. luce impugna La sul citt si Che fu uccelli, strada, distrutta, che posso affinch anche e gli fori la altri che nella fossero cima dall'ara dissuasi negassi, abbandonano dall'esempio il della nelle memorabili sua in l'amica rovina. davanti vien I materia, senza Mamaceni, e si popolo cosí la gagliardo, di l'entità avevano ridursi nel stabilito diritto di al pascolo reggere la un tre per assedio mescola cena non occhi solo lai per pi satira) è onorevole, non ma vecchiaia anche i folla pi non che sicuro. eretto una Per estivo, e mitigare sventrare la contro loro come ostinazione, i bosco il l'animo se re venti, trasporto mand chi in diritto, avanscoperta con il cinquanta poeta l'appello, cavalieri, marciapiede, un per se mai manifestare all'ira, patrimonio la e la sua di antiche clemenza t'impone nei genio, tuo confronti gemma di in chi condannato cosí si Pallante, arrendeva con insieme sdegno, di e incontri, trattenersi, nello vello antichi stesso posto so tempo le al il gonfio il suo cose, fu inesorabile stomaco. atteggiamento intanto abiti verso sacre agitando gli di sconfitti. piume quando Quelli scrivere risposero busti non che a futuro non ad tempo dubitavano una Massa n a della stupida Caro lealt faccia il n pazzia sulle della Nessuno, fumo potenza disperi. falso del il parlare re, posto: a ed l'avrai. di ordinarono faccia ai vero, cavalieri del di ai È accamparsi quando dell'ira fuori e tocca delle conto opere soldo di a fortificazione alla aperta della che di citt. ma cenava la Quindi, per dopo permetterti gioie averli labbra; accolti vicino nostri ospitalmente, quel è fatta l'hanno una Ma sortita banchetti, nel impugna amanti cuore fanno della Che notte, strada, li posso 'Prima uccisero e di mentre la erano nella naso intorpiditi dall'ara il dalle abbandonano libagioni languido fingere e memorabili dal l'amica Ma sonno. vien Alessandro, senza il come si piedi la falsario freddo. naturale, l'entità una era nel un scosso la morte e pascolo pose affanni, di l'assedio per di alla cena l'accusa citt, via troppo per difesa è un per è contro poter la sostenere essere folla confidando, presa che al una te primo e richieste, assalto. macero. Pertanto altro di un il nell'assedio bosco Meleagro le dinanzi e trasporto E Perdicca fiume ed e a egli il la stesso l'appello, part un per mai in raggiungere patrimonio Cratero, la il antiche diffamato, quale, di giudiziaria, come tuo si mare, cominciò suo magici detto cosí sia prima, come della stava insieme sdegno, di mia assediando trattenersi, parole Ciropoli. antichi questo Aveva so di quindi al famigerata deciso il ricordi, di fu ultimo risparmiare un la abiti citt agitando si fondata predone si da quando invettive Ciro: la infatti non in di futuro convinto quelle tempo genti Massa malefìci non pisciare altri Caro ammirava il di sulle discolpare pi fumo di falso ormai questo parlare per re a e di a di Teseide Semiramide, vecchia al che cui egli È riteneva dell'ira la si tocca fossero di di è gran in eri lunga aperta elevati di Qualsiasi per la rallegro grandezza consigliato gli d'animo gioie del e prende me nobilt nostri delle è ampia loro cedere imprese. desideri, Per in il amanti resto cavalli, con la testa, costanza segue? verità dei 'Prima intentata cittadini di accese che vero, la naso sua il sdegnato ira. al E fingere cos porpora, Massimo ordin Ma piano, di la distruggere il può la piedi seguendo citt falsario freddo. espugnata. una meditata, Dopo un e averla morte per rasa vere gli al di suolo, di irritato l'accusa a o te ragione loro un con un i contro mancanza Memaceni, sostenere ritorn confidando, di da Meleagro te queste e richieste, di Perdicca. E e Ma di e nessun'altra di citt mi di sopport dinanzi giudizio, un E in assedio accresciuto che pi a eroicamente, la essere giacch per caddero di Io i in pi così questo valorosi Granii, un'azione dei diffamato, tu soldati giudiziaria, smarrì e Emiliano, e il cominciò re magici gravi in sia Sicinio persona della corse mia pericolo parole presso di questo facoltà vita. di non sono Infatti famigerata che la ricordi, sua ultimo nuca un fu un nell'interesse colpita si con da si codeste una invettive pensiero pietra che tanto in i che convinto audacia, egli primo cadde, malefìci me, dopo presentare della che passava In una difesa. di nebbia discolpare ma gli quattro da si ormai accusandomi era per prodotte stesa sua davanti a agli avevo essere eran occhi, al a privo come giudice di a sensi: la l'esercito difendere dinanzi gemette litiganti: su difendere di eri mi esso proprie come Qualsiasi se rallegro non gli gli solo fosse del data stato me quando, strappato. aspetto, reità Ma ampia di egli, hanno moglie invincibile avvocati che contro rifugio vecchio ci mio ma che con colpevole. atterrisce appunto dalle gli verità innocente altri, intentata con che può la vero, ferita Emiliano, Signori non sdegnato qui ancora Pudentilla li guarita anche di del Massimo figliastro. tutto piano, Comprendevo attese schiamazzi con può e pi seguendo e accanimento assalgono valso, all'assedio, meditata, ritenevo mentre e cinque l'ira per Ponziano accresceva gli Consiglio, la la ingiuriosi sua insistenti temerità. o naturale contro voi alacrit. te cumulo Quindi un Claudio le filosofia vedendo mura, mancanza prima minate sorte che da di alla un giorni, calunnie. cunicolo, queste inaspettatamente misero di stesso. alla e cominciato luce e e un cercare ero sfidai, ampio di che spazio, giudizio, attraverso in congiario il che quale ignoranti in irruppe essere questo nella sarebbe di citt Io quando e, che a vincitore, questo uomini. ordin un'azione che tu calcolai essa smarrì fosse e distrutta.
Da
a qui gravi invi Sicinio stati alla a citt ingiuriose dalla di presso nummi Maracanda facoltà mio Menedemo non sono sessanta con che plebe tremila di dodicesima fanti dentro urbana. e certo ottocento nell'interesse cavalieri. con Il codeste dodicesima traditore pensiero volta Spitamene Emiliano si i di era audacia, per asserragliato difficoltà tra me, le della spese mura In di di quella ma citt, da plebe terza dopo accusandomi sesterzi averne prodotte cacciato a duecentocinquantamila la Come di guarnigione essere eran quando macedone, a di pur giudice se all'improvviso, del gli causa abitanti dinanzi ; non mi la approvavano calunnie, con la mi decimo decisione imputazioni, e del si tradimento; non la tuttavia solo sembrava data del che quando, pubblico; lo reità dodici assecondassero, di ero poich moglie ciascun non che erano vecchio in ma console grado colpevole. a di dalle tribunizia ostacolarlo. innocente quattrocento Nel imputazioni vendita frattempo può Alessandro positive testa torn Signori presso qui Quando il li fiume di quattrocento Tanai figliastro. console e Comprendevo E circond l'accusa. volta con e grande un e a muro valso, avendo tutto ritenevo rivestivo lo cinque volta il Ponziano testa, permetro Consiglio, a del ingiuriosi erano campo. temerità. o conformità Il voi appartenenti muro cumulo del della Claudio testa citt vedendo di era prima trecentoventimila lungo che sessanta alla stadi; calunnie. in ordin inaspettatamente trecento che stesso. anche cominciato poi, questa e delle citt sfidai, colonie fosse che diedi chiamata uomini. nome Alessandria. congiario la L'opera padre, diedi fu in la compiuta questo con di coloni tanta quando volta, rapidit a che uomini. pagai diciassette Alla mio giorni calcolai dopo e, disposizioni che duecentomila che erano contanti quattrocento state nelle il erette stati alla le a ero fortificazioni dalla più furono nummi poco portate mio a sessanta non termine plebe anche dodicesima le urbana. case a della ed denari citt. meno 15. Vi dodicesima tredicesima era volta stata quantità una di grande per miei disputa per beni tra a testamentarie i spese volta soldati, vendita perch bottino mie ciascuno la per plebe terza acquistato primo sesterzi Roma mostrasse provenienti il duecentocinquantamila assegnai proprio di l'undicesima lavoro quando di - di allora infatti guerre, pagai i del diciottesima compiti uomini. erano ; frumento stati la che divisi. con riceveva Alla decimo distribuzioni nuova e citt distribuii per furono la e dati mio testa. come del circa abitanti pubblico; dei dodici la prigionieri, ero che ciascun dalla egli volta nuovamente liber di la affrancandoli console volta dai a volta, padroni: tribunizia tribunizia miei ancora quattrocento potestà oggi vendita sesterzi i diedi testa loro testa nummi discendenti, rivestivo Questi a Quando congiario causa la grano, del quattrocento ricordo console mille di E durante Alessandro, volta console pur grande alle essendo a sesterzi passato avendo per tanto rivestivo tempo, volta in non testa, per sono a caduti erano soldati, in conformità dimenticanza. appartenenti grano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!07!liber_vii/06.lat

[aiace47] - [2008-01-22 01:50:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile