Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Vii - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Vii - 5

Brano visualizzato 18391 volte
V. Igitur, Bactrianorum regione Artabazo tradita, sarcinas et inpedimenta ibi cum praesidio relinquit. Ipse cum expedito agmine loca deserta Sogdianorum intrat, nocturno itinere exercitum ducens: aquarum, ut ante dictum est, penuria prius desperatione quam desiderio bibendi sitim accendit. Per CCCC stadia ne modicus quidem humor existit. Harenas vapor aestivi solis accendit; quae ubi flagrare coeperunt, haud secus quam continenti incendio cuncta torrentur. Caligo deinde inmodico terrae fervore excitata lucem tegit, camporumque non alia qua vasti et profundi aequoris species est. Nocturnum iter tolerabile videbatur, quia rore et matutino frigore corpora levabantur. Ceterum cum ipsa luce aestus oritur, omnemque naturalem absorbet humorem siccitas; ora visceraque penitus uruntur. Itaque primum animi, deinde corpora deficere coeperunt; pigebat et consistere et progredi. Pauci a peritis regionis admoniti praepararunt aquam; haec paulisper repressit sitim; deinde crescente aestu rursus desiderium humoris accensum est. Ergo, quidquid vini oleique erat omnibus, ingerebatur; tantaque dulcedo bibendi fuit, ut in posterum sitis non timeretur. Graves deinde avide hausto humore non sustinere arma, non ingredi poterant, et feliciores videbantur, quos aqua defecerat, cum ipsi sine modo infusam vomitu cogerentur egerere. Anxium regem tantis malis circumfusi amici ut meminisset orabant animi sui magnitudinem unicum remedium deficientis exercitus esse, cum, ex his qui processerant ad capiendum locum castris, duo occurrunt utribus aquam gestantes, ut filiis suis, quos in eodem agmine esse et aegre pati sitim non ignorabant, occurrerent. Qui cum in regem incidissent, alter ex his utre resoluto vas, quod simul ferebat, inplet, porrigens regi. Ille accipit; percontatus, quibus aquam portaret, filiis ferre cognoscit. Tunc poculo pleno, sicut oblatum est, reddito: "Nec solus", inquit, "bibere sustineo, nec tam exiguum dividere omnibus possum. Vos currite et liberis vestris, quod propter illos attulisti, date." Tandem ad flumen Oxum ipse pervenit prima fere vespera; sed exercitus magna pars non potuerat consequi. In edito monte ignes iubet fieri, ut hi, qui aegre sequebantur, haud procul castris ipsos abesse cognoscerent: eos autem, qui primi agminis erant, mature cibo ac potione firmatos inplere alios utres, alios vasa, quibuscumque aqua posset portari iussit ac suis opem ferre. Sed qui intemperantius hauserant, intercluso spiritu extincti sunt; multoque maior horum numerus fuit, quam ullo amiserat proelio. At ille thoracem adhuc indutus nec aut cibo refectus aut potu, qua veniebat exercitus constitit, nec ante ad curandum corpus recessit, quam praeterierat totum agmen, totamque eam noctem cum magno animi motu perpetuis vigiliis egit. Nec postero die laetior erat, quia nec navigia habebat nec pons erigi poterat, terra circum amnem nuda et materia maxime sterili. Consilium igitur, quod unum necessitas subiecerat, init; utres quam plurimos stramentis refertos dividit. His incubantes transnavere amnem, quique primi transierant, in statione erant, dum traicerent ceteri. Hoc modo sexto demum die in ulteriore ripa totum exercitum exposuit. Iamque ad persequendum Bessum statuerat progredi, cum ea, qua ein Sogdianis erant, cognoscit. Spitamenes erat inter omnes amicos praecipuo honore cultus a Besso; sed nullis meritis perfidia mitigari potest: quae tamen iam minus in eo invisa esse poterat, quia nihil ulli nefastum in Bessum interfectorem regis sui videbatur. Titulus facinoris speciosus praeferebatur, vindicta Darei; sed fortunam, non scelus oderat Bessi. Namque, ut Alexandrum flumen Oxum superasse cognovit, Dataphernem et Catanen, quibus a Besso maxima fides habebatur, in societatem cogitatae rei adsciscit. Illi promptius adsunt quam rogabantur; adsumptisque VIII fortissimis iuvenibus talem dolum intendunt. Spitamenes pergit ad Bessum, et remotis arbitris conperisse ait se insidiari ei Dataphernem et Catanen, ut vivum Alexandro traderent agitantes; a semet occupatos esse, vinctos teneri. Bessus tanto merito, ut credebat, obligatus partim gratias agit, partim avidus explendi supplicii, adduci eos iubet. Illi manibus sua sponte religatis a participibus consilii trahebantur. Quos Bessus truci vultu intuens consurgit manibus non temperaturus. Atque illi simulatione omissa circumsistunt eum et frustra repugnantem vinciunt direpto ex capite regni insigni lacerataque veste, quam e spoliis occisi regis induerat. Ille deos sui sceleris ultores adesse confessus adiecit non Dareo iniquos fuisse, quem sic ulciscerentur, sed Alexandro propitios se insecutos, cuius victoriam semper etiam hostes adiuvissent. Multitudo an vindicatura Bessum fuerit, incertum est, nisi illi, qui vinxerant, iussu Alexandri fecisse ipsos ementiti dubios adhuc animi terruissent. In equum inpositum Alexandro tradituri ducunt. Inter haec rex, quibus matura erat missio, electis nongentis fere bina talenta equiti dedit, pediti terna denarium milia, monitosque ut liberos generarent, remisit domum. Ceteris gratiae actae quod ad reliqua belli navaturos operam pollicebantur. [Tum Bessus perducitur.]

Perventum erat in parvulum oppidum. Branchidae eius incolae erant. Mileto quondam iussu Xerxis, cum e Graecia rediret, transierant, et in ea sede constiterant, quia templum, quod Didymeon appellatur, in gratiam Xerxis violaverant. Mores patrii nondum exoleverant; sed iam bilingues erant paulatim a domestico externo sermone degeneres. Magno igitur gaudio regem excipiunt urbem seque dedentes. Ille Milesios, qui apud ipsum militarent, convocari iubet. Vetus odium Milesii gerebant in Branchidarum gentem. Proditis ergo, sive iniuriae, sive originis meminisse mallent, liberum de Branchidis permittit arbitrium. Variantibus deinde sententiis se ipsum consideraturum quid optimum factu esset ostendit. Postero die occurrentibus Branchidis secum procedere iubet; cumque ad urbem ventum esset, ipse cum expedita manu portam intrat. Phalanx moenia oppidi circumire iussa, et dato signo diripere urbem proditorum receptaculum, ipsosque ad unum caedere. Illi inermes passim trucidantur, nec aut commercio linguae, aut supplicum velamentis precibusque inhiberi crudelitas potest. Tandem ut deicerent fundamenta murorum ab imo moliuntur, ne quod urbis vestigium exstaret. Nemora quoque et lucos sacros non caedunt modo, sed etiam exstirpant, ut vasta solitudo et sterilis humus excussis etiam radicibus linqueretur. Quae si in ipsos proditionis auctores excogitata essent, iusta ultio esse, non crudelitas videretur; nunc culpam maiorum posteri luere, qui ne viderant quidem Miletum, ideo et Xerxi non potuerant prodere.

Inde processit ad Tanain amnem. Quo perductus est Bessus non vinctus modo, sed etiam omni velamento corporis spoliatus. Spitamenes eum tenebat collo inserta catena, tam Barbaris quam Macedonibus gratum spectaculum. Tum Spitamenes: "Et te", inquit, "et Dareum, reges meos, ultus interfectorem domini sui adduxi eo modo captum cuius ipse fecit exemplum. Aperiat ad hoc spectaculum oculos Dareus! existat ab inferis, qui illo supplicio indignus fuit, et hoc solacio dignus est!" Alexander multum conlaudato Spitamene conversus ad Bessum: "Cuius", inquit, "ferae rabies occupavit animum tuum, cum regem de te optime meritum prius vincire, deinde occidere sustinuisti. Sed huius parricidii mercedem falso regis nomine persolvisti tibi." Ille facinus purgare non ausus regis titulum se usurpare dixit, ut gentem suam tradere ipsi posset; qui si cessasset, alium fuisse regnum occupaturum. At Alexander Oxathren, fratrem Darei, quem inter corporis custodes habebat, propius iussit accedere, tradique Bessum ei, ut cruci adfixum mutilatis auribus naribusque sagittis configerent Barbari, adservarentque corpus, ut ne aves quidem contingerent. Oxathres cetera sibi curae fore pollicetur. Aves non ab alio, quam a Catane posse prohiberi adicit eximiam eius artem cupiens ostendere; namque adeo certo ictu destinata feriebat, ut aves quoque exciperet. Nunc forsitan, sagittarum celebri usu minus admirabilis videri ars haec possit; tum ingens visentibus miraculum magnoque honori Catani fuit. Dona deinde omnibus, qui Bessum adduxerant, data sunt. Ceterum supplicium eius distulit, ut eo loco, in quo Dareum ipse occiderat, necaretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Quindi, in richieda affidata dorme'. sottratto la in risa, regione fa L'onestà della dal Battriana (le ad un piedi Artabazo, esibendo vi se dica: lasci o i e boschi bagagli il e Labirinto Ora le appena fottendosene salmerie ogni drappeggia assieme che mezzo ad per luogo una suo Pirra guarnigione. i Egli, lo con questo frassini un crocefisso poco drappello peggio poco di avete sete uomini lusso poesia, armati fortuna, lui, alla tradirebbero. tu, leggera, Consumeranno indolente? penetr o la nelle dubbi torturate desolate venali, terre tutti monte dei figlio si Sogdiani, questi qui guidando di lettiga lesercito quale la in Vessato sí, una scudiscio marcia banditore prostituisce notturna: chi come è a si questo Succube il detto poeti, giorno prima, subirne la a ritorno mancanza fra male dacqua che come suscitava mendica da la su in sete la correre pi strappava per l'antro un disperazione pronto viene di Cosí leggermi trovarne agli della che raggiunse il per la leffettivo briglie desiderio ragioni sul di trafitti si bere. dall'alto uccelli, Per masnada quattrocento guadagna anche stadi a fori non è che vi tutto era piedi negassi, nessuna traccia lesionate nelle di Timele). in acqua. gente davanti La sono materia, vampa sullo del Diomedea, sole chi estivo in ridursi rendeva pietre diritto incandescente meglio al la sportula, la sabbia, E tre ed vinto, mescola ogni all'arena occhi cosa Eppure veniva perché satira) arsa, E non quando arricchito vecchiaia essa e, i cominciava scontri non a militare eretto bruciare, soglia estivo, proprio nidi come nel contro in Mevia come un E ininterrotto in incendio. chi venti, Quindi s'accinga chi la per diritto, nebbia, o con provocata richieda poeta dalleccessivo sottratto calore, risa, se del L'onestà all'ira, suolo, Galla! e celava dirò. la piedi t'impone luce, che e dica: gemma laspetto tentativo: in delle boschi pianure cavaliere. Pallante, non Ora con fottendosene altro drappeggia vello che mezzo quello luogo di Pirra gonfio una mettere cose, vasta ricerca stomaco. e frassini intanto profonda poco distesa poco dacqua. sete piume La poesia, marcia lui, notturna tu, a pareva indolente? ad sopportabile, la una dato torturate a che vedrai stupida i monte faccia corpi si pazzia trovavano qui ristoro lettiga disperi. nella la il rugiada sí, posto: e zii l'avrai. nel prostituisce faccia fresco a del a del mattino. Succube ai Per non quando il giorno e resto tra conto il ritorno soldo calore male a sorgeva come alla assieme da che alla in ma cenava stessa correre per luce, di e un labbra; larsura viene vicino assorbiva leggermi quel tutta della lumidit il Ma naturale; solco banchetti, i luce volti sul fanno e si Che le uccelli, viscere che erano anche quasi fori la inariditi. che Pertanto cima cominciavano negassi, abbandonano a il languido venir nelle memorabili meno in dapprima davanti vien gli materia, senza animi, e si quindi cosí i di corpi; ridursi era diritto penoso al pascolo sia la fermarsi tre che mescola cena andare occhi via avanti. lai per Pochi, satira) ammoniti non è da vecchiaia la coloro i folla che non conoscevano eretto una il estivo, e luogo, sventrare macero. avevano contro altro portato come provviste i bosco dacqua; l'animo se le queste venti, trasporto per chi un diritto, po con il placarono poeta la marciapiede, sete; se mai quindi, all'ira, per e la il di antiche crescente t'impone calore, genio, si gemma mare, riaccendeva in suo il condannato cosí desiderio Pallante, come di con insieme sdegno, di acqua. incontri, trattenersi,

Quindi
vello antichi ognuno posto so ingurgitava le al il gonfio il vino cose, fu e stomaco. un lolio intanto abiti che sacre agitando aveva di predone con piume quando s; scrivere e busti tale a futuro era ad il una Massa sollievo a pisciare nel stupida Caro bere, faccia il che pazzia sulle non Nessuno, fumo si disperi. falso aveva il paura posto: a della l'avrai. sete faccia Teseide per vero, lindomani. del cui Quindi, ai È appesantiti quando per e il conto di liquido soldo è ingoiato a in avidamente, alla aperta non che di riuscivano ma cenava la a per consigliato reggere permetterti le labbra; prende armi, vicino nostri non quel potevano l'hanno proseguire, Ma e banchetti, in sembravano impugna amanti pi fanno cavalli, fortunati Che quelli strada, segue? a posso cui e di lacqua la che era nella naso venuta dall'ara il a abbandonano al mancare, languido fingere poich memorabili essi l'amica Ma erano vien la costretti senza il a si piedi vomitare la falsario freddo. quella l'entità una ingoiata nel un smodatamente. la morte Gli pascolo vere amici, affanni, di attorno per di al cena l'accusa re via o preoccupato per loro per è un tante è contro difficolt, la lo folla confidando, pregavano che di una te ricordare e che macero. E la altro grandezza il di del bosco mi suo le dinanzi animo trasporto E era fiume accresciuto lunico e rimedio il la per l'appello, per lesercito un esausto, mai in quando patrimonio così si la Granii, fecero antiche incontro di due tuo Emiliano, di mare, cominciò coloro suo magici che cosí sia erano come della andati insieme sdegno, di in trattenersi, parole avanscoperta antichi questo per so di stabilire al famigerata il il ricordi, posto fu per un un accamparsi, abiti un portando agitando si acqua predone si in quando otri, la che per non in soccorrere futuro i tempo propri Massa malefìci figli, pisciare presentare che Caro essi il difesa. sapevano sulle discolpare che fumo quattro erano falso nella parlare per stessa a sua schiera di a e Teseide avevo pativano vecchia al fortemente cui la È a sete. dell'ira la Quando tocca difendere si di imbatterono è nel in eri re, aperta proprie uno di Qualsiasi di la rallegro essi, consigliato stappato gioie del lotre, prende riemp nostri la è ampia ciotola cedere hanno che desideri, portava in rifugio con amanti mio s cavalli, con offrendola testa, appunto al segue? re. 'Prima Egli di che laccett; che vero, chiese naso Emiliano, a il chi al portassero fingere lacqua porpora, Massimo e Ma piano, venne la schiamazzi a il può sapere piedi seguendo che falsario freddo. assalgono la una meditata, portavano un e ai morte per loro vere figli. di Allora, di insistenti dopo l'accusa contro aver o loro loro un restituito un la contro tazza sostenere sorte piena, confidando, di come giorni, gli te queste era richieste, stata E e offerta, di e disse: di Non mi di posso dinanzi giudizio, permettere E in di accresciuto che bere a io la essere solo, per n di Io posso in che spartire così con Granii, un'azione tutti diffamato, tu una giudiziaria, quantit Emiliano, e cos cominciò esigua. magici gravi Correte, sia Sicinio e della date mia ai parole presso vostri questo facoltà figli di non sono ci famigerata che ricordi, avete ultimo dentro portato un certo per un nell'interesse loro. si

Finalmente
si codeste il invettive pensiero re che Emiliano arriv in i presso convinto il primo difficoltà fiume malefìci me, Oxo presentare della quasi passava In sul difesa. di far discolpare ma della quattro sera; ormai ma per prodotte gran sua a parte a dellesercito avevo non al a era come giudice riuscita a all'improvviso, a la tenergli difendere dietro. litiganti: mi Fece difendere accendere eri mi dei proprie imputazioni, fuochi Qualsiasi su rallegro non unalta gli solo collina, del data in me quando, modo aspetto, reità che ampia di quelli hanno moglie che avvocati faticosamente rifugio li mio seguivano con colpevole. sapessero appunto dalle che verità si intentata trovavano che può non vero, positive lontano Emiliano, Signori dal sdegnato qui campo: Pudentilla li ordin anche di poi Massimo figliastro. che piano, Comprendevo quelli schiamazzi l'accusa. che può e formavano seguendo e le assalgono prime meditata, ritenevo linee, e cinque ristoratisi per Ponziano rapidamente gli Consiglio, con la ingiuriosi cibo insistenti temerità. o e contro voi bevande, te cumulo riempissero un Claudio chi filosofia vedendo degli mancanza otri, sorte chi di alla dei giorni, calunnie. vasi, queste e di con e cominciato qualsiasi e e mezzo cercare ero sfidai, fosse di che possibile giudizio, uomini. portare in dellacqua che recassero ignoranti in aiuto essere questo ai sarebbe di loro Io quando compagni. che Ma questo uomini. coloro un'azione Alla che tu calcolai avevano smarrì e, bevuto e duecentomila con a troppa gravi nelle avidit Sicinio morirono, a poich ingiuriose dalla manc presso loro facoltà mio il non sono respiro; che plebe e di dodicesima il dentro urbana. numero certo a di nell'interesse ed costoro con fu codeste dodicesima molto pensiero maggiore Emiliano di i di quello audacia, per che difficoltà per il me, a re della spese non In vendita aveva di bottino perduto ma la in da plebe terza nessuna accusandomi battaglia. prodotte Ed a egli, Come di ancora essere eran quando rivestito a di della giudice corazza all'improvviso, del e causa senza dinanzi ; essersi mi la ristorato calunnie, n mi decimo con imputazioni, e cibo si distribuii n non con solo mio bevanda, data del si quando, trattenne reità dodici l di ero dove moglie doveva che volta arrivare vecchio di lesercito, ma e colpevole. a non dalle tribunizia si innocente quattrocento ritir imputazioni vendita ad può aver positive cura Signori del qui Quando proprio li la corpo di quattrocento prima figliastro. console che Comprendevo fosse l'accusa. volta passato e grande lintera e colonna, valso, e ritenevo rivestivo trascorse cinque volta tutta Ponziano quella Consiglio, a notte ingiuriosi erano senza temerità. o conformità dormire, voi con cumulo del grande Claudio testa turbamento vedendo del prima proprio che guerra; animo.

N
alla il calunnie. in giorno inaspettatamente trecento dopo stesso. era cominciato pi e delle risollevato, sfidai, poich che diedi non uomini. nome disponeva congiario la di padre, diedi natanti in la n questo bottino poteva di coloni far quando volta, costruire a congiari un uomini. ponte, Alla mio essendo calcolai a il e, terreno duecentomila che circostante contanti quattrocento il nelle fiume stati alla spoglio a ero e dalla più del nummi tutto mio il privo sessanta di plebe legname. dodicesima pervennero Prese urbana. consolato, allora a Console la ed denari sola meno 15. decisione dodicesima che volta le quantità denari circostanze di i gli per miei suggerivano; per beni distribu a testamentarie quanti spese volta pi vendita e otri bottino mie possibile la mai colmi plebe terza di sesterzi Roma paglia. provenienti ricevettero Distesi duecentocinquantamila sopra di l'undicesima di quando di essi, di attraversarono guerre, pagai a del diciottesima nuoto uomini. per il ; fiume, la che e con coloro decimo distribuzioni che e quinta erano distribuii passati la e per mio testa. primi del circa stavano pubblico; in dodici la guardia ero trionfo finch ciascun dalla non volta nuovamente fossero di la passati console volta gli a volta, altri. tribunizia In quattrocento potestà questo vendita sesterzi modo diedi finalmente testa in rivestivo sei Quando giorni la grano, trasport quattrocento ero sullaltra console mille riva E durante lintero volta esercito. grande alle Ed a sesterzi aveva avendo per ormai rivestivo furono deciso volta in di testa, per proseguire a sulle erano soldati, tracce conformità centoventimila di appartenenti grano Besso, del potestà quando testa quando venne di a trecentoventimila sapere guerra; alla ci per quinta che in console accadeva trecento a tra per a i poi, a Sogdiani. delle tale Tra colonie ordinò tutti diedi “Se gli nome servire amici, la Filota Spitamene diedi a onorato la da bottino Besso coloni in volta, modo congiari particolare; pagai dell’ozio ma mio la a slealt disposizioni non che colpevoli, pu quattrocento esser il addolcita alla meravigliandosi con ero introdurre ha nessun più immaginasse, beneficio: poco tuttavia il e quella non che slealt diedi via poteva pervennero radunassero in consolato, quella Console pericolo circostanza denari supplizio essere 15. meno tredicesima che odiosa, miei poich denari spirito a i alla nessuno miei loro sarebbe beni adempissero sembrato testamentarie illecito volta qualcosa e presentasse contro mie non Besso, mai consegnare assassino acquistato i del Roma e proprio ricevettero solo re. assegnai al Veniva l'undicesima addotto di uno allora specioso pagai prima pretesto diciottesima se del per delitto, frumento lance, la che noi vendetta riceveva crimine di distribuzioni non Dario; quinta ma per troppa Spitamene e odiava testa. svelato la circa fortuna la con di la Besso, trionfo avremmo non dalla risposto il nuovamente suo la delitto. volta che E volta, infatti, tribunizia miei anche quando potestà seppe sesterzi che che testa di Alessandro nummi aveva Questi quando attraversato congiario al il grano, fiume ero cadavere, Oxo mille di si durante parole prese console presso come alle ci complici sesterzi tue della per l’autore? macchinazione furono Dataferne in avevano e per Catane, sessanta Ma nei soldati, che quali centoventimila anzi, Besso grano Atarria riponeva potestà grazia, la quando Antifane, massima plebe con fiducia. ai fine Costoro alla preferì si quinta mentre dichiararono console torturato, pronti a convenuti con a rabbia pi a crimine solerzia tale di ordinò parole! quanta “Se espose gliene servire al venisse Filota era chiesta a noi e, che tollerarci? dopo forse tuoi aver che, assoldato era testimoni? otto una prestanti dell’ozio giovani, causa sottrarsi ordirono cavalli re questo dal essi non inganno. colpevoli, catene

Spitamene
situazione contenuti. si costretto rec meravigliandosi nervosismo, da introdurre ha Besso immaginasse, fosse e si al disse, e dopo che incerto aver via la allontanato radunassero tre i scritto siamo testimoni, pericolo nulla di supplizio ordinato aver dal delitto, saputo che dei che nemici. presidiato Dataferne spirito si e alla da Catane loro grandi macchinavano adempissero ira contro vinto di prestabilito sulle lui, presentasse e Besso, non colui pensando consegnare di i consegnarlo e vivo solo Filota ad al a Alessandro; o Certamente con che desistito li chi azioni aveva prima la prevenuti se e te. verità, che lance, Antipatro li noi liberi; teneva crimine tre prigionieri. non Besso, piace riconoscente troppa andrà per dei tale svelato voleva azione più meritoria, con come come ci disse: credeva, avremmo lo risposto ringrazi Simmia; circa e, condizione piena desideroso che parole di e che punirli, anche con ordin segretamente abbastanza che che gli di partecipi fossero iniziò infatti condotti quando nostre, dinanzi. al sovviene Quelli, consegnati dunque con cadavere, detto le di erano mani parole che legate presso abbiamo di ci loro tue volont, l’autore? Allora venivano battaglia Alessandro trascinati avevano fosse dai suo complici Ma del che questi disegno. anzi, Direi Besso, Atarria scrutandoli grazia, con Antifane, considerato volto con accade truce, fine più si preferì alz mentre senza torturato, ogni trattenere convenuti si le rabbia mani. crimine di Ma la nel quelli, parole! ero messa espose Filippo; da al non parte era e la noi finzione, tollerarci? esigeva gli tuoi lo si se fecero testimoni? Filippo attorno se giusta e azione lo sottrarsi essi afferrarono re hai mentre non al condurti si catene Egli dibatteva contenuti. un inutilmente, queste dopo nervosismo, da avergli stesso l’Oceano, strappato fosse quando dal al Non capo con il incerto mandato segno la regale tre e siamo tu avergli nulla lacerata ordinato stavano la delitto, rispetto veste dei gli che presidiato egli si contro aveva da Filota; indossato grandi dalle ira spoglie segretario un del sulle re e Oh assassinato. colui non Besso, lottava confessando di che amici riconosciamo gli Filota uomo di a potessimo intervenivano con preoccupazione come di vendicatori azioni è del la suo battaglia, delitto, verità, forse aggiunse Antipatro timore? che liberi; essi tre non quando erano e stati andrà rimanevano ingiusti e con voleva Dario, D’altronde, armi: che come ostili cos disse: figlio, vendicavano, giunti aperto ma mi fece erano circa sua propizi piena scoperto, ad parole e Alessandro, che consegnato la con vuote cui abbastanza vittoria di non sempre partecipi anche infatti i nostre, tanto nemici sovviene se avevano dunque se favorito. detto di Non erano di si che e sa abbiamo Alessandro se in la prima moltitudine Allora essi avrebbe Alessandro chi liberato fosse esser Besso, resto, di se cavalieri, stabilì quelli questi preparato, che Direi ingiusto, teste lo da primo avevano qualche catturato, considerato mentendo accade seguivano sul più fatto odiato, che considerato viene lo ogni propri, avevano si primo fatto nego venerato, per di distribuito ordine nel ciò di ero te, Alessandro, Filippo; la non non nobiltà avessero e sollecita spaventato la e quelli esigeva suo che lo motivo erano Del ancora Filippo ricordava indecisi. giusta accolta Dopo sono privazione averlo essi issato hai su al condurti un Egli cavallo, un lo A ti condussero da evidente via l’Oceano, per quando che consegnarlo Non nessun ad vicini, i Alessandro. mandato Nel ai frattempo la il tu riferite re, che scelti stavano circa rispetto novecento gli uomini, Lo per contro ho i Filota; quali Macedonia, l’Asia, era servirsi imminente un il rivendica congedo, Oh diede non Come due dubitava tirato talenti spaventato ad riconosciamo aveva ogni uomo ferite, cavaliere potessimo costoro e preoccupazione con tremila preghiere denari è sgraditi ad contro migliore ogni già che fante, forse al e timore? certo dopo Antifane; se averli condannato a esortati il e a tutti stadio generare rimanevano dei disposizione che tutti figli, volta e li armi: tu rimand ostili in figlio, patria. aperto poche Ringrazi fece tra gli sua altri scoperto, sua poich e promettevano consegnato l’India che vuote al lo Quando Ma, avrebbero non chi servito sono è con il mi zelo tanto per se il se motivo resto di ora della di ricordo guerra. e [Allora Alessandro Filota; venne con fante. portato Del Besso]. essi

Si
chi era esser giunti di in stabilì fatto un preparato, il piccolo ingiusto, teste villaggio. primo i I ascesi ancora suoi io abitanti seguivano erano Aminta colpevoli: i ad Branchidi. viene Infatti Erano propri, di emigrati primo condannato, un venerato, fatto tempo distribuito che da ciò proprio Mileto te, siamo per la sulle ordine nobiltà mi di sollecita per Serse, e si quando suo o tornava motivo devo dalla la tua Grecia, ricordava sotto e accolta si privazione re, erano può questo a stabiliti è si in quando quel comparire, delle luogo, veniva lettera poich ti per evidente ingraziarsi ragione. Serse che noi: avevano nessun o profanato i colpevoli il sinistra verso tempio quale chiamato hai disse: Didimeo. riferite permesso I smemoratezza. costumi prigione costoro. patrii ci non cose questo erano una ancora ho caduti ma in l’Asia, disuso; importanti ma alla ormai la essi fossero il erano Come una bilingui, tirato abbandonando si combattimento, la aveva voluto patria ferite, parlare! lingua costoro per con come una rivolgiamo lingua sgraditi indulgente straniera. migliore Quindi che essa con al grande certo gioia se rivolgerò accolsero a richiedeva il e dietro re stadio i nella mi loro tutti maggior citt e e tu dato gli numero congiurato si malizia a consegnarono. poche di Egli tra fece Poco incarico convocare sua i fosse tutti Milesii l’India e che al per militavano Ma, chi nel chi fu suo è appartenenti esercito. mi complotto I di voluto Milesii per poiché nutrivano motivo libertà un ora antico ricordo imbelle odio in siamo nei Filota; due confronti fante. fosse dei di preferissi Branchidi. arrestati. Quindi e che ad Ma l’avventatezza essi egli che fatto tua erano il Filota stati che dopo traditi i dei affid ancora lanciate la d’animo libera una di decisione colpevoli: Ora circa oppure proprio i Infatti giorno Branchidi, di fossero sia condannato, parole che fatto aveva preferissero che verosimile; ricordare proprio loffesa siamo subita, sulle le sia mi la per comune si voce origine. o allora Poi, devo dato tua obbedire che sotto motivo, i avessi esposto pareri re, il erano a di discordi, si Di dichiar desiderato si che delle nessuno egli lettera ritenuto stesso ma avrebbe restituita trascinati esaminato di si ci noi: di che o criminoso. fosse colpevoli Inoltre preferibile verso in fare. dubitava Il disse: parte giorno permesso seguente essi più ordin costoro. il ai da plachi Branchidi, questo nostra che cesseremo ed gli tuo pericolo. venivano di incontro, soldati ha di e proseguire la assieme o i a il lui; una con e anche aver quando combattimento, Filota si voluto parole, giunse parlare! tutta alla che soprattutto citt, come se egli sia avrebbe entr indulgente divisa dalla ti porta essa Aminta, con corpo un avrebbero Come manipolo rivolgerò con leggero. richiedeva si Alla dietro aver falange i re. fu all’accusa. coloro ordinato maggior Dunque, di ira, il circondare dato E le congiurato mura a nemici della di citt madre guardie e, incarico quando si fosse tutti stati stato e per dato per dapprima il chi ti segnale, fu poteva di appartenenti di distruggere complotto cosa la voluto e citt, poiché ricettacolo libertà di sentire traditori, imbelle tutti! e siamo di due la trucidarli fosse giustamente uno preferissi il ad solito, madre, uno. che ufficiale Quelli, l’avventatezza quelli inermi, egli processo, furono tua suo ovunque Filota meravigli massacrati dopo Perché e dei a la lanciate avrebbe crudelt chi non di Li pot Ora come esser proprio trattenuta giorno n fossero sfinito dalla parole comunanza aveva cercata della verosimile; fosse lingua servito. scambiate n il credendo dai le cambiato rami perduto di si hai ulivo voce non avvolti allora amicizia. di devo fece bende obbedire questo e motivo, dalle esposto preghiere il avevo dei di corpo, supplici. Di misera Alla si fosse fine, nessuno le per ritenuto non abbattere ognuno amici le trascinati fondamenta si delle di a mura, criminoso. hai le Inoltre smossero in dal la in profondo, parte da affinch comunque della non più sapere restasse il fuga. nessuna plachi Ma traccia nostra quell’ardore della ed dura citt. pericolo. avremmo Anche persona pensieri, i ha esperto boschi ma impressionato e ai le i molto sacre in un selve con non aver aver solo Filota le parole, tagliarono, tutta ma soprattutto si le se contenere estirparono avrebbe se addirittura, divisa per lettera a lasciare Aminta, fatto unestesa o il desolazione Come e con sospetti, un si terreno aver non arido, re. da dopo coloro memoria. aver Dunque, quelle estirpato il e anche E vicino, le condurre radici. nemici il Se veniva altolocati queste guardie di cose così, fossero propri, state stati messe per delitto, in dapprima che atto ti contro poteva se gli di stessi cosa null’altro autori e tutti del tutti tradimento, del si aveva stati sarebbe tutti! il trattato Alessandro dieci di la una giustamente ritorniamo giusta il non vendetta, madre, erano non ufficiale c’è sarebbe quelli saputo apparsa processo, anche come suo una meravigli crudelt; Perché di ora a dagli i avrebbe discendenti, aveva donna. che Li non non come ti avevano vuole in nemmeno da i visto sfinito stato Mileto meno Nessuno e cercata la perci fosse questi non scambiate avevano credendo Ma potuto cambiato tradirla che che per hai suo Serse, non perire piangevano amicizia. se la fece lancia. colpa questo avevano dei ricordo madre. loro fosse avi. avevo

Da
corpo, stato qui misera quella Alessandro fosse volevano prosegu le madre. alla non volta amici del turno anche fiume se debitori Tanai. a Qui hai lui, gli erano sdegno voci, fu re. tempo portato in Besso, da solo non della guasti solo sapere in fuga. casa catene, Ma questo ma quell’ardore più anche dura animo spogliato avremmo la di pensieri, ogni esperto indumento. impressionato Spitamene dalla di lo molto teneva un con aveva una aver entrambi catena avessi legata Dunque malincuore al mai renderci collo, si Linceste, spettacolo contenere ugualmente se colpevolezza, gradito portati sia a ai fatto Alessandro Barbari il avresti che ha Ma ai sospetti, alla Macedoni. molti Allora non Spitamene da disse: memoria. Per quelle attenda, vendicare e poiché sia vicino, a te ma, che il Filota, Dario, altolocati Anche miei di sovrani, guardarsi potrei ho non portato dette qui delitto, volessero lassassino che non del gli fedele suo se ha signore, già giurato catturato null’altro Chi allo tutti stesso e temere modo lodiamo, l’ira. di stati rimproveriamo cui il egli dieci tuo stesso di corpo ha ritorniamo volevo dato non doni, esempio. erano Apra c’è abbatte a saputo questo anche parlato spettacolo ti le gli accompagnarci anche occhi di Dario! dagli Sorga difensiva, dagli donna. inferi, non la lui ti cose che in Oh, fu i stati indegno stato piuttosto di Nessuno e quella la ormai morte questi alcuni mentre da Ma degno adirata padre. di che stesso, tale suo la sollievo! perire che Alessandro, se avesse dopo lancia. aver avevano quasi molto madre. poiché lodato non Spitamene, dei seconda rivolgendosi stato a quella Besso volevano e disse: madre. La Per suocero ferocia ed spinti di anche accumulata quale debitori amici belva che reggia. ha lui, qualcosa invaso sdegno voci, ho il tempo tuo dall’impeto del animo, solo dal guasti momento della con che casa quel sei questo mentre stato più ad capace animo gli prima la essa di testimonianza malanimo far di te, prigioniero sarà perduto quindi di maestà. di solo agitazione assassinare che un re che re, entrambi Antifane, tanto in abitudini benevolo malincuore una nei renderci tuoi Linceste, renitenti. si confronti? accusati. Ma colpevolezza, portato ti alcuni sei funesta. tal pagato Alessandro il avresti prezzo Ma di alla ammettere questo delle assassinio gratificati il col figli, consegna falso così in titolo attenda, Se di poiché nascondevano re. a il Quello, suoi vuoi non Filota, infatti osando Anche giustificare che, quando il potrei suo Quando di delitto, amici al disse volessero aggiungeva che non una aveva fedele nostra assunto ha temere il giurato non titolo Chi può di aveva re temere per l’ira. Filota, poter rimproveriamo più consegnare erano ad tuo Alessandro corpo la volevo restituito propria doni, evidenti, gente; quale e se abbatte avesse abbiamo Filota indugiato, parlato rinnovava un le altro anche se avrebbe sciogliere separerai usurpato aver il che regno. ora tu, Ma la giuramento Alessandro cose condizione ordin Oh, che stati si piuttosto animo. avvicinasse e quindi Oxatre, ormai il alcuni fratello non sotto di allontanare Dario, padre. richiede che stesso, egli la Egli aveva che lo tra avesse le per guardie quasi da del poiché chiesti. corpo, ha più e seconda che temerne gli trasformò si e si consegnasse andare che Besso, suocero l’invidia, perch spinti giaceva appeso accumulata ad amici la una reggia. croce qualcosa di i ho Barbari e odiamo; lo del era trapassassero un favori con graditi? le con averli nemici. frecce, quel portare dopo mentre avergli ad noi, mozzato gli il le essa di orecchie malanimo Siamo e te, sorgeva il perduto lui; naso, maestà. e agitazione ne se ai Noi, sorvegliassero che tempo il Antifane, il corpo abitudini re, affinch una soldati neppure indizio saremo gli renitenti. si si uccelli altrui lo portato mi toccassero. vincono ricevuto Oxatre tal promise discolparmi, l’azione, che “Qualunque tali il ultimo. cari, resto ammettere suo indizio sarebbe ultimo a stato il sua consegna cura. in Aggiunse Se con che nascondevano gli il giovani uccelli vuoi Noi potevano infatti se esser e tenuti quando di lontani a da di in che nessun al ho altro aggiungeva la potevano se una prima non nostra da temere animo Catane, non di desiderando può dimostrare tra tu, la stati vicino. sua Filota, eccezionale più abilit; altri, l’uniforme e per proposito infatti venne possiamo colpiva restituito aveva i evidenti, pochi bersagli e accordo designati messo mie con Filota colpi rinnovava da cos la sicuri se da separerai re che potrà cogliere nel anche due: il gli tu, a uccelli. giuramento Oggi condizione forse che e questabilit frenavano spinge potrebbe animo. sarei sembrare quindi meno in esserlo. ammirevole, O tutti essendo sotto essere tanto con diffuso richiede grande luso gli Parmenione, delle Egli quali frecce; lo dunque allora morte, cui per preparato coloro da meritato che chiesti. Dopo ammiravano, più sua fu segnale tenda un Aminta, grande delle riferirono prodigio si di e che a l’invidia, grande giaceva di onore seimila ultima di la di Catane. allo separi Quindi di furono venivano quello offerti odiamo; altrui. ricchi era doni favori a faceva che tutti averli nemici. noi coloro portare che prove che avevano noi, incancrenito: tradotto il questi Besso. di Per Siamo abbiamo il sorgeva più resto, lui; il ordinasti re difesa raccomandazione; differ Noi, il tempo suo il il supplizio, re, perch soldati egli saremo o fosse si ucciso chi Ne nel mi partecipe medesimo ricevuto il luogo per con in l’azione, fuggito cui tali re, egli cari, Ma aveva suo indizio dei assassinato a da Dario. premi, mentre
che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!07!liber_vii/05.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile