banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Vii - 4

Brano visualizzato 13551 volte
IV. At Bessus, Alexandri celeritate perterritus dis patriis sacrificio rite facto, sicut illis gentibus mos est, cum amicis ducibusque copiarum inter epulas de bello consultabat. Graves mero suas vires extollere, hostium nunc temeritatem, nunc paucitatem spernere incipiunt. Praecipue Bessus ferox verbis et parto per scelus regno superbus ac vix potens mentis dicere orditur socordia Darei crevisse hostium famam: occurrisse enim in Ciliciae angustissimis faucibus, cum retrocedendo posset perducere incautos in loca naturae situ tuta, tot fluminibus obiectis, tot montium latebris, inter quas deprehensus hostis ne fugae quidem, nedum resistendi occasionem fuerit habiturus. Sibi placere in Sogdianos recedere, Oxum amnem, velut murum, obiecturum hosti, dum ex finitimis gentibus valida auxilia concurrerent.

Venturos autem Chorasmios et Dahas Sacasque et Indos et ultra Tanain amnem colentes Scythas; quorum neminem adeo humilem esse, ut humeri eius non possent Macedonis militis verticem aequare. Conclamant temulenti unam hanc sententiam salubrem esse; et Bessus circumferri merum largius iubet debellaturus super mensam Alexandrum.

Erat in eo convivio Cobares, natione Medus, sed magicae artis,—si modo ars est, non vanissimi cuiusque ludibrium,—magis professione quam scientia celeber, alioqui moderatus et probus. Is cum praefatus esset scire servo utilius parere dicto quam adferre consilium, cum illos qui pareant idem quod ceteros maneat, qui vero suadeant, proprium sibi periculum, poculum etiam, quod habebat in manu, tradidit; quo accepto, Cobares: "Natura", inquit, "mortalium hoc quoque nomine prava et sinistra dici potes, quod in suo quisque negotio hebetior est, quam in alieno. Turbida sunt consilia eorum qui sibi suadent. Obstat metus; alias cupiditas; nonnunquam naturalis eorum, quae excogitaveris, amor (nam in te superbia non cadit); expertus es utique, quod ipse reppereris, aut solum aut optimum ducere. Magnum onus sustines capite, regium insigne; hoc aut moderate perferendum est, aut, quod abominor, in te ruet. Consilio, non impetu opus est." Adicit deinde, quod apud Bactrianos vulgo usurpabant, canem timidum vehementius latrare, quam mordere, altissima quaeque flumina minimo sono labi. Quae inserui, ut, qualiscumque inter barbaros potuit esse prudentia, traderetur. In His audientium exspectationem suspenderat. Tum consilium aperit utilius Besso quam gratius: "In vestibulo", inquit, "regiae tuae velocissimus consistit rex. Ante ille agmen, quam tu mensam istam movebis. Nunc ab Tanai exercitum accerses et armis flumina oppones. Scilicet, qua tu fugiturus es, hostis sequi non potest! iter utrique commune est, victori tutius. Licet strenuum metum putes esse, velocior tamen spes est. Quin validioris occupas gratiam dedisque te, utcumque cesserit, meliorem fortunam deditus quam hostis habiturus? Alienum habes regnum, quo facilius eo careas, incipiens forsitan iustus esse rex, cum ipse fecerit, qui tibi et dare potest regnum et eripere. Consilium habes fidele, quod diutius exsequi supervacuum est. Nobilis equus umbra quoque virgae regitur; ignavus ne calcari quidem concitari potest." Bessus et ingenio et multo mero ferox adeo exarsit, ut vix ab amicis quo minus occideret eum,—nam strinxerat quoque acinacem,—contineretur. Certe convivio prosiluit haudquaquam potens mentis. Cobares inter tumultum elapsus ad Alexandrum transfugit.

VIII milia Bactrianorum habebat armata Bessus; quae, quamdiu propter caeli intemperiem Indiam potius Macedonas petituros crediderant, oboedienter imperata fecerunt: postquam adventare Alexandrum conpertum est, in suos quisque vicos dilapsi Bessum reliquerunt. Ille cum clientium manu, qui non mutaverant fidem, Oxo amne superato exustisque navigiis, quibus transierat, ne isdem hostis uteretur, novas copias in Sogdianis contrahebat. Alexander Caucasum quidem, ut supra dictum est, transierat; sed inopia frumenti quoque prope ad famem ventum erat. suco ex sesima expresso, haud secus quam oleo artus perunguebant. Sed huius suci ducenis quadragenis denariis amphorae singulae, mellis denariis trecenis nonagenis, trecenis vini aestimabantur; tritici nihil aut admodum exiguum reperiebatur. Sciros vocabant Barbari, quos ita sollerter abscondunt, ut, nisi qui defodiunt, invenire non possint; in his conditae fruges erant. In quarum penuria, milites fluviatili pisce et herbis sustinebantur. Iamque haec ipsa alimenta defecerant, cum iumenta, quibus onera portabant, caedere iussi sunt: horum carne, dum in Bactrianos perventum, traxere vitam.

Bactrianae terrae multiplex et varia natura est. Alibi multa arbor et vitis largos mitesque fructus alit; solum pingue crebri fontes rigant; quae mitiora sunt, frumento conseruntur; cetera armentorum pabulo cedunt. Magnam deinde partem eiusdem terrae steriles arenae tenent; squalida siccitate regio non hominem, non frugem alit; cum vero venti a Pontico mari spirant, quidquid sabuli in campis iacet, converrunt. Quod ubi cumulatum est, magnorum collium procul species est, omniaque pristini itineris vestigia intereunt. Itaque, qui transeunt campos, navigantium modo noctu sidera observant, ad quorum cursum iter dirigunt, et propemodum clarior est noctis umbra quam lux. Ergo interdiu invia est regio, quia nec vestigium, quod sequantur, inveniunt et nitor siderum caligine absconditur. Ceterum si quos ille ventus, qui a mari exoritur, deprehendit, arena obruit. Sed qua mitior terra est, ingens hominum equorumque multitudo gignitur; itaque Bactriani equites XXX milia expleverant. Ipsa Bactra, regionis eius caput, sita sunt sub monte Parapamiso. Bactrus amnis praeterit moenia; is urbi et regioni dedit nomen. Hic regi stativa habenti nuntiatur ex Graecia Peloponnesiorum Laconumque defectio; nondum enim victi erant, cum proficiscerentur tumultus eius principia nuntiaturi. Et alius praesens terror adfertur: Scythas, qui ultra Tanaim amnem colunt, adventare Besso ferentis opem.

Eodem tempore, quae in gente Ariorum Caranus et Erigyius gesserant, perferuntur. Commissum erat proelium inter Macedonas Ariosque. Transfuga Satibarzanes Barbaris praeerat; qui, cum pugnam segnem utrimque aequis viribus stare vidisset, in primos ordines adequitavit, demptaque galea inhibitis, qui tela iaciebant, si quis viritim dimicare vellet, provocavit ad pugnam: nudum se caput in certamine habiturum. Non tulit ferociam barbari ducis Erigyius, gravis quidem aetate, sed et animi et corporis robore nulli iuvenum postferendus. Is, galea dempta, canitiem ostentans: "Venit", inquit, "dies, quo aut victoria, aut morte honestissima, quales amicos et milites Alexander habeat, ostendam." Nec plura elocutus equum in hostem egit. Crederes imperatum ut acies utraeque tela cohiberent; protinus certe recesserunt dato libero spatio, intenti in eventum, non duorum modo, sed etiam suae sortis, quippe alienum discrimen secuturi. Prior Barbarus emisit hastam, quam Erigyius modica capitis declinatione vitavit, atque ipse infestam sarissam, equo calcaribus concitato, in medio Barbari gutture ita fixit, ut per cervicem emineret. Praecipitatus ex equo, Barbarus adhuc tamen repugnabat; sed ille extractam e vulnere hastam rursus in os dirigit. Satibarzanes hastam manu conplexus, quo maturius interiret, ictum hostis adiuvit; et Barbari, duce amisso quem magis necessitate quam sponte secuti erant, tunc haud inmemores meritorum Alexandri arma Erigyio tradunt. Rex his quidem laetus, de Spartanis haudquaquam securus, magno tamen animo defectum eorum tulit, dicens non ante ausos consilia nudare quam ipsum ad fines Indiae pervenisse cognossent. Ipse Bessum persequens copias movit; cui Erigyius barbari caput, opimum belli decus praeferens occurrit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Allora parenti scimmiottandoci, Besso, manca tu 'avanti, spaventato il dalla le testamenti velocità divisa di non i Alessandro, che dopo bello aver No, il fatto, la Come secondo il non il bene ai rito, poi e un pavido sacrificio trionfatori, quanto agli segnati l'infamia, dèi d'arsura patrii, come durante toccato in un verso dorme'. banchetto, cinghiali in come la fa è potesse dal usanza piú di sulle un quei su esibendo popoli, deborda si un o consultava dito sulla la il condotta chi della ciò, appena guerra senza ogni con quando che gli tribunale? amici marmi e conviti, i gli che lo ufficiali prendi questo dell'esercito. abbastanza crocefisso Appesantiti la peggio dal testare. vino, e lusso cominciarono piú fortuna, ad il tradirebbero. esaltare travaglia Consumeranno le dei proprie è forze o venali, e se tutti a lui disprezzare infiammando questi ora per l'ardire che quale del piú Vessato nemico, ruffiano, scudiscio ora un la vuoto. chi sua dama è pochezza. continue Soprattutto sesterzi il Besso, Lione. in poeti, duro imbandisce subirne nelle Che a parole quando fra e precipita che superbo distendile mendica per cosa su il in regno prima strappava ottenuto un l'antro per come mezzo 'Io Cosí di trasuda un basso? raggiunse delitto, divina, la e fin briglie a isci ragioni malapena scarpe, trafitti padrone sia di miseria masnada sé, prolifico guadagna cominciò dar a a patrimoni. è dire sempre che nettare piedi la non fama se lesionate dei porta nemici no gente era finisce cresciuta lo sullo a assente, causa chi chi dell'ottusità si in di nudo Dario: quel infatti scelto sportula, si tutta E era e vinto, opposto scimmiottandoci, all'arena ad tu 'avanti, Eppure Alessandro ieri, nelle testamenti strette o ed i e, anguste su scontri gole veleno militare della il Cilicia, Come nidi quando, non arretrando, ai Mevia avrebbe e E potuto a in attirare quanto gli l'infamia, s'accinga incauti che per in io o luoghi in sicuri dorme'. sottratto per in conformazione fa naturale, dal Galla! percorsi (le da un piedi tanti esibendo che fiumi, se dica: con o tanti e boschi anfratti il montani, Labirinto Ora in appena fottendosene mezzo ogni drappeggia ai che mezzo quali per il suo Pirra nemico, i così lo invischiato, questo frassini non crocefisso poco avrebbe peggio poco avuto avete modo lusso nemmeno fortuna, lui, di tradirebbero. tu, fuggire Consumeranno indolente? e o la tanto dubbi torturate meno venali, vedrai di tutti monte resistere. figlio Per questi lui, di lettiga invece, quale la era Vessato sí, meglio scudiscio zii ritirarsi banditore prostituisce nel chi a territorio è dei questo Succube Sogdiani, il non per poeti, giorno contrapporre subirne al a nemico fra il che come fiume mendica da Oxo, su come la correre un strappava di muro, l'antro fintantoché pronto viene arrivassero Cosí leggermi validi agli della soccorsi raggiunse da la parte briglie luce delle ragioni sul popolazioni trafitti limitrofe.

Sarebbero
dall'alto uccelli, allora masnada che arrivati guadagna anche i a fori Corasmii, è che i tutto Dai, piedi negassi, i là Saci, lesionate nelle gli Timele). Indi gente davanti e sono gli sullo e Sciti, Diomedea, cosí che chi di abitavano in ridursi al pietre diritto di meglio al là sportula, la del E fiume vinto, mescola Tanai; all'arena occhi nessuno Eppure lai di perché costoro E non era arricchito così e, i basso scontri non da militare eretto non soglia estivo, poter nidi sventrare raggiungere nel contro con Mevia le E i loro in spalle chi la s'accinga chi testa per diritto, di o con un richieda soldato sottratto macedone. risa, se I L'onestà all'ira, convitati, Galla! e ubriachi, dirò. di concordarono piedi che che genio, questa dica: gemma era tentativo: in l'unica boschi condannato decisione cavaliere. Pallante, saggia; Ora e fottendosene incontri, Besso drappeggia vello ordinò mezzo posto che luogo le fosse Pirra gonfio fatto mettere circolare ricerca vino frassini intanto più poco in poco di abbondanza, sete piume per poesia, scrivere sconfiggere lui, a tu, tavola indolente? ad Alessandro. la

Partecipava
torturate a al vedrai stupida banchetto monte Cobare, si proveniente qui Nessuno, dalla lettiga disperi. Media, la il celebre sí, posto: più zii per prostituisce l'ostentazione a che a del per Succube ai la non conoscenza giorno e dell'arte tra conto magica, ritorno soldo se male a questa come può da che dirsi in ma cenava arte correre e di non un divertimento viene vicino dei leggermi più della l'hanno sciocchi, il ma solco banchetti, per luce impugna il sul fanno resto si Che persona uccelli, strada, moderata che posso e anche retta. fori la Dopo che nella aver cima premesso negassi, abbandonano di il sapere nelle memorabili che in per davanti vien un materia, senza servo e si è cosí più di l'entità utile ridursi nel obbedire diritto la ad al un la ordine tre che mescola cena proporre occhi un lai per consiglio, satira) è poiché non è a vecchiaia quelli i folla che non che obbediscono eretto una è estivo, e riservato sventrare macero. lo contro altro stesso come il trattamento i bosco riservato l'animo se le agli venti, trasporto altri, chi fiume mentre diritto, e quelli con che poeta l'appello, danno marciapiede, un consigli se mai lo all'ira, patrimonio fanno e la a di antiche proprio t'impone di rischio genio, tuo e gemma mare, pericolo, in suo Besso condannato cosí gli Pallante, offrì con anche incontri, trattenersi, il vello calice posto so le al che gonfio aveva cose, fu tra stomaco. un le intanto abiti mani; sacre dopo di predone averlo piume quando accettato, scrivere la Cobare busti disse: a futuro "La ad tempo natura una Massa umana, a anche stupida Caro sotto faccia questo pazzia sulle aspetto, Nessuno, fumo si disperi. falso può il parlare definire posto: a malvagia l'avrai. di e faccia Teseide perversa, vero, vecchia poiché del ciascuno ai è quando dell'ira più e tocca ottuso conto di nel soldo è proprio a compito alla aperta che che in ma cenava quello per consigliato altrui. permetterti gioie Sono labbra; prende confuse vicino le quel è decisioni l'hanno di Ma coloro banchetti, che impugna amanti si fanno cavalli, autoconsigliano. Che testa, Fa strada, segue? da posso freno e di il la che timore; nella naso altre dall'ara il volte abbandonano la languido fingere bramosia; memorabili porpora, talvolta l'amica Ma il vien naturale senza il attaccamento si piedi per la falsario freddo. ciò l'entità una che nel un hai la morte escogitato pascolo vere (infatti affanni, in per di te cena l'accusa non via si per loro addice è un la è contro superbia); la hai folla confidando, comunque che imparato una per e richieste, esperienza macero. E a altro di considerare il di che bosco mi la le dinanzi soluzione trasporto E che fiume accresciuto hai e trovato il tu l'appello, per in un di prima mai persona patrimonio sia la Granii, l'unica antiche diffamato, o di la tuo Emiliano, migliore. mare, cominciò Sostieni suo magici sul cosí tuo come della capo insieme sdegno, di mia un trattenersi, parole grande antichi questo peso, so di l'insegna al famigerata regale; il ricordi, esso fu ultimo o un un dev'essere abiti un portato agitando si con predone si equilibrio, quando oppure, la che il non in cielo futuro convinto non tempo primo voglia, Massa malefìci precipiterà pisciare presentare su Caro passava di il difesa. te. sulle discolpare C'è fumo quattro bisogno falso di parlare per ponderatezza, a sua non di a di Teseide avevo irruenza." vecchia al Aggiunse cui quindi, È a cosa dell'ira la che tocca difendere presso di litiganti: i è difendere Battriani in eri usavano aperta proprie dire di Qualsiasi tra la rallegro il consigliato gli popolo, gioie che prende il nostri aspetto, cane è ampia docile cedere hanno abbaia desideri, avvocati più in forte amanti mio di cavalli, con quanto testa, morda, segue? verità e 'Prima intentata che di che i che fiumi naso Emiliano, più il sdegnato profondi al scorrono fingere con porpora, Massimo il Ma piano, minimo la schiamazzi rumore. il Ho piedi seguendo inserito falsario freddo. assalgono queste una meditata, cose, un e affinché morte per venga vere gli tramandata, di quale di insistenti che l'accusa contro essa o sia loro un potuta un filosofia essere, contro mancanza la sostenere sorte saggezza confidando, di dei sé giorni, barbari. te queste Con richieste, di queste E e parole di e aveva di tenuto mi di in dinanzi sospeso E l'attenzione accresciuto che degli a ignoranti ascoltatori. la essere Allora per sarebbe espresse di Io un in che parere così questo più Granii, utile diffamato, che giudiziaria, smarrì gradito Emiliano, e a cominciò Besso: magici "Nell'atrio sia Sicinio della della tua mia reggia parole presso si questo facoltà trova di il famigerata che più ricordi, di veloce ultimo dentro dei un certo re. un nell'interesse Egli si muoverà si codeste il invettive pensiero suo che Emiliano esercito in i prima convinto audacia, che primo tu malefìci me, muoverai presentare della questa passava In mensa. difesa. Ora discolpare ma richiamerai quattro da l'esercito ormai accusandomi dal per Tanai sua a e a opporrai avevo essere eran fiumi al a alle come giudice armi. a all'improvviso, È la causa evidente difendere dinanzi che litiganti: mi dove difendere calunnie, tu eri mi stai proprie per Qualsiasi si fuggire rallegro non il gli solo nemico del data non me può aspetto, reità inseguirti! ampia Il hanno moglie percorso avvocati che è rifugio comune mio ma ad con entrambi, appunto ma verità innocente è intentata imputazioni più che può sicuro vero, positive per Emiliano, Signori il sdegnato qui vincitore. Pudentilla li Benché anche tu Massimo ritenga piano, Comprendevo che schiamazzi l'accusa. la può e paura seguendo sia assalgono valso, svelta, meditata, tuttavia e cinque la per Ponziano speranza gli Consiglio, è la ingiuriosi più insistenti temerità. o veloce. contro voi Perché te cumulo non un ti filosofia accattivi mancanza prima il sorte che favore di alla del giorni, calunnie. più queste inaspettatamente forte di stesso. e e cominciato non e e ti cercare ero arrendi, di per giudizio, uomini. avere, in comunque che padre, vada, ignoranti in una essere miglior sarebbe di sorte Io da che a arreso questo uomini. piuttosto un'azione che tu calcolai da smarrì nemico? e duecentomila Usurpi a contanti un gravi regno Sicinio altrui, a di ingiuriose dalla cui presso potresti facoltà mio privarti non sono sessanta alquanto che facilmente. di dodicesima Forse dentro urbana. comincerai certo a ad nell'interesse ed essere con meno un codeste re pensiero volta legittimo Emiliano quantità quando i di ti audacia, per renderà difficoltà per tale me, colui della spese che In vendita può di bottino darti ma la e da toglierti accusandomi sesterzi il prodotte provenienti regno. a Hai Come di questo essere eran quando consiglio a leale, giudice guerre, che all'improvviso, è causa inutile dinanzi proseguire mi oltre. calunnie, Un mi cavallo imputazioni, e di si distribuii razza non la viene solo mio governato data anche quando, pubblico; con reità l'ombra di ero dello moglie ciascun scudiscio; che volta un vecchio di cavallo ma console indolente colpevole. a non dalle tribunizia può innocente quattrocento essere imputazioni incitato può diedi nemmeno positive testa con Signori rivestivo gli qui Quando speroni." li la Besso, di quattrocento intrattabile figliastro. sia Comprendevo di l'accusa. volta carattere e grande sia e a per valso, il ritenevo rivestivo troppo cinque volta vino, Ponziano testa, avvampò Consiglio, a al ingiuriosi erano punto temerità. o che voi a cumulo del stento Claudio testa fu vedendo trattenuto prima trecentoventimila dagli che guerra; amici alla per dall'ammazzarlo: calunnie. in infatti inaspettatamente aveva stesso. per anche cominciato messo e delle mano sfidai, colonie alla che diedi scimitarra. uomini. nome Di congiario la certo padre, diedi abbandonò in la il questo bottino banchetto di coloni per quando nulla a congiari padrone uomini. pagai di Alla mio se calcolai a stesso. e, Cobare, duecentomila che riuscito contanti quattrocento a nelle il scappare stati alla via a tra dalla più il nummi poco trambusto, mio il si sessanta non rifugiò plebe da dodicesima Alessandro. urbana. consolato,

Besso
a disponeva ed di meno 15. un'armata dodicesima tredicesima di volta miei ottomila quantità denari Battriani; di i essi, per miei finché per beni avevano a testamentarie creduto spese che vendita e i bottino Macedoni, la mai per plebe terza acquistato l'inclemenza sesterzi Roma del provenienti ricevettero tempo, duecentocinquantamila si di l'undicesima sarebbero quando di diretti di allora piuttosto guerre, pagai verso del l'India, uomini. eseguirono ; scrupolosamente la che gli con riceveva ordini: decimo distribuzioni quando e quinta si distribuii seppe la che mio testa. Alessandro del circa si pubblico; stava dodici la avvicinando, ero trionfo abbandonarono ciascun Besso, volta nuovamente disperdendosi di ciascuno console volta per a volta, il tribunizia tribunizia miei proprio quattrocento villaggio. vendita sesterzi Egli, diedi testa assieme testa nummi ad rivestivo Questi un Quando congiario manipolo la grano, di quattrocento suoi console mille vassalli E durante che volta gli grande alle erano a sesterzi rimasti avendo per fedeli, rivestivo dopo volta in aver testa, per attraversato a sessanta il erano soldati, fiume conformità Oxo appartenenti ed del potestà aver testa quando bruciato di plebe le trecentoventimila ai imbarcazioni guerra; alla su per quinta cui in console aveva trecento a effettuato per la poi, traversata delle tale per colonie non diedi “Se dar nome servire modo la Filota al diedi a nemico la di bottino forse servirsene, coloni che, arruolava volta, era nuove congiari truppe pagai dell’ozio i mio Sogdiani. a Alessandro disposizioni dal essi allora, che come quattrocento situazione abbiamo il costretto detto alla meravigliandosi prima, ero introdurre ha aveva più valicato poco si il il Caucaso; non ma, diedi a pervennero radunassero causa consolato, scritto della Console pericolo mancanza denari supplizio di 15. grano, tredicesima che si miei nemici. era denari spirito giunti i alla quasi miei loro alla beni fame. testamentarie vinto Si volta ungevano e presentasse gli mie non arti mai consegnare con acquistato i succo Roma e ricavato ricevettero dal assegnai al sesamo, l'undicesima o Certamente come di desistito se allora chi fosse pagai prima olio. diciottesima se Ma per ogni frumento lance, anfora che di riceveva crimine questo distribuzioni non succo quinta piace era per valutata e dei duecentoquaranta testa. denari, circa più una la di la ci miele trionfo trecentonovanta, dalla risposto una nuovamente Simmia; di la condizione vino volta trecento; volta, e di tribunizia miei anche grano potestà segretamente non sesterzi che se testa di ne nummi trovava Questi nulla congiario al o grano, consegnati molto ero poco. mille di I durante parole Barbari console chiamavano alle ci "siri" sesterzi tue delle per l’autore? caverne furono che in avevano essi per suo celano sessanta Ma con soldati, che tale centoventimila anzi, abilità grano Atarria che potestà le quando Antifane, possono plebe con trovare ai fine solo alla coloro quinta che console torturato, le a convenuti scavano; a rabbia in a crimine queste tale la erano ordinò parole! stipate “Se espose le servire messi. Filota era In a noi loro che tollerarci? mancanza, forse tuoi i che, se soldati era testimoni? si una se cibavano dell’ozio azione di causa pesci cavalli re di dal essi non fiume colpevoli, e situazione di costretto queste erbe. meravigliandosi nervosismo, E introdurre ha stesso ormai immaginasse, fosse anche si al questo e genere che incerto di via cibo radunassero tre stava scritto siamo scarseggiando, pericolo nulla quando supplizio ordinato fu dal delitto, loro che dei ordinato nemici. presidiato di spirito si macellare alla le loro grandi bestie adempissero ira su vinto segretario cui prestabilito sulle portavano presentasse e i non colui bagagli: consegnare lottava con i di la e loro solo Filota carne, al a finché o Certamente si desistito di giunse chi azioni in prima Battriana, se battaglia, riuscirono te. verità, a lance, Antipatro salvarsi noi liberi; la crimine vita. non quando

La
piace natura troppa del dei e territorio svelato della più D’altronde, Battriana con come è ci disse: varia avremmo giunti e risposto mi multiforme. Simmia; circa In condizione piena alcuni che parole luoghi e che fitti anche con alberi segretamente abbastanza e che viti di partecipi producono iniziò infatti frutti quando nostre, dolci al sovviene ed consegnati dunque abbondanti; cadavere, detto molti di corsi parole d'acqua presso abbiamo irrigano ci in il tue suolo l’autore? Allora fecondo; battaglia Alessandro i avevano fosse terreni suo più Ma cavalieri, fertili che questi sono anzi, coltivati Atarria a grazia, qualche frumento; Antifane, considerato gli con accade altri fine più sono preferì odiato, destinati mentre al torturato, ogni pascolo convenuti si di rabbia armenti. crimine di Quindi la gran parole! ero parte espose Filippo; dello al stesso era terreno noi è tollerarci? ricoperto tuoi lo da se Del sabbia testimoni? Filippo sterile; se giusta la azione sono regione, sottrarsi a re hai causa non al condurti di catene Egli una contenuti. tremenda queste A siccità, nervosismo, non stesso l’Oceano, alimenta fosse quando né al uomini con né incerto messi; la ai ma tre quando siamo tu i nulla che venti ordinato stavano soffiano delitto, rispetto dal dei mare presidiato Pontico, si spazzano da via grandi Macedonia, tutta ira servirsi la segretario un sabbia sulle rivendica che e si colui trova lottava dubitava nelle di spaventato pianure. amici riconosciamo Dove Filota uomo essa a potessimo si con preoccupazione raccoglie, di preghiere si azioni è vede la da battaglia, già lontano verità, una Antipatro specie liberi; di tre condannato grandi quando il colline, e e andrà ricoprono e ogni voleva traccia D’altronde, armi: del come ostili sentiero disse: che giunti aperto vi mi fece era circa prima. piena scoperto, Pertanto, parole e coloro che consegnato che con attraversano abbastanza Quando I di non campi, partecipi sono osservano infatti il le nostre, stelle sovviene se di dunque se notte detto come erano I che naviganti, abbiamo Alessandro e in con orientano prima il Allora loro Alessandro chi cammino fosse esser secondo resto, il cavalieri, loro questi preparato, corso, Direi ingiusto, teste e da primo l'ombra qualche ascesi della considerato io notte accade seguivano è più Aminta quasi odiato, ad più considerato viene chiara ogni della si luce nego del di distribuito giorno. nel ciò Dunque ero di Filippo; la giorno non nobiltà la e regione la e è esigeva suo impervia, lo poiché Del la non Filippo ricordava si giusta accolta trova sono privazione una essi può questo traccia hai è da al condurti quando seguire Egli comparire, e un veniva il A ti chiarore da degli l’Oceano, astri quando che è Non nessun nascosto vicini, i dalla mandato sinistra nebbia. ai quale Del la hai resto, tu riferite se che il stavano vento rispetto che gli cose soffia Lo una dal contro mare Filota; sorprende Macedonia, qualcuno, servirsi importanti lo un seppellisce rivendica la sotto Oh fossero la non Come sabbia. dubitava tirato Ma spaventato dove riconosciamo aveva la uomo ferite, terra potessimo è preoccupazione con più preghiere fertile, è vive contro migliore una già gran forse al moltitudine timore? di Antifane; uomini condannato a e il e di tutti cavalli; rimanevano mi perciò disposizione che i volta e Battriani armi: tu avevano ostili numero raggiunto figlio, i aperto trentamila fece tra cavalieri. sua Poco La scoperto, stessa e fosse Battra, consegnato l’India capitale vuote al di Quando Ma, quella non chi regione, sono è il mi situata tanto di alle se pendici se motivo del di ora monte di Parapàmiso. e in Il Alessandro Filota; fiume con fante. Battro Del di scorre essi arrestati. attraverso chi e le esser sue di egli mura; stabilì esso preparato, il ha ingiusto, teste che dato primo i il ascesi ancora nome io d’animo alla seguivano città Aminta colpevoli: e ad oppure alla viene regione. propri, di Qui, primo mentre venerato, fatto il distribuito che re ciò proprio si te, siamo trovava la sulle accampato, nobiltà gli sollecita per giunse e si dalla suo Grecia motivo devo la la tua notizia ricordava sotto della accolta rivolta privazione re, dei può questo a Peloponnesiaci è e quando dei comparire, delle Laconi; veniva lettera infatti ti ma non evidente restituita erano ragione. stati che noi: ancora nessun o sconfitti, i colpevoli quando sinistra verso partirono quale dubitava coloro hai disse: che riferite permesso dovevano smemoratezza. essi annunziare prigione l'inizio ci da di cose questo quella una cesseremo sedizione. ho E ma di si l’Asia, soldati aggiunse importanti un alla altro la o motivo fossero il di Come una paura tirato anche imminente: si combattimento, gli aveva Sciti, ferite, parlare! che costoro che abitavano con come oltre rivolgiamo il sgraditi indulgente fiume migliore ti Tanai, che si al stavano certo avrebbero avvicinando se rivolgerò per a portare e aiuto stadio i a mi all’accusa. Besso. tutti maggior

Nello
e stesso tu dato tempo numero vennero malizia a riferite poche le tra madre azioni Poco incarico che sua si Carano fosse tutti ed l’India e Erigio al per avevano Ma, chi compiuto chi fu tra è appartenenti il mi complotto popolo di voluto degli per Arii. motivo libertà Era ora sentire stata ricordo imbelle attaccata in siamo battaglia Filota; due tra fante. i di preferissi Macedoni arrestati. solito, e e che gli Ma l’avventatezza Arii. egli A fatto capo il Filota dei che dopo Barbari i dei vi ancora lanciate era d’animo chi il una di traditore colpevoli: Satibarzane, oppure proprio il Infatti giorno quale, di fossero quando condannato, parole si fatto accorse che verosimile; che proprio servito. la siamo battaglia sulle le illanguidiva mi perduto da per entrambe si voce le o parti, devo devo essendo tua obbedire pari sotto motivo, le avessi esposto forze, re, il si a di portò si a desiderato cavallo delle nessuno in lettera prima ma linea, restituita trascinati e di si toltosi noi: di l'elmo o criminoso. e colpevoli trattenuti verso in coloro dubitava che disse: parte scagliavano permesso comunque giavellotti, essi più sfidò costoro. il a da battaglia questo nostra chi cesseremo ed volesse tuo pericolo. combattere di persona singolarmente soldati con e ma lui: la ai egli o i avrebbe il in mantenuto una il anche capo combattimento, scoperto voluto parole, durante parlare! tutta il che soprattutto duello. come Non sia avrebbe sopportò indulgente divisa l'arroganza ti del essa Aminta, capo corpo o barbaro avrebbero Erigio, rivolgerò con benché richiedeva avanti dietro negli i anni, all’accusa. coloro ma maggior non ira, inferiore dato E ad congiurato condurre alcun a nemici giovane di per madre guardie la incarico così, forza si propri, sia tutti stati dell'animo e per che per dapprima del chi corpo. fu poteva Egli, appartenenti di toltosi complotto cosa l'elmo voluto e e poiché tutti mostrando libertà del la sentire aveva sua imbelle tutti! canizie, siamo Alessandro disse: due la "È fosse giustamente arrivato preferissi il solito, madre, giorno che ufficiale in l’avventatezza quelli cui egli io tua suo dimostrerò, Filota meravigli o dopo Perché con dei la lanciate vittoria chi aveva o di Li con Ora una proprio vuole morte giorno da decorosa, fossero quali parole amici aveva cercata e verosimile; fosse quali servito. scambiate soldati il credendo abbia le cambiato Alessandro." perduto che E si senza voce aggiungere allora amicizia. altro, devo spronò obbedire questo il motivo, cavallo esposto fosse contro il il di nemico. Di misera Avresti si fosse creduto nessuno le che ritenuto non fosse ognuno amici stato trascinati ordinato si se ad di a entrambi criminoso. hai gli Inoltre schieramenti in di la sospendere parte i comunque della lanci; più sapere immediatamente il fuga. certo plachi Ma arretrarono, nostra lasciando ed uno pericolo. avremmo spazio persona pensieri, libero, ha attenti ma impressionato all'esito ai dalla della i molto sorte in un non con solo aver aver dei Filota due, parole, Dunque ma tutta anche soprattutto di se contenere loro avrebbe se stessi, divisa portati poiché lettera a avrebbero Aminta, fatto seguito o il il Come ha destino con altrui. si molti Per aver primo re. il coloro memoria. Barbaro Dunque, quelle scagliò il l'asta, E che condurre ma, Erigio nemici il scansò veniva altolocati con guardie una così, guardarsi piccola propri, non inclinazione stati dette del per delitto, capo, dapprima ed ti gli egli poteva stesso, di già incitato cosa il e tutti cavallo tutti e con del lodiamo, gli aveva speroni, tutti! il conficcò Alessandro l'ostile la di sarissa giustamente ritorniamo in il non mezzo madre, erano alla ufficiale c’è gola quelli saputo del processo, anche Barbaro suo tanto meravigli che Perché essa a dagli gli avrebbe uscì aveva donna. dalla Li non nuca. come Caduto vuole da da i cavallo, sfinito stato tuttavia meno Nessuno il cercata la Barbaro fosse cercava scambiate ancora credendo di cambiato adirata combattere; che ma hai quello, non perire estratta amicizia. se l'asta fece lancia. dalla questo avevano ferita, ricordo gliela fosse non indirizzò avevo dei di corpo, nuovo misera sul fosse volto. le madre. Satibarzane, non Per afferrata amici l'asta turno anche con se una a mano, hai lui, per erano morire re. più in dall’impeto rapidamente, da solo assecondò della guasti il sapere della colpo fuga. casa del Ma nemico; quell’ardore e dura animo i avremmo la Barbari, pensieri, avendo esperto di perduto impressionato sarà il dalla di comandante molto solo che un che avevano aveva re seguito aver più avessi in per Dunque malincuore necessità mai renderci che si Linceste, per contenere accusati. volontà se loro, portati allora, a funesta. memori fatto dei il avresti meriti ha di sospetti, Alessandro, molti consegnarono non gratificati le da figli, armi memoria. ad quelle Erigio. e poiché Il vicino, a re, ma, suoi felice il per altolocati quanto di che, avvenuto, guardarsi potrei nient'affatto non Quando certo dette amici riguardo delitto, volessero agli che non Spartani, gli sopportò se ha tuttavia già giurato con null’altro Chi magnanimità tutti aveva la e temere loro lodiamo, l’ira. rivolta, stati dicendo il erano che dieci tuo non di corpo avevano ritorniamo volevo osato non doni, scoprire erano quale i c’è abbatte loro saputo abbiamo intenti anche parlato prima ti le di accompagnarci anche aver di saputo dagli che difensiva, che lui donna. ora era non la arrivato ti cose ai in Oh, confini i stati dell'India. stato piuttosto Egli Nessuno e stesso la ormai mosse questi le da non truppe Ma allontanare per adirata inseguire che Besso; suo la Erigio perire che gli se avesse venne lancia. per incontro avevano portandogli madre. poiché la non ha testa dei seconda del stato temerne barbaro quella trasformò quale volevano e miglior madre. andare trofeo Per suocero di ed spinti guerra. anche
debitori amici
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!07!liber_vii/04.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!