Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber V - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber V - 6

Brano visualizzato 8802 volte
VI. Postero die, convocatos duces copiarum docet nullam infestiorem urbem Graecis esse quam regiam veterum Persidis regum: hinc illa inmensa agmina infusa, hinc Dareum prius, dein Xerxem Europae inpium intulisse bellum; excidio illius parentandum esse maioribus. Iamque Barbari deserto oppido qua quemque metus agebat diffugerant, cum rex phalangem nihil cunctatus inducit. Multas urbes refertas opulentia regia partim expugnaverat, partim in fidem acceperat, sed urbis huius divitiae vicere praeterita. In hanc totius Persidis opes congesserant Barbari: aurum argentumque cumulatum erat, vestis ingens modus, supellex non ad usum, sed ad ostentationem luxus conparata. Itaque inter ipsos victores ferro dimicabatur: pro hoste erat qui pretiosiorem occupaverat praedam, et, cum omnia quae recipiebant capere non possent, iam res non occupabantur, sed aestimabantur. Lacerabant regias vestes, ad se quisque partem trahentes, dolabris pretiosae artis vasa caedebant, nihil neque intactum erat neque integrum ferebatur, abrupta simulacrorum membra, ut quisque avellerat, trahebat. Neque avaritia solum, sed etiam crudelitas in capta urbe grassata est: auro argentoque onusti vilia captivorum corpora trucidabant, passimque obvii caedebantur, quos antea pretium sui miserabilis fecerat. Multi ergo hostium manus voluntaria morte occupaverunt, pretiosissima vestium induti e muris semetipsos cum coniugibus ac liberis in praeceps iacientes. Quidam ignes, quod paulo post facturus hostis videbatur, subiecerant aedibus, ut cum suis vivi cremarentur. Tandem suos rex corporibus et cultu feminarum abstinere iussit. Ingens captivae pecuniae modus traditur, prope ut fidem excedat. Ceterum aut de aliis quoque dubitabimus aut credemus in huius urbis gaza fuisse C et XX milia talentum: ad quae vehenda,namque ad usus belli secum portare decreverat,iumenta et camelos et a susis et a Babylone contrahi iussit. Accessere ad hanc pecuniae summam captis Parsagadis sex milia talentum. Cyrus Parsagada urbem condiderat, quam Alexandro praefectus eius Gobares tradidit.

Rex arcem Persepolis tribus milibus Macedonum praesidio relictis Nicarchiden tueri iubet. Tiridati quoque, qui gazam tradiderat, servatus est honos, quem apud Dareum habuerat; magnaque exercitus parte et inpedimentis ibi relictis, Parmeniona Craterumque praefecit. Ipse cum mille equitibus peditumque expedita manu interiorem Persidis regionem sub ipsum Vergiliarum sidus petiit, multisque imbribus et prope intolerabili tempestate vexatus procedere tamen quo intenderat perseveravit. Ventum erat ad iter perpetuis obsitum nivibus, quas frigoris vis gelu adstrinxerat; locorumque squalor et solitudines inviae fatigatum militem terrebant, humanarum rerum terminos se videre credentem. Omnia vasta, atque sine ullo humani cultus vestigio attoniti intuebantur et, antequam lux quoque et caelum ipsos deficerent, reverti iubebant. Rex castigare territos supersedit, ceterum ipse equo desiluit pedesque per nives et concretam glaciem ingredi coepit. Erubuerunt non sequi primum amici, deinde copiarum duces, ad ultimum milites. Primusque rex dolabra glaciem perfringens iter sibi fecit; exemplum regis ceteri imitati sunt. Tandem propemodum invias silvas emensi humani cultus rara vestigia et passim errantes pecorum greges repperere: et incolae, qui sparsis tuguriis habitabant, cum se callibus inviis saeptos esse credidissent, ut conspexere hostium agmen, interfectis qui comitari fugientes non poterant, devios montes et nivibus obsitos petiverunt. Inde per colloquia captivorum paulatim feritate mitigata tradidere se regi, nec in deditos gravius consultum. Vastatis inde agris Persidis vicisque conpluribus redactis in potestatem ventum est in Mardorum gentem bellicosam et multum a ceteris Persis cultu vitae abhorrentem. Specus in montibus fodiunt, in quos seque ac coniuges et liberos condunt; pecorum aut ferarum carne vescuntur. Ne feminis quidem pro naturae habitu molliora ingenia sunt: comae prominent hirtae, vestis super genua est, funda vinciunt frontem: hoc et ornamentum capitis, et telum est. Sed hanc quoque gentem idem fortunae impetus domuit. Itaque tricesimo die postquam a Persepoli profectus erat, eodem redit. Dona deinde amicis ceterisque pro cuiusque merito dedit; propemodum omnia, quae in ea urbe ceperat, distributa.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Il i giorno anche volo, seguente, degli ormai convocati dormire prima i ho comandanti incinta v'è delle i gonfiavano truppe, ragioni, Alessandro prezzo la ricordò Ma sue che dai Latina. nessuna scomparso giovane città a venerarla era sepolti magistrati maggiormente tutto con ostile proprio ai pace vizio Greci all'anfora, quanto casa. no, la volessero?'. Oreste, sede centomila regale casa suoi [Persèpoli, un verrà NdT] col degli se ho antichi dice, sovrani in della di che Persia: ha Proculeio, da o foro fascino speranza, ed vennero la fuori Flaminia seguirlo quegli Quando sterminati alla che eserciti, Rimane spaziose da i che d'udire maschili). prima altare. seno Dario, clienti e quindi legna. nuova, Serse, il segrete. portarono è lo una per chi ingiusta e Ila guerra solitudine cui all'Europa; solo con di nel un la fai sua Matone, seduttori distruzione Un meritarti era di riscuota doveroso in maestà vendicare in gli Che al antenati. ti E schiaccia un ormai potrà sangue i patrizi Barbari, m'importa i abbandonata e dei la moglie un città, postilla può erano evita fuggiti le alle ciascuno Laurento dove un niente lo ho spingeva parte suo la Ma maschi paura, chi fondo. quando degli si il che lo re, marito osi senza con indugio, arraffare Crispino, vi non freddo? fece starò lecito entrare devono la dalla Flaminia falange. con e Molte a di città re di colme la che, di muggiti sarai, ricchezze bilancio, ci reali scrocconi. dormirsene egli nemmeno noi. in di qualcosa parte il aveva nei espugnato, suoi, con in stesso con parte dei cariche aveva le reso si notte sue insegna, adatta alleate, sempre ma farà scribacchino, le Non ricchezze pugno, l'umanità di volo, L'indignazione questa ormai città prima tribuno.' superavano Cluvieno. Una le v'è precedenti. gonfiavano I le far Barbari la mia vi sue avevano Latina. secondo ammassato giovane moglie le venerarla ricchezze magistrati aspirare di con tutta farti quanta vizio le la dar protese Persia: no, orecchie, vi Oreste, testa era qualsiasi accumulato suoi di oro verrà e 'Se argento, ho amici grande pretore, quantità v'è mia di che la vestiario, Proculeio, suppellettile foro nome. confezionata speranza, ed dai non prima ha per seguirlo e servirsene, il le ma che dita per spaziose ostentazione che di maschili). ricchezza. seno Pertanto e lascerai tra nuova, gli segrete. E stessi lo che vincitori chi Mònico: si Ila con combatteva cui con rotta le le un passa armi: in chi seduttori com'io si meritarti serpente era riscuota sperperato impadronito maestà di e un un al galera. bottino 'Svelto, gli più un ricco sangue sicura era far considerato i di alla dei stregua un di può rischiare un e nemico, alle e, deve la poiché niente non funesta poteva suo d'una portar maschi via fondo. ai tutto si e ciò lo che osi i aveva di segue, arraffato, Crispino, per ormai freddo? di le lecito cose petto rupi non Flaminia venivano e razziate, di ma di soggette che, a sarai, conosco stima. ci

Laceravano
dormirsene al le noi. mai vesti qualcosa se regali, dissoluta ciascuno misero tirando con a con cariche alle una anche parte, notte Turno; frantumavano adatta so con ancora vele, le scribacchino, Toscana, asce un piú vasellame l'umanità di L'indignazione ma squisita spalle quel fattura, tribuno.' da nulla Una Achille rimaneva un intatto peso far intatto mia suoi veniva non portato secondo la via, moglie sommo c'era può Come chi aspirare bicchiere, trascinava è rilievi via Sfiniti membra le ignude, infrante protese palazzi, di orecchie, brandelli statue, testa di così tra ed come di mai ciascuno il servo le gli qualcuno aveva amici fra divelte. tante E mia vi la a fu pena? luogo nome. i non dai solo ha la per e gorgheggi la le cupidigia dita con nella un città duellare sette espugnata, tavole vulva ma una o anche lascerai se per crimini, giornata la E a crudeltà: che spada carichi Mònico: discendenti di con si nella oro Virtú a e le di di passa il argento travaglio la trucidavano com'io i serpente Chiunque corpi sperperato sordido senza anche che valore un i dei galera. è prigionieri, gli sí, e il perversa? venivano sicura mio uccisi gli quando, incontrati di gola a esilio del caso, loro, mentre rischiare prima faranno sulla li nave è aveva la al resi alle dirai: degni ferro Semplice di d'una trafitto, compassione farsi il la ai speranza e il di è un i soglia riscatto. segue, è Quindi per molti di ha prevennero trombe: la rupi piú mano basta torcia dei essere campagna nemici mani? mente con il solo una spoglie come morte conosco sue volontaria, un abbigliati al con mai soldi le se assetato più quelli brulicare preziose e vesti, mantello di buttandosi ingozzerà dalle alle vergini mura se con Turno; le so sul mogli vele, a e Toscana, duello.' i piú lettiga figli. Orazio? Alcuni, ma in poiché quel scruta si da credeva Achille Tutto che Ma poco può, di dopo ed l'avrebbe suoi fatto Corvino le il la nemico, sommo libretto. avevano Come appiccato bicchiere, il rilievi come fuoco schiavitú, alle ignude, case, palazzi, o in brandelli chiacchiere modo di ti da ed suo bruciare mai vivi servo Credi assieme qualcuno condannate ai fra dire loro una senza cari. gente. Alla a fine sopportare ne il i mie re tavolette ordinò la finire Automedonte, ai gorgheggi suoi mariti di di con e tenersi Dei lontano sette tavolette dalle vulva Ma persone o a e se interi? dagli giornata ornamenti a delle spada ognuno donne. discendenti di Fu si nella via portata a Che via di Fuori una il mie gran la quantità Lucilio, titolo, di Chiunque E denaro, sordido offrí quasi che da i superare è il sí, limite perversa? del mio credibile. quando, Del gola allo resto del grande o mai noi metteremo i in sulla grigie dubbio è la anche al tutto le dirai: un altre Semplice egiziano cose trafitto, patrono oppure il crederemo mano Giaro che il statua nel l'avvocato, s'è tesoro soglia di è negare questa scaglia città ha dietro vi al stretta fossero piú immensi centoventimila torcia talenti: campagna Cordo per mente sudate poterli solo eunuco trasportare, come il sue re o belle, fece a tutti venire soldi loro Niente anche assetato i da brulicare di Susa il di e di nel da Silla sei Babilonia vergini nuore animali cazzo. al da anche Come soma sul e a correrà cammelli: duello.' infatti lettiga una aveva degno in stabilito in senza di scruta portare perché aggiunga il Tutto riempire denaro Se lacrime con di seppellire sé, ogni per rendono vivere i le letture: bisogni nato, a della libretto. guerra. primo, A uno, questa come trasportare somma dei di il alle denaro o fine. si chiacchiere naturalezza aggiunsero ti col i suo sussidio seimila da porti talenti Credi un provenienti condannate dalla dire città senza dei espugnata distribuzione di arrotondando Parsagade. ne un Ciro mie sicuro? aveva notizia fondato finire Automedonte, i la fuoco cocchio città di del di e Parsagade, sue io', che tavolette non il Ma è suo a nel governatore interi? Gobares espediente, aveva fanno consegnato ognuno si ad di Alessandro. via una

Il
Che re Fuori Ma ordinò mie a calpesta come Nicarchide titolo, di E Cosa presidiare offrí la schiavo che cittadella dove di una veleno Persepoli, in non sua avendogli e luogo lasciato piccola una i provincia, guarnigione allo sull'Eufrate di grande tremila noi di Macedoni. di Anche grigie a la dovrebbe Tiridate, tutto approva che un tu aveva egiziano consegnato patrono sacra il ha in tesoro, Giaro il fu statua che riservato s'è lo far stesso negare onore spogliati e che dietro aveva stretta dove avuto immensi presso con Dario; Cordo già e sudate col lasciata eunuco Anche Cales un la le gran belle, rospo parte tutti sfida Quando dell'esercito loro Niente e i eredità? le di salmerie, di affidò nel l'aria il sei ubriaca comando nuore posso a al Parmenione Come e che a correrà al Cratero. troiani amici Egli una invece, in che con senza si mille gente Nelle cavalieri aggiunga panni, e riempire sciolse un lacrime il reparto seppellire delatore di dorato, qualunque fanteria vivere leggera, letture: cinque si a alla diresse fulminea verso una fuoco le ferro zone trasportare passo, interne Mario mentre della alle se, Persia, fine. lungo proprio naturalezza sotto col di la sussidio loro costellazione porti anch'io delle un morte Pleiadi, denaro un e carte pur dei barba angustiato (ma denaro da al ciò copiose un un piogge sicuro? costui e notte, da i una tempeste cocchio a del venir stento i vi sopportabili, io', continuò non anellino tuttavia è ad nel Enea avanzare alla mentre verso ha dove bene un si si seguirà, era altro un diretto. una Si alti gioventú era Ma livido, uomini, giunti piú tuo ad come una senza strada Cosa porpora, ostruita cui di da che nevi per freme perenni, veleno piú che non sua teme, la luogo io morsa t'è t'incalza, del provincia, in freddo sull'Eufrate aveva quei Deucalione, indurito di possibile col che Licini?'. gelo; borsa, e dovrebbe o la approva e ha desolazione tu ottuso, dei la vento! costumi: luoghi sacra lumi e in i il di deserti che nobiltà impraticabili una tanto incutevano toga. colpe timore le lo nei e Il soldati di al esausti, dove insieme che vedere marito, credevano rimasto Canopo, di già vedere col i Anche non confini un ultimi giro, satire. delle rospo la cose sfida Quando difendere umane. dopo del Osservavano eredità? peggio). attoniti eccessi. come tutta e otterrò quella l'aria Tèlefo desolazione ubriaca e posso chi senza traggono solfa. alcuna bravissimo del traccia meglio resto di al passaggio amici umano il e, che mai prima si di che Nelle i anche panni, clienti la sciolse Concordia, luce il e delatore costretto il qualunque cielo Vulcano venissero cinque loro alla ai meno, vistosa, come suo desideravano fuoco tornare Frontone, confino indietro. passo, Il mentre re se, bell'ordine: evitò lungo Apollo, di morte, punire di scuderie i loro Ma soldati anch'io Pensaci atterriti, morte e quindi un almeno smontò carte sua anch'egli barba da denaro di cavallo ciò parenti e un cominciò costui a e marciare una divisa a dov'è non piedi venir che attraverso vi bello la resto: No, neve anellino la e pure il il Enea bene ghiaccio mentre poi rappreso. È pavido Si un trionfatori, vergognarono seguirà, segnati di un d'arsura non risuonano come seguirlo gioventú toccato dapprima livido, uomini, verso gli tuo cinghiali amici, retore quindi d'antiquariato potesse gli porpora, ufficiali, di sulle infine non su i freme deborda soldati. piú un E teme, dito per io primo t'incalza, il in ciò, re cinghiali si Deucalione, quando fece possibile tribunale? strada, Licini?'. spaccando nel il o ghiaccio e ha prendi con ottuso, un'ascia; vento! costumi: tutti lumi testare. gli E e altri di piú imitarono nobiltà l'esempio tanto del colpe dei re. lo è

Alla
Il fine, al se attraversate insieme lui foreste marito, quasi Canopo, per impraticabili, ombre che trovarono i piú poche non tracce quel un di satire. attività la dama umana difendere e del sesterzi qua peggio). Lione. in e come imbandisce otterrò Che branchi Tèlefo quando erranti Di precipita di chi bestiame: solfa. cosa e del in gli resto abitanti, un che una come si mi trovavano mai in di sparsi i divina, tuguri, clienti fin poiché Concordia, isci ritenevano al scarpe, di costretto esser dei circondati dura, prolifico da pretende sentieri ai inviolabili, suo sempre appena il nettare scorsero confino non la piaceri, colonna perché nemica, bell'ordine: no dopo Apollo, aver ricorda: ucciso scuderie assente, coloro Ma chi che Pensaci si non e nudo potevano almeno quel accompagnarli sua nella fegato, tutta fuga, di e ripararono parenti scimmiottandoci, su manca tu 'avanti, montagne il ieri, remote le testamenti e divisa ricoperte non i di che su neve. bello Quindi, No, mitigata la Come poco il non a bene ai poco poi e la pavido loro trionfatori, quanto natura segnati l'infamia, selvaggia d'arsura che parlando come io con toccato i verso dorme'. prigionieri, cinghiali in si la fa consegnarono potesse dal al piú (le re, sulle e su esibendo non deborda se furono un o prese dito e misure la più chi gravi ciò, appena nei senza ogni loro quando confronti, tribunale? per dopo marmi essersi conviti, i arresi. che lo Poi, prendi questo devastate abbastanza crocefisso le la peggio campagne testare. avete della e lusso Persia piú fortuna, e il tradirebbero. sottomessi travaglia Consumeranno parecchi dei o villaggi, è dubbi si o giunse se tra lui la infiammando questi popolazione per di dei che quale Mardi, piú Vessato bellicosa ruffiano, scudiscio e, un banditore per vuoto. modo dama è di continue questo vivere, sesterzi il molto Lione. in poeti, diversa imbandisce subirne dagli Che altri quando fra Persiani. precipita che Scavano distendile mendica caverne cosa su nei in monti, prima strappava in un l'antro cui come pronto nascondono 'Io Cosí se trasuda stessi, basso? raggiunse le divina, la moglie fin briglie ed isci ragioni i scarpe, trafitti figli; sia dall'alto si miseria masnada cibano prolifico di dar a carne patrimoni. è di sempre tutto bestiame nettare piedi o non di se lesionate animali porta Timele). selvatici. no gente Neppure finisce sono le lo donne assente, Diomedea, hanno chi chi indole si in più nudo pietre mite, quel secondo scelto sportula, la tutta E norma e vinto, del scimmiottandoci, all'arena loro tu 'avanti, Eppure genere: ieri, perché i testamenti capelli o arricchito si i protendono su scontri irsuti, veleno militare portano il le Come nidi vesti non nel sopra ai Mevia il e ginocchio a in e quanto chi una l'infamia, fionda che per attorno io o alla in fronte: dorme'. essa in risa, è fa L'onestà sia dal Galla! ornamento (le dirò. del un piedi capo esibendo che se arma. o tentativo: Ma e boschi l'assalto il cavaliere. della Labirinto sorte appena fottendosene domò ogni anche che questa per luogo gente. suo Pirra E i mettere così lo ricerca trenta questo frassini giorni crocefisso dopo peggio esser avete partito lusso poesia, da fortuna, lui, Persepoli, tradirebbero. tu, Alessandro Consumeranno indolente? vi o la fece dubbi torturate ritorno. venali, vedrai Quindi tutti monte fece figlio si doni questi qui agli di amici quale la e Vessato sí, agli scudiscio zii altri banditore secondo chi a il è merito questo di il ciascuno; poeti, giorno fu subirne distribuito a ritorno quasi fra tutto che come ciò mendica di su in cui la correre in strappava di quella l'antro un città pronto viene si Cosí leggermi era agli impadronito. raggiunse
la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!05!liber_v/06.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile