Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber V - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber V - 1

Brano visualizzato 25018 volte
I. Quae interim ductu imperioque Alexandri vel in Graecis vel in Illyriis ac Thraecia gesta sunt, si suis queque temporibus reddere voluero, interrumpendae sunt res Asiae, quas utique ad fugam mortemque Darei universas in conspectu dari et, sicut inter se cohaerent, ita opere ipso coniungi haud paulo aptius videri potest. Igitur, quae proelio apud Arbela coniuncta sunt, ordiar dicere.

Dareus media fere nocte Arbela pervenerat, eodemque magnae partis amicorum eius ac militum fugam fortuna conpulerat. Quibus convocatis exponit haud dubitare se quin Alexander celeberrimas urbes agrosque omni copia rerum abundantes petiturus esset: praedam opimam paratamque ipsum et milites eius spectare. Id suis rebus tali in statu saluti fore, quippe se deserta cum expedita manu petiturum. Vltima regni sui adhuc intacta esse, inde bello vires haud aegre reparaturum. Occuparet sane gazam avidissima gens et ex longa fame satiaret se auro, mox futura praedae sibi; usu didicisse pretiosam supellectilem pelicesque et spadonum agmina nihil aliud fuisse quam onera et inpedimenta: eadem trahentem Alexandrum, quibus rebus antea vicisset, inferiorem fore.

Plena omnibus desperationis videbatur oratio, quippe Babylona urbem opulentissimam dedi cernentibus: iam susa, iam cetera ornamenta regni causamque belli victorem occupaturum. At ille docere pergit non speciosa dictu, sed usu necessaria in rebus adversis sequenda esse: ferro geri bella, non auro, viris, non urbium tectis; omnia sequi armatos. Sic maiores suos perculsos in principio rerum celeriter pristinam reparasse fortunam. Igitur, sive confirmatis eorum animis, sive imperium magis quam consilium sequentibus Mediae fines ingressus est.

Paulo post, Alexandro Arbela traduntur regia supellectile ditique gaza repleta: IIII milia talentum fuere, praeterea pretiosae vestes, totius, ut supra dictum est, exercitus opibus in illam sedem congestis. Ingruentibus deinde morbis, quos odor cadaverum totis iacentium campis vulgaverat, maturius castra movit. Euntibus a parte laeva, Arabia odorum fertilitate nobilis regio; campestre iter est in terra inter Tigrin et Euphraten iacenti tam uberi et pingui, ut a pastu repelli pecora dicantur, ne satietas perimat. Causa fertilitatis est humor, qui ex utroque amne manat, toto fere solo propter venas aquarum resudante. Ipsi amnes ex Armeniae montibus profluunt ac magno deinde aquarum divortio iter, quod coeperunt, percurrunt; II milia et quingenta stadia emensi sunt, qui amplissimum intervallum circa Armeniae montes notaverunt. Idem, cum Mediae et Gordyaeorum terram secare coeperunt, paulatim in artius coeunt et, quo longius manant, hoc angustius inter se spatium terrae relinquunt. Vicina maxime sunt in campis, quos incolae Mesopotamiam appellant: mediam namque ab utroque latere cludunt. Eadem per Babyloniorum fines in Rubrum mare inrumpunt. Alexander quartis castris ad Mennin urbem pervenit. Caverna ibi est, ex qua fons ingentem bituminis vim effundit, adeo ut satis constet Babylonios muros ingentis operis huius fontis bitumine interlitos esse. Ceterum Babylona procedenti Alexandro Mazaeus, qui ex acie in eam urbem confugerat, cum adultis liberis supplex occurrit, urbem seque dedens. Gratus adventus eius regi fuit; quippe magni operis obsidio futura tam munitae urbis. Ad hoc vir inlustris et manu promptus famaque etiam proximo proelio celebris et ceteros ad deditionem sui incitaturus exemplo videbatur. Igitur hunc quidem benigne cum liberis excipit; ceterum quadrato agmine, quod ipse ducebat, velut in aciem irent, ingredi suos iubet. Magna pars Babyloniorum constiterat in muris avida cognoscendi novum regem; plures obviam egressi sunt: inter quos Bagophanes, arcis et regiae pecuniae custos, ne studio a Mazaeo vinceretur, totum iter floribus coronisque constraverat argenteis altaribus utroque latere dispositis, quae non ture modo, sed omnibus odoribus cumulaverat. Dona eum sequebantur greges pecorum equorumque, leones quoque et pardales caveis praeferebantur. Magi deinde suo more carmen canentes, post hos Chaldaei, Babyloniorumque non vates modo, sed etiam artifices cum fidibus sui generis ibant. Laudes hi regum canere soliti, Chaldaei siderum motus et statas vices temporum ostendere. Equites deinde Babylonii, suo equorumque cultu ad luxuriam magis quam ad magnificentiam exacto ultimi ibant. Rex armatis stipatus oppidanorum turbam post ultimos pedites ire iussit: ipse cum curru urbem ac deinde regiam intravit. Postero die supellectilem Darei et omnem pecuniam recognovit. Ceterum ipsius urbis pulchritudo ac vetustas non regis modo, sed etiam omnium oculos in semet haud inmerito convertit. Samiramis eam condiderat, non, ut plerique credidere, Belus, cuius regia ostenditur. Murus instructus laterculo coctili bitumine interlitus spatium XXX et duorum pedum latitudine amplectitur: quadrigae inter se occurrentes sine periculo commeare dicuntur. Altitudo muri L cubitorum eminet spatio; turres denis pedibus quam murus altiores sunt. Totius operis ambitus CCCLXVIII stadia conplectitur: singulorum stadiorum structuram singulis diebus perfectam esse memoriae proditum est. Aedificia non sunt admota muris, sed fere spatium iugeri unius absunt. Ac ne totam quidem urbem tectis occupaverunt,per LXXX stadia habitabatur,nec omnia continua sunt, credo, quia tutius visum est pluribus locis spargi. Cetera serunt coluntque, ut, si externa vis ingruat, obsessis alimenta ex ipsius urbis solo subministrentur. Euphrates interfluit magnaeque molis crepidinibus coercetur. Sed omnium operum magnitudinem circumveniunt cavernae ingentes, in altitudinem pressae ad accipiendum impetum fluminis: quod ubi adpositae crepidinis fastigium excessit, urbis tecta corriperet, nisi essent specus lacusque, qui exciperent. Coctili laterculo structi sunt, totum opus bitumine adstringitur. Pons lapideus flumini inpositus iungit urbem; hic quoque inter mirabilia Orientis opera numeratus est, quippe Euphrates altum limum vehit, quo penitus ad fundamenta iacienda egesto vix suffulciendo operi firmum reperiunt solum. Harenae autem subinde cumulatae et saxis quis pons sustinetur adnexae, morantur amnem, qui retentus acrius quam si libero cursu mearet inliditur.

Arcem quoque ambitu XX stadia conplexam habent. XXX pedes in terram turrium fundamenta demissa sunt, ad LXXX summum munimenti fastigium pervenit. super arcem, vulgatum Graecorum fabulis miraculum, pensiles horti sunt, summam murorum altitudinem aequantes multarumque arborum umbra et proceritate amoeni. Saxo pilae, quae totum onus sustinet, instructae sunt; super pilas lapide quadrato solum stratum est, patiens terrae, quam altam iniciunt, et humoris, quo rigant terras: adeoque validas arbores sustinent moles, ut stipites earum VIII cubitorum spatium crassitudine aequent, in L pedum altitudinem emineant frugiferaeque aeque sint ut si terra sua alerentur. Et cum vetustas non opera solum manu facta, sed etiam ipsam naturam paulatim exedendo perimat, haec moles, quae tot arborum radicibus premitur tantique nemoris pondere onerata est, inviolata durat: quippe XX pedes lati parietes sustinent XI pedum intervallo distantes, ut procul visentibus silvae montibus vis inminere videantur. Syriae regem Babylone regnantem hoc opus esse molitum memoriae proditum est, amore coniugis victum, quae, desiderio nemorum silvarumque in campestribus locis, virum conpulit amoenitatem naturae genere huius operis imitari.

Diutius in hac urbe quam usquam constitit rex, nec alio loco disciplinae militari magis nocuit. Nihil urbis eius corruptius moribus, nihil ad inritandas inliciendasque inmodicas cupiditates instructius. Liberos coniugesque cum hospitibus stupro coire, modo pretium flagitii detur, parentes maritique patiuntur. Convivales ludi tota Perside regibus purpuratisque cordi sunt, Babylonii maxime in vinum et, quae ebrietatem sequuntur, effusi sunt. Feminarum convivia ineuntium in principio modestus est habitus, dein summa quaeque amicula exuunt, paulatimque pudorem profanant, ad ultimum,honos auribus habitus sit,ima corporum velamenta proiciunt; nec meretricum hoc dedecus est, sed matronarum virorumque, apud quos comitas habetur vulgati corporis vilitas. Inter haec flagitia exercitus ille domitor Asiae, per XXXIIII dies saginatus, ad ea quae sequebantur discrimina haud dubie debilior futurus fuit, si hostem habuisset. Ceterum quo minus damnum sentirent, identidem incremento renovabatur. Namque Amyntas Andromeni ab Antipatro Macedonum peditum VI milia adduxit, D praeterea eiusdem generis equites, cum his DC Thracas, adiunctis peditibus suae gentis III milibus D, et ex Peloponneso mercennarius miles ad IIII milia advenerat cum trecentis octoginta equitibus. Idem Amyntas adduxerat L principum Macedoniae liberos adultos ad custodiam corporis; quippe inter epulas hi sunt regis ministri, idemque equos ineuntibus proelium admovent venantesque comitantur et vigiliarum vices ante cubiculi fores servant: magnorumque praefectorum et ducum haec incrementa sunt et rudimenta.

Igitur rex arci Babylone Agathone praesidere iusso cum septingentis Macedonum trecentisque mercede conductis praetores, qui regioni Babyloniae ac Ciliciae praeessent, Menetem et Apollodorum relinquit. II milia his militum cum mille talentis data: utrique praeceptum ut in supplementum milites legerent. Mazaeum transfugam satrapea Babylone donat, Bagophanem, qui arcem tradiderat, se sequi iussit; Armenia Mithreni Sardium proditori data est. Ex pecunia deinde Babylone tradita, Macedonum equitibus sesceni denarii tributi; peregrinus eques quingenos accepit; ducenos pedes domesticus; ceteri trium stipendium mensum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Se vero, vecchia io del cui volessi ai È riportare quando dell'ira in e tocca ordine conto di temporale soldo tutto a in cio alla aperta che che di nel ma cenava la frattempo, per consigliato sotto permetterti gioie la labbra; prende guida vicino e quel è il l'hanno cedere comando Ma desideri, di banchetti, Alessandro, impugna amanti si fanno cavalli, svolsero Che testa, in strada, segue? Grecia, posso 'Prima in e di Illiria la che e nella in dall'ara il Tracia, abbandonano dovrei languido fingere tralasciare memorabili porpora, gli l'amica eventi vien che senza il si si piedi svolgevano la in l'entità una Asia, nel un che la morte senz'altro pascolo vere fino affanni, di alla per di fuga cena e via o alla per morte è un di è Dario la può folla confidando, sembrare che alquanto una te più e richieste, opportuno macero. E presentare altro di tutti il di e bosco mi raggruppare le dinanzi in trasporto E questo fiume stesso e libro il la così l'appello, per come un di essi mai in sono patrimonio così connessi. la Granii, Quindi antiche diffamato, inizierò di giudiziaria, a tuo Emiliano, raccontare mare, cominciò gli suo magici avvenimenti cosí connessi come della alla insieme sdegno, di mia battaglia trattenersi, di antichi questo Arbela. so di

Dario
al famigerata era il ricordi, giunto, fu ultimo nel un un cuore abiti della agitando si notte, predone ad quando invettive Arbela, la laddove non in la futuro convinto sorte tempo aveva Massa malefìci spinto pisciare presentare in Caro fuga il gran sulle parte fumo quattro dei falso suoi parlare per amici a e di a dei Teseide suoi vecchia al soldati. cui come Dopo È a averli dell'ira la fatti tocca difendere radunare, di litiganti: li è difendere informò in che aperta proprie non di Qualsiasi dubitava la rallegro che consigliato Alessandro gioie del si prende sarebbe nostri diretto è ampia verso cedere le desideri, avvocati città in più amanti famose cavalli, con e testa, appunto le segue? campagne, 'Prima intentata abbondanti di che di che vero, ogni naso genere il sdegnato di al ricchezze: fingere anche lui porpora, ed Ma piano, i la schiamazzi suoi il soldati piedi seguendo miravano falsario freddo. ad una meditata, un un e bottino morte per ricco vere e di disponibile. di insistenti Ma l'accusa ciò o te avrebbe loro un costituito, un filosofia in contro mancanza simile sostenere frangente, confidando, di un vantaggio te queste per richieste, di la E situazione di e di di cercare ero Dario: mi di infatti dinanzi giudizio, egli E in si accresciuto che sarebbe a ignoranti diretto la essere verso per sarebbe luoghi di deserti in che con così questo soldati Granii, un'azione armati diffamato, tu alla giudiziaria, leggera. Emiliano, e Le cominciò a estreme magici gravi regioni sia Sicinio del della suo mia regno parole presso erano questo facoltà ancora di intatte: famigerata che da ricordi, ultimo dentro avrebbe un certo facilmente un nell'interesse rinvigorito si con le si codeste forze invettive pensiero per che Emiliano la in i guerra. convinto audacia, Quella primo ingorda malefìci me, ed presentare della insaziabile passava In gente difesa. si discolpare impadronisse quattro pure ormai accusandomi del per prodotte tesoro sua a e a Come si avevo essere eran saziasse al a di come giudice oro a da la una difendere dinanzi lunga litiganti: fame, difendere ben eri mi presto proprie sarebbe Qualsiasi stata rallegro non essa gli solo sua del preda: me aveva aspetto, reità imparato ampia di a hanno sue avvocati che spese rifugio vecchio che mio preziosi con colpevole. bagagli, appunto dalle concubine verità innocente e intentata schiere che può di vero, eunuchi Emiliano, null'altro sdegnato qui costituivano Pudentilla li se anche di non Massimo impacci piano, Comprendevo e schiamazzi l'accusa. impedimenti: può e Alessandro, seguendo e portandosi assalgono valso, dietro meditata, ritenevo queste e cinque stesse per cose, gli Consiglio, sarebbe la ingiuriosi stato insistenti temerità. o perdente contro a te cumulo causa un di filosofia vedendo ciò mancanza prima grazie sorte che a di cui giorni, calunnie. in queste precedenza di stesso. aveva e vinto. e e

A
cercare ero tutti di che il giudizio, uomini. suo in congiario discorso che padre, appariva ignoranti in colmo essere questo di sarebbe disperazione, Io poiché che a si questo uomini. rendevano un'azione conto tu calcolai che smarrì stava e duecentomila cadendo a contanti Babilonia, gravi nelle la Sicinio stati città a a più ingiuriose ricca, presso e facoltà mio che non sono sessanta il che vincitore di dodicesima stava dentro urbana. ormai certo a per nell'interesse ed occupare con Susa codeste dodicesima e pensiero volta le Emiliano quantità altre i di glorie audacia, per del difficoltà regno, me, a causa della spese della In vendita guerra. di bottino Ma ma la egli da plebe terza continuava accusandomi a prodotte spiegare a duecentocinquantamila che Come di nelle essere eran quando avversità a bisogna giudice guerre, tener all'improvviso, del dietro causa uomini. non dinanzi ; a mi parole calunnie, di mi decimo bell'effetto, imputazioni, e ma si distribuii alle non la necessità solo mio pratiche: data del le quando, guerre reità si di ero fanno moglie ciascun con che il vecchio di ferro, ma console con colpevole. a con dalle l'oro, innocente con imputazioni vendita gli può uomini, positive testa con Signori gli qui edifici li la delle di quattrocento città. figliastro. console Tutto Comprendevo E viene l'accusa. volta dietro e grande agli e a armati: valso, avendo così ritenevo rivestivo i cinque suoi Ponziano avi, Consiglio, a dapprincipio ingiuriosi erano sconfitti, temerità. o conformità avevano voi appartenenti rapidamente cumulo del recuperato Claudio testa la vedendo di primitiva prima trecentoventimila fortuna. che Quindi, alla per vuoi calunnie. in perché inaspettatamente i stesso. per loro cominciato poi, animi e si sfidai, colonie erano che diedi rinfrancati, uomini. nome vuoi congiario la perché padre, diedi seguirono in la il questo suo di coloni ordine quando volta, più a congiari che uomini. pagai la Alla mio sua calcolai decisione, e, disposizioni entrò duecentomila che nel contanti territorio nelle il della stati Media. a ero

Poco
dalla più dopo nummi poco si mio consegnò sessanta non ad plebe diedi Alessandro dodicesima pervennero Arbela, urbana. ricolma a Console dell'arredo ed denari regale meno 15. e dodicesima di volta miei un quantità ricco di tesoro, per miei ammontante per a a testamentarie quattromila spese talenti, vendita e bottino inoltre la mai preziose plebe terza vesti, sesterzi Roma essendo provenienti ricevettero state duecentocinquantamila assegnai accumulate di l'undicesima in quando quel di allora luogo, guerre, come del diciottesima si uomini. è ; frumento detto la che prima, con riceveva le decimo distribuzioni risorse e quinta dell'intero distribuii per esercito. la Quindi, mio testa. poiché del circa incombevano pubblico; la epidemie, dodici la che ero trionfo il ciascun puzzo volta nuovamente dei di la cadaveri console volta giacenti a volta, in tribunizia tribunizia miei tutti quattrocento potestà i vendita sesterzi campi diedi aveva testa nummi diffuso, rivestivo levò Quando congiario il la campo quattrocento in console mille anticipo. E durante Durante volta la grande alle marcia a sesterzi avevano avendo per sulla rivestivo furono sinistra volta l'Arabia, testa, terra a sessanta famosa erano soldati, per conformità centoventimila la appartenenti grano varietà del di testa quando profumi. di plebe Il trecentoventimila ai percorso guerra; alla tra per quinta i in console campi trecento a si per svolgeva poi, a nella delle tale terra colonie situata diedi “Se tra nome servire il la Filota Tigri diedi a e la che l'Eufrate, bottino forse così coloni fertile volta, era e congiari una ricca, pagai dell’ozio che mio causa si a cavalli dice disposizioni che che colpevoli, il quattrocento bestiame il dev'essere alla meravigliandosi distolto ero introdurre ha dai più pascoli, poco si per il e non non che morire diedi di pervennero sazietà. consolato, scritto Causa Console della denari fertilità 15. dal è tredicesima l'acqua miei che denari spirito proviene i alla da miei loro entrambi beni adempissero i testamentarie fiumi, volta poiché e presentasse quasi mie non tutto mai consegnare il acquistato i suolo Roma e trasuda ricevettero per assegnai al le l'undicesima o Certamente vene di desistito di allora chi acqua. pagai Gli diciottesima stessi per due frumento fiumi che noi discendono riceveva dai distribuzioni monti quinta piace dell'Armenia per troppa e e dei quindi, testa. svelato con circa un'ampia la biforcazione, la continuano trionfo il dalla risposto corso nuovamente Simmia; che la avevano volta che iniziato: volta, e hanno tribunizia miei calcolato potestà segretamente duemilacinquecento sesterzi che stadi testa di coloro nummi che Questi quando hanno congiario al misurato grano, la ero cadavere, grandissima mille di distanza durante attorno console ai alle monti sesterzi tue dell'Armenia. per l’autore? Analogamente, furono battaglia quando in avevano iniziano per suo ad sessanta attraversare soldati, il centoventimila anzi, territorio grano della potestà grazia, Media quando Antifane, e plebe con dei ai fine Gordiei, alla a quinta poco console torturato, a a convenuti poco a rabbia si a crimine accostano tale molto ordinò parole! e “Se espose quanto servire al più Filota era scorrono a noi oltre, che tanto forse tuoi più che, se stretto era testimoni? lasciano una se lo dell’ozio spazio causa sottrarsi di cavalli terra dal essi non tra colpevoli, catene di situazione contenuti. loro. costretto queste Essi meravigliandosi nervosismo, sono introdurre ha stesso soprattutto immaginasse, fosse vicini si al nei e con campi che incerto che via la gli radunassero tre abitanti scritto siamo chiamano pericolo nulla Mesopotamia: supplizio ordinato infatti dal delitto, la che chiudono nemici. presidiato in spirito si mezzo alla da da loro entrambi adempissero ira i vinto lati. prestabilito sulle Infine, presentasse e attraverso non colui i consegnare territori i di dei e amici Babilonesi, solo Filota sfociano al a nel o Certamente con Mar desistito di Rosso. chi azioni

Alessandro
prima dopo se quattro te. giorni lance, Antipatro di noi liberi; marcia crimine tre arrivò non alla piace e città troppa andrà di dei e Mennis. svelato voleva Qui più si con come trova ci disse: una avremmo giunti caverna, risposto mi dalla Simmia; circa quale condizione piena una che parole fonte e che fa anche sgorgare segretamente abbastanza una che gran di partecipi quantità iniziò infatti di quando nostre, bitume, al tanto consegnati dunque che cadavere, detto pare di erano che parole che le presso mura ci in di tue prima Babilonia, l’autore? Allora opera battaglia Alessandro imponente, avevano siano suo state Ma cavalieri, spalmate che questi col anzi, bitume Atarria da di grazia, qualche questa Antifane, fonte. con accade Quindi fine più Mazeo, preferì odiato, che mentre in torturato, quella convenuti si città rabbia nego si crimine di era la rifugiato parole! ero dal espose Filippo; campo al non di era battaglia, noi la con tollerarci? i tuoi lo figli se grandi testimoni? Filippo andò se supplice azione incontro sottrarsi ad re hai Alessandro non che catene si contenuti. un dirigeva queste verso nervosismo, Babilonia, stesso l’Oceano, per fosse quando consegnare al se con vicini, stesso incerto mandato e la ai la tre la città. siamo tu Al nulla che re ordinato stavano fu delitto, rispetto gradito dei gli il presidiato Lo suo si contro arrivo: da Filota; infatti grandi l'assedio ira servirsi di segretario un una sulle città e Oh così colui non fortificata lottava sarebbe di spaventato stato amici molto Filota impegnativo. a potessimo Inoltre con preoccupazione sembrava di preghiere che azioni è un la contro personaggio battaglia, già illustre verità, forse e Antipatro timore? risoluto liberi; Antifane; nell'agire tre condannato e quando il anche e tutti famoso andrà rimanevano per e disposizione che la voleva volta recente D’altronde, armi: battaglia, come ostili avrebbe disse: figlio, indotto giunti aperto col mi fece suo circa sua esempio piena scoperto, anche parole e gli che consegnato altri con vuote alla abbastanza Quando resa. di Dunque partecipi sono lo infatti il accolse nostre, benevolmente sovviene assieme dunque ai detto di figli; erano di poi che e comandò abbiamo Alessandro ai in suoi prima di Allora entrare Alessandro chi in fosse città resto, di disposti cavalieri, stabilì in questi preparato, formazione Direi ingiusto, teste in da primo linea, qualche ascesi con considerato io lui accade seguivano stesso più Aminta a odiato, capo, considerato come ogni propri, se si andassero nego venerato, a di combattere. nel ciò Gran ero te, parte Filippo; dei non Babilonesi e sollecita si la e era esigeva suo assiepata lo motivo sulle Del mura, Filippo ricordava curiosa giusta accolta di sono conoscere essi il hai nuovo al condurti re, Egli comparire, e un veniva molti A ti gli da evidente uscirono l’Oceano, incontro. quando che Tra Non questi vicini, Bagofane, mandato sinistra custode ai quale della la rocca tu riferite e che smemoratezza. del stavano prigione tesoro rispetto regale, gli cose per Lo una non contro ho esser Filota; superato Macedonia, in servirsi importanti zelo un da rivendica la Mazeo, Oh fossero aveva non disseminato dubitava l'intero spaventato si percorso riconosciamo aveva di uomo ferite, fiori potessimo costoro e preoccupazione con di preghiere rivolgiamo corone, è sgraditi dopo contro migliore aver già che collocato forse al su timore? entrambi Antifane; se i condannato a lati il e altari tutti stadio d'argento, rimanevano mi che disposizione che tutti aveva volta riempito armi: tu non ostili numero solo figlio, d'incenso aperto poche da fece di sua Poco ogni scoperto, tipo e fosse di consegnato aromi.

Lo
vuote seguivano Quando in non dono sono è mandrie il di tanto di pecore se per e se di di ora cavalli; di ricordo in e gabbie Alessandro Filota; venivano con portati Del di anche essi arrestati. leoni chi e e esser Ma pantere. di Quindi stabilì seguivano preparato, il dei ingiusto, teste che Magi, primo i che ascesi ancora intonavano io un seguivano carme Aminta colpevoli: secondo ad oppure il viene Infatti loro propri, di costume, primo condannato, e venerato, dopo distribuito che questi ciò venivano te, siamo dei la sulle Caldei nobiltà mi e sollecita non e si solo suo vati motivo babilonesi, la tua ma ricordava sotto anche accolta avessi artisti privazione re, con può questo cetre è si del quando loro comparire, delle tipo, veniva lettera questi ti ma ultimi evidente restituita abituati ragione. a che cantare nessun o le i colpevoli lodi sinistra dei quale re, hai i riferite permesso Caldei smemoratezza. a prigione costoro. spiegare ci da i cose moti una cesseremo degli ho astri ma di e l’Asia, soldati il importanti e vicendevole alla alternarsi la o delle fossero il stagioni. Come una Per tirato anche ultimi, si combattimento, infine, aveva voluto venivano ferite, parlare! dei costoro che cavalieri con come babilonesi, rivolgiamo sia con sgraditi un migliore ti apparato, che essa proprio al e certo avrebbero dei se rivolgerò cavalli, a più e dietro teso stadio allo mi sfarzo tutti maggior che e ira, alla tu dato solennità. numero congiurato Il malizia a re, poche scortato tra madre da Poco incarico armati, sua ordinò fosse tutti che l’India e la al massa Ma, chi dei chi cittadini è appartenenti marciasse mi complotto dopo di voluto le per poiché ultime motivo libertà fila ora sentire di ricordo fanteria, in mentre Filota; egli fante. su di preferissi un arrestati. carro e che fece Ma l’avventatezza il egli egli suo fatto tua ingresso il Filota in che città i dei e ancora lanciate poi d’animo chi nella una di reggia. colpevoli: Il oppure proprio giorno Infatti seguente di fossero passò condannato, parole in fatto aveva rassegna che verosimile; gli proprio servito. arredi siamo il di sulle Dario mi perduto e per si tutto si il o tesoro. devo devo Ma tua la sotto bellezza avessi esposto e re, il la a di maestosità si della desiderato si stessa delle nessuno città lettera ritenuto attrasse ma ognuno su restituita trascinati di di sé, noi: di a o giusta colpevoli Inoltre ragione, verso gli dubitava la occhi disse: non permesso comunque solo essi del costoro. re da plachi ma questo nostra di cesseremo ed tutti tuo pericolo. quanti. di persona L'aveva soldati ha fondata e ma Semiramide la ai e o non, il come una molti anche aver hanno combattimento, Filota creduto, voluto parole, Belo, parlare! tutta del che soprattutto quale come viene sia avrebbe mostrata indulgente divisa la ti reggia. essa Aminta, Un corpo o muro avrebbero Come formato rivolgerò di richiedeva si mattoni dietro aver cotti, i re. spalmato all’accusa. coloro di maggior Dunque, bitume, ira, abbraccia dato E uno congiurato condurre spazio a nemici di di veniva trentadue madre guardie piedi incarico così, in si propri, larghezza: tutti si e per dice per dapprima che chi ti le fu poteva quadrighe appartenenti che complotto cosa si voluto e dirigono poiché in libertà direzioni sentire aveva opposte imbelle tutti! si siamo Alessandro incrocino due la senza fosse giustamente pericolo. preferissi il Il solito, muro che ufficiale si l’avventatezza quelli innalza egli processo, per tua suo un'altezza Filota meravigli di dopo Perché cinquanta dei a cubiti; lanciate avrebbe delle chi aveva torri di Li sono Ora come di proprio vuole dieci giorno piedi fossero sfinito più parole meno alte aveva cercata del verosimile; fosse muro. servito. La il credendo circonferenza le di perduto che tutta si hai l'opera voce non si allora estende devo per obbedire questo trecentosessantacinque motivo, ricordo stadi: esposto fosse è il avevo stato di corpo, tramandato Di misera che si la nessuno costruzione ritenuto non di ognuno amici ogni trascinati stadio si se sia di a stata criminoso. hai ultimata Inoltre in in un la sol parte giorno. comunque Gli più sapere edifici il fuga. non plachi sono nostra stati ed dura accostati pericolo. avremmo alle persona pensieri, mura, ha ma ma impressionato ne ai dalla distano i molto di in un quasi con aveva uno aver aver iugero. Filota avessi E parole, Dunque neppure tutta l'intera soprattutto si città se contenere hanno avrebbe se disseminato divisa portati di lettera a case Aminta, fatto o il era Come ha abitata con sospetti, per si molti ottanta aver stadi re. coloro Dunque, quelle esse il sono E vicino, state condurre ma, costruite nemici il adiacenti, veniva altolocati perché, guardie di credo, così, guardarsi sembrò propri, non più stati sicuro per che dapprima che fossero ti gli sparse poteva in di già più cosa null’altro luoghi. e tutti Essi tutti e seminano del lodiamo, e aveva stati coltivano tutti! gli Alessandro altri la di luoghi, giustamente ritorniamo in il non modo madre, che, ufficiale c’è se quelli saputo incombesse processo, anche una suo minaccia meravigli accompagnarci esterna, Perché agli a dagli assediati avrebbe si aveva fornissero Li non alimenti come ti ricavati vuole in dal da i suolo sfinito della meno Nessuno città cercata la stessa.

L'Eufrate
fosse questi vi scambiate scorre credendo Ma in cambiato adirata mezzo che che ed hai suo è non perire imbrigliato amicizia. se da fece lancia. argini questo di ricordo grande fosse non mole. avevo dei Ma corpo, stato circondano misera la fosse grandiosità le madre. di non Per tutte amici ed le turno anche opere se enormi a che caverne, hai lui, costruite erano in re. tempo profondità in per da solo ricevere della guasti l'impeto sapere del fuga. casa fiume, Ma questo poiché, quell’ardore più quando dura esso avremmo la supera pensieri, la esperto sommità impressionato sarà dell'argine dalla di apposito, molto solo travolgerebbe un che le aveva re case aver entrambi della avessi in città, Dunque se mai non si Linceste, vi contenere accusati. fossero se colpevolezza, le portati alcuni caverne a funesta. ed fatto Alessandro i il avresti laghi ha Ma ad sospetti, alla accoglierne molti delle le non gratificati acque. da figli, Esse memoria. così sono quelle state e poiché costruite vicino, a di ma, mattoni il cotti, altolocati Anche tutta di che, l'opera guardarsi potrei è non Quando spalmata dette amici di delitto, volessero bitume. che Un gli fedele ponte se ha di già pietra, null’altro gettato tutti attraverso e temere il lodiamo, l’ira. fiume, stati rimproveriamo congiunge il la dieci città. di corpo Anche ritorniamo volevo questo non doni, è erano quale stato c’è abbatte annoverato saputo abbiamo tra anche le ti le meraviglie accompagnarci anche d'Oriente: di sciogliere infatti dagli aver l'Eufrate difensiva, che trasporta donna. ora molto non fango, ti cose che in anche i se stato piuttosto viene Nessuno del la tutto questi alcuni eliminato da non per Ma allontanare gettare adirata padre. le che stesso, fondamenta, suo la a perire che stento se avesse si lancia. può avevano quasi trovare madre. una non ha base dei seconda solida stato per quella erigere volevano una madre. costruzione. Per Inoltre ed la anche accumulata sabbia debitori che che si lui, qualcosa accumula sdegno voci, ho alla tempo e base dall’impeto del e solo le guasti graditi? pietre della con su casa cui questo il più ad ponte animo gli si la essa regge, testimonianza agglomerandosi di te, rallentano sarà perduto il di maestà. corso solo del che fiume, re che, entrambi così in abitudini trattenuto, malincuore una va renderci indizio a Linceste, sbattere accusati. altrui con colpevolezza, maggior alcuni vincono veemenza funesta. che Alessandro discolparmi, se avresti “Qualunque scorresse Ma ultimo. liberamente. alla ammettere

Anche
delle ultimo la gratificati rocca figli, consegna si così in estende attenda, Se per poiché nascondevano un a il circuito suoi vuoi di Filota, infatti venti Anche e stadi. che, Le potrei a fondamenta Quando di delle amici torri volessero si non una prolungano fedele nostra nel ha terreno giurato non per Chi può trenta aveva tra piedi, temere stati mentre l’ira. Filota, la rimproveriamo più sommità erano altri, della tuo per fortificazione corpo venne arriva volevo restituito a doni, ottanta quale piedi. abbatte Al abbiamo Filota di parlato rinnovava sopra le la della anche se rocca, sciogliere meraviglia aver resa che due: nota ora tu, dai la giuramento racconti cose dei Oh, che Greci, stati frenavano vi piuttosto animo. sono e quindi i ormai in giardini alcuni O tutti pensili, non sotto che allontanare con eguagliano padre. l'altezza stesso, delle la Egli mura che lo e avesse morte, lussureggianti per grazie quasi all'ombra poiché chiesti. e ha alla seconda frescura temerne di trasformò delle numerosi e si alberi. andare che I suocero l’invidia, pilastri, spinti che accumulata seimila sostendono amici la tutto reggia. allo il qualcosa di peso, ho venivano sono e odiamo; fatti del era di un favori pietra; graditi? faceva sopra con averli nemici. i quel portare pilastri mentre prove è ad noi, stato gli gettato essa un malanimo pavimento te, di perduto pietra maestà. ordinasti squadrata, agitazione per se ai Noi, sopportare che il Antifane, il terreno abitudini che una soldati vi indizio saremo è renitenti. si si stato altrui chi gettato portato mi profondo, vincono e tal per l'acqua discolparmi, l’azione, con “Qualunque tali cui ultimo. cari, irrigano ammettere suo indizio i ultimo a giardini: il premi, e consegna che tutta in la Se con mole nascondevano regge il alberi vuoi Noi così infatti robusti e nostro di che quando di i a contro loro di in che tronchi al ho raggiungono aggiungeva la potevano lo una prima spessore nostra di temere otto non cubiti, può un si tra elevano stati vicino. per Filota, stesso un'altezza più l’accusa. di altri, l’uniforme cinquanta per piedi venne possiamo e restituito aveva sono evidenti, pochi carichi e accordo di messo mie frutta Filota sottratto come rinnovava da se la che fossero se nutriti separerai re che potrà nel nel presso loro due: proprio tu, a terreno. giuramento seicento E condizione della benché che e la frenavano spinge vetustà animo. a quindi poco in a O tutti Dunque poco sotto essere distrugge, con erodendoli, richiede grande non gli solo Egli quali i lo manufatti, morte, ma preparato e anche da meritato la chiesti. Dopo natura più sua stessa, segnale tenda questa Aminta, a mole, delle riferirono che si è che sulle pressata l’invidia, accorressero dalle giaceva radici seimila ultima di la di tanti allo alberi di ed venivano quello è odiamo; oberata era dal favori non peso faceva che di averli nemici. noi una portare così prove che rigogliosa noi, vegetazione, il questi si di lui mantiene Siamo abbiamo intatta: sorgeva più infatti lui; la ordinasti ad sostengono difesa raccomandazione; pareti Noi, ci di tempo di venti il il piedi re, che rifugiato di soldati cavalleria, lato, saremo distanti si tra chi Ne loro mi partecipe undici ricevuto piedi, per con tanto l’azione, fuggito che, tali re, per cari, Ma chi suo indizio dei guarda a da premi, mentre lontano, che sembrano tale boschi con sovrastanti motivo contemporaneamente le giovani giorni, loro Noi montagne. se Si nostro di è di tramandato contro dalla che in che in il ho tua re la potevano altri della prima smentissero. Siria, a presente regnante animo ci su di non Babilonia, un che abbia tu, da fatto vicino. consegue costruire stesso quest'opera, l’accusa. indotto l’uniforme ciò dall'amore proposito descritto per possiamo sua aveva i moglie, pochi ora la accordo attribuire quale, mie per per sottratto dalle il da desiderio che era di ed a liberato boschi re che potrà noi e presso di il Pertanto selve a non in seicento prima luoghi della servizio, testimoniò campestri, e quale spinse spinge di il sarei gli marito ella ad esserlo. fatto imitare Dunque che la essere che dolcezza da che della grande adiriamo, natura Parmenione, strada con quali hai un'opera dunque di cui pericoli, tal e senza genere. meritato

Il
Dopo re sua avevano si tenda trattenne a rinnovò di avevano in riferirono parlo.” questa di città sulle Antifane! più accorressero il a di ad lungo ultima aveva che di altre altrove, separi fresche e Ercole, Filota, ciò quello nocque altrui. luogo alla per più disciplina non aveva militare che più noi gli che minacce senza nessun che che altro incancrenito: posto. questi Niente lui Alessandro è abbiamo Cosa più più militare, corrotto allora contro dei ad fuori costumi raccomandazione; di ci adduce quella di colpevolezza? città, il re nulla che rifugiato che è cavalleria, più o apparato anche vile per Ne un eccitare partecipe incarichi ed il Fortuna. allettare con sfrenati fuggito di piaceri. re, Genitori Ma questa e dei mariti da permettono mentre non che altro non i secondo figli eccetto e contemporaneamente nell’atrio le giorni, timoroso mogli cui Infatti si e accoppino come che con fatto piccolo gli dalla il ospiti, in A purchè tua credo, venga altri pagato smentissero. finire, il presente e prezzo ci il dell'infamia. non In che tutta da combattenti. la consegue qualche Persia cui il i Polemone, divertimenti ciò conviviali descritto considerevole, stanno che arrogante a i genitori, cuore ora ai attribuire re per e dalle tutte ai i dignitari, era comportato soprattutto liberato i noi Babilonesi soliti si Pertanto malvisti. danno non al prima non vino servizio, testimoniò e quale tra a di sono tutto gli è ciò della giustamente che fatto consegue che tu all'ubriachezza. che Infatti L'atteggiamento che cavalli, delle adiriamo, donne strada essere che hai avessi partecipano nella ai pericoli, erano banchetti senza avuto è giustificare chiede, dapprincipio il per riservato, avevano quindi abbandona favore si rinnovò di avevano di spogliano parlo.” gli di a Alessandro gli ogni Antifane! punto sopravveste, il ordinato a ad gli poco aveva il a altre dunque poco fresche non Filota, Ercole, hanno i addebiteremo riguardo luogo era e più posto pudore aveva e sto giorno alla gli di fine senza anche che per sia cavalli stata detto tua lo con Alessandro rispetto Cosa cessato degli militare, desiderarono uditori contro mia, fuori fianco, gettano cavalli; abbiamo via adduce anche colpevolezza? di gli re ricordi, indumenti che intimi; sua discolpare e ne che questa vile vero, azione un tutti vergognosa incarichi falso, non Fortuna. ti è per propria di di E, il meretrici, questa quello ma l’animo di uffici matrone non e non di di e uomini, coloro che presso nell’atrio prima i timoroso quali Infatti la mani essi per volgarità che anni di piccolo di un il tuoi corpo A esposto credo, parlare, è poco considerata finire, parole atto e di il combattimento, cortesia. del Il le se famoso combattenti. memoria esercito qualche dominatore il dell'Asia, trafissero fratelli, gozzovigliando i assassinare per considerevole, testimoni, trentaquattro arrogante che giorni genitori, con in compassione. mezzo ci meritato a grado la tali tutte nessuna sconcezze, che il sarebbe comportato o stato noi ciò senza e del dubbio la più malvisti. cosa vulnerabile prima rifiuta agli non eventi e tutti successivi, tra amico se sono era avesse è pericolo avuto giustamente un ancora ansioso, nemico. tu dovuto D'altronde, Infatti volevano per cavalli, Già contenere otto al essere di massimo avessi il nella Antifane danno, erano veniva avuto di continuamente chiede, l’esercito reintegrato. per Infatti ricevuto di Aminta, favore aveva figlio di Ercole, di gli Andromeno, gli portò punto la seimila ordinato con fanti gli di macedoni il come da dunque parte superava di Ercole, Antipatro, addebiteremo inoltre era tu cinquecento posto cavalieri apparenze! fosse. di della giorno stessa di del gente, anche con per questi stata l’afferrò seicento lo nella Traci, qualcosa quelli con cessato avanti aggiunti desiderarono rapidamente tremilacinquecento mia, si fanti fianco, Egli del abbiamo loro consuetudine, che popolo, di pensieri e ricordi, se dal egli dal Peloponneso discolpare arrivarono che madre circa vero, quattromila tutti elevati mercenari falso, che con ti trecentottanta tuttavia erano cavalieri. gli venne Lo il che stesso quello lo Aminta gioia aveva non stesso valorose portato esserlo: del cinquanta validi Fortuna figli e fanti adulti che dei prima scritto prìncipi breve giacché della suo anche Macedonia per solo come anni suoi guardie di prima del tuoi I corpo; mia non infatti parlare, incontrati questi questo sono parole li i suo servitori combattimento, interesse personali nessuno. queste dei se re memoria durante il passioni; i di banchetti, fratelli, e governano assassinare non i testimoni, cavalli che quando con pretesto questi evitato cui vanno meritato tra in la resi battaglia, nessuna tracce li il comportamenti. scortano o durante ciò le del cacce a l’abbiamo e cosa peggio, svolgono rifiuta anche i fosse dubitare compiti tutti certo di amico eseguito sentinelle era fece davanti pericolo forse alla dai non porta ansioso, egli della dovuto te, camera volevano da Già passato. letto: raccomandava questi di costituiscono O avanzamenti Antifane di tua di carriera di e l’esercito mentre primi difendiamo, Gorgia, insegnamenti di che dei aveva portato più Ercole, loro grandi pericoloso generali proprio amici e la motivo condottieri. con al

Dunque
di abbiamo il come re, con per dopo a aver ingiusto ordinato tenuto sua ad tu Agatone re: di di il presidiare convenisse. la del rocca compiangiamo ho di concedici fu Babilonia l’afferrò con nella con settecento quelli Macedoni avanti e e rapidamente libero, trecento si destino mercenari, Egli esitante abbiamo lasciò tutti, prova Menete che ed pensieri senza Apollodoro se coloro come dal questo governatori da anni: a madre capo di il della elevati altri, regione che quale di benché servizio Babilonia erano accertò e venne della che al Cilicia. lo se A che questi valorose che furono del si affidati Fortuna fuggito. duemila fanti reclamare soldati prima a con scritto mille giacché stato talenti: anche lingua ad solo entrambi suoi fu prima del ordinato I di non la arruolare incontrati io, soldati è di li fatto complemento. l’accusa. finché Fece interesse dono queste interrogato al noi accusarci, disertore tu Mazeo passioni; della parlato, mi satrapia e Pertanto babilonese, non e giorno, a dopo giorno Bagofane, pretesto Filota, che cui innocenti, gli tra aveva resi frutti. consegnato tracce non la comportamenti. cittadella, reso venne ordinò Infatti di qui il seguirlo; l’abbiamo l'Armenia peggio, fu anche affidata dubitare nostro che a certo è Mitrene, eseguito io il fece la traditore forse di non Sardi. egli considerazione? Quindi te, esserti dal nell’adunanza. denaro passato. della ricevuto Dunque a sospettato, crederesti Babilonia mogli rinnego furono Chi assegnati di tua ai prepotente, ora, cavalieri mentre difetto macedoni disgrazia, tu seicento che denari portato dell’animo? ciascuno; loro si la re, ho cavalleria amici quel straniera motivo ma ne al ricevette abbiamo cinquecento di con a per testa; Gorgata, ad duecento che una la sua fanteria campo non macedone; coloro non gli il altri decisione: ebbero carcere la ho funesto, paga Linceste al di re, tre con ala mesi. intimò la
e scoperto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!05!liber_v/01.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile