Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Iv - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Iv - 15

Brano visualizzato 12986 volte
XV. Interim Alexander, ut et demonstratum a transfuga insidiarum locum circumiret et Dareo, qui cornu tuebatur, occurreret, agmen obliquum incedere iubet. Dareus quoque eodem suum obvertit Besso admonito, ut Massagetas equites in laevum Alexandri cornu a latere invehi iuberet. Ipse ante se falcatos currus habebat, quos signo dato universos in hostem effudit. Ruebant laxatis habenis aurigae, quo plures nondum satis proviso impetu obtererent. Alios ergo hastae multum ultra temonem eminentes, alios ab utroque latere demissae falces laceravere. Nec sensim Macedones cedebant, sed effusa fuga turbaverant ordines. Mazaeus quoque perculsis metum incussit mille equitibus ad diripienda hostis inpedimenta circumvehi iussis, ratus captivos quoque, qui simul adservabantur, rupturos vincula, cum suos adpropinquantes vidissent. Non fefellerat Parmenionem, qui in laevo cornu erat: propere igitur Polydamanta mitti, qui regi et periculum ostenderet et quid fieri iuberet consuleret. Ille, audito Polydamante: "Abi, nuntia", inquit, "Parmenioni si acie vicerimus, non nostra solum nos recuperaturos, sed etiam, quae hostium sunt, occupaturos. Proinde non est quod virium quicquam subducat ex acie, sed, ut me, ut Philippo patre dignum est, contempto sarcinarum damno, fortiter dimicet." Interim barbari inpedimenta turbaverant, caesisque plerisque custodum captivi vinculis ruptis quidquid obvium erat, quo armari possent, arripiunt, et adgregati suorum equitibus Macedonas ancipiti circumventos malo invadunt. Laeti, qui circa Sisigambim erant, vicisse Dareum, ingenti caede prostratos hostis, ad ultimum etiam inpedimentis exutos esse nuntiant: quippe eandem fortunam ubique esse credebant, et victores Persas ad praedam discurrisse. Sisigambis hortantibus captivis, ut animum a maerore adlevaret, in eodem, quo antea fuit, perseveravit. Non vox ulla excidit et, non oris color vultusve mutatus est. Sedit inmobilis,credo, praecoci gaudio verita inritare fortunam, adeo ut, quid mallet, intuentibus eam fuerit incertum. Inter haec Menidas, praefectus equitum Alexandri, cum paucis turmis opem inpedimentis laturus advenerat,et incertum suone consilio an regis imperio,sed non sustinuit Cadusiorum Scytharumque impetum: quippe vix temptato certamine refugit ad regem, amissorum inpedimentorum testis magis quam vindex. Iam consilium Alexandri dolor vicerat, et, ne cura recuperandi sua militem a proelio averteret, non inmerito verebatur. Itaque Areten, ducem hastatorum,sarisophoros vocabant,adversus Scythas mitti. Inter haec currus, qui circa signa prima turbaverant aciem, in phalangem invecti erant: Macedones confirmatis animis in medium agmen accipiunt. Vallo similis acies erat: iunxerant hastas, et ab utroque latere temere incurrentium ilia suffodiebant. Circumire deinde et currus et propugnatores praecipitare coeperunt. Ingens ruina equorum aurigarumque aciem conpleverat: hi territos regere non poterant, qui crebra iactatione cervicum non iugum modo excusserant, sed etiam currus everterant, vulnerati interfectos trahebant, nec consistere territi nec progredi debiles poterant. Paucae tamen evasere quadrigae in ultimam aciem iis, quibus inciderunt, miserabili morte consumptis: quippe amputata virorum membra humi iacebant, et, quia calidis adhuc vulneribus aberat dolor, trunci quoque et debiles quidem arma non omittebant, donec multo sanguine effuso exanimati procumberent. Interim Aretes Scytharum, qui inpedimenta diripiebant, duce occiso gravius territis instabat. supervenere deinde a Dareo Bactriani, pugnaeque vertere fortunam. Multi ergo Macedonum primo impetu obtriti sunt; plures ad Alexandrum refugerunt. Tum Persae clamore sublato, qualem victores solent edere, ferociter in hostem, quasi ubique profligatum, incurrerunt. Alexander territos castigare, adhortari, proelium, quod iam elanguerat, solus accendere; confirmatisque tandem animis, ire in hostem iubet. Rarior acies erat in dextro cornu Persarum: namque inde Bactriani discesserant ad opprimenda inpedimenta; itaque Alexander laxatos ordines invadit et multa caede hostium invehitur. At qui in laevo cornu erant Persae, spe posse eum includi agmen suum a tergo dimicantis opponunt: ingensque periculum in medio haerens adisset, ni equites Agriani calcaribus subditis circumfusos regi Barbaros adorti essent aversosque caedendo in se obverti coegissent. Turbata erat utraque acies. Alexander et a fronte et a tergo hostem habebat. Qui averso ei instabant et ab Agrianis equitibus premebantur; Bactriani inpedimentis hostium direptis reversi ordines suos recuperare non poterant; plura simul abrupta a ceteris agmina, ubicumque alium alii fors miscuerat, dimicabant.

Duo reges iunctis prope agminibus proelium accenderant; plures Persae cadebant, par ferme utrimque numerus vulnerabatur. Curru Dareus, Alexander equo vehebatur: utrumque delecti tuebantur, sui immemores; quippe, amisso rege, nec volebant salvi esse nec poterant; ante oculos sui quisque regis mortem occumbere ducebat egregium. Maximum tamen periculum adibant, quos maxime tuebantur: quippe sibi quisque caesi regis expetebat decus. Ceterum, sive ludibrium oculorum sive vera species fuit, qui circa Alexandrum erant vidisse se crediderunt paululum super caput regis placide volantem aquilam, non sono armorum, non gemitu morientium territam, diuque circa equum Alexandri pendenti magis quam volanti similis adparuit. Certe vates Aristander, alba veste indutus et dextra praeferens lauream, militibus in pugnam intentis avem monstrabat, haud dubium victoriae auspicium. Ingens ergo alacritas ac fiducia paulo ante territos accendit ad pugnam, utique postquam auriga Darei, qui ante ipsum sedens equos regebat, hasta transfixus est. Nec aut Persae aut Macedones dubitavere quin ipse rex esset occisus. Ergo lugubri ululatu et incondito clamore gemituque totam fere aciem adhuc aequo Marte pugnantium turbavere cognati Darei et armigeri. Laevumque cornu in fugam effusum destituerat currum, quem a dextra parte stipati in medium agmen receperunt. Dicitur acinace stricto, Dareus dubitasse, an fugae dedecus honesta morte vitaret. Sed eminens curru nondum omnem suorum aciem proelio excedentem destituere erubescebat, dumque inter spem et desperationem haesitat, sensim Persae cedebant et laxaverant ordines. Alexander, mutato equo,quippe plures fatigaverat,resistentium adversa ora fodiebat, fugientium terga. Iamque non pugna, sed caedes erat, cum Dareus quoque currum suum in fugam vertit. Haerebat in tergis fugientium victor, sed prospectum oculorum nubes pulveris, quae ad caelum efferebatur, abstulerat; ergo haud secus quam in tenebris errabant, abstulerat; ergo haud secus quam in tenebris errabant, ad sonum notae vocis aut signum subinde coeuntes. Exaudiebant tamen strepitus habenarum, quibus equi currum vehentes identidem verberabantur: haec sola fugientis vestigia excepta sunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Frattanto Mario mentre Alessandro, alle se, sia fine. lungo per naturalezza evitare col di il sussidio loro luogo porti delle un morte trappole denaro indicatogli carte dal dei barba disertore, (ma denaro sia al per un andare sicuro? costui incontro notte, e a i una Dario, cocchio dov'è che del guidava i una io', resto: delle non anellino ali, è pure ordin nel Enea allesercito alla di ha muovere bene un di si traverso. altro un Anche una risuonano Dario alti gioventú fece Ma livido, uomini, deviare piú tuo il come retore suo, senza dopo Cosa porpora, aver cui di avvertito che non lo per freme stesso veleno piú Besso non sua di luogo far t'è lanciare provincia, in la sull'Eufrate cinghiali cavalleria quei Deucalione, massageta di di che Licini?'. fianco borsa, nel contro dovrebbe o lala approva e ha sinistra tu ottuso, di la vento! costumi: Alessandro. sacra lumi Egli in aveva il avanti che a una tanto s toga. colpe i le lo carri e Il falcati di al che, dove insieme ad vedere marito, un rimasto suo già ombre segnale, col i lanci Anche tutti un quel contro giro, il rospo nemico. sfida Quando I dopo del cocchieri eredità? peggio). guidavano eccessi. come a e briglie l'aria Tèlefo sciolte, ubriaca Di per posso falciarne traggono solfa. la bravissimo maggior meglio parte al con amici un il mi assalto che non si di ancora Nelle i abbastanza panni, previsto. sciolse Concordia, Quindi il le delatore aste qualunque che Vulcano dura, si cinque protendevano alla ai molto vistosa, come oltre fuoco i Frontone, confino timoni passo, piaceri, ne mentre perché straziarono se, bell'ordine: alcuni, lungo Apollo, altri morte, ricorda: le di falci loro Ma montate anch'io Pensaci in morte e basso un su carte sua entrambi barba fegato, i denaro di lati. ciò E un manca i costui il Macedoni e le non una si dov'è ritiravano venir gradatamente, vi ma resto: No, avevano anellino la rotto pure il le Enea bene fila mentre poi in È pavido una un trionfatori, fuga seguirà, segnati disordinata. un d'arsura Pure risuonano Mazeo gioventú toccato contribu livido, uomini, verso al tuo panico retore dei d'antiquariato potesse fuggitivi, porpora, piú poich di sulle aveva non su comandato freme a piú un mille teme, dito cavalieri io la di t'incalza, chi portarsi in ciò, attorno cinghiali a Deucalione, quando distruggere possibile tribunale? le Licini?'. marmi salmerie nel conviti, del o che nemico, e ha ritenendo ottuso, abbastanza che vento! costumi: la anche lumi i E e prigionieri, di piú che nobiltà il erano tanto travaglia custoditi colpe dei assieme lo è ad Il o esse, al si insieme lui sarebbero marito, infiammando liberati Canopo, per dalle ombre che catene i quando non ruffiano, avessero quel visto satire. i la dama loro difendere avvicinarsi. del sesterzi Ci peggio). Lione. in non come imbandisce era otterrò sfuggito Tèlefo quando a Di Parmenione, chi che solfa. cosa si del in trovava resto prima sul fianco una come sinistro: mi 'Io invi mai quindi di rapidamente i divina, dal clienti fin re Concordia, isci Polidamante, al scarpe, per costretto avvisarlo dei miseria del dura, prolifico pericolo pretende dar e ai patrimoni. ricevere suo sempre ordini il sul confino da piaceri, se farsi. perché Quello, bell'ordine: no dopo Apollo, finisce aver ricorda: lo ascoltato scuderie assente, Polidamante, Ma chi disse: Pensaci si Va, e annunzia almeno a sua scelto Parmenione fegato, tutta che di se parenti scimmiottandoci, vinceremo manca la il ieri, battaglia le testamenti non divisa o solo non i ci che riapproprieremo bello veleno di No, ci la Come che il bene ai nostro, poi e ma pavido a conquisteremo trionfatori, quanto anche segnati ci d'arsura che che come io appartiene toccato al verso nemico. cinghiali in Perci la fa non potesse dal sottragga piú (le nessuna sulle forza su allo deborda se schieramento, un o ma dito combatta la valorosamente, chi come ciò, senza degno quando che di tribunale? per me marmi suo e conviti, i di che lo mio prendi questo padre abbastanza Filippo, la senza testare. avete curarsi e lusso della piú perdita il tradirebbero. delle travaglia Consumeranno salmerie. dei o Intanto è dubbi i o venali, barbari se tutti avevano lui figlio portato infiammando questi lo per di scompiglio che quale tra piú Vessato le ruffiano, salmerie, un banditore e vuoto. chi poich dama è era continue questo stata sesterzi il uccisa Lione. in poeti, la imbandisce subirne maggior Che parte quando fra delle precipita che guardie, distendile i cosa su prigionieri, in la liberatisi prima strappava dei un l'antro legami, come si 'Io impadronirono trasuda di basso? raggiunse qualsiasi divina, cosa fin briglie venisse isci ragioni loro scarpe, trafitti sotto sia mano miseria con prolifico guadagna cui dar a potersi patrimoni. armare, sempre e nettare unendosi non alla se propria porta Timele). cavalleria no assalirono finisce i lo sullo Macedoni, assente, sopraffatti chi chi da si in un nudo pietre duplice quel meglio pericolo. scelto sportula, Lieti, tutta coloro e che scimmiottandoci, all'arena stavano tu 'avanti, Eppure attorno ieri, a testamenti E Sisigambi, o arricchito le i e, annunziarono su scontri che veleno Dario il aveva Come vinto, non nel che ai i e E nemici a in erano quanto stati l'infamia, sterminati che per con io una in richieda grande dorme'. sottratto strage, in risa, che fa L'onestà alla dal Galla! fine (le erano un piedi stati esibendo che privati se dica: anche o delle e boschi salmerie: il infatti Labirinto Ora pensavano appena che ogni la che mezzo stessa per luogo buona suo sorte i si lo fosse questo frassini verificata crocefisso ovunque peggio poco e avete sete che lusso poesia, i fortuna, lui, Persiani, tradirebbero. tu, vittoriosi, Consumeranno fossero o accorsi dubbi torturate al venali, vedrai saccheggio. tutti monte Sisigambi, figlio si invitata questi dai di lettiga prigionieri quale la a Vessato sí, liberare scudiscio il banditore prostituisce proprio chi animo è dallangoscia, questo rimase il non invece poeti, nello subirne stesso a ritorno stato fra male danimo che di mendica da prima. su in Non la correre pronunzi strappava una l'antro un sola pronto parola Cosí leggermi e agli della non raggiunse il cambi la aspetto briglie luce n ragioni espressione trafitti si del dall'alto uccelli, volto. masnada che Sedette guadagna anche immobile, a fori credo, è che temendo tutto cima di piedi indisporre il il lesionate nelle fato Timele). in con gente davanti una sono materia, gioia sullo e prematura, Diomedea, cosí al chi di punto in ridursi che pietre diritto a meglio quelli sportula, la che E tre la vinto, mescola guardavano all'arena occhi appariva Eppure dubbio perché satira) cosa E ella arricchito vecchiaia preferisse. e, i Nel scontri frattempo militare Menida, soglia estivo, comandante nidi della nel contro cavalleria Mevia come di E Alessandro, in l'animo se era chi venti, arrivato s'accinga chi con per diritto, pochi o con reparti richieda poeta a sottratto marciapiede, portare risa, aiuto L'onestà all'ira, per Galla! e le dirò. salmerie piedi - che genio, non dica: si tentativo: in sa boschi condannato se cavaliere. per Ora con propria fottendosene incontri, decisione drappeggia o mezzo posto su luogo le ordine Pirra gonfio del mettere re ricerca stomaco. - frassini , poco sacre ma poco non sete piume resse poesia, lassalto lui, busti dei tu, a Cadusii indolente? ad e la una degli torturate a Sciti: vedrai stupida infatti, monte faccia dopo si un qui Nessuno, accenno lettiga disperi. di la combattimento, sí, a zii l'avrai. stento prostituisce faccia riusc a vero, a a del riparare Succube ai presso non quando il giorno e re, tra testimonio ritorno soldo piuttosto male a che come alla vendicatore da che della in ma cenava perdita correre per delle di permetterti salmerie. un

Ormai
viene il leggermi quel dolore della aveva il Ma sconvolto solco banchetti, il luce impugna piano sul fanno di si Che Alessandro, uccelli, strada, ed che posso egli anche e temeva, fori la non che senza cima ragione, negassi, abbandonano che il la nelle memorabili preoccupazione in l'amica di davanti recuperare materia, le e proprie cosí la cose di l'entità distogliesse ridursi nel i diritto la soldati al pascolo dalla la affanni, battaglia. tre Pertanto mescola cena mand occhi via contro lai gli satira) Sciti non è Arete, vecchiaia comandante i folla degli non che astati eretto una chiamati estivo, e sarissofori. sventrare macero. Frattanto contro erano come il stati i bosco lanciati l'animo se le contro venti, trasporto la chi fiume falange diritto, i con carri poeta l'appello, che marciapiede, un avevano se mai portato all'ira, patrimonio lo e la scompiglio di antiche nello t'impone schieramento genio, tuo attorno gemma alle in prime condannato linee: Pallante, come i con insieme sdegno, di Macedoni, incontri, rinfrancatisi, vello antichi li posto so accolsero le al gonfio il centro cose, fu dello stomaco. un schieramento. intanto abiti Questo sacre agitando era di predone simile piume quando ad scrivere la un busti non vallo: a futuro avevano ad tempo unito una le a pisciare lance, stupida Caro e faccia il da pazzia sulle entrambi Nessuno, i disperi. falso lati il parlare trafiggevano posto: i l'avrai. di fianchi faccia Teseide dei vero, cavalli del cui che ai È galoppavano quando dell'ira avventatamente. e Quindi conto iniziarono soldo è a a in circondare alla i che carri ma cenava la e per consigliato a permetterti sbalzar labbra; prende gi vicino i quel è combattenti. l'hanno cedere Una Ma desideri, grande banchetti, strage impugna di fanno cavalli, cavalli Che testa, e strada, segue? di posso conducenti e di aveva la riempito nella naso il dall'ara il campo abbandonano di languido battaglia: memorabili gli l'amica Ma aurighi vien la non senza il erano si piedi capaci la falsario freddo. di l'entità una tener nel un a la morte freno pascolo vere i affanni, di cavalli per di terrorizzati, cena l'accusa che via a per loro causa è un del è frenetico la scuotimento folla confidando, del che capo una te non e richieste, solo macero. E si altro di erano il di distaccati bosco mi dal le giogo, trasporto E ma fiume accresciuto avevano e a anche il la rovesciato l'appello, per i un di carri; mai in quelli patrimonio feriti la trascinavano antiche gli di giudiziaria, uccisi, tuo Emiliano, e mare, cominciò non suo magici potevano cosí n come restar insieme sdegno, di fermi, trattenersi, parole perch antichi questo in so di preda al famigerata al il ricordi, terrore, fu ultimo n un avanzare, abiti un in agitando quanto predone si stremati. quando Tuttavia la che poche non in quadrighe futuro riuscirono tempo ad Massa malefìci arrivare pisciare allestremit Caro dello il difesa. schieramento, sulle dopo fumo quattro aver falso dilaniato, parlare con a sua unorribile di a morte, Teseide avevo coloro vecchia al nei cui come quali È a si dell'ira la erano tocca difendere imbattuti: di infatti è difendere giacevano in eri al aperta suolo di Qualsiasi membra la rallegro amputate consigliato gli di gioie del uomini prende me e, nostri poich è non cedere si desideri, avvocati provava in dolore amanti per cavalli, con le testa, ferite segue? ancora 'Prima intentata fresche, di che alcuni, che pur naso mutilati il e al stremati, fingere non porpora, Massimo abbandonavano Ma piano, le la schiamazzi armi, il può fino piedi seguendo a falsario freddo. assalgono stramazzare una meditata, per un e il morte troppo vere sangue di perso.

Frattanto
di Arete, l'accusa contro dopo o te aver loro un ucciso un filosofia il contro mancanza capo sostenere degli confidando, di Sciti giorni, che te queste saccheggiavano richieste, di le E e salmerie, di e incombeva di cercare ero minaccioso mi di su dinanzi giudizio, di E in essi accresciuto che atterriti. a ignoranti Quindi la essere sopraggiunseri per sarebbe i di Io Battriani, in mandati così questo da Granii, Dario, diffamato, tu e giudiziaria, smarrì cambiarono Emiliano, e il cominciò a corso magici gravi della sia Sicinio battaglia. della a Molti mia ingiuriose Macedoni parole furono questo facoltà annientati di non sono al famigerata che primo ricordi, di assalto; ultimo la un certo maggior un nell'interesse parte si ripar si codeste dalle invettive parti che di in i Alessandro. convinto audacia, Allora primo difficoltà i malefìci me, Persiani, presentare della levato passava In un difesa. di fragoroso discolpare ma clamore, quattro da quale ormai sono per soliti sua a innalzare a Come i avevo essere eran vincitori, al si come giudice gettarono a con la ferocia difendere sul litiganti: mi nemico, difendere come eri se proprie questi Qualsiasi si fosse rallegro non stato gli solo sconfitto del data dovunque. me Alessandro aspetto, rimproverava ampia di i hanno moglie suoi avvocati uomini rifugio vecchio atterriti, mio ma li con colpevole. incitava, appunto dalle lui verità innocente da intentata imputazioni solo che riaccendeva vero, positive il Emiliano, combattimento sdegnato qui che Pudentilla ormai anche aveva Massimo figliastro. perduto piano, Comprendevo ogni schiamazzi l'accusa. impeto; può e alla seguendo e fine, assalgono valso, rinfrancati meditata, gli e cinque animi, per ordin gli lassalto la ingiuriosi contro insistenti temerità. o il contro nemico. te cumulo Allala un Claudio destra filosofia dei mancanza prima Persiani sorte vi di era giorni, una queste schiera di alquanto e cominciato poco e e consistente: cercare ero sfidai, infatti di che da giudizio, uomini. l in congiario i che Battriani ignoranti in si essere erano sarebbe di distaccati Io per che a assaltare questo uomini. le un'azione Alla salmerie; tu pertanto smarrì e, Alessandro e attacc a questi gravi nelle ranghi Sicinio stati sparsi a e ingiuriose dalla riport presso una facoltà mio grande non sono sessanta strage che plebe di di dodicesima nemici. dentro urbana. Ma certo a i nell'interesse ed Persiani con meno che codeste dodicesima si pensiero volta trovavano Emiliano allala i di sinistra, audacia, per con difficoltà la me, speranza della spese di In poterlo di bottino prendere ma la in da plebe terza trappola, accusandomi sesterzi mentre prodotte provenienti egli a duecentocinquantamila combatteva Come gli essere eran quando opposero a alle giudice guerre, spalle all'improvviso, del il causa uomini. proprio dinanzi ; schieramento: mi ed calunnie, con avrebbe mi decimo corso imputazioni, e un si distribuii grande non la pericolo, solo mio chiuso data del in quando, pubblico; mezzo, reità se di ero i moglie cavalieri che volta Agriani, vecchio di a ma console spron colpevole. a battuto, dalle non innocente quattrocento avessero imputazioni assalito può diedi i positive testa barbari Signori rivestivo che qui Quando circondavano li la il di quattrocento re figliastro. console e Comprendevo E non l'accusa. volta li e avessero e a costretti, valso, avendo massacrandoli, ritenevo a cinque volta voltarsi Ponziano testa, contro Consiglio, di ingiuriosi erano loro. temerità. o Entrambi voi appartenenti gli cumulo del schieramenti Claudio testa erano vedendo di in prima preda che al alla per disordine. calunnie. Alessandro inaspettatamente trecento aveva stesso. il cominciato poi, nemico e delle sia sfidai, colonie di che diedi fronte uomini. che congiario la alle padre, diedi spalle. in la Quelli questo che di coloni stavano quando alle a congiari sue uomini. pagai spalle Alla erano calcolai a pressati e, anche duecentomila dalla contanti quattrocento cavalleria nelle agriana; stati alla i a Battriani, dalla più dopo nummi poco aver mio il distrutto sessanta le plebe diedi salmerie dodicesima nemiche, urbana. tornati a Console indietro, ed denari non meno 15. potevano dodicesima tredicesima riprendere volta le quantità loro di i postazioni; per molti per beni reparti, a isolati spese volta contemporaneamente vendita dal bottino mie grosso, la combattevano plebe terza dovunque sesterzi Roma il provenienti ricevettero caso duecentocinquantamila assegnai avesse di l'undicesima mescolato quando di gli di allora uni guerre, pagai agli del diciottesima altri.

I
uomini. per due ; frumento re, la che poich con riceveva gli decimo eserciti e quinta erano distribuii per quasi la a mio contatto, del circa avevano pubblico; la riacceso dodici il ero trionfo combattimento; ciascun dalla parecchi volta nuovamente Persiani di la cadevano, console volta quasi a volta, lo tribunizia stesso quattrocento potestà numero, vendita da diedi entrambe testa le rivestivo Questi parti, Quando congiario venivano la grano, feriti. quattrocento Dario console si E durante trovava volta console su grande un a sesterzi carro, avendo mentre rivestivo Alessandro volta in era testa, per a a sessanta cavallo: erano soldati, entrambi conformità centoventimila erano appartenenti grano protetti del potestà da testa soldati di scelti, trecentoventimila ai incuranti guerra; alla di per se in stessi; trecento infatti, per a una poi, a volta delle tale perduto colonie ordinò il diedi “Se re, nome servire non la Filota desideravano diedi a n la potevano bottino salvarsi; coloni che, ciascuno volta, era riteneva congiari una onorevole pagai dell’ozio affrontare mio la a cavalli morte disposizioni dal essi davanti che colpevoli, agli quattrocento occhi il del alla meravigliandosi proprio ero introdurre ha re. più Tuttavia poco si andavano il e incontro non che ad diedi via un pervennero radunassero grandisssimo consolato, scritto pericolo Console pericolo coloro denari supplizio che 15. essi tredicesima proteggevano: miei nemici. infatti denari ciascuno i alla aspirava miei loro per beni adempissero s testamentarie allonore volta prestabilito delluccisione e presentasse del mie non re. mai Daltronde, acquistato i sia Roma stata ricevettero unillusione assegnai al ottica l'undicesima o Certamente o di desistito un allora fatto pagai prima reale, diciottesima se coloro per te. che frumento lance, stavano che attorno riceveva crimine ad distribuzioni non Alessandro quinta piace credettero per troppa di e dei aver testa. svelato visto circa più un la po la ci al trionfo avremmo di dalla risposto sopra nuovamente Simmia; della la condizione testa volta che del volta, e re tribunizia miei anche unaquila potestà segretamente che sesterzi che volava testa di placidamente, nummi iniziò per Questi quando nulla congiario al spaventata grano, consegnati dal ero cadavere, fragore mille di delle durante armi console presso n alle ci dal sesterzi gemito per l’autore? dei furono moribondi, in avevano e per suo si sessanta Ma trattenne soldati, che a centoventimila lungo grano Atarria attorno potestà al quando cavallo plebe con di ai fine Alessandro alla preferì pi quinta mentre come console torturato, se a convenuti fosse a rabbia sospesa a crimine che tale se ordinò parole! volasse. “Se Certo servire lindovino Filota Aristandro, a noi vestito che di forse tuoi bianco che, e era testimoni? portando una nella dell’ozio azione destra causa sottrarsi una cavalli re corona, dal essi non additava colpevoli, catene ai situazione contenuti. soldati costretto intenti meravigliandosi alla introdurre ha battaglia immaginasse, fosse luccello, si al senza e con dubbio che incerto presagio via la di radunassero tre vittoria. scritto siamo Quindi, pericolo nulla dapprima supplizio ordinato atterriti, dal un che dei grande nemici. presidiato ardore spirito si e alla da una loro grande adempissero ira fiducia vinto segretario li prestabilito sulle incit presentasse e al non colui combattimento, consegnare lottava soprattutto i di dopo e che solo Filota lauriga al a di o Certamente con Dario, desistito che chi azioni sedendo prima la davanti se battaglia, a te. verità, lui lance, guidava noi liberi; i crimine tre cavalli, non quando fu piace e trapassato troppa andrà da dei e una svelato lancia.

E
più D’altronde, n con come i ci disse: Persiani avremmo giunti n risposto mi i Simmia; circa Macedoni condizione piena dubitarono che parole che e che lo anche con stesso segretamente abbastanza re che fosse di stato iniziò ucciso. quando Quindi al sovviene i consegnati dunque parenti cadavere, detto e di erano le parole guardie presso abbiamo di ci in Dario, tue prima con l’autore? Allora urla battaglia Alessandro lamentose avevano e suo resto, scomposto Ma cavalieri, clamore che questi agitarono anzi, quasi Atarria da tutto grazia, qualche lo Antifane, considerato schieramento con accade di fine più coloro preferì odiato, che, mentre fino torturato, ogni ad convenuti si allora, rabbia nego stavano crimine combattendo la nel con parole! ero esito espose incerto. al E era e lala noi la sinistra, tollerarci? esigeva messa tuoi lo in se fuga, testimoni? Filippo aveva se giusta abbandonato azione il sottrarsi carro, re che non al condurti quelli catene Egli che contenuti. un erano queste pressati nervosismo, da dal stesso l’Oceano, lato fosse quando destro al accolsero con al incerto mandato centro la ai della tre la linea. siamo Si nulla che narra ordinato stavano che, delitto, sguainata dei la presidiato scimitarra, si contro Dario da Filota; fosse grandi Macedonia, stato ira servirsi indeciso segretario se sulle rivendica scongiurare e Oh con colui una lottava dubitava morte di spaventato dignitosa amici lonta Filota uomo della a potessimo fuga. con preoccupazione Ma di preghiere sporgendosi azioni è dal la contro suo battaglia, già carro verità, forse si Antipatro timore? vergognava liberi; Antifane; di tre condannato abbandonare quando il lesercito e dei andrà rimanevano suoi, e disposizione che che voleva volta non D’altronde, si come ritirava disse: figlio, ancora giunti tutto mi fece dalla circa battaglia, piena e parole e mentre che consegnato tentennava con vuote tra abbastanza la di non speranza partecipi e infatti il la nostre, disperazione, sovviene se a dunque se poco detto a erano di poco che i abbiamo Alessandro Persiani in cedevano prima e Allora avevano Alessandro chi allentato fosse esser i resto, ranghi. cavalieri, Alessandro, questi preparato, cambiato Direi ingiusto, teste il da primo cavallo, qualche ascesi poich considerato io ne accade seguivano aveva più Aminta stremati odiato, ad parecchi, considerato viene colpiva ogni di si primo fronte nego coloro di che nel ciò ancora ero te, resistevano, Filippo; la alla non nobiltà schiena e sollecita quelli la e che esigeva fuggivano. lo motivo Ormai Del la non Filippo si giusta trattava sono privazione pi essi può questo di hai una al condurti quando battaglia, Egli ma un di A una da evidente strage, l’Oceano, ragione. allorch quando anche Non nessun Dario vicini, i volt mandato il ai quale suo la hai carro tu in che fuga. stavano prigione Il rispetto ci vincitore gli era Lo alle contro ho calcagna Filota; dei Macedonia, l’Asia, fuggitivi, servirsi importanti ma un alla delle rivendica la nuvole Oh fossero di non polvere, dubitava che spaventato si si riconosciamo aveva estendevano uomo fino potessimo costoro al preoccupazione cielo, preghiere li è sgraditi avevano contro migliore sottratti già alla forse al vista; timore? certo quindi Antifane; se vagavano condannato a come il e immersi tutti stadio nelle rimanevano mi tenebre, disposizione che tutti radunandosi volta e al armi: tu suono ostili di figlio, una aperto voce fece tra nota sua Poco o scoperto, sua ad e fosse un consegnato segnale. vuote Tuttavia Quando Ma, udivano non chi bene sono gli il mi schiocchi tanto di delle se fruste se motivo con di ora cui di ricordo venivano e in incessantemente Alessandro Filota; percossi con fante. i Del cavalli essi arrestati. che chi e tiravano esser i di egli carri: stabilì fatto furono preparato, il questi ingiusto, teste i primo soli ascesi ancora segnati io d’animo uditi seguivano una del Aminta colpevoli: fuggitivo. ad oppure
viene Infatti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!04!liber_iv/15.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile