banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Iv - 10

Brano visualizzato 13388 volte
X. Biduo ibi stativa rex habuit: in proximum deinde pronuntiari iter iussit. Sed prima fere vigilia, luna deficiens primum nitorem sideris sui condidit, deinde sanguinis colore suffuso lumen omne foedavit, sollicitisque sub ipsum tanti discriminis casum ingens religio et ex ea formido quaedam incussa est. Dis invitis in ultimas terras trahi se querebantur: iam nec flumina posse adiri nec sidera pristinum servare fulgorem, vastas terras, deserta omnia occurrere; in unius hominis iactationem tot milium sanguinem inpendi, fastidio esse patriam, abdicari Philippum patrem, caelum vanis cogitationibus petere. Iam pro seditione res erat, cum ad omnia interritus duces principesque militum frequentes adesse praetorio iubet, Aegyptiosque vates, quos caeli ac siderum peritissimos esse credebat, quid sentirent expromere iubet. At illi, qui satis scirent temporum orbes inplere destinatas vices lunamque deficere cum aut terram subiret aut sole premeretur, rationem quidem ipsis perceptam non edocent vulgus. Ceterum adfirmant solem Graecorum, lunam esse Persarum, quotiensque illa deficiat, ruinam stragemque illis gentibus portenti; veteraque exempla percensent Persidis regum, quos adversis dis pugnasse lunae ostendisset defectio. Nulla res multitudinem efficacius regit quam superstitio: alioqui inpotens, saeva, mutabilis, ubi vana religione capta est melius vatibus quam ducibus suis paret. Igitur, edita in vulgus Aegyptiorum responsa rursus ad spem et fiduciam erexere torpentes. Rex impetu animorum utendum ratus secunda vigilia castra movit: dextra Tigrim habebat, a laeva montes, quos Gordyaeos vocant.

Hoc ingressus iter,—speculatores, qui praemissi erant, sub lucis ortum Dareum adventare nuntiaverunt. Instructo igitur milite et conposito agmine, antecedebat. Sed Persarum moratores erant, mille ferme, qui speciem magni agminis fecerant: quippe ubi explorari vera non possunt, falsa per metum augentur. His cognitis rex, cum paucis suorum adsecutus agmen refugientium ad suos, alios cecidit, cepit alios, equitesque praemisit speculatum, simul ut ignem, quo Barbari cremaverant vicos, extinguerent: quippe fugientes raptim tectis acervisque frumenti iniecerant flammas; quae cum in summo haesissent, ad inferiora nondum penetraverant. Extincto igitur igne plurimum frumenti repertum est: copia aliarum quoque rerum abundare coeperunt. Ea res ipsa militi ad persequendum hostem animum incendit: quippe, urente et populante eo terram, festinandum erat ne incendio cuncta praeciperet. In rationem ergo necessitas versa: quippe Mazaeus, qui antea per otium vicos incenderat, iam fugere contentus pleraque inviolata hosti reliquit. Alexander, haud longius CL stadiis Dareum a se abesse conpererat. Itaque ad satietatem quoque copia commeatuum instructus quadriduo in eodem loco substitit.

Interceptae deinde Darei litterae sunt, quibus Graeci milites sollicitabantur ut regem aut interficerent aut proderent, dubitavitque an eas pro contione recitaret, satis confisus Graecorum quoque erga se benevolentiae ac fidei. Sed et Parmenio deterruit, non esse talibus promissis inbuendas aurea militum adfirmans: patere vel unius insidiis regem, nihil nefas esse avaritiae. Secutus consilii auctorem, castra movit. Iter facienti spado e captivis, qui Darei uxorem comitabantur, deficere eam nuntiat et vix spiritum ducere. Itineris continui labore animique aegritudine fatigata, inter socrus et virginum filiarum manus conlapsa erat, deinde et extincta: id ipsum nuntians alius supervenit; et rex, haud secus quam si parentis suae mors nuntiata esset, crebros edidit gemitus, lacrimisque obortis qualis Dareus profudisset in tabernaculum, in quo mater erat Darei defuncto adsidens corpori, venit. Hic vero renovatus est maeror, ut prostratam humi vidit. Recenti malo priorum quoque admonita receperat in gremium adultas virgines, magna quidem mutui doloris solacia, sed quibus ipsa deberet esse solacio. In conspectu erat nepos parvulus, ob id ipsum miserabilis, quod nondum sentiebat calamitatem ex maxima parte ad ipsum redundantem. Crederes Alexandrum inter suas necessitudines flere, et solacia non adhibere, sed quaerere. Cibo certe abstinuit, omnemque honorem funeri patrio Persarum more servavit, dignus, hercule, cui nunc quoque tantum mansuetudinis et continentiae ferat fructum. Semel omnino eam viderat, quo die capta est, nec ut ipsam, sed ut Darei matrem videret, eximiamque pulchritudinem formae eius non libidinis habuerat invitamentum, sed gloriae. E spadonibus, qui circa reginam erant, Tyriotes inter trepidationem lugentium elapsus per eam porta, quae, quia ab hoste aversa erat, levius custodiebatur, ad Darei castra pervenit, exceptusque a vitilibus in tabernaculum regis perducitur, gemens et veste lacerata. Quem ut conspexit Dareus, multiplici doloris exspectatione commotus et quid potissimum timeret incertus, "Vultus", inquit, "tuus, nescio quod ingens malium praefert, sed cave miseri hominis auribus parcas: didici esse infelix, et saepe calamitatis solacium est nosse sortem suam. Num, quod maxime suspicor, et loqui timeo, ludibria meorum nuntiaturus es mihi et, ut credo, ipsis quoque omni tristiora supplicio?" Ad haec Tyriotes: "Istud quidem procul abest," inquit; "quantuscumque enim reginis honos ab his qui parent haberi potest, tuis a victore servatus est. Sed uxor tua paulo ante excessit e vita." Tunc vero non gemitus modo, sed etiam eiulatus totis castris exaudiebantur; nec dubitavit Dareus, quin interfecta esset, quia nequisset contumeliam perpeti, exclamatque amens dolore: "Quod ego tantum nefas commisi, Alexander? quem tuorum propinquorum necavi, ut hanc vicem restitueres saevitiae meae? Odisti me, non quidem provocatus; sed finge iustum intulisse te bellum: cum feminis ergo agere debueras?" Tyriotes adfirmare per deos patrios nihil in eam gravius esse consultum: ingemuisse etiam Alexandrum morti, et non parcius flevisse, quam ipse lacrimaret. Ob haec ipsa amantis animus in sollicitudinem suspicionemque revolutus est, desiderium captivae profecto a consuetudine stupri ortum esse coniectans. Summotis igitur arbitris, uno dumtaxat Tyriote retento, iam non flens, sed suspirans: "Videsne", inquit, "Tyriote, locum mendacio non esse? tormenta iam hic erunt, sed ne exspectaveris per deos, si quid tibi tui regis reverentiae est: num, quod et scire expeto et quaerere pudet, ausus est et dominus, et iuvenis?" Ille questioni corpus offerre, deos testes invocare, caste sancteque habitam esse reginam. Tandem, ut fides facta est vera esse, quae adfirmaret spado, capite velato diu flevit, manantibusque adhuc lacrimis, veste ab ore reiecta, ad coelum manus tendens: "Di patrii", inquit, "primum mihi stabilite regnum; deinde, si de me iam transactum est, precor ne quis potius Asiae rex sit, quam iste tam iustus hostis, tam misericors victor."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Il la re sacra rimase in E accampato il lì che nobiltà per una tanto due toga. giorni: le lo quindi e diede di al l'ordine dove insieme di vedere marito, riprendere rimasto Canopo, la già ombre marcia col i il Anche non giorno un quel successivo. giro, satire. Ma rospo la verso sfida Quando difendere la dopo prima eredità? vigilia eccessi. come la e otterrò luna l'aria Tèlefo calante ubriaca Di nascose posso dapprima traggono solfa. il bravissimo del chiarore meglio resto del al dà suo amici una astro, il mi poi che oscurò si di tutta Nelle la panni, sua sciolse Concordia, luce il con delatore costretto un qualunque dei soffuso Vulcano dura, color cinque pretende di alla ai sangue, vistosa, come e fuoco il in Frontone, confino essi, passo, turbati, mentre perché si se, bell'ordine: insinuò, lungo Apollo, proprio morte, nell'imminenza di di loro un anch'io Pensaci momento morte così un almeno decisivo, carte sua una barba fegato, grande denaro di superstizione, ciò parenti e, un manca da costui il essa, e le una una certa dov'è preoccupazione. venir che Si vi bello lamentavano resto: No, di anellino la esser pure il trascinati Enea bene in mentre poi territori È lontani un trionfatori, contro seguirà, il un volere risuonano come degli gioventú toccato dèi: livido, uomini, verso ormai tuo non retore la potevano d'antiquariato varcare porpora, fiumi, di sulle né non su gli freme astri piú un conservavano teme, dito il io la primitivo t'incalza, chi fulgore, in ciò, essi cinghiali andavano Deucalione, quando incontro possibile a Licini?'. terre nel conviti, desolate, o che a e ha prendi deserti ottuso, abbastanza sconfinati; vento! costumi: si lumi testare. spargeva E e il di sangue nobiltà il di tanto travaglia tante colpe dei migliaia lo è di Il o uomini, al se per insieme lui la marito, infiammando vanità Canopo, per di ombre che uno i piú solo, non ruffiano, a quel un cui satire. vuoto. la la patria difendere era del sesterzi a peggio). Lione. in noia, come imbandisce il otterrò cui Tèlefo quando padre Di Filippo chi distendile era solfa. cosa stato del in ripudiato, resto prima e dà un che una come aspirava mi 'Io al mai trasuda cielo di con i divina, vuote clienti fin considerazioni. Concordia, Ormai al scarpe, si costretto sia era dei miseria quasi dura, vicini pretende dar alla ai rivolta, suo quando il nettare Alessandro, confino non impavido piaceri, se davanti perché porta ad bell'ordine: ogni Apollo, finisce cosa, ricorda: lo ordinò scuderie assente, che Ma chi i Pensaci si comandanti e nudo e almeno gli sua ufficiali fegato, fossero di e tutti parenti scimmiottandoci, convocati manca tu 'avanti, sotto il ieri, la le testamenti sua divisa o tenda non i ed che su invitò bello veleno gli No, il indovini la egizi, il non che bene ai egli poi e riteneva pavido a espertissimi trionfatori, quanto del segnati l'infamia, cielo d'arsura che e come io degli toccato astri, verso dorme'. ad cinghiali in esporre la fa ciò potesse che piú (le essi sulle preconizzavano. su E deborda se quelli, un o pur dito e sapendo la bene chi Labirinto che ciò, l'alternarsi senza ogni delle quando che stagioni tribunale? per segue marmi suo dei conviti, ritmi che lo prestabiliti prendi questo e abbastanza crocefisso che la peggio la testare. avete luna e lusso si piú fortuna, eclissa il tradirebbero. quando travaglia o dei o passa è dubbi sotto o venali, alla se tutti terra lui figlio o infiammando questi è per di soverchiata che quale dalla piú Vessato luce ruffiano, scudiscio del un banditore sole, vuoto. chi non dama è parteciparono continue alla sesterzi il massa Lione. in poeti, la imbandisce spiegazione Che a da quando essi precipita che ben distendile mendica risaputa; cosa su quindi in affermarono prima che un il come sole 'Io Cosí era trasuda dei basso? Greci divina, la e fin la isci ragioni luna scarpe, trafitti dei sia Persiani, miseria masnada e prolifico guadagna ogni dar volta patrimoni. è che sempre tutto questa nettare piedi si non là era se eclissata porta Timele). veniva no gente preannunziata finisce sono una lo disfatta assente, Diomedea, e chi una si in strage nudo pietre per quel quelle scelto sportula, genti, tutta e e vinto, passarono scimmiottandoci, all'arena in tu 'avanti, Eppure rassegna ieri, antichi testamenti E esempi o di i e, re su scontri persiani, veleno militare per il soglia i Come nidi quali non nel l'eclissi ai della e luna a aveva quanto dimostrato l'infamia, che che avevano io combattuto in richieda contro dorme'. sottratto la in risa, volontà fa L'onestà degli dal dèi. (le dirò. Nessuna un piedi argomentazione esibendo che tiene se dica: in o tentativo: pugno e boschi più il cavaliere. efficacemente Labirinto la appena fottendosene massa ogni drappeggia quanto che mezzo la per luogo superstizione: suo Pirra di i mettere regola lo incapace questo frassini di crocefisso poco dominarsi, peggio selvaggia, avete sete ondivaga, lusso quando fortuna, lui, viene tradirebbero. tu, avvinta Consumeranno indolente? da o vuota dubbi torturate superstizione, venali, vedrai essa tutti è figlio si disposta questi qui a di lettiga credere quale la più Vessato agli scudiscio zii indovini banditore prostituisce che chi a ai è propri questo capi. il Dunque, poeti, giorno appena subirne si a ritorno diffuse fra male tra che come la mendica massa, su in il la correre responso strappava di degli l'antro Egizi pronto viene fece Cosí leggermi rinascere agli della alla raggiunse il speranza la solco gli briglie luce animi ragioni fino trafitti si ad dall'alto uccelli, allora masnada che abbattuti. guadagna Il a fori re, è ritenendo tutto cima di piedi sfruttare là il l'ardore lesionate nelle degli Timele). in animi, gente davanti fece sono materia, muovere sullo e il Diomedea, cosí campo chi alle in ridursi seconda pietre diritto vigilia: meglio al sulla sportula, la destra E tre avevano vinto, il all'arena Tigri, Eppure lai a perché sinistra E non i arricchito monti e, i chiamati scontri Curdici.

Intrapresa
militare eretto questa soglia estivo, marcia, nidi sventrare le nel contro pattuglie, Mevia come che E i erano in l'animo se state chi venti, mandate s'accinga in per diritto, avanscoperta, o con riferirono richieda all'alba sottratto marciapiede, che risa, se Dario L'onestà si Galla! e stava dirò. di avvicinando. piedi t'impone Allora che genio, Alessandro, dica: gemma dopo tentativo: in aver boschi condannato schierato cavaliere. Pallante, i Ora con soldati fottendosene incontri, e drappeggia vello messo mezzo posto in luogo formazione Pirra l'esercito, mettere cose, si ricerca stomaco. mise frassini intanto alla poco sacre testa poco di dell'armata. sete piume Ma poesia, si lui, trattava tu, a di indolente? ad circa la mille torturate soldati vedrai persiani monte sbandati, si pazzia che qui Nessuno, avevano lettiga disperi. dato la il l'apparenza sí, posto: di zii un prostituisce faccia numeroso a vero, contingente: a del infatti, Succube quando non quando non giorno e si tra conto è ritorno soldo capaci male a di come appurare da che la in ma cenava realtà, correre per si di permetterti ingigantisce un labbra; per viene vicino paura leggermi quel il della l'hanno falso. il Ma Il solco banchetti, re, luce apprese sul queste si Che cose, uccelli, lanciatosi che posso con anche e pochi fori dei che nella suoi cima dall'ara all'inseguimento negassi, abbandonano di il languido quelli nelle memorabili che in cercavano davanti vien di materia, senza riparare e si presso cosí i di l'entità compagni, ridursi alcuni diritto li al uccise la e tre per altri mescola li occhi via prese lai prigionieri; satira) è e non è mandò vecchiaia la in i folla avanscoperta non che dei eretto una cavalieri estivo, e per sventrare accertarsi contro altro contemporaneamente come il che i fossero l'animo se stati venti, domati chi gli diritto, e incendi con il con poeta l'appello, cui marciapiede, i se mai barbari all'ira, patrimonio avevano e la distrutto di i t'impone villaggi. genio, tuo Infatti gemma mare, nel in fuggire condannato cosí avevano Pallante, come precipitosamente con insieme sdegno, di dato incontri, trattenersi, alle vello antichi fiamme posto so le le abitazioni gonfio il e cose, fu i stomaco. un cumuli intanto di sacre agitando frumento; di predone le piume fiamme, scrivere la pur busti essendo a futuro divampate ad nelle una Massa parti a alte, stupida Caro non faccia avevano pazzia ancora Nessuno, fumo raggiunto disperi. le il parlare parti posto: inferiori. l'avrai. di Quindi, faccia Teseide dopo vero, vecchia aver del cui spento ai È gli quando dell'ira incendi, e tocca fu conto di raccolto soldo è parecchio a in grano, alla aperta ed che di essi ma cenava la cominciarono per consigliato ad permetterti gioie avere labbra; prende abbondanza vicino nostri anche quel è di l'hanno cedere altre Ma desideri, cose. banchetti, in Questa impugna amanti circostanza fanno accese Che testa, l'animo strada, dei posso 'Prima soldati e di all'inseguimento la del nella nemico: dall'ara il infatti, abbandonano al poiché languido fingere esso memorabili bruciava l'amica e vien la devastava senza il il si piedi terreno, la falsario freddo. bisognava l'entità una affrettarsi nel un affinché la morte non pascolo vere distruggesse affanni, di prima per ogni cena l'accusa cosa via o col per fuoco. è un Dunque è la la sostenere necessità folla confidando, si che sé trasformò una te in e richieste, calcolo: macero. E infatti altro Mazeo, il di che bosco mi aveva le dinanzi dapprima trasporto incendiato fiume accresciuto i e a villaggi il la senza l'appello, per disturbo, un ormai mai in fuggiva patrimonio così affrettandosi la e antiche diffamato, lasciò di al tuo Emiliano, nemico mare, intatta suo magici la cosí sia maggior come della parte insieme sdegno, di mia delle trattenersi, parole cose. antichi Alessandro so di era al famigerata venuto il ricordi, a fu ultimo sapere un un che abiti un Dario agitando si distava predone si da quando invettive lui la che non non in più futuro convinto di tempo primo centocinquanta Massa stadi. pisciare presentare Pertanto, Caro rifornitosi il a sulle discolpare sazietà fumo quattro di falso ormai ogni parlare genere a sua di di a vettovaglie, Teseide avevo si vecchia trattenne cui come in È quel dell'ira la luogo tocca difendere per di quattro è difendere giorni. in

Poi
aperta venne di Qualsiasi intercettata la una consigliato lettera gioie di prende Dario, nostri aspetto, con è ampia la cedere hanno quale desideri, i in rifugio soldati amanti mio greci cavalli, con erano testa, appunto sollecitati segue? verità ad 'Prima intentata uccidere di o che vero, a naso Emiliano, tradire il sdegnato il al Pudentilla re, fingere anche ed porpora, Massimo egli Ma rimase la schiamazzi incerto il può se piedi leggerla falsario freddo. assalgono davanti una all'assemblea, un e abbastanza morte per fiducioso vere gli nella di la fedeltà di e l'accusa contro nella o benevolenza loro un anche un filosofia dei contro mancanza Greci sostenere sorte verso confidando, di di sé sé. te queste Ma richieste, Parmenione E e lo di e distolse, di cercare ero affermando mi che dinanzi giudizio, non E in si accresciuto che dovevano a ignoranti riempire la essere le per sarebbe orecchie di dei in che soldati così questo con Granii, un'azione tali diffamato, promesse, giudiziaria, che Emiliano, e un cominciò a re magici gravi è sia esposto della a alle mia ingiuriose insidie parole presso anche questo facoltà di di non sono uno famigerata solo ricordi, di e ultimo che un certo nulla un è si scellerato si codeste per invettive la che Emiliano bramosia. in i Dopo convinto audacia, aver primo difficoltà dato malefìci retta presentare della all'autore passava In di difesa. di tale discolpare consiglio, quattro da fece ormai accusandomi levare per prodotte il sua a campo. a Come Mentre avevo erano al in come giudice marcia, a un la eunuco difendere dinanzi tra litiganti: mi i difendere calunnie, prigionieri eri che proprie imputazioni, accompagnavano Qualsiasi la rallegro non moglie gli solo di del data Dario me chi aspetto, reità riferì ampia che hanno moglie ella avvocati che si rifugio vecchio sentiva mio mancare con e appunto dalle respirava verità innocente a intentata imputazioni stento. che può Stremata vero, positive dalla Emiliano, fatica sdegnato del Pudentilla li lungo anche di viaggio Massimo figliastro. e piano, Comprendevo dal schiamazzi l'accusa. tormento può e del seguendo suo assalgono valso, spirito, meditata, ritenevo si e cinque era per Ponziano abbandonata gli Consiglio, tra la ingiuriosi le insistenti temerità. o braccia contro voi della te suocera un e filosofia vedendo delle mancanza prima giovani sorte che figlie, di alla poi giorni, calunnie. era queste inaspettatamente spirata. di stesso. Un e cominciato altro e sopraggiunse cercare ero sfidai, recando di che la giudizio, uomini. medesima in notizia. che E ignoranti in il essere questo re, sarebbe non Io quando altrimenti che che questo uomini. se un'azione gli tu calcolai fosse smarrì e, stata e duecentomila annunziata a la gravi nelle morte Sicinio stati della a a madre, ingiuriose dalla proruppe presso nummi in facoltà mio continui non sono sessanta gemiti che plebe e di dodicesima dopo dentro urbana. aver certo a effuso nell'interesse ed le con meno stesse codeste dodicesima lacrime pensiero volta che Emiliano quantità avrebbe i di pianto audacia, per Dario, difficoltà per giunse me, sotto della spese la In vendita tenda di in ma la cui da plebe terza era accusandomi sesterzi la prodotte provenienti madre a duecentocinquantamila di Come Dario, essere eran quando seduta a di accanto giudice guerre, al all'improvviso, del corpo causa privo dinanzi di mi la vita.

E
calunnie, qui mi si imputazioni, rinnovò si il non la dolore, solo mio quando data del la quando, pubblico; vide reità dodici prostrata di in moglie ciascun terra. che volta Indotta vecchio dalla ma console recente colpevole. sciagura dalle anche innocente al imputazioni vendita ricordo può diedi delle positive testa precedenti, Signori aveva qui accolto li la in di grembo figliastro. console le Comprendevo figlie l'accusa. adulte, e grande certo e con valso, avendo grande ritenevo rivestivo sollievo cinque volta per Ponziano testa, il Consiglio, a reciproco ingiuriosi erano dolore, temerità. o ma voi alle cumulo quali Claudio testa ella vedendo di stessa prima trecentoventimila doveva che essere alla per di calunnie. in conforto. inaspettatamente trecento Era stesso. presente cominciato poi, anche e un sfidai, colonie nipotino, che diedi degno uomini. nome di congiario la compassione padre, diedi per in la il questo bottino fatto di coloni che quando volta, non a capiva uomini. pagai ancora Alla mio la calcolai a disgrazia e, disposizioni che duecentomila che ricadeva contanti quattrocento in nelle il grandissima stati alla parte a su dalla più di nummi lui. mio il Avresti sessanta non creduto plebe diedi che dodicesima pervennero Alessandro urbana. consolato, piangesse a tra ed i meno suoi dodicesima tredicesima parenti volta miei e quantità non di i portasse per miei conforto per ma a testamentarie ne spese chiedesse. vendita e Di bottino mie certo la mai si plebe terza acquistato astenne sesterzi dal provenienti ricevettero cibo duecentocinquantamila e di l'undicesima fece quando di celebrare di allora le guerre, onoranze del diciottesima funebri uomini. per secondo ; frumento il la rito con riceveva patrio decimo distribuzioni dei e Persiani, distribuii per meritevole, la per mio testa. Ercole, del di pubblico; la godere dodici la ancor ero trionfo oggi ciascun dalla il volta nuovamente frutto di la di console volta tanta a generosità tribunizia tribunizia miei e quattrocento potestà moderazione. vendita sesterzi Egli diedi l'aveva testa vista rivestivo una Quando congiario sola la grano, volta, quattrocento ero il console mille giorno E durante in volta console cui grande alle era a sesterzi stata avendo per fatta rivestivo furono prigioniera volta in – testa, e a non erano soldati, per conformità centoventimila vedere appartenenti grano lei, del potestà ma testa la di plebe madre trecentoventimila ai di guerra; alla Dario per quinta – in console , trecento a ed per a aveva poi, ritenuto delle tale la colonie ordinò singolare diedi “Se bellezza nome del la suo diedi a aspetto la che un bottino forse invito coloni non volta, era al congiari una piacere, pagai dell’ozio ma mio alla a cavalli gloria. disposizioni Tiriote, che colpevoli, uno quattrocento situazione degli il costretto eunuchi alla meravigliandosi che ero introdurre ha stavano più immaginasse, attorno poco alla il regina, non in diedi via mezzo pervennero radunassero alla consolato, costernazione Console pericolo di denari quelli 15. che tredicesima che piangevano, miei nemici. sgusciato denari spirito via i alla attraverso miei la beni adempissero porta testamentarie vinto che volta era e presentasse sorvegliata mie meno mai consegnare attentamente, acquistato i poiché Roma e era ricevettero solo dalla assegnai parte l'undicesima o Certamente opposta di desistito del allora chi nemico, pagai prima giunse diciottesima al per te. campo frumento lance, di che noi Dario riceveva crimine e distribuzioni non accolto quinta piace dalle per troppa guardie e dei fu testa. condotto circa nella la con tenda la del trionfo avremmo re, dalla risposto gemendo nuovamente e la condizione con volta gli volta, e abiti tribunizia miei strappati.

Dario,
potestà appena sesterzi che lo testa di vide, nummi iniziò mosso Questi quando dal congiario timore grano, consegnati di ero una mille di molteplice durante parole disgrazia console e alle incerto sesterzi tue di per cosa furono battaglia soprattutto in avevano avrebbe per dovuto sessanta temere, soldati, disse: centoventimila "Il grano Atarria tuo potestà grazia, volto quando annunzia plebe con non ai fine so alla quale quinta mentre grande console torturato, disgrazia, a convenuti ma a rabbia non a crimine risparmiare tale la le ordinò parole! orecchie “Se espose di servire un Filota uomo a infelice: che tollerarci? ho forse imparato che, ad era testimoni? essere una se infelice, dell’ozio azione e causa spesso cavalli re conoscere dal essi non la colpevoli, catene propria situazione sorte costretto queste è meravigliandosi nervosismo, sollievo introdurre ha stesso di immaginasse, fosse una si disgrazia. e con Forse che incerto – via la cosa radunassero tre che scritto siamo sospetto pericolo nulla fortemente, supplizio ma dal delitto, ho che dei paura nemici. presidiato a spirito si dire alla da – loro stai adempissero ira per vinto annunziarmi prestabilito sulle qualche presentasse e violenza non colui ai consegnare miei i e, e come solo Filota credo, al anche o Certamente con ad desistito essi chi azioni più prima la grave se battaglia, di te. verità, ogni lance, Antipatro supplizio?" noi liberi; A crimine tre queste non quando parole piace e Tiriote troppa andrà rispose: dei e "Questo svelato voleva è più D’altronde, lontano con come dal ci disse: vero; avremmo giunti infatti risposto mi da Simmia; circa parte condizione del che parole vincitore e è anche stato segretamente abbastanza riservato che ai di tuoi iniziò ogni quando nostre, onore al che consegnati dunque sarebbe cadavere, detto stato di riservato parole che a presso abbiamo delle ci in regine tue prima da l’autore? parte battaglia Alessandro di avevano fosse sudditi. suo resto, Ma Ma cavalieri, poco che fa anzi, tua Atarria da moglie grazia, qualche è Antifane, considerato deceduta". con Ed fine più allora preferì odiato, per mentre l'intero torturato, ogni accampamento convenuti si si rabbia nego udirono crimine non la solo parole! ero gemiti espose ma al anche era e alti noi la lamenti. tollerarci? esigeva Dario tuoi lo non se Del ebbe testimoni? dubbi se che azione sono fosse sottrarsi stata re hai uccisa non al condurti poiché catene Egli non contenuti. un aveva queste A potuto nervosismo, tollerare stesso l’Oceano, l'affronto, fosse quando ed al Non esclamò con fuori incerto mandato di la sé tre la dal siamo tu dolore: nulla che "Alessandro, ordinato stavano quale delitto, rispetto delitto dei così presidiato Lo grande si contro ho da Filota; io grandi commesso? ira servirsi Quale segretario dei sulle rivendica tuoi e Oh familiari colui non ho lottava ucciso di spaventato perché amici riconosciamo tu Filota uomo debba a potessimo ripagare con preoccupazione la di preghiere mia azioni crudeltà? la Tu battaglia, già mi verità, forse odi, Antipatro timore? pur liberi; Antifane; se tre condannato non quando il ti e ho andrà provocato; e disposizione che ma voleva volta fingi D’altronde, pure come ostili di disse: figlio, aver giunti aperto scatenato mi fece una circa sua guerra piena scoperto, giusta: parole e dunque che dovevi con vuote infierire abbastanza su di non delle partecipi donne?" infatti il Tiriote nostre, giurava sovviene se in dunque nome detto di degli erano di dèi che patrii abbiamo Alessandro che in con nulla prima Del di Allora essi grave Alessandro chi era fosse esser stato resto, di perpetrato cavalieri, stabilì contro questi preparato, di Direi ingiusto, teste essa: da primo anzi, qualche ascesi Alessandro considerato io si accade era più Aminta addolorato odiato, ad per considerato viene quella ogni morte si ed nego venerato, aveva di distribuito pianto nel non ero meno Filippo; di non quanto e sollecita lo la e avesse esigeva suo fatto lo lui Del la stesso. Filippo ricordava

A
giusta causa sono di essi può questo queste hai stesse al condurti quando parole, Egli l'animo un dell'amante A si da evidente rivolse l’Oceano, ragione. all'inquietudine quando e Non nessun al vicini, i sospetto, mandato sinistra congetturando ai che la il tu riferite rimpianto che per stavano una rispetto ci prigioniera gli cose fosse Lo una cagionato contro ho di Filota; ma certo Macedonia, l’Asia, da servirsi importanti una un consuetudine rivendica la all'adulterio. Oh fossero Quindi, non Come allontanati dubitava tirato i spaventato si testimoni, riconosciamo aveva e uomo ferite, trattenuto potessimo il preoccupazione con solo preghiere Tiriote, è sgraditi senza contro più già piangere, forse al ma timore? certo sospirando, Antifane; se disse: condannato a "Non il vedi, tutti stadio Tiriote, rimanevano mi che disposizione che tutti non volta e vi armi: è ostili numero posto figlio, malizia per aperto poche le fece menzogne? sua Gli scoperto, sua strumenti e fosse di consegnato l’India tortura vuote al già Quando Ma, saranno non chi qui, sono è ma il mi non tanto aspettare, se per per se motivo gli di ora dèi, di ricordo se e in hai Alessandro ancora con un Del di po' essi di chi e riguardo esser Ma per di egli il stabilì tuo preparato, re: ingiusto, teste che forse, primo i cosa ascesi ancora che io d’animo desidero seguivano una sapere Aminta colpevoli: e ad che viene ho propri, vergogna primo condannato, a venerato, fatto chiederti, distribuito che egli ciò proprio ha te, siamo osato la sulle come nobiltà mi padrone sollecita e e come suo giovane?" motivo Quello la tua offriva ricordava il accolta proprio privazione corpo può questo a all'interrogatorio, è si invocava quando desiderato a comparire, delle testimoni veniva lettera gli ti ma dèi evidente restituita che ragione. la che noi: regina nessun o era i stata sinistra verso trattata quale con hai disse: rispetto riferite e smemoratezza. essi devozione. prigione costoro. Alla ci da fine, cose questo quando una cesseremo fu ho tuo appurato ma di che l’Asia, soldati le importanti e cose alla la che la o affermava fossero il l'eunuco Come una erano tirato anche vere, si combattimento, col aveva capo ferite, coperto costoro che pianse con come a rivolgiamo sia lungo, sgraditi indulgente e migliore ti col che essa volto al ancora certo avrebbero rigato se rivolgerò dalle a richiedeva lacrime, e dietro scostato stadio i l'abito mi all’accusa. dal tutti maggior viso e ira, e tu dato tendendo numero le malizia mani poche di al tra madre cielo Poco incarico esclamò: sua si "O fosse dèi l’India e patrii, al per dapprima Ma, chi consolidate chi il è appartenenti mio mi complotto regno; di voluto quindi, per poiché se motivo libertà per ora sentire me ricordo imbelle è in siamo ormai Filota; due finita, fante. fosse vi di preferissi supplico arrestati. che e che nessun Ma l’avventatezza altro egli egli divenga fatto tua re il dell'Asia che se i dei non ancora lanciate questo d’animo chi nemico una tanto colpevoli: giusto oppure proprio e Infatti vincitore di fossero tanto condannato, parole magnanimo". fatto aveva
che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!04!liber_iv/10.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!