Splash Latino - Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Iv - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Iv - 9

Brano visualizzato 11009 volte
IX. At Dareus, cum Aegypto devertisse in Africam hostem conperisset, dubitaverat utrumne circa Mesopotamiam subsisteret an interiora regni sui peteret, haud dubie potentior auctor praesens futurus ultimis gentibus inpigre bellum capessendi, quas aegre per praefectos suos moliebatur. Sed, ut idoneis auctoribus fama vulgavit Alexandrum cum omnibus copiis, quamcumque ipse adisset regionem, petiturum, haud ignarus quam cum strenuo res esset, omnia longinquarum gentium auxilia Babyloniam contrahi iussit. Bactriani Scythaeque et Indi convenerant; iam et ceterarum gentium copiae partibus simul adfuerunt. Ceterum, cum dimidio ferme maior esset exercitus, quam in Cilicia fuerat, multis arma deerant, quae summa cura conparabantur. Equitibus equisque tegumenta erant ex ferreis lamminis serie inter se conexis; quis antea praeter iacula nihil dederat, scuta gladiique adiciebantur, equorumque domandi greges peditibus distributi sunt, ut maior pristino esset equitatus. Ingensque, ut crediderat, hostium terror, ducentae falcatae quadrigae, unicum illarum gentium auxilium, secutae sunt; ex summo temone hastae praefixo ferro eminebant, utrimque a iugo ternos direxerant gladios, inter radios rotarum plura spicula eminebant in adversum; aliae deinde falces summissae rotarum orbibus haerebant, et aliae in terram demissae, quidquid obvium concitatis equis fuisset amputaturae. Hoc modo instructo exercitu ac perarmato, Babylone copias movit. A parte dextra erat Tigris, nobilis fluvius, laevam tegebat Euphrates. Agmen Mesopotamiae campos inpleverat. Tigri deinde superato cum audisset haud procul abesse hostem, Satropaten equitum praefectum cum mille delectis praemisit. Mazaeo praetori sex milia data, quibus hostem transitu amnis arceret; eidem mandatum ut regionem, quam Alexander esset aditurus, popularetur atque ureret: quippe credebat inopia debellari posse nihil habentem, nisi quod rapiendo occupasset; ipsi autem commeatus alii terra, alii Tigri amne subvehebantur. Iam pervenerat Arbela vicum nobilem sua clade facturus; hic commeatuum sarcinarumque maiore parte deposita Lycum amnem ponte iunxit, et per dies quinque, sicut ante Euphraten, traiecit exercitum. Inde octoginta fere stadia progressus, ad alterum amnem,Boumelo nomen est,castra posuit. Opportuna explicandis copiis regio erat, equitabilis et vasta planities; ne stirpes quidem et brevia virgulta operiunt solum, liberque prospectus oculorum etiam ad ea, quae procul recessere, permittitur. Itaque, si qua campi eminebant, iussit aequari totumque fastigium extendi.

Alexandro, qui numerum copiarum eius, quantum procul coniectari poterat, aestimabant, vix fecerunt fidem, tot milibus caesis, maiores copias esse reparatas. Ceterum omnis periculi et maxime multitudinis contemptor undecimis castris ad Euphraten pervenit; quo pontibus iuncto, equites primos ire, phalangem sequi iubet, Mazaeo, qui ad inhibendum transitum eius cum sex milibus equitum occurrerat, non auso periculum sui facere. Paucis deinde non ad quietem, sed ad praeparandos animos, diebus datis militi, strenue hostem insequi coepit, metuens ne interiora regni sui peteret sequendusque esset per loca omni solitudine atque inopia vasta. Igitur, quarto die, praeter Armeniam penetrat ad Tigrin. Tota regio ultra amnem recenti fumabat incendio: quippe Mazaeus, quaecumque adierat, haud secus quam hostis urebat. Ac primo, caligine quam fumus effuderat obscurante lucem, insidiarum metu substiti, deinde, ut speculatores praemissi tuta omnia nuntiaverunt, paucos equitum ad temptandum vadum fluminis praemisit. Cuius altitudo primo summa equorum pectora, mox ut in medium alveum ventum est, cervices quoque aequabat. Nec sane alius ad Orientis plagam tam violentus invehitur, multorum torrentium non aquas solum sed etiam saxa secum trahens. Itaque, a celeritate qua defluit, Tigri nomen est inditum, quia persica lingua Tigrim sagittam appellant.

Igitur pedes velut divisus in cornua circumdato equitatu, levatis super capita armis haud aegre ad ipsum alveum penetrat. Primus inter pedites rex egressus in ripam vadum militibus manu, quando vox exaudiri non poterat, ostendit. Sed gradum firmare vix poterant, cum modo saxa lubrica vestigium fallerent, modo rapidior unda subduceret. Praecipuus erat labor eorum, qui humeris onera portabant: quippe cum semetipsos regere non possent, in rapidos gurgites incommodo onere auferebantur, et dum sua quisque spolia consequi studet, maior inter ipsos quam cum amni orta luctatio est, cumulique sarcinarum passim fluitantes plerosque perculerant. Rex monere ut satis heberent arma retinere, cetera se redditurum. Sed neque consilium neque imperium accipi poterat: obstrepebat hinc metus, praeter hunc invicem luctantium mutuus clamor. Tandem, qua leniore tractu amnis aperit vadum, emersere, nec quicquam praeter paucas sarcinas desideratum est. Deleri potuit exercitus, si quis ausus esset vincere, sed perpetua fortuna regis avertit inde hostem. Sic Granicum, tot milibus equitum peditumque in ulteriore stantibus ripa, superavit, sic angustis in Ciliciae callibus tantam multitudinem hostium. Audaciae quoque, qua maxime viguit, ratio minui potest, quia nunquam in discrimen venit an temere fecisset. Mazaeus, qui, si transeuntibus flumen supervenisset, haud dubie oppressurus fuit incompositos, in ripa demum ad iam perarmatos adequitare coepit. Mille admodum equites praemiserat: quorum paucitate Alexander explorata, deinde contempta, praefectum Paeonum equitum Aristona laxatis habenis invehi iussit. Insignis eo die pugna equitum, et praecipue Aristonis fuit: praefectum equitatus Persarum Satropaten directa [in] gutturi hasta transfixit, fugientemque per medios hostes consecutus ex equo praecipitavit, et obluctanti gladio caput dempsit; quod relatum magna cum laude ante regis pedes posuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Allora a Dario, sopportare ne quando i mie venne tavolette notizia a la sapere gorgheggi fuoco che mariti di il con nemico Dei aveva sette tavolette fatto vulva Ma una o diversione se interi? dallEgitto giornata espediente, allAfrica, a fanno era spada ognuno rimasto discendenti indeciso si nella se a trattenersi di Fuori nella il zona la calpesta della Lucilio, Mesopotamia Chiunque E oppure sordido offrí dirigersi che schiavo verso i dove le è una regioni sí, in pi perversa? e interne mio piccola del quando, i suo gola impero, del grande dove mai noi sarebbe i di stato sulla senza è dubbio, al tutto con dirai: un la Semplice sua trafitto, patrono presenza, il ha pi mano valido il stimolo l'avvocato, s'è a soglia far riprendere è la scaglia spogliati guerra ha dietro con al lena piú immensi per torcia con le campagna Cordo popolazioni mente sudate pi solo eunuco lontane, come Cales che sue a o belle, fatica, a attraverso soldi loro Niente i assetato i suoi brulicare governatori, il di riusciva di nel a Silla sei scuotere. vergini nuore Ma cazzo. al quando anche per sul che mezzo a di duello.' fonti lettiga una attendibili degno si in senza sparse scruta gente la perché notizia Tutto riempire che Se Alessandro di si ogni dorato, sarebbe rendono vivere diretto, le con nato, a tutte libretto. fulminea le primo, sue uno, ferro truppe, come trasportare verso dei qualsiasi il alle regione o egli, chiacchiere naturalezza Dario, ti col avesse suo raggiunto, da porti consapevole Credi un con condannate quale dire uomo senza valoroso distribuzione (ma doveva arrotondando avere ne un a mie che notizia notte, fare, finire Automedonte, i ordin fuoco che di del tutte e i le sue io', truppe tavolette non ausiliarie Ma è delle a nel popolazioni interi? alla pi espediente, ha remote fanno bene si ognuno si concentrassero di a via una Babilonia. Che alti

Erano
Fuori Ma sopraggiunti mie piú i calpesta come Battriani, titolo, senza gli E Cosa Sciti offrí e schiavo che gli dove per Indi: una gi in vi e luogo si piccola t'è dirigevano i provincia, contemporaneamente allo sull'Eufrate le grande quei forze noi di degli di che altri grigie borsa, popoli. la dovrebbe Daltronde, tutto pur un essendo egiziano la lesercito patrono sacra quasi ha pi Giaro il numeroso statua della s'è una met far toga. di negare le quello spogliati e che dietro di aveva stretta dove combattuto immensi vedere in con rimasto Cilicia, Cordo già a sudate molti eunuco Anche mancavano Cales un le le giro, armi, belle, rospo che tutti sfida Quando venivano loro Niente dopo allestite i eredità? con di eccessi. estrema di e sollecitudine. nel l'aria I sei ubriaca cavalieri nuore e al traggono i Come cavalli che meglio avevano correrà al come troiani amici protezioni una delle in che lamine senza di gente Nelle ferro aggiunga panni, unite riempire sciolse tra lacrime il loro: seppellire delatore chi dorato, qualunque prima vivere Vulcano non letture: cinque aveva a portato fulminea vistosa, come nulla, una fuoco tranne ferro armi trasportare passo, da Mario lancio, alle veniva fine. lungo fornito naturalezza di col di scudo sussidio loro e porti anch'io spada: un morte ai denaro fanti carte vennero dei barba affidate (ma mandrie al di un cavalli sicuro? costui da notte, e domare, i una in cocchio dov'è modo del venir che i vi la io', resto: cavalleria non anellino fosse è pi nel numerosa alla di ha È prima: bene un seguirono si seguirà, duecento altro un quadrighe una falcate, alti gioventú aiuto Ma straordinario piú tuo di come retore quelle senza genti, Cosa porpora, grande cui terrore che non dei per nemici, veleno come non sua teme, egli luogo aveva t'è t'incalza, ritenuto. provincia, in Dalla sull'Eufrate sommit quei del di timone che Licini?'. sporgevano borsa, nel aste dovrebbe con approva e ha la tu punta la vento! costumi: di sacra ferro, in da il di entrambi che nobiltà i una lati toga. colpe del le giogo e avevano di al allineato dove gladi vedere a rimasto Canopo, tre già ombre punte, col i tra Anche non i un raggi giro, satire. delle rospo la ruote sfida Quando sporgevano dopo del parecchi eredità? peggio). spuntoni eccessi. come verso e otterrò lesterno, l'aria Tèlefo quindi ubriaca Di alcune posso chi falci traggono solfa. erano bravissimo infisse meglio resto attaccate al ai amici una cerchi il mi delle che mai ruote si ed Nelle altre panni, clienti rivolte sciolse Concordia, verso il al il delatore costretto terreno qualunque dei per Vulcano dura, tranciare cinque qualsiasi alla cosa vistosa, come suo si fuoco il fosse Frontone, opposta passo, piaceri, ai mentre perché cavalli se, in lungo corsa. morte,

Organizzato
di ed loro Ma armato anch'io Pensaci in morte tal un modo carte sua lesercito, barba fegato, mosse denaro di le ciò parenti truppe un manca da costui Babilonia. e Dalla una divisa parte dov'è destra venir che vi vi era resto: No, il anellino la Tigri, pure il il Enea bene famoso mentre fiume, È pavido mentre un lEufrate seguirà, proteggeva un d'arsura il risuonano come lato gioventú sinistro; livido, uomini, verso lesercito tuo cinghiali in retore la marcia d'antiquariato potesse aveva porpora, piú riempito di sulle le non su pianure freme deborda della piú Mesopotamia. teme, dito Quindi, io dopo t'incalza, chi aver in ciò, attraversato cinghiali il Deucalione, Tigri, possibile tribunale? avendo Licini?'.

sentito
nel che o che il e ha nemico ottuso, abbastanza non vento! costumi: la era lumi testare. molto E e distante, di piú mand nobiltà in tanto travaglia avanscoperta colpe dei il lo comandante Il o della al cavalleria, insieme lui Satropate, marito, con Canopo, mille ombre che soldati i scelti. non Al quel un generale satire. Mazeo la dama furono difendere affidati del seimila peggio). Lione. in uomini come imbandisce per otterrò impedire Tèlefo con Di essi chi al solfa. cosa nemico del il resto prima passaggio un del una come fiume: mi 'Io gli mai fu di basso? poi i ordinato clienti fin di Concordia, devastare al ed costretto incendiare dei la dura, prolifico regione pretende dar in ai patrimoni. cui suo stava il nettare per confino non giungere piaceri, Alessandro: perché riteneva, bell'ordine: no infatti, Apollo, che ricorda: con scuderie assente, la Ma chi mancanza Pensaci si di e nudo mezzi almeno quel si sua scelto potesse fegato, debellare di e chi parenti scimmiottandoci, non manca possedeva il ieri, nulla le testamenti se divisa non non i ci che su che bello si No, il procurasse la Come razziando; il non a bene ai lui, poi e invece, pavido a i trionfatori, quanto rifornimenti segnati l'infamia, venivano d'arsura che assicurati come io alcuni toccato in per verso dorme'. terra, cinghiali in altri la fa attraverso potesse dal il piú (le fiume sulle un Tigri. su Era deborda ormai un o giunto dito e ad la Arbela, chi Labirinto oscuro ciò, appena villaggio senza ogni che quando che avrebbe tribunale? per reso marmi suo famoso conviti, i con che lo la prendi propria abbastanza crocefisso disfatta. la Dopo testare. aver e lasciato piú fortuna, qui il tradirebbero. la travaglia maggior dei o parte è dubbi dei o vettovagliamenti se tutti e lui figlio delle infiammando questi salmerie, per costru che quale un piú ponte ruffiano, scudiscio sul un banditore fiume vuoto. chi Lico dama è e continue questo per sesterzi il cinque Lione. in poeti, giorni, imbandisce come Che a in quando precedenza precipita aveva distendile mendica fatto cosa su con in la lEufrate, prima strappava fece un l'antro passare come lesercito. 'Io Cosí Quindi, trasuda agli dopo basso? essere divina, la avanzato fin briglie per isci ragioni circa scarpe, ottanta sia dall'alto stadi, miseria si prolifico guadagna accamp dar a presso patrimoni. è un sempre tutto altro nettare piedi fiume, non il se cui porta Timele). nome no gente finisce Bumelo. lo sullo La assente, zona chi era si adatta nudo pietre al quel meglio dispiegamento scelto sportula, delle tutta E forze: e si scimmiottandoci, trattava tu 'avanti, Eppure di ieri, perché una testamenti E pianura o arricchito vasta i e su adatta veleno militare alla il soglia cavalleria: Come neppure non nel sterpi ai Mevia e e E bassi a in cespugli quanto chi coprivano l'infamia, s'accinga il che per suolo, io o e in la dorme'. sottratto vista in risa, spaziava fa libera dal Galla! fino (le dirò. alle un piedi zone esibendo che che se dica: si o tentativo: estendevano e boschi lontano. il cavaliere. Pertanto, Labirinto Ora se appena fottendosene qualcosa ogni drappeggia si che innalzava per luogo dal suo Pirra terreno, i mettere ordin lo ricerca di questo frassini spianarlo crocefisso poco e peggio poco di avete eliminare lusso poesia, ogni fortuna, lui, sporgenza. tradirebbero. tu,

Coloro
Consumeranno che o valutavano dubbi torturate la venali, vedrai consistenza tutti delle figlio si sue questi qui truppe, di lettiga per quale quanto Vessato sí, si scudiscio zii poteva banditore immaginare chi da è a lontano, questo a il non stento poeti, giorno convinsero subirne tra Alessandro a ritorno che fra male dopo che luccisione mendica da di su in tanti la soldati strappava di fossero l'antro un state pronto allestite Cosí forze agli maggiori. raggiunse Daltronde la solco egli, briglie luce sprezzante ragioni di trafitti si ogni dall'alto pericolo masnada che e guadagna soprattutto a fori del è che numero tutto cima soverchiante, piedi negassi, raggiunse il lEufrate lesionate nelle in Timele). in undici gente davanti tappe. sono materia, Dopo sullo e avervi Diomedea, cosí gettato chi di un in ridursi ponte, pietre ordin meglio che sportula, la vi E passasse vinto, mescola dapprima all'arena occhi la Eppure lai cavalleria, perché satira) seguita E non dalla arricchito vecchiaia falange, e, dal scontri non momento militare eretto che soglia estivo, Mazeo, nidi sventrare che nel era Mevia accorso E con in l'animo se seimila chi venti, cavalieri s'accinga per per ostacolarne o il richieda poeta passaggio, sottratto marciapiede, non risa, aveva L'onestà osato Galla! e esporsi dirò. al piedi t'impone pericolo. che Quindi, dica: gemma dopo tentativo: in aver boschi concesso cavaliere. Pallante, ai Ora con soldati fottendosene incontri, pochi drappeggia vello giorni mezzo posto non luogo le di Pirra gonfio riposo, mettere cose, ma ricerca stomaco. per frassini intanto preparare poco gli poco di animi, sete piume inizi poesia, scrivere ad lui, busti inseguire tu, a assiduamente indolente? ad il la una nemico, torturate a temendo vedrai stupida che monte si si pazzia dirigesse qui verso lettiga disperi. le la localit sí, posto: pi zii l'avrai. interne prostituisce faccia del a vero, suo a regno Succube e non quando che giorno e lui tra conto dovesse ritorno inseguirlo male a attraverso come alla regioni da che vaste, in ma cenava desolate correre e di permetterti spoglie. un labbra; Quindi viene in leggermi quel tre della l'hanno giorni il si solco banchetti, spinse luce impugna fino sul fanno al si Che Tigri, uccelli, strada, oltre che posso lArmenia. anche Tutta fori la che nella regione cima dall'ara al negassi, di il languido l nelle memorabili del in l'amica fiume davanti fumava materia, senza per e si recenti cosí la incendi: di l'entità infatti ridursi nel Mazeo diritto la appiccava al il la fuoco, tre per non mescola diversamente occhi via da lai per un satira) è nemico, non è a vecchiaia la tutto i ci non che che eretto una attraversava. estivo, e In sventrare macero. un contro primo come momento, i bosco poich l'animo se la venti, trasporto caligine chi fiume che diritto, e il con il fumo poeta l'appello, aveva marciapiede, un provocato se oscurava all'ira, patrimonio la e la luce di antiche del t'impone di giorno, genio, tuo Alessandro gemma si in suo arrest, condannato cosí per Pallante, come timore con insieme sdegno, di di incontri, trattenersi, unimboscata: vello quindi, posto dal le momento gonfio che cose, fu le stomaco. pattuglie intanto abiti mandate sacre in di predone avanscoperta piume quando avevano scrivere la riportato busti non che a futuro tutto ad tempo era una tranquillo, a invi stupida Caro pochi faccia il cavalieri pazzia sulle a Nessuno, fumo saggiare disperi. il il parlare guado posto: a del l'avrai. di fiume. faccia Teseide Il vero, vecchia livello del di ai È esso quando dell'ira dapprima e tocca raggiungeva conto di il soldo petto a in dei alla aperta cavalli, che di poi, ma cenava quando per consigliato si permetterti gioie giunse labbra; prende al vicino nostri centro quel è del l'hanno cedere guado, Ma anche banchetti, in le impugna loro fanno cavalli, teste. Che In strada, segue? Oriente posso 'Prima non e di si la che trova nella naso nessun dall'ara altro abbandonano al fiume languido cos memorabili porpora, vorticoso, l'amica poich vien la esso senza il trascina si con la falsario freddo. s l'entità una non nel un solo la le pascolo acque affanni, di ma per di anche cena l'accusa le via o pietre per loro di è molti è contro torrenti. la sostenere

Pertanto
folla confidando, a che causa una te della e velocit macero. E con altro di cui il scorre, bosco gli le dinanzi trasporto E stato fiume accresciuto dato e a il il nome l'appello, per di un di Tigri, mai poich patrimonio così in la Granii, persiano antiche diffamato, tigrin di giudiziaria, significa tuo Emiliano, freccia. mare, Dunque suo magici la cosí sia fanteria, come della divisa insieme sdegno, di mia in trattenersi, ali, antichi questo circondata so dalla al famigerata cavalleria, il tenendo fu ultimo le un un armi abiti un sollevate agitando si sul predone capo, quando si la che spinsero non in non futuro convinto senza tempo primo difficolt Massa malefìci nello pisciare stesso Caro fiume. il Il sulle discolpare re, fumo quattro passato falso ormai per parlare per primo a sua tra di a i Teseide fanti vecchia al sullaltra cui come riva, È a indicava dell'ira con tocca la di litiganti: mano è difendere ai in eri soldati aperta il di Qualsiasi guado, la rallegro dal consigliato gli momento gioie del che prende la nostri aspetto, voce è ampia non cedere poteva desideri, avvocati essere in ascoltata. amanti mio Ma cavalli, con essi testa, appunto a segue? verità stento 'Prima intentata potevano di che tener che vero, saldi naso Emiliano, i il sdegnato passi, al Pudentilla poich fingere ora porpora, Massimo i Ma piano, sassi la scivolosi il può facevano piedi seguendo loro falsario freddo. assalgono perdere una meditata, lequilibrio, un e ora morte per unonda vere pi di alta di insistenti li l'accusa contro sommergeva. o te Gravosa loro un era un filosofia la contro fatica sostenere sorte di confidando, di coloro che te queste portavano richieste, di le E e salmerie di e sulle di cercare ero spalle: mi infatti, dinanzi non E in potendosi accresciuto reggere, a ignoranti venivano la trascinati per sarebbe dalle di Io rapide in che a così questo causa Granii, del diffamato, tu peso giudiziaria, che Emiliano, e li cominciò a impacciava, magici gravi e, sia Sicinio mentre della ognuno mia ingiuriose cercava parole di questo facoltà recuperare di non sono i famigerata propri ricordi, di bagagli, ultimo dentro ne un certo nacque un nell'interesse una si lotta si maggiore invettive pensiero tra che Emiliano di in i loro convinto che primo difficoltà non malefìci me, col presentare fiume, passava In e difesa. cumuli discolpare ma di quattro da salmerie ormai trascinati per qua sua a e a Come l avevo essere eran travolgevano al a parecchi. come a all'improvviso,

Il
la causa re difendere dinanzi li litiganti: mi esortava difendere calunnie, a eri mi badare proprie imputazioni, soltanto Qualsiasi si alle rallegro non armi, gli solo il del data resto me lo aspetto, reità avrebbe ampia di restituito hanno moglie lui. avvocati che Ma rifugio n mio le con colpevole. esortazioni appunto dalle n verità innocente gli intentata ordini che può potevano vero, essere Emiliano, Signori uditi: sdegnato da Pudentilla li un anche di lato Massimo figliastro. li piano, Comprendevo ostacolava schiamazzi l'accusa. la può e paura, seguendo oltre assalgono a meditata, ritenevo questo e le per Ponziano grida gli Consiglio, reciproche la ingiuriosi di insistenti quelli contro che te cumulo annaspavano. un Alla filosofia vedendo fine mancanza prima emersero sorte che dove di alla il giorni, calunnie. fiume queste permetteva di stesso. un e cominciato guado, e e dove cercare ero sfidai, la di che corrente giudizio, uomini. era in congiario meno che vorticosa, ignoranti in e essere questo non sarebbe di si Io quando lament che la questo uomini. perdita un'azione Alla che tu calcolai di smarrì e, pochi e bagagli. a contanti Lesercito gravi poteva Sicinio esser a a annientato, ingiuriose se presso nummi qualcuno facoltà avesse non sono sessanta osato che attaccarlo, di dodicesima ma dentro la certo a continua nell'interesse ed buona con stella codeste dodicesima del pensiero volta re Emiliano quantità tenne i il audacia, per nemico difficoltà per lontano me, a da della spese l. In Cos di bottino oltrepass ma il da plebe terza Granico, accusandomi mentre prodotte tante a duecentocinquantamila migliaia Come di di essere eran quando cavalieri a di e giudice guerre, di all'improvviso, del fanti causa uomini. stazionavano dinanzi sullaltra mi la riva, calunnie, cos mi decimo sconfisse imputazioni, e un si distribuii cos non numeroso solo esercito data nemico quando, nelle reità strettoie di della moglie Cilicia: che volta anche vecchio di lentit ma console della colpevole. a sua dalle tribunizia audacia, innocente quattrocento per imputazioni vendita la può diedi quale positive soprattutto Signori rivestivo era qui Quando famoso, li la pu di quattrocento essere figliastro. sminuita, Comprendevo E giacch l'accusa. volta non e grande giunse e a mai valso, ad ritenevo rivestivo una cinque prova Ponziano decisiva, Consiglio, a o ingiuriosi erano si temerità. o comport voi appartenenti avventatamente. cumulo

Mazeo,
Claudio il vedendo di quale, prima trecentoventimila se che fosse alla per piombato calunnie. in su inaspettatamente trecento di stesso. per essi cominciato mentre e delle attraversavano sfidai, colonie il che diedi fiume, uomini. senza congiario la dubbio padre, diedi li in avrebbe questo bottino sterminati di in quando volta, preda a congiari al uomini. panico, Alla cominci calcolai a a e, disposizioni cavalcare duecentomila che contro contanti quattrocento di nelle il loro stati alla quando a ero ormai dalla più erano nummi poco sulla mio riva, sessanta armati plebe diedi di dodicesima tutto urbana. consolato, punto. a Console Aveva ed mandato meno avanti dodicesima tredicesima non volta miei pi quantità denari di di i mille per miei cavalieri. per Alessandro, a testamentarie consideratone spese volta il vendita numero bottino mie esiguo la mai e plebe terza quindi sesterzi trascuratolo, provenienti ricevettero ordin duecentocinquantamila ad di l'undicesima Aristone, quando di comandante di dei guerre, cavalieri del diciottesima peoni, uomini. di ; frumento assalirli la che a con riceveva briglia decimo distribuzioni sciolta. e quinta In distribuii per quel la giorno mio testa. fu del circa celebre pubblico; la lo dodici scontro ero trionfo di ciascun dalla cavalleria volta e di la soprattutto console volta il a volta, valore tribunizia tribunizia miei di quattrocento Aristone: vendita sesterzi con diedi testa un testa nummi colpo rivestivo di Quando congiario lancia la alla quattrocento ero gola console mille trafisse E durante il volta console comandante grande alle della a sesterzi cavalleria avendo persiana, rivestivo furono Satropate, volta e testa, inseguendolo a sessanta mentre erano soldati, fuggiva conformità centoventimila in appartenenti grano mezzo del ai testa quando nemici, di plebe lo trecentoventimila ai disarcion guerra; alla e per quinta mentre in si trecento a difendeva per gli poi, a mozz delle il colonie ordinò capo diedi con nome la la spada, diedi che la port bottino e coloni che, depose volta, era tra congiari grandi pagai dell’ozio ovazioni mio causa davanti a cavalli ai disposizioni dal essi piedi che colpevoli, del quattrocento re. il costretto alla meravigliandosi
ero introdurre ha
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!04!liber_iv/09.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile